Le strutture dell'italiano

4,561
-1

Published on

Ripetizione argomenti linguistica generale

0 Comments
7 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
4,561
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
7
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le strutture dell'italiano

  1. 1. Le strutture dell’italiano Italiano per la comunicazione 4 marzo 2011
  2. 2. Fonetica e fonologia <ul><li>Perch é è importante la fonetica per un comunicatore? </li></ul><ul><ul><li>I professionisti della comunicazione dovrebbero dominare la varietà neutra dell’italiano </li></ul></ul><ul><ul><li>Per evitare di commettere errori nella produzione dei testi </li></ul></ul>
  3. 3. Concetti fondamentali <ul><li>f òno </li></ul><ul><ul><li>la minima entità fonico-acustica della lingua </li></ul></ul><ul><li>fonema </li></ul><ul><ul><li>la minima entità con valore distintivo </li></ul></ul><ul><li>grafema </li></ul><ul><ul><li>segno grafico che riproduce i foni e i fonemi </li></ul></ul>
  4. 4. Il sistema fonologico dell’italiano <ul><li>Italiano standard: 30 fonemi </li></ul><ul><li>7 vocali </li></ul><ul><ul><li>un fono pronunciato senza che l’aria, uscendo dal canale orale, incontri ostacoli e con la vibrazione delle corde vocali </li></ul></ul><ul><li>21 consonanti </li></ul><ul><ul><li>foni prodotti dal passaggio non libero dell’aria attraverso il canale orale </li></ul></ul><ul><li>2 semiconsonanti </li></ul><ul><ul><li>[j] e [w] sono foni vicini alle due vocali corrispondenti [i], [u] di durata pi ù breve rispetto ad esse </li></ul></ul>
  5. 5. Il sistema vocalico dell’italiano
  6. 6. Il sistema vocalico: risvolti pratici <ul><li>Come si pronuncia? </li></ul><ul><ul><li>pesca, botte </li></ul></ul><ul><ul><li>[ ɛ] sette, pieno, sapendo, dovrebbe, stettero, cartella, partenza, miseria, minestra </li></ul></ul><ul><ul><li>[e] cena, fette, e (congiunzione), vedere, vedremo, vedevo, vedessi, chiaramente, cinese, timidezza, giuramento, giretto </li></ul></ul><ul><li>Come si scrive? </li></ul><ul><ul><li>è, caffè, tè </li></ul></ul><ul><ul><li>perché, affinché </li></ul></ul>
  7. 7. Il sistema vocalico: risvolti pratici <ul><li>Ambiguit à nella pronuncia: </li></ul><ul><li>è scappato con [‘l ɔ ro] / [‘loro] </li></ul><ul><li>i frutti della [‘p ɛ ska] / [‘peska] </li></ul><ul><li>domande da [‘p ɔ r ʧ i] / [‘por ʧ i] </li></ul><ul><li>ho una gran voglia di [‘te] / [t ɛ ] </li></ul>
  8. 8. Il sistema consonantico dell’italiano
  9. 9. Risvolti pratici: lunghe o brevi? <ul><li>Tra due vocali è sempre lunga: [ ʎ ] [ ɲ ] [ ʃ ] [ ʦ ] [ ʣ ] ( tagliare, impegno, lasciare, azione, azoto ) </li></ul><ul><li>Tra due vocali è sempre breve la fricativa sonora [z] (per es. uso ) </li></ul><ul><li>Valore distintivo: aprendo - apprendo </li></ul><ul><li>Come si pronuncia? </li></ul><ul><li>sabato, libri, vigile, la gente </li></ul>
  10. 10. Risvolti pratici: lunghe o brevi? <ul><li>“ la reggina ha messo il suo fisioterapista a disposizione di Beckam ” (Aldo Biscardi) </li></ul>
  11. 11. Un grafema due foni: s <ul><li>[s] sole; spaghetti, scherzo, studente, sfinito </li></ul><ul><li>[z] uso; smettere, sbaglio, sdentato, sgabello, sveglia </li></ul><ul><li>Tra due vocali: </li></ul><ul><ul><li>casa , base , inglese , francese </li></ul></ul><ul><ul><li>chiese, presento </li></ul></ul><ul><ul><li>risalire, affittasi, risentire, purosangue </li></ul></ul><ul><li>Con altre consonanti: </li></ul><ul><ul><li>corso, pulso, penso, inversione </li></ul></ul><ul><ul><li>scarpa, spaghetti </li></ul></ul>
  12. 12. Un grafema due foni: z <ul><li>[ ʦ ] azione, stazione, zuppa, avanzare, corazza, zecca, zucchero </li></ul><ul><li>[ ʣ ] zero, zodiaco, zona, zelo, zeta, mezzo, grezzo, zafferano, bazar </li></ul><ul><li>la z iniziale: [ ʣ ] pronuncia “moderna” </li></ul><ul><li>Come si pronuncia? </li></ul><ul><li>stanza, canzone, alzare, calza </li></ul>
  13. 13. Un grafema due foni: z <ul><li>Multicentrum </li></ul>
  14. 14. Fenomeni di fonetica sintattica <ul><li>Elisione </li></ul><ul><ul><li>Caduta della vocale finale davanti a parola iniziante per vocale. </li></ul></ul><ul><ul><li>Rappresentata graficamente con l’apostrofo: sull’autobus, un’amica, d’amore </li></ul></ul><ul><li>Troncamento </li></ul><ul><ul><li>Caduta della parte finale di una parola sua davanti a vocale sia davanti a consonante </li></ul></ul><ul><ul><li>Non è rappresentato dall’apostrofo: andar bene, vuol vedere, qual era quel cane fra Cristoforo </li></ul></ul><ul><ul><li>Eccezioni: po’ (poco), di’, da’, fa’, sta’, va’ (imperativi) </li></ul></ul>
  15. 15. L’accento <ul><li>Coppie minime: pr ìncipi - princìpi, àncora - ancòra </li></ul><ul><li>Accento grafico </li></ul><ul><ul><li>parole tronche bisillabe o polisillabe: virtù, generosità </li></ul></ul><ul><ul><li>alcuni monosillabi: giù, già, può, ciò, più </li></ul></ul><ul><ul><li>distinzione di significato: dà - da, dì - di, è - e, lì - li, là - la, né - ne, sé - se, sì - si, tè - te </li></ul></ul><ul><ul><li>accento grave: and ò, caffè </li></ul></ul><ul><ul><li>accento acuto: né, perché </li></ul></ul><ul><li>Doppia accentazione: edile, edema, mimesi, sclerosi </li></ul>
  16. 16. Gli esempi sono stati presi da: <ul><li>Costamagna, L., Fricativa, sibilante e continua , in “I t aliano e Oltre” 2001:3, 146-147. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Una consonante a statuto speciale , in “I t aliano e Oltre” 2001:4, 232-233. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Alzati, zio! , in “I t aliano e Oltre” 2001:5, 306-307. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Pranzi e pettegolezzi , in “I t aliano e Oltre” 2002:1, 54-55. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Ancora doppie , in “I t aliano e Oltre” 2002:2, 114-115. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Quante vocali ha l’italiano? , in “I t aliano e Oltre” 2002:3, 160-161. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., La pronuncia televisiva , in “I t aliano e Oltre” 2003:5, 278-290. </li></ul>
  17. 17. Dizionari di pronuncia <ul><li>http://www.dizionario.rai.it/ </li></ul><ul><li>Romagnoli, A. M. (1986/2006), La parola che conquista. Manuale di pronuncia e dizione per i “ p rofessionisti della parola ”, con CD Audio, Milano: Mursia. [Biblioteca comunale multimediale di Perugia] </li></ul><ul><li>Canepari, L. (1992/1999 2 ), Il MaPI: manuale di pronuncia italiana , con 2 audiocassette, Bologna: Zanichelli. [Biblioteca dell'Universit à per stranieri] </li></ul>
  18. 18. Morfologia e morfosintassi <ul><li>Morfema </li></ul><ul><ul><li>Elemento minimo portatore di significato </li></ul></ul><ul><ul><li>Per es. and- (senso del movimento), -av- (tempo imperfetto), -amo (prima persona plurale) </li></ul></ul><ul><li>Parti del discorso </li></ul><ul><ul><li>nome, articolo, aggettivo, pronome, verbo, avverbio, preposizione, congiunzione, interiezione </li></ul></ul>
  19. 19. Gli allocutivi <ul><li>Pronomi personali usati nel rivolgersi a qualcuno. </li></ul><ul><li>Forma confidenziale ( tu ), forma di cortesia ( lei ) </li></ul><ul><li>Al plurale, il voi si è imposto anche come plurale di lei; loro è molto formale e sostenuto </li></ul>
  20. 20. Gli allocutivi <ul><li>Lei si usa sia per rivolgersi a un uomo sia per rivolgersi a una donna </li></ul><ul><ul><li>Signor Ferri, la disturbo? Le dovrei chiedere una cosa. </li></ul></ul><ul><ul><li>Signor Giuseppe, so che lei è molto attent o a questioni del genere; </li></ul></ul><ul><ul><li>Signora Angela, so che lei è molto attent a a questioni del genere. </li></ul></ul><ul><ul><li>La S.V. è invitat a a presentarsi presso quest’ufficio per comunicazioni che La riguardano. </li></ul></ul>
  21. 21. I pronomi relativi <ul><li>che: funzione di soggetto o complemento oggetto diretto </li></ul><ul><ul><li>la donna che cucina è bravissima, il cane che ho trovato è spaventato </li></ul></ul><ul><li>il/la/i/le quale/i: funzione di soggetto quando che risulterebbe ambiguo </li></ul><ul><ul><li>non abbiamo potuto vedere la famosa cappella del duomo, la quale è in fase di restauro </li></ul></ul><ul><li>cui e il/la/i/le quale/i: preceduti dalle preposizioni </li></ul><ul><ul><li>l’argomento di cui stiamo parlando </li></ul></ul><ul><li>che “polivalente”: italiano popolare e trascurato </li></ul><ul><ul><li>il ragazzo che ho conosciuto la sorella </li></ul></ul>
  22. 22. Il lessico: concetti fondamentali <ul><li>lessico </li></ul><ul><li>lessicologia </li></ul><ul><li>lessicografia </li></ul><ul><li>semantica </li></ul><ul><li>lessema </li></ul><ul><li>insieme delle parole di una lingua </li></ul><ul><li>disciplina che studia il lessico </li></ul><ul><li>tecnica di composizione dei dizionari </li></ul><ul><li>settore del lessico relativo al significato e ai suoi meccanismi </li></ul><ul><li>unit à di base del lessico </li></ul>
  23. 23. La composizione del lessico italiano <ul><li>voci provenienti dal latino </li></ul><ul><li>neoformazioni </li></ul><ul><li>prestiti </li></ul>
  24. 24. Il bagaglio latino <ul><li>Parole provenienti dal latino volgare </li></ul><ul><li>DOMINAM > donna, FRIGIDUM > freddo, SPECULUM > specchio </li></ul><ul><li>Parole provenienti dal latino per via dotta </li></ul><ul><li>sapienza (‘200), repubblica, milite (‘300), insetto, pagina (‘400), molecola, scheletro (‘600), centripeto, centrifugo (‘700) </li></ul>
  25. 25. Neologismi <ul><li>I neologismi o neoformazioni sono parole formatesi da parole italiane gi à esistenti. </li></ul><ul><li>a) neologismi combinatori (derivazione, composizione) </li></ul><ul><li>b) neologismi lessicali </li></ul>
  26. 26. Neologismi combinatori: derivazione <ul><li>Derivazione: le nuove parole si formano da parole preesistenti con elementi aggiunti (affissi) all’inizio della parola (prefissi) o alla fine della parola (suffissi) </li></ul><ul><li>i prefissi pi ù produttivi nell’italiano di oggi : anti- (anticrisi), co- (cofinanziamento), de- (deburocratizzazione), mega- (meganegozio), mini- (minibomba), super- (superfondo), iper- (ipermoderno) </li></ul><ul><li>i suffissi pi ù produttivi nell’italiano di oggi: -ismo, -ista ( leghista ), -izzazione, -abile ( scannerizzabile ), - ese ( computerese ), - are ( drinkare ), - izzare (scannerizzare) </li></ul><ul><li>alterati: derivati con particolari suffissi che modificano il significato di base della parola, per es. diminutivi ( libretto ), accrescitivi ( librone ), peggiorativi ( libraccio ) </li></ul>
  27. 27. Neologismi combinatori: derivazione <ul><li>Confissi: prefissi e suffissi con un valore semantico pi ù denso dei normali prefissi e suffissi, usati spesso nella formazione dei termini tecnico-scientifici </li></ul><ul><li>prefissoidi: auto - ( automobile, autostrada, autorimessa ), bio - ( biosonda, biorepertorio ), euro - (e urorisparmiatore ), tele - ( televisione, telelavoro, telegiornale ) </li></ul><ul><li>suffissoidi: - crazia ( infantocrazia ), - mania ( lottomania ), - poli ( assentopoli , premiopoli ) </li></ul>
  28. 28. Neologismi combinatori: composizione <ul><li>Composizione: l’unione di pi ù parole per formare una parola nuova. </li></ul><ul><li>cassaforte, cavatappi, chiaroscuro </li></ul><ul><li>Polirematiche: accostamento di due o pi ù parole per formare un’unit à semantica. </li></ul><ul><li>ferro da stiro, permesso di soggiorno, politicamente corretto, zona di non volo </li></ul>
  29. 29. Neologismi lessicali <ul><li>Neologismi semantici: voci preesitenti acquisiscono nuovi significati </li></ul><ul><li>manovra (linguaggio politico), rete , navigatore, allegato (informatica) </li></ul>
  30. 30. Neologismi <ul><li>Onomatopee </li></ul><ul><ul><li>Le voci onomatopeiche si formano imitando suoni o rumori. </li></ul></ul><ul><ul><li>toc-toc, bip, miagolare, ronzio, abbaiare </li></ul></ul><ul><li>Antonomasie </li></ul><ul><ul><li>Formazione di un nome comune da un nome proprio </li></ul></ul><ul><ul><li>adone, cicerone, casanova, sandwich </li></ul></ul>
  31. 31. Prestiti <ul><li>Prestiti: voci provenienti da altre lingue o da altre variet à </li></ul><ul><ul><li>prestiti integrati: adattati al sistema fono-morfologico della lingua, come bistecca, chattare </li></ul></ul><ul><ul><li>prestiti non integrati: conservati nella loro forma originale, come champaigne , hardware </li></ul></ul><ul><li>calco </li></ul><ul><ul><li>calco semantico: una parola della lingua accogliente acquisisce il significato di una parola straniera, come realizzare ‘rendersi conto’ dall’inglese to realize </li></ul></ul><ul><ul><li>calco strutturale: si forma con elementi indigeni una parola composta copiando una parola straniera: luna di miele da honey-moon , grattacielo da skyscraper </li></ul></ul>
  32. 32. Prestiti <ul><li>Dialettalismi o regionalismi </li></ul><ul><ul><li>Parole o espressioni originatesi nelle diverse variet à linguistiche d’Italia e penetrate nella lingua standard. </li></ul></ul><ul><ul><li>Numerosi termini sono legati a usi e costumi, specie nella gastronomia. </li></ul></ul><ul><li>Da dove vengono? </li></ul><ul><ul><li>mozzarella, pizza </li></ul></ul><ul><ul><li>grissino </li></ul></ul><ul><ul><li>panettone , gorgonzola </li></ul></ul><ul><ul><li>cassata , mafia </li></ul></ul>
  33. 33. Anglicismi nella lingua italiana <ul><li>L’inglese ha un ruolo di primo piano nel fornire vocaboli, espressioni, nomenclature, comportamenti linguistici. </li></ul><ul><li>Settori: i linguaggi tecnico-scientifici, il linguaggio pubblicitario, ma anche le parole comuni della societ à dei consumi. </li></ul>
  34. 34. Italiano - inglese 1 a 1? <ul><li>Gualdo, R., Giovanardi, C. & Coco, A. (2008), Italiano-inglese 1 a 1. Tradurre o non tradurre le parole inglesi? , Lecce: Manni. </li></ul><ul><li>Proposte di traduzione italiana di 150 anglicismi </li></ul><ul><ul><li>wallpaper – sfondo, web – rete, home page – pagina iniziale, nickname – pseudonimo, spam – spazzatura, blog – diario in rete, browser – navigatore, cookie – biscottino </li></ul></ul><ul><ul><li>bipartisan – bipolare, exit poll – sondaggio a caldo, question time – botta e risposta </li></ul></ul><ul><ul><li>day hospital – ospedale in giornata, pet therapy – cuccioloterapia </li></ul></ul><ul><ul><li>city car – auto da citt à , outing – ammissione pubblica, piercing – perforazione ornamentale, trendy – di tendenza, wellness – benessere </li></ul></ul>
  35. 35. Fascino dei prestiti integrali <ul><li>Perch é preferiamo usare parole inglesi? </li></ul><ul><li>Parole simbolo del tempo in cui viviamo: no global, wireless , reality show , e-mail, e-learning, e-business </li></ul><ul><li>Prestigio, fascino legato allo status: sono sentite come parole tecniche, scientifiche, autorevoli, divertenti, alla moda </li></ul>
  36. 36. Fascino della pronuncia inglese <ul><li>La pronuncia inglese viene estesa ogni tanto anche a parole che inglesi non sono! </li></ul><ul><li>nomi propri: Michael Schumacher (pronunciato M àicol ) </li></ul><ul><li>parole provenienti dal greco o dal latino: media (pronunciato midia ), climax (pronunciato claimax ) </li></ul><ul><li>e nella scrittura: out out (per aut aut ), Agnus day (per Agnus Dei ) </li></ul>
  37. 37. L’effetto dei media sulla lingua <ul><li>Fortissima presenza di anglicismi integrali nella stampa italiana, ma anche nella lingua dell’informazione e dell’intrattenimento radiotelevisivi e in quella della pubblicit à e della propaganda politica. </li></ul><ul><li>L’italiano dei mezzi di comunicazione rischia di condizionare pesantemente la lingua di tutti i giorni </li></ul>
  38. 38. Bibliografia <ul><li>Bonomi, I. et al. (2010 2 ), Elementi di linguistica italiana , Roma: Carocci, pp. 85-113, 137-147. </li></ul><ul><li>Approfondimento: </li></ul><ul><ul><li>Trifone, P. (2007), Malalingua. L’italiano scorretto da Dante a oggi , Bologna: il Mulino, pp. 185-190. </li></ul></ul><ul><ul><li>Antonelli, G. (2007), L’italiano nella societ à della comunicazione , Bologna: il Mulino, pp. 13-20. </li></ul></ul>

×