Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Zero budget marketing. Quando le idee contano più del portafogli

35 views

Published on

Laboratorio interculturale, DISCUII. Università degli Studi di Urbino.

La parola “marketing”, spesso associata a budget milionari e astronomiche campagne pubblicitarie, è per quasi tutte le imprese del mondo, sinonimo di “scegliere”. Il marketing può essere definito come l’arte, o la capacità, di investire nel modo migliore risorse scarse per raggiungere risultati ottimali.

In questo laboratorio si è aiutato a comprendere, in qualità di marketer e comunicatori, come gestire la necessità di un’impresa di contenere i costi senza rinunciare ad obiettivi ambiziosi e si analizzeranno alcuni casi internazionali di marketing a budget (quasi) zero.

I partecipanti sono stati chiamati a sfidarsi ad una gara di idee, dove la creatività e l’astuzia contavano molto più dei soldi a disposizione!

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Zero budget marketing. Quando le idee contano più del portafogli

  1. 1. Z E R O - B U D G E T M A R K E T I N G Q U A N D O L E I D E E C O N TA N O P I Ú D E L P O RTA F O G L I 2 8 - 2 9 S E T T E M B R E 5 O T T O B R E 2 0 1 8 D I S C U I I L A B O R AT O R I O I N T E R C U LT U R A L E
  2. 2. Simone Moriconi • Consulente di marketing e strategie digitali. Lavoro con aziende di media dimensione, PMI e start-up in ambito di pianificazione strategica di marketing, digital marketing, social media ed e- commerce. • Titolare di contratto integrativo nel corso di Comunicazione Aziendale e Internet Marketing all’Università degli Studi di Urbino. • Parte del team di Warehouse Coworking Factory, il principale spazio di coworking delle Marche. Contatti www.simonemoriconi.com simonemoric@gmail.com 2 Mi presento
  3. 3. “Sono davvero ricco quando il mio reddito è superiore alla mia spesa, e la mia spesa è uguale ai miei desideri.” Edward Gibbon
  4. 4. La scienza della scarsità • L’economia è lo studio di come usiamo mezzi limitati per soddisfare desideri illimitati, cioè di come gli individui gestiscono la scarsità. • La scarsità è onnipresente: ognuno di noi possiede una limitata quantità di denaro, nemmeno i più ricchi possono comprare tutto. • La sensazione di scarsità produce più effetti della scarsità stessa.
  5. 5. ‣ Il marketing può essere definito come l’arte, o la capacità, di investire nel modo migliore risorse scarse per raggiungere risultati ottimali. ‣ La leva della scarsità è utilizzata dal marketing anche come tattica di persuasione. Che si tratti di farci sentire inadeguati, oppure di farci acquistare in fretta, la leva è sempre generare una sensazione di scarsità. Marketing e scarsità
  6. 6. “Non c’è budget!”
  7. 7. Se il capo non ci da budget, possiamo sviluppare due qualità… PERSUASIONE INGEGNO
  8. 8. Gli effetti positivi della scarsità (pensiamo al tempo)
  9. 9. L’esperimento delle riunioni • Uno studio su come vengono condotte le riunioni ha dimostrato che tutte cominciano in modo deconcentrato: i ragionamenti sono astratti, le conversazioni divagano, vanno fuori tema, ci si sofferma molto su cose marginali, ecc. • Verso metà riunione, le cose cambiano. Il gruppo si rende conto che ha poco tempo e cambia registro. Si entra in una fase di affiatamento, ci si sbarazza degli elementi di disaccordo e ci si concentra su quelli essenziali. • Questo passaggio è definito “correzione di metà percorso”. Avviene quando la mancanza di tempo (sensazione di scarsità) diventa evidente.
  10. 10. La scarsità genera concentrazione Gli scienziati cognitivi hanno scoperto che la scarsità (di qualunque tipo) frutta un dividendo di concentrazione. Gli esempi sono nella vita di tutti i giorni. • Usiamo meno dentifricio quando il tubetto è quasi vuoto. • Negli ultimi giorni di vacanza corriamo di più per non perderci neanche un panorama. • Scriviamo in modo più accurato quando possiamo usare un numero di parole limitato. • …
  11. 11. Quanti colpi hai da sparare?
  12. 12. + ABBONDANZA - PRECISIONE
  13. 13. “Jugaad is a colloquial Hindi word that roughly translates as “innovative fix; an improvised solution born from ingenuity and cleverness.” (Navi Radjou, 2012)
  14. 14. Lo spirito “Jugaad”
  15. 15. “Jugaad is practiced by almost all Indians in their daily lives to make the most of what they have. It is the art of spotting opportunities in the most adverse circumstances and resourcefully improvising solutions using simple means.” Per farsi un’idea :) https://daily.social/20-photos-indian-jugaad/
  16. 16. 1. Opportunità nell’avversità Il billboard di Lima che produce acqua potabile dall’umidità https://goo.gl/i8murQ
  17. 17. 2. “Do more with less” https://ideas.starbucks.com/
  18. 18. 3. Agire flessibile Amazon A/B Testing strategy
  19. 19. 4. Semplicità Billy, il prodotto più venduto da IKEA
  20. 20. Il concetto di “MVP” Fonte: startitup.com
  21. 21. La stessa logica può applicarsi al marketing e alla comunicazione.
  22. 22. L’approccio “growth hacking” Il Growth Hacking è il processo di rapida sperimentazione attraverso una serie di canali di marketing per individuare i modi più efficaci per far crescere un business[1]. Il Growth Hacking fa parte del Web Marketing e comprende attività SEO, SEM, Email Marketing, Social Network e test A/B. A differenza dei (web) marketer tradizionali i Growth Hackers utilizzano strategie a basso costo ed innovative, come ad esempio Social Media e Viral Marketing, ed è per questo che il Growth Hacking è particolarmente indicato per Startup e PMI. (https://it.wikipedia.org/wiki/Growth_hacking)
  23. 23. Il sistema di inviti Dropbox
  24. 24. Il caso AirBnb Quando AirBnb era ancora poco conosciuta, i growth hackers di AirBnb hanno provato a sfruttare il sito più famoso Craiglist a loro favore. Craiglist è un portale con classifiche e liste con più di 10 milioni di utenti. Per pubblicare un appartamento su Craiglist, AirBnb doveva farlo manualmente e questo richiedeva molto tempo e non era molto produttivo. Craiglist non aveva una API che permetteva di creare gli annunci di forma automatica, ma AirBnb sviluppò un piccolo software che per caricare in modo automatico gli appartamenti su Craiglist. In poco tempo, riuscirono a pubblicare gli appartamenti su Craiglist in modo automatico e a catturare parte dei milioni di utenti di Craiglist. La crescita di AirBnb è stata esponenziale, fino a quando in Craiglist si sono resi conto dello “scherzetto” di AirBnb e hanno chiuso il rubinetto. Ma ormai AirBnb aveva raggiunto il suo obiettivo: aveva già una solida base utenti. http://growthhackingitalia.com/differenze-growth-hacking-marketing-tradizionale/ https://growthhackers.com/growth-studies/airbnb
  25. 25. Ice Bucket Challenge 17 mln. di persone hanno partecipato 1.2 mln. di video postati su Facebook 115 $ mln. raccolti in 8 settimane
  26. 26. Perché oggi si può lavorare con questo approccio? • Accesso ai dati. Oggi esistono un sacco di applicazioni che forniscono l’estrazione e l’analisi dei dati. Molte di queste non erano disponibili fino 10 anni fa. Ora possiamo tracciare (quasi) tutto. • Sviluppo delle reti sociali. Le reti sociali non sono una novità, ma negli ultimi anni hanno completamente trasformato la vita delle persone e delle imprese. Il passa-parola è molto più potente. • Fusione tra marketing e tecnologia. Oggi sono a disposizione moltissimi software e piattaforme che automatizzano quei task che prima impegnavano molte ore. La marketing automation è (una parte di) futuro.
  27. 27. Non solo digitale…
  28. 28. Una check-list prima di partire • Creatività. Non sono necessari grossi budget di marketing per pensare “out of the box”. Anche piccole aziende possono utilizzare tecniche “guerrilla” per competere con aziende più grandi. Tutto ciò che incentiva le persone a scoprire quello che fate è creatività: dai banner, ai video, alle storie, tutorial, blog, campioni di prova, e così via. • Network. Il passa-parola è la più potente delle leve ed è essenziale quando i budget sono all’osso. Diffondete la voce partendo dai vostri contatti e iniziate a costruire il brand con il passa-parola. Le interazioni reali sono molto più efficaci dei like sui social media. Costruitevi una credibilità dentro e fuori la rete. Trovate i luoghi dove fare networking, come eventi, coworking, roadshow, ecc.  • Visibilità. I social media sono fondamentali per dare informazioni ai clienti. Considerate Facebook, Instagram, Linkedin per popolare la community online. Analizzate le funzionalità che possono fare al caso vostro. Valutate la presenza nei portali intermediari a seconda del settore (es. Tripadvisor, Amazon, Yelp, Behance…). Considerate le partnership con altri piccoli business per aumentare la rete contatti e trovare nuovi canali distributivi.
  29. 29. Tre libri da cui nascono i contenuti di questo laboratorio
  30. 30. ZERO BUDGET GAME
  31. 31. Gara di idee • FORMATE 4 TEAM DA 3 o 4 PERSONE • L’obiettivo è elaborare una strategia per acquisire nuovi contatti e clienti utilizzando l’approccio “zero-budget”: creatività ed astuzia contano più dei soldi! • Nelle 4 ore a vostra disposizione dovrete elaborare la strategia creativa per il progetto imprenditoriale. Potete anche proseguire, se volete, durante la settimana (vostra scelta). • Il venerdì seguente sarete chiamati a presentare la vostra strategia.
  32. 32. Il caso: Trad Up • Trad Up è un’agenzia di traduzioni multilingue che opera tramite un portale online. Le traduzioni vengono effettuate da traduttori freelance “remoti” iscritti alla piattaforma. I clienti sottopongono i progetti da tradurre nel portale. Il business model di Trad Up è basato su una % di transazione dai progetti tradotti. • Dovrete elaborare una strategia creativa per aumentare il giro d’affari di Trad Up, aumentando più possibile il network dai due lati (traduttori e committenti) e i progetti realizzati tramite piattaforma. • Il budget a vostra disposizione è molto limitato, come una vera startup!
  33. 33. Appunti • Portatevi l’occorrente per lavorare: computer, fogli, post-it, pennarelli…tutto ciò che vi serve per stimolare la creatività! • Io sarò a disposizione per informazioni e consigli durante le ore di lavoro, sabato. • Chi vuole, può affinare o proseguire il lavoro anche fuori dall’aula, in piena autonomia.
  34. 34. Venerdì 5: le presentazioni • Ogni gruppo avrà a disposizione circa 20 minuti per presentare la propria strategia, nella modalità che ritiene più efficace. • Valutazione: al termine della presentazione di ciascuno, gli altri team daranno il proprio giudizio sulla strategia. • Lo stesso farò io, ma rivelerò la mia votazione soltanto alla fine, potendo quindi ribaltare il risultato :-)
  35. 35. Parametri di valutazione • Creatività • Costi • Capacità di raggiungere l’obiettivo • Presentazione (Scala da 1 a 10)
  36. 36. Buon lavoro!
  37. 37. www.simonemoriconi.com

×