2.Introduzione a Internet

  • 1,013 views
Uploaded on

Corso di Strumenti e applicazioni del Web - Università degli Studi di Milano Bicocca …

Corso di Strumenti e applicazioni del Web - Università degli Studi di Milano Bicocca
A.A.2012-13 (marzo 2013). - prof. R.Polillo
Seconda lezione
vedi anche il blog del corso http://corsow.wordpress.com

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
1,013
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6

Actions

Shares
Downloads
60
Comments
0
Likes
3

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Università degli Studi di Milano BicoccaDipartimento di Informatica, Sistemistica e ComunicazioneCorso di Strumenti e applicazioni del Web2. Introduzione aInternetRoberto Polillo Edizione 2012-13
  • 2. Premessa3  Internet e il Web sono due cose diverse: il Web è unapplicazione di Internet (altre: mail, telefonia IP, ecc.)  Non possiamo considerare il Web come una "black box", perché vogliamo capire, quando usiamo un sito:  Con quale/i organizzazione/i stiamo interagendo  Quali sono i suoi/loro obbiettivi di business  Come vengono gestiti i nostri dati R.Polillo - Marzo 2013
  • 3. Reti di computer4 R.Polillo - Marzo 2013
  • 4. Reti di computer5 Possono essere collegate fra loro R.Polillo - Marzo 2013
  • 5. Internet: una rete di reti6 Router R.Polillo - Marzo 2013
  • 6. Internet: una unica rete virtuale7 a b f c e d R.Polillo - Marzo 2013
  • 7. Internet: una rete di reti8 R.Polillo - Marzo 2013
  • 8. Il problema della comunicazione9 Come si possono far comunicare due computer connessi in rete? Sas jhgjhg hjgjhg hggh kjkl A B Informazioni per il recapito Messaggio Protocollo di comunicazione: regole e formati per il trasferimento di messaggi R.Polillo - Marzo 2013
  • 9. Tipi di protocolli10 Peer-to-peer (P2P): Richesta Risposta Client-Server: Richesta Server Client Risposta Ogni componente può svolgere ruoli diversi (con interlocutori diversi) R.Polillo - Marzo 2013
  • 10. Protocollo TCP/IP11 Le regole che governano la trasmissione di messaggi su Internet  Ogni "data stream" viene spezzettato in pacchetti di informazioni ("datagram")  Ogni pacchetto viene corredato di informazioni per la sua trasmissione, fra cui lindirizzo di mittente e destinatario  Ogni pacchetto viene inviato singolarmente e può seguire strade diverse dagli altri  "Rete a commutazione di pacchetto" ("packet switching") R.Polillo - Marzo 2013
  • 11. Scomposizione di un data stream in12 pacchetti pacchetti destinatario, mittente, ecc. Data stream Intestazione (header) dati In pratica: R.Polillo - Marzo 2013
  • 12. Livelli di protocollo13 Contenuto da trasmettere Pacchetti heade trasmessi r in rete R.Polillo - Marzo 2013
  • 13. Livelli di protocollo: esempi14 1)- Protocollo IP: per trasmettere pacchetti 2)- Protocollo TCP (Transmission Control Protocol): per trasmettere un data stream 3)- Protocollo HTTP: Protocollo FTP: Per trasmettere pagine Web Per trasmettere files Ecc. R.Polillo - Marzo 2013
  • 14. Istradamento15 Ogni datagram può seguire un cammino diverso BOOM R.Polillo - Marzo 2013
  • 15. Indirizzo IP16 Ogni elaboratore connesso a Internet è individuato da indirizzo IP (IP= Internet Protocol) 123.55.12.247
  • 16. Come è fatto un indirizzo IP17  IPv4 32 bit → 4 byte → 4 interi fra 0 e 28-1 = 255 Es.: 192.128.0.205 Indirizza 4.294.967.296 (232) nodi: troppo pochi!  IPv6 128 bit → 16 byte → 8 interi fra 0 e 216-1 Es.: ab12:34cf:0000:0000:45ae:1234:def4:0000 indirizza 2128 nodi La transizione è in corso R.Polillo - Marzo 2013
  • 17. DHCP18  Dynamic Host Configuration Protocol: protocollo che serve ad assegnare gli indirizzi IP ai nodi di una rete, affinchè siano identificabili e possano comunicare  Server DHCP: mantengono una tabella di indirizzi IP disponibili localmente  Ogni nodo chiede a un server DHCP di assegnargli un indirizzo IP (statico o dinamico) R.Polillo - Marzo 2013
  • 18. DNS: Domain Name System19  Un protocollo per dare a ogni computer connesso a internet un nome mnemonico associato a un indirizzo IP Esempio: DNS Server: venus.disco.unimib.it nome del nome del dominio mantengono tabelle computer (a più livelli) di corrispondenza fra nomi mnemonici e indirizzi IP R.Polillo - Marzo 2013
  • 19. Domain Name Space20 Root DNS servers domain . Hanno autorità su un certo dominio First com org it level domains Second level unimib rpolillo domains Third level domains disco psicologia Server venus.disco.unimib.it R.Polillo - Marzo 2013
  • 20. DNS: come funziona21 Un video (in inglese): http://bit.ly/14nb1O2 R.Polillo - Marzo 2013
  • 21. ICANN22  Internet Corporation for Assigned Names and Numbers: http://www.icann.org/  Organizzazione non-profit che coordina il sistema globale dei nomi di Internet: indirizzi IP, nomi dei protocolli, top-level domains, ecc.  A partire dal 2013 sono attivati nuovi top-level domains (molto costosi) proposti dagli utenti http://www.voanews.com/english/news/science-technology/New-Internet- Name-Rule-Opens-Door-to-Huge-Changes-124180874.html R.Polillo - Marzo 2013
  • 22. Come interpretare i contenuti informativi23 La soluzione tradizionale: nome cognome via cap città mariorossivias ar degna2720100 m ilano A B R.Polillo - Marzo 2013
  • 23. Come interpretare i contenuti informativi24 La soluzione più flessibile: A B R.Polillo - Marzo 2013
  • 24. XML: eXtensible Markup Language25 <?xml version="1.0"?> <anagrafica> <nome>mario</nome> <cognome>rossi</cognome> <indirizzo> <via>via sardegna</via> <numero>27</numero> <cap>20100</cap> <città>milano</città> </indirizzo> </anagrafica> R.Polillo - Marzo 2013
  • 25. XML: eXtensible Markup Language26 <?xml version="1.0"?> <anagrafica> <nome>mario</nome> <cognome>rossi</cognome> <indirizzo> <via>via sardegna</via> <numero>27</numero> <cap>20100</cap> <città>milano</città> </indirizzo> </anagrafica> A B R.Polillo - Marzo 2013
  • 26. Esempio27  Un documento Word: .docx: Word Microsoft Office Open XML Format  Esempio in: http://en.wikipedia.org/wiki/Microsoft_Office_XML_formats R.Polillo - Marzo 2013
  • 27. Come interpretare i contenuti informativi28 Come può il ricevente verificare che la struttura ricevuta sia "valida"? In XML: DTD (Data Type Definition), oppure XML Schema Descrizione della grammatica A B R.Polillo - Marzo 2013
  • 28. DTD: Esempio29 <!ELEMENT anagrafica (nome, cognome, indirizzo) > <!ELEMENT nome (#PCDATA)> <!ELEMENT cognome (#PCDATA)> <!ELEMENT indirizzo ( (via | piazza) , numero, cap, città) > <!ELEMENT via (#PCDATA)> <!ELEMENT numero (#PCDATA)> <!ELEMENT cap (#PCDATA)> <!ELEMENT città (#PCDATA)> R.Polillo - Marzo 2013
  • 29. Come interpretare i contenuti informativi30 Non serve inviare la DTD ad ogni messaggi: basta che questa sia nota Descrizione della grammatica A B R.Polillo - Marzo 2013
  • 30. Sintesi della lezione31  Internet è una rete di reti  Il protocollo TCP/IP suddivide il data stream in pacchetti che seguono strade diverse  I computer sono individuati da un indirizzo IP  Il DNS associa indirizzi IP a nomi mnemonici strutturati attraverso server distribuiti  XML è un metalinguaggio per definire la struttura dei messaggi fra sistemi diversi R.Polillo - Marzo 2013
  • 31. Per approfondire32  Indirizzo IP: http://it.wikipedia.org/wiki/Indirizzo_IP  TCP/IP: http://it.wikipedia.org/wiki/Suite_di_protocolli_Internet  DNS: http://it.wikipedia.org/wiki/Domain_name_system  XML: http://it.wikipedia.org/wiki/XML  XML schema: http://it.wikipedia.org/wiki/XML_Schema  Una introduzione molto introduttiva:  http://nexa.polito.it/nexafiles/ComeFunzionaInternet.pdf R.Polillo - Marzo 2013