SlideShare a Scribd company logo
Elementi di retorica aristotelica “ La parola è un potente signore che, pur dotato di corpo piccolissimo e invisibile compie le opere più divine . Essa può far cessare il timore, togliere il dolore, dare una gioia, accrescere la compassione. Chi la ascolta è invaso da un brivido, dal terrore, da una compassione che strappa le lacrime e da una struggente brama di dolore. Il fascino divino che suscita la parola è anche generatore di piacere e può liberare dal dolore. La forza dell'incantesimo, accompagnandosi all'opinione dell'anima, la seduce, persuade e trasforma per mezzo del suo incanto. "  Gorgia da Lentini, Elogio di Elena
Aristotele 384 – 322 a.C. Allievo di Platone , fondò il Liceo ad Atene, e sviluppò un  sapere di enorme ampiezza. Intuì o definì alcune delle principali nozioni su cui poi si sviluppò il pensiero occidentale: sostanza, atto, virtù, spazio e tempo, ecc. Descrisse il sillogismo dando la base a tutta la logica successiva.
Opere di Aristotele Scritti “essoterici” Opere destinate alla lettura del grande pubblico, scritte in bello stile, su una grande varietà di argomenti.  Sono andate tutte perdute. Ci restano qua e là pochi frammenti sparsi Scritti “esoterici” Un insieme di testi realizzati come appunti di studio, come dispense per un utilizzo interno al Peripato. Hanno uno stile non letterario. Tutte le Opere che ci sono pervenute, - anche la  Retorica -  appartengono a questo insieme di scritti.  Organon (scritti di logica) - Etica Nicomachea – Etica Eudemia  - Grande Etica Il cielo – La generazione e la corruzione – Ricerche sugli animali Metereologici - Fisica – Metafisica – L’Anima – Politica – Costituzione degli Ateniesi – Retorica – Poetica – Altre opere minori
La  Retorica Aristotele rappresenta sicuramente il più accreditato studioso e insegnante di retorica di tutti i tempi. Il suo trattato sull’arte retorica è l’unico del mondo greco che ci sia pervenuto.
Cos’è la retorica ,[object Object],[object Object],[object Object]
I libro: l’oratore Vi si tratta principalmente della concezione delle argomentazioni, nella misura in cui dipendono dall’oratore, dal suo adattarsi al pubblico, e questo secondo i tre generi riconosciuti del discorso II libro: il pubblico Vi si tratta delle emozioni e di nuovo delle argomentazioni, ma questa volta in quanto sono  recepite  (e non più, come nel primo,  concepite ) III libro: il messaggio Vi si tratta della  elocutio , cioè delle figure e della  dispositio , cioè dell’ordine delle parti del discorso. Originariamente il terzo libro costituiva un trattato a sé, che poi venne integrato con gli altri due La divisione del trattato
I tre generi di discorso retorico Deliberativo Nelle assemblee che devono fare le leggi. Si deve persuadere il proprio pubblico soprattutto sul futuro Giudiziario Nei tribunali. Si deve persuadere circa azioni passate Epidittico Discorso di pubblica lode di qualcuno, o di celebrazione: si riferisce soprattutto al presente  ,[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object]
Una premessa etica La retorica non è una tecnica o un’arte sganciata dal contenuto etico delle argomentazioni, o delle questioni. Qualcuno potrebbe criticarla in questo senso (ricordiamo le accuse mosse ai sofisti). Ma Aristotele la difende… 1)  I contenuti non sono mai indifferenti , ma quelli veri e buoni sono per loro natura più adatti all’argomentazione e più persuasivi 2) In ogni caso la retorica è come tanti beni (denaro, potere, forza, ecc.) che  possono essere utilizzati per fini buoni o per fini cattivi . Non basta possedere l’arte, ma bisogna farne buon uso. 3) Se è vergognoso non sapersi difendere con le proprie braccia,  sarebbe ben più vergognoso non sapersi difendere per mezzo della parola , il cui uso è più proprio dell’uomo di quello delle braccia.
I trattati di tecnica retorica che lo avevano preceduto, secondo Aristotele non avevano afferrato l’essenziale. E  si erano occupati solo degli elementi accessori del discorso trascurando il nucleo centrale dell’arte di persuadere: l’argomentazione .  Le argomentazioni possono essere non tecniche, come le testimonianze, le confessioni (anche quelle ottenute sotto tortura…), i documenti scritti. Oppure possono essere argomentazioni tecniche L’argomentazione
Argomentazioni Tecniche Il “carattere” dell’oratore «La persuasione si realizza per mezzo del carattere quando il discorso sia fatto in modo da rendere credibile l’oratore: noi infatti crediamo alle persone affidabili in misura maggiore e con più prontezza riguardo ad ogni questione in generale, e completamente, in quelle che non comportano certezza assoluta ma varietà di opinioni» Il discorso stesso «La persuasione si ottiene quando mostriamo il vero o ciò che appare tale attraverso i mezzi di persuasione più appropriati in ogni caso» La capacità di predisporre il pubblico «La persuasione avviene anche quando gli ascoltatori siano condotti dal discorso a provare un’emozione. I giudizi non vengono emessi allo stesso modo se si è infuenzati da sentimenti di dolore o di gioia, oppure di amicizia o di odio» Quest’ultimo è il tipo più essenziale di argomentazione persuasiva
Parallelamente la retorica produce le sue argomentazioni in due modi: L’esempio:  detto anche induzione retorica, che consiste nel convincere che un certo fatto avviene sempre in un certo modo mostrando casi concreti. L’argomentazione C’è un  parallelismo tra la retorica e la dialettica . L’una è l’arte della persuasione, l’altra è l’arte della dimostrazione. La dialettica dimostra le cose attraverso Induzione : trarre da vari casi particolari una regola generale Deduzione : partendo dai principi dimostrare un caso particolare (questo avviene con il sillogismo) L’entimema :  detto anche sillogismo retorico, che consiste nell’argomentare logicamente da alcune premesse alcune conclusioni
L’esempio Esempio reale Si racconta un fatto storico o attuale, ma comunque reale simile a quello su cui bisogna convincere. ( P.es. il Gran Re e la conquista dell’Egitto ) - Metodo molto usato nei giornali al giorno d’oggi per dimostrare un’idea si racconta una storia che la incarna. Esempio inventato Si tratta delle favole che vengono raccontate. Vanno create come le parabole, e devono contenere una analogia che deve essere colta dal pubblico ( esempi in Ret. II, 20. Stesicoro, sorteggio degli alteti ) ,[object Object],[object Object]
L’entimema Cos’è un sillogismo? Un ragionamento formato da tre proposizioni di cui le prime due sono premesse e la terza conclusione. Esistono vari generi di sillogismo, che Aristotele ha definito in una serie di figure, operando diverse distinzioni tra i vari generi di proposizione. Sillogismo BAROCO (una univ. aff. e due particolari negative) Tutti gli  uomini  sono  razionali Alcuni  animali  non sono  razionali Alcuni  animali  non sono  uomini Sillogismo BARBARA (tre universali affermative) Tutti gli  uomini  sono  mortali Socrate  è un  uomo Socrate  è  mortale Due esempi
L’entimema L’entimema si basa sullo stesso principio del sillogismo ma ha alcune caratteristiche specifiche legate al fatto che non deve essere una dimostrazione logica stringente, ma una dimostrazione col fine di persuadere. ,[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],Non tutto, nel discorso va dimostrato con un entimema: si devono solo dimostrare i punti in questione. Sarebbe assurdo sforzarsi di argomentare su un punto che già tutti condividono.
La retorica deve studiare i  “luoghi comuni”  che sono come gli schemi concettuali all’interno dei quali si formano gli entimemi. Le diverse scienze hanno ciascuna i suoi “luoghi specifici”. La retorica ha come dei macroschemi, molto generali, che le servono da guida per costruire le argomentazioni.  Il fine specifico dei discorsi è convincere riguardo a tre categorie Giusto – ingiusto ret. giudiziaria Utile – nocivo ret. deliberativa Bello – brutto ret. epidittica Oggetto dell’argomentazione e luoghi comuni Possibile – impossibile Esistente – inesistente Maggiore – minore Questo vuol dire che generalmente un’argomentazione ha come obbiettivo di mostrare la possibilità o l’impossibilità di una cosa, la sua maggiore o minore utilità, la verità di un fatto o la sua falsità
Altri “luoghi” (topoi) su cui  si costruiscono gli entimemi I contrari  (essere temperanti è un bene poiché l’intemperanza è dannosa) Termini in rapporto reciproco  (se è buona l’azione subita è buona anche quella fatta) Il più e il meno  (se neppure gli déi sanno tutto difficilmente lo sapranno gli uomini) Il tempo Volgere accuse ricevute  (mostrare che chi accusa compie le stesse azioni) Dalla definizione Distinguere i diversi significati di una parola Dalla Divisione  Da un giudizio precedente Dalle parti Partire dalla conseguenza Sviluppare conseguenze degli opposti Il fine e la causa Il vero non verosimile  (è vero proprio perché non è verosimile) Esaminare le contraddizioni della parte avversa
Informazione L’informazione è alla base della capacità retorica , e della possibilità di costruire argomentazioni, perché queste si basano sulle informazioni a nostra disposizione. Non è un buon oratore chi non è capace di raccogliere informazioni su ciò di cui deve parlare. L’informazione deve essere  completa ,  congruente  e  ben selezionata . Bisogna aver chiaro fin dall’inizio cosa si deve conoscere per poter parlare con proprietà di un certo argomento.
Considerazioni sull’uomo Una grande parte della Retorica è dedicata ad osservazioni di carattere generale sulla vita umana, Sono considerazioni molto intelligenti e azzeccate, e manifestano lo spirito di osservazione di Aristotele, ma anche la sua convinzione che per tenere dei discorsi efficaci bisogna conoscere l’animo umano ,[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object]
[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],Alcuni esempi
Cosa ci trasmette questa attenzione enorme di Aristotele per la comprensione di tutto ciò che riguarda gli uomini? ,[object Object],[object Object]
Il carattere dell’oratore È la seconda delle argomentazioni tecniche, dopo il discorso stesso. La trattazione di Aristotele è molto rapida. A rendere un oratore credibile sono Intelligenza Virtù Benevolenza Ed è mancare di una di queste tre caratteristiche che può compromettere la sua credibilità
Le emozioni Il libro II della  Retorica  contiene una delle trattazioni più acute sulle emozioni umane. Considerate nell’ottica del retore, le emozioni sono disposizioni che si possono indurre nel pubblico, per ottenere più facilmente l’effetto persuasivo del discorso. Per suscitare un’emozione nel pubblico bisogna conoscere tre cose In quali disposizioni d’animo si è soliti provarla Nei confronti di chi la si prova In quali circostanze questo è solito avvenire. Aristotele fa un elenco di emozioni (e sentimenti) e per ciascuna espone tutte queste caratteristiche. Noi vedremo solo le definizioni generali
L’ira Un desiderio di aperta vendetta, accompagnato da dolore, per una palese offesa alla nostra persona, o a qualcuno a noi legato, quando l’offesa non era meritata
La paura Una forma di sofferenza o uno sconvolgimento che deriva dalla prefigurazione di un male imminente che causa rovina o dolore
La vergogna Una forma di sofferenza o di sconvolgimento relativa ad azioni colpevoli presenti, passate o future, che portano disonore
La riconoscenza ( Charis ) È un atteggiamento positivo nei confronti di qualcuno che ha compiuto un’azione concreta di servizio – gratuito e senza altri fini – ad uno che ne aveva bisogno.
La compassione Una forma di sofferenza di fronte alla visione di un male manifestamente rovinoso o doloroso che ricade su una persona  che non lo merita . Un male che anche noi possiamo attenderci di subire
Lo sdegno Al contrario della compassione, che è sofferenza di fronte alla sfortuna altrui immeritata, lo sdegno è dolore di fronte a una grande fortuna capitata a chi non la merita
L’invidia Simile allo sdegno, l’invidia si rivolge però verso i simili e quelli di pari condizione. Essa è dolore per il semplice fatto che l’altro abbia un certo bene di cui io sono privo
L’emulazione Una forma di sofferenza nel constatare la presenza, in persone simili a noi per natura, di beni tenuti in grande considerazione e  che è possibile anche per noi ottenere , sofferenza che deriva non dal fatto che un altro possiede questi beni, ma dal fatto che non li abbiamo noi (per questo l’emulazione è un sentimento onesto, mentre l’invidia è spregevole, in quanto il primo si accinge ad ottenere quei beni, il secondo a impedire che chi gli è vicino li abbia). L’emulazione comporta una certa stima, e porta ad imitare l’altra persona, per eguagliarla.
Siamo vicini alla conclusione Anche Aristotele suggerisce di far sì che l’ascoltatore intravveda la fine del discorso, perché  è come un atleta, che quando ha in vista l’arrivo si fa coraggio e continua a correre
Lo stile ,[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object]
[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],Lo stile
Espressioni brillanti Si può imparare a crearle per talento naturale o per esercizio. Sono quelle espressioni che  fanno comprendere qualcosa di nuovo.  Affermazioni che non sono scontate e banali, ma neanche oscure e incomprensibili. Detti intelligenti che aprono un nuovo “orizzonte di senso” sulle cose. La più importante delle espressioni brillanti è per Aristotele la  Metafora Questi argomenti sono stati molto ripresi nel barocco, che ha avuto un grande interesse per  l’uso sorprendente del linguaggio
È lo strumento più bello e più efficace perché è al tempo stesso  chiara ,  originale , e  piacevole . Per costruire metafore è necessario  saper vedere l’analogia. Le metafore sono una sorta di enigma. Istituiscono come una proporzione Dato che  A : B = C : D , utilizzo A e B per parlare di C e D. (Cit. p. 333.) La Metafora  mette davanti agli occhi ciò di cui si parla,  condensandolo in un’immagine. La metafora è un oggetto linguistico molto studiato anche al giorno d’oggi, in quanto è ricchissimo di valenze (oltre che di fascino) nella filosofia, la poesia, la logica, la retorica, la semiotica Metafora
Non ho voglia di tuffarmi in  un gomitolo di strade  (Ungaretti) Tu  fior de la mia pianta  percossa e inaridita (Carducci) e prego anch’io  nel tuo porto  quiete (Foscolo) Piove senza rumore  sul prato del mare  (Pavese) Sono i tuoi puri occhi  due miracolose corolle,  sbocciate  a lavarmi lo sguardo. (A. Pozzi) Metafora
Catturare l’attenzione A quattro cose noi prestiamo attenzione, e questo un retore deve saperlo ,[object Object],[object Object],[object Object],[object Object],[object Object]
Fine

More Related Content

What's hot

HEGEL
HEGEL HEGEL
HEGEL
Aleeee95
 
La scuola stoica
La scuola stoicaLa scuola stoica
La scuola stoica
RenatoCurreli
 
HEGEL - Fenomenologia dello Spirito
HEGEL - Fenomenologia dello SpiritoHEGEL - Fenomenologia dello Spirito
Kant
KantKant
Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014
Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014
Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014jcalzamora
 
il meglio di socrate
il meglio di socrateil meglio di socrate
il meglio di socrate
profmarchesi117
 
Il grande aristotele
Il grande aristoteleIl grande aristotele
Il grande aristotele
profmarchesi117
 
Filosofia cristiana medievale
Filosofia cristiana medievaleFilosofia cristiana medievale
Filosofia cristiana medievale
Francesco Baldassarre
 
Pietro Abelardo
Pietro AbelardoPietro Abelardo
Pietro Abelardo
reportages1
 
02. Storia della Filosofia. I presocratici
02. Storia della Filosofia. I presocratici02. Storia della Filosofia. I presocratici
02. Storia della Filosofia. I presocratici
Mario Cinà
 
Il Sillogismo
Il SillogismoIl Sillogismo
Il Sillogismo
Marcello Bettoni
 
Kant
KantKant
Kant
maiellod
 
Esistenzialismo
EsistenzialismoEsistenzialismo
Esistenzialismo
Francesco Baldassarre
 
Kant. La Critica Della Ragion Pratica
Kant. La Critica Della Ragion PraticaKant. La Critica Della Ragion Pratica
Kant. La Critica Della Ragion Praticacastellana
 
Europa1700
Europa1700Europa1700
Epicuro
EpicuroEpicuro
Epicuro
RenatoCurreli
 

What's hot (20)

HEGEL
HEGEL HEGEL
HEGEL
 
La scuola stoica
La scuola stoicaLa scuola stoica
La scuola stoica
 
HEGEL - Fenomenologia dello Spirito
HEGEL - Fenomenologia dello SpiritoHEGEL - Fenomenologia dello Spirito
HEGEL - Fenomenologia dello Spirito
 
Kant
KantKant
Kant
 
Platone
PlatonePlatone
Platone
 
Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014
Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014
Immanuel kant (1724 1804) 2013-2014
 
il meglio di socrate
il meglio di socrateil meglio di socrate
il meglio di socrate
 
Il grande aristotele
Il grande aristoteleIl grande aristotele
Il grande aristotele
 
Filosofia cristiana medievale
Filosofia cristiana medievaleFilosofia cristiana medievale
Filosofia cristiana medievale
 
Pietro Abelardo
Pietro AbelardoPietro Abelardo
Pietro Abelardo
 
02. Storia della Filosofia. I presocratici
02. Storia della Filosofia. I presocratici02. Storia della Filosofia. I presocratici
02. Storia della Filosofia. I presocratici
 
Socrate
SocrateSocrate
Socrate
 
Il Sillogismo
Il SillogismoIl Sillogismo
Il Sillogismo
 
Kant
KantKant
Kant
 
Esistenzialismo
EsistenzialismoEsistenzialismo
Esistenzialismo
 
I sofisti
I sofistiI sofisti
I sofisti
 
Kant. La Critica Della Ragion Pratica
Kant. La Critica Della Ragion PraticaKant. La Critica Della Ragion Pratica
Kant. La Critica Della Ragion Pratica
 
Parmenide in Breve
Parmenide in BreveParmenide in Breve
Parmenide in Breve
 
Europa1700
Europa1700Europa1700
Europa1700
 
Epicuro
EpicuroEpicuro
Epicuro
 

Viewers also liked

Acupuntura auricular
Acupuntura auricularAcupuntura auricular
Acupuntura auricular
Edinho Araujo
 
Aristotele Etica Politica Poetica
Aristotele Etica Politica PoeticaAristotele Etica Politica Poetica
Aristotele Etica Politica Poetica
robertnozick
 
Il cervello emotivo
Il cervello emotivoIl cervello emotivo
Il cervello emotivoimartini
 
Aristotele etica-politica-poetica-
Aristotele etica-politica-poetica-Aristotele etica-politica-poetica-
Aristotele etica-politica-poetica-
Antonella Demichelis
 
Le figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola mediaLe figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola media
enzagrasso
 
Aristotele
AristoteleAristotele
dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutive
  dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutive  dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutive
dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutiveimartini
 
Rivoluzione russa
Rivoluzione russaRivoluzione russa
Rivoluzione russa
Simona Martini
 
Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotelesara1668
 
I cibi ed il nostro sistema immunitario - probiotici
I cibi ed il nostro sistema immunitario - probioticiI cibi ed il nostro sistema immunitario - probiotici
I cibi ed il nostro sistema immunitario - probioticiFilippo Fassio
 
Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotele
maxilprof
 
Funzioni esecutive e apprendimento
Funzioni esecutive e apprendimentoFunzioni esecutive e apprendimento
Funzioni esecutive e apprendimento
TrainingCognitivo
 
Come Cambia la Scuola del web 2.0
Come Cambia la Scuola del web 2.0Come Cambia la Scuola del web 2.0
Come Cambia la Scuola del web 2.0
State University Milan Bicocca
 
Dalla Flipped Classroom agli EAS
Dalla Flipped Classroom agli EAS Dalla Flipped Classroom agli EAS
Dalla Flipped Classroom agli EAS
Laura Antichi
 
L'indagine sull'uomo fino a socrate
L'indagine sull'uomo fino a socrateL'indagine sull'uomo fino a socrate
L'indagine sull'uomo fino a socrategiovanni quartini
 

Viewers also liked (19)

Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotele
 
Retorica antica
Retorica anticaRetorica antica
Retorica antica
 
Acupuntura auricular
Acupuntura auricularAcupuntura auricular
Acupuntura auricular
 
Aristotele Etica Politica Poetica
Aristotele Etica Politica PoeticaAristotele Etica Politica Poetica
Aristotele Etica Politica Poetica
 
Il cervello emotivo
Il cervello emotivoIl cervello emotivo
Il cervello emotivo
 
Aristotele etica-politica-poetica-
Aristotele etica-politica-poetica-Aristotele etica-politica-poetica-
Aristotele etica-politica-poetica-
 
Le figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola mediaLe figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola media
 
Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotele
 
dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutive
  dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutive  dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutive
dott.ssa e. benso-dott.ssa l. masoero-dott.ssa c. pacilli - funzioni esecutive
 
Rivoluzione russa
Rivoluzione russaRivoluzione russa
Rivoluzione russa
 
Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotele
 
I cibi ed il nostro sistema immunitario - probiotici
I cibi ed il nostro sistema immunitario - probioticiI cibi ed il nostro sistema immunitario - probiotici
I cibi ed il nostro sistema immunitario - probiotici
 
Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotele
 
Funzioni esecutive e apprendimento
Funzioni esecutive e apprendimentoFunzioni esecutive e apprendimento
Funzioni esecutive e apprendimento
 
Come Cambia la Scuola del web 2.0
Come Cambia la Scuola del web 2.0Come Cambia la Scuola del web 2.0
Come Cambia la Scuola del web 2.0
 
Flipped classroom
Flipped classroomFlipped classroom
Flipped classroom
 
Dalla Flipped Classroom agli EAS
Dalla Flipped Classroom agli EAS Dalla Flipped Classroom agli EAS
Dalla Flipped Classroom agli EAS
 
L'indagine sull'uomo fino a socrate
L'indagine sull'uomo fino a socrateL'indagine sull'uomo fino a socrate
L'indagine sull'uomo fino a socrate
 
Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotele
 

Similar to Elementi Di Retorica Aristotelica

Metafisica A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...
Metafisica  A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...Metafisica  A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...
Metafisica A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...
RenatoCurreli
 
Silvano Tagliagambe
Silvano TagliagambeSilvano Tagliagambe
Silvano Tagliagambe
La Società in Classe
 
Tra Linguaggio E Realtà
Tra Linguaggio E RealtàTra Linguaggio E Realtà
Tra Linguaggio E Realtà
Roberto Mastri
 
citazioni da classici e altri testi utili.pdf
citazioni da classici e altri testi utili.pdfcitazioni da classici e altri testi utili.pdf
citazioni da classici e altri testi utili.pdf
nadine benedetti
 
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdfCITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdf
nadine benedetti
 
citazioni utili......................pdf
citazioni utili......................pdfcitazioni utili......................pdf
citazioni utili......................pdf
nadine benedetti
 
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdfCITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdf
nadine benedetti
 
citazioni da libri universitari e da classici.pdf
citazioni da libri universitari e da classici.pdfcitazioni da libri universitari e da classici.pdf
citazioni da libri universitari e da classici.pdf
nadine benedetti
 
1 la filosofia moderna fino a kant percorso
1   la filosofia moderna fino a kant percorso1   la filosofia moderna fino a kant percorso
1 la filosofia moderna fino a kant percorsogiovanni quartini
 
Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.
Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.
Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.
Fausto Intilla
 
Severino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdf
Severino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdfSeverino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdf
Severino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdf
frank0071
 
Scritti Aristotele
Scritti AristoteleScritti Aristotele
Scritti Aristotelecastellana
 
L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,
L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,
L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,
SQcuola di Blog
 
Esempio veicolo di significati sara cozzi
Esempio veicolo di significati sara cozziEsempio veicolo di significati sara cozzi
Esempio veicolo di significati sara cozzi
Sara Cozzi
 
4) Kant ed Hegel.pptx
4) Kant ed Hegel.pptx4) Kant ed Hegel.pptx
4) Kant ed Hegel.pptx
MatteoEolini
 
Lo scetticismo
Lo scetticismoLo scetticismo
Lo scetticismoElisa2088
 
Retorica e ghostwriting 1/3
Retorica e ghostwriting 1/3Retorica e ghostwriting 1/3
Retorica e ghostwriting 1/3
Flavia Trupia
 
La scoperta della complessità
La scoperta della complessitàLa scoperta della complessità
La scoperta della complessità
Nicola Lorenzo Pionetti
 

Similar to Elementi Di Retorica Aristotelica (20)

Metafisica A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...
Metafisica  A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...Metafisica  A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...
Metafisica A (Libro Primo della Metafisica) - Analisi e commento dei capp. I...
 
Silvano Tagliagambe
Silvano TagliagambeSilvano Tagliagambe
Silvano Tagliagambe
 
Tra Linguaggio E Realtà
Tra Linguaggio E RealtàTra Linguaggio E Realtà
Tra Linguaggio E Realtà
 
citazioni da classici e altri testi utili.pdf
citazioni da classici e altri testi utili.pdfcitazioni da classici e altri testi utili.pdf
citazioni da classici e altri testi utili.pdf
 
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdfCITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PERCORSO DI MATURAZIONE.pdf
 
citazioni utili......................pdf
citazioni utili......................pdfcitazioni utili......................pdf
citazioni utili......................pdf
 
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdfCITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdf
CITAZIONI UTILI PER AVVIARE UN PROCESSO DI MATURAZIONE.pdf
 
citazioni da libri universitari e da classici.pdf
citazioni da libri universitari e da classici.pdfcitazioni da libri universitari e da classici.pdf
citazioni da libri universitari e da classici.pdf
 
1 la filosofia moderna fino a kant percorso
1   la filosofia moderna fino a kant percorso1   la filosofia moderna fino a kant percorso
1 la filosofia moderna fino a kant percorso
 
Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.
Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.
Ulixe. Il lungo cammino delle idee tra arte, scienza e filosofia.
 
Severino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdf
Severino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdfSeverino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdf
Severino, Emanuele. - Antologia filosofica [ocr] [1994].pdf
 
Scritti Aristotele
Scritti AristoteleScritti Aristotele
Scritti Aristotele
 
L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,
L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,
L'esempio quale veicolo di significati, uso esempi,
 
Esempio veicolo di significati sara cozzi
Esempio veicolo di significati sara cozziEsempio veicolo di significati sara cozzi
Esempio veicolo di significati sara cozzi
 
4) Kant ed Hegel.pptx
4) Kant ed Hegel.pptx4) Kant ed Hegel.pptx
4) Kant ed Hegel.pptx
 
Lo scetticismo
Lo scetticismoLo scetticismo
Lo scetticismo
 
Platone
PlatonePlatone
Platone
 
Retorica e ghostwriting 1/3
Retorica e ghostwriting 1/3Retorica e ghostwriting 1/3
Retorica e ghostwriting 1/3
 
La scoperta della complessità
La scoperta della complessitàLa scoperta della complessità
La scoperta della complessità
 
Aristotele
AristoteleAristotele
Aristotele
 

More from Giancarlo Polenghi

La percezione
La percezioneLa percezione
La percezione
Giancarlo Polenghi
 
Public speaking al femminile prometeo
Public speaking al femminile prometeoPublic speaking al femminile prometeo
Public speaking al femminile prometeoGiancarlo Polenghi
 
Ch10
Ch10Ch10
Ch12
Ch12Ch12
Ch11
Ch11Ch11
Ch10
Ch10Ch10
Ch9
Ch9Ch9
Ch8
Ch8Ch8
Ch7
Ch7Ch7
Corso usa 2
Corso usa 2Corso usa 2
Corso usa 2
Giancarlo Polenghi
 
Ch6
Ch6Ch6
Ch5
Ch5Ch5
Ch4
Ch4Ch4
Ch3
Ch3Ch3
Ch2
Ch2Ch2
Ch1
Ch1Ch1
Corso Usa1
Corso Usa1Corso Usa1
Corso Usa1
Giancarlo Polenghi
 
web 2.0
web 2.0web 2.0

More from Giancarlo Polenghi (20)

La percezione
La percezioneLa percezione
La percezione
 
Public speaking al femminile prometeo
Public speaking al femminile prometeoPublic speaking al femminile prometeo
Public speaking al femminile prometeo
 
Organizzazione
OrganizzazioneOrganizzazione
Organizzazione
 
Ch10
Ch10Ch10
Ch10
 
Ch12
Ch12Ch12
Ch12
 
Ch11
Ch11Ch11
Ch11
 
Ch10
Ch10Ch10
Ch10
 
Ch9
Ch9Ch9
Ch9
 
Ch8
Ch8Ch8
Ch8
 
Ch7
Ch7Ch7
Ch7
 
Corso usa 2
Corso usa 2Corso usa 2
Corso usa 2
 
Ch6
Ch6Ch6
Ch6
 
Ch5
Ch5Ch5
Ch5
 
Ch4
Ch4Ch4
Ch4
 
Ch3
Ch3Ch3
Ch3
 
Ch2
Ch2Ch2
Ch2
 
Ch1
Ch1Ch1
Ch1
 
Corso Usa1
Corso Usa1Corso Usa1
Corso Usa1
 
web 2.0
web 2.0web 2.0
web 2.0
 
Il Piano Di Marketing
Il Piano Di MarketingIl Piano Di Marketing
Il Piano Di Marketing
 

Elementi Di Retorica Aristotelica

  • 1. Elementi di retorica aristotelica “ La parola è un potente signore che, pur dotato di corpo piccolissimo e invisibile compie le opere più divine . Essa può far cessare il timore, togliere il dolore, dare una gioia, accrescere la compassione. Chi la ascolta è invaso da un brivido, dal terrore, da una compassione che strappa le lacrime e da una struggente brama di dolore. Il fascino divino che suscita la parola è anche generatore di piacere e può liberare dal dolore. La forza dell'incantesimo, accompagnandosi all'opinione dell'anima, la seduce, persuade e trasforma per mezzo del suo incanto. " Gorgia da Lentini, Elogio di Elena
  • 2. Aristotele 384 – 322 a.C. Allievo di Platone , fondò il Liceo ad Atene, e sviluppò un sapere di enorme ampiezza. Intuì o definì alcune delle principali nozioni su cui poi si sviluppò il pensiero occidentale: sostanza, atto, virtù, spazio e tempo, ecc. Descrisse il sillogismo dando la base a tutta la logica successiva.
  • 3. Opere di Aristotele Scritti “essoterici” Opere destinate alla lettura del grande pubblico, scritte in bello stile, su una grande varietà di argomenti. Sono andate tutte perdute. Ci restano qua e là pochi frammenti sparsi Scritti “esoterici” Un insieme di testi realizzati come appunti di studio, come dispense per un utilizzo interno al Peripato. Hanno uno stile non letterario. Tutte le Opere che ci sono pervenute, - anche la Retorica - appartengono a questo insieme di scritti. Organon (scritti di logica) - Etica Nicomachea – Etica Eudemia - Grande Etica Il cielo – La generazione e la corruzione – Ricerche sugli animali Metereologici - Fisica – Metafisica – L’Anima – Politica – Costituzione degli Ateniesi – Retorica – Poetica – Altre opere minori
  • 4. La Retorica Aristotele rappresenta sicuramente il più accreditato studioso e insegnante di retorica di tutti i tempi. Il suo trattato sull’arte retorica è l’unico del mondo greco che ci sia pervenuto.
  • 5.
  • 6. I libro: l’oratore Vi si tratta principalmente della concezione delle argomentazioni, nella misura in cui dipendono dall’oratore, dal suo adattarsi al pubblico, e questo secondo i tre generi riconosciuti del discorso II libro: il pubblico Vi si tratta delle emozioni e di nuovo delle argomentazioni, ma questa volta in quanto sono recepite (e non più, come nel primo, concepite ) III libro: il messaggio Vi si tratta della elocutio , cioè delle figure e della dispositio , cioè dell’ordine delle parti del discorso. Originariamente il terzo libro costituiva un trattato a sé, che poi venne integrato con gli altri due La divisione del trattato
  • 7.
  • 8. Una premessa etica La retorica non è una tecnica o un’arte sganciata dal contenuto etico delle argomentazioni, o delle questioni. Qualcuno potrebbe criticarla in questo senso (ricordiamo le accuse mosse ai sofisti). Ma Aristotele la difende… 1) I contenuti non sono mai indifferenti , ma quelli veri e buoni sono per loro natura più adatti all’argomentazione e più persuasivi 2) In ogni caso la retorica è come tanti beni (denaro, potere, forza, ecc.) che possono essere utilizzati per fini buoni o per fini cattivi . Non basta possedere l’arte, ma bisogna farne buon uso. 3) Se è vergognoso non sapersi difendere con le proprie braccia, sarebbe ben più vergognoso non sapersi difendere per mezzo della parola , il cui uso è più proprio dell’uomo di quello delle braccia.
  • 9. I trattati di tecnica retorica che lo avevano preceduto, secondo Aristotele non avevano afferrato l’essenziale. E si erano occupati solo degli elementi accessori del discorso trascurando il nucleo centrale dell’arte di persuadere: l’argomentazione . Le argomentazioni possono essere non tecniche, come le testimonianze, le confessioni (anche quelle ottenute sotto tortura…), i documenti scritti. Oppure possono essere argomentazioni tecniche L’argomentazione
  • 10. Argomentazioni Tecniche Il “carattere” dell’oratore «La persuasione si realizza per mezzo del carattere quando il discorso sia fatto in modo da rendere credibile l’oratore: noi infatti crediamo alle persone affidabili in misura maggiore e con più prontezza riguardo ad ogni questione in generale, e completamente, in quelle che non comportano certezza assoluta ma varietà di opinioni» Il discorso stesso «La persuasione si ottiene quando mostriamo il vero o ciò che appare tale attraverso i mezzi di persuasione più appropriati in ogni caso» La capacità di predisporre il pubblico «La persuasione avviene anche quando gli ascoltatori siano condotti dal discorso a provare un’emozione. I giudizi non vengono emessi allo stesso modo se si è infuenzati da sentimenti di dolore o di gioia, oppure di amicizia o di odio» Quest’ultimo è il tipo più essenziale di argomentazione persuasiva
  • 11. Parallelamente la retorica produce le sue argomentazioni in due modi: L’esempio: detto anche induzione retorica, che consiste nel convincere che un certo fatto avviene sempre in un certo modo mostrando casi concreti. L’argomentazione C’è un parallelismo tra la retorica e la dialettica . L’una è l’arte della persuasione, l’altra è l’arte della dimostrazione. La dialettica dimostra le cose attraverso Induzione : trarre da vari casi particolari una regola generale Deduzione : partendo dai principi dimostrare un caso particolare (questo avviene con il sillogismo) L’entimema : detto anche sillogismo retorico, che consiste nell’argomentare logicamente da alcune premesse alcune conclusioni
  • 12.
  • 13. L’entimema Cos’è un sillogismo? Un ragionamento formato da tre proposizioni di cui le prime due sono premesse e la terza conclusione. Esistono vari generi di sillogismo, che Aristotele ha definito in una serie di figure, operando diverse distinzioni tra i vari generi di proposizione. Sillogismo BAROCO (una univ. aff. e due particolari negative) Tutti gli uomini sono razionali Alcuni animali non sono razionali Alcuni animali non sono uomini Sillogismo BARBARA (tre universali affermative) Tutti gli uomini sono mortali Socrate è un uomo Socrate è mortale Due esempi
  • 14.
  • 15. La retorica deve studiare i “luoghi comuni” che sono come gli schemi concettuali all’interno dei quali si formano gli entimemi. Le diverse scienze hanno ciascuna i suoi “luoghi specifici”. La retorica ha come dei macroschemi, molto generali, che le servono da guida per costruire le argomentazioni. Il fine specifico dei discorsi è convincere riguardo a tre categorie Giusto – ingiusto ret. giudiziaria Utile – nocivo ret. deliberativa Bello – brutto ret. epidittica Oggetto dell’argomentazione e luoghi comuni Possibile – impossibile Esistente – inesistente Maggiore – minore Questo vuol dire che generalmente un’argomentazione ha come obbiettivo di mostrare la possibilità o l’impossibilità di una cosa, la sua maggiore o minore utilità, la verità di un fatto o la sua falsità
  • 16. Altri “luoghi” (topoi) su cui si costruiscono gli entimemi I contrari (essere temperanti è un bene poiché l’intemperanza è dannosa) Termini in rapporto reciproco (se è buona l’azione subita è buona anche quella fatta) Il più e il meno (se neppure gli déi sanno tutto difficilmente lo sapranno gli uomini) Il tempo Volgere accuse ricevute (mostrare che chi accusa compie le stesse azioni) Dalla definizione Distinguere i diversi significati di una parola Dalla Divisione Da un giudizio precedente Dalle parti Partire dalla conseguenza Sviluppare conseguenze degli opposti Il fine e la causa Il vero non verosimile (è vero proprio perché non è verosimile) Esaminare le contraddizioni della parte avversa
  • 17. Informazione L’informazione è alla base della capacità retorica , e della possibilità di costruire argomentazioni, perché queste si basano sulle informazioni a nostra disposizione. Non è un buon oratore chi non è capace di raccogliere informazioni su ciò di cui deve parlare. L’informazione deve essere completa , congruente e ben selezionata . Bisogna aver chiaro fin dall’inizio cosa si deve conoscere per poter parlare con proprietà di un certo argomento.
  • 18.
  • 19.
  • 20.
  • 21. Il carattere dell’oratore È la seconda delle argomentazioni tecniche, dopo il discorso stesso. La trattazione di Aristotele è molto rapida. A rendere un oratore credibile sono Intelligenza Virtù Benevolenza Ed è mancare di una di queste tre caratteristiche che può compromettere la sua credibilità
  • 22. Le emozioni Il libro II della Retorica contiene una delle trattazioni più acute sulle emozioni umane. Considerate nell’ottica del retore, le emozioni sono disposizioni che si possono indurre nel pubblico, per ottenere più facilmente l’effetto persuasivo del discorso. Per suscitare un’emozione nel pubblico bisogna conoscere tre cose In quali disposizioni d’animo si è soliti provarla Nei confronti di chi la si prova In quali circostanze questo è solito avvenire. Aristotele fa un elenco di emozioni (e sentimenti) e per ciascuna espone tutte queste caratteristiche. Noi vedremo solo le definizioni generali
  • 23. L’ira Un desiderio di aperta vendetta, accompagnato da dolore, per una palese offesa alla nostra persona, o a qualcuno a noi legato, quando l’offesa non era meritata
  • 24. La paura Una forma di sofferenza o uno sconvolgimento che deriva dalla prefigurazione di un male imminente che causa rovina o dolore
  • 25. La vergogna Una forma di sofferenza o di sconvolgimento relativa ad azioni colpevoli presenti, passate o future, che portano disonore
  • 26. La riconoscenza ( Charis ) È un atteggiamento positivo nei confronti di qualcuno che ha compiuto un’azione concreta di servizio – gratuito e senza altri fini – ad uno che ne aveva bisogno.
  • 27. La compassione Una forma di sofferenza di fronte alla visione di un male manifestamente rovinoso o doloroso che ricade su una persona che non lo merita . Un male che anche noi possiamo attenderci di subire
  • 28. Lo sdegno Al contrario della compassione, che è sofferenza di fronte alla sfortuna altrui immeritata, lo sdegno è dolore di fronte a una grande fortuna capitata a chi non la merita
  • 29. L’invidia Simile allo sdegno, l’invidia si rivolge però verso i simili e quelli di pari condizione. Essa è dolore per il semplice fatto che l’altro abbia un certo bene di cui io sono privo
  • 30. L’emulazione Una forma di sofferenza nel constatare la presenza, in persone simili a noi per natura, di beni tenuti in grande considerazione e che è possibile anche per noi ottenere , sofferenza che deriva non dal fatto che un altro possiede questi beni, ma dal fatto che non li abbiamo noi (per questo l’emulazione è un sentimento onesto, mentre l’invidia è spregevole, in quanto il primo si accinge ad ottenere quei beni, il secondo a impedire che chi gli è vicino li abbia). L’emulazione comporta una certa stima, e porta ad imitare l’altra persona, per eguagliarla.
  • 31. Siamo vicini alla conclusione Anche Aristotele suggerisce di far sì che l’ascoltatore intravveda la fine del discorso, perché è come un atleta, che quando ha in vista l’arrivo si fa coraggio e continua a correre
  • 32.
  • 33.
  • 34. Espressioni brillanti Si può imparare a crearle per talento naturale o per esercizio. Sono quelle espressioni che fanno comprendere qualcosa di nuovo. Affermazioni che non sono scontate e banali, ma neanche oscure e incomprensibili. Detti intelligenti che aprono un nuovo “orizzonte di senso” sulle cose. La più importante delle espressioni brillanti è per Aristotele la Metafora Questi argomenti sono stati molto ripresi nel barocco, che ha avuto un grande interesse per l’uso sorprendente del linguaggio
  • 35. È lo strumento più bello e più efficace perché è al tempo stesso chiara , originale , e piacevole . Per costruire metafore è necessario saper vedere l’analogia. Le metafore sono una sorta di enigma. Istituiscono come una proporzione Dato che A : B = C : D , utilizzo A e B per parlare di C e D. (Cit. p. 333.) La Metafora mette davanti agli occhi ciò di cui si parla, condensandolo in un’immagine. La metafora è un oggetto linguistico molto studiato anche al giorno d’oggi, in quanto è ricchissimo di valenze (oltre che di fascino) nella filosofia, la poesia, la logica, la retorica, la semiotica Metafora
  • 36. Non ho voglia di tuffarmi in un gomitolo di strade (Ungaretti) Tu fior de la mia pianta percossa e inaridita (Carducci) e prego anch’io nel tuo porto quiete (Foscolo) Piove senza rumore sul prato del mare (Pavese) Sono i tuoi puri occhi due miracolose corolle, sbocciate a lavarmi lo sguardo. (A. Pozzi) Metafora
  • 37.
  • 38. Fine