• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
12.Visione e progettazione grafica
 

12.Visione e progettazione grafica

on

  • 474 views

Slides dalle lezioni del corso di Interazione Uomo Macchina per il corso di laurea in Informatica - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - Lezione del 3 aprile 2014

Slides dalle lezioni del corso di Interazione Uomo Macchina per il corso di laurea in Informatica - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - Lezione del 3 aprile 2014

Statistics

Views

Total Views
474
Views on SlideShare
367
Embed Views
107

Actions

Likes
1
Downloads
36
Comments
0

1 Embed 107

http://www.scoop.it 107

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    12.Visione e progettazione grafica 12.Visione e progettazione grafica Presentation Transcript

    • Corso di Interazione Uomo Macchina AA 2013-2014 Roberto Polillo Corso di laurea in Informatica Università di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione VISIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA R.Polillo - Aprile 2014 1
    • Queste slides… … si basano sul libro “Facile da usare”, dell’autore, dove si trovano tutte le necessarie spiegazioni. Vedi www.rpolillo.it Queste slide sono disponibili con licenza Creative Commons (attribuzione, non commerciale, condividi allo stesso modo) a chiunque desiderasse utilizzarle, per esempio a scopo didattico, senza necessità di preventiva autorizzazione: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it La licenza non si estende alle immagini fotografiche e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che sono stati indicati, ove possibile, nelle didascalie del libro. L’autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle. R.Polillo - Aprile 2014 2
    • La teoria della Gestalt 3 “Nella percezione visiva, il tutto è più della somma delle sue parti” Luci “in movimento” R.Polillo - Aprile 2014
    • Salvador Dalì, 1935 “Face of Mae West which may be used as an apartement”4 R.Polillo - Aprile 2014
    • Le leggi della gestalt (M.Wertheimer, 1923) 5  Legge della continuità di direzione  Legge della buona forma  Legge dell’esperienza passata  Legge della vicinanza  Legge della somiglianza  Legge della chiusura R.Polillo - Aprile 2014
    • Legge della continuità di direzione R.Polillo - Aprile 2014 6 Quelle parti di una figura che formano una “curva buona” o che vanno nella stessa direzione tendono a essere raccolti in unità più facilmente delle altre
    • Legge della “buona forma” 7 Il campo percettivo si segmenta in modo che risultino entità per quanto possibile equilibrate, armoniche, costi- tuite secondo un medesimo principio in tutte le loro parti R.Polillo - Aprile 2014
    • Legge della “buona forma”: altri esempi R.Polillo - Aprile 2014 8
    • Legge dell’esperienza passata R.Polillo - Aprile 2014 9 L’esperienza passata influenza il modo con cui vediamo una immagine a b
    • Legge dell’esperienza passata: altri esempi R.Polillo - Aprile 2014 10 a b
    • Ambiguità R.Polillo - Aprile 2014 11
    • R.Polillo - Aprile 201412
    • R.Polillo - Aprile 201413
    • R.Polillo - Aprile 201414
    • Legge della vicinanza 15 Gli elementi del campo visivo che sono fra loro più vicini tendono ad essere raccolti in unità R.Polillo - Aprile 2014
    • 16 R.Polillo - Aprile 2014
    • Vicinanza: siete d'accordo? R.Polillo - Aprile 2014 17
    • Da PowerPoint 2007 Qual è il problema? R.Polillo - Aprile 2014 18
    • Legge della somiglianza 19 Gli elementi del campo visivo che sono tra loro simili tendono ad essere raccolti in unità R.Polillo - Aprile 2014
    • 20 R.Polillo - Aprile 2014
    • Siete d’accordo con questo uso dei colori? R.Polillo - Aprile 2014 21
    • Siete d'accordo con questo uso delle icone? R.Polillo - Aprile 2014 22
    • Siete d'accordo con questo design? R.Polillo - Aprile 2014 23
    • Perché questa immagine non è comprensibile? R.Polillo - Aprile 201424
    • R.Polillo - Aprile 201425 Per farla stare su una riga Ma la leggiamo così
    • Che cosa non va in questa home page? R.Polillo - Aprile 2014 26
    • Legge della chiusura 27 Le linee delimitanti una superficie chiusa si percepiscono come unità più facilmente di quelle che non si chiudono (a parità di altre condizioni) R.Polillo - Aprile 2014
    • Esempio: conflitto fra chiusura e vicinanza 28 a b R.Polillo - Aprile 2014
    • L’importanza dei riquadri: esempio (I ) 29 R.Polillo - Aprile 2014
    • L’importanza dei riquadri: esempio (II) 30 R.Polillo - Aprile 2014
    • Chiusura: come migliorare un menu R.Polillo - Aprile 2014 31
    • Uso delle cornici nelle form Con cornici Senza cornici R.Polillo - Aprile 2014 32
    • Chiusura: esempio R.Polillo - Aprile 2014 33
    • 34 R.Polillo - Aprile 2014
    • 35 R.Polillo - Aprile 2014
    • Può essere migliorata? R.Polillo - Aprile 2014 36
    • A che cosa servono queste icone? R.Polillo - Aprile 2014 37 aYahoo (2009) British-airways (2003)
    • E queste? R.Polillo - Aprile 2014 38 iPhone 3GS
    • R.Polillo - Aprile 201439
    • Uso dei colori  Usate il colore (ma non solo il colore: daltonismo) per veicolare dei significati R.Polillo - Aprile 2014 40
    • 41 R.Polillo - Aprile 2014
    • R.Polillo - Aprile 201442
    • Uso dei colori: esempio R.Polillo - Aprile 2014 43 Windows Vista (2009)
    • Daltonismo: esempio R.Polillo - Aprile 2014 44
    • (segue) R.Polillo - Aprile 2014 45
    • Associazioni di colore  Siate coerenti con le usuali associazioni di significato ai diversi colori  Attenzione: possono essere diverse a seconda delle diverse culture! R.Polillo - Aprile 2014 46
    • STOP EXIT PERICOLO ! AVANTI 47 R.Polillo - Aprile 2014
    • 48 R.Polillo - Aprile 2014
    • 49 R.Polillo - Aprile 2014
    • Contrasto di colore  Il contrasto di colore può essere usato per dirigere l'attenzione su particolari element R.Polillo - Aprile 2014 50 (MAC OS 8)
    • 51 R.Polillo - Aprile 2014
    • 52 R.Polillo - Aprile 2014
    • 53 R.Polillo - Aprile 2014
    • 54 R.Polillo - Aprile 2014
    • Colori "caldi" e "freddi" COLORI CALDI azione, urgenza richiesta di risposta, vicinanza COLORI FREDDI lontananza, tranquillità, informazioni di stato Nota: le associazioni di cui sopra vengono normalmente date per scontate, ma l’evidenza scientifica è dubbia R.Polillo - Aprile 2014 55
    • Colori caldi e freddi Si dice che i colori caldi tendano ad avanzare, i colori freddi a recedere R.Polillo - Aprile 2014 56
    • R.Polillo - Aprile 201457
    • R.Polillo - Aprile 201458
    • Quanti colori in una pagina?  Usate il colore con parsimonia, evitando l'effetto "music hall"  Se i colori sono troppo, si crea rumore visivo, e le associazioni colore/signifcato non funzionano più… R.Polillo - Aprile 2014 59
    • Banner Funzioni R.Polillo - Aprile 201460
    • 61 R.Polillo - Aprile 2014
    • R.Polillo - Aprile 201462
    • Texture di sfondo  Attenzione alle texture di sfondo, che possono ridurre fortemente la leggibilità di testi e controlli R.Polillo - Aprile 2014 63
    • 64 R.Polillo - Aprile 2014
    • Stile del design  Definite lo stile complessivo del design e siate coerente con esso (es.: brand image) R.Polillo - Aprile 2014 65
    • 66 R.Polillo - Aprile 2014
    • CocaCola tedesca nel 200367 R.Polillo - Aprile 2014
    • CocaCola USA nel 200368 R.Polillo - Aprile 2014
    • www.cocacola.com nel 200369 R.Polillo - Aprile 2014
    • In sintesi… Una buona grafica dovrebbe:  essere facilmente leggibile (testi, immagini) per tutti gli utenti a cui è destinata  aiutarci a comprendere chiaramente la struttura di una pagina video, trasmettendoci una sensazione di semplicità  aiutarci ad associare facilmente contenuti fra loro omogenei  utilizzare codici visivi e convenzioni familiari agli utenti a cui è destinata  utilizzare codici visivi coerenti all’interno del prodotto (e del suo “ecosistema”)  non contenere elementi ridondanti o ambiguiR.Polillo - Aprile 2014 70
    • Linee guida 1. Usare vicinanza, somiglianza e chiusura per organizzare visivamente gli elementi in base alla loro funzione e significato 2. Evitare ridondanza, confusione e rumore visivo 3. Suggerire percorsi visivi coerenti con i casi d'uso 4. Usare forme e stili di raffigurazione fra loro coerenti e contestualmente appropriate 5. Inserire gli elementi grafici in una o più griglie logiche progettate in modo coerente per tutta l'applicazione R.Polillo - Aprile 2014 71
    • Website: esempi da discutere  http://www.denisechandler.com/portfolio.html  http://naldzgraphics.net/inspirations/50- corporate-website-examples/  http://www.webpagesthatsuck.com R.Polillo - Aprile 2014 72