• Save
Social CRM per le Banche
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Social CRM per le Banche

on

  • 3,250 views

Quali sono le best pracice per il social crm per le banche? Quali sono i principali case study internazionali che possono essere considerati? Funziona meglio Facebook o Twitter? Come impostare un ...

Quali sono le best pracice per il social crm per le banche? Quali sono i principali case study internazionali che possono essere considerati? Funziona meglio Facebook o Twitter? Come impostare un processo di Social CRM.. Ecco alcuni dei temi trattati in questa presentazione.

Statistics

Views

Total Views
3,250
Views on SlideShare
2,964
Embed Views
286

Actions

Likes
14
Downloads
0
Comments
3

6 Embeds 286

http://www.digitalmarketinglab.it 260
http://cloud.feedly.com 8
http://tweetedtimes.com 8
http://feeds.feedburner.com 5
http://www.linkedin.com 3
http://www.dml.it 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NoDerivs LicenseCC Attribution-NoDerivs License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Social CRM per le Banche Social CRM per le Banche Presentation Transcript

  • Leonardo Bellini leonardo@dml.it http://www.dml.it http://www.digitalmarketinglab.it Twitter: @dmlab SOCIAL CRM PER LE BANCHE
  • Focus sul contesto e scenario SOCIAL MEDIA IN ITALIA
  • Utenti mensili in Italia: 37milioni, 17 milioni navigano mediamente al giorno/ +3,8%) Più uomini che donne, anche se le donne crescono di più.
  • UTILIZZO  DI  INTERNET  IN  ITALIA  
  • AUMENTO  %  CONSUMO  QUOTIDIANO  DI   INTERNET  
  • UTILIZZO  DEI  SOCIAL  MEDIA  
  • UTILIZZO  DA  MOBILE  
  • GLI ITALIANI SONO IN TESTA ALLA CLASSIFICA CON PIU’ DI 6 ORE AL MESE SUI SOCIAL NETWORK
  • DIFFUSIONE  PRINCIPALI  SOCIAL  NETWORK   IN  ITALIA   GOOGLE+ SORPASSA TWITTER
  • Italiani  e  i  Social  Media   •  Gli italiani si stanno mostrando molto aperti ai Social Media: •  + di 23 milioni sono su Facebook •  + di 15 milioni accedono ai Social network in mobilità Cambio radicale delle abitudini di consumo e dei modelli di comunicazione
  • Italiani  e  i  Social  Media   Più della metà sono over 35 53% sono uomini
  • COMMUNITY  ONLINE   •  Si aggregano persone e si sviluppano conversazioni attorno agli argomenti di interesse •  Un numero crescente di persone tende ad assumere le proprie decisioni di acquisto fidandosi dei consigli e delle opinioni lette sul Web, sui Social media in particolare Social Proof, commenti e passa-parola positivo incrementano la fiducia verso una marca o una categoria
  • SOCIAL  MEDIA  FOR  BUSINESS   • META’ DELLE AZIENDE ITALIANE HA ALMENO 1 PRESENZA UFFICIALE SU 1 SOCIAL NETWORK (IN PRIMIS SU FACEBOOK)
  • TOP  10    FAN  BRAND  COMMUNITIES  SU   FACEBOOK  –  FINANCE    
  • FLO, THE PROGRESSIVE GIRL Compagnia assicurativa
  • FLO THE PROGRESSIVE GIRL SU FACEBOOK
  • BRADESCO BANK SU FACEBOOK BRASILE
  • CAPITAL ONE SU FACEBOOK - USA
  • TAB CUSTOMER REVIEWS SU FACEBOOK
  • ICICI BANK - INDIA
  • TOP  10    FAN  BRAND  COMMUNITIES  SU   FACEBOOK  –  FINANCE-­‐ITALY    
  • TOP  10    FOLLOWED  BRAND  PROFILE  SU   TWITTER  –  FINANCE  -­‐  ITALY    
  • COME  SI  COSTRUISCE  LA  FIDUCIA?  
  • L’ENGAGEMENT:  UNA  DELLE  COMPONENTI   PER  COSTRUIRE  FIDUCIA   • LA DIMENSIONE ENGAGEMENT: •  Ascolta i feedback dei clienti e risponde •  Tratta bene i propri dipendenti •  Antepone i propri clienti ai profitti •  Comunica frequentemente e costantemente sullo stato del proprio business Edelman Trust Barometer, 2013
  • BANCHE  E  FINANZA  SONO  IL  SETTORE   MENO  DEGNO  DI  FIDUCIA..   Edelman Trust Barometer, 2013
  • COME  ARGINARE  QUESTA  CRISI  DI   CREDIBILITA’?   Il settore finanziario, che sta attraversando una crisi di legittimità non può permettersi di ignorare o sottovalutare il fenomeno
  • USCIRE  FUORI  DALLA  PROPRIA  COMFORT   ZONE…   •  Ricorrere e usare i canali Social per le Banche significa: •  Conoscere meglio le preferenze dei nostri clienti •  Anticipare le esigenze e i bisogni •  Aumentare la fidelizzazione, grazie all’engagement, nel lungo periodo •  Generare nuove opportunità di business (cross e up-selling) •  Monitorare e gestire la reputazione del brand online, fondamentali per mantenere credibilità
  • I  SOCIAL  MEDIA  POSSONO  ESSERE  UN   ‘ARMA  A  DOPPIO  TAGLIO   • Se il rapporto con i clienti, i Fan, non è chiaro, onesto, trasparente, un brand può incorrere in: • - Commenti e feedback negativi - Attacchi reputazionali - Passa-parola negativi
  • IL  SOCIAL  BANKING  NON  E’  SCONTATO..   •  RISPETTO AD ALTRI SETTORI, COME IL LARGO CONSUMO, IL SETTORE BANCARIO, ALTAMENTE REGOLAMENTATO, NON SI ADATTA NATIVAMENTE ALLO SPIRITO LIBERO DEI SOCIAL MEDIA •  GLI ASPETTI COME LA COMPLIANCE E LA PRIVACY DEVONO ESSERE TRATTATI E GESTITI CON ATTENZIONE
  • SURVEY  ONLINE    -­‐  RICERCA  SOCIAL    MINDS  
  • I  MAGGIORI  OSTACOLI  PER  L’ADOZIONE  DEI   SOCIAL  MEDIA   Quali sono gli ostacoli principali che inibiscono l’adozione di canali social da parte delle banche italiane? Sondaggio Social Minds: 120 rispondenti, addetti ai lavori
  • GLI  STRUMENTI  DI  COMUNICAZIONE   MAGGIORMENTE  USATI   Ricerca Social Minds, luglio 2013 analisi campione di 50 banche
  • RICERCA  SOCIALMEDIABILITY  –  MARZO  2012  
  • USO  DEI  DEI  SOCIAL  MEDIA  DA  PARTE  DELLE   BANCHE   Secondo i dati della ricerca IULM sulla SocialmediaAbility 2012 su 120 banche analizzate, il 61% usa almeno un Social network
  • ESPERIENZE  DI  CO-­‐CREAZIONE  CON  IL   CROWDSOURCING   Come avvicinare allora i clienti di una Banca, come coinvolgere e creare engagement?
  • LE  DOMANDE  CHIAVE  PER  LE  BANCHE  E  I   SOCIAL  MEDIA   •  Su quali canali Social andare e con quali obiettivi e strategia? •  Come coinvolgere i clienti? Come sviluppare contenuti ingaggianti? •  Quante risorse mettere in campo? Quali competenze sono richieste? •  Quali sono i modelli organizzativi più efficaci per gestire una presenza social continuativa? •  Come trasformare le conversazioni in conversioni, in opportunità di business?
  • SOCIAL CUSTOMER SERVICE NEL MONDO ESTRATTI DA UNA RICERCA INTERNAZIONALE
  • SURVEY BASATA SU 578 INTERVISTE, A LIVELLO GLOBALE FONTE: SOCIAL MEDIA TODAY
  • TREND  GLOBALI   •  •  •  è aumentata la % (34%) delle aziende che sta usando i Social per il Customer Service da più di 2 anni il 18% delle aziende intervistate dice che gestisce via social media più del 25% delle domande (nel 2011 questa % era il 9%) è diminuita la % delle aziende (41% rispetto a 56% dell’anno precedente) che nel 2012 gestisce solo il 5% delle richieste via social media
  • TREND  GLOBALI   •  •  il 45 % delle aziende intervistate ha integrato il Social care all’interno del processo tradizionale di Customer Service (rispetto a 36% del 2011) È aumentato il numero delle aziende che sta fornendo assistenza clienti via Mobile (38% rispetto a 28% del 2011)
  • TREND  PER  SINGOLO  CANALE  SOCIAL   •  è diminuita (da 45% del 2011 a 43% del 2012) la % delle aziende che citano Facebook come il canale principale per generare social engagement con i propri clienti •  Twitter ha visto una caduta superiore (da 41% del 2011 a 28% del 2012); nel momento in cui i clienti stanno ponendo domande più articolate, diventa più difficile fornire risposte appropriate in 140 caratteri
  • TREND  PER  SINGOLO  CANALE  SOCIAL   •  Le mobile Apps sviluppate per Apple e Android rimangono prioritarie per le aziende in termine di interesse e di pianificazione: 79% per Apple, stabile rispetto al 2011, mentre Android è cresciuto dal 51% al 65% •  Analogamente l’interesse per sviluppare un’ Applicazione iPad è cresciuto dal 42% del 2011 al 58% nel 2012
  • LE  SFIDE  PRINCIPALI   •  •  •  •  •  •  •  Tra le sfide e gli ostacoli per l’adozione di soluzioni di Social customer care, rimangono: L’allocazione di risorse (48% nel 2012 rispetto al 45% del 2011) la capacità di comprendere le aspettative dei clienti 2 problematiche nel 2012 sono diminuite rispetto al 2011: la difficoltà di determinare opportuni KPI è scesa al 13% rispetto al 23% del 2011 la difficoltà di misurare il ROI è scesa al 28% rispetto al 35% del 2011 In generale ciò ha prodotto un impatto complessivo sul business leggermente migliore rispetto al 2011 (29% rispetto al 26% del 2011)
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐  1   L’età e l’esperienza maturata è importante: il 66% del segmento “molto soddisfatti” è attivo da più di 2 anni
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐  2   le dimensioni dell’azienda contano: il 63% del segmento “molto soddisfatti” sono aziende che ha dimensioni ridotte (meno di 50 dipendenti). Nel campione questo tipo di aziende rappresenta il 50% del campione. Piccolo è bello…
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐  3   Tra le aziende più soddisfatte (2,7 volte di più della media) sono anche quelle più ingaggiate e che superano il 25% delle domande attraverso i canali Social o quelle agli inizi (0-5%)
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐4   La popolazione complessiva della survey usa più Facebook che Twitter per l’engagement (42,6% rispetto al 27,6%)
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐  5   Per il segmento “molto soddisfatto ” Twitter è invece il canale più efficace di Facebook (39% rispetto al 34%)
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐6   il segmento ”molto soddisfatto ” utilizza anche specifiche community di settore (27% rispetto al 15% della media) e online brand community (42% rispetto al 25% della media)
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐  7   l’80% delle aziende appartenenti al segmento “molto soddisfatto ” ha integrato i Social nel processo di Customer Service rispetto al 45% del campione in generale.
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐  8   circa la metà delle aziende (48%) del segmento “molto soddisfatto ” risponde entro 1 H alle domande dei clienti rispetto a 36% della media.
  • LEZIONI  APPRESE  -­‐  9   il 66% del segmento “molto soddisfatto” dice che visualizza e confronta i profili social e una base di conoscenza per rispondere al meglio ai propri clienti
  • Social Banking Best Practices CASI INTERNAZIONALI
  • SOCIAL  MEDIA  FOR  BANKING  –  PERCHE’   SONO  IMPORTANTI   • Fantastica opportunità per: •  ascoltare cosa stanno dicendo i nostri clienti •  Indirizzare strategie di marca e di prodotto •  Ottenere un feedback in tempo reale dai propri clienti •  Offrire un canale alternativo, efficace ed efficiente, di Customer Service
  • NON  SOLO  UNO  STRUMENTO  DI   MARKETING…   •  Se i Social Media sono classificati solo come strumento di Mktg all’Interno dell’organizzazione, significa 2 cose: 1.  La banca non ha compreso la natura di dialogo, a 2 vie, peculiare dei social media 2.  Probabilmente nel suo Dipartimento di Marketing ci sono troppe persone della vecchia Scuola.. [da Bank 3.0, Brett King]
  • 2  ERRORI  DA  EVITARE   • Molte banche hanno commesso questi 2 errori: 1.  Hanno cercato di replicare nei social media il tradizionale approccio push e broadcast per le campagne di comunicazione 2.  Hanno chiuso l’accesso ai Social network ai propri dipendenti (lasciandolo aperto al più al team di marketing Immergiti nei Social Media: è il miglior modo per capirne le logiche di funzionamento
  • PAURA  DI  PERDITA  DI  PRODUTTIVITA’   •  LE BANCHE TEMONO CHE CON L’ACCESSO LIBERO AI SOCIAL MEDIA I DIPENDENTI PASSINO IL TEMPO A GIOCARE A FARMVILLE O A PARLARE COI PROPRI AMIC SUI FACEBOOK..
  • ACCESSO  VIA  MOBILE:  PERDITA  TOTALE  DI   CONTROLLO  PER  L’AZIENDA   •  Circa 1/3 degli accessi ai siti di Social Network avviene via Mobile •  Vietare l’uso in azienda significa incoraggiare i dipendenti ad accedere ai social network via Mobile Web o Mobile App
  • IL  PARADIGMA  SOCIAL   •  •  •  •  •  •  SI FONDA SUI SEGUENTI VALORI: AUTENTICITA’ TRASPARENZA PARTECIPAZIONE TEMPESTIVITA’ LIBERO SCAMBIO DI IDEE E OPINIONI
  • Social  Network  e  Banche:  non  solo   markeng  e  comunicazione…   § Le banche sono presenti sui Social network, non solo per fare marketing e comunicazione ma anche per usarlo: •  come nuovo canale di vendita •  per fare innovazione •  p e r o f f r i r e u n s e r v i z i o d i customer service •  per analizzare la reputazione e il seniment Banche sui Social Network – alcuni dati al 2010
  • QUALI  SONO  I  PRINCIPALI  OBIETTIVI  PER  LE   BANCHE?   Ingaggio e l’awareness sono ancora i 2 obiettivi prioritari…
  • QUALI  OBIETTIVI  E  STRATEGIE  PER  LE   BANCHE?   UTILIZZO DEI SOCIAL NETWORK CON DIVERSE FINALITA: COMUNICAZIONE à BRAND AWARENESS COMMERCIALE à REVENUES SUPPORTO AL CLIENTE à CUSTOMER SATISFACTION ANALISI DEL SENTIMENTà CUSTOMER INSIGHTS RACCOLTA IDEE (CROWDSOURCING) à INNOVATION
  • OBIETTIVI  PER  IL  SOCIAL  BANKING  
  • Come cambia il cliente nell’era dei social media DAL CRM AL SOCIAL CRM
  • SOCIAL  CRM:  UNA  DEFINIZIONE   Social CRM è una filosofia e strategia di business […] pensata per ingaggiare il cliente in una conversazione collaborativa al fine di generare vantaggio reciproco in un ambiente basato su fiducia e trasparenza
  • IL  SOCIAL  CRM,  IN  1  TWEET    “É la risposta dell’azienda alla presa di possesso della conversazione da parte del cliente.”
  • IL  CRM,  COM’ERA…  
  • E  COME  STA  DIVENTANDO  
  • IL CLIENTE AL CENTRO, MA SUL SERIO.. • La novità + importante è che il cliente è una componente chiave del SCRM • Il cliente siede in azienda accanto a voi e ha voce in capitolo • Il SCRM invita le aziende a collaborare con i clienti per creare advocacy, migliorando la loro customer experience
  • DAL  CRM  AL  SOCIAL  CRM    Come cambiano i: RUOLI FUNZIONI  APPROCCI  CANALI  VALORE  MODELLO
  • SOCIAL CRM: NON SOLO SOCIAL MEDIA.. •  Il consumatore di oggi è un cliente social che sta richiedendo engagement da parte delle aziende molto più frequentemente che un tempo •  Più del 78% di loro sta usando i Social network (Forrester, 2009) L’azienda si deve dotare di nuovi modelli organizzativi, tool e processi per rispondere a questa domanda di partecipazione attiva
  • QUANDO IL CRM DIVENTA SOCIAL? “..Quando il Business risponde al possesso della conversazione del Social Customer che sta uscendo fuori dal suo controllo” Paul Greenberg
  • IL MODELLO ARM DI CHESS MEDIA IL PROCESSO DI SOCIAL CRM
  • EXPERIENCE  CONTINUUM  MODEL  
  • SOCIAL  CRM   •  È  basato  su  una  semplice  premessa:   “Sei  in  grado  di  interagire  con  i  tuoi  clien6,  sulla  base  dei   loro  bisogni,  non  delle  tue  regole..”  
  • ESTENSIONE,  NON  SOSTITUZIONE   •  Il  Social  Crm  è  una  estensione  del  Crm  tradizionale.   •  Tra  i  suoi  benefici  vi  è  che  ritorna  un  valore  agli  uten6   che  l’adoDano  e  ai  tuoi  clien6   •  Fa  parte  di  una  più  ampia  strategia  di  social  business   che  indirizza  come    come  le  aziende  devono  adaDarsi   al  Social  Customer  e  alle  sue  aspeDa6ve  
  • FOCUS  ON…   Customer relations Engagement Strategy Social CRM Supera il concetto di gestione della relazione con il cliente, la dimensione puramente transazionale e commerciale..
  • IL  PROCESSO  ARM  
  • ACTION-­‐  REACTION  -­‐  MANAGEMENT   •  PermeDe  di  ges6re  tuH  gli   input  e  interazioni  (nei   differen6  pun6  di  contaDo)  con   il  cliente   •  Lascia  libera  l’azienda  di   decidere  se  e  come   automa6zzare  o  lasciare  alla   valutazione  umana  alcune   segmen6  o  fasi  del  processi    
  • IL  MODELLO  ARM   •  PermeDe  di  separare  e  isolare  le   componen6  base  del  processo,   senza  perdere  il  quadro  d’insieme   •  PermeDe  all’azienda  di  catalogare,   memorizzare  e  apprendere   dall’esperienza  con  il  cliente     •  PermeDe  di  introdurre   successivamente  una  componente  di   Business  Intelligence  
  • 1.  COSA  E’  STATO  DETTO  O  FATTO   •  Traccia  tuH  coloro  (clien6,   partner,  Influencer)  che   hanno  avviato  una   conversazione,  o  faDo  una   domanda  al  tuo  customer   care   •  Cataloga  le  loro  domande  e   tracci  le  risposte  fornite  
  • 1.  CHI  STA  PARLANDO  DEL  TUO  BRAND?   • Chi  sta  parlando  di  te,  del  tuo  brand  o  dei  tuoi   servizi?   •  •  •  •  •  •  •  Un  Prospect   Un  cliente   Un  influencer   Un  Partner   Un  Advocate   Un  Dipendente   Un  concorrente  
  • ASCOLTARE  PRIMA  DI  CONVERSARE  
  • SOCIAL  MEDIA  LISTENING,  MANAGEMENT,   ANALYTICS  
  • RADIAN  6  DASHBOARD   Chi, come dove, quando e perché stanno parlando di noi?
  •  ANNOTA  LE  PAROLE  CHIAVE   •  Annota  le  parole    chiave  e  le  azioni    che  impaDano  il  business   come:  Rinnovo,  cancellazione,  acquisto,  lamentela..   Traccia non solo le parole ma anche le azioni: -  Acquisti -  Rinnovi -  cancellazioni
  • 2.  DOVE  E’  STATO  DETTO…   •  Traccia  dove  è  avvenuta  la   conversazione,  su  quale   canale  (tel.,  email,  TwiDer,   Facebook,  blog..)   •  Il  canale  influenza  il  tono  di   voce  e  lo  s6le  della  tua   risposta   (Facebook  vs  LinkedIn)  
  • L’IMPORTANZA  DEL  CONTESTO   •  Il  canale,  il  luogo  dove    avviene  la   conversazione,  impaDa  e  influenza     il  modo  in  cui  il  Business  risponde   al  tuo  messaggio   •  Una  risposta  su  Facebook   potrebbe  avere  un  esito  differente   che  su  LinkedIn  
  • 3.  CATALOGA  L’INTENZIONE   •  •  •  •  Qual  è  l’intenzione,  lo  scopo  della  chiamata?   Che  cosa  il  cliente  vorrebbe  che  fosse  faDo?    Quale  risposta  si  aDende?   È  la  parte  più  complessa  che  richiede  competenze,  e   training   È la fase più difficile e complessa da codificare, richiede l’intervento umano
  • COSA  IL  CLIENTE  VUOLE  CHE  SIA  FATTO   •  Parte della valutazione dell’intento determinerà la “sociability” dell’azione •  L’intento ha bisogno di pesare in maniera chiara cosa il cliente vuole che sia fatto dall’azienda basato sull’azione da lui intrapresa
  • 3.  CATALOGA  L’INTENZIONE   •  Richiede  sensibilità  per   valutare  la   componente  umana,   non  deDa,  del   messaggio   •  Anche  Il  canale   esprime  un  certo  6po   di  “intento”  
  • 4.CHE  COSA  CONOSCO  DEL  CLIENTE…   •  Integro  i  da6  del  cliente    (CRM  classico)  con  i  suoi   social  data:   •  Interazioni  con  Social  Page  (Facebook,  LinkedIn,  TwiDer)   •  Conversazioni,  raccomandazioni   •  Domande  (es.  Invio  email,  tweet,  post)   Capacità di integrare dati Social, eterogenei e non strutturati, provenienti da fonti e canali differenti
  • I  SOCIAL  BIG  DATA   1.  Saranno  sempre  più  parte  integrante  del  Customer   Profile   2.  Non  tuH  i  da6  appartengono  all’organizzazione…   3.  Si  richiede  all’azienda  di  estrarre  e  memorizzare  dai   Social  Network  da6  e  informazioni  eterogenee  e   associarli  ai  singoli  clien6  
  • TIPOLOGIE  DI  DATI  DA  INTEGRARE  
  • 5.  LE  REGOLE  DEL  BUSINESS   •  Sono  un’estensione  delle   regole  applicate  al  CRM   tradizionale   •  Sono  regole  dinamiche,   che  si  devono  adaDare  ai   cambi  di  comportamento   del  cliente   Adeguare le business rule ai comportamenti e bisogni del cliente fa parte della business intelligence
  • 6.  L’AZIONE   • Ogni  evento  richiederà  una   decisione  da  prendere  e   un’azione  da  eseguire   • Un  Business  può  e  deve   crearsi  delle  regole  per   decidere  aHvamente  cosa   fare  o  cosa  non  fare  
  • 6.  L’AZIONE   •  Ogni  input  immesso  nel   sistema  avrà:     •  Almeno  un’azione   interna  (anche  solo  lo   storage  del  dato)   •  Non  necessariamente   richiede  un’azione   esterna  (es.  risposta  ad   un  cliente)  
  • VALUTARE  LE  INTERAZIONI  SOCIALI   •  In che modo l’azienda può rispondere e reagire a una conversazione o un evento avviato dal cliente? •  I meccanismi di reazione e risposta agli input del cliente devono essere dinamici e adattarsi ai bisogni del cliente •  Un punto chiave è saper valutare il livello di socialità dell’azione del cliente Quanto è “sociable” dell’evento o discussione avviata dal cliente?
  • QUANTO  E’  “SOCIABLE”  L’AZIONE  DEL     CLIENTE?   DIPENDE DAL TIPO DI AZIONE E DAL PROFILO SOCIAL DEL CLIENTE Monologo, transazionale Richiesta / call to action Passivo / lamentoso Dialogo /una parte Information Seeker / Social Pressure 8 TIPOLOGIE DI AZIONI Attivo / Ingaggiato Spinto dalla Community Intento Specifico / Cross Channel
  • 1.  MONOLOGO  /TRANSAZIONE   •  Ho  deDo  quel  che  ho  deDo.   Punto.   •  Non  sono  in  aDesa  di  una   risposta.   •  Ho  appena  faDo  il  self   check-­‐in  all’aeroporto  o   scaricato  un  White  Paper   •  Azione  individuale,  non   sociale  
  • 2.  RICHIESTA  SPECIFICA     •  Ho detto quel che ho detto e attendo una risposta specifica. •  Potrebbe essere: •  •  un acquisto una richiesta di aiuto •  E’ una richiesta one-toone, non coinvolge altre persone. •  Non è social…
  • 3.  CLIENTE  PASSIVO  /LAMENTOSO   •  Sto  facendo  e  parlando  in   pubblico   •  Non  sono  sicuro  di  volere   una  risposta.   •  Mi  aspeDo  un  assenso  o   un  riconoscimento   •  Mi  sto  lamentando  su   TwiDer  di  servizio   scadente  di  una  BANCA  
  • 4.  DIALOGO  UNILATERALE   •  È  il  6po  di  dialogo  sbilanciato   •  Il  cliente  chiede  e  si  aspeDa   una  risposta   •  L’azienda  dice:   •  Mi  dispiace   •  Non  c’è  niente  che  possiamo   fare   •  Richiede  il  coinvolgimento  di   altri  dipar6men6  per  risolvere   la  problema6ca  
  • 5.  CACCIATORE  DI  INFO  /PRESSIONE   SOCIALE     •  Sto  aHvamente  cercando   un’info   •  Non  sarò  contento  finché   non  la  trovo..   •  Prima  scrivo  un’email   all’azienda  poi  vado  sui   Blog,  TwiDer,  etc.   •  Azione  sociale,  potrebbe   richiedere  un’escala6on  
  • 6.  CLIENTE  ATTIVO,  INGAGGIATO   •  Siamo  coinvol6  in  una   conversazione   •  Altri  possono  partecipare   •  Altri  possono  contribuire  e   spingere  le  cose  in  avan6..   • Azione  Social,  richiede  presa   in  carico,  partecipazione  alla   discussione  
  • 7.  COMMUNITY  DRIVEN   •  Conversazione  a  più  voci,   many  to  many   •  Sto  aiutando  altri,  dando   consigli   •  Posso  desiderare   riconoscimento,   gra6ficazione  sociale,  regali,   supporto  gratuito  da  parte   della  (brand)  community  
  • 8.  INTENTO  SPECIFICO   •  Le  mie  azioni  suggeriscono   piani  o  un  intento  specifico   •  Sto  pianificando  un  viaggio,   un  acquisto,  un  trasloco   •  Sto  chiedendo  consigli  e   aspeDo  commen6  su   differen6  Social  networks   (anche  dalle  aziende)  
  • SOCIAL CUSTOMER SERVICE: PERCHE’ CONVIENE…
  • “It is no longer about how fast a business can respond to a customer BUT HOW WELL.”
  • SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE   •  Il 59% dei consumatori vorrebbe connettersi al brand per ottenere un servizio migliore •  il 78% dei clienti non completa il processo d’acquisto per cause imputabili al servizio clienti [fonte: louisfoong.com ]
  • LE  RAGIONI  PER  CUI  I  CLIENTI   ABBANDONANO  UN’AZIENDA   •  17% vi lascerà dopo solo un singolo errore nel servizio •  40% vi lascerà dopo 2 errori grossolani •  28% vi abbandonerà dopo il 3° errore •  59% dei clienti passerà ad un’altra azienda per ottenere un servizio migliore •  78% delle persone non hanno completato un acquisto a causa del servizio scadente •  73% dei clienti ha speso di più con un’azienda a causa di un buon servizio clienti [fonte: louisfoong.com ]
  • RICERCA  SU  AZIENDE    FORTUNE  500   •  SECONDO UNA RECENTE RICERCA SULLE PRIME 100 AZIENDE DEL FORTUNE 500: 1.  20%: hanno creato un ingaggio con i propri clienti su Facebook 2.  58% : dei clienti che hanno twittato una cattiva esperienza con queste aziende non hanno mai ricevuto una risposta [Monetate.com]  
  • LE  MOTIVAZIONI  PER  UNA  BANCA   •  PER QUALE RAGIONE UNA BANCA ’ DOVREBBE ESTENDERE IL PROPRIO CUSTOMER SERVICE AI SOCIAL MEDIA? 1.  EFFICIENZA: risparmio di costi rispetto ai canali tradizionali 2.  EFFICACIA: maggiore soddisfazione dei clienti, a costi inferiori
  • L’IMPORTANZA  DELLA  CUSTOMER   EXPERIENCE   •  Vantaggi: •  Customer loyalty: il 97% acquisterà nuovamente •  Customer influence: Il 65% è influenzato dal customer service [fonte: MONETATE.COM]
  • L’IMPATTO  DELLA  CUSTOMER  EXPERIENCE   •  Il 58% dei clienti raccomanderebbe un’azienda in grado di erogare una brillante customer experience •  Il 73% incrementerebbe i propri acquisti •  L’89% smetterebbe di fare acquisti con un’azienda dopo una customer experience negativa
  • SERVIZIO  CLIENTI  BANCA  INTESA  
  • @WeBank    TWITTER  SOCIAL  CUSTOMER  CARE    
  • SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE:    CUSTOMER   LOYALTY   1.  ROI: costa 5 volte di più sostituire un cliente insoddisfatto che trattenere un cliente contento
  • SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE  –  GESTIONE   DELLA  REPUTAZIONE   • 2.  WOM:  il  passa-­‐parola  nega6vo  viaggia  più  velocemente   e  va  più  lontano  che  il  passa  parola  posi6vo,  sopraDuDo  nei   social  media  (dove  potrebbe  diventare  virale)  
  • SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE  –  CUSTOMER   SATISFACTION   3. Più clienti si lamentano sui Social network che altrove
  • SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE  –  SOCIAL   CUSTOMER  ATTITUDE   • 4.  I  clien6  sono  più  propensi  a  chiedere  aiuto  via  Social   network  che  chiamare  il  tuo  help  desk  
  • Esperienze, Best practice, italiane e internazionali SOCIAL CUSTOMER CARE PER LE BANCHE
  • SOCIAL  CUSTOMER  CARE  E  LE  BANCHE   •  “La finalità customer care, nell’utilizzo dei social network è dichiarata da una buona parte dei rispondenti (56%) al sondaggio, tuttavia il reale sfruttamento delle potenzialità dello strumento è ancora sotto-utilizzato.” •  La percentuale di richieste gestite attraverso i canali social delle banche non supera il 7% [Sondaggio KPMG , aprile 2013]
  • DALLE  CONVERSAZIONI  ALLE  OPERATIONS  :   LE  TENDENZE  PER  LE  BANCHE   Facebook • Le pagine FB diventeranno sempre più legate alle Operations • FB è più popolare • Inferiore Livello di ingaggio • FB diventa strumento per incentivare i fan a utilizzare FB come strumento after-sale Twitter • Twitter si posizionerà come strumento giornalistico e per PR, eventi istituzionali • TW è meno popolare in Italia • Maggiore livello di ingaggio
  • SOCIAL  BANKING  –  TENDENZE  PER   FACEBOOK  E  TWITTER   •  Le banche tenderanno a strutturare dei team trasversali con risorse del marketing, della comunicazione e del customer care •  Twitter sarà oggetto di sempre maggiori investimenti, proverà a guadagnare terreno rispetto a Facebook e troverà la sua naturale collocazione come strumento prevalentemente giornalistico, legato ad eventi istituzionali [Ricerca KPMG , aprile 2013]
  • AUMENTA  LA  PROBABILITA’  CHE  UN   CLIENTE  SI  LAMENTI…  
  • Social Banking Customer Service: TWITTER E FACEBOOK CASI INTERNAZIONALI
  • VERSO  IL  MOBILE  BANKING   Le banche stanno convergendo verso il mobile banking. Lo smartphone verrà utilizzato per acquisti in mobilità, presso i punti vendita, per trasferire piccole somme di denaro, per trovare filiali e bancomat
  • RBS  CARE:  DAL  CANALE  TWITTER  ALLA   MOBILE  APP   • Nell’aprile 2013 NatWest e RBS lanciano anche un servizio customer care real time tramite •  un’applicazione mobile https://twitter.com/RBS_Help
  • DA  TWITTER  CARE  ALLA  MOBILE  APP   Risolvere una diatriba con la banca è più facile e veloce. Garantisce livelli di sicurezza e privacy
  • SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE  PER  LE  BANCHE:   HA  SENSO?  
  • BANCHE  E  IL  SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE   The financial Brand.com, sett. 2012
  • 5  TOP  PROFILI  TWITTER  PER  CUSTOMER   SERVICE  -­‐  FINANCE  
  • HALO  BCA  –  BANCA  INDONESIANA   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 3 MINUTI
  • FNB  –  SOUTH  AFRICA   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 39 MINUTI
  • HSBC  UK  HELP  –  PROFILO  CUSTOMER  CARE   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 31 MINUTI
  • BOFA_HELP  –  CUSTOMER  SERVICE   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 177 MINUTI
  • 5  TOP  PROFILI  FACEBOOK  PER  CUSTOMER   SERVICE  -­‐  FINANCE  
  • FNB  –  SOUTH  AFRICA   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 60 MINUTI
  • FNB  SOCIAL  BANKING   Engagement: gioca e regala coupon ai tuoi amici Convenience: non devi lasciare Facebook per fare online banking
  • MAYBANK  –  BANCA  MALESE   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 101 MINUTI
  • DNB–  BANCA  NORVEGESE   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 25 MINUTI
  • BRADESCO  –  BANCA  BRASILIANA   TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 23 MINUTI
  • SANTANDER  BRASIL     TEMPI DI RISPOSTA: CIRCA 290 MINUTI
  • FACEBOOK  TAB  DEDICATO  AL  CUSTOMER   SERVICE  
  • HELLO  BANK:  LA  1°    BANCA  TOTALMENTE   DIGITAL  DI  BNP  PARIBAS  
  • HELLO  BANK!  STRATEGIE  DI   COMUNICAZIONE  SOCIAL   •  La banca totalmente digitale (mobile e social) di BNP Paribas mette al centro i servizi di Web chat, Facebook e Twitter BNP ha cominciato a promuovere la banca attraverso canali social: SMS, Mobile, Video, Facebook e Twitter BNP ha investito in video-seeding per lanciare i video iniziali
  • HELLO  BANK!  CANALE  YOUTUBE   + di 120k views per video
  • Hello  Bank!  Profilo  Twijer   https://twitter.com/Hellobank_fr
  • Hello  Bank!  Pagina  Facebook  per  l’Italia  
  • Deutsche  Bank  Twijer  Customer  Service:   @deubaservice   •  DB ha Lanciato nel novembre 2012 il suo servizio Customer service su Twitter •  Successivamente lo ha esteso, solo per la Germania, a Facebook •  E’ possibile fare domande sui prodotti e servizi di DB •  Questi servizi di Social customer service sono accessibili solo ai clienti che hanno account in Germania, ma le domande e commenti fatti in inglese avranno risposta, sempre in inglese
  • @deubaservice: Twitter Customer Service di Deutsche Bank
  • IL  SOCIAL  CUSTOMER  SERVICE  TEAM  
  • Deutsche  Bank  promuove  Twijer  e   Facebook  Social  Customer  Care     Video pubblicato per promuovere i propri canali di Social Customer care
  • BANESCO    BANK  –  BANCA  VENEZUELANA   Ha deciso di entrare su Twitter nel 2010, nel giro di 2 anni E’ diventata una delle banche più seguite al mondo
  • Banesco  raggiunge    300k  follower   nell’agosto  2013   300.000 followers e 120.000 tweets Il team di Banesco invia mediamente 90 tweet al giorno
  • ALCUNE  STATISTICHE  SU  PROFILO  TWITTER   DI  BANESCO  
  • BANESCO  BANK   •  Il team di Banesco Bank riesce a rispondere al Customer care via Twitter e Facebook •  Il Twitter Customer care richiede minori investimenti strutturali, il costo della gestione del singolo reclamo è inferiore •  Il team risponde a domande e richieste relative a servizi e prodotti, offre informazioni riguardo al network di agenzie del Gruppo Banesco Universal, condivide news e info relative al mondo della finanza •  Parla dei nuovi prodotti e della responsabilità sociale
  • CRESCITA  DEI  FOLLOWER  NEGLI  ULTIMI   MESI  
  • @Ask_WellsFargo   Policy & disclaimer
  • OBIETTIVO  SUPPORTO  AL  CLIENTE  :    IL  CASO   BANK  OF  AMERICA   •  Bank of America: è presente sul Twitter con l’obiettivo di fornire un servizio efficiente e tempestivo ai propri clienti •  Attraverso @BofA_Help e @BofA_Careers, BofA offre una comunicazione diretta tra i clienti e propri dipendenti. 163
  • BANK  OF  AMERICA  SUI  SOCIAL  MEDIA  
  • BANK  OF  AMERICA  SU  TWITTER  
  • @BofA_Help   Il team di BofA
  • @CITI   Icone social Note su utilizzo
  • @askCi   SOCIAL ICONS Il team di Citi RECOMMENDATI ONS CUSTOMER SERVICE ACCOUNT OF CITI
  • @BNPPARIBAS_COM   Icone social
  • @UBANK   Enfasi su Help continuativo
  • RISCHI  E  OPPORTUNITA’   • RISCHI: •  Arma a doppio taglio: si permette ai propri clienti di rendere pubblici le loro lamentele e commenti negativi •  Le banche sono soggette a commenti sgradevoli, anche causati dall’ansia del cliente quando deve affrontare temi legati alla propria situazione finanziaria • OPPORTUNITA’: •  Più comodo, utile e veloce per il cliente rispetto ai canali tradizionali •  Richiede meno sforzo da parte del cliente •  L’immediatezza del servizio può aumentare la customer experience e la customer loyalty
  • QUANTO  MI  COSTA..?   •  Alle banche conviene investire in soluzioni di Social Care (via Twitter o Facebook)? •  Molto spesso è solo un 1° contatto, richiede poi una gestione via messaggio diretto, email, telefonata o appuntamento •  È molto difficile usare twitter per risolvere problematiche serie o complesse •  Lo si può utilizzare per dare risposte o informazioni di carattere generico (a meno di non integrarlo con gli altri sistemi di caring)
  • COSA  IMPLICA?   •  DEFINIZIONE DI UN FLUSSO DI CUSTOMER SERVICE MULTI-LIVELLO •  INTEGRAZIONE DEL CANALE SOCIAL CON GLI ALTRI CANALI DI CONTATTO+ •  FORMAZIONE DI PERSONALE PER ACQUISIRE NUOVE COMPETENZE MAGGIORI COSTI
  • D’ALTRA  PARTE..   •  Nell’era del social Customer, non solo la multicanalità è un esigenza irrinunciabile per il cliente, a cui le banche devono adeguarsi, ma non basta più •  Occorre aprirsi anche alle dinamiche e alla trasparenza imposta dai canali Social •  Ciò diventa un’opportunità per migliorare la customer experience e la customer loyalty
  • TWITTER  ENGAGEMENT  METRICS   BENCHMARK
  • Confronto tra il Customer Service Twitter di Bank of America con quello di Wells Fargo nel periodo 19 sett.-19 ott. 2013
  • ENGAGEMENT  RATE:  TWEETS  VS  RETWEETS   VS  REPLIES   Bank of America ha un maggior volume di tweet, reply e retweet
  • Tweets  vs  Retweets  vs  Replies   Più del 90% dei tweet sono Replies a domande al Customer Service
  • VOLUME  DI  TWEET   Bank of America ha un maggior volume di tweet, reply e retweet rispetto a Wells Fargo: le ore di punta sono dalle 12.00 alle 15.00
  • MENZIONI  (@)   Picco di menzioni per BOFA
  • TWEET  ENGAGEMENT  RATE   WellsFargo ha un engagement rate superiore a Bofa
  • TASSO  DI  RISPOSTA  MEDIO   Wells Fargo risponde a circa il 52%, BofA a circa il 75%
  • TEMPO  MEDIO  DI  RISPOSTA   Il tempo di risposta medio di BofA: 2h e 18 min Tempo di risposta di Wells Fargo: 5h,11min
  • TASSO  DI  RISPOSTA  PER  DOMANDE   Il tasso di risposta alle domande di Wells Fargo È di circa 65%, quello di BofA di circa il 84%
  • TEMPO  DI  RISPOSTA  ALLE  DOMANDE   Il tempo di risposta alle domande di Wells Fargo è di circa 8h, quello di BofA è di 3 h e 6 min
  • GRAZIE PER L’ATTENZIONE  •  Leonardo Bellini – Consulenza e servizi di marketing digitale leonardobellini@dml.it •  Autore di Fare business con il Web –Lupetti Editore •  Ho curato l’edizione italiana di: – Web In azienda – ETAS – Noièmeglio-ETAS •  Blog: www.digitalmarketinglab.it •  Website: www.dml.it