Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Jobs Act: cosa cambia per davvero nella gestione del lavoro? Punto per punto, tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire

2,106 views

Published on

Le slide dell'intervento di Simone Baghin, Docente Faculty MBA Imprenditori CUOA Business School e Consulente del lavoro al seminario "Jobs Act: cosa cambia per davvero nella gestione del lavoro?"
10 dicembre 2014, Fondazione CUOA

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Jobs Act: cosa cambia per davvero nella gestione del lavoro? Punto per punto, tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire

  1. 1. Jobs Act: cosa cambia per davvero nella gestione del lavoro? Punto per punto, tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire ALTAVILLA VICENTINA (VI), 10 DICEMBRE 2014 A cura di: Simone Baghin, Docente Faculty MBA Imprenditori CUOA Business School e Consulente del lavoro “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro” simone.baghin@consulentidellavoro.it www.simone-baghin.it
  2. 2. IL “PROGETTO” DEL JOBS ACT IL “PROGETTO” JOBS ACT E IL SUO ITER: Provvedimento Contenuto Operativo D.L. 34/2014 CONVERTITO IN LEGGE 78/201014 Contratto a termine, somministrazione e apprendistato SI DISEGNO DI LEGGE N. 1428/2014 5 macro deleghe Approvato definitivamente dal senato il 3 dicembre 2014 IN ATTESA DI PUBBLICAZIONE IN G.U. E DEI DECRETI DELEGATI LEGGE DI STABILITA’ 2015 Decontribuzione INPS per nuovi assunti e taglio IRAP IN ATTESA DI APPROVAZIONE CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  3. 3. JOBS ACT A poco più di due anni dall’entrata in vigore della Riforma Fornero, che ha riscritto le regole sui licenziamenti, si torna a parlare di mercato del lavoro, per “affrontare il delicato e rilevante tema dell’occupazione…”. DISEGNO DI LEGGE 1428/2014 Deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  4. 4. 1) DELEGA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI Principi generali La delega è intesa ad assicurare, per la disoccupazione involontaria, tutele uniformi e legate alla storia contributiva dei lavoratori, a "razionalizzare" la normativa in materia di integrazione salariale ed a favorire il coinvolgimento attivo dei soggetti espulsi dal mercato del lavoro ovvero beneficiari di ammortizzatori sociali, "semplificando le procedure amministrative e riducendo gli oneri non salariali del lavoro", tenuto conto delle peculiarità dei diversi settori produttivi CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  5. 5. 1) DELEGA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN COSTANZA DI RAPPORTO DI LAVORO • esclusione del riconoscimento di trattamenti di cassa integrazione salariale per i soli casi di cessazione "definitiva" dell’attività aziendale o di un ramo di esso • semplificazione delle procedure burocratiche nella concessione dei trattamenti di cassa integrazione salariale, attraverso l'incentivazione di strumenti telematici e digitali, e della possibile introduzione di meccanismi standardizzati a livello nazionale di concessione dei medesimi trattamenti (con la previsione di strumenti certi ed esigibili) CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  6. 6. 1) DELEGA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN COSTANZA DI RAPPORTO DI LAVORO • accesso alla cassa integrazione solo dopo aver esaurito le possibilità contrattuali di riduzione dell’orario di lavoro (contratto di solidarietà diventa principale ammortizzatore sociale) • revisione dei limiti di durata di CIG e CIGS e individuazione dei meccanismi di incentivazione della rotazione • maggiore compartecipazione delle imprese agli oneri di finanziamento degli ammortizzatori CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  7. 7. 1) DELEGA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI ASPI • omogeneizzazione della disciplina relativa al trattamento ordinario e breve • durata variabile, collegata alla pregressa storia contributiva del lavoratore • estensione dell’ASpI ai lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa fino al "superamento" del medesimo istituto (con l’esclusione, in ogni caso, degli amministratori e dei sindaci) CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  8. 8. 1) DELEGA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI ASPI • necessità di attivazione del soggetto che fruisce degli ammortizzatori sociali con meccanismi e interventi che incentivino la ricerca attiva di una nuova occupazione • adeguamento delle sanzioni nei confronti del lavoratore che beneficia degli ammortizzatori sociali che non si rende disponibile a una nuova occupazione, a programmi di formazione CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  9. 9. 2) DELEGA IN MATERIA DI SERVIZI PER IL LAVORO E DI POLITICHE ATTIVE Principi generali Delega al Governo in materia di servizi per l'impiego e di politiche attive per il lavoro. Il riordino è inteso, in generale, a garantire la fruizione dei servizi essenziali in materia di politica attiva per il lavoro su tutto il territorio nazionale, nonché l’esercizio unitario delle relative funzioni amministrative CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  10. 10. 2) DELEGA IN MATERIA DI SERVIZI PER IL LAVORO E DI POLITICHE ATTIVE Criteri • razionalizzazione degli incentivi all’assunzione ad oggi esistenti (che saranno focalizzati per quei soggetti che evidenziano una minore probabilità di trovare occupazione) • razionalizzazione incentivi per autoimpiego e autoimprenditorialità anche nella forma di acquisizione delle imprese in crisi da parte dei dipendenti • istituzione di una Agenzia nazionale per l’occupazione CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  11. 11. 2) DELEGA IN MATERIA DI SERVIZI PER IL LAVORO E DI POLITICHE ATTIVE • razionalizzazione e revisione di procedure e adempimenti per l’inserimento mirato dei lavoratori disabili al fine di favorirne l’inclusione sociale e l’inserimento nel mondo del lavoro • maggiore sinergie tra servizi pubblici e privati (anche con enti del terzo settore ed a quelli dell'istruzione secondaria, professionale ed universitaria) al fine di rafforzare la capacità di incontro tra domanda e offerta anche mediante lo scambio di informazioni sul profilo curriculare dei soggetti inoccupati o disoccupati CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  12. 12. 3) DELEGA PER LA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI Principi generali Delega al Governo per la definizione di norme di semplificazione e di razionalizzazione delle procedure e degli adempimenti, a carico di cittadini e imprese, relativi alla costituzione ed alla gestione dei rapporti di lavoro, nonché alla materia della sicurezza del lavoro CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  13. 13. 3) DELEGA PER LA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI Criteri • razionalizzazione e semplificazione di procedure e adempimenti connessi alla costituzione e gestione del rapporto di lavoro, anche mediante abrogazione di norme • semplificazione o abrogazione di norme interessate da rilevanti contrasti interpretativi, giurisprudenziali o amministrativi • unica comunicazioni alle pubbliche amministrazioni per medesimi eventi e obbligo delle stesse di trasmettere alle altre amministrazioni competenti CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  14. 14. 3) DELEGA PER LA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI • rafforzamento della trasmissione telematica e abolizione della tenuta di documenti cartacei • revisione e semplificazione del sistema attuale della procedura per le dimissioni o risoluzioni consensuale del rapporto di lavoro CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  15. 15. 4) DELEGA PER RIORDINO RAPPORTI E LA RAZIONALIZZAZIONE ATTIVITÀ ISPETTIVA Principi generali Delega al Governo per il riordino della disciplina dei rapporti di lavoro e delle tipologie dei relativi contratti nonché per la razionalizzazione e semplificazione dell'attività ispettiva. Nell'esercizio della delega occorre, in ogni caso, adottare - nel rispetto dei principi e dei criteri direttivi della medesima - un testo organico semplificato delle discipline delle tipologie contrattuali e dei rapporti di lavoro CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  16. 16. 4) DELEGA PER RIORDINO RAPPORTI E LA RAZIONALIZZAZIONE ATTIVITÀ ISPETTIVA Criteri • individuazione e analisi di tutte le forme contrattuali esistenti, al fine di valutare la loro coerenza con il tessuto occupazionale attuale con l’obiettivo di semplificare, modificare o superare alcune di esse • promozione del contratto a tempo indeterminato come forma comune di contratto di lavoro, rendendolo più conveniente in termini di oneri diretti ed indiretti (LEGGE DI STABILITA’ 2015) CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  17. 17. 4) DELEGA PER RIORDINO RAPPORTI E LA RAZIONALIZZAZIONE ATTIVITÀ ISPETTIVA • previsione per le nuove assunzioni del contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti in relazione all’anzianità di servizio, con esclusione del reintegro nei casi di licenziamenti economici e la sostituzione di un indennizzo certo e crescente con anzianità di servizio • reintegra limitata ai casi di licenziamenti nulli (ivi compresi quelli discriminatori) ed a specifiche fattispecie di licenziamento disciplinare ingiustificato del suddetto diritto alla reintegrazione • definizione di termini certi per l'impugnazione del licenziamento CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  18. 18. 4) DELEGA PER RIORDINO RAPPORTI E LA RAZIONALIZZAZIONE ATTIVITÀ ISPETTIVA • revisione delle disciplina delle mansioni in caso di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale sulla base di parametri oggettivi, al fine di salvaguardare il posto di lavoro del lavoratore • revisione delle norme sui controlli a distanza sugli impianti e sugli strumenti di lavoro, che deve tener conto dell’evoluzione tecnologica e contemperare le esigenze produttive ed organizzative dell’impresa con la tutela della dignità e della riservatezza del lavoratore CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  19. 19. 4) DELEGA PER RIORDINO RAPPORTI E LA RAZIONALIZZAZIONE ATTIVITÀ ISPETTIVA • introduzione, eventualmente anche in via sperimentale, del compenso orario minimo, applicabile ai rapporti di lavoro subordinato e ai contratti di collaborazione coordinata e continuativa fino al loro superamento, nei settori non regolati da c.c.n.l. • Introduzione del «super ispettore»: razionalizzazione e semplificazione dell’attività ispettiva con istituzione di una Agenzia Unica per le ispezioni del lavoro CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  20. 20. 5) DELEGA PER IL SOSTEGNO MATERNITÀ E ALLA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO Principi generali Delega al Governo per la revisione e l’aggiornamento delle misure intese a sostenere le cure parentali ed a tutelare la maternità delle lavoratrici e le forme di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  21. 21. 5) DELEGA PER IL SOSTEGNO MATERNITÀ E ALLA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO Criteri attuativi • estensione dell’indennità di maternità tutte le categorie di donne lavoratrici • diritto alle prestazioni assistenziali per le lavoratrici madri parasubordinate anche nel caso di mancato versamento dei contributi da parte del datore di lavoro • incentivazione di accordi collettivi che favoriscano la flessibilità di orario al fine di conciliare responsabilità genitoriali e assistenza a persone non autosufficienti con l’attività lavorativa CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  22. 22. 5) DELEGA PER IL SOSTEGNO MATERNITÀ E ALLA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO • eventuale riconoscimento della possibilità di cessione fra lavoratori dello stesso datore di lavoro di tutti o parte dei giorni di riposo aggiuntivi spettanti da c.c.n.l. ai lavoratori genitori di figlio minore che necessita di cure costanti per particolari condizioni di salute (fermo restando limiti riposo settimanale e ferie annue). CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire
  23. 23. LE AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE E FISCALI LEGGE DI STABILITA’ ANNO 2015 SGRAVI CONTRIBUTIVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DAL 1°GENNAIO 2015 Con riferimento alle nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato nel settore privato – ad esclusione del settore agricolo – effettuate dal 1°gennaio al 31 dicembre 2015, ai datori di lavoro è riconosciuto, per un periodo massimo di 36 mesi, l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo di 8.060 euro su base annua (max 24.180 euro per il 2015, 2016 e 2017). Restano esclusi i premi e contributi dovuti all’Inail. CUOA Business School, Area Imprenditorialità, 10 dicembre 2014 Simone Baghin, Jobs Act: tutto quello che l’imprenditore deve conoscere e capire

×