Parassiti
Paramecium Euglena Ameba Radiolarian I protozoi
Introduzione ai Protozoi <ul><li>Un gruppo di circa 30,000 differenti specie di organismi unicellulari </li></ul><ul><li>L...
<ul><li>Tutti i protozoi sono aerobici </li></ul><ul><li>Il nutrimento è ottenuto generalmente tramite fagocitosi  </li></...
Strutture dei Protozoi Ameba
Parassiti
Parassiti
Parassiti Adesione e Replicazione <ul><li>Il  ciclo vitale  di un parassita  è basato sul tropismo di specie e di tessuto ...
Parassiti Danno Cellulare e Tissutale <ul><li>La maggior parte penetra, si moltiplica, distruggendo tessuti specifici </li...
Parassiti Elusione Immunitaria <ul><li>Interferiscono con i sistemi di difesa immunitaria dell’ospite </li></ul><ul><li>Tr...
Parassiti
Parassiti
Parassiti
Parassiti <ul><li>Hanno meccanismi molto diversi e complessi  di patogenicità. </li></ul><ul><li>Non sono molto virulenti....
Amebiasi Una malattia causata dall’  Entamoeba histolytica   Viene trasmessa sia dal cibo che dall’acqua Colpisce il  Fega...
African Sleeping Sickness E’ causata da  Trypanosoma brucei   E’ transmessa dalla mosca Tsetse E’ caratterizzata da mal di...
Malaria Causata dal  Plasmodium   della   classe degli  Sporozoa   Circa 1 milione di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni ...
Entamoeba histolytica Giardia lamblia Trichomonas vaginalis
Organismo Malattia  Sintomo Entamoeba histolytica   Amebiasi     Diarrea/ascesso al  fegato Giardia lamblia     Giardiasi ...
<ul><li>Eucarioti primitivi </li></ul><ul><li>Anaerobi facoltativi </li></ul><ul><li>Mancano di mitocondri </li></ul><ul><...
Entamoeba histolytica Giardia lamblia Trichomonas vaginalis
Entamoeba histolytica
Media Globale di Incidenza  dell’ Amebiasi <ul><li>Continente Infezioni Malattie Morti </li></ul><ul><li>(milioni) (milion...
Fattori di rischio  dell’ Amebiasi <ul><li>Prevalenze </li></ul><ul><li>Aree endemiche </li></ul><ul><li>Viaggi in aree en...
Presente ovunque Di più in tropici  e sub-tropici Due stadi cellulari : trofozoite  (mobilità e attività nutrizionale) cis...
E. histolytica   Ciclo cellulare <ul><li>Riproduzione via formazione di cisti (metacisti) </li></ul><ul><li>Cisti  ® metac...
E. histolytica   Morfologia <ul><li>Trofozoiti </li></ul><ul><li>dimensioni: 15-30 µm </li></ul><ul><li>nucleo: singolo, p...
E. histolytica   Morfologia   <ul><li>Cisti </li></ul><ul><li>dimensioni : 10-20 µm </li></ul><ul><li>tondi od ovali, corp...
E. histolytica   Fattori di Virulenza <ul><li>Suscettibilità all’agglutinazione </li></ul><ul><li>Adesione della lectina  ...
E. histolytica   Sindromi Cliniche <ul><li>1. Malattia Intestinale </li></ul><ul><li>- infezione asimptomatica </li></ul><...
E. histolytica   Citolisi dipendente dall’ Aderenza <ul><li>I trofozoiti di  E. histolytica  uccidono le cellule target  s...
E. histolytica   Meccanismi per evadere le difese dell’ospite   <ul><li>Resistanza alla lisi mediata dal complemento trami...
E. histolytica   PATOGENESI <ul><li>Colonizzazione dell’ intestino  </li></ul><ul><li>Distruzione delle mucose intestinali...
Giardia lamblia Un  flagellato , presente nelle feci Irritazione  meccanica e  infiammazione . Aderisce ai  villi intestin...
Giardia lamblia ciclo vitale <ul><li>L’  Infezione  viene acquisita per ingestione di cisti mature </li></ul><ul><li>Le  c...
Giardia lamblia Trofozoite di  Giardia : 2 nuclei anteriori (occhi), il disco ventrale adesivo e 8 flagelli.
Giardia lamblia
 
 
Trichomonas vaginalis <ul><li>Flagellato . Infezioni  uro-genitali . </li></ul><ul><li>Esiste solo come  trofozoite  nella...
Trichomonas vaginalis
Protozoi   intestinali ed urogenitali <ul><li>Amoebe e flagellati infettano: </li></ul><ul><li>Orofaringe </li></ul><ul><l...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

1.parasites

2,491

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,491
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Hanno meccanismi molto diversi e complessi di patogenicità. Non sono molto virulenti. La pericolosità è spesso in relazione alla dose di parassiti, Anche se in alcuni casi (es. malaria ) basta una puntura
  • Le amoebe sono unicellulari primitivi Si conoscono numerose specie del genere Entamoeba (protozoi privi di mitocondri) presenti nell’intestino dei vertebrati e degli invertebrati dove si nutrono soprattutto di batteri. Molte specie vivono nell’uomo e una di queste, E. histolytica, provoca una grave forma di dissenteria (d. amebica). Di tutte le amebe che colonizzano l’intestino dell’uomo solo questa è capace di secernere enzimi proteolitici che distruggono le cellule di rivestimento del lume intestinale formando grosse ulcere.
  • Due stadi cellulari : trofozoite (mobilità e attività nutrizionale) cisti (stadio infettivo e di resistenza) Dopo l’ingestione l’acido favorisce il passaggio nel duodeno dove il trofozoite si moltiplica e produce una necrosi nel crasso . Nelle feci dei pazienti i ritrovano trofozoiti e cisti. Il meccanismo non è noto. L’adsorbimento è mediato da una adesina inibita dal galattosio La lisi di cellule epit., colon, monociti, linfociti e neutrofili è associata alla permeabiltà della membrana (uptake di Ca 2+ )
  • Transcript of "1.parasites"

    1. 1. Parassiti
    2. 2. Paramecium Euglena Ameba Radiolarian I protozoi
    3. 3. Introduzione ai Protozoi <ul><li>Un gruppo di circa 30,000 differenti specie di organismi unicellulari </li></ul><ul><li>La maggior parte sono free living e vivono in acqua </li></ul>
    4. 4. <ul><li>Tutti i protozoi sono aerobici </li></ul><ul><li>Il nutrimento è ottenuto generalmente tramite fagocitosi </li></ul><ul><li>La maggior parte dei protozoi sono eterotrofi </li></ul>Ameba che fagocita un paramecium
    5. 5. Strutture dei Protozoi Ameba
    6. 6. Parassiti
    7. 7. Parassiti
    8. 8. Parassiti Adesione e Replicazione <ul><li>Il ciclo vitale di un parassita è basato sul tropismo di specie e di tessuto </li></ul><ul><li>Sono presenti adesine che “scelgono” tessuti particolari in cui riconoscono dei recettori </li></ul><ul><li>L’antigene del gruppo sanguigno Duffy agisce come sito di attacco del P. vivax </li></ul><ul><li>Negli individui dell’ Africa Occidentale le emazie non hanno questo antigene. </li></ul><ul><li>Due adesine almeno nella Giardia lamblia . </li></ul><ul><li>I parassiti sono organismi “ esogeni ” che hanno sviluppato molti sistemi di penetrazione, ed è facilitata dalle condizioni igieniche precarie </li></ul><ul><li>Generalmente possono riprodursi in pochi tessuti umani </li></ul><ul><li>Dopo l’adsorbimento, inizia la sua replicazione </li></ul>
    9. 9. Parassiti Danno Cellulare e Tissutale <ul><li>La maggior parte penetra, si moltiplica, distruggendo tessuti specifici </li></ul><ul><li>A volte vengono prodotte tossine e prodotti tossici ( proteasi, fosfolipasi ) causando distruzione e reazioni infiammatorie dei tessuti. </li></ul><ul><li>Nel caso degli elminti , vi è anche un danno diretto dovuto ad un blocco meccanico degli organi interni. </li></ul><ul><li>Alcune manifestazioni fisiologiche sono dovute alla pressione delle cisti di larvae di T. solium che si espandono nel Sistema Nervoso Centrale e negli occhi. </li></ul><ul><li>Si osserva anche una ipersensibilità cellulare, producendo citochine e linfochine che influenzano l’azione di altre cellulare contribuendo alla patogenicità. </li></ul><ul><li>La longevità dei parassiti fa si che i processi infiammatori diventano irreversibili </li></ul>
    10. 10. Parassiti Elusione Immunitaria <ul><li>Interferiscono con i sistemi di difesa immunitaria dell’ospite </li></ul><ul><li>Tripanosomi ( Giardia , Plasmodium etc) modificano l’espressione dei geni che codificano per i propri antigeni </li></ul><ul><li>Altri producono antigeni che mimano quelli dell’ospite, o acquisiscono molecole dell’ospite ( mascheramento ) </li></ul><ul><li>Altri crescono nei macrofagi </li></ul><ul><li>Alcuni causano immunodepressione dell’ospite </li></ul>
    11. 11. Parassiti
    12. 12. Parassiti
    13. 13. Parassiti
    14. 14. Parassiti <ul><li>Hanno meccanismi molto diversi e complessi di patogenicità. </li></ul><ul><li>Non sono molto virulenti. </li></ul><ul><li>La pericolosità è spesso in relazione alla dose di parassiti, anche se in alcuni casi (es. malaria ) basta una puntura </li></ul>
    15. 15. Amebiasi Una malattia causata dall’ Entamoeba histolytica Viene trasmessa sia dal cibo che dall’acqua Colpisce il Fegato e l’ Intestino causando ulcere profonde Tende a colpire coloro che sono malnutriti o vivono in condizioni igieniche scarse
    16. 16. African Sleeping Sickness E’ causata da Trypanosoma brucei E’ transmessa dalla mosca Tsetse E’ caratterizzata da mal di testa molto forti, paralisi, e coma (da cui il paziente non si riprende)
    17. 17. Malaria Causata dal Plasmodium della classe degli Sporozoa Circa 1 milione di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno Caratterizzata da anemia, freddo intenso, e da sbalzi di temperatura Transmessa da una zanzara
    18. 18. Entamoeba histolytica Giardia lamblia Trichomonas vaginalis
    19. 19. Organismo Malattia Sintomo Entamoeba histolytica Amebiasi Diarrea/ascesso al fegato Giardia lamblia Giardiasi Diarrea/dissenteria Trichomonas vaginalis Tricomoniasi Vaginiti Diffusi in tutto il mondo
    20. 20. <ul><li>Eucarioti primitivi </li></ul><ul><li>Anaerobi facoltativi </li></ul><ul><li>Mancano di mitocondri </li></ul><ul><li>Parassiti extracellulari </li></ul><ul><li>Aderiscono alla membrana </li></ul><ul><li>Tossicità dipendente dal contatto </li></ul><ul><li>Danni cellulari all’ospite </li></ul><ul><li>Si replicano e dividono nell’ospite con fissione binaria </li></ul>Entamoeba histolytica Giardia lamblia Trichomonas vaginalis
    21. 21. Entamoeba histolytica Giardia lamblia Trichomonas vaginalis
    22. 22. Entamoeba histolytica
    23. 23. Media Globale di Incidenza dell’ Amebiasi <ul><li>Continente Infezioni Malattie Morti </li></ul><ul><li>(milioni) (milioni) (migliaia) </li></ul><ul><li>N/S America 95 10 10-30 </li></ul><ul><li>Asia 30 20-30 20-50 </li></ul><ul><li>Africa 85 10 10-30 </li></ul><ul><li>Europa 20 0.1 </li></ul><ul><li>Totale 500 40-50.1 40-110 </li></ul>
    24. 24. Fattori di rischio dell’ Amebiasi <ul><li>Prevalenze </li></ul><ul><li>Aree endemiche </li></ul><ul><li>Viaggi in aree endemiche </li></ul><ul><li>Povertà </li></ul><ul><li>Scarsa igiene </li></ul><ul><li>Instituzionalizzazione, </li></ul><ul><li>Omosessualità maschile </li></ul><ul><li>Abitazioni in comunità </li></ul><ul><li>Cause di peggioramento </li></ul><ul><li>Bambini, sp. neonati </li></ul><ul><li>Gravidanza </li></ul><ul><li>Postpartum </li></ul><ul><li>Corticosteroidi </li></ul><ul><li>Cancro </li></ul><ul><li>Malnutrizione </li></ul>
    25. 25. Presente ovunque Di più in tropici e sub-tropici Due stadi cellulari : trofozoite (mobilità e attività nutrizionale) cisti (stadio infettivo e di resistenza) Dopo l’ingestione l’acido favorisce il passaggio nel duodeno dove il trofozoite si moltiplica e produce una necrosi nel crasso . Nelle feci dei pazienti i ritrovano trofozoiti e cisti.
    26. 26. E. histolytica Ciclo cellulare <ul><li>Riproduzione via formazione di cisti (metacisti) </li></ul><ul><li>Cisti ® metacisti ® trofozoiti ® precisti </li></ul><ul><li>Forma infettiva : cisti a 4 nuclei </li></ul><ul><li>Incistamento : parte superiore dello stomaco </li></ul><ul><li>Habitat : parete e lume del colon </li></ul><ul><li>Moltiplicazione per fissione binaria </li></ul>
    27. 27. E. histolytica Morfologia <ul><li>Trofozoiti </li></ul><ul><li>dimensioni: 15-30 µm </li></ul><ul><li>nucleo: singolo, pseudopodi mobile </li></ul><ul><li>Precisti </li></ul><ul><li>più piccoli dei trofozoiti, ma più grandi della cisti </li></ul>
    28. 28. E. histolytica Morfologia <ul><li>Cisti </li></ul><ul><li>dimensioni : 10-20 µm </li></ul><ul><li>tondi od ovali, corpi asimmetrici </li></ul><ul><li>nucleo: 1 - 4 </li></ul><ul><li>Metacisti </li></ul><ul><li>primi stadi del trofozoite subito dopo la divisione </li></ul>
    29. 29. E. histolytica Fattori di Virulenza <ul><li>Suscettibilità all’agglutinazione </li></ul><ul><li>Adesione della lectina </li></ul><ul><li>Abilità ad aderire alle cellule epiteliali in vitro </li></ul><ul><li>Abilità ad iniziare citolisi </li></ul><ul><li>Abilità a fagocitare cellule </li></ul>
    30. 30. E. histolytica Sindromi Cliniche <ul><li>1. Malattia Intestinale </li></ul><ul><li>- infezione asimptomatica </li></ul><ul><li>- dissenteria </li></ul><ul><li>- colite fulminante con perforazione </li></ul><ul><li>- megacolon </li></ul><ul><li>- ameboma </li></ul>
    31. 31. E. histolytica Citolisi dipendente dall’ Aderenza <ul><li>I trofozoiti di E. histolytica uccidono le cellule target solo per contatto diretto e non tramite citotossine </li></ul><ul><li>Morte cellule target: entro 20 min dopo l’aderenza </li></ul><ul><li>Attività citotossica: </li></ul><ul><li>Dipendente dalle funzioni </li></ul><ul><ul><li>dei microfilamenti </li></ul></ul><ul><ul><li>della fosfolipasi Ca-dipendente </li></ul></ul><ul><ul><li>pH acidico nelle vescicole amebiche </li></ul></ul><ul><li>cellule target vanno in necrosi piuttosto che apoptosi </li></ul>
    32. 32. E. histolytica Meccanismi per evadere le difese dell’ospite <ul><li>Resistanza alla lisi mediata dal complemento tramite attivazione di via alternative del pathway del complemento </li></ul><ul><li>Abilità di ricoprire, e digerire anticorpi diretti contro la superficie </li></ul><ul><li>Abilità di lisare i neutrofili e i macrofagi </li></ul><ul><li>Depressione dei meccanismi immunitari cellulo-mediata </li></ul>
    33. 33. E. histolytica PATOGENESI <ul><li>Colonizzazione dell’ intestino </li></ul><ul><li>Distruzione delle mucose intestinali </li></ul><ul><li>Aderenza all’epitelio tramite la lectina di superficie </li></ul><ul><li>Lisi delle cellule infiammatorie dell’ospite </li></ul><ul><li>Interazione con la flora batterica </li></ul><ul><li>Influenzata da altri fattori come la nutrizione </li></ul>
    34. 34. Giardia lamblia Un flagellato , presente nelle feci Irritazione meccanica e infiammazione . Aderisce ai villi intestinali tramite un disco adesivo Ingestione di almeno 10-25 cisti L’acido stimola la rottura delle cisti ed il rilascio dei trofozoiti. I trofozoiti aderiscono ai villi, ma non vi è necrosi In tutti i continenti. Serbatoi, animali di montagna Acqua contaminata, frutta e verdura Le cisti sono resistenti alle acque normalmente trattate e va filtrata. Diffusione orale e sessuale
    35. 35. Giardia lamblia ciclo vitale <ul><li>L’ Infezione viene acquisita per ingestione di cisti mature </li></ul><ul><li>Le cisti hanno una parete cellulare rigida e non si dividono Sopravvivono in acqua e sono resistenti all’essicazione </li></ul><ul><li>Le cisti passano attraverso lo stomaco dove sono esposte al succo gastrico e pH acido ed emergono nell’ intestino basso come trofozoiti </li></ul><ul><li>I trofozoiti colonizzano l’intestino dove causano la malattia ; </li></ul><ul><li>I trofozoiti aderiscono all’epitelio, usando un disco ventrale adesivo e possono causare malassorbimento e diarrea; </li></ul><ul><li>I trofozoiti che migrano nell’intestino si incistano (pH e sali della bile), e sintesi della parete cellulare </li></ul><ul><li>Le cisti passano attraverso le feci dell’ ospite, maturano e sopravvivono esternamente fino alla successiva ingestione. </li></ul>
    36. 36. Giardia lamblia Trofozoite di Giardia : 2 nuclei anteriori (occhi), il disco ventrale adesivo e 8 flagelli.
    37. 37. Giardia lamblia
    38. 40. Trichomonas vaginalis <ul><li>Flagellato . Infezioni uro-genitali . </li></ul><ul><li>Esiste solo come trofozoite nella: </li></ul><ul><li>Vagina e uretra femminile </li></ul><ul><li>Prostata e uretra maschile </li></ul>In tutti i continenti, diffusione con rapporti sessuali I neonati si possono infettare durante il parto Le donne hanno generalmente una forma asintomatica L’uomo è portatore sano .
    39. 41. Trichomonas vaginalis
    40. 42. Protozoi intestinali ed urogenitali <ul><li>Amoebe e flagellati infettano: </li></ul><ul><li>Orofaringe </li></ul><ul><li>Duodeno </li></ul><ul><li>Intestino tenue </li></ul><ul><li>Colon </li></ul><ul><li>Tratto urogenitale </li></ul><ul><li>Trasmissione oro-fecale </li></ul><ul><li>Miglioramente delle condizioni iginiche </li></ul>

    ×