2.7 design di sistema per la ecoefficienza

2,068 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,068
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2.7 design di sistema per la ecoefficienza

  1. 1. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia fabrizio ceschin politecnico di milano . dip. INDACO . DIS . facoltà del design . Italia Learning Network on Sustainability risorsa didattica 2.7 Design di sistema per l’eco-efficienza corso DESIGN PER LA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE METODI E STRUMENTI DI LIFE CYCLE DESIGN
  2. 2. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia CONTENUTI DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA I vincoli economici del modello tradizionale offerta Innovazioni si sistema eco-efficienti Strategie di innovazioni di sistema eco-efficienti Design di sistema per l’eco-efficienza
  3. 3. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia BIBLIOGRAFIA DESIGN PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE carlo vezzoli, ezio manzini patrocinio Nazioni Unite (DESD) Zanichelli, Bologna, 2007 pagine 301, euro 24 disponibile presso: Il libraccio e librerieclup II parte; capitolo 8
  4. 4. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia BIBLIOGRAFIA SYSTEM DESIGN FOR SUSTAINABILITY Theory, methods and tools for a sustainable “satisfaction-system” design carlo vezzoli Maggioli, Milan, 2007 22 euro (19 euro per studenti) disponibile presso: libreria clup
  5. 5. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICENZA
  6. 6. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE LA DIMENSIONE DEL CAMBIAMENTO (per uno sviluppo sostenibile) IL SISTEMA DI PRODUZIONE E CONSUMO DOVRÀ RIDURRE FRA 50 ANNI DEL ~ 90% L’USO DELLE RISORSE RISPETTO A QUELLO DELLE ODIERNE SOCIETA’ A INDUSTRIALIZZAZIONE MATURA
  7. 7. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE LE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E LE INNOVAZIONI DI PRODOTTO SONO SUFFICIENTI PER OPERARE QUESTO CAMBIAMENTO?
  8. 8. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE > le innovazioni a livello di prodotto hanno determinato una riduzione del consumo medio delle automobili FONTE:EEA(2008) > contemporaneamente però c’e’ stato un incremento del numero di automobili e dei km percorsi > con un aumento complessivo della quantità di carburante impiegato FACCIAMO UN ESEMPIO: IL SETTORE DELL’AUTO (1990-2004)
  9. 9. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE LE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E LE INNOVAZIONI DI PRODOTTO SONO SUFFICIENTI PER OPERARE QUESTO CAMBIAMENTO? No. Se prendiamo in considerazione un singolo prodotto e’ vero che la sua performance ambientale e’ migliorata nel corso degli anni Dobbiamo però considerare l’aumento della popolazione e l’aumento della capacità di acquisto delle singole persone Ci accorgiamo quindi che il consumo complessivo di risorse ambientali continua a crescere
  10. 10. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE LE IMPRESE HANNO UN REALE INTERESSE ECONOMICO A RIDURRE L’IMPATTO AMBIENTALE DEI PROPRI PRODOTTI? Non sempre l’interesse economico del produttore converge con un interesse ambientale a ottimizzare l’uso di risorse
  11. 11. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE SE VOGLIAMO PROMUOVERE CAMBIAMENTI CHE PORTINO EFFETTIVAMENTE A RADICALI RIDUZIONI DELL’IMPATTO AMBIENTALE: - e’ si’ necessario (e fondamentale) innovare a livello di prodotto… - … ma anche innovare il sistema della domanda e dell’offerta all’interno del quale il prodotto si inserisce
  12. 12. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE LA QUALITA’ DEL CAMBIAMENTO (per uno sviluppo sostenibile) INNOVAZIONI DI SISTEMA oltre il prodotto, anche di servizio e delle interazioni tra gli attori di un particolare “sistema di soddisfazione” INNOVAZIONE (ANCHE) RADICALE INNOVAZIONE DIFFUSA INNOVAZIONI ECO-EFFICENTI ambientalmente e socio-economicamente più attraenti
  13. 13. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia INNOVAZIONI DI SISTEMA DALL’INNOVAZIONE DI PROCESSO E DI PRODOTTO ALL’INNOVAZIONE DI SISTEMA: innovazione del sistema di prodotti e servizi che sono congiuntamente capaci di soddisfare una particolare domanda di “soddisfazione” (del cliente), così come l’innovazione del sistema delle interazioni degli attori direttamente o indirettamente legati al “sistema di soddisfazione”. 1. INTRODUZIONE
  14. 14. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia PSS ECO-EFFICIENTE UNA DEFINIZIONE 1. INTRODUZIONE “progettare e offrire un sistema di prodotti e servizi (e relative infrastrutture), congiuntamente capaci di soddisfare i bisogni e le domande dei clienti in maniera più efficente e con un maggior valore sia per le imprese che per i clienti, rispetto all’offerta di soli prodotti […]. PSS possono slegare la creazione di valore dal consumo di materiali ed energia e quindi ridurre in maniera significativa l’impatto ambientale nel ciclo di vita dei tradizionali sistemi di prodotto.” [UNEP, Tischner, Vezzoli, 2009] pdf gratuito: http://www.d4s-sbs.org/
  15. 15. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE SULL’INNOVAZIONE DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO (FUNZIONE DEL PRODOTTO) > ... MA ANCHE: SULL’INNOVAZIONE DEL SISTEMA DI PRODOTTI, SERVIZI E “ATTORI” (“SODDISFAZIONE” DELLA DOMANDA) DESIGN E INNOVAZIONE ECO-EFFICENTE DI SISTEMA > IL DESIGN PER LA SOSTENIBILITA’ DEVE SAPER OPERARE:
  16. 16. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 1. INTRODUZIONE CONSOLIDAMENTO risultati della ricerca formazioneepratica DIFFUSIONE 100% 100% 0 Life Cycle Design ecodesign di prodotto materiali/energie a basso impatto nuovo fornte di ricerca …obiettivo design per l’equità e la coesione sociale allargamento dell’”oggetto” di design design di sistema per l’eco-efficienza
  17. 17. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia ESEMPIO PRELIMINARE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA ECO-EFFICIENTE
  18. 18. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia ESEMPIO PRELIMINARE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA OFFERTA TRADIZIONALE OFFERTA DI UN SISTEMA DI PRODOTTO SERVIZIOVS lavatrice poter lavare caso PAY-PER-USE (Ariston + Enel)
  19. 19. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia OFFERTA TRADIZIONALE lavatrice PRODUTTORE LAVATRICI UTENTE pagamento FORNITORE ENERGIA pagamento CENTRI DI RACCOLTA TRATTAMENTO DISMISSIONE ricambi pagamento ESEMPIO PRELIMINARE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA pagamento pagamento (tramite eco-contributo RAEE)
  20. 20. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia OFFERTA TRADIZIONALE lavatrice INTERESSI DEL PRODUTTORE PRODUZIONE: - interesse riduzione consumo risorse USO: - disinteresse riduzione consumo risorse in uso (oltre limiti di legge) - disinteresse in aumento durata della vita del prodotto DISMISSIONE: - disinteresse facilità disassemblaggio, facilità riuso componenti, facilità riciclabilità (oltre limiti di legge) ESEMPIO PRELIMINARE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA
  21. 21. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia OFFERTA DI UN SISTEMA DI PRODOTTO SERVIZIO poter lavare ARISTON UTENTE pagamento per n° utilizzi ENEL DISCARICA comodato d’uso ricambi pagamento ESEMPIO PRELIMINARE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA
  22. 22. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia OFFERTA DI UN SISTEMA DI PRODOTTO SERVIZIO poter lavare INTERESSI DELLA PARTNERSHIP PRODUZIONE: - interesse riduzione consumo risorse USO: - interesse riduzione consumo risorse in uso - interesse in aumento durata della vita del prodotto DISMISSIONE: - interesse facilità disassemblaggio, facilità riuso componenti, facilità riciclabilità del prodotto ESEMPIO PRELIMINARE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA
  23. 23. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia OFFERTA DI UN SISTEMA DI PRODOTTO SERVIZIO poter lavare ariston + enel PAY-PER-USE pagamento è per numero usi e include: consegna lavatrice a casa (non di proprietà), rifornimento elettricità (non pagato direttamente), manutenzione, aggiornamento, sostituzione e recupero a fine uso. l’innovativa interazione fra le aziende e l’utente, fa in modo che sia interesse delle aziende progettare e fornire lavatrici a minor consumo energia, e più durevoli, riusabili e riciclabili ESEMPIO PRELIMINARE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA
  24. 24. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 2. VINCOLI ECONOMICI OFFERTA TRADIZIONALE
  25. 25. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 2. VINCOLI ECONOMICI OFFERTA TRADIZIONALE ottimizzazione risorse a sistema (esteso a più cicli di vita) : riferita alla domanda/soddisfazione ottimizzazione risorse a ciclo di vita (sistema): riferita alla funzione/prodotto CHI PRE-PRODUCE CHIPRODUCE CHIUSA CHI DISTRIBUISCE CHI PROGETTA CHI DISMETTE [es. detergente] CHI PRE-PRODUCE CHIPRODUCE CHIUSA CHI DISTRIBUISCE CHI PROGETTA CHI DISMETTE [es. servizio rif. energia] [es. soddisfazione = avere vestiti puliti] CHI PRE-PRODUCE CHIPRODUCE CHIUSA CHI DISTRIBUISCE CHI PROGETTA CHI DISMETTE [es. lavatrice] ottimizzazione risorse sub- sistemica: riferita alla fase/attore
  26. 26. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia - trasformazioni di fase (processi): INTERESSE RIDUZIONE consumo risorse bassa INTERAZIONE attori del sistema-prodotto bassa INTERAZIONE attori sistema-soddisfazione CHI PRE-PRODUCE CHIPRODUCE CHIUSA CHI DISTRIBUISCE CHI PROGETTA CHI DISMETTE [es. lavatrice] PRODUTTOR E LAVATRICI PRODUTTORE MATERIALI PRODUTTORE MATERIALI semilavorati acciaio semilavorati polimerici 2. VINCOLI ECONOMICI OFFERTA TRADIZIONALE
  27. 27. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia - transizioni di fase (di semilavorati/prodotti): DISINTERESSE RIDUZIONE consumo risorse o INTERESSE AUMENTO consumo risorse bassa INTERAZIONE attori del sistema-prodotto bassa INTERAZIONE attori sistema-soddisfazione CHI PRE-PRODUCE CHIPRODUCE CHIUSA CHI DISTRIBUISCE CHI PROGETTA CHI DISMETTE [es. lavatrice] PRODUTTOR E LAVATRICI PRODUTTORE MATERIALI PRODUTTORE MATERIALI semilavorati acciaio semilavorati polimerici 2. VINCOLI ECONOMICI OFFERTA TRADIZIONALE
  28. 28. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia - combinazioni di cicli (di prodotti/servizi): DISINTERESSE RIDUZIONE consumo risorse o INTERESSE AUMENTO consumo risorse bassa INTERAZIONE attori del sistema-prodotto bassa INTERAZIONE attori sistema-soddisfazione CHI PRE-PRODUCE CHIPRODUCE CHIUSA CHI DISTRIBUISCE CHI PROGETTA CHI DISMETTE [es. servizio rif. energia] CHI PRE-PRODUCE CHIPRODUCE CHIUSA CHI DISTRIBUISCE CHI PROGETTA CHI DISMETTE [es. lavatrice] 2. VINCOLI ECONOMICI OFFERTA TRADIZIONALE
  29. 29. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 3. VERSO L’ECO-EFFICIENZA DI SISTEMA
  30. 30. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 3. VERSO L’ECO-EFFICIENZA DI SISTEMA quali caratteristiche dell’offerta (modelli d’impresa)? nuove configurazioni “transfasiche” e “transcicliche” - INTEGRAZIONE ATTORI verticale: ciclo v. prodotto orizzontale: cicli v. prodotti e servizi del sistema - ESTENSIONE INTERAZIONI ATTORI verticale: ciclo v. prodotto orizzontale: cicli v. prodotti e servizi del sistema
  31. 31. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 3. VERSO L’ECO-EFFICIENZA DI SISTEMA - SLEGARE GLI INTERESSI ECONOMICI DALL’AUMENTO DEGLI IMPATTI AMBIENTALI spostare/allocare all’attore socio-economico responsabile dello sviluppo di prodotti e/o servizi il diretto interesse economico e competitivo a ridurre i loro impatti ambientali
  32. 32. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI ECO-EFFICIENTI (E-E)
  33. 33. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E lubrificanti > LUBRIFICARE Kluber lubrification Italia vende lubrificanti + servizio identificazione in loco (lab. mobile) inefficienza impianti e potenziali di riduzione impatto emissioni l’innovativa interazione fra l’azienda e il cliente, fa in modo che l’interesse dell’azienda vada oltre la semplice vendita di un maggior quantitativo di lubrificante
  34. 34. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia KLUBER LUBRICATION CLIENTE Industria meccanica Kluber vende lubrificanti alle industrie meccaniche e .... LAB ... un servizio d’analisi per l’efficienza nell’uso e la riduzione d’impatto ambientale dei lubrificanti. BENEFICIO PER KLUBER . Diversificazione offerta . Fidelizzazione cliente BENEFICIO PER L’AMBIENTE . Riduzione e ottimizzazione dell’uso dei lubrificanti > ridotto impatto ambientale BENEFICIO PER IL CLIENTE . Aumento efficienza > Riduzione costi . Riduzione dei problemi ambientali da risolvere lubrificanti > LUBRIFICARE Kluber lubrification Italia 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E
  35. 35. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia INNOVAZIONE DI SISTEMA E-E (TIPO I) OFFRIRE SERVIZI ADDIZIONALI SUL CICLO DI VITA un’impresa (una partnership di imprese) offre dei servizi al cliente relativi alle fasi di produzione, distribuzione, uso e/o dismissione del prodotto/semilavorato (che gli vende) il cliente possiede i prodotti ed è ridotta la sua responsabilità nell’uso e/o nella dismissione 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E
  36. 36. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia fotocopiatrici > CARTA FOTOCOPIATA RANK-XEROX la Rank Xerox vende un pacchetto che comprende le fotocopiatrici, la loro manutenzione e la loro riparazione, nonché la possibilità di fare le fotocopie a partire dal reperimento degli originali fino alla distribuzione delle copie. l’innovativa interazione fra l’azienda e il cliente, fa in modo che sia interesse dell’azienda offrire (e dunque progettare) apparecchiature molto durevoli, riusabili e riciclabili e ad alta efficienza 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E
  37. 37. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E BENEFICIO PER RANK XEROX . Guadagno diretto dal riuso dei componenti e riciclo dei materiali che vengono da prodotti dismessi . Guadagno diretto dall’efficienza nell’uso delle risorse Rank Xerox offre un pacchetto (prodotti + servizi). ... e RX installa e manutiene le fotocopiatrici (non di proprietà del cliente), fa le copie e le consegna. CLIENTERANK XEROX Il cliente paga per il pacchetto ... BENEFICIO PER L’AMBIENTE . Aumento della vita dei prodotti e dell’efficienza nell’uso delle risorse > ridotto impatto ambientale BENEFICIO PER IL CLIENTE . Nessun acquisto iniziale delle macchina e riduzione dei costi totali in uso fotocopiatrici > CARTA FOTOCOPIATA RANK-XEROX
  38. 38. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia INNOVAZIONE DI SISTEMA E-E (TIPO II) OFFRIRE “RISULTATI” AI CLIENTI un’impresa (un network di imprese) fornisce un mix personalizzato di servizi, invece di prodotti, per offrire uno specifico risultato finale al cliente il cliente non possiede i prodotti ed è ridotto il suo coinvolgimento nell’ottenimento della “soddisfazione” finale (il cliente paga l’azienda per fornire i risultati concordati) 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E
  39. 39. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia lavatrice > LAVARE ariston + enel PAY-PER-USE pagamento è per numero usi e include: consegna lavatrice a casa (non di proprietà), rifornimento elettricità (non pagato direttamente), manutenzione, aggiornamento, sostituzione e recupero a fine uso. l’innovativa interazione fra le aziende e l’utente, fa in modo che sia interesse delle aziende progettare e fornire lavatrici molto efficienti, durevoli, riusabili e riciclabili 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E
  40. 40. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E lavatrice > LAVARE ARISTON + ENEL ... e la partnership mette a disposizione la lavatrice (non posseduta dal cliente) e fornisce l’energia elettrica (non pagata direttamente dal cliente), manutenzione, aggiornamento e ritiro a fine contratto. BENEFICI PER LA PARTNERSHIP . Profitto da efficienza energetica . Ri-uso di componenti da prodotti a fine vita BENEFICI PER IL CLIENTE . Non c’è investimento sull’acquisto della lavatrice e complessiva riduzione dei costi ARISTON Produttore elettrodomestici Il cliente paga in base al numero di lavaggi che fa… ENEL Fornitore energia PARTNERSHIP + BENEFICI PER L’AMBIENTE . Aumento dell’efficienza energetica e della durata dei prodotti > ridotto impatto ambientale La partnership offre una piattaforma abilitante per il lavaggio
  41. 41. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia INNOVAZIONE DI SISTEMA E-E (TIPO III) OFFRIRE “PIATTAFORME ABILITANTI” l’obiettivo d’impresa è di offrire l’accesso a prodotti, attrezzature, opportunità (piattaforme) che permettono al cliente di ottenere la sua “soddisfazione” il cliente non possiede i prodotti, ma opera su di essi per l’ottenimento della “soddisfazione” (e paga solo per l’uso del prodotto) 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E
  42. 42. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 4. STRATEGIE DI INNOVAZIONI DI SISTEMI E-E TIPOLOGIE DI INNOVAZIONE DI SISTEMA ECO-EFFICIENTE - offrire “servizi addizionali sul ciclo di vita” - offrire “risultati” - offrire “piattaforme abilitanti”
  43. 43. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 5. POTENZIALE DI ECO-EFFICIENZA
  44. 44. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 5. POTENZIALE DI ECO-EFFICIENZA SVILUPPO DI INNOVAZIONI DI SISTEMA (TRE STRATEGIE CHE ABBIAMO VISTO) > POTENZIALE DI ECO-EFFICENZA: E’ L’INTERESSE ECONOMICO E COMPETITIVO DELLA/E AZIENDA/E CHE PORTA A INNOVAZIONI CHE RIDUCONO L’IMPATTO AMBIENTALE
  45. 45. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 5. POTENZIALE DI ECO-EFFICIENZA L’INTERESSE ECONOMICO DI UN ATTORE PROMUOVE: - ottimizzazione del ciclo di vita del prodotto - estensione della vita dei materiali - minimizzazione delle risorse “durante l’uso”
  46. 46. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 5. POTENZIALE DI ECO-EFFICIENZA SVILUPPO DI INNOVAZIONI DI SISTEMA > CARATTERISTICA SALIENTE: innovazioni radicali, non tanto tecnico- tecnologiche, ma come nuove interazioni tra gli attori del sistema di soddisfazione (ciclo/cicli di vita)
  47. 47. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA
  48. 48. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA 1. APPROCCIO AL “SISTEMA DI SODDISFAZIONE” progettare la soddisfazione di una particolare domanda (unita’ di soddisfazione) 2. APPROCCIO ALLA “CONFIGURAZIONE DEGLI ATTORI” progettare le interazioni degli attori socio-economici di un particolare sistema di soddisfazione 3. APPROCCIO ALLA “ECO-EFFICENZA DI SISTEMA” progettare interazioni degli attori socio-economici (modelli dell’offerta) che li spingono per ragioni economico-competitive a innovazioni che riducono l’impatto ambientale APPROCCI
  49. 49. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA 1. APPROCCIO AL “SISTEMA DI SODDISFAZIONE” progettare la soddisfazione di una particolare domanda (unita’ di soddisfazione) NON È IL SINGOLO PRODOTTO CHE DEVE ESSERE PROGETTATO (ANALIZZATO), MA PIUTTOSTO L’INSIEME DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI (E TUTTI I RELATIVI PROCESSI) CHE CONTRIBUISCONO ALLA SODDISFAZIONE DI UNA PARTICOLARE DOMANDA (DEL CLIENTE) ... DEFINITA UNA “UNITA’ DI SODDISFAZIONE”
  50. 50. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA 1. APPROCCIO AL “SISTEMA DI SODDISFAZIONE” progettare la soddisfazione di una particolare domanda (unita’ di soddisfazione) “SIGNIFICA PENSARE PIU’ A ESSERE (SODDISFATTI), CHE AD AVERE (PRODOTTI PER ESSERE SODDISFATTI)” [Ehrenfeld, Sustainability by design, MIT, 2008]
  51. 51. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia …un parallelo con il design di prodotto: definisce le performance tecniche e le caratteristiche estetiche dei suoi “componenti”– materiali/forma – e le relative “connessioni” – elementi di connessione – per rispondere a un insieme di requisiti un design di sistema per l’eco-efficienza dovrebbe immaginare e promuovere innovative tipologie di: “connessioni” – interazioni/partnership – tra appropriati “componenti” – attori socio-economici – di un sistema che risponda a determinati “requisiti” - demand satisfaction - 2. APPROCCIO ORIENTATO ALLA PROGETTAZIONE DELLE INTERAZIONI TRA GLI ATTORI STAKEHOLDERS’ CONFIGURATION DESIGN 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA
  52. 52. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia > NECESSITA’ DI CRITERI, METODI E STRUMENTI per orientare la progettazione verso interazioni eco-efficienti fra gli attori del sistema 3. OBIETTIVO: ECO-EFFICIENZA DI SISTEMA MA NON TUTTE LE INNOVAZIONI DI SISTEMA SONO ECO-EFFICIENTI! 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA
  53. 53. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia CRITERI DI DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO- EFFICIENZA • ottimizzazione vita di sistema • riduzione dei trasporti/distribuzione • riduzione delle risorse • minimizzazione/valorizzazione dei rifiuti • conservazione/biocompatibilità • riduzione della tossicità 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA
  54. 54. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia CRITERI DI DESIGN DI SISTEMA PER L’EQUITA’ E LA COESIONE SOCIALE • migliorare le condizioni di lavoro • migliorare equità e giustizia tra gli attori del sistema • abilitare un consumo responsabile/sostenibile • favorire/integrare i deboli e gli emarginati • migliorare la coesione sociale • potenziare/accrescere le risorse locali 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA
  55. 55. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia … innovazione di sistema nel design per la sostenibilità ... RICHIEDE NUOVE CAPACITÀ (STRATEGICHE): 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA - progettare un sistema integrato di prodotti e servizi che soddisfa una particolare domanda di “soddisfazione” - promuovere/facilitare nuove interazioni (configurazioni) degli attori socio-economici - promuovere/facilitare la progettazione partecipata fra diversi attori - ORIENTARE I PROCESSI SOPRA VERSO SOLUZIONI ECO-EFFICIENTI
  56. 56. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia DEFINIZIONE: “la progettazione per l’eco- efficienza del sistema dei prodotti e servizi che insieme sono capaci di rispondere a una particolare domanda di soddisfazione, e la progettazione delle interazioni tra gli attori direttamente o indirettamente legate al sistema di ‘soddisfazione’” (VEZZOLI, Maggioli, Milano, 2007) 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA
  57. 57. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia 6. DESIGN DI SISTEMA PER L’ECO-EFFICIENZA MEPSS, RICERCA UE van Halen, Vezzoli & Wimmer, Me tho do lo g y fo r pro duct se rvice syste m inno vatio n, Van Gorcum, Assen, The Netherlands, 2005 … METODI/STRUMENTI Da RICERCHE UE e UNEP, adottata in LeNS Vezzoli, Me tho d fo r Syste m De sig n fo r Sustainability, Maggioli, 2010 (2° edizione) D4S, RICERCA UNEP Tischner, Vezzoli, Pro duct-Se rvice Syste m s; To o ls and case s De sig n fo r Sustainability, UNEP/TU Delft, 2009
  58. 58. Fabrizio Ceschin Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia ANALISI STRATEGICA Avere le informazioni necessarie a facilitare la generazione di idee sostenibili ESPLORAZIONE DELLE OPPORTUNITA’ PROGETTAZIONE CONCEPT DI SISTEMA PROGETTAZIONE DI SISTEMA (E ING.) COMUNICAZIONE FASI MSDS OBIETTIVI Definire un “catalogo” di promettenti possibilità strategiche, ovvero uno scenario di orientamento progettuale alla sostenibilità Definire uno o più concept di sistema potenzialmente sostenibili Sviluppare il/i concept di sistema giudicati più promettenti in una versione dettagliata, necessaria per l’implementazione Disporre dei documenti per la comunicazione delle caratteristiche (generali e soprattutto di sostenibilità) della soluzione progettata ANALISI DEI PROMOTORI DEL PROGETTO ANALISI DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO ANALISI DEI CASI DI ECCELLENZA ANALISI DELLA STRUTTURA PORTANTE DEL SISTEMA DEFINIZIONE PRIORITA’ DESIGN PER LA SOSTENIB. GENERAZIONE IDEE ORIENTATE ALLA SOSTENIB. DEFINIZIONE SCENARIO ORIENTAMENTO PROGETTUALE ALLA SOS. - VISIONI/CLUSTER/IDEE SELEZIONE VISIONI, CLUSTER E IDEE SVILUPPO DEL CONCEPT DI SISTEMA VERIFICA AMBIENTALE, SOCIO-ETICA, ECONOMICA SVILUPPO DEL CONCEPT DI SISTEMA (ESECUTIVO) VERIFICA AMBIENTALE, SOCIO-ETICA, ECONOMICA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

×