Salute mentale luc

1,487 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,487
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
88
Actions
Shares
0
Downloads
20
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Salute mentale luc

  1. 1. Istituto di istruzione secondaria superiore “IISS O. Notarangelo – G. rosati” Docente: Prof.ssa Leonarda Malgieri Alunna: Lucia Di Pierro Anno scolastico 2013/2014 Classe V C Economo Dietista
  2. 2. Secondo la definizione dell' OMS (WHO) , la salute mentale è uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all'interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell'ambiente, adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni.
  3. 3. Antonio d'Amore, Psicologo e Psicoterapeuta, con l'espressione: salute mentale fa riferimento ad una condizione in cui le funzioni mentali sono in un buono stato tale da garantire lo svolgimento di attività produttive, l'instaurarsi di relazioni sociali soddisfacenti, la capacità di adattamento ai cambiamenti e la capacità di fronteggiare le situazioni avverse . malattia mentale, invece, fa riferimento all'insieme di quelle condizioni, i disturbi mentali, caratterizzate da alterazioni nei pensieri, nei comportamenti e/o nell'umore, accompagnate da sofferenza e, in alcuni casi da deterioramento delle funzioni mentali.
  4. 4. A determinare lo sviluppo di un comportamento patologico è la presenza di un particolare "fattore di rischio". Il Diagnostic and Statistical Manual of mental disorders («Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali»), noto anche con l’acronimo DSM Consiste in una classificazione "nosografica ateorica assiale" dei disturbi mentali. I disturbi mentali vengono definiti in base a quadri sintomatologici, e quest'ultimi sono raggruppati su basi statistiche .
  5. 5. I principali fattori di rischio implicati nei disturbi mentali sono: -danni provocati da abuso di alcol, droghe o tabacco, durante la gravidanza; -peso basso (indice di sofferenza fetale) alla nascita; -carattere difficile o predisposizione ereditaria ad un disturbo mentale; -povertà, deprivazione e abbandono; -violenze fisiche o abuso sessuale; -rapporti insoddisfacenti con gli altri; -presenza di familiari con disturbi mentali; -esposizione ad eventi traumatici. L'infanzia, la fanciullezza e l'adolescenza sono età critiche per l'acquisizione ed il mantenimento di un adeguato stato di salute mentale.
  6. 6. Gli eventi stressanti più comuni, correlati con i disturbi mentali che hanno origine nell'adulto, sono: -divorzi; -lutti; -incidenti o traumi gravi; -rapporti fortemente conflittuali in famiglia o al lavoro; -malattie croniche; E' bene sottolineare, però, che non tutti coloro i quali sono esposti a situazioni stressanti automaticamente sviluppano un disturbo mentale, molto è legato alla "vulnerabilità" (o predisposizione) sia dal punto di vista biologico, che psicologico e sociale.
  7. 7. Prevenzione primaria, non è sempre praticabile, poiché le cause del disturbo psichico sono profondamente connesse con le radici e le modalità dell’organizzazione sociale, non serve contare soltanto sul progresso scientifico e tecnico, ma sono indispensabili un complesso di cambiamenti economici e socioculturali di vasta portata, che consentano di affrontare la malattia dell’individuo congiuntamente alla promozione della salute nella collettività. Invece, è quasi sempre possibile intervenire nell’ambito della prevenzione secondaria e terziaria.
  8. 8. Gli specialisti concordano sul fatto che la cura debba avvalersi di strumenti diversi a seconda del tipo e della fase del disturbo, ma quasi sempre per ottenere risultati ottimali è necessario utilizzare in modo integrato i diversi strumenti terapeutici.
  9. 9. Si distinguono cinque categorie di patologie: -disturbi dell'umore -disturbi d'ansia -disturbi alimentari -disturbi di personalità -disturbi sessuali
  10. 10. Lo stress è una reazione fisica ed emotiva di cui ognuno fa esperienza quando affronta cambiamenti nella propria vita, queste reazioni possono avere effetti positivi o negativi. -Lo stress ha effetti positivi quando ci rende capaci di affrontare in modo costruttivo i problemi quotidiani e di accettare le sfide -Ha effetti negativi quando diventa continuo: tali effetti negativi possono portare a depressione
  11. 11. Situazione di stress protratto, in ambito lavorativo. Sintomi fisici del burnout Il burnout si manifesta con i seguenti sintomi che si possono presentare in forme e momenti diversi: stanchezza, necessità di dormire, irritabilità, dolore alla schiena, cefalea, stanchezza agli arti inferiori, dolori viscerali, diarrea, inappetenza, nausea, vertigini, dolori al petto, alterazioni circadiane, crisi di affanno, crisi di pianto.
  12. 12. La depressione è qualcosa di più profondo del sentirsi tristi. È un disturbo dell’umore che può interferire con la vita di ogni giorno. Ci sono sei tipi di depressione: depressione maggiore, depressione atipica, distimia, depressione post-parto, disturbo disforico premestruale e disordine affettivo stagionale. La depressione con mania è nota come disturbo bipolare o depressione maniacale.
  13. 13. Le persone depresse vengono spesso descritte come “tristi”. Si tratta di individui che provano una tristezza opprimente e l’incapacità di essere felici. Questa sensazione può penetrare ogni ambito della loro quotidianità.
  14. 14. Alcune persone che soffrono di depressione vivono momenti di rabbia e irritabilità. Queste persone sono insoddisfatte della loro vita e delle loro attività, e possono trovare difetti anche nelle cose e nelle persone che prima li rendevano felici.
  15. 15. Le persone depresse possono diventare frustrate anche a causa di cose banali e quotidiane. Si potrebbe trattare di eventi insignificanti, come il non trovare nulla di interessante in televisione. I depressi possono inoltre sentirsi frustrati con loro stessi o con le persone care.
  16. 16. Concentrarsi sulle piccole questioni Le persone depresse tendono a concentrarsi su questioni irrilevanti. Questi piccoli problemi possono creare in loro notevoli disturbi perché i depressi non sono in grado di vedere la situazione da un’altra prospettiva. Le persone depresse tendono a concentrarsi su questioni irrilevanti. Questi piccoli problemi possono creare in loro notevoli disturbi perché i depressi non sono in grado di vedere la situazione da un’altra prospettiva.
  17. 17. Alcune persone depresse sembrano incapaci di divertirsi o di provare appagamento. Questi individui possono trascorrere del tempo piacevole ma, quando finisce, tornano in un pessimo stato d’animo.
  18. 18. Gli individui depressi possono sentire sintomi fisici che provocano un’incapacità di godere del piacere che prima Gli individui depressi possono sentire sintomi fisici che provavano durante il sesso. provocano un’incapacità di godere del piacere che prima provavano durante il sesso.
  19. 19. I depressi possono perdere interesse nelle loro normali attività quotidiana. Si può trattare di una semplice mancanza di voglia di andare al lavoro o più pericolosamente della voglia di prendere medicine a sproposito.
  20. 20. Alcune persone affette da depressione trascorrono le notti in stato di preoccupazione, soffrono di insonnia e possono arrivare a far ricorso a sonniferi o a bere alcolici per poter riposare.
  21. 21. Gli individui depressi possono anche dormire eccessivamente: potrebbero non voler scendere dal letto, voler passare ore sdraiati e addormentarsi in momenti inappropriati.
  22. 22. Spesso, le persone depresse mangiano troppo, consolandosi con gelato e cibo da fast food. Il mangiare rilascia sostanze chimiche piacevoli nel cervello e fa stare temporaneamente meglio. Questa sensazione, però, non dura.
  23. 23. Alcune persone depresse perdono l’appetito. Questo può essere causato dall’ansia e dalla sensazione di nausea. I depressi possono anche peggiorare le loro abitudini alimentari distruttive alla ricerca di una forma di controllo su una parte del loro mondo.
  24. 24. Gli individui depressi possono sentirsi inquieti, come se volessero fare qualcosa senza sapere esattamente cosa. Questo stato può provocare movimenti incontrollati del piede e tic nervosi. Queste persone possono, inoltre, avere scarsa capacità di attenzione e passare da un’attività all’altra senza apprezzare davvero quel che fanno.
  25. 25. Chi è depresso può arrabbiarsi facilmente. Non comprendendo cosa sta accadendo alla loro mente, i depressi possono sentirsi impotenti. Questa sensazione può causare scoppi d’ira in momenti inappropriati e nei confronti di persone che non lo meritano.
  26. 26. Alcune persone affette da depressione possono avere un processo cognitivo rallentato e dimenticare rapidamente cosa stavano dicendo o facendo. Per un giovane, questo può causare difficoltà a scuola.
  27. 27. Gli individui depressi possono anche mostrare rallentamenti nel movimento e avere difficoltà a camminare con la solita velocità. Se avevano l’abitudine di tenersi in forma, queste persone possono non voler più fare esercizio.
  28. 28. Le persone depresse possono diventare indecise in quanto sono convinte che non esiste un’attività che li renderà felici. Di conseguenza, i depressi non sanno scegliere cosa fare.
  29. 29. Alcune persone affette da depressione tendono a distrarsi facilmente. Nessuna attività riesce a far mantenere loro la concentrazione: potrebbero trascorrere ore guardando la televisione o navigando in internet quando, invece, dovrebbero lavorare o concentrarsi su altri compiti.
  30. 30. Gli individui depressi possono mostrare segni di scarsa concentrazione. Lo studio, in questo caso, può diventare particolarmente difficoltoso. I depressi possono guardare nel vuoto per ore invece di concentrarsi su un compito.
  31. 31. Le persone che sono depresse possono lamentare grande fatica. Questo potrebbe essere causato dal sonno inadeguato. Questi individui vogliono dormire perché non hanno la volontà di fare altro.
  32. 32. Alcune persone depresse riferiscono una perdita di energia fisica, tale da interrompere le loro normali attività, e una mancanza di energia mentale ed emozionale, tale da allontanare i loro cari.
  33. 33. Gli individui depressi possono sentirsi inutili, come se nessuno li amasse. Queste persone sentono di non dare alcun contributo alla società e pensano che la gente provi odio nei loro confronti. Questo atteggiamento può portare pensieri distruttivi e suicidi.
  34. 34. Le persone depresse possono sentirsi in colpa per avere un tale disturbo mentale, arrivando a credere che la loro tristezza vada a opprimere gli altri. I depressi provano spesso senso di colpa pensando che nessuno sarebbe costretto a soffrire per causa loro, se solo fossero più forti.
  35. 35. Fissazione sui fallimenti del passato Alcune persone depresse si fissano su errori e fallimenti del passato, anche i più insignificanti, come l’aver bruciato la cena. Questi fallimenti possono essere immensi per chi è depresso.
  36. 36. Le persone depresse possono avere difficoltà a pensare in modo lucido. I pensieri diventano confusi e nebulosi. La loro depressione cambia il loro modo normale di elaborare i pensieri.
  37. 37. Le persone depresse possono avere difficoltà a concentrarsi sulle attività quotidiane. Fare il bucato o cucinare possono diventare troppo impegnativi per loro.
  38. 38. Alcune persone depresse hanno problemi a ricordare le informazioni importanti, dimenticando date significative, festività e cose di minor importanza. I depressi possono anche dimenticarsi di mangiare e di curare la propria igiene personale.
  39. 39. Le persone depresse possono scoppiare a piangere senza motivo: durante una pubblicità triste in televisione o una conversazione con altre persone, o anche senza nessuna causa se non la loro tristezza.
  40. 40. Le persone depresse possono pensare al suicidio. I loro pensieri auto-distruttivi possono diventare estremi. Se una persona si confida dicendo di aver pensato al suicidio, è importante farlo presente ai familiari o a un medico.
  41. 41. Alcune persone depresse pensano alla propria morte e a quella degli altri. Questi individui possono minacciare gli altri o manifestare tendenze distruttive. Se si pensa che una persona possa mettere in pericolo o danneggiare se stessa o gli altri, bisogna chiamare immediatamente la polizia.
  42. 42. Gli individui depressi possono lamentare anche dolore fisico provocato dal loro stato emotivo, ammalarsi frequentemente e sentire un malessere generale. Mal di testa, emicranie, rigidità e dolori muscolari sono molto comuni nei depressi.
  43. 43. La schizofrenia è una malattia cronica, invalidante, che colpisce il cervello. L'individuo affetto da schizofrenia può sentire voci che gli altri non sentono, è convinto che gli altri siano in grado di leggere i suoi pensieri o che addirittura complottino di fargli del male; -l'individuo schizofrenico può fare discorsi senza senso, può stare seduto per ore senza muoversi né parlare e altro ancora. -le persone affette da schizofrenia fanno fatica a trovare un lavoro e a prendersi cura di loro stesse -Schizofrenia deriva dal greco e significa mente separata, intendendo una separazione dalla realtà.
  44. 44. Termine che descrive una vasta gamma di disturbi psicologici. Le nevrosi sono caratterizzate da ansia, sentimenti di inadeguatezza e insoddisfazione, e disturbi del comportamento. -Disturbo da ansia generalizzata -Disturbo da attacchi di panico -Disturbo ossessivo-compulsivo -Disturbo d’ansia di separazione -Disturbo post-traumatico da stress -Distimia (nevrosi depressiva -Nevrosi isterica -Personalità multipla
  45. 45. Il termine psicosi viene usato per descrivere i disturbi che influiscono sulle funzioni mentali, con conseguente perdita del rapporto con la realtà. Se una persona ha un disturbo simile si dice che abbia sofferto di un episodio psicotico. Convinzioni false Allucinazioni Cambiamenti emotivi Cambiamenti comportamentali I sintomi variano da una persona all'altra e potrebbero cambiare col tempo.
  46. 46. L'episodio psicotico avviene in tre fasi, la durata delle quali differisce da una persona all'altra. Fase 1: Prodromo I primi segni sono vaghi e poco visibili. Potrebbero esserci dei cambiamenti nel modo in cui la persona descrive le sue emozioni, pensieri e percezioni. Fase 2: Acuta La persona accusa chiaramente sintomi psicotici, quali allucinazioni, illusioni o confusione delle funzioni mentali. Fase 3: Recupero La psicosi è curabile e la maggior parte delle persone si rimette. La fase di recupero varia da una persona all'altra.
  47. 47. L’autismo è definito, dalla maggioranza dei ricercatori, come una “malattia dello sviluppo psico -mentale" e che determina uno stato di disabilità e di handicap gravi. Il disturbo interessa: movimento, attenzione, memoria, coscienza, empatia, apprendimento, linguaggio, carattere , interazione sociale.
  48. 48. detto anche BED (acronimo dell'inglese Binge Eating Disorder) è un disturbo del comportamento alimentare che si presenta clinicamente con episodi di abbuffate
  49. 49. L'obesità è una condizione morbosa caratterizzata da un eccesso di massa adiposa rispetto alla massa magra, in base ai limiti ritenuti normali per età, sesso e statura. In linea generale si parla di obesità quando: -il peso corporeo supera il peso ideale di una quantità pari almeno al 20%; oppure -quando l'indice di massa corporea (I.M.C) è superiore a 30.
  50. 50. L'anoressia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dal rifiuto del cibo, che nasce per la paura morbosa di ingrassare; disagio nel mangiare in pubblico, sentimenti di inadeguatezza, bisogno di tenere sotto controllo l’ambiente circostante, rigidità mentale, ridotta spontaneità nei rapporti interpersonali, iniziativa ed espressività emotiva eccessivamente represse. L’invischiamento L’iperprotettività L’evitamento del conflitto La rigidità
  51. 51. E’un grave disturbo del comportamento alimentare -si può manifestare in concomitanza con altre patologie psichiatriche -si può definire come la tendenza ad assumere grandi quantità di cibo in breve tempo -le persone affette da bulimia nervosa spesso mancano di autocontrollo -l'importanza assegnata al cibo ed al proprio peso con priorità su tutti gli altri problemi personali.
  52. 52. Anche denominata allotriofagia o, più semplicemente, pica, è un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dall'ingestione continuata nel tempo di sostanze non nutritive (terra, sabbia, carta, gesso, legno, etc.).
  53. 53. Altri tipi di EDNOS e o disturbi correlati: •Tra questi c’è una forma di anoressia che non presenta, almeno in apparenza, un disturbo dell’immagine corporea. Questo quadro è caratterizzato da una difficoltà a mangiare causata da problemi digestivi. Le persone che ne soffrono affermano che vorrebbero mangiare ed aumentare di peso, ma non riescono perché, non appena introducono del cibo, compaiono sintomi dolorosi nel tratto gastrointestinale e una fastidiosa sensazione di “avere la pancia gonfia”. •Potomania. •Obesità da disturbo alimentare psicogeno Obesità da iperfagia. •Grignottage. •Carbohydrate Craving Syindrome. •Night Eating Sydrome (NES) •“Dieta cronica” (dieting). Ortoressia.
  54. 54. :http://www.my-personaltrainer.it/salute/sintomi-anoressia.html http://www.psicologi-psicoterapeuti.it/nevrosi/ http://www.activebeat.co/ita/30-dei-principali-sintomi-di-disturbi-depressivisiete-depressi/30/ http://www.cinemadelsilenzio.it/index.php?mod=film&id=5778 http://igienicamente.blogspot.it/2013/05/salute-mentale.html http://www.edreams.it/?utm_source=tradedoubler&utm_medium=affiliates&mkt portal=trad0235&portal=trad0235&utm_term=flight&tduid=1bf80f4a963577c3efe 4c87de3e785ca&utm_content=banner&utm_campaign=1703906_PacchettiVacan ze.net https://www.google.it/search?q=qualcuno+vol%C3%B2+sul+nido+del+cuculo+r ecensione&espv=210&es_sm=93&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=rHqnUsaO HuTnygObsIHQAQ&ved=0CAcQ_AUoAQ&biw=1280&bih=932#facrc=_&imgdii=_ &imgrc=6_OWfUQstSyNjM%3A%3BK1E8HcHt68w8bM%3Bhttp%253A%252F%2 52Fwww.ziqqurat.eu%252Fwpcontent%252Fuploads%252F2012%252F10%252Fcuculo2.jpg%3Bhttp%253A%2 52F%252Fwww.ziqqurat.eu%252F2012%252F10%252F05%252Fmovie-of-theday-qualcuno-volo-sul-nido-del-cuculo-forman-75%252F%3B640%3B298

×