Your SlideShare is downloading. ×
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Intro virus
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Intro virus

1,205

Published on

Slides Microbiologia

Slides Microbiologia

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,205
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
54
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I virus
  • 2. • "Virus" dal latino “veleno”• Combinazione organizzata di macromolecole• entità biologiche con strutture subcellulari• Semplicità strutturale: un acido nucleico (DNA o RNA) racchiuso in un rivestimento di natura proteica (CAPSIDE)• Complessità biologico-funzionale• Materiale biochimico inerte al di fuori della cellula• PARASSITI ENDOCELLULARI OBBLIGATI• Alcuni possiedono propri enzimi, ma senza assistenza, non sono capaci di riprodurre le informazioni contenute nei loro genomi• Spettro d’ospite: micoplasmi, alghe, batteri, piante e animali superiori
  • 3. Le particelle virali complete, virioni, sonocaratterizzate da dimensioni estremamentemodeste: 10-300 nm.
  • 4. From Principles of Virology Flint et al ASM Press
  • 5. Microscopio elettronico
  • 6. •Prima descrizione di patologia di origine virale: Vaiolo in Cina nel X sec. a.C.•Alterazioni simil-vaiolose nella mummia del faraone Ramsete II (circa 2000 a.C.). poliomielite vaiolo Virus del mosaico del tabacco: primo virus identificato
  • 7. Varietà di forme e dimensioni
  • 8. Sono coltivabili in vitro in cellule eucariotiche, o in batteri (a seconda del tipo virale). Alcuni (Orthomyxovirus, paramyxovirus) possono essere coltivabili con facilita’ in uova embrionate.Hanno resistenza variabile al pH. Questo regola la loro patogenicita’ -Es. Rinovirus sono distrutti a pH3 (pH gastrico di circa 1) e pertanto sono non patogeni per l’apparato gastrointestinale. -Altri picornavirus sono resistenti al pH gastrico e pertanto patogeni (enterovirus).
  • 9. QuickTime™ e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  • 10. MorfologiaVirus nudi 1. Genoma Acido nucleico (DNA o RNA) 2. Capside Rivestimento proteico Genoma+capside = nucleocapsideVirus rivestiti : Pericapside o Envelopedoppio strato fosfolipidico che circonda il nucleocapside
  • 11. virus nudi
  • 12. virus rivestitiEnvelope • Doppio strato fosfolipidico • I virus con envelope sono comuni nel mondo animale, ma si conoscono anche virus batterici dotati di envelope
  • 13. ORIGINE DELL’ENVELOPE Spikes o antirecettori
  • 14. Pericapside (peplos, envelope)Strato lipidico esterno, presente solo in alcune famiglie di virus(orthomyxovirus, herpesvirus, retrovirus, poxvirus, ecc.).Costituito da lipidi della membrana della cellula infettata, rimastiintorno al virus vero e proprio al momento dell’esocitosi.Contiene anche alcune glicoproteine virali (Spikes o antirecettori), chefungono da primorecettore virale nei confronti delle cellule bersaglio.Svolge funzione di protezione, di riconoscimento antigenico(emoagglutinina del virus influenzale) e di penetrazione nella cellulaospite tramite il meccanismo di fusione con la membrana cellulare.Neuroaminidasi (budding)La presenza del pericapside rende ragione della sensibilità di alcunivirus ai disinfettanti organici (eteri, alcooli) in grado di sciogliere i lipidi.
  • 15. Spikes • Proteine protundenti dall’envelope, sono di origine virale • Riconoscono i recettori sulle cellule ospiti
  • 16. Non possedendo envelope e quindi spikes la capacità antirecettoriale dei virus nudi è legata alle proteine del Capside. Ristretta capacità codificante del genoma: capside limitato tipo di proteine, nei virus più piccoli un solo tipo.Le diverse subunità proteiche (protomeri) sono tenute insieme da legami non covalenti e possono disporsi (AUTOASSEMBLARSI) secondo strutture di tipo cubico-icosaedrico o elicoidale
  • 17. I virus si possono dividere in 2 gruppi in base alla simmetria del capside: A SIMMETRIA ELICOIDALE A SIMMETRIA ICOSAEDRICA
  • 18. Simmetria elicoidaleI protomeri si dispongono come igradini di una scala a chiocciola,seguendo l’andamento elicoidaledell’acido nucleico che vi è racchiuso,formando una sorta di bastoncello lacui lunghezza dipende dallalunghezza dell’ac.nucleico.
  • 19. Simmetria elicoidale: alcuni esempi… Questi virus si differenziano per Lunghezza Diametro Passo dell’elica N° di protomeri per spira. Rabies Virus Rabies Virus Tobacco Mosaic Virus
  • 20. Simmetria icosaedrica Capsidi più complessi! icosaedro solido regolare costituito da 20 facce a triangolo equilatero, 12 vertici, 30 spigoliLe catene polipeptidiche disposte sulla superficie di un icosaedro virutale formando un guscio isometrico Vi appartengono sia virus nudi che rivestiti I virus a DNA possiedono prevalentemente una simmetria di tipo icosaedrico, mentre quelli a RNA possono assumere entrambe le simmetrie
  • 21. Simmetria icosaedrica - -Come in un pallone da calcioi capsomeri che si associano ai vertici = struttura pentagonale (Pentoni)i capsomeri distribuiti sulla superficie = struttura esagonale (Esoni)In genere i Pentoni sono circondati da 5 Esoni (detti peripentonali)
  • 22. I virus nudi di origine animale hanno una simmetria esclusivamente di tipo icosaedrico. I virus con envelope possono avere il nucleocapside sia a simmetria elicoidale sia a struttura icosaedrica. I virus più grandi (come i Poxvirus) possono avere una struttura morfologica più complessa.
  • 23. Simmetria icosaedrica: alcuni esempi… Herpes virus parvovirus adenoviruspoliovirus
  • 24. Simmetria icosaedrica, nudo
  • 25. Simmetria elicoidale, nudo
  • 26. bA. Envelope, simmetria elicoidaleB. Envelope, simmetria icosaedrica
  • 27. Poliomavirus
  • 28. Poliovirus
  • 29. Genoma dei virus
  • 30. Il genoma dei virus• Contiene l’informazione genetica del virus e codifica per proteine strutturali eproteine funzionali• E’ costituito da un solo tipo di acido nucleico: DNA o RNA
  • 31. Genoma a DNA:Deossiribovirus • 30% dei virus animali genoma a DNA• Nella maggior parte dei virus a DNA, è a doppio filamento (sempre aploide), circolare o lineare• Eccezione: Parvovirus (singolo filamento lineare), Hepadnavirus (doppio filamento circolare, incompleto)• Trascrizione e replicazione avvengono nel nucleo (eccezione: poxvirus)
  • 32. Genoma a RNA: Ribovirus • 70% dei virus animali è ad RNA• Nella maggior parte dei virus a RNA, è a singolo filamento sempre lineare• Eccezione: Reovirus (RNA a doppio filamento segmentato), Orthomyxovirus (RNA singolo filamento, frammentato)• Replicazione e trascrizione: principalmente nel citosol
  • 33. Se il genoma del virus è a RNA, singolo filamento:L’ RNA a polarità positiva presenta alle estremità 5’ e 3’ delle sequenze analoghe a quelle degli mRNA della cellula ospite: vengono letti direttamente L’ RNA a polarità negativa funge da stampo per una trascrittasi virale (RNA polimerasi che compiono numerosi errori: elevata frequenza di mutazioni e variabilità tipica dei virus a RNA)
  • 34. Genomi virali a RNA ss• +ve (sense) and -ve (anti-sense) RNA genomes Positive AUG GCA CGA (sense) met ala arg Negative UAC CGU GCU (anti-sense)
  • 35. QuickTime™ e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  • 36. QuickTime™ e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  • 37. QuickTime™ e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  • 38. QuickTime™ e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  • 39. QuickTime™ e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  • 40. Classificazione di Baltimore•Gruppo I - virus a DNA a doppio filamento (dsDNA)•Gruppo II - virus a DNA a singolo filamento (ssDNA)•Gruppo III - virus a RNA a doppio filamento (dsRNA)•Gruppo IV - virus a RNA a singolo filamento a polarità + (ssRNA+)•Gruppo V - virus a RNA a singolo filamento a polarità - (ssRNA-)•Gruppo VI - virus a RNA a singolo filamento con capacità retrotrascrizionale(ssRNA RT)•Gruppo VII - virus a DNA a doppio filamento con capacità retrotrascrizionale(dsDNA RT)
  • 41. M2(ion channel) PB1, PB2, PA

×