Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Dalla frammentazione linguistica medievale al primato del fiorentino letterario Italiano per la comunicazione 23/03/2011
Storia della lingua italiana <ul><li>storia interna  </li></ul><ul><ul><li>l’evoluzione delle forme linguistiche </li></ul...
Fasi della storia della lingua italiana <ul><li>L’affermazione del primato del fiorentino letterario: dalla prima document...
Perch é il fiorentino? <ul><li>circostanze esterne </li></ul><ul><ul><li>supremazia di Firenze sulle altre città della Tos...
Particolarit à della storia - caratteristiche della lingua <ul><li>La letterariet à   </li></ul><ul><ul><li>l’italiano si ...
Particolarit à della storia - caratteristiche della lingua <ul><li>L’italiano è stata  una lingua prevalentemente scritta ...
Particolarit à della storia - caratteristiche della lingua <ul><li>stabilit à  diacronica rispetto alle altre lingue europ...
Quando inizia la storia della lingua italiana? <ul><li>Già in età imperiale si affermano nel  latino parlato  mutamenti im...
Indovinello veronese (fine VIII - inizio IX sec.) <ul><li>separebabouesalbaprataliaaraba&alboversoriotenebae&negrosemensem...
L’avvio delle  scriptae  volgari <ul><li>la  riforma carolingia , la restaurazione del latino classico aumenta il distacco...
L’avvio delle  scriptae  volgari: ambienti e figure <ul><li>i notai: dovevano continuamente tradurre da una lingua all’alt...
Iscrizione della Catacomba di Commodilla (IX sec. p.m.) <ul><li>Raddoppiamento fonosintattico: a  b boce </li></ul><ul><li...
Iscrizione di San Clemente (fine IX sec. ) <ul><li>San Clemente: duritiam cordis vestris saxa trahere meruistis </li></ul>...
Il Placito capuano (960) <ul><li>uso  consapevole del volgare in un documento ufficiale </li></ul><ul><li>verbale scritto ...
Il volgare nei testi pratici <ul><li>in Toscana ricca documentazione gi à nel Duecento, per es. lettere mercantili </li></...
Il volgare nei testi letterari in prosa <ul><li>Novellino  di un anonimo autore fiorentino </li></ul><ul><li>In area venet...
Il volgare nei testi letterari in prosa <ul><li>Racconto storiografico e della cronaca: </li></ul><ul><li>Volgarizzamento ...
La formazione della lingua poetica <ul><li>fine del XII e i primi del XIII Ritmi anonimi: il ritmo laurenziano (toscano), ...
La scuola siciliana <ul><li>Si forma attorno alla corte di Federico II nel Duecento </li></ul><ul><li>Ripropone temi, imma...
Il Contrasto di Cielo d’Alcamo (1231-1250) <ul><li>Rosa fresca aulentis[s]ima   ch'apari inver' la state, </li></ul><ul><l...
La scuola siculo-toscana <ul><li>In Toscana nella seconda met à  del Duecento: canzonieri in cui venivano trascritte le ri...
Lo Stilnovo <ul><li>I poeti dello Stilnovo (Guinizelli, Cino da Pistoia, Cavalcanti, Lapo Gianno, Dante) innovano le temat...
Dante e la riflessione sul volgare <ul><li>La prima riflessione teorica e storica sul volgare e sulla tradizione di poesia...
Dante e la riflessione sul volgare <ul><li>Il  Convivio  (1304-7) affronta il problema del rapporto tra volgare e latino. ...
Il volgare e le ‘tre corone’ <ul><li>Le ‘tre corone’ attraverso le loro opere di indiscusso valore letterario e di larga d...
La  Commedia  di Dante (1304-1321) <ul><li>Il poema ebbe subito una grande fortuna e popolarit à : veniva diffuso anche or...
La  Commedia  di Dante <ul><li>Straordinaria ricchezza espressiva, dovuta alla pluralit à  e alla mescolanza degli stili: ...
Il Canzoniere di Petrarca (1336-1375) <ul><li>Attraverso la rielaborazione linguistica del  Canzoniere , Petrarca svolge u...
Il Decameron di Boccaccio (1370) <ul><li>L’opera inaugura il genere della prosa narrativa di intrattenimento  </li></ul><u...
Il Decameron di Boccaccio (1370) <ul><li>Boccaccio sperimenta una serie di strategie per riprodurre e caratterizzare i reg...
Bibliografia <ul><li>Bonomi, I. et al. (2010 2 ),  Elementi di linguistica italiana , Roma: Carocci, pp. 189-210. </li></u...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Primato del fiorentino letterario

4,518 views

Published on

Lezioni Italiano per la comunicazione

Published in: Education

Primato del fiorentino letterario

  1. 1. Dalla frammentazione linguistica medievale al primato del fiorentino letterario Italiano per la comunicazione 23/03/2011
  2. 2. Storia della lingua italiana <ul><li>storia interna </li></ul><ul><ul><li>l’evoluzione delle forme linguistiche </li></ul></ul><ul><li>storia esterna </li></ul><ul><ul><li>le vicende storico-culturali che hanno determinato i cambiamenti </li></ul></ul>
  3. 3. Fasi della storia della lingua italiana <ul><li>L’affermazione del primato del fiorentino letterario: dalla prima documentazione di testi in volgare alla fine del Trecento. </li></ul><ul><li>La codificazione dell’italiano e la sua espansione in ambiti scritti: il periodo che va dalla fine del Trecento all’unificazione politica. </li></ul><ul><li>La diffusione dell’italiano come lingua parlata: dall’Unit à all’et à contemporanea. </li></ul>
  4. 4. Perch é il fiorentino? <ul><li>circostanze esterne </li></ul><ul><ul><li>supremazia di Firenze sulle altre città della Toscana </li></ul></ul><ul><ul><li>fortuna politica ed economica dalla fine del Duecento: scambi commerciali e mercantili con altre regioni, rapporti politici e amministrativi </li></ul></ul><ul><ul><li>prestigio e diffusione dei prodotti culturali, correnti artistiche e presenza di artisti </li></ul></ul><ul><ul><li>prestigio letterario grazie all’opera delle ‘tre corone’: Dante, Petrarca, Boccaccio </li></ul></ul><ul><li>circostanze interne </li></ul><ul><ul><li>vicinanza del tipo linguistico fiorentino al latino: conservazione delle vocali finali, assenza di vocali turbate e di metafonia </li></ul></ul><ul><ul><li>posizione geografica: posizione mediana tra le parlate italiane </li></ul></ul>
  5. 5. Particolarit à della storia - caratteristiche della lingua <ul><li>La letterariet à </li></ul><ul><ul><li>l’italiano si è codificato sulla base di modelli letterari esemplari </li></ul></ul><ul><ul><li>è diventato anche una grande lingua di cultura in Europa </li></ul></ul><ul><ul><li>si è adattata faticosamente agli impieghi non letterari, pratici, scientifici, civili </li></ul></ul>
  6. 6. Particolarit à della storia - caratteristiche della lingua <ul><li>L’italiano è stata una lingua prevalentemente scritta fino all’unificazione politica. </li></ul><ul><li>La comunicazione viva e parlata avveniva anche per le classi colte in dialetto . </li></ul><ul><li>Solo dopo l’unificazione l’italiano diventa una lingua parlata dalla quasi totalità della nazione. </li></ul>
  7. 7. Particolarit à della storia - caratteristiche della lingua <ul><li>stabilit à diacronica rispetto alle altre lingue europee </li></ul><ul><li>disomogeneit à diatopica, frammentazione delle variet à </li></ul><ul><li>bilinguismo diffuso, vitalit à dei dialetti </li></ul>
  8. 8. Quando inizia la storia della lingua italiana? <ul><li>Già in età imperiale si affermano nel latino parlato mutamenti importanti </li></ul><ul><li>Il distacco tra la lingua scritta della cultura e i volgari avviene non prima del VII-VIII secolo </li></ul><ul><ul><li>Si presuppone una diglossia latino - volgare : il latino era la lingua alta usata da una minoranza colta e il volgare era la lingua bassa, l’unica lingua usata dagli incolti </li></ul></ul><ul><li>Le prime attestazioni scritte in volgare = consapevolezza di un sistema linguistico nuovo e autonomo rispetto al latino </li></ul><ul><ul><li>IX - X sec. primi testi scritti con intenti pratici </li></ul></ul><ul><ul><li>fine XII - inizio XIII sec. testi nati con intenzioni letterarie </li></ul></ul>
  9. 9. Indovinello veronese (fine VIII - inizio IX sec.) <ul><li>separebabouesalbaprataliaaraba&alboversoriotenebae&negrosemenseminaba gratiastibiagimusomnip[oten]ssempiterned[eu]s </li></ul><ul><li>‘ Si sp ingeva i buoi, arava campi bianchi e teneva un aratro bianco e seminava seme nero rendiamo grazia a te onnipotente sempiterno Dio’ </li></ul>
  10. 10. L’avvio delle scriptae volgari <ul><li>la riforma carolingia , la restaurazione del latino classico aumenta il distacco </li></ul><ul><li>si formano gruppi e classi sociali che sviluppano una cultura al di fuori della tradizione latina e spesso anche al di fuori dell’influenza della Chiesa </li></ul><ul><li>si forma una borghesia cittadina (XIII sec.), dedita agli affari che diffonde una scrittura in volgare di carattere pratico </li></ul>
  11. 11. L’avvio delle scriptae volgari: ambienti e figure <ul><li>i notai: dovevano continuamente tradurre da una lingua all’altra </li></ul><ul><li>i mercanti: di solito non conoscevano il latino, ma sapevano scrivere e far di conto e dovevano usare il volgare per esigenze pratiche (conti, corrispondenza) </li></ul><ul><li>i religiosi: dovevano farsi capire anche dagli illitterati </li></ul>
  12. 12. Iscrizione della Catacomba di Commodilla (IX sec. p.m.) <ul><li>Raddoppiamento fonosintattico: a b boce </li></ul><ul><li>Betacismo: VOCE(M) diventa boce </li></ul><ul><li>Formazione dell’articolo: ILLE (ILLU(M)) > it. il e lo </li></ul>‘ Non pronunciare le orazioni segrete a voce alta’
  13. 13. Iscrizione di San Clemente (fine IX sec. ) <ul><li>San Clemente: duritiam cordis vestris saxa trahere meruistis </li></ul><ul><li>Servi: Falite dereto colo palo Carvoncelle. Albertel Gosmari tr àite. </li></ul><ul><li>Sisinnio (persecutore del santo): Fili de le pute tr àite </li></ul>
  14. 14. Il Placito capuano (960) <ul><li>uso consapevole del volgare in un documento ufficiale </li></ul><ul><li>verbale scritto in latino in cui il giudice accerta il diritto al possesso di alcune terre da parte del monastero di Montecassino sulla base di testimonianze trascritte in formule volgari </li></ul><ul><li>Ille autem, tenens in manum memoratam abbreviaturam, et tetigit eam cum alia manu, et testificando dixit: “Sao ko kelle terre, per kelle fini que ki contene, trenta anni le possette parte s(an)c(t)i Benedicti”. </li></ul>
  15. 15. Il volgare nei testi pratici <ul><li>in Toscana ricca documentazione gi à nel Duecento, per es. lettere mercantili </li></ul><ul><li>nell’ambito della scuola e dell’università: </li></ul><ul><ul><li>Gemma purpurea (un prontuario per scrivere lettere) del bolognese Guido Faba </li></ul></ul><ul><ul><li>Rettorica del fiorentino Brunetto Latini </li></ul></ul>
  16. 16. Il volgare nei testi letterari in prosa <ul><li>Novellino di un anonimo autore fiorentino </li></ul><ul><li>In area veneta e toscana traduzioni dal francese: Tristano, Tavola ritonda </li></ul><ul><li>La letteratura devota in volgare : volgarizzmento siciliano Libru di li vitii e di li virtuti </li></ul>
  17. 17. Il volgare nei testi letterari in prosa <ul><li>Racconto storiografico e della cronaca: </li></ul><ul><li>Volgarizzamento napoletano Libro de la destructione de Troya (XIV sec.) </li></ul><ul><li>Cronica di Anonimo Romano (met à XIV sec.). La Cronica è rivolta a un pubblico laico, che non sa il latino: </li></ul><ul><ul><li>omne iente la quale simplicemente leiere sao, come soco vulgari mercatanti e aitra moita bona iente la quale per lettera non intenne </li></ul></ul><ul><ul><li>‘ ogni gente la quale semplicemente sa leggere, come sono mercanti volgari e altra molta buona gente la quale per lettera [in latino] non capisce’ </li></ul></ul>
  18. 18. La formazione della lingua poetica <ul><li>fine del XII e i primi del XIII Ritmi anonimi: il ritmo laurenziano (toscano), il ritmo marchigiano di S. Alessio, il ritmo cassinese (Montecassino) </li></ul><ul><li>Cantico di frate sole di Francesco d’Assisi in volgare umbro (1220) </li></ul><ul><ul><li>Altissimu, onnipotente, bon Signore, </li></ul></ul><ul><ul><li>tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione. </li></ul></ul><ul><ul><li>‘ Altissimo, onnipotente, buon Signore / tue sono le lodi, la gloria e l’onore, e ogni benedizione’ </li></ul></ul>
  19. 19. La scuola siciliana <ul><li>Si forma attorno alla corte di Federico II nel Duecento </li></ul><ul><li>Ripropone temi, immagini e repertorio stilistico della poesia trobadorica </li></ul><ul><li>Giacomo da Lentini, Guido delle Colonne, Re Enzo, Rinaldo d’Aquino, Stefano Protonotaro. </li></ul>
  20. 20. Il Contrasto di Cielo d’Alcamo (1231-1250) <ul><li>Rosa fresca aulentis[s]ima ch'apari inver' la state, </li></ul><ul><li>le donne ti disiano, pulzell' e maritate: </li></ul><ul><li>tr àg e mi d'este focora, se t'este a bolontate; </li></ul><ul><li>per te non ajo abento notte e dia, </li></ul><ul><li>penzando pur di voi, madonna mia. </li></ul><ul><li>‘ Rosa fresca odorosissima che appari verso l’estate </li></ul><ul><li>le donne ti invidiano, vergini e sposate: </li></ul><ul><li>traimi da questi fuochi se ti è a volont à ; </li></ul><ul><li>per te non ho riposo notte e giorno, </li></ul><ul><li>pensando solo a voi, madonna mia’ </li></ul>
  21. 21. La scuola siculo-toscana <ul><li>In Toscana nella seconda met à del Duecento: canzonieri in cui venivano trascritte le rime dei poeti siciliani </li></ul><ul><li>La scuola siculo-toscana (Guittone d’Arezzo, Chiaro Davanzati, Monte Andrea, Compiuta Donzella) si nutr e dell’imitazione della maniera siciliana </li></ul>
  22. 22. Lo Stilnovo <ul><li>I poeti dello Stilnovo (Guinizelli, Cino da Pistoia, Cavalcanti, Lapo Gianno, Dante) innovano le tematiche amorose; trasfigurano le forme linguistiche della lirica siculo-toscana ed elaborano una lingua raffinata, illustre. </li></ul><ul><li>Questa forma di sublimazione letteraria del tosco-fiorentino favorisce la penetrazione dei modelli toscani in altre regioni, in concomitanza di altri fattori (cfr. slide 4). </li></ul>
  23. 23. Dante e la riflessione sul volgare <ul><li>La prima riflessione teorica e storica sul volgare e sulla tradizione di poesia volgare: De vulgari Eloquentia (1303-1305) </li></ul><ul><li>Dante individua quattordici variet à principali di volgari parlati nella Penisola, nessuno dei quali è identificato nel volgare illustre. </li></ul><ul><li>Il volgare ideale appartiene a tutt’Italia. Deve essere: </li></ul><ul><ul><li>illustre (raffinato letterariamente) </li></ul></ul><ul><ul><li>cardinale (attorno ai suoi cardini si muovono le variet à volgari) </li></ul></ul><ul><ul><li>aulico (degno dell’aula, la reggia) </li></ul></ul><ul><ul><li>curiale (degno della curia, il tribunale supremo) </li></ul></ul>
  24. 24. Dante e la riflessione sul volgare <ul><li>Il Convivio (1304-7) affronta il problema del rapporto tra volgare e latino. </li></ul><ul><li>Ammette la superiorità del latino in quanto più stabile e regolare, ma giudica il volgare accessibile a un più largo pubblico. </li></ul><ul><ul><li>Questo sarà luce nuova, sole nuovo, lo quale surgerà dove l’usato tramonterà, e darà lume a coloro che sono in tenebre e in oscuritade, per lo usato sole che a loro non luce ( Convivio I, 12.12). </li></ul></ul>
  25. 25. Il volgare e le ‘tre corone’ <ul><li>Le ‘tre corone’ attraverso le loro opere di indiscusso valore letterario e di larga diffusione contribuirono a </li></ul><ul><ul><li>innalzare letterariamente il fiorentino </li></ul></ul><ul><ul><li>farle acquistare dignit à </li></ul></ul><ul><ul><li>espandere la lingua di Firenze fuori dalla Toscana </li></ul></ul><ul><ul><li>decretarne quindi il primato tra i volgari della Penisola </li></ul></ul>
  26. 26. La Commedia di Dante (1304-1321) <ul><li>Il poema ebbe subito una grande fortuna e popolarit à : veniva diffuso anche oralmente, letto e commentato, recitato a memoria e cantato, in privato e in pubblico, anche tra la gente umile. </li></ul>
  27. 27. La Commedia di Dante <ul><li>Straordinaria ricchezza espressiva, dovuta alla pluralit à e alla mescolanza degli stili: </li></ul><ul><ul><li>lingua colta e media e a quella plebea, il fiorentino arcaizzante e quello innovativo, </li></ul></ul><ul><ul><li>forme non fiorentine: sicilianismi, latinismi, gallicismi </li></ul></ul>
  28. 28. Il Canzoniere di Petrarca (1336-1375) <ul><li>Attraverso la rielaborazione linguistica del Canzoniere , Petrarca svolge un ruolo di nobilitazione letteraria del fiorentino, con il filtraggio e la consacrazione definitiva delle forme da lui usate </li></ul><ul><li>Il Canzoniere petrarchesco offre un modello linguistico alto e selettivo per i rimatori successivi, determinante per l’unificazione della lingua poetica </li></ul>
  29. 29. Il Decameron di Boccaccio (1370) <ul><li>L’opera inaugura il genere della prosa narrativa di intrattenimento </li></ul><ul><li>Rivolto a un pubblico ampio, anche non letterato, prevalentemente femminile e fu subito largamente diffuso attraverso gli ambienti mercantili </li></ul>
  30. 30. Il Decameron di Boccaccio (1370) <ul><li>Boccaccio sperimenta una serie di strategie per riprodurre e caratterizzare i registri colloquiali e il parlato (variet à basse e volgari diversi) . </li></ul><ul><li>Nel Cinquecento fu eletto a modello soprattutto per lo stile elevato che caratterizza le cornici e le novelle ‘tragiche’ della X giornata. </li></ul><ul><li>Il modello boccacciano costitu ì per secoli una ‘marca’ distintiva della prosa elevata, anche in generi diversi da quello narrativo. </li></ul>
  31. 31. Bibliografia <ul><li>Bonomi, I. et al. (2010 2 ), Elementi di linguistica italiana , Roma: Carocci, pp. 189-210. </li></ul><ul><li>Bruni, F. (2007), L’italiano letterario nella storia , Bologna: il Mulino, pp. 15-56 </li></ul><ul><li>Marazzini, C. (2004), Breve storia della lingua italiana , Bologna: il Mulino, pp. 39-89. </li></ul><ul><li>Marazzini, C. (2006), La storia della lingua italiana attraverso i testi , Bologna: il Mulino, pp. 27-86. </li></ul>

×