Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Live spot WEF

2,179 views

Published on

La presentazione di Livia Bosi, analista di ricerca dello Studio Giaccardi, a Ravenna Future Lessons, sezione

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Live spot WEF

  1. 1. Web Economy,start up nel 2013. «Una persona con una telecamera e una tastiera oggi è una ditta individuale no profit» (Shirky*, 2009) Livia Bosi – Studio Giaccardi & Associati *Docente alla New York University, i suoi corsi e i suoi scritti trattano, tra le altre cose, degli effetti interdipendenti delle topologia dei social network, delle reti tecnologiche, e dei modi in cui le nuove forme di comunicazione influenzano la cultura e viceversa.
  2. 2. L’EVOLUZIONE DI INTERNET• 1999: utenti online in Italia circa 4,5 milioni• 2012: utenti online in Italia circa 30 milioni, di cui 17 milioni da smartphone o tablet.Nel mondo gli utenti online sono circa 2,5 miliardi. + numero di utenti > DIFFUSIONE MASSICCIA + modalità di utilizzo > CAMBIA LA PERCEZIONE La Rete diventa parte integrante della vita delle persone. Dati Audiweb settembre 2012 http://www.audiweb.it/cms/view.php?id=4&cms_pk=265
  3. 3. DA INTERNET AL WEB COS’E’? DIMENSIONE LINGUAGGIO UTENTE LOGICAINTERNET infrastruttura tecnologica chiuso user tecnicaWEB linguaggio di sociale aperto prosumer collaborativa relazione Cambiano i comportamenti e i modelli di consumo, cambia il ruolo del consumatore e del cliente E IN CHE MODO CAMBIA L’ECONOMIA?
  4. 4. DALLA INTERNET ECONOMY ALLA WEB ECONOMYLa INTERNET ECONOMY (o Digital Economy) si riferiscealle imprese il cui core business è rappresentato dalletecnologie digitali. TECNOLOGIALa WEB ECONOMY è l’evoluzione delle imprese nondigitali che sviluppano business tramite linguaggi edevice digitali.ASCOLTO, INTERAZIONE, COLLABORAZIONE
  5. 5. L’ECONOMIA E’ CAMBIATA. E LE AZIENDE?I mercati sono conversazioni.I mercati sono fatti di esseri umani,non di segmenti demografici.Il risultato è che i mercati stanno diventando più intelligenti, più informati, piùorganizzati. Partecipare a un mercato in rete cambia profondamente le persone.Le aziende che non capiscono che i loro mercati sono ormai una rete tra singoliindividui, sempre più intelligenti e coinvolti, stanno perdendo la loro miglioreoccasione.Le aziende possono ora comunicare direttamente con i loro mercati. Se non locapiscono, potrebbe essere la loro ultima occasione. Dalle 95 Tesi del Cluetrain Manifesto (1999). Traduzione in italiano di Luisa Carrada http://www.mestierediscrivere.com/articolo/Tesi
  6. 6. Noi ci siamo posti 3 domande1) COME RIMETTERE IN MOTO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO? E NON STIAMO PARLANDO DI UN TERRITORIO QUALUNQUE! L’area vasta romagnola conta 1.107.057 residenti e 114.154 imprese attive pari al 25,6% di quelle appartenenti all’Emilia- Romagna. Inoltre produce il 24,2% del valore aggiunto regionale, pari in valore assoluto a 21,7 miliardi di euro.
  7. 7. 2) DA DOVE DEVE RIPARTIRE LO SVILUPPO? DALLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI SERVIZIO Perché sono l’infrastruttura portante di qualsiasi economia produttiva evoluta
  8. 8. 3) COME SI PUO’ SFRUTTARE IL WEB PER TORNARE A CRESCERE?Sì, coniugando competenze e relazioni delle imprese conle opportunità offerte dal web, perché le imprese online attive crescono del +1,2% rispetto a quelle offline che perdono il -4,5% del business
  9. 9. IL PROGETTO WEB ECONOMY FORUMTORNARE A CRESCERE IN MODO SOSTENIBILEUn sistema articolato di azioni di promozione, ricerca e coinvolgimento finalizzato asviluppare nuovi scambi commerciali e innovazione. Diverrà un’infrastrutturagratuita di collaborazione per aziende e territorio.Promosso e diretto dallo Studio Giaccardi & Associati in collaborazione con ilGruppo de Il Sole 24 Ore, è patrocinato dall’Unioncamere Emilia Romagna e dalleCamere di Commercio di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini.
  10. 10. Appuntamento a inizio 2013 Seguici dal prossimo mese sullapiattaforma www.webeconomyforum.it e collabora al progetto!
  11. 11. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×