Your SlideShare is downloading. ×
0
<ul><ul><li>Le opinioni nuove sono sempre sospette e in genere contrastate per nessun'altra ragione all'infuori del fatto ...
Chi era John Locke? <ul><ul><li>- Nasce a Wrington, vicino a Bristol, nel 1632;  </li></ul></ul><ul><ul><li>-Dopo la resta...
Saggio sull'intelletto umano LIBRO II LIBRO I LIBRO III LIBRO IV L’opera di maggior successo e spessore di John Locke è ap...
-Il libro è una critica aspra all'innatismo -La principale critica mossa all’innatismo si muove seguendo la certezza che n...
LIBRO 2 -Il libro si apre con la spiegazione delle idee derivate dalle sensazioni e dalla riflessione. -Poi Locke devia su...
Dio non ci ha dato idee innate di sé, non ha stampato caratteri originali nel nostro spirito, nei quali possiamo leggere l...
LIBRO 3 -Le idee complesse e il problema della comunicazione di esse, -Creazione dellle idee generali che si realizzano qu...
LIBRO 4 <ul><li>-Io e Dio.  </li></ul><ul><ul><li>-Il problema della conoscenza e dei limiti della mente umana. </li></ul>...
Ora andremo ad approfondire le idee trattate nel Saggio sull'intelletto umano.
Nel Seicento dominavano due principali correnti di pensiero: il Razionalismo, sostenuto da Cartesio), e l’Empirismo, al qu...
Idee Semplici Sensazione Riflessione  Si dividono in Idee Complesse Sostanza Relazione Modo generano
Le idee semplici J.L inizia introducendo l’esistenza dell'esperienza intera da cui deriva alcune idee, premettendo che que...
Le Idee complesse Le idee complesse nascono da diverse rielaborazioni, che vedremo in seguito, delle idee semplici tratten...
-L'operazione di relazione invece fa si che si stabilisca una connessione tra due idee, senza l'unione e così si creano le...
<ul><li>Spinto anche dalle atrocità nei confronti degli ugonotti in Olanda nel 1683, Locke formulò un trattato sulla sua c...
Il pensiero Politico John Locke, così come Hobbes teorizzò l'assolutismo, fu quello che teorizzò le innovazioni introdotte...
<ul><li>A.S. 2009 – 201 </li></ul><ul><li>Liceo Scientifico “G. Vailati” di Genzano di Roma </li></ul><ul><li>Classe IV A ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

John Locke

5,151

Published on

Webquest IV A Liceo Scientifico Vailati Genzano di Roma

Published in: Education
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
5,151
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
47
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "John Locke"

  1. 1. <ul><ul><li>Le opinioni nuove sono sempre sospette e in genere contrastate per nessun'altra ragione all'infuori del fatto che non sono già comuni. </li></ul></ul>John Locke
  2. 2. Chi era John Locke? <ul><ul><li>- Nasce a Wrington, vicino a Bristol, nel 1632; </li></ul></ul><ul><ul><li>-Dopo la restaurazione della monarchia e della Chiesa, Locke abbandona l'idea della carriera ecclesiastica e s i dedica agli studi. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Fondatore dell'empirismo inglese e massimo teorico del liberalismo, studiò all'Università di Oxford, dove fu influenzato dalla politica di tolleranza religiosa del suo cancelliere John Owen. </li></ul></ul><ul><ul><li>-In seguito insegna nella stessa università. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Divenne medico personale e consigliere di Shaftesbury, seguendone l'alterna sorte e le vicissitudini. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Nel 1675 Locke, si ritira in Francia per quattro anni dopo la caduta di Shaftesbury, si dedica alla preparazione del saggio sull'intelletto umano. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Shaftesbury nel 1682 venne accusato di tradimento e anche Locke fu sospettato, e per questo andò in esilio volontario in Olanda, dove fu attivo sostenitore di Guglielmo d'Orange. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Tornato a Londra pubblicò nel 1690 la sua opera più importante,il &quot;Saggio sull'intelletto umano&quot;. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Tornato in patria al seguito di Guglielmo d'Orange icoprì vari incarichi importanti tra cui anche quello di consigliere per il commercio nelle colonie. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Morì nel 1704 passando serenamente gli ultimi anni nel castello di Oates, in Essex. </li></ul></ul>
  3. 3. Saggio sull'intelletto umano LIBRO II LIBRO I LIBRO III LIBRO IV L’opera di maggior successo e spessore di John Locke è appunto il Saggio sull’intelletto umano , scritta nel 1690, quest’opera divisa in quattro libri, sono affrontati i temi più rilevanti delle riflessioni del filosofo, si vede chiaramente l’indole empiristica di Locke quando afferma come il processo di apprendimento prenda avvio dall'esperienza, che può essere interna o esterna al soggetto, la quale attraverso l'associazione di idee semplici, porta alla formulazione di idee complesse e di un giudizio. Si può ben vedere come questa tesi abbia un valore pedagogico ma anche un fondamento psicologico infatti viene messa anche l’esperienza alla base dell’apprendimento l’esperienza oltre alla percezione e all'esercizio. Analizziamo il saggio attraverso i suoi quattro libri.
  4. 4. -Il libro è una critica aspra all'innatismo -La principale critica mossa all’innatismo si muove seguendo la certezza che non esiste alcuna verità sulla quale tutti siano unanimemente concordi; egli ha modo di contestare una serie di affermazioni che i razionalisti offrono come verità universalmente accettate, ad esempio il principio di identità, evidenziando che sia i bambini che gli idioti sono spesso inconsapevoli di tali affermazioni. LIBRO 1
  5. 5. LIBRO 2 -Il libro si apre con la spiegazione delle idee derivate dalle sensazioni e dalla riflessione. -Poi Locke devia sul discorso sull’esistenza di un essere intelligente,dicendo &quot; Quindi, dalla considerazione di noi stessi e di quello che crediamo infallibile, la ragione ci conduce alla conoscenza delle verità evidenti che vi sia un eterno ,potente e più sapiente essere; non importa che sia o no chiamato Dio &quot;. Locke argomenta che è irrazionale concludere altrimenti -Locke separa quindi l’idea di dio dalla teologia giudeo-cristiana il che spiega il motivo per cui molti dei fondatori degli Stati Uniti, furono convinti sostenitori del pensiero di Locke e del suo metodo retorico e poterono mantenere una ferma fede senza abbracciare la tradizionale teologia Cristiana.
  6. 6. Dio non ci ha dato idee innate di sé, non ha stampato caratteri originali nel nostro spirito, nei quali possiamo leggere la sua esistenza; tuttavia, avendoci forniti delle facoltà di cui il nostro spirito è dotato, non ci ha lasciato senza una testimonianza di se stesso: dal momento che abbiamo senso, percezione e ragione, non possiamo mancare di una chiara prova della sua esistenza, fino a quando portiamo noi stessi con noi. Non c’è verità piú evidente che questa, che qualcosa deve esistere dall’eternità . ma fede senza abbracciare la tradizionale teologia Cristiana. Non ho mai sentito parlare di nessuno cosí irragionevole o che potesse supporre una contraddizione cosí manifesta come un tempo nel quale non ci fosse assolutamente nulla. Perché questa è la piú grande di tutte le assurdità, immaginare che il puro nulla, la perfetta negazione e assenza di tutte le cose producano mai qualche esistenza reale. Se, allora, ci deve essere qualcosa di eterno, vediamo quale specie di essere deve essere. E a questo riguardo è assolutamente ovvio ragionare che debba necessariamente essere un essere pensante. Infatti pensare che una semplice materia non pensante produca un essere pensante intelligente è altrettanto impossibile quanto pensare che il nulla produca da se stesso materia. Grande Antologia Filosofica , Marzorati, Milano, 1968, vol. XIII, pag. 655
  7. 7. LIBRO 3 -Le idee complesse e il problema della comunicazione di esse, -Creazione dellle idee generali che si realizzano quando raggruppiamo insieme, secondo il principio della scienza di generalizzare e categorizzare ogni cosa, le idee simili particolari, mettendo da parte le differenze (astrazione) fino ad ottenere solo le idee simili.
  8. 8. LIBRO 4 <ul><li>-Io e Dio. </li></ul><ul><ul><li>-Il problema della conoscenza e dei limiti della mente umana. </li></ul></ul><ul><ul><li>-La conoscenza è la percezione del consenso o del dissenso di una delle nostre idee, allora probabilmente siamo intrappolati proprio nella cerchia delle nostre idee. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Possiamo conoscere che Dio esiste con un più alto grado di sicurezza di quanto si possa ottenere da una dimostrazione. Sappiamo anche di esistere con un alto grado di certezza. Conosciamo anche bene le verità della morale e della matematica. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Inoltre, i nostri sforzi per comprendere la natura degli oggetti esterni è limitata largamente alle connessioni tra le loro qualità apparenti. La nostra conoscenza delle cose materiali è probabilistica e quindi è &quot;opinione&quot;, piuttosto che &quot;conoscenza&quot;. </li></ul></ul><ul><ul><li>-Così la nostra conoscenza degli oggetti esterni è inferiore alla nostra conoscenza della matematica e della moralità, di noi stessi e di Dio. Locke sostiene che abbiamo solo la conoscenza di un numero limitato di cose, ma pensa anche che siamo in grado di giudicare la verità o la falsità di molte proposizioni in aggiunta a quelle che normalmente pensiamo di sapere. </li></ul></ul>
  9. 9. Ora andremo ad approfondire le idee trattate nel Saggio sull'intelletto umano.
  10. 10. Nel Seicento dominavano due principali correnti di pensiero: il Razionalismo, sostenuto da Cartesio), e l’Empirismo, al quale aderivano Locke, Hume e Berkeley. L’Empirismo lockiano non escludeva l’importanza della ragione ma sosteneva che questa era limitata dall’esperienza, che era l’unico mezzo per la conoscenza. Infatti per Locke, come tutti i filosofi a lui precedenti a partire da Cartesio, la componente più importante era la gnoseologia. John Locke stipula una concezione delle idee in contrapposizione all'interpretazione cartesiana che sta prendendo piede in quel periodo in Inghilterra: Prima di analizzare la sua idea andiamo a vedere il motivo per cui è in disaccordo con la teoria cartesiana : sono due gli argomenti principali della sua critica, il più famoso è quello che critica la presunta universalità di alcune idee, che dimostrerebbe l'indipendenza dall'esperienza, possiamo notare come sia in forte contrasto con la concezione empiristica, infatti Locke la critica dicendo che se tali idee fossero innate dovrebbero essere note anche agli idioti e ai bambini. La seconda invece dice che se le idee possono essere spiegate senza presupporlo, dal momento che abbiamo i mezzi per acquisirle, sarebbe illogico concepirle come innate. Quindi Locke critica la visione dell'idea innata a favore dell'idea che viene percepita ed elaborata tramite l'esperienza. Nel secondo libro del Saggio sull'intelletto umano Locke abbiamo visto il problema delle idee che divide in due blocchi le idee semplice e le idee complesse.
  11. 11. Idee Semplici Sensazione Riflessione Si dividono in Idee Complesse Sostanza Relazione Modo generano
  12. 12. Le idee semplici J.L inizia introducendo l’esistenza dell'esperienza intera da cui deriva alcune idee, premettendo che queste sono riconducibili all'esperienza esterna, poiché in assenza di contenuto non c'è materiale da rielaborare, quindi le idee di sensazione operano su quelle derivate dalla sensazione; quindi per L. il pensiero non è più una cosa come per Cartesio bensì è un'insieme di operazioni derivate da un materiale di origine empirica. Le idee semplici però hanno delle distinzioni a seconda se sono oggettive, qualità primarie, e le seconde soggettive, qualità secondarie, quest'ultime sono modificazioni dei nostri organi di senso tramite gli atomi(termine non usato da Locke che li definisce particelle impercettibili singolarmente). Le idee semplici sono divise anche secondo la loro origine: le idee ottenute da un solo senso, ottenute con più sensi, con la riflessione e con riflessione e sensazione insieme. Le idee che provengono appunto o dalla riflessione o dalla sensazione sono semplici e derivano dai sensi, elebarando queste la mente produce le idee complesse.
  13. 13. Le Idee complesse Le idee complesse nascono da diverse rielaborazioni, che vedremo in seguito, delle idee semplici trattenute dalla memoria. Queste operazioni che la mente svolge per rielaborare le idee semplici sono di 3 tipi: di unione, di relazione e di astrazione. -L'operazione di unione può articolarsi in due modi diversi, una è la formazione di concetti attraverso l'associazione di qualità comuni (Albero) , mentre l'altra è la formazione di un'idea di oggetto tramita l'unione di più idee semplici (Arancia), con il processo di unione nascono le idee di sostanza . Tutte le idee complesse non hanno una corrispondenza con la realtà esterna , questo porta una novità nella filosofia sull'interpretazione della sostanza. Appunto le idee di sostanze portano a considerare la sostanza prodotta dalla nostra mentre tramite le idee semplici a sua volta semplice, ma questo porta a concepire la sostanza come realmente esistente oggettivamente, mentre la sostanza non è esiste come prodotto oggettivo ma è bensì prodotta dal soggetto è quindi priva di dimostrabile fondamento; anche l'idea di Dio è frutto di idee semplici.
  14. 14. -L'operazione di relazione invece fa si che si stabilisca una connessione tra due idee, senza l'unione e così si creano le idee di relazione. - Mentre dall'operazione di astrazione si separa un'idea da quelle a cui è solitamente associata in questo modo si formano le idee di modo . Le idee di modo si dividono in modi semplici e misti, le prime derivano dalla ripetizione di più idee semplici mentre le seconde dalla separazione di alcune qualità. Tramite l'analisi del tempo e dello spazio come idee di modo, si aprono molteplici dibattiti visto che in quegli anni Newton enuncia l'assolutismo di tempo e spazio; trova Locke in completo disaccordo infatti, lui li considerava prodotti della nostra mente e quindi prodotti dal soggetto. Anche con Cartesio ci sono dei confronti infatti L. critica l'identificazione dello spazio con l'estensione fisica, mentre per lui sono idee distinte, cosa che gli permettere di affermare l'esistenza di uno spazio vuoto.
  15. 15. <ul><li>Spinto anche dalle atrocità nei confronti degli ugonotti in Olanda nel 1683, Locke formulò un trattato sulla sua concezione di tolleranza, sottoforma di lettera scritta in latino. Rispondeva ai problemi religiosi e politici dell’epoca, proponendo la tolleranza religiosa. </li></ul><ul><li>-In quest’opera viene affrontata la possibilità di religioni diverse in una stessa società e in esso si sviluppa il problema della separazione della Chiesa dallo Stato. </li></ul><ul><li>-Locke, da filosofo empirista, si allontana da Hobbes e il suo Leviatano, per il fatto che quest’ultimo sostiene l’uniformità religiosa nella società per un buon funzionamento dello stato. Invece Locke accusa ogni tentativo di abolire le diversità religiose da parte dello Stato. </li></ul><ul><li>-Prima di tutto Locke definisce in concetto di Stato e quello di Chiesa: lo Stato è “una società di uomini costituita per conservare e promuovere i beni civili” ed può fare uso della forza e della constrinzione sempre in base a un sistema giudiziario e legislativo legato agli obiettivi principali. La Chiesa invece è “una libera società di uomini che si riuniscono spontaneamente per onorare pubblicamente il Dio nel modo che ritengono opportuno”. Una infiltrazione dello Stato nella dottrina della Chiesa entrebbe in contrasto con a definizione di Chiesa. La fede infatti è una scelta interiore e il compito del magistrato è la semplice regolazione dell’esercizio e solamente nei casi in cui lo Stato potrebbe essere danneggiato. </li></ul>Lettera sulla tolleranza
  16. 16. Il pensiero Politico John Locke, così come Hobbes teorizzò l'assolutismo, fu quello che teorizzò le innovazioni introdotte con la gloriosa rivoluzione, che sancì alla fine l'inizio del principio inglese &quot;Il re regna ma non governa&quot; . Locke riteneva che lo stato nascesse da un pactum societatis dettato non dallo stato di guerra ma dalla protezione della proprietà privata. Inizialmente gli uomini vivevano in branco, poi per sopravvivere gli uomini capiscono l'importanza dell'individualità: dalla titolarità di se stessi e del proprio lavoro nacque la proprietà privata. Essa era inizialmente limitata e quindi non c'erano disuguaglianze, che si vennero poi a creare con l'introduzione del denaro. Pertanto i proprietari fecero un patto, valutando i vantaggi e gli svantaggi di uno stato, rinunciando alla propria libertà assoluta, ceduta allo stato, ma conservando lo ius resistentiae , cioè la possibilità del cittadino di resistere al potere del capo di tale stato, sovrano, e di mantenere i propri diritti fondamentali. In cambio lo stato deve mantenere la pace, la felicità e permettere la fruizione delle proprietà private, che doveva anche difendere. I noltre si doveva impegnare a far applicare il diritto naturale , esistente appunto in natura, ma che nello stato di natura non trovava applicazione perché non c'erano poteri forti come quelli statali in grado di farlo rispettare. Inoltre Locke fu il primo a teorizzare l'indipendenza dei tre poteri: esecutivo, giudiziario e legislativo. Questo ci fa vedere la modernità del personaggio, che anticipò un concetto che è alla base di tutte le democrazie liberali occidentali. Affermò anche l'esigenza di una tolleranza religiosa, che però egli stesso non riservava agli atei, ritenuti destabilizzanti per lo stato, e ai cattolici, che egli chiama &quot;papisti&quot;, perché più fedeli alla chiesa di Roma che allo stato.
  17. 17. <ul><li>A.S. 2009 – 201 </li></ul><ul><li>Liceo Scientifico “G. Vailati” di Genzano di Roma </li></ul><ul><li>Classe IV A </li></ul><ul><li>La presentazione è stata realizzata da Alessio Valeri, Matteo Garofalo, </li></ul><ul><li>MariaSabato, Elena Farinelli nell’ambito di un’attività di Webquest coordinata </li></ul><ul><li>dal Prof. Pietro Volpones. Insieme alle presentazioni gli studenti hanno realizzato un ebook reperibile al seguente indirizzo web: http://www.liceovailati.it/doceboKms/index.php?modname=documents&op=download&treeid=170&cvid=338 </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×