• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Presentazione SLOOP, Tenegen & Sloop2desc a VII congresso SIe-L
 

Presentazione SLOOP, Tenegen & Sloop2desc a VII congresso SIe-L

on

  • 793 views

Tre esperienze di formazione degli insegnanti per lavorare in rete con i nativi digitali.

Tre esperienze di formazione degli insegnanti per lavorare in rete con i nativi digitali.

Statistics

Views

Total Views
793
Views on SlideShare
775
Embed Views
18

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

4 Embeds 18

http://jujo00obo2o234ungd3t8qjfcjrs3o6k-a-sites-opensocial.googleusercontent.com 10
https://jujo00obo2o234ungd3t8qjfcjrs3o6k-a-sites-opensocial.googleusercontent.com 4
http://www.tenegen.eu 3
http://tenegen.eu 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-ShareAlike LicenseCC Attribution-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Presentazione SLOOP, Tenegen & Sloop2desc a VII congresso SIe-L Presentazione SLOOP, Tenegen & Sloop2desc a VII congresso SIe-L Presentation Transcript

    • Connettere gli insegnanti per farli incontrare con la net generation di 10 Pierfranco Ravotto , AICA - [email_address] Giovanni Fulantelli , ITD-CNR – [email_address]
    • Tre progetti collegati Programma Leonardo 2005-2007 LLP - Leonardo 2009-2011 LLP - Leonardo 2008-2010 sul tema dell’integrazione fra formazione in presenza e formazione in rete e sulla condivisione di risorse didattiche digitali aperte di 10
    • I digital natives …
      • … hanno bisogno di buoni insegnanti
      • Ma loro sono in rete e i loro insegnanti no (anche se magari mettono in rete i materiali).
      • Connect the te achers to reach and teach the Ne t Gen eration
      di 10
    • Tre corsi Mod. 1: Usare Moodle (2 sett.) Mod. 2: Essere tutor in rete con web 2.0 (3 sett.) Mod. 3: Usare e produrre OER (3 sett.), Mod. 4: EQF, e-CF ed EUCIP (2 sett.), Mod. 5: Produzione collaborativa di OER (6 sett.) Mod. 1: E-learning concepts (5 sett.) Mod. 2: Networked learning (3 sett.) Mod. 3: Educational ICT tools (4 sett.) Mod. 4: E-learning event in Moodle (1 sett.) Mod. 5: Sharing Learning Objects (5 sett.) Mod 1: LO e aspetti pedagogici (1 sett.) Mod 2: SCORM e metadati (1 sett.) Mod 3: Produzione di un LO (1 sett.) Mod 4: Rendere SCORM un LO (2 sett.) Mod 5: Inserire il LO SCORM in Moodle (2 sett.) Mod 6: La filosofia della condivisione (1 sett.) Mod 7: Il freeLOms (1 sett.) 10 sett. 18 sett. 16 sett. Abituare gli insegnanti a connettersi, a mettersi in rete: nel duplice senso di essere connessi in Internet e di far rete fra di loro, scambiando opinioni e risorse didattiche. Motivare docenti interessati all’uso della rete con gli studenti a produrre e condividere LO aperti , sia da un punto di vista tecnico che dal punto di vista della licenza d'uso Fornire ai docenti competenze relative alla formazione in rete , all'uso didattico del web 2.0 e alla progettazione e condivisione di OER, Aiutarli a passare da una didattica centrata sul programma, quale lista di contenuti, ad una didattica delle competenze .
    • Target e Metodologia Docenti già abituati all’uso della rete. di 10
    • Evoluzione Learning object SCORM, prodotti ad hoc per il corso LO di ogni tipo (SCORM, video, presentazioni, …), in gran parte recuperati in rete Costante presenza dei tutor. La collaborazione fra corsisti è soprattutto discussione nei forum Maggior accento sulla collaborazione fra i corsisti che in alcuni moduli si devono auto-organizzare Tutte le attività in Moodle Molte attività si svolgono fuori dalla piattaforma Moodle: Skype, Googledoc, Delicious, … di 10
    • Target e Metodologia Insegnante tipo (non connesso)
      • Rivolgendosi ad un target più tradizionale, nei corsi Tenegen:
      • le indicazioni di lavoro sono generalmente più dettagliate e prescrittive e c'è un maggior controllo sul lavoro svolto;
      • l'interazione è più fra corsista e docente che non di gruppo;
      • i materiali didattici hanno un aspetto più tradizionale. E' stata scelta la risorsa "libro" di Moodle che offre anche la possibilità di produrre un file pdf stampabile e dunque studiabile in modalità offline.
      di 10
    • Target e Metodologia Insegnante tipo (non connesso)
      • Rivolgendosi ad un target più tradizionale, nei corsi Tenegen:
      • le indicazioni di lavoro sono generalmente più dettagliate e prescrittive e c'è un maggior controllo sul lavoro svolto;
      • l'interazione è più fra corsista e docente che non di gruppo;
      • i materiali didattici hanno un aspetto più tradizionale. E' stata scelta la risorsa "libro" di Moodle che offre anche la possibilità di produrre un file pdf stampabile e dunque studiabile in modalità offline.
      Per quanto sia venuto incontro alle caratteristiche del target, il corso Tenegen ha abituato gli insegnanti a connettersi e a stare connessi; ognuno di essi ha, per esempio, dovuto aprire un blog in cui ha commentato le varie tematiche del corso. di 10
    • Condividere OER di 10
    • di 10 Grazie per l’attenzione [email_address] CreativeCommons: Attribution – Share alike Siete liberi di usare, modificare e distribuire questa presentazione a patto di citare gli autori originari e di lasciare gli stessi diritti sul prodotto derivato