Your SlideShare is downloading. ×
0
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Presentazione madrid
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Presentazione madrid

3,119

Published on

riassunto

riassunto

Published in: Education, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
3,119
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Madrid: capitale della Spagna
  • 2. MADRID
    • È il comune più popoloso del Paese, il terzo dell‘ Unione europea, dopo Londra e Berlino.
    • Situata nell'altipiano della Meseta, è una delle capitali più alte d'Europa, trovandosi a 667 metri di altitudine (Andorra la Vella, capitale d'Andorra è sita più in alto, a 1.070 m d'altitudine).
  • 3. Fiumi e laghi
    • I fiumi sono numerosi ma hanno un regime irregolare, che ne limita lo sfruttamento come vie di comunicazione. Non esistono invece laghi naturali di grandi dimensioni.
  • 4. La lingua
    • Lingua ufficiale è il castigliano (noto anche come spagnolo). In alcune comunità autonome rivestono carattere di coufficialità (con il castigliano) il catalano/valenziano (Catalogna, Baleari, Comunità Valenciana) il gallego (Galizia) e il basco (Euskadi, Navarra). Lo Stato spagnolo e le amministrazioni periferiche proteggono ed incoraggiano l'uso, in ambito locale, di alcune lingue e parlate che però non godono dello status di coufficialità come l'asturiano, il leonese, il dialetto d'Estremadura, l'aragonese. Nel Valle d'Aran è riconosciuto ufficialmente, accanto al castigliano e al catalano, anche l' aranese, varietà di guascone del gruppo linguistico occitano.
  • 5. Religioni
  • 6. Il cristianesimo
    • Il cristianesimo giunse molto presto nella penisola (II-III secolo) e vi si impiantò saldamente. Nel V secolo la Spagna fu invasa da popoli germanici, Alani, Vandali, Svevi e Visigoti. Questi ultimi costituirono un regno che si estese, fino agli inizi del VI secolo, in Gallia ed Hispania, ma che successivamente (prima metà del VI secolo) acquistò connotazioni spiccatamente iberiche (la stessa capitale fu trasferita da Tolosa a Toledo).
    • Grande potenza della politica europea e mondiale per oltre tre secoli, fino al Congresso di Vienna, la Spagna perse nel secondo e terzo decennio dell'Ottocento quasi tutto il proprio impero coloniale, acquisendo un ruolo sempre più marginale rispetto alle nuove grandi potenze europee.
  • 7. Popolazione di Madrid
    • La popolazione di Madrid ha subito un brusco aumento da quando la città è diventata capitale della Spagna. Questo aumento è stato particolarmente significativo durante il XX secolo, a causa della grande quantità di immigrati, sia nazionali che esteri, che si sono riversati in città.
    • A partire dagli anni settanta, la città di Madrid ha cominciato a perdere popolazione, tendenza che si è invertita all'inizio del XXI secolo grazie al forte aumento dell'immigrazione.
  • 8. Clima
    • Il clima di Madrid è di tipo mediterraneo continentale ed è molto influenzato dalle condizioni urbane. Gli inverni sono piuttosto freschi, con temperature spesso inferiori ai 4-5°, e con gelate frequente e nevicate occasionali. Le estati sono molto calde con temperature medie che superano i 24° a luglio ed agosto, con massime che spesso arrivano fino a 35°.
  • 9.  
  • 10.  
  • 11. PIANTE E MAPPE
    • Come trovare e raggiungere i posti desiderati.
  • 12. L’Economia
    • Nei tempi antichi Madrid non aveva una economia molto sviluppata,scarse erano le industrie e pochi si dedicavano all’agricoltura.
    • Ha conosciuto un grande sviluppo economico da quando fu scelta come capitale del regno, alla funzione amministrativa che svolse da quel periodo, accentuata dal carattere centralista del governo dei Borboni, si unì un grande sviluppo industriale a partire dalla metà del XX secolo, soprattutto nei settori chimico e metallurgico e altri settori connessi con i consumi urbani di tecnologie avanzate, come la meccanica di precisione, l'elettronica e la chimica farmaceutica.
  • 13. I tre settori dell’economia:
    • Sett. Primario (7%) : in un periodo relativamente breve, l'agricoltura è passata pressoché dappertutto da una situazione di grande arretratezza ad una fase molto meccanizzata, che utilizza tecniche moderne e pianifica operazioni di investimento. Gran parte del suolo è arido o semiarido e le risorse idriche, essendo scarse, hanno bisogno di interventi statali. Molto marcata è la diversità tra terre non irrigate ( meseta ) e quelle irrigate delle valli. Nelle prime si coltivano cereali, nelle seconde ortaggi, piante industriali (quali, tabacco, cotone, etc…)..
    • Sett. Secondario (29%) : le risorse minerarie hanno favorito lo sviluppo industriale. Vi sono giacimenti di zinco, ferro, rame, piombo, zolfo, mercurio, etc. Gli investimenti stranieri, sono stati scelti per modernizzare l'industria..
    • Sett. Terziario (64%) : è in grande espansione, con un turismo internazionale e vie di comunicazione efficienti ed ammodernate. La navigazione marittima ha grande importanza. Lo sviluppo delle telecomunicazioni e delle tecnologie informatiche è notevole.
  • 14. Il turismo
    • La maggior fonte di entrata della Spagna
  • 15.
    • il Museo del Prado , il Museo Thyssen-Bornemisza , il Centro di arte della regina Sofía (dove si trova il famoso Guernica di Pablo Picasso), il Palacio Real , la Puerta del Sol in cui è situata la placca del chilometro zero (utilizzata per il calcolo delle distanze nello Stato spagnolo) ed in cui i madrileni si riuniscono ogni fine anno per aspettare il nuovo anno mangiando un chicco di uva per ognuno dei dodici rintocchi della mezzanotte, la vicina "Plaza Mayor" (in cui tutti i week-end si svolge il mercatino numismatico e, nel periodo natalizio, quello dei presepi), il Parco del Retiro , e nelle vicinanze il monastero e il palazzo del Escorial , Santa Cruz del Valle de los Caídos e le città di Toledo, Segovia, Ávila e Aranjuez. Da segnalare, soprattutto ai turisti italiani, la piccola chiesa dedicata a san Nicola di Bari, nei pressi di Plaza Mayor.
    • I luoghi da visitare :
  • 16. Conosciamo insieme:
    • La città di Madrid vanta una delle maggiori pinacoteche a livello internazionale (è riconosciuto di fatto come uno dei tre musei più importanti di tutto il mondo): il Museo del Prado .
    • Il palazzo in stile neoclassico che oggi ospita il Museo del Prado risale al 1787 e fu progettato dell'architetto Juan de Villanueva per volere di Carlo III, che intendeva farne un Museo delle Scienze Naturali. Per decisione di Ferdinando VII, nel 1818 l'edificio divenne il luogo deputato ad ospitare la ricca collezione reale di dipinti e solo un anno dopo fu aperto al pubblico come Reale Museo di Pittura. All'interno del Museo del Prado è possibile ammirare i dipinti dei maggiori pittori spagnoli (tra cui spiccano i maestri Ribera, Goya e Velázquez) e le opere di alcuni tra i più importanti artisti internazionali, tra i quali figurano anche quelle degli italiani Botticelli, Bernini, Raffaello, Caravaggio e Mantegna.
  • 17. Immagini e foto Museo del Prado, Madrid
    • Il suo interno e l’esterno
  • 18. Palazzo Reale di Madrid
    • Storica residenza dei sovrani spagnoli, il Palazzo Reale di Madrid svolge oggi un'importante funzione museale ed è il luogo in cui i Reali di Spagna organizzano i propri ricevimenti ufficiali.
    • La costruzione del Palacio Real avvenne tra il 1738 ed il 1755 per volere di Filippo V e vide anche il fondamentale apporto di due architetti italiani, Sacchetti e Sabatini. Il primo sovrano spagnolo che stabilì la propria residenza nel Palacio Real fu Carlo III, nel 1764. Chiunque decida di visitare il Palazzo Reale di Madrid non potrà fare a meno di ammirarne la bellezza e la magnificenza degli interni, riccamente decorati con materiali preziosi, ed avrà la possibilità di apprezzare una selezione di affreschi, dipinti ed opere d'arte di particolare pregio artistico, espressione di artisti come Tiepolo, Caravaggio, Goya e Velazquez.
  • 19. Immagini e foto Palacio Real, Madrid
    • Veduta frontale
  • 20. Puerta del Sol
    • La Puerta del Sol è una delle piazze più importanti di Madrid e costituisce ancora oggi il centro indiscusso della vita sociale e culturale della capitale spagnola. Nata nel XV secolo e centro di numerosi eventi e avvenimenti storici, la piazza assolvette ben presto al ruolo di principale sede delle attività commerciali, culturali e amministrative di Madrid, nonché di luogo d'incontro privilegiato da parte dei cittadini madrileni. All'interno della Puerta del Sol è possibile ammirare edifici e monumenti di grande fascino e particolarmente significativi sotto il profilo storico e culturale. Meritevole di menzione è sicuramente la Casa de Correos, l'imponente edificio in stile neoclassico progettato tra il 1766 ed il 1768 che attualmente costituisce la sede del Governo della Comunità Autonoma di Madrid.
  • 21. Immagini e foto Puerta del Sol
    • Una delle più importanti opere
  • 22. La storia
    • Nell'antichità (a partire dal X secolo a.C. circa) le popolazioni autoctone dovettero fare spazio a dominatori esterni, provenienti sia dal mondo mediterraneo (Fenici, Greci ed Iberi), che dall'Europa centrale (Celti). Negli ultimi decenni del III secolo a.C. il territorio ispanico divenne un campo di battaglia fra Cartagine, che controllava già parte della penisola iberica, e Roma. Quest'ultima si impose come potenza egemone ed occupò l'intera regione per ben sei secoli. Roma diede alla Spagna la propria lingua, la propria cultura, le proprie istituzioni politiche, il proprio diritto, in altre parole forgiò, allora e per sempre, l'identità dell'Hispania antica e della Spagna odierna.
  • 23. Ordinamento dello Stato
    • Secondo la Costituzione del 1978, la Spagna è una monarchia ereditaria parlamentare, dove il re ha un ruolo di rappresentanza, ma anche di garante dell'unità e della democrazia.
    • Il potere esecutivo è nelle mani del Consiglio dei Ministri, retto da un Presidente del Governo, cui il parlamento dà e toglie la fiducia.
    • Il potere legislativo è attribuito a un parlamento bicamerale con mandato quadriennale, composto da
    • Congresso dei Deputati ,una camera di 350 deputati, eletti con un sistema proporzionale corretto e senza voto di preferenza in circoscrizioni corrispondenti alle province.
  • 24. La politica
    • Partiti politici ed elezioni democratiche
    • Le prime elezioni democratiche dopo il franchismo si sono tenute il 15 giugno 1977, vinte da una coalizione di centro destra, l'UCD, presieduta da Adolfo Suàrez. I due partiti dominanti si alternano al potere, ma quasi sempre, a causa del sistema elettorale , dopo le elezioni devono forgiare coalizioni con partiti minori.
  • 25. Maria Chiara Lancia, Caterina Borrelli, Anna Chiara Bracaglia, Michela Magliocchetti, Giulia Iacovissi. Fine

×