Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

I mediatori didattici

14,508 views

Published on

Cosa sono i mediatori didattici e come usarli per le nuove progettazioni?

Published in: Education
  • DOWNLOAD FULL BOOKS, INTO AVAILABLE FORMAT ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks ......................................................................................................................... Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult,
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • interessante
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

I mediatori didattici

  1. 1. I MEDIATORI DIDATTICI Ornella Castellano, IC Falcone Copertino – Le
  2. 2. Elio Damiano evidenzia tre sfere che si intersecano nel processo di apprendimento/insegnamento: •L’oggetto culturale •Il soggetto in apprendimento •L’azione di insegnamento MODELLO DIDATTICO UNIFICATO Ornella Castellano IC Falcone Le
  3. 3. L’ESPERIENZA DIDATTICA Soggetto in apprendimento Oggetto cultural e Azione di insegnament o BABA BA = Biogenesi dell’oggetto culturale CA = Operazioni didattiche relative all’Oggetto culturale BC= Operazioni didattiche relative al Soggetto di apprendimento BCBC CACA Le tre sfere evidenziano che il docente non può trasmettere contenuti producendo in modo meccanico apprendimenti. Come in una trasformazione chimica il catalizzatore rappresenta ciò che facilita una reazione ma non interviene direttamente, cosi nell’apprendimento l’insegnante può avere un ruolo molto importante senza produrre deterministicamente l’apprendimento Ornella Castellano IC Falcone Le
  4. 4. INSEGNAMENTO L’ insegnamento viene definito come mediazione, anzi, più precisamente come azione che produce mediatori INSEGNARE E’ EDUCARE MEDIANTE I SAPERI Ornella Castellano IC Falcone Le
  5. 5. “I CONTENUTI DELL’ESPERIENZA CULTURALE, SOCIALMENTE LEGITTIMATI E SCIENTIFICAMENTE RILEVANTI, VENGONO RIELABORATI IN QUANTO CONTENUTI ACCESSIBILI ALL’APPRENDIMENTO DA PARTE DEI SOGGETTI” “L’INSEGNAMENTO È L’AZIONE CAPACE DI GUIDARE I PROCESSI DI PRODUZIONE DI RAPPRESENTAZIONE DELLA REALTÀ...… COSTRUISCE DEI MODELLI DELLA REALTÀ” L’INSEGNAMENTO È DUNQUE L’AZIONE PROFESSIONALE MEDIATE LA QUALE SI RENDE DISPONIBILE ALL’APPRENDIMENTO DELL’ALUNNO LA CONOSCENZA RITENUTA NECESSARIA E VALIDA Ornella Castellano IC Falcone Le ..…EDUCARE MEDIANTE I SAPERI…
  6. 6. IL SOGGETTO IN APPRENDIMENTO FRUITORE DELL’AZIONE D’INSEGNAMENTO È IL SOGGETTO IN APPRENDIMENTO L’APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO, PRESUPPONE UN RUOLO ATTIVO DI RIELABORAZIONE DA PARTE DEL SOGGETTO, IL QUALE RICEVE INFORMAZIONI, LE RIELABORA A PARTIRE DALLA PROPRIA MATRICE COGNITIVA E SVILUPPA ATTITUDINI SECONDO L’IPOTESI COSTRUZIONISTICA, L’APPRENDIMENTO È UN PERCORSO DI COSTRUZIONE DI CONOSCENZA DELL’ALLIEVO IL SOGGETTO COMPIE QUESTA AZIONE MEDIANTE “SISTEMI SIMBOLICI” L’INSEGNANTE RIVESTE IL RUOLO DI TUTOR E MEDIATORE CHE NON DETERMINA IN MODO MECCANICO IL PROCESSO DI APPRENDIMENTO CHE AVVIENE SECONDO TEMPI E MODI PROPRI DELL’ALUNNO Ornella Castellano IC Falcone Le
  7. 7. L’OGGETTO CULTURALE • L’OGGETTO CULTURALE, PER ESSERE INSEGNABILE, VIENE SOTTOPOSTO AD UNA RISTRUTTURAZIONE SPAZIO TEMPORALE • TEMPO E SPAZIO VENGONO DECLINATI, “ACCOMODATI”, IN BASE AI PROPOSITI E ALLE PRIORITÀ DELL’INSEGNAMENTO • SI PROCEDE DA UNA DECONTESTUALIZZAZIONE DELL’OGGETTO, AD UNA RICONTESTUALIZZAZIONE NEL QUADRO DELLA SCENA DIDATTICA • ATTRAVERSO IL PROCESSO DI FORMALIZZAZIONE (MESSA A FUOCO, SCOMPOSIZIONE, INTEGRAZIONE, RIARTICOLAZIONE, DEFINIZIONE), L’OGGETTO DA “COPIONE” DELL’ESPERIENZA, SI TRASFORMA IN UN OGGETTO MENTALE APPROPRIATO, STRUTTURATO E MEMORIZZABILEOrnella Castellano IC Falcone Le
  8. 8. Ornella Castellano IC Falcone Le • LA PIANIFICAZIONE DELLA MEDIAZIONE DIDATTICA È IL MOMENTO IN CUI L’EQUIPE O IL DOCENTE, CONSIDERATO IL COMPITO DI APPRENDIMENTO, DECIDONO LE OPZIONI METODOLOGICHE DI FONDO CHE GUIDERANNO IL LAVORO. • L’UTILIZZO DEI VARI MEDIATORI DIDATTICI DIVENTA STRUMENTO FONDAMENTALE NEL PERCORSO DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO.
  9. 9. L’INSEGNANTE È IL PRIMO MEDIATORE DIDATTICO Sia attraverso la parola, sia attraverso tutti i tratti caratterizzanti la sua comunicazione, anche quelli non verbali La necessità dell’utilizzo dei vari mediatori è rafforzata dalla teoria sulla pluralità delle intelligenze Ornella Castellano IC Falcone Le
  10. 10. COSA SONO I MEDIATORI DIDATTICI I MEDIATORI SONO IL RISULTATO DI UN’AZIONE: •ESERCITATA DALL’INSEGNANTE •PRESSO I SOGGETTI IN APPRENDIMENTO •INTORNO AI CONTENUTI •ATTRAVERSO L’USO DEI MATERIALI DIDATTICI E DELLE CONTINGENZE ORGANIZZATIVE •IN RIFERIMENTO AL COMPIMENTO DELLE FINALITA’ EDUCATIVE Ornella Castellano IC Falcone Le
  11. 11. Ornella Castellano IC Falcone Le Non valgono per sé , ma per la loro capacità di rimandare ad altro e di renderlo accessibile (trasferibilità e generalizzazione). Hanno una doppia funzione: 1.Sostituzione 2.Protezione I MEDIATORI SI PONGONO TRA LA REALTÀ E LA SUA RAPPRESENTAZIONE Trasferiscono la realtà dentro la scuola
  12. 12. Ornella Castellano IC Falcone Le
  13. 13. MEDIATORI ATTIVI I MEDIATORI ATTIVI SI RIFERISCONO AD : • ESPLORAZIONI DELLO SPAZIO E DEL TERRITORIO, • ESERCITAZIONI PER PRESA DI CONTATTO, • OSSERVAZIONI, • MONTAGGI, • ESPLORAZIONI, • REALIZZAZIONE DI OGGETTI. Ornella Castellano IC Falcone Le Definiti mediatori di soglia perché i più vicini alla realtà. Sono i più caldi, legati alla percezione e all’esperienza diretta: costituiscono la base per la creazione delle immagini mentali e per la formazione concettuale.
  14. 14. Dispersione per particolarismo, in quanto legati al contesto in cui si realizzano e difficili da decontestualizzare dalle condizioni di luogo e di tempo da cui dipendono. memorizzazione ingombrante Ornella Castellano IC Falcone Le Si vede l’applicabilità: • Coinvolge emotivamente • Consistenza fisico-percettiva Tali limiti, tuttavia, coincidono con la loro efficacia: la densità affettivo- emotiva, la consistenza fisico percettiva, sono esiti difficilmente perseguibili con gli altri mediatori. MEDIATORI ATTIVI: LIMITI E VANTAGGI
  15. 15. MEDIATORI ICONICI I modelli iconici rappresentano le caratteristiche della realtà mediante immagini- che nella forma di audiovisivi – sono estese a comprendere anche i suoni e scale. Esempi comuni sono le fotografie, i disegni, le carte geografiche, riprese filmiche, cartoni animati, diapositive, indici, segnali, icone, dinamismi con computer graphics, schemi, tabelle, diagrammi, mappe. Ornella Castellano IC Falcone Le • Possibilità di condensare e ordinare in forma organica una notevole quantità di informazioni (es: carta stradale e indicazioni verbali) • Alto livello di integrabilità e quindi notevole flessibilità d’uso • La realtà viene rappresentata medianti modelli iconici che mantengono un rapporto fisico percettivo (vicinanza e fedeltà, restringendone la generalizzazione) • Possibilità di analisi accessibile alla percezione visiva
  16. 16. MEDIATORI ANALOGICI Si riferiscono alle modalità proprie del gioco, della simulazione, della drammatizzazione nel role play, simulazione, analisi e discussione di un gioco… Ornella Castellano IC Falcone Le • I partecipanti assumono ruoli analoghi a quelli del mondo reale e prendono decisioni • Sperimentano le conseguenze delle loro decisioni • Valutano i risultati e riflettono sulle relazioni fra decisioni e conseguenze
  17. 17. • Validità formativa: COGNITIVITA’ + EMOTIVITA’+ RELAZIONALITA’ • Aumento della motivazione Ornella Castellano IC Falcone Le MEDIATORI ANALOGICI: LIMITI E VANTAGGI • Particolarismo • Fattibilità di tempi e costi • Perdita di vista della realtà (per immersione nel gioco - per eccessive semplificazioni e riduzioni della realtà perché sia “giocabile”)
  18. 18. MEDIATORI SIMBOLICI Sono i più generali e i più usati universalmente Si rifanno all’insegnamento che utilizza lettere, cifre, simboli, discussioni finalizzate a: • Sintetizzare informazioni raccolte, narrazioni • Dell’insegnante e dell’alunno, riflessioni sul • Linguaggio, sulle procedure, sull’applicazione • E controllo delle regole (metaconoscenza) Ornella Castellano IC Falcone Le La tecnica nota come “lezione” è solitamente la più diffusa tra i docenti, in quanto permette di ottenere il quoziente più efficiente tra numero di informazioni trasmesse e quantità oraria
  19. 19. Sono gli utensili umani per eccellenza perché: •Sicuri, in quanto distanti dalla realtà e al riparo dai rischi dell’azione diretta •Potenti, coprono un vasto territorio di esperienze •Flessibili , perché consentono di ordinare gli oggetti rilevanti nei modi più utili e diversificati •Sociali, si caratterizzano per la partecipazione e modifica nel contesto con altre persone •Conservabili, attraverso un deposito di facile consultazione (memoria semantica) Ornella Castellano IC Falcone Le MEDIATORI SIMBOLICI: LIMITI E VANTAGGI • Distanza dalla realtà • Alti tassi di dispersione e distorsione delle informazioni e perciò scarsa efficacia della “lezione”. • Apprendimento facilmente meccanico e non sempre significativo
  20. 20. LO SAPEVATE CHE IMPARIAMO IL… • 10% DI CIÒ CHE LEGGIAMO • 20% DI CIÒ CHE ASCOLTIAMO • 30% DI CIÒ CHE VEDIAMO • 50% DI CIÒ CHE VEDIAMO E ASCOLTIAMO • 70% DI CIÒ CHE DISCUTIAMO CON GLI ALTRI • 80% DI CIÒ CHE ABBIAMO ESPERIENZA DIRETTA • 95% DI CIÒ CHE SPIEGHIAMO AD ALTRI Ornella Castellano IC Falcone Le
  21. 21. Passando da una categoria all’altra aumenta il ruolo della simbolizzazione e ci si allontana da un contatto concreto . Ornella Castellano IC Falcone Le
  22. 22. TAVOLA DEI MEDIATORI DIDATTICI ATTIVI ICONICI ANALOGICI SIMBOLICI Esplorazioni “per vedere”, esercitazioni “perpresa di contatto Disegno “spontaneo”, materiale visivo per documentare Drammatizzazione / role play (soggetti) Discussione finalizzata a sintetizzare/omologare informazioni raccolte, narrazione dell’insegnante Esplorazione secondo piano di osservazione, esercitazione per realizzare oggetti a partire da semilavorati, montaggi, etc. Disegno preordinato secondo piano contenutistico / codice prescelto, analisi e interpretazione di immagini selezionate Giochi di simulazione (canovaccio) Narrazione (ascolto, lettura, scritti) di eventi più o meno complessi, sintesi scritta, narrazione dell’alunno Ricostruzione (mimo, conversazione) di un’esperienza per metterla a fuoco ed esaminarla Codificazione grafico- figurativa di eventi più o meno complessi (a partire da altri linguaggi verbali e non) Esecuzione di copioni (soggetti a canovaccio) Definizione di concetti, formulazione di giudizi Esperimento (a fattori selezionati e alternati) esercitazione perideare, progettare, realizzare oggetti Schematizzazione di concetti, mappe, percorsi, eventi… secondo connettivi grafici (organizzatori percettivi) Analisi e discussione di un gioco, finalizzate all’identificazione delle regole Riflessione sul linguaggio, sulle pratiche discorsive, sulle procedure, finalizzate all’individuazione di regole Esplorazione percontrollo di conoscenze predefinite, esercitazioni per applicare /controllare Schematizzazione a controllo di conoscenze ed esperienze apprese in precedenza Simulazione finalizzata all’applicazione e controllo di conoscenze ed esperienze precedenti Applicazione e controllo di regole (metaconoscenze) apprese in precedenza Ornella Castellano IC Falcone Le
  23. 23. • Utilizzare differenti mediatori per favorire i diversi stili cognitivi degli studenti • Utilizzare la ridondanza (ovvero più mediatori in relazione allo stesso argomento), perché ogni approccio linguistico e mediale dello stesso argomento presenta anche informazioni o punti di vista differenti • Valutare il mediatore anche in funzione del livello di simbolizzazione a cui si desidera arrivare in un determinato percorso • Utilizzare sempre le due direzioni: non solo dall’attivo al simbolico, ma anche dal simbolico all’attivo Ornella Castellano IC Falcone Le REGOLE PRATICHE:
  24. 24. Ornella Castellano IC Falcone Le Bibliografia Bruner J. S., Toward a Theory of Instruction. The Belknap Press of Harward University Press Cambridge - Massachusetts, 1966 Damiano E., L'azione didattica. Per una teoria dell'insegnamento. Armando Editore, Roma, 1999 Serres M., Non è un mondo per vecchi. Perché i ragazzi rivoluzionano i saperi. Bollati Boringhieri, Torino, 2013 Morin E., La testa ben fatta. Riforma dell'insegnamento e riforma del pensiero. Raffaello Cortina, Milano 2000 Morin E., I sette saperi necessari all'educazione del futuro. Raffaello Cortina, Milano 2001 Morin E., Insegnare a vivere. Manifesto per cambiare l'educazione. Raffaello Cortina, Milano 2015 Novak J.D. - Gowin D.B., Imparando ad imparare. SEI Editore, Torino, 1995 Ausubel P., Educazione e processi cognitivi. Guida psicologica per gli insegnanti. Franco Angeli, 2004 Gardner H., Educazione e sviluppo della mente. Intelligenze multiple e apprendimento Erikson, 2006

×