Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Il Corpo Parla

7,486 views

Published on

  • Be the first to comment

Il Corpo Parla

  1. 1. IL CORPO PARLA Con la bocca possiamo raccontare bugie, con il corpo no
  2. 2. I tre aspetti della comunicazione <ul><li>7% LINGUAGGIO VERBALE </li></ul><ul><li>38% LINGUAGGIO PARAVERBALE </li></ul><ul><li>55% LINGUAGGIO NON VERBALE </li></ul>
  3. 3. ESSERE CONGRUENTI <ul><ul><li>Significa lanciare lo stesso messaggio con le parole e con il corpo. </li></ul></ul><ul><ul><li>Ogni messaggio è enormemente rafforzato quando è congruente; quando il linguaggio delle parole, cioè, è in sintonia con quello del corpo. </li></ul></ul>
  4. 4. VIAGGIO ATTRAVERSO IL CORPO
  5. 5. Le posizioni di chiusura corporea denotano chiusura psicologica o timore
  6. 6. Le posizioni di apertura corporea indicano apertura psicologica, cordialità, sicurezza
  7. 7. UN PIEDE PER BUSSOLA <ul><li>Tenere i piedi molto vicini, stretti, è sintomo d’insicurezza. </li></ul><ul><li>Tenere i piedi larghi, ben piantati, con le gambe divaricate indica sicurezza, addirittura aggressività. </li></ul>
  8. 8. LE GAMBE <ul><li>Tenerle incrociate in maniera stretta, forzata, indica chiusura e nervosismo. </li></ul><ul><li>Se la stessa posizione è morbida e rilassata, è semplicemente defaticante. </li></ul>
  9. 9. LA POSIZIONE SEDUTA <ul><li>Se è simmetrica e rigida è indice di soggezione, di mancanza di spontaneità. </li></ul><ul><li>Se asimmetrica, obliqua e rilassata, indica disinvoltura: la persona si trova a suo agio. </li></ul>
  10. 10. COME COLLABORARE DA SEDUTI <ul><li>Essere seduti di fronte indica rivalità e distacco. </li></ul><ul><li>Mettersi fianco a fianco favorisce la collaborazione </li></ul>
  11. 11. A BRACCIA APERTE <ul><li>Quanto più incroci strettamente le braccia, tanto più manifesti ostilità. </li></ul><ul><li>Se usi le braccia per aumentare il volume del torace manifesti aggressività. </li></ul>
  12. 12. Non sempre incrociare le braccia è sintomo di aggressività. <ul><li>Se le incroci sul petto con gesto morbido, indichi semplicemente uno stato di riposo. Il tuo atteggiamento è disteso, tranquillo, sereno. </li></ul>
  13. 13. LE SPALLE <ul><li>Chi ha le spalle curve è più depresso di chi le ha dritte, chi le ha larghe è più sicuro di chi le ha strette. </li></ul>
  14. 14. LA MANO DELLA VERITA’ <ul><li>Mostrare il palmo della mano indica due cose positive: intenzioni amichevoli e sincerità. </li></ul><ul><li>“Nascondere la mano” significa celare qualcosa. </li></ul><ul><li>Esibire il dorso della mano suscita sensazioni di chiusura, di ostilità. </li></ul>
  15. 15. IL LINGUAGGIO DELLE DITA <ul><li>L’indice, se viene puntato, conferisce alla comunicazione un tono impositivo. </li></ul><ul><li>Il pollice ostentato segnala superiorità. </li></ul>
  16. 16. COME MOSTRARE INTERESSE <ul><li>Portare indice e medio alla tempia, o alla fronte, come volessimo far entrare nel cervello le parole udite. </li></ul><ul><li>Accarezzarsi il mento rivela interesse e concentrazione. </li></ul>
  17. 17. LA STRETTA DI MANO <ul><li>Deve essere sufficientemente energica da far trasparire il nostro piacere nell’incontro. </li></ul><ul><li>Le strette fiacche lasciano la sensazione di disinteresse, oppure di timidezza o di scarsa grinta. </li></ul><ul><li>Deve durare dai 3 ai 5 secondi. </li></ul>
  18. 18. LA STRETTA DOMINANTE <ul><li>Con il palmo all’ingiù. </li></ul><ul><li>La usano persone importanti, o che si considerano tali. </li></ul><ul><li>Oppure persone arroganti, che tendono ad imporsi. </li></ul><ul><li>Oppure può essere usata da chi assume un atteggiamento paternalistico, di protezione. </li></ul>
  19. 19. LA STRETTA SOTTOMESSA <ul><li>Con il palmo all’insù. </li></ul><ul><li>Chi è cedevole porge la mano in questo modo. </li></ul><ul><li>Chi si pone volontariamente in condizione di inferiorità. </li></ul>
  20. 20. LA STRETTA COLLABORATIVA <ul><li>Con il palmo di taglio. </li></ul><ul><li>Due persone che vogliono collaborare e che si sentono allo stesso livello si danno la mano in questo modo: così nessuno domina e nessuno si sottomette. </li></ul>
  21. 21. IL POTERE DELLO SGUARDO <ul><li>Se voglio arrivare all’anima dell’altro, capire cosa pensa e comunicargli in modo chiaro e leale, devo guardarlo negli occhi. </li></ul>
  22. 22. Se l’incontro è di lavoro guarderò il mio interlocutore nel triangolo compreso tra gli occhi e la punta del naso
  23. 23. Se si tratta di un incontro per socializzare il triangolo scende fino alla punta del mento.
  24. 24. CHI MENTE E’ TRADITO <ul><li>Non guardiamo negli occhi, ma perlopiù in basso (appunto perché i nostri occhi potrebbero far trasparire il disagio. </li></ul><ul><li>Compiamo qualche movimento nervoso, come tormentarci le mani, o i capelli, o grattarci il viso </li></ul>
  25. 25. CHI MENTE E’ TRADITO <ul><li>Parliamo con un volume più basso del solito e scandendo le parole meno del solito. E’ facile anche incespicare sulle parole o cadere nel lapsus. </li></ul><ul><li>Gli individui particolarmente emotivi possono anche sudare, arrossire, sbiancare o balbettare soprattutto quando temono di venire scoperti. </li></ul>
  26. 26. Chi simula interesse nei tuoi confronti comincia a fingere dal sorriso. <ul><li>Il sorriso sincero si riconosce perché contrae i muscoli attorno agli occhi. Si formano così delle piccole piaghe sotto i bulbi oculari. </li></ul>
  27. 27. UNA POSTURA “DA VINCITORE” <ul><li>Sta’ ben eretto. </li></ul><ul><li>Non contrarre le spalle: devono essere rilassate e alla loro massima ampiezza. </li></ul><ul><li>Il baricentro del corpo deve essere teso in avanti per farci camminare in modo sciolto e sicuro allo stesso tempo. </li></ul><ul><li>Quando ti siedi scegli una sedia nella quale tu possa comunicare bene con il linguaggio del corpo. </li></ul><ul><li>Impariamo a muoverci con studiata lentezza. </li></ul>
  28. 28. UN SUGGERIMENTO <ul><li>Applica le regole della buona comunicazione soprattutto all’inizio di un incontro con qualcuno che ancora non conosci. </li></ul><ul><li>La prima impressione è quella che conta di più e si imprime nella mente nei primi 4 minuti e ancora di più nei primi 30 secondi. </li></ul>
  29. 29. THE END GRAZIE PER LA VISIONE

×