Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Convegno bullismo

2,192 views

Published on

Published in: Education, Business
  • Be the first to comment

Convegno bullismo

  1. 1. CONVEGNO BULLISMO: CHE FARE
  2. 2. Si è svolto sabato 2 febbraio ’08, presso la Biblioteca Comunale di Tricase, il Convegno “Bullismo: che fare”, organizzato dal Comitato Genitori dell’Istituto comprensivo Polo II, patrocinato dal Comune di Tricase ASL LECCE.
  3. 3. Nato a novembre 2007, il CG ha scelto di lavorare per amore della scuola e per il bene dei figli e si è attivato sin da subito per attenzionare e dare massima visibilità a questa problematica dell’ambiente sociale e scolastico che di recente ha avuto un’espansione impensata e preoccupante fino a riempire quotidianamente le prime pagine dei giornali. OBIETTIVI
  4. 4. Il “ fenomeno bullismo ” fenomeno di prevaricazione verso il più debole per condizione fisica, sociale, psicologica ed economica, è stato il tema portante della serata che si è avvalso del supporto di autorevoli figure psico-pedagogiche, istituzionali e giornalistiche che hanno messo a nudo questa nuova generazione secondo i dati dell’8° Rapporto Eurispes-Telefono Azzurro ne hanno evidenziato i rapporti tra figli - genitori - scuola e la responsabilità di attivarsi nella ricerca preventiva di mezzi educativi atti a ridurre il “fenomeno”.
  5. 5. I lavori in una sala gremitissima, sono iniziati con una breve relazione del Dr. Claudio Sergi, sub-commissario del Comune di Tricase e del Presidente del CG Marcello Sabato.
  6. 6. E’ cambiato il “rapporto genitori-figli” e oggi si identifica in una generazione del “tutto e subito” analizzata nel profilo sociologico di Gianfranco Esposito un rapporto piuttosto logoro, del non-dialogo, della non-fermezza della difficoltà a dire: “NO”. TUTTO E SUBITO
  7. 7. Genitori vittime di “ figli padroni ” anche secondo i dati che Luigi Russo, membro del Direttivo Eurispes, ha fornito dall’8° Rapporto, con la fotografia della famiglia italiana, oggi, non più in grado di rispondere da sola in modo efficace ai problemi dei figli e che deve necessariamente complementarsi con altre reti sociali per uno sviluppo sereno di bambini e adolescenti FIGLI PADRONI
  8. 8. Una fotografia di quella famiglia in cui la conoscenza non passa più da padre in figlio ma al contrario i figli insegnano ai padri E’ facile scoprire quindi perché il 30% non rinuncia alla televisione il 20% sceglie la Playstation il 56% dei bambini possiede un cellulare il 10% ha messo on-line anche filmati girati col telefonino … di figlio in padre
  9. 9. 11,7% dei minori subisce una continua esclusione dal gruppo 87% è vittima di furti di oggetti e cibo 5,2% subisce addirittura percosse gli episodi di prevaricazione nell’ambiente formativo raggiunge il 43,4% di cui oltre la metà al Sud sono perpetrati dalle femmine i dati più accattivanti
  10. 10. Malgrado la recente normativa del Ministro Fioroni, i progetti di sensibilizzazione e i messaggi da parte dei mass-media, gli adolescenti continuano ad essere vittime del bullismo VITTIME
  11. 11. Ai bambini non manca l’affetto dei genitori secondo i dati, ma i genitori non si fermano ad ascoltare i propri figli secondo la dott.ssa Marilena Toma che più che identificare il “piccolo bullo” come bambino cattivo, ha sottolineato la “cattiva educazione” che ne presenta bimbi segnati dal disagio e dalla confusione . il profilo psicologico
  12. 12. E’ necessaria una nuova strategia pedagogica contro il bullismo, fare “outing” dice Giuseppe Ricchiuto, dottore in Scienza della Formazione: i bambini si devono raccontare e ascoltare, darsi delle idee e sviluppare un mondo non soffocato dai tempi, dove le emozioni abortite in famiglia trovano sfogo in una sorta di gioco tra pari e dove darsi delle regole è indispensabile per diventare protagonisti di ciò che vivono. IL PROFILO PEDAGOGICO
  13. 13. “ Ascoltare col cuore” è il principio della Dirigente dell’Istituto Roberto Caputo Caterina Scarascia, che non ha lesinato a denunciare episodi di bullismo a partire dalle classi 4^ elementari, e nella ricerca di possibili soluzioni insieme al CG, propone di creare una sinergia tra alunni-insegnanti-genitori per vigilare proteggere ascoltare i disagi i bisogni, le paure, per garantire ai bambini una crescita più consapevole. ASCOLTARE COL CUORE
  14. 14. infine è stata affrontata dal Capitano dei Carabinieri Nicola Candido con riferimento al nostro territorio. La prevenzione
  15. 15. Il Salento purtroppo non è esente da questo fenomeno anche con episodi che sfociano in veri atti teppistici con danni alle cose e alle persone o con segnalazioni al Tribunale dei Minori E ALLORA? Bisogna continuare una fattiva collaborazione con la scuola attraverso incontri con i ragazzi per promuovere una cultura della legalità, per tutelarsi contro il bullismo.
  16. 16. BULLISMO Parlarne sempre e comunque
  17. 17. Focalizzare la massima attenzione da parte di tutti quegli ambienti che sono luogo di aggregazione e socializzazione frequentati abitualmente dai nostri figli non aver paura di denunciare e cercare ove possibile le modalità d’intervento per quei ragazzi con tante opportunità, oggi, ma fagocitati dal consumismo e dipendenti dalle nuove tecnologie, ragazzi soli e incapaci di essere ascoltati.
  18. 18. “ fenomeno bullismo ” I lavori di questo Convegno sono solo l’inizio per il CG che continuerà anche in futuro a monitorare il
  19. 19. IL RISPETTO DELLE REGOLE Attraverso iniziative e progetti in collaborazione con altre reti sociali e media al fine di educare i nostri figli in maniera più consapevole e rispettosa delle regole della vita, per non nuocere a se stessi, agli altri e alla famiglia educare i genitori contro l’iperpermissivismo e l’incapacità di stabilire regole e farle rispettare per evitare di formare “ bambini vittime” e ”vittime genitori”.
  20. 20. Mariolina dell’Abate Commissione lavoro Comitato Genitori Un ringraziamento speciale al CG, ai relatori, al Dirigente, agli sponsor e alla sensibilità di tutti coloro che hanno reso possibile questo evento.

×