Architettura dell’antica Grecia
I l teatro Il  teatro ,  per i Greci, era un luogo importante per manifestazioni collettive, religiose, politiche, cultura...
<ul><li>Dal quarto secolo a.C. la struttura del teatro era compiutamente definita, come dimostra  il teatro di Epidauro  n...
<ul><li>I teatri greci non erano concepiti come strutture monumentali, ma esclusivamente funzionali.   </li></ul><ul><li>I...
Il teatro di Dioniso, Acropoli di Atene (circa 338-326 a.C.)
Teatro greco di Siracusa
Teatro greco romano di Taormina
<ul><li>Dalle rappresentazioni, che come è stato detto erano legate strettamente alla religione (le feste dionisiache),  n...
<ul><li>Il coro  </li></ul><ul><li>Accanto agli attori c’era il coro, i cui componenti (&quot; coreuti &quot;; prima 12, p...
La tragedia  Pericle incoraggiò le rappresentazioni perché avevano un alto valore educativo. Le tragedie mettevano in scen...
L a commedia <ul><li>La commedia aveva quasi sempre carattere di  satira  e affrontava, polemicamente, argomenti di attual...
Funzioni sociali teatro <ul><li>Il teatro, in tutte le sue forme, ha avuto, specie nell’antichità, sempre un potere di  co...
Atene <ul><li>Atene, capitale della Grecia e capoluogo della provincia dell' Attica, è la culla della civiltà occidentale ...
Atene <ul><li>Atene, capitale della Grecia e capoluogo della provincia dell' Attica, è la culla della civiltà occidentale ...
FONTI: Giovanni Caselli - Le grandi civiltà del mondo antico – Ed. Giunti Marco Migliardi - A scuola con PowerPoint 2002 -...
 
 
Propilei <ul><li>Entrata monumentale formata da un portico a colonne posto prima di una porta. Il più importante fu quello...
Acropoli <ul><li>Il termine   acropoli   (dal greco àkros, &quot;alto&quot; e polis, &quot;città&quot;) indica la parte al...
Tempio di Athena Nike <ul><li>Dopo l'accordo stipulato tra Atene e Sparta nel 421 durante la guerra del Peloponneso (Pace ...
Eretteo L'eretteo è un tempio ionico con due celle interne dove venivano conservate le memorie sacre della città di Atene,...
Partenone Il  Partenone (in greco &quot;tempio delle vergini&quot;) si trova da quasi 2.500 anni sull'Acropoli di Atene. E...
 
Fidia, copia in formato ridotto dell’Athena Parthenos
 
Le &quot;pàrodoi&quot; Passaggi laterali, spesso lievemente inclinati, arricchiti da statue e dediche votive. Da quella di...
ordine ionico : il  fusto  della colonna presenta scanalature a spigoli smussati; è più alto e sottile di quello dell'ordi...
ordine dorico:  il  fusto  della colonna presenta scanalature a spigoli vivi e poggia direttamente sullo stilobate. Il cap...
Ruderi dell’agorà di Atene Scena di vita quotidiana nell’agorà di Atene
CARIATIDI
 
SCRANNI DEL TEATRO DI DIONISIO RISERVATI AI NOBILI
particolari
 
L’elemento a tronco di cono ( kalathos ) è rivestito di due ordini di otto foglie di acanto, delle quali le otto superiori...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Architettura antica grecia

5,718

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
5,718
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
63
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Architettura antica grecia

  1. 1. Architettura dell’antica Grecia
  2. 2. I l teatro Il teatro , per i Greci, era un luogo importante per manifestazioni collettive, religiose, politiche, culturali e di svago. Gli spettacoli coincidevano con le grandi festività in onore del dio Dioniso , a cui partecipava la totalità della cittadinanza. Era costruito sempre a cielo aperto, sul declivio di una collina, per facilitare la costruzione delle tribune che consistevano, inizialmente, in panche di legno , con uno spazio piano davanti per le rappresentazioni. In Grecia, ed in particolar modo ad Atene, quindi, le rappresentazioni teatrali furono un grandissimo &quot;fatto sociale&quot; e molto più che ai nostri giorni un fenomeno di massa; esse diverranno, inoltre, sempre più una conquista, un mezzo di conoscenza, uno specchio della società, un legame sociale. Non possiamo se non ripetere che il teatro fu un vero centro di vita intellettuale che agiva efficacemente sulle masse sia dal punto di vista estetico che da quello educativo e culturale.
  3. 3. <ul><li>Dal quarto secolo a.C. la struttura del teatro era compiutamente definita, come dimostra il teatro di Epidauro nel Peloponneso (foto accanto) </li></ul><ul><li>con 14.000 posti, costruito nel 350 a.C. da Policlito il Giovane, con una eccezionale acustica. </li></ul>Il teatro di Epidauro è uno dei più perfetti del mondo greco e anche il meglio conservato. E’ tutt’ora in uso per rappresentazioni musicali e drammatiche, grazie all’eccellenza della sua acustica. È inserito, assieme al famoso santuario ad Asclepio attiguo, nell'elenco dei patrimoni dell'umanità dell' UNESCO .
  4. 4. <ul><li>I teatri greci non erano concepiti come strutture monumentali, ma esclusivamente funzionali. </li></ul><ul><li>Il teatro greco consisteva nelle seguenti parti: </li></ul><ul><li>orchestra L'area occupata dagli attori, chiamata &quot;orchestra&quot;, ossia luogo delle danze, di forma variamente trapezoidale / semicircolare o circolare e del diametro di ca. m. 20 </li></ul><ul><li>cavea ,(koilòn) una serie di gradoni semicircolari appoggiati al terreno per ospitare gli spettatori (la prima fila è riservata ai preti e ai notabil). </li></ul>Struttura del teatro <ul><li>skené , un edificio scenico che serviva da fondale, di fronte alla cavea, dotata di tre porte per le entrate in scena. Lo spazio tra la rettangolare skené e l’orchestra circolare si chiamava “ proskénion ” (proscenio). </li></ul>
  5. 5. Il teatro di Dioniso, Acropoli di Atene (circa 338-326 a.C.)
  6. 6. Teatro greco di Siracusa
  7. 7. Teatro greco romano di Taormina
  8. 8. <ul><li>Dalle rappresentazioni, che come è stato detto erano legate strettamente alla religione (le feste dionisiache), nasce la tragedia greca. </li></ul><ul><li>Tutta la popolazione assisteva agli spettacoli. Ogni attività lavorativa era sospesa e la perdita della giornata lavorativa era risarcita ai cittadini più poveri tramite un gettone di presenza, il theorikon . Queste celebrazioni, con sacrifici e recitazioni, duravano dalla mattina alla sera, ma anche per più di un giorno. Gli spettacoli, che includevano recitazione, musica, canto e danze, si svolgevano di giorno. Gli attori, i cantanti e i ballerini usavano maschere per rappresentare il carattere e il sentimento ; i costumi erano standardizzati nel colore e negli attributi a seconda del personaggio. Nel teatro greco si faceva </li></ul><ul><li>ampio uso di macchine sceniche. </li></ul>Le rappresentazioni teatrali
  9. 9. <ul><li>Il coro </li></ul><ul><li>Accanto agli attori c’era il coro, i cui componenti (&quot; coreuti &quot;; prima 12, poi 15; vestiti con chitone o, se schiavi, con un farsetto), oltre a godere anch’essi di stima pubblica, erano preparati da un istruttore (a volte lo stesso autore della tragedia) e pagati dal &quot; corego &quot;, un ricco ateniese disposto ad addossarsi il peso della sponsorizzazione del dramma. </li></ul>LE PARTI Gli attori Questa professione era riservata esclusivamente ai maschi. Il mestiere di &quot;istrione&quot;, infatti, era tenuto in grandissima considerazione e, quindi, ruoli preminenti non potevano essere affidati se non a donne libere: ma queste vivevano preminentemente in casa , né si faceva comunemente uso di ragazzi per simulare le voci femminili (anche se brevi parti infantili sono contemplate in più di una tragedia). Protagonisti e &quot;spalle&quot; Il ruolo del protagonista (in origine lo stesso autore della tragedia) era preminente e secondo e terzo attore dovevano stare al loro posto; senza contare gli innumerevoli personaggi muti , per lo più cittadini presenti sulla scena come guardie di scorta, ancelle, giudici, …).
  10. 10. La tragedia Pericle incoraggiò le rappresentazioni perché avevano un alto valore educativo. Le tragedie mettevano in scena un atto di violenza contro le leggi divine e umane, che alla fine veniva sempre punito, poiché era una scuola per il popolo , anche ai teti (nulla tenenti) potevano assistere perché i due oboli per l’ingresso venivano rimborsati dallo Stato. 3.Euripide. 1 2 3 I più grandi tragediografi greci sono : 1.Sofocle, 2.Eschilo,
  11. 11. L a commedia <ul><li>La commedia aveva quasi sempre carattere di satira e affrontava, polemicamente, argomenti di attualità (vita politica, attività culturali, il costume) con un linguaggio disinvolto e a volta anche scurrile. </li></ul><ul><li>Gli autori mettevano in ridicolo i personaggi reali, spesso potenti, con libertà che solo la democrazia di Atene poteva permettere. </li></ul>Il più alto esponente della commedia greca fu Aristofane , che nelle sue commedie non risparmiò il governo e i suoi rappresentanti
  12. 12. Funzioni sociali teatro <ul><li>Il teatro, in tutte le sue forme, ha avuto, specie nell’antichità, sempre un potere di contestazione esplicita e questa opposizione alla realtà sociale è sempre divenuta il principio motore di ogni creazione artistica. </li></ul>In Grecia, ed in particolar modo ad Atene, quindi, le rappresentazioni teatrali furono un grandissimo &quot;fatto sociale&quot; e molto più che ai nostri giorni un fenomeno di massa; esse diverranno, inoltre, sempre più una conquista, un mezzo di conoscenza , uno specchio della società, un legame sociale. Il teatro greco ha una funzione essenziale della vita della polis perché è portatore di problematiche politiche e sociali , essendo stato il poeta sollecitato da specifiche situazioni che hanno determinato il suo atteggiamento e la sua creazione: non possiamo, infatti, dimenticare come in qualsiasi forma artistica si rifletta la posizione dell’artista nella vita del tempo.
  13. 13. Atene <ul><li>Atene, capitale della Grecia e capoluogo della provincia dell' Attica, è la culla della civiltà occidentale e della democrazia. </li></ul><ul><li>Nei quartieri centrali della città sorge la collina dell' Acropoli (dal greco àkros, &quot;alto&quot; e pòlis, &quot;città&quot;), la fortezza naturale su cui la gente si radunava in caso di pericolo e dove sono concentrati i resti degli edifici sacri dell'età classica.  </li></ul><ul><li>Fra i più importanti monumenti di tutti i tempi ricordiamo: </li></ul><ul><li>il Partenone,  </li></ul><ul><li>l'Eretteo, </li></ul><ul><li>i Propilei, </li></ul><ul><li>il tempio di Atena Nike   </li></ul>A nord-ovest dell'Acropoli si trova l’agorà , che presso gli antichi ateniesi era la piazza del mercato, delle assemblee politiche e delle prime rappresentazioni teatrali. Nelle vicinanze dell’acropoli sorgeva il teatro ( come si può vedere nella figura sotto).
  14. 14. Atene <ul><li>Atene, capitale della Grecia e capoluogo della provincia dell' Attica, è la culla della civiltà occidentale e della democrazia. </li></ul><ul><li>Nei quartieri centrali della città sorge la collina dell' Acropoli (dal greco àkros, &quot;alto&quot; e pòlis, &quot;città&quot;), la fortezza naturale su cui la gente si radunava in caso di pericolo e dove sono concentrati i resti degli edifici sacri dell'età classica.  </li></ul><ul><li>Fra i più importanti monumenti di tutti i tempi ricordiamo: </li></ul><ul><li>il Partenone ,  </li></ul><ul><li> l' Eretteo , </li></ul><ul><li> i Propilei, </li></ul><ul><li> il tempio di Atena Nike   </li></ul>A nord-ovest dell'Acropoli si trova l’agorà , che presso gli antichi ateniesi era la piazza del mercato, delle assemblee politiche e delle prime rappresentazioni teatrali. Nelle vicinanze dell’acropoli sorgeva il teatro ( come si può vedere nella figura sotto).
  15. 15. FONTI: Giovanni Caselli - Le grandi civiltà del mondo antico – Ed. Giunti Marco Migliardi - A scuola con PowerPoint 2002 - Loescher htt p://it.wikipedia.org www.selinunte.net www.panebianco3d.com www.miti3000.it Musique Grecque - Hassapikos.mp3 www.artemotore.com web.tiscali.it www.scuola.alto-adige.it Architettura dell’antica Grecia Grazie per l’attenzione a cura di Diego Gioacchini
  16. 18. Propilei <ul><li>Entrata monumentale formata da un portico a colonne posto prima di una porta. Il più importante fu quello costruito sull' Acropoli, che costituisce l'unica via di accesso alla rocca sacra. Nei Propilei di Atene si realizza per la prima volta la più elegante combinazione tra ordine dorico e ionico: all'esterno il portico presenta infatti sei colonne doriche coronate da un frontone triangolare, mentre la parte interna è divisa in tre parti da due fila di tre colonne ioniche , che sorreggevano un soffitto a cassettoni. Ai lati dei Prolilei furono realizzate due sale, una delle quali (quella settentrionale), adibita a Pinacoteca. </li></ul>Vi era anche un terzo tipo di colonna (al di fuori dell’ acropoli di Atene):la colonna corinzia
  17. 19. Acropoli <ul><li>Il termine acropoli (dal greco àkros, &quot;alto&quot; e polis, &quot;città&quot;) indica la parte alta di una città greca antica, fortificata per la difesa e che solitamente sorgeva su un'altura. In generale ospitava importanti centri di culto. Il termine acropoli si usa anche per indicare la collina rocciosa che dominava Atene, e che fu riservata molto presto ai santuari della città. </li></ul>
  18. 20. Tempio di Athena Nike <ul><li>Dopo l'accordo stipulato tra Atene e Sparta nel 421 durante la guerra del Peloponneso (Pace di Nicia), fu costruito a lato dei Propilei, un tempio in onore di Atena (protettrice della città) vittoriosa ( nike , in greco, significa &quot;vittoria&quot;). Il tempio, piccolo e raffinato, è un vero capolavoro dell'arte ionico-attica e dominava dalla sua posizione l'intero paesaggio ateniese come simbolo della città vittoriosa. </li></ul>
  19. 21. Eretteo L'eretteo è un tempio ionico con due celle interne dove venivano conservate le memorie sacre della città di Atene, l'ulivo di Atena e la tomba di Cecrope, mitico re attico.                                                                           Le statue sono delle copie, quelle originali si trovano nel museo dell'Acropoli.
  20. 22. Partenone Il  Partenone (in greco &quot;tempio delle vergini&quot;) si trova da quasi 2.500 anni sull'Acropoli di Atene. E’ un tempio dorico con elementi ionici, dedicato alla dea Athèna Parthènos,  protettrice della città. Deriva il suo nome da una sala, detta il partenone  perché durante le feste panatenee vi dimoravano le vergini (panatenoi) che avevano il compito di servire la dea. .      Costruito tutto in marmo, era dipinto  di rosso e blu e aveva le pareti esterne decorate con sculture; all'interno c'era un'enorme statua di Atena in oro e avorio , opera dello scultore Fidia. Con il passare del tempo le sue colonne hanno perso la loro colorazione originale fino a diventare bianche .             E’ un'opera maestosa ed elegante, formata da 17 colonne sui lati lunghi e da 8 su quelli  corti.
  21. 24. Fidia, copia in formato ridotto dell’Athena Parthenos
  22. 26. Le &quot;pàrodoi&quot; Passaggi laterali, spesso lievemente inclinati, arricchiti da statue e dediche votive. Da quella di destra, per convenzione, entravano i personaggi provenienti dalla città, dall’altra di sinistra quelli che giungevano dalla campagna. I parasceni Due strutture laterali, dette paraskhnia (&quot;parasceni&quot;), definivano con maggior compiutezza l'edificio di fondo, in cui si aprivano le porte, tre normalmente, a indicare vicine o lontane provenienze. Proscenio Era situato sullo sfondo, sorta di portico che serviva da scenario, ed una scena (skéné), costruzione dalla triplice funzione di scenario, quinte e magazzino.
  23. 27. ordine ionico : il fusto della colonna presenta scanalature a spigoli smussati; è più alto e sottile di quello dell'ordine dorico; poggia su di un basamento che lo isola dallo stilobate. Il capitello è costituito da due volute, sormontate da un sottile abaco . Sull'architrave il fregio è costituito da un bassorilievo che si sviluppa senza interruzioni e che si presta particolarmente per una narrazione continua. FUSTO ABACO CAPITELLO
  24. 28. ordine dorico: il fusto della colonna presenta scanalature a spigoli vivi e poggia direttamente sullo stilobate. Il capitello è costituito da un semplice rigonfiamento ( echino ) sormontato da una spessa lastra a base quadrata ( abaco ). Sull'architrave è posta una fascia decorativa ( fregio ), composta da elementi scanalati ( triglifi ), alternati a lastre con bassorilievi ( metope ). La netta separazione fra un metopa e l'altra favorisce la rappresentazione di episodi staccati l'uno dall'altro. FUSTO ABACO ECHINO
  25. 29. Ruderi dell’agorà di Atene Scena di vita quotidiana nell’agorà di Atene
  26. 30. CARIATIDI
  27. 32. SCRANNI DEL TEATRO DI DIONISIO RISERVATI AI NOBILI
  28. 33. particolari
  29. 35. L’elemento a tronco di cono ( kalathos ) è rivestito di due ordini di otto foglie di acanto, delle quali le otto superiori sono sormontate da caulicoli, che reggono un calice da cui fuoriescono volute di raccordo tra l’ abaco ed il motivo decorativo centrale. L’abaco presenta i lati concavi in corrispondenza degli angoli aggettanti del capitello. ABACO
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×