Your SlideShare is downloading. ×
Alimenti e nutrienti2
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Alimenti e nutrienti2

246
views

Published on


0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
246
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ALIMENTI E NUTRIENTI Il segreto è l’equilibrio • • Dobbiamo imparare a conoscere gli alimenti e la loro composizione e trovare il giusto equilibrio tra tutti i componenti • Una sana e bilanciata alimentazione è fondamentale per mantenere il benessere fisico e psicologico
  • 2. I fabbisogni biologici Ogni alimento è costituito da nutrienti che si dividono in: • MACRONUTRIENTI (carboidrati, proteine,grassi e acqua ) • MICRONUTRIENTI (Sali minerali, vitamine)
  • 3. Macronutrienti e micronutrienti sono entrambi necessari per soddisfare i fabbisogni biologici: •  FABBISOGNO IDRICO (apporto di acqua) •  FABBISOGNO PLASTICO (apporto di sostanze per rinnovamento e crescita cellulare) •  FABBISOGNO BIOREGOLATORE E PROTETTIVO (per il corretto funzionamento dei processi di demolizione del glucosio per produrre energia e del processo di rigenerazione) •  FABBISOGNO ENERGETICO (cioè l’apporto di energia necessaria allo svolgimento di tutte le funzioni organiche)
  • 4. • UNA BUONA ALIMENTAZIONE DEVE COMBINARE ALIMENTI DIVERSI PER RISPONDERE A TUTTI I FABBISOGNI BIOLOGICI DELL’ORGANISMO
  • 5. Il corpo ha bisogno di energia per compiere le diverse attività (correre,muoversi, saltare…). Questa energia viene fornita dagli alimenti. LA KILOKALORIA (KCAL) è l’unità di misura tradizionale dell’energia: “E’ LA QUANTITA’ DI CALORE NECESSARIA PER FAR INNALZARE LA TEMPERATURA DI UN KG DI ACQUA DISTILLATA DA 14,5 °C a 15,5°C, ALLA PRESSIONE DI UN’ATMOSFERA. La moderna unità di misura è il KILOJOULE (1Kcal corrsisponde a 4,18 Kj)
  • 6. ACQUA SALI MINERALI E VITAMINE Acqua Rappresenta il 60% del peso corporeo. E’essenziale per la sopravvivenza. Il fabbisogno giornaliero è pari a circa 3 L E' sufficiente una perdita d’acqua del 2%nel nostro corpo per creare alterazioni che influiscono sul rendimento fisico. Quando si arriva al 5% subentrano i crampi.
  • 7. SALI MINERALI • SODIO • CALCIO • MAGNESIO • FLUORO FOSFORO • FERRO • Regolano le reazioni chimiche che liberano energia. • Si trovano nella frutta e nella verdura e vengono assorbiti a livello intestinale.
  • 8. VITAMINE • Svolgono funzione protettiva e regolatrice. • Agiscono come FATTORI DI CRESCITA • • Rafforzano le STRUTTURE NERVOSE • Aumentano la RESISTENZA ALLE INFEZIONI • Intervengono nel metabolismo dei GRASSI e dei CARBOIDRATI
  • 9. GLUCIDI Detti anche ZUCCHERI o CARBOIDRATI Si dividono in: • GLUCIDI SEMPLICI o MONOSACCARIDI FACILMENTE DIGERIBILI • Composti da una sola molecola (GLUCOSIO,FRUTTOSIO,SACCAROSIO) • DISACCARIDI Composti da due molecole di monosaccaridi (MALTOSIO, LATTOSIO, SACCAROSIO) • GLUCIDI COMPLESSI O POLISACCARIDI DIGERITI PIU’ LENTAMENTE Composti da più molecole di monosaccaridi (AMIDI, GLICOGENO, CELLULOSA)
  • 10. IL GLUCOSIO E’presente in tutte le cellule,ma si trova immagazzinato sotto forma di GLICOGENO. VIENE UTILIZZATO A SCOPO ENERGETICO O IMMAGAZZINATO COME GLICOGENO. QUANDO LE RISERVE DI GLUCOGENO SONO SATURE VIENE TRASFORMATO IN GRASSO E IMMAGAZZINATO NELLE CELLULE ADIPOSE.
  • 11. I LIPIDI Sono i nutrienti a più alto potere calorico: producono il doppio di energia degli altri nutrienti. Hanno funzione: • ENERGETICA • TERMOREGOLATRICE • SONO VEICOLO PER SOSTANZE ESSENZIALI(Vitamine liposolubili) • FANNO DA SUPPORTO PER GLI ORGANI INTERNI • Si distinguono in : LIPIDI SEMPLICI LIPIDI COMPLESSI (trigliceridi) (fosfolipidi) Che rappresentano i grassi Che rappresentano grassi Di deposito e costituiscono strutturali; hanno Il 10% del peso corporeo funzione plastica e regolatrice
  • 12. I CIBI CHE FORNISCONO OLI E GRASSI POSSONO ESSERE DI • ORIGINE ANIMALE (burro, latte, formaggi, carni, salumi) • ORIGINE VEGETALE (Olio d’oliva o di semi)
  • 13. I PROTIDI Costituiscono e rinnovano le cellule dei tessuti dell’organismo, svolgendo funzione plastica ed enzimatica Sono formate da unità semplici : AMINOACIDI (AA) divisi in Carne, pesce, uova latte e derivati sono gli elementi che contengono proteine ad alto VALORE BIOLOGICO perché possiedono tutti gli aminoacidi essenziali Pasta, pane,piselli,fagioli e soia sono prive di alcuni aminoacidi essenziali
  • 14. DIETA EQUILIBRATA • LIVELLI DI ASSUNZIONE raccomandati ed elaborati dalla società italiana di nutrizione • Una dieta equilibrata deve tener conto sia della qualità che della quantità degli alimenti
  • 15. COME RIPARTIRE I PASTI NELLA GIORNATA • Le nuove linee di educazione alimentare suggeriscono di consumare almeno 5-6 pasti da suddividere fra prima colazione e spuntino di mezza mattina( 20-25% della quota calorica giornaliera), pranzo (35% a base di carboidrati e verdure), spuntino pomeridiano (10%), cena (30% con maggior quota proteica, anche fornita da legumi).
  • 16. • http://www.adieta.it/alimentazione/come- formulare-men-corretto-tutta-famiglia.html
  • 17. ALCUNI REGIMI ALIMENTARI Dieta mediterranea Si basa su un abbondante consumo di prodotti di origine vegetale e su un consumo moderato di prodotti di origine animale (carne, burro) http://gustosericette.altervista.org/dieta- settimanale-mediterranea-3049
  • 18. Dieta delle associazioni alimentari Si basa sul fatto che gli alimenti per essere digeriti dallo stomaco necessitano di un ambiente acido (come le proteine) o basico (come i glucidi) Sono quindi abbinamenti consigliati: • CIBI PROTEICI CON VERDURE • CIBI AMIDACEI CON VERDURE • CARBOIDRATI CON LIPIDI • LIPIDI CON VERDURE Sono invece sconsigliati: • CIBI PROTEICI CON AMIDACEI • CIBI PROTEICI E CIBI PROTEICI • CIBI PROTEICI CON LIPIDI • CIBI PROTEICI CON ZUCCHERI SEMPLICI
  • 19. DIETA A ZONA Ideata dal biochimico Sears è stata creata per i soggetti molto sensibili agli sbalzi insulinici. La scelta ideale si attesterebbe sul 40% di carboidrati. 30% di proteine, 30% di grassi prediligendo olio d’oliva, di lino, e di pesce, frutta secca)
  • 20. CROMODIETA O DIETA DEI COLORI Secondo questa dieta bisogna consumare ogni giorno 5 razioni tra frutta e verdura variamente colorate. Variare il consumo giornaliero di frutta in base al loro colore permette di assumere nutrienti importantissimi per la nostra salute • GIALLO-ARANCIO tuorlo con vitamina A e B, oli vegetali • BIANCO latte e derivati con tanto calcio e vitamine D e K • ROSSO carne rossa con abbondanza di ferro e proteine • GRIGIO carne di pesce ricco di Omega 3 , ferro, vitamina D e iodio • MARRONE legumi ricchi di proteine vegetali • BEIGE pane, pasta, riso, ricchi di carboidrati complessi ad azione altamente energetica
  • 21. METABOLISMO BASALE E FABBISOGNO CALORICO GIORNALIERO Il METABOLISMO BASALE è l’energia che il corpo spende per garantire il funzionamento dell’organismo e mantenere la temperatura corporea. Puo’ essere calcolato in base all’età o al peso

×