Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Sto 2 dinastia giulio-claudia dioguardi

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Upcoming SlideShare
Presentazione caligola
Presentazione caligola
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 35 Ad

More Related Content

Similar to Sto 2 dinastia giulio-claudia dioguardi (20)

Advertisement

More from Vito Dioguardi (20)

Recently uploaded (20)

Advertisement

Sto 2 dinastia giulio-claudia dioguardi

  1. 1. Classe 2 Scuola secondaria di II grado
  2. 2. . Claudio Ottaviano Tiberio Caligola Nerone
  3. 3. 27-14 d.c. Ottaviano 37-41 d.c. Caligola 54-68 d.c. Nerone 14-37 d.c. Tiberio 41-54 d.c Claudio
  4. 4. Quadro storico -La dinastia giulio-claudia contro il Senato -In politica estera tese a difendere i confini, senza mire espansionistiche. Unica eccezione fu Claudio in Britannia dal 43 al 56. - La cittadinanza ai provinciali Quadro culturale Tutta l’età sembra percorsa da un’ansia di ricerca del divino. Il Cristianesimo assume importanza e tutto viene teso ad una continua ricerca di interiorizzazione alla scoperta del divino che è dentro di noi. La dinastia viene così chiamata dal nomen (il nome di famiglia) dei primi due imperatori: Caio Giulio Cesare Ottaviano, adottato da Cesare e dunque membro della gens Iulia e Tiberio Claudio Nerone figlio di Livia, moglie di Augusto, appartenente gens Claudia.
  5. 5. . Aureo raffigurante Antonio ed Ottaviano. Concezione dispotica: monarchia assoluta Difesa dei valori tradizionali: repubblica e potere del senato Dominio di Ottaviano sull’ Occidente Dominio di Marco Antonio sull’Oriente Pieno potere di Ottaviano che: •Riforma l’ esercito; •Riorganizza l’amministrazione finanziaria •Crea dei prefetti; Ottiene un vasto consenso popolare per la cessazione di guerre civili Scontro inevitabile: Battaglia di Azio (31 a.c.) vittoria di Ottaviano
  6. 6. Alla morte di Antonio, Ottaviano divenne il padrone assoluto di Roma. Il senato gli conferì progressivamente onori e privilegi (imperium, tribunicia potestas, Pontefice massimo,Pater Patriae), il titolo più importante però lo ricevette nel 27 a.C. quando il Senato gli conferì il titolo di Augustus cioè "degno di venerazione ". Nello stesso anno riorganizzò le province dal punto di vista amministrativo e creò inoltre numerosi municipi e colonie. Ritratto di Augusto come pontefice massimo in tarda età.
  7. 7. La cosiddetta Gemma augustea, la cui complicata iconografia è una celebrazione delle gesta di Augusto. Il problema della successione Il controllo che ebbe sull'Impero fu talmente assoluto che gli permise di nominare il successore, costume che a Roma era stato abbandonato fin dalla fondazione della Repubblica. La successione, fu una delle più grandi preoccupazioni della vita di Augusto. Per alcuni anni Augusto sperò di avere come erede Marcello il quale morì prima di salire al trono, così Augusto pensò ad Agrippa, ma morì anch’ lui e quindi la sua scelta dovette cadere sul figlio adottivo Tiberio. La morte Augusto morì il 19 Agosto del 14 d.c. a Nola. Ricevette onori divini e la sua salma fu trasportata dai soldati a Roma e collocata nel vestibolo della sua casa.
  8. 8. Tiberio (42 a.C. – 37) Tiberio nacque a Roma nel 42 a.c. da Tiberio Claudio Nerone e da Livia Drusilla, di circa trent'anni più giovane del marito. Tanto dal ramo paterno che da quello materno, apparteneva alla gens Claudia, un'antica famiglia patrizia giunta a Roma nei primi anni dell’ età repubblicana e distintasi nel corso dei secoli per il raggiungimento di numerosi onori e alte magistrature. Fu adottato da Augusto così entrò a far parte della gens Giulio Claudia e alla morte del padre adottivo poté succedergli nel ruolo di principe. Fu il secondo imperatore romano che governò dal 14 al 37. Moneta raffigurante Tiberio e sul retro la madre Livia Drusilla.
  9. 9. In gioventù Tiberio si distinse per il suo talento militare conducendo brillantemente numerose campagne lungo i confini settentrionali dell'Impero e in Illirico. Infatti, dopo un periodo di volontario esilio sull'isola di Rodi, rientrò a Roma condusse la spedizione in Germania e quella in Illirico: Le campagne di Tiberio e del suo legato, Saturnino in Germania nel 4-6. La campagna di Tiberio in Illirico nel9.
  10. 10. Successivamente operò alcune importanti riforme in ambito economico e politico, e pose fine alla politica di espansione militare, limitandosi a mantenere sicuri i confini. L’impero di Tiberio
  11. 11. Dopo la morte del nipote Germanico, Tiberio favorì sempre più l'ascesa del prefetto del pretorio Seiano, allontanandosi da Roma per ritirarsi nell'isola di Capri. Quando il prefetto mostrò di volersi impadronire del potere assoluto, Tiberio lo fece uccidere, ma evitò ugualmente di rientrare nella capitale. Tiberio trascorse l'ultima parte del suo regno sull'isola di Capri, lì fece costruire dodici ville, per poi risiedere in quella che preferiva. Si dice che a Capri Tiberio non abbia trascurato i propri doveri continuando a lavorare nell’ interesse dello Stato. Veduta aerea dei resti dei bagni di Tiberio a Capri. Tiberio possedeva però varie dimore come la “Villa Iovis”a Capri, la villa a Sperlonga ed una grotta sempre a Sperlonga: Piantina del complesso della Villa Iovis Resti della villa di Tiberio a Sperlonga. Costruita in epoca repubblicana. L’ingresso alla grotta di Tiberio a Sperlonga.
  12. 12. Poi Tiberio lasciò Capri, come aveva già fatto in precedenza, forse con l'idea di rientrare finalmente in Roma per trascorrervi i suoi ultimi giorni; intimorito però dalle reazioni che il popolo avrebbe avuto, si fermò a sole sette miglia dall'Urbe, e decise di tornare indietro verso la Campania. Qui fu colto da malore e trasportato a Miseno dove cadde in uno stato di delirio e fu creduto morto. Mentre molti già si apprestavano a festeggiare l'ascesa di Caligola, Tiberio si riprese ancora una volta, suscitando scompiglio tra coloro che avevano già acclamato il nuovo imperatore; il prefetto Macrone, tuttavia, mantenendo la lucidità, ordinò che Tiberio fosse soffocato tra le coperte e così morì all'età di settantasette anni. Morte di Tiberio, Jean Paul Laurens.
  13. 13. La plebe romana reagì con grande gioia alla notizia della morte di Tiberio. Molti monumenti che celebravano le imprese dell'imperatore furono distrutti, così come numerose statue che lo raffiguravano. In molti tentarono di far cremare il corpo di Tiberio a Miseno, ma fu comunque possibile trasportarlo a Roma, dove fu cremato nel Campo Marzio e sepolto nel Mausoleo di Augusto. Il mausoleo di Augusto che raccolse le ceneri di tutti gli imperatori e famigliari della dinastia giulio-claudia. Mentre l'imperatore defunto riceveva queste modeste onoranze funebri, Caligola era già stato acclamato princeps dal senato.
  14. 14. CONCLUSIONE "Eccellente condottiero ed ottimo amministratore, Tiberio cerca di consolidare l'impero piuttosto che ampliarlo. E' senza dubbio un grande sovrano la cui cattiva fama, specie quella relativa alle dissolutezze a cui si sarebbe abbandonato negli ultimi anni della sua vita, dipende in gran parte dai cronisti dell'epoca" Tiberio non si distinse mai per nessuna tendenza al rinnovamento. Durante il suo regno dimostrò, anzi, un rigido rispetto per la tradizione augustea, cercando di osservare tutte le istruzioni di Augusto. Suo scopo era quello di salvaguardare l'Impero, assicurandone la tranquillità interna ed esterna, oltre a consolidare il nuovo ordinamento. Tiberio risultò eccellente nella gestione finanziaria, tanto da lasciare alla sua morte un avanzo memorabile nelle casse dello stato Riguardo alla politica estera Tiberio mantenne e consolidò la barriera contro i Germani lungo il Reno. Tiberio fu duramente criticato dagli storici antichi, ma la sua figura è stata rivalutata dalla storiografia moderna come quella di un politico abile e attento. L’esame della sua opera, mettendo in luce virtù e difetti, meriti e colpe, conduce ad un giudizio nettamente positivo per l’amministrazione dell’Impero, parzialmente negativo per l’uomo, come capo della sua famiglia e depositario dell’idea del Principato. Nell'amministrazione delle provincie aveva fatto sentire la sua mano forte, ma senza essere oppressivo. In Tiberio si salva, in ogni caso, l’onestà che lo porta ad essere considerato come uno dei migliori Imperatori. Incoronazione di spine, opera di Tiziano(conservata a Parigi, museo del Louvre). A destra, in alto, è visibile il busto di Tiberio e l'iscrizione TIBERIVS CAESAR, a memoria del fatto che l'arresto e la crocifissione di Gesù avvennero sotto il regno dell'imperatore.
  15. 15. La Curia Iulia era l'antica sede del senato, posta al culmine del Foro Romano. Si tratta di un grande edificio in mattoni posto all'angolo tra l‘Argileto(la strada che la separa dalla basilica Emilia) e il Comizio. Come Augusto, fu rispettoso delle prerogative del Senato. Proprio all'inizio del suo Principato l'importanza del Senato fu accresciuta da un importante cambiamento, cioè dal completo trasferimento delle funzioni elettive dal popolo al Senato, che diventava corpo elettorale. Tiberio non fu l'autore di questo cambiamento, ma, semplicemente, realizzò un progetto che Augusto aveva formulato e lasciato scritto. Da allora in poi il Senato divenne l'unico organismo elettorale, mentre il popolo chiaramente non aveva voce in capitolo. Questa fu una delle ragioni per cui, fin dall'inizio, presso le classi umili, la figura dell'Imperatore apparve sotto una cattiva luce. Durante tutto il suo Principato, Tiberio si comportò con il Senato con gran deferenza e rispetto, consultandolo spesso, anche su questioni minori. Fu, comunque, deluso dall’apatia e dall’incapacità di un Senato che non raccolse i suoi stimoli.
  16. 16. Caligola Gaio Giulio Cesare Germanico meglio conosciuto come Caligola(da “caliga”, particolare tipo di calzari che usava indossare), era figlio di Agrippina Maggiore e di Germanico (adottato da Tiberio). Fu il terzo imperatore romano, appartenente alla dinastia giulio-claudia, e regnò dal 37 al 41. Le fonti storiche pervenute lo hanno reso noto per la sua stravaganza, eccentricità e depravazione. L'esiguità delle fonti fa comunque di Caligola il meno conosciuto di tutti gli imperatori della dinastia. Si tratta di un personaggio discusso, molto popolare fra la gente romana ma politicamente avverso alla classe sociale e al ceto dal quale provenivano gli storiografi. Fronte Retro Asse di Caligola in bronzo
  17. 17. Da ragazzo accompagnava i genitori nelle spedizioni militari in Germania dove usava indossare la Caliga cioè una particolare calzatura da cui il soprannome "Caligola", datogli dai soldati. Piede in marmo Caliga
  18. 18. Caligola salì al potere con l'appoggio di tutti: Senato, esercito e popolo. Le ragioni di questa approvazione sono varie: la sua giovane età, la popolarità del padre, l'infanzia trascorsa negli accampamenti, la parentela sia con Augusto che con Marco Antonio e la sua devozione verso i familiari. Si pensava che Caligola avrebbe proseguito la politica del padre, Germanico, ma non fu così. Il breve impero di Caligola fu caratterizzato da una serie di massacri nei confronti degli oppositori interni e da atti che tendevano a una continua umiliazione della classe senatoria. Si dice che aveva frequenti attacchi d'ira e veniva definito “pazzo”. Caligola adottò una politica di assolutismo monarchico, voleva diventare un sovrano cui si rendevano onori divini sul modello delle monarchie orientali, esasperando il noto processo di divinizzazione degli imperatori defunti. Egli si rese popolarissimo e pretese che gli venisse eretto un tempio. Stando alle fonti, Caligola, al culmine del suo regno, avrebbe voluto essere proclamato dio. Potrebbe trattarsi dell'ennesima manifestazione della sua follia, oppure di una subdola politica per aumentare il suo potere presso i popoli ellenici, abituati da tempo a considerare il loro sovrano una divinità. Insomma, il tentativo religioso di un principe giovane di mantenere il potere con tutti i mezzi. Questo però provocò scontento a molte popolazioni. A differenza di altri imperatori che mantenevano legami con la parte occidentale dell’ impero, egli mirò sensibilmente verso oriente, verso una forma di potere assoluto a quel tempo ancora sconosciuto in Italia. Morte: Caligola morì assassinato in una congiura di Pretoriani nel 41. Insieme a lui persero la vita sua moglie e la loro bambina, che fu schiacciata brutalmente contro un muro. A lui succedette lo zio Claudio. Asse di Caligola Quando il padre morì lasciò la Germania e tornò con la madre in Italia. L'imperatore Tiberio volle Caligola con lui nel 31, anno in cui divenne Pontifex (sacerdote). Alla morte di Tiberio il Senato ne annullò il testamento, che lasciava la guida dell'impero a Caligola e a Tiberio Gemello, nipote del defunto imperatore, sostenendo che al momento della stesura Tiberio fosse insano di mente e proclamò Imperator Caligola nel37. Il nuovo imperatore, per evitare problemi adottò Tiberio Gemello nominandolo suo erede. Ma successivamente, per evitare comunque che Tiberio Gemello reclamasse la co-reggenza che gli spettava, lo fece uccidere o lo indusse al suicidio.
  19. 19. Moneta di Claudio raffigurante Nerone Claudio(10 a.C. – 54) Fu il quarto imperatore romano(41-54) della dinastia giulio- claudia, ed il primo a nascere fuori dall’ Italia(Lugdunum, in Francia). Figlio di Druso maggiore e Antonia minore, era considerato dai suoi contemporanei come un candidato improbabile al ruolo di imperatore, soprattutto in considerazione di una qualche infermità da cui era affetto. Ma alla morte di Caligola, Claudio divenne imperatore in quanto unico maschio adulto della dinastia. Malgrado la mancanza di esperienza politica egli dimostrò notevoli qualità: fu un abile amministratore, un grande patrono dell'edilizia pubblica, espansionista in politica estera e un instancabile legislatore, che presiedeva personalmente i tribunali e che giunse a promulgare venti editti in un giorno. Tuttavia, la sua posizione era resa poco sicura dall'opposizione della nobiltà, cosa che condusse Claudio a mettere a morte molti senatori.
  20. 20. La madre di Claudio,Antonia Minore, la quale non aveva una buona opinione del figlio, che riteneva un mostro e uno stupido Claudio era un giovane membro della più importante famiglia di Roma che fu tenuto lontano dalla vista del popolo fino all’ età di 47 anni, quando tenne il consolato assieme al nipote Caligola. La ragione di ciò risiede nel fatto che Claudio era nato con dei difetti fisici in una società, come quella romana, che disprezzava la debolezza: i membri della sua famiglia ritenevano che il suo essere costantemente ammalato, il suo sbavare e la sua balbuzie fossero un sintomo di debolezza mentale. Inoltre, poiché la famiglia riteneva che la sua condizione dipendesse da una mancanza di volontà, venne tenuto sotto la tutela di un precettore ben oltre la maggiore età, come avveniva per le donne; Claudio stesso si lamentò del fatto che gli gli fosse stato come precettore «un barbaro, un ex-ispettore delle stalle», il cui compito era di impartirgli una dura disciplina. Il giudizio dei suoi parenti non era certo lusinghiero: L’imperatore, al contrario, si disse sorpreso dalle capacità oratorie del nipote, ma comunque non gli diede nessun incarico pubblico, né lo inserì tra gli eredi principali nel proprio testamento, lasciandogli appena dei soldi alla propria morte. Se la sua famiglia non perdeva occasione per dimostrare di non averne grande stima, il popolo romano, al contrario, pare lo tenesse in una qualche considerazione. Di fronte a tutte queste critiche, Claudio rinunciò a qualunque aspirazione di carriera politica, dedicandosi ai suoi studi di storia.
  21. 21. Proclamazione di Claudio imperatore, di Lawrence Alma-Tadema; Claudio fu trovato nascosto dietro una tenda dai pretoriani, che lo nominarono imperatore. Ascesa al potere (37-41) Sotto Caligola, figlio di suo fratello Germanico, Claudio ottenne il consolato per due mesi come collega del nipote. Una volta compiuti i 50 anni, egli fu destinato a diventare il nuovo imperatore di Roma.
  22. 22. Carattere del principato di Claudio (41-54) Claudio si propose di essere un buon governante e, sotto molti aspetti, vi riuscì. Egli seppe, infatti, scegliere validi collaboratori ed imporre le proprie linee politiche. Per prima cosa rafforzò la sua posizione pacificando i vari partiti interni al senato, cancellando la memoria del regno di suo nipote Caligola e richiamando gli esiliati con un'amnistia generale. Si dimostrò pronto a tornare al principato di Augusto . Soppresse i processi per tradimento in senato e si guadagnò popolarità con l'abolizione delle nuove tasse imposte da Caligola e con la concessione di gare e spettacoli. Il governo di Claudio dimostrò una certa avvedutezza: egli condannò gli uccisori di Caligola solo perché servisse da esempio, ricompensò i pretoriani che lo avevano eletto, ampliò il porto di Ostia, costruì un nuovo acquedotto, bonificò diverse zone, sostituì i governatori delle province, che spesso diffidavano dalle sue direttive, con i suoi liberti e conquistò la parte sud della Britannia. Fu però rovinato dalle donne che sposò. Rapporto con il Senato Si mostrò inoltre rispettoso del Senato e dei magistrati partecipando attivamente alle sue sedute. La presenza alle riunioni era rigorosamente obbligatoria per i membri del senato e l'assenteismo punito. Claudio infatti voleva accattivarsi le simpatie del Senato. Egli, infatti, tentò di stabilire una sincera collaborazione con quest'organo istituzionale, secondo le linee della politica di Augusto, facendo un uso frequente di Senatus consulta e difendendo la posizione sociale dei senatori, riservando Cammeo dell'imperatore Claudio loro i posti migliori. Restituì, pertanto, al senato l'Acaia e la Macedonia. Spartì le province acquisite durante il suo principato fra gli ordini equestre e senatorio. Claudio rivide l'intera lista senatoria, eliminando quei membri inadatti ed introducendo solo uomini che avessero maturato meriti anche in provincia, poiché voleva che il senato fosse formato dalle migliori menti dell'impero.
  23. 23. L'impero di Claudio.
  24. 24. Opere pubbliche Ultimò la costruzione di due acquedotti e ne restaurò anche un terzo. Diede un grande impulso alla costruzione di strade e canali in Italia e nelle province. Poi costruì un canale navigabile sul Tevere . Infine bonificò la piana del Fucino nell'Italia centrale attraverso lo scavo di un emissario che faceva defluire le acque del lago nel fiume Liri però quest’ opera fu ridicolizzata, perché il progetto fu sbagliato per ben due volte . Porto di Claudio
  25. 25. Titolatura imperiale I.Assunse al momento dell'ascesa al trono il pontificato massimo; II.La tribunicia potestas, che gli offriva la facoltà di opporsi alle decisioni del Senato, controllandone la politica; III.Poi gli venne conferito il titolo di Pater Patriae, "padre della patria"; IV.Tenne il consolato per cinque volte; V.Per i suoi successi militari ricevette il titolo Imperator per 27 volte, onore mai più ricevuto da nessun imperatore fino a Costantino I
  26. 26. Morte (54) Nonostante i suoi difetti dimostrò capacità e temperamento e coprì il ruolo meglio di altri. Morì nel 54 improvvisamente, dopo aver mangiato un piatto di funghi. Non è difficile pensare che sia stato avvelenato da Agrippina, anche se era ormai sicura della successione di Nerone. Ella potrebbe aver desiderato vedere il figlio sul trono mentre era ancora abbastanza giovane per seguire i suoi consigli e le sue volontà. Morto Claudio, Agrippina e Nerone si preoccuparono di far sparire anche Britannico, figlio naturale di Claudio e aspirante al trono; questo evento testimonia l'implicazione di Agrippina nella morte dell'imperatore. L'augusta, però, dedicò sul Celio il tempio del Divo Claudio al defunto marito. La fama di Claudio presso gli storici antichi non fu certo positiva, al contrario tra i moderni molte delle sue opere furono rivalutate.
  27. 27. Asse di Nerone, raffigurante l‘ Ara pacis. Nerone (37 – 68) Fu il quinto ed ultimo imperatore della dinastia giulio-claudia e governò dal 54 alla sua morte, avvenuta all'età di 30 anni. Nacque da Agrippina Minore (sorella di Caligola)e Gneo Domizio Enobarbo(appartenente a una stirpe considerata di "nobiltà plebea" ovvero recente).
  28. 28. Il principato….. primi anni Quando la madre lo pose sul trono Nerone aveva 17 anni. Per i primi 5 anni furono la madre Agrippina, Seneca e Burro ad avere la gestione dell’impero. Nerone intorno al 60 prese in mano le redini del potere, ripudiò la moglie e uccise la madre, e iniziò una serie di riforme che andavano incontro all’esigenze delle province e dei ceti meno abbienti, ma che erano completamente improvvisate. Dopo un inizio promettente, Nerone prese a limitare il potere dei senatori e si avviò a un esercizio sempre più dispotico della sua autorità. Il suo principato fu quello più ricco di scandali:  Il primo scandalo del regno di Nerone coincise col suo primo matrimonio, considerato incestuoso, con la sorellastra Claudia Ottavia, figlia di Claudio;  Nerone uccise Britannico, figlio legittimo di Claudio poiché, essendo il futuro erede, rappresentava una minaccia;  Nerone uccise anche la madre Agrippina perché stava organizzando una congiura contro di lui;
  29. 29. Il principato….. primi anni  Impose a Seneca il suicidio e si fidò di Tigellino, condannando a morte tanti senatori e patrizi di morte  Allo scoppio del grande incendio di Roma nel 64, l'imperatore si trovava ad Anzio, ma raggiunse immediatamente l'Urbe per conoscere l'entità del pericolo e decidere le contromisure. Sebbene avesse organizzato in modo efficiente i soccorsi, venne accusato di aver provocato egli stesso l'incendio, di cui furono poi incolpati i Cristiani di Roma, dando inizio ad una poderosa persecuzione, mettendo a morte moltissimi cristiani.
  30. 30. Opere pubbliche Nerone, oltre alla famosa ricostruzione di Roma a seguito dell'incendio, intraprese altre opere pubbliche tra cui due imprese sovrumane iniziate, ma mai completate: il taglio dell'istmo di Corinto e un canale lungo la costa dall'Averno a Roma. La prima opera, già tentata in precedenza da molti sembrava non portare fortuna a chi la intraprendeva, tutti morti in modo violento. Gli scavi si interruppero con la morte dell'ideatore. Il canale dall'Averno a Roma (lungo 250 km)non fu mai completato a causa degli infiniti problemi tecnici.
  31. 31. Cammeo dell'Imperatore Nerone in vesti apollinee Morte e sepoltura Quando Nerone fece ritorno a Roma, dovette subire le ribellioni di tutti… come Gaio Giulio Vindice, governatore della Gallia Lugdunense, il generale governatore nelle province ispaniche dichiarò la sua fedeltà al Senato ed al popolo romano, non riconoscendo più l'autorità di Nerone, che gli aveva ordinato di suicidarsi. Si ribellò anche il comandante della III legione Augusta in Africa, bloccando la fornitura di grano per la città di Roma. Anche i pretoriani si ribellarono a Nerone. Infine il Senato lo depose e Nerone si suicidò nel 68, si dice, aiutato da una schiava. Venne sepolto in un'urna di porfido, sormontata da un altare di marmo, collocata nel Sepolcro dei Domizi.Con la sua morte terminò la dinastia giulio- claudia.
  32. 32. Tra le donne più discusse del periodo imperiale ci fu la seconda moglie di Nerone, Sabina Poppea. Fu potente e tramò per assecondare le manie del marito. Sabina Poppea
  33. 33. . Politica estera Mantenimento dei confini stabiliti da Ottaviano Politica interventista e aggressiva Controllo della spesa pubblica Provvedimenti propagandistici molto costosi Monarchia assolutistica di stampo ellenistico Progetto di monarchia illuminata Promozione di opere pubbliche Nerone Concezione del potere e politica interna Politica economica Claudio Tiberio •Caligola •Nerone •Tiberio •Claudio Claudio •Caligola •Nerone

×