Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Rendere visibile la nostra azienda sul Web. Local search, google my business, seo e un po’ di storia di google 1° parte

1,286 views

Published on

Rendere visibile la nostra azienda sul web. local search, google my business, seo e un po’ di storia di google 1° parte.
Capire come funziona il più importante motore di ricerca e come si è evoluto negli ultimi anni al fine di essere presenti e visibili su Internet (soprattutto localmente) avendo chiari i fondamenti della Seo.
Le nuove opportunità offerte da Google My Business.

Published in: Marketing
  • Login to see the comments

Rendere visibile la nostra azienda sul Web. Local search, google my business, seo e un po’ di storia di google 1° parte

  1. 1. Rendere visibile la nostra azienda sul Web. Local search, Google My Business, Seo e un po’ di storia di Google. Luglio 2015-PARTE 1° Michele Zecchini
  2. 2. Obiettivo • Capire come funziona il più importante motore di ricerca e come si è evoluto negli ultimi anni al fine di essere presenti e visibili su Internet (soprattutto localmente) avendo chiari i fondamenti della Seo. • Le nuove opportunità offerte da Google My Business.
  3. 3. Guest post Matt Cutts è un noto ed influente ingegnere di Google che dirige la sezione anti spam e attraverso il suo Blog suggerisce le linee da seguire. (Video del 20 maggio 2014)
  4. 4. Cosa sono i «Guest post»? Sono un’azienda che produce scarpe e mi accordo con una blogger che parla di nuove tendenze dell’abbigliamento…ti chiedo di ospitare un mio editoriale, un mio post…un mio articolo o un widget. Sempre in gennaio se la prende con gli Italiani, (http://blog.tagliaerbe.com/2014/03/penalizzazione-link- innaturali-italia.html) non esagerate! Siti che sono stati penalizzati ed è Google che decide!
  5. 5. Che tipi di link sono considerati come nocivi da Google? Google ha pubblicato delle linee guida e dei criteri da rispettare. Link che puntano al tuo sito «_La nostra posizione sui link che puntano al tuo sito non è cambiata: partecipare a schemi di link e principalmente all'acquisto di link che passano PageRank al fine di influenzare i risultati dei motori di ricerca è ancora contro le nostre linee guida . Abbiamo recentemente pubblicato un video su come definiamo i nostri criteri per link a pagamento per aiutarvi a capire meglio queste linee guida._» Link «nocivi»
  6. 6. Che tipi di link sono considerati come nocivi da Google? Google ha pubblicato delle linee guida e dei criteri da rispettare. Link che puntano al tuo sito «_Nel contesto italiano, il linking a pagamento avviene storicamente attraverso iniziative di article marketing e guest blogging. Per illustrare il tipo di linking a pagamento che abbiamo osservato nel mercato, abbiamo creato un esempio fittizio qui sotto. In questo esempio, abbiamo evidenziato i link con testo altamente ottimizzato, da considerare aperti al PageRank a scopo esemplificativo._» Link «nocivi»
  7. 7. Che tipi di link sono considerati come nocivi da Google? Link che puntano al tuo sito Link «nocivi»
  8. 8. Che tipi di link sono considerati come nocivi da Google? Link che puntano al tuo sito «_Abbiamo già comunicato il nostro pensiero sulle strategie di article marketing e link building in passato. Link provenienti da questo tipo di articoli e da link directory sono spesso considerati come non organici. Abbiamo fornito maggiori dettagli in questo video._» Matt Cutts ha affrontato la natura e l’utilizzo del guest blogging in un recente post sul proprio blog “Il declino e la caduta del guest blogging SEO” .In questo articolo Matt descrive come l’attività di guest blogging abbia subito una evoluzione negli ultimi anni da attività di tutto rispetto ad uno sforzo piuttosto chiaro diretto all’acquisto di link per acquisire PageRank aprendo la porta alla creazione di contenuti di bassa qualità. Link «nocivi»
  9. 9. Che tipi di link sono considerati come nocivi da Google? Link dal tuo sito diretti ad altri siti «_Vorremmo ricordare che per quanto riguarda i link in uscita dal tuo sito o blog, tecniche come la vendita di link per influenzare il PageRank sono sempre in violazione delle nostre linee guida. Non è difficile trovare blog italiani che ospitano link altamente ottimizzati a siti terzi, sia attraverso articoli ospitati (guest blogging) che tramite l'uso di widget contenenti tali link. Siamo consapevoli che questi articoli o widget potrebbero essere ospitati senza cattive intenzioni da parte del proprietario del sito. Nonostante ciò, questi link creati per il solo scopo manipolare il posizionamento di un sito, ottenuti attraverso un widget scaricabile o un frammento di codice incorporabile, non rispettano le nostre istruzioni per i webmaster._» https://sites.google.com/site/webmasterhelpforum/it/it-posts/link-innaturali-in-italia-e- richieste-di-riconsiderazione Link «nocivi»
  10. 10. Keyword stuffing Dal 2003 con cadenza annuale Google introduce dei miglioramenti- aggiornamenti al suo algoritmo con cui mira a darci i risultati più pertinenti possibile alle nostre ricerche e con i quali (proprio per questo) tende a punire le “scorrettezze”. Es. fino al 2003 con tecniche di Keyword stuffing (imbottire di parole chiave) si poteva migliorare moltissimo la posizione del proprio sito, poi è arrivato l’aggiornamento “Florida”. Def. di Google: Uso di parole chiave in eccesso «L'uso di parole chiave in eccesso è una pratica che consiste nel sovraccaricare una pagina web di parole chiave o numeri nel tentativo di modificare il posizionamento di un sito nei risultati di ricerca di Google.» Tecniche controproducenti
  11. 11. Keyword stuffing «Spesso tali parole chiave appaiono in un elenco o in un gruppo oppure fuori contesto (non sotto forma di frasi naturali). Riempire le pagine con parole chiave o numeri comporta un peggioramento dell'esperienza utente e può incidere sul posizionamento del tuo sito. Cerca di creare contenuti utili e ricchi di informazioni che utilizzino le parole chiave in modo appropriato e nel contesto. Tra gli esempi di parole chiave in eccesso vi sono: Elenchi di numeri di telefono senza un sostanziale valore aggiunto. Blocchi di testo che elencano città e stati per cui si sta tentando di posizionare una pagina web. Ripetizione delle stesse parole o frasi così spesso che suonano innaturali». Tecniche controproducenti
  12. 12. Keyword stuffing ESEMPIO «Vendiamo umidificatori per sigari personalizzati. I nostri umidificatori per sigari personalizzati sono artigianali. Se stai pensando di acquistare un umidificatore per sigari personalizzato, contatta i nostri specialisti di umidificatori per sigari personalizzati all'indirizzo umidificatori.sigari.personalizzati@example.com.» Tecniche controproducenti
  13. 13. False directory Ci ricordiamo l’esistenza in passato delle Directory? Quei siti composti esclusivamente da link ad altri siti ma privi di un valore organico e interessante. Praticamente il corrispondente dell’attuale «tecnica» di «piacersi» vicendevolmente su pagine Facebook create appositamente. Che valore potranno mai avere in concreto i 1000 Like così ottenuti? Nel 2006 arriva «Jagger» un aggiornamento dell’algoritmo di Google che colpisce tale pratica e mira anche a penalizzare la pratica scorretta di scambiarsi link reciproci tra siti di bassa qualità come pure la creazione di centinaia di blog falsi da infarcire di link al proprio sito. Qualità non quantità! Tecniche controproducenti
  14. 14. Questo brevissimo excursus nella storia di Google ci aiuta a capire quanto la materia sia complessa e quanto occorra seguire i dettami che ci fornisce questo motore di ricerca. Se non procediamo «correttamente» non potremo mai ottenere i risultati di visibilità a cui aspiriamo. Arriviamo ai giorni nostri e alla grande importanza della c.d. Local Search Local Search
  15. 15. Nell’estate del 2014 arriva il Piccione… Google Pigeon Local Search Il piccione (non è il nome ufficiale di Google) è stato così chiamato per la stanzialità dell’animale e per la sua capacità di ritornare sempre a casa. Questa variazione dell’algoritmo incide pesantemente sulla distanza-pertinenza soprattutto per gli utenti in mobilità. Trattasi in questo caso di una miglioria e non di una punizione verso pratiche scorrette e “furbette” di cui abbiamo già parlato. Local search: se io cerco specialmente da mobile (smartphone-tablet ecc) non c’è più bisogno di scrivere ristorante indiano padova… E vengono mostrate le foto dei luoghi, le attività vicine e quelle consigliate, con tanto di recensioni e questo più attività ci sono in loco e più il raggio è corto. Ovviamente il tutto si integra con gli altri strumenti di Google, Google maps, Google+ ecc di cui parleremo a breve.
  16. 16. Local Search
  17. 17. Local Search
  18. 18. Local Search Sempre nell’estate del 2014 (era nato nel 2011) termina una «funzione» molto amata dagli esperti Seo: Google Authorship . Era quella funzione che permetteva ad un autore di identificarsi (aumentare la credibilità) e verificare la paternità di un suo articolo collegando il profilo Google Plus. Inoltre il suo volto e la sua firma apparivano all’interno dei risultati di ricerca, rafforzando così la sua presenza individuale sul web e quindi ai fini Seo. Perché Google ha rinunciato a questa funzione? Perchè pare che non sia poi così utile, distrae e soprattutto disturba nella visualizzazione su cellulare.
  19. 19. A settembre 2014 arriva il Panda… Google Panda Local Search O meglio arriva l’ultimo aggiornamento di questo algoritmo (27° aggiornamento dal 2011) che ha inciso profondamente su quello che il motore di ricerca considera di bassa qualità. E su quali criteri? Analizzando il comportamento degli utenti: fermandoci alla prima pagina della Serp che cosa penserà Google se Tizio (e altri migliaia come lui) clicca sul primo risultato, esce subito dal sito e si sofferma a lungo a visitare il terzo? Quindi Tasso di Rimbalzo, tempo di permanenza nel sito e poi contenuti non originali (o troppo scarni) o soffocati dalla pubblicità. Con questo aggiornamento Google tiene addirittura conto di quanto gli utenti ritornino, anche dopo vari giorni, su un determinato sito ecc.
  20. 20. In ottobre 2014 arriva il Pinguino Google Penguin Local Search O meglio arriva l’ultimo aggiornamento di questo algoritmo che va a punire i siti che hanno guadagnato posizioni con procedure non corrette tipo parole chiave inserite in modo forzato o link artificiosi (link building) presenti in altri siti che puntano al nostro.
  21. 21. A fine 2014 è giunto l’ultimo aggiornamento del…Colibrì Google Hummingbird Local Search
  22. 22. A fine 2014 è giunto l’ultimo aggiornamento del…Colibrì Google Hummingbird Questa innovazione porterà Google a tramutarsi (ma è già così per molti aspetti) da motore di ricerca a motore di risposta con grande attenzione al mobile. (nel senso soprattutto che il sito deve essere RESPONSIVE! Verifica con webmasters tools! Non devo fare lo zoom con le dita…deve essere già perfetto! A breve Google metterà un etichetta accanto ai siti con indicato «MOBILE FRIENDLY» MOTORE «PREDITTIVO» Local Search
  23. 23. A fine 2014 è giunto l’ultimo aggiornamento del…Colibrì-Google Hummingbird MOTORE «PREDITTIVO»? Nel senso (e lo vedremo con Google Now) che a volte non devo neppure entrare nel sito…che tempo farà domani? Oppure prenoto il ristorante direttamente dalla pagine dei risultati! Local Search
  24. 24. Local Search Link building e Local Search Che cos’è la Link building? Iniziamo con una metafora. Il proprietario di un nuovo ristorante ha interesse ad affiggere ed installare manifesti e cartelli stradali lungo le strade della città e della regione per pubblicizzare la sua attività. Più cartelloni e manifesti collocati nei posti giusti (non a 500 km e non in luoghi poco frequentati o degradati) ci saranno, più potenziali avventori saranno “veicolati”-invogliati a provare il locale. Bene, parlando in ottica Web-SEO il nostro sito (ristorante) tanto sarà meglio posizionato nei risultati di ricerca quanti più “segnalazioni” cioè link di altri siti punteranno al nostro. Questo dipende da noi direttamente(“manifesti e cartellonistica”) ma anche molto da quanto riusciamo a “stimolare” altri a segnalarci. COME? Alla luce degli ultimi aggiornamenti degli algoritmi di cui sopra e senza incorrere nelle penalizzazioni di Google?
  25. 25. Local Search Link building e Local Search Infografica tratta da www.webinfermento.it
  26. 26. Local Search Link building e Local Search Come procurarci backlink di qualità che non ci penalizzino? Con un Blog; o aprirne uno o sfruttando quelli di altri, anche organizzando eventi, degustazioni. Con Infografiche di qualità e interessanti. Esistono ormai strumenti online che ci aiutano molto in questo senso. Qui alcuni strumenti gratuiti: Google, Piktochart, Infogram Ed alcuni esempi:
  27. 27. Local Search Link building e Local Search Come procurarci backlink di qualità che non ci penalizzino?
  28. 28. Local Search Link building e Local Search Come procurarci backlink di qualità che non ci penalizzino? Guest post di qualità Per es. chiedo ad un blog famoso e molto frequentato dedicato al turismo sul Conero di ospitare un mio articolo in cui “velatamente” pubblicizzo il mio nuovo agriturismo a Sirolo…ma ovviamente dovrà essere scritto bene e fornire informazioni non banali…per esempio le visite guidate in mtb ad un castello non molto conosciuto ma con importante storia medioevale…baluardo contro le invasioni dei pirati ecc Webinar, e-book e guide Premi e contest che sicuramente aiutano a migliorare l’immagine e la “simpatia” per l’azienda , incentivano l’acquisto e permettono la fidelizzazione del cliente anche perché rappresentano un modo per raccogliere i dati dei clienti.
  29. 29. Local Search Link building e Local Search Come procurarci backlink di qualità che non ci penalizzino? Per esempio: esiste un portale che incentiva il turismo in Australia Questa la pagina facebook, parliamo di 1,2 Ml di Like tenendo presente che l’Australia ha solo 23 milioni di abitanti. Ai primordi di Facebook nel 2010 ha organizzato un concorso “Il lavoro più bello del mondo”. Per partecipare occorreva inviare un video di un minuto in cui si spiegava perché si sarebbe dovuti essere scelti. In palio un lavoro come “guardiano” di una parte della barriera corallina e un ottimo stipendio annuale. Risultato, un successo enorme, 30.000 video inviati e un successo mediatico (televisione, stampa, blogger ecc) strepitoso anche per il tema del posto di lavoro in palio che ha portato all’azienda un incremento d’affari che la ha ripagata di 1.000 volte le spese sostenute.
  30. 30. Local Search Link building e Local Search Come procurarci backlink di qualità che non ci penalizzino?
  31. 31. Local Search Per quanto riguarda poi la presenza sui Social ai fini della «Visibilità» non è fondamentale ai fini strettamente Seo anche se ci “aiuta” sempre più; In teoria Google afferma di non riuscire a “leggere” ed indicizzare i contenuti di Facebook ma questa affermazione è legata a questioni commerciali e comunque nei fatti è vero solo in parte perché comunque oltre ai profili appaiono sempre più spesso anche i post. Per quanto riguarda Twitter nel febbraio del 2015 ha stretto un accordo con Google. In pratica, usando il motore di ricerca di Google saranno visualizzati i "tweet" e non solo i profili degli utenti Twitter. I due gruppi avevano già stretto una patnership 5 anni fa ma dopo la scadenza Twitter firmò un'intesa con Microsoft, a cui avrebbe fornito al motore di ricerca di Microsoft (Bing) dati legati a "tweet". Perché questo interesse? Perché il maggiore motore di ricerca ha interesse ad accedere all’enorme flusso di informazioni che può estrapolare dai 9000 ! cinguetti che nel mondo vengono postati ogni secondo. Fondamentale la presenza su Google Plus per evidenti motivi e ora vedremo come procedere
  32. 32. Local Search Per Local search intendiamo la possibilità e gli strumenti che permettono di promuoverci (posizionarci) localmente; interessa attività, aziende, negozi che hanno interessi geograficamente ristretti. Se sono la Ferrero il mio raggio d’azione è il pianeta, se sono un professionista o un ristorante o una ferramenta di Padova non mi interesserà essere visibile a Catania ma mi dovrò impegnare ad essere conosciuto in zona o almeno principalmente nel raggio di per es. 50 km.
  33. 33. Local Search PERCHE’ è cosi importante la Local Search? Fonte Google. Info qui
  34. 34. Local Search PERCHE’ è cosi importante la Local Search? Fonte Google. Info qui Perché ben 4 consumatori su 5 quando fanno ricerche su Google hanno un interesse LOCALE, orari di apertura, il percorso per arrivare a quell’esercizio, dove trovare quel prodotto o servizio . Inoltre da questa ricerca commissionata da Google emerge che (dati 2014…il sorpasso) il 56% esegue questa ricerca da mobile (smartphone per es). E questo è facilmente comprensibile…se sono in mobilità uso ovviamente dispositivi portatili ed è facile che stia cercando qualcosa (sono in macchina e cerco un ristorante od un meccanico.
  35. 35. Local Search PERCHE’ è cosi importante la Local Search? Fonte Google. Info qui Altro dato importantissimo che emerge da questa ricerca è che la metà di coloro che hanno effettuato una ricerca mediamente visita il negozio entro 1 giorno! Ed il 76% di questi compra entro un giorno!! Altra considerazione è come già accennato l’importanza che il nostro sito sia perfettamente “responsive” cioè correttamente navigabile su tablet e smartphone.
  36. 36. Local Search PERCHE’ è cosi importante la Local Search? Fonte Google. Info qui E cosa cercano questi utenti? Indirizzo, il tipo di attività che risponde ai loro bisogni, numero di telefono, orari di apertura, indicazioni topografiche ecc.
  37. 37. Local Search PERCHE’ è cosi importante la Local Search? Fonte Google. Info qui Per certe categorie ovviamente il tasso di conversione sarà più alto. Se cerco «MECCANICO» in mobilità a Este probabilmente sarà perché ne ho bisogno nell’immediato, così come per il dentista. Certo che se non compaio nelle mappe sarà un po’ difficile che qualcuno venga da me, magari occasionalmente per poi apprezzare la mia professionalità e diventare mio cliente affezionato.
  38. 38. Local Search PERCHE’ è cosi importante la Local Search? Fonte Google. Info qui Prima del 2007 non esisteva nulla di tutto questo, cioè i risultati del motore di ricerca si limitavano ad un mero elenco di siti. Nel 2007 Google introduce una grandissima innovazione: le ricerche comprenderanno anche i risultati provenienti dalle notizie, immagini, ricerca locale, libri, video, blog ecc e oggi sempre più anche dai Social Poi nel 2012 arriva Google Venice Update (aggiornamento dell’algoritmo) con il quale viene data molta più rilevanza alla localizzazione dei risultati, a prescindere dall’immissione del nome della città e addirittura senza essere loggati. Poi nel 2014 è arrivato il “piccione” di cui abbiamo già parlato.
  39. 39. Local Search Premessa nel 2011 Google dopo vari esperimenti e fallimenti introduce Google Plus (+), il suo social network. Perché? Perché è preoccupato dal dilagare di Facebook . Nella classifica dei siti più visitati al mondo Facebook è secondo , dopo Google appunto e prima di Youtube. E attraverso Facebook possiamo anche eseguire ricerche, sponsorizzare le nostre attività, vendere ecc. ecc. Nel 2014 nasce Google My Business, (ex Google Places) nuova risorsa Google per la gestione integrata del proprio brand: con Google My Business è possibile gestire mappe, pagine personali e aziendali fare videoconferenze, analizzera i dati di traffico ecc. direttamente nella propria pagina di Google+. GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  40. 40. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS In pratica tramite questa piattaforma si possono fondere le pagine di Local, le mappe e Google+ per le aziende. Qui il video di presentazione.
  41. 41. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Preliminarmente, per chi non si fosse mai approcciato al mondo “Social” di Google riassumiamo brevemente come entrare in G+: Da qualsiasi browser digitando www.google.it si visualizzerà questa schermata e avendo un indirizzo di posta elettronica di Google (tipo mario.rossi@gmail.com) ACCEDEREMO al nostro “universo” Google.
  42. 42. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Una volta “Loggati” potremo entrare a leggere le e-mail o curare il nostro profilo o pagina su G+.
  43. 43. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Altrimenti da qui si può entrare per la prima volta in Google My Business
  44. 44. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Piccola digressione, stiamo parlando di servizi Google per le aziende con un occhio al risparmio (pagina My Business invece del sito…), bene, ricordiamoci che con un canone di € 4,00 al mese Google ci permette di avere la versione professionale di Gmail con una miriade di servizi, tra cui la mail personalizzata aziendale e l’alternativa al pacchetto Office* Cloud. Qui il link diretto a Google Apps for Work che include: • Indirizzi email aziendali (nome@tuaazienda.it) • Chiamate video e vocali • Calendari online integrati • 30 GB di spazio di archiviazione online per la sincronizzazione e la condivisione dei file • *Documenti di testo, fogli di lavoro e presentazioni online • Siti di progetto facili da creare • Controlli di sicurezza e amministrazione • Assistenza telefonica e via email 24 ore su 24, 7 giorni su 7
  45. 45. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Ricordiamo che un tempo in base ad accordi con Seat Pagine Gialle o anche autonomamente Google ha inserito storicamente nelle proprie mappe molte aziende, professionisti, servizi ecc Ricerca «DENTISTI» (eseguita a Este-Pd) Cosa mi appare nella pagina dei risultati di ricerca?
  46. 46. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  47. 47. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Analizziamo la Serp: ho cercato dentista. Google sa che mi collego da Este. E’ un settore questo molto inflazionato e quindi troverò i primi 3 risultati sponsorizzati e vari altri nel riquadro a destra. • La mappa dei dentisti • Pagine gialle • Notizie (news) che riguardano i dentisti • E poi coloro che si sono registrati su Google Maps e che hanno un profilo su Google Plus! Con alcune accortezze che spiegheremo di seguito potremo anche tentare di avere un riquadro sulla destra (GRATIS!) anche senza avere un sito con foto, info su tariffario ecc.…ecco l’importanza di Google My Business! NB: qui l’immagine della Serp è stata semplificata per esigenze di visualizzazione.
  48. 48. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Posso anche eseguire una ricerca su Maps...ma devo entrarci appositamente ed inoltre tale ricerca è abbastanza sterile se poi il dentista non ha una pagina sul Web.
  49. 49. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS In generale come tentare di comparire tra i primi risultati di Google maps? • Rispondere a ogni recensione che ci viene fatta ma soprattutto cercare di "intercettare" tutti i siti in cui vengono menzionati i nostri concorrenti in modo da cercare di comparirci anche noi rafforzando la forza del nostro brand. In questo modo raggiungerò più autorevolezza agli occhi di Google, quindi più risultati che mi riguardano nella Serp. • Compilare con attenzione e meticolosità i nostri dati sulla scheda di Google My Business.
  50. 50. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS In generale come tentare di comparire tra i primi risultati di Google maps? (Chi recensisce i miei concorrenti?) Come procedere nella pratica usando semplicemente la «sintassi» delle ricerche di Google? (per un’analisi molto più approfondita si veda SEMRUSH e SIMILARWEB) Esempio: ho aperto un nuovo prestigioso hotel a 5 stelle a Venezia e voglio tentare di farmi recensire dagli stessi soggetti che menzionano il celeberrimo Hotel Danieli. Come query scriverò fra virgolette il nome dell’azienda ed escluderò (con il segno meno davanti al dominio) il suo sito. "hotel Danieli" -hoteldanieli.it -danielihotelvenice.com
  51. 51. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS In generale come tentare di comparire tra i primi risultati di Google maps? (Chi recensisce i miei concorrenti?) Attenzione che hoteledanieli.it è di Caorle!!!
  52. 52. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Se ho già un profilo personale su Google+ accedo da qui:
  53. 53. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Altrimenti per entrare ex novo vado su Google My Business, cerco se la mia attività esiste, Se non c’è la inserisco dal nulla, se invece esiste già posso rivendicarla. In che senso esiste già? Per esempio era di un altro proprietario o comunque Google ce la già “censita” nel suo database in base a quanto appena premesso.
  54. 54. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  55. 55. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS E come fa Google ad essere sicuro che io sia il titolare reale? Domattina mi sveglio e rivendico la “proprietà” sulle mappe dell’Hotel Danieli di Venezia? Tramite cartolina postale con nostro nome di riferimento che comunicheremo a Google (codice di verifica) nel giro di una quindicina di giorni o tramite telefono. Nel frattempo noi possiamo continuare a lavorare sulla nostra pagina ma non sarà pubblicata fino alla verifica. La battuta sul prestigioso Hotel di Venezia ci offre l’occasione di ricordare che da poco tempo è possibile anche sponsorizzare la propria attività direttamente sulla Mappe:
  56. 56. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  57. 57. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Nel primo approccio a MyBusiness, Google ci chiede di fare una scelta: in sintesi ci pone davanti ad una tripartizione. Due Local e una no (=Brand). Esercizio pubblico (un tempo “Vetrina”) si intende quelle attività atte a ricevere pubblico. Ha un indirizzo fisico e appare sulle mappe. Area coperta dal servizio tutti coloro che offrono servizi a domicilio. Ha un indirizzo fisico e appare sulle mappe. Brand (un tempo “Marca”) prodotto, squadra sportiva, organizzazioni, artisti e altri gruppi o singole persone possono creare pagine Google+ per raggiungere followers, fans e clienti su Google. Queste pagine non contemplano un indirizzo o altre informazioni sulla sede fisica e non appariranno quindi su Google Maps.
  58. 58. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  59. 59. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS In pratica, qual’è la grandissima opportunità rappresentata da MyBusiness? Un tempo la pensione 2 stelle della splendida comunità montana di xxx quali risorse e possibilità aveva di farsi conoscere sul web? Certamente non risorse per farsi fare un sito e cimentarsi in campagne pubblicitarie Adwords… Ora invece il gestore durante la stagione di “magra” si mette al pc e con un po’ di pazienza e perizia riesce comunque ad apparire sulle mappe e perché no a farsi una paginetta Google + in cui mostrare le foto delle sue modeste ma accoglienti camere con stube in maiolica ;-)
  60. 60. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Se appunto non siamo già presenti nelle mappe ci inseriamo indicando i nostri dati, in particolare poniamo attenzione a Descrizione dell’attività deve essere ragionata, possibilmente in ottica Seo con parole chiave nell’ambito di un discorso organico. Presentiamoci o spieghiamo la nostra attività aggiungendo anche un link al nostro sito. Possiamo anche usare la formattazione (sottolineato, grassetto ecc.) per dare maggior enfasi. Categoria merceologica onestà e verità senza aggettivazioni. NO a Agriturismo romantico, Consulente del lavoro low cost, Albergo economico ma Agriturismo Conero, Consulente del lavoro Padova, Albergo 3 stelle! Attenzione perché Google plus potrebbe bloccare la registrazione nel caso di enfatizzata autopromozione. Orari di apertura  scriviamoli con pazienza giorno per giorno anche perché poi quando un utente va a visitare la pagina se avete fatto confusione gli appare CHIUSO quando magari è aperto!
  61. 61. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Se appunto non siamo già presenti nelle mappe ci inseriamo indicando i nostri dati, in particolare poniamo attenzione a Non molti sanno della possibilità di ingaggiare un fotografo «certificato» Google per le foto di presentazione della nostra azienda, negozio, showroom ecc. A questo indirizzo ufficiale è possibile capire le potenzialità del servizio «Business View» , in pratica è la tecnologia di Street View applicata all’interno (ma anche all’esterno) di locali con la possibilità di una visione a 360°. Questa «vista» è poi ovviamente incorporabile se lo si desidera nel proprio sito web. Ricordiamo che esistono anche servizi gratuiti che partendo da nostre foto ci permettono di arrivare a risultati simili ma sicuramente non altrettanto professionali. Vedi per es: www.dermandar.com con cui io mi sono trovato molto bene.
  62. 62. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  63. 63. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Se appunto non siamo già presenti nelle mappe ci inseriamo indicando i nostri dati, in particolare poniamo attenzione a: • Link al sito e telefono • E’ molto importante che questi dati (quelli strettamente anagrafici come il nome, l'indirizzo e il telefono) siano sempre uguali tra loro sulle varie piattaforme e profili e siti, cioè siano sempre “omogenei” tra loro. In generale si parla di NAP=“Nome, Adress, Phone”
  64. 64. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  65. 65. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Importante scegliere una foto di copertina che ci rappresenti e che deve avere precise dimensioni. Le dimensioni consigliate sono 1080 x 608 pixel. La dimensione minima consentita per le foto è 480 x 270 pixel, la dimensione massima è 2120 x 1192 pixel. Per quanto riguarda la foto del profilo, quella circolare in alto a sinistra la grandezza ottimale è 250 x 250 .
  66. 66. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  67. 67. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS In generale, ricordiamo i due passaggi fondamentali 1) Verifica e immissione (tramite cartolina postale…e inserimento codice) della nostra attività sulle mappe 2) Collegamento della pagina aziendale Google + al nostro sito, importante per il posizionamento.
  68. 68. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Questa la procedura, se non si è in grado basta rivolgersi al proprio webmaster. Operazione di 2 minuti..
  69. 69. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Questa la procedura, se non si è in grado basta rivolgersi al proprio webmaster. Operazione di 2 minuti..
  70. 70. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Google + è il social network di Google, come ormai abbiamo capito, ed è molto più facile ed intuitivo di Facebook. Ci serve perché essendo una propaggine del principale motore di ricerca i suoi contenuti sono prontamente indicizzati da Google. Quindi strumento indispensabile ai fini SEO ! Infatti viene più propriamente definito Social layer nel senso di sistema di azioni “social” integrati nell’ecosistema dei servizi Google. L’ex amministratore delegato di Google ha parlato di “Motore d’identità” (vedi in seguito l’articolo di Forbes al riguardo)
  71. 71. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Il consiglio è usare Google Plus (My Business) per essere presenti nelle ricerche sul motore di ricerca e sfruttare anche lo strumento Hangouts che poi vedremo e che può rivelarsi un buon strumento di marketing MA non usare questa piattaforma prettamente come Social nel senso che risultati maggiori possono essere ottenuti impiegando risorse su Social molto più “frequentati”.
  72. 72. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS
  73. 73. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Mentre Facebook connette le persone, Google+ dà molto valore ai contenuti ed è quindi uno strumento primario per il “personal branding” sia che facciamo l’idraulico o il medico, sia che siamo un esercizio pubblico od un’azienda. Claudio Gagliardini, uno dei massimi esperti italiani in materia, ha affermato: «_Su Google+ c'è più vita che in discoteca al sabato sera, ma la maggior parte degli utenti si diverte nei privè, piuttosto che in pista_» Qui l’intervista rilasciata a NinjaMarketing nel gennaio 2015 «Google+: a che cosa serve?»
  74. 74. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Hangouts Altra enorme potenzialità di Google che troviamo accessibile da G+ (ma anche da Gmail) è Hangouts software multipiattaforma di messaggistica istantanea e di VoIP (come e più di Skype) con cui è possibile anche videochiamare i nostri contatti ed instaurare videoconferenze con 10 persone contemporaneamente! Chiariamo, 9+1 persone si vedranno e interagiranno live sullo schermo ma il numero di coloro che possono seguire è ILLIMITATO se, attenzione, abbiamo preliminarmente collegato il nostro profilo G+ a Youtube! E ovviamente può trasformarsi in uno strumento di marketing per promuovere il nostro brand, realizzare webinar, customer care, tutorial, eventi ecc Una peculiarità interessante è quella di poter pianificare anche un Hangouts futuro che diventerà un “evento”. Nel senso che Google Calendar ricorderà e avviserà i nostri contatti iscritti invitandoli a partecipare (notifica 30 minuti prima).
  75. 75. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Hangouts
  76. 76. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Hangouts. Per la guida ufficiale di Google vedi questi articoli 1 e 2
  77. 77. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Google, come ordina i risultati nella Serp (Pagina dei risultati di ricerca) per quanto riguarda la ricerca locale? Con quali criteri?
  78. 78. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Ricerca GOMMISTA geolocalizzata su Este, cioè Google sa che mi sto connettendo da Este. Ma se io avessi cercato: CAMBIO PNEUMATICI?
  79. 79. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS CAMBIO PNEUMATICI?
  80. 80. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS CAMBIO PNEUMATICI? Evidentemente nessun profilo di gommisti in zona ha avuto l’accortezza di ottimizzare il sito, Google+ ecc per la parola chiave: “Cambio pneumatici” E sulla ricerca locale mi esce un sito di Udine a 190 Km! Perché? Perché ha avuto la “furbizia” di scrivere un articolo ORIGINALE con varie informazioni tecniche, legislative ecc Quali i criteri dunque?
  81. 81. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS I criteri sono: RILEVANZA, quanto un elemento è PERTINENTE con la ricerca; cerco agriturismo e saranno privilegiati le aziende con questa dicitura anche se magari potrebbero interessarmi anche le pensioni o i Bed & Breakfast VICINANZA, cioè la prossimità geografica anche nel senso di “centralità” del luogo; cerco Commercialista Roma e tendenzialmente mi uscirà prima il professionista sito in piazza di Spagna piuttosto di quello che ha lo studio a Centocelle. PROMINENZA (=importanza), vale a dire quanto Google pensa che gli utenti ritengano importante quel risultato di ricerca. In base alla completezza e qualità dei post, foto, contributi vari dell’utente (=titolare della pagina G+ aziendale) e soprattutto alle RECENSIONI ricevute che possono essere lasciate direttamente nelle mappe. Le RECENSIONI possono bypassare i “difetti” nella rilevanza-vicinanza e questo vale tanto per l’albergo, quanto per l’idraulico o la cartoleria…per capirci. Rispondere sempre, soprattutto a quelle negative! Con garbo e diplomazia. Come scrivere le recensioni, riceverle e condividerle ce lo dice la pagina ufficiale di Google
  82. 82. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Scrivere e condividere le RECENSIONI Google ci spiega: «Scrivi recensioni sui luoghi dove sei stato e condividi con gli altri la tua esperienza. Le tue recensioni verranno rese pubbliche su Google e in tutto il Web, per aiutare altri a decidere dove andare. Scrittura di una recensione Vai a plus.google.com/local ed effettua l'accesso con il tuo account Google. Cerca il luogo, quindi fai clic sul nome dell'attività per andare alla sua pagina. Fai clic sul pulsante Scrivi una recensione accanto alla foto di copertina. Esprimi la tua valutazione sui diversi aspetti del luogo applicando una scala da 1 a 5 stelle e inserisci nella casella di testo le informazioni che ritieni possano essere utili. Al termine, fai clic su Pubblica. Tutte le recensioni che scrivi saranno pubbliche e verranno attribuite al tuo nome Google+.»
  83. 83. Local Search GOOGLE PLUS E GOOGLE MY BUSINESS Scrivere e condividere le RECENSIONI «Condivisione delle recensioni: Puoi condividere con le tue cerchie tutte le recensioni che scrivi. Visita la pagina dell'attività per la quale hai scritto una recensione. Fai clic sul pulsante di condivisione in fondo alla recensione. Viene visualizzata una casella di condivisione che ti permette di aggiungere commenti e scegliere cerchie o persone con cui condividere. Fai clic su +Aggiungi altre persone, quindi seleziona una cerchia o digita il nome di persone singole con cui condividere il tuo post. Se desideri rimuovere una cerchia o una persona, fai clic sulla X accanto al nome.Quando sei pronto per pubblicare, fai clic su Condividi. Per idee su cosa scrivere nella tua recensione, consulta i nostri suggerimenti per scrivere recensioni efficaci» Citazioni (Nap di cui sopra) ; riveste particolare importanza anche quante volte e su siti il più possibile autorevoli i nostri dati vengono richiamati, per es. un blog od un portale tematico che ci cita nei suoi elenchi dei migliori locali (o professionisti ecc)
  84. 84. Local Search Ad ognuno la sua Serp. In generale dobbiamo aver ben chiari i criteri, o meglio le «tipologie» di risultati che Google ci restituisce ad una nostra «query». Cerchiamo cioè di capire che ogni utente (e sempre più) di Google visualizza risultati che possono essere nettamente diversi da quanto appare sullo schermo di un altro navigatore per la stessa ricerca! Caso classico dell'imprenditore ingenuo che loggato con il suo account Gmail vede tra i primi 10 risultati della pagina 8 che riguardano la sua azienda, comprese le foto o le recensioni di G+...che bello...sono celeberrimo!

×