Conoscere la poesia

  • 29,933 views
Uploaded on

introduzione alla poesia, elementi caratteristici, figure retoriche, suggerimenti per l'analisi

introduzione alla poesia, elementi caratteristici, figure retoriche, suggerimenti per l'analisi

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
29,933
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7

Actions

Shares
Downloads
160
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. La Poesia…Stile, arte e tecnica al servizio della comunicazioneè importante il contenuto di un testo; ma nellapoesia più importante e decisivo è come il poetariesce a trasmettere il proprio messaggioattraverso le immagini che è in grado disuscitare… il suono, il ritmo, la musicalità delverso. Aggiornamento: aprile 2013
  • 2. Indice degli argomenti Il verso Tipi di poesie…  SONETTO Le strofe  CANZONE la rima  BALLATA  ODE Figure retoriche Lavorare con la poesia  Esempi… indice
  • 3. Il VERSO – lunghezza in sillabe il verso di una poesia è la sua unità ritmica principale, e corrisponde grosso modo ad una riga: la lunghezza del verso si misura IN SILLABE e ne determina il ritmo il bisillabo o binario o bisillabico, verso che ha un accento ritmico sulla prima sillaba; il trisillabo o ternario accento ritmico sulla seconda sillaba; il quaternario o quadrisillabo, accenti sulla prima e sulla terza sillaba; il quinario o pentasillabo,  gli accenti ritmici cadono sulla prima o seconda sillaba e sulla quarta; il senario con accenti ritmici sulla seconda e sulla quinta; il settenario verso che ha il primo accento ritmico mobile, che può cadere su una qualsiasi delle prime quattro sillabe, mentre il secondo accento è fisso sulla sesta sillaba; l’ottonario verso con accenti sulla terza e settima sillaba; il novenario o enneasillabo: da qui in poi sono necessari tre accenti ritmici anziché due soltanto: gli accenti cadono sulla seconda, quinta e ottava sillaba; il decasillabo verso con accenti sulla terza, sesta e nona; l’endecasillabo, con un solo accento obbligato, sulla decima sillaba, gli altri due in varie posizioni (uno può addirittura mancare) indice
  • 4. Le pause cesure sono le pause nel verso Spesso segnate dalla punteggiatura Ma secco è il pruno, e le stecchite piante Di nere trame segnano il sereno Altra caratteristica l’enjambement  La frase termina nel verso successivo  Dando particolar risalto alle parole indice
  • 5. LA STROFA – numero di versi A seconda del numero di versi  2 versi – distico  3 – terzina  Come la terzina dantesca  4 – quartina  5 – cinquina  6 - sestina indice
  • 6. La RIMA La rima si ha quando le ultime parole di due o più versi hanno suoni uguali a partire dall’ultima vocale accentata. Se la rima è con una parola collocata all’interno del verso, anziché alla fine, si ha la rima interna o rimalmezzo. Ci sono poi delle “quasi rime” (rime imperfette)  l’assonanza – con vocali simili  la consonanza – consonanti simili indice
  • 7. Tipi di Rima Baciata  Un verso rima con quello successivo. Schema metrico AA BB  «Una donna salza e cànta La segue il vento e lincànta Alternata Il primo verso rima con il terzo, e il secondo con il quarto. Schema metrico ABAB, CDCD  « Lo stagno risplende. Se tàce la rana. Ma guizza un bagliore acceso smeraldo, di bràce azzurra: il martin pescatore. Incrociata Il primo verso rima con il quarto, il secondo con il terzo. Schema metrico ABBA CDDC  « Non pianger più. Torna il diletto fìglio a la tua casa. È stanco di mentìre. Vieni; usciamo. Tempo di rifiorìre. Troppo sei bianca: il volto è quasi un gìglio. Incatenata Il primo verso rima con il terzo della prima terzina, il secondo con il primo della seconda terzina, il secondo di questa rima con il primo delle terza terzina, e così via. Il miglior esempio è la terzina dantesca della Divina Commedia. Schema metrico ABA, BCB, CDC.  « Amor, chal cor gentil ratto sapprende, prese costui de la bella persona che mi fu tolta; el modo ancora moffende. Esistono poi altre rime: composta, derivativa… indice
  • 8. Esempi di rime Rima alterna o alternata: le rime si avvicendano: AB, AB, AB… Forse un mattino andando in unaria di vetro, A arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miraco(lo) B il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro A di me, con un terrore di ubriaco B  (Eugenio Montale) b. Rima incrociata: con lo schema metrico: ABBA Quant’è bella giovinezza A che si fugge tuttavia! B Chi vuol esser lieto sia: B di doman non c’è certezza. A  (Lorenzo il Magnifico, Trionfo di Bacco) indice
  • 9. Altri esempi – rima baciata c. Rima baciata: le rime sono a coppie : AA, BB, CC… Meriggiare pallido e assorto A Presso un rovente muro d’orto, A ascoltare tra i pruni e gli sterpi B schiocchi di merli, frusci di serpi B (E. Montale, Meriggiare) indice
  • 10. Rima incatenata d. Rima incatenata: versi legati in terzine a forma di catena: ABA BCB… Nel mezzo del cammin di nostra vita A Mi ritrovai per una selva oscura B Ché la diritta via era smarrita. A Ahi quanto a dir qual era è cosa dura B Esta selva selvaggia aspra e forte C Che nel pensier rinnova la paura! B (Dante, Divina Commedia) indice
  • 11. “Quasi” Rime Rima interna o rimalmezzo: Se la rima è con una parola collocata all’interno del verso. Ahi pentirommi, e spesso ma sconsolato, volgerommi indietro.  (G. Leopardi, Passero solitario) Assonanza: uguaglianza delle sole vocali a partire dall’ultima vocale accentata. che il cor si riconforta. I fanciulli gridando in frotta…  (G. Leopardi, Passero solitario) Consonanza: uguaglianza delle consonanti a partire dall’ultima vocale accentata… sentire con triste meraviglia comè tutta la vita e il suo travaglio in questo seguitare una muraglia...  (E. Montale, Meriggiare) indice
  • 12. La TERZINA (Dantesca) Una terzina è una strofa composta da tre versi. è una strofa tipica di componimenti come gli haiku, i sonetti (composti da due quartine e due terzine), le villanelle e la terza rima. La Divina Commedia di Dante è il principale esempio di opera letteraria in terzine  tipiche anche nella produzione poetica di Giovanni Pascoli, poeta del 1900 indice
  • 13. Le figure retoriche Riguardano il SIGNIFICATO del testo Servono per trasmettere, suscitare immagini, sensazioni, emozioni, sentimenti… A livello semantico, di SIGNIFICATO  Sono quelle che, grazie agli accostamenti di significato di due o più parole, di norma estranee tra di loro (trasferimento di significato), creano immagini particolarmente suggestive. A livello di suono, FONICO  Dette anche figure retoriche di ritmo: si tratta di figure che giocano sulle combinazioni sonore delle parole al fine di rappresentare con particolare espressività il ritmo dei versi. A livello MORFO–SINTATTICO (di ordine o di elocuzione) A livello LESSICALE (di scrittura/lettura/dizione)  Modificano la forma, la pronuncia delle parole (eliminazioni di una o più lettere). indice
  • 14. A livello semantico-SIGNIFICATO SIMILITUDINE come…  E’ una figura retorica basata su un paragone o confronto fra due immagini che sono collegate dall’avverbio come o simili  ... Il cuor nel petto è come pesca  intatta, tra le palpebre gli occhi  son come polle tra lerbe,  i denti negli alveoli  son come mandorle acerbe. (G. DAnnunzio, Pioggia nel pineto) METAFORA Trasferimento diretto di significato da una parola ad un’altra, collegata alla prima da una caratteristica, una proprietà, un tratto in comune (che costituisce il ponte tra le due immagini). In questo caso manca l’avverbio “come”, si salta il passaggio.  Erano i capei d’oro a l’aura sparsi… (Petrarca)  sostantivo + un complemento estraneo  Portami il girasole impazzito di luce (E. Montale)  sostantivo + aggettivo estraneo  Un mormorio pe dubitanti vertici ondeggiò (Carducci) soggetto + predicato estraneo  Fiorir sul caro viso veggo la rosa, tornano  i grandi occhi al sorriso… (U. Foscolo, All’amica risanata) La SINESTESIA E una metafora particolare, che associa termini provenienti da sfere sensoriali diverse.  Dopo il rimbombo nero e il verde scroscio, (suoni + colori)  il cielo sapre a una gran pace azzurra; (Diego Valeri, "Dopo") indice
  • 15. Livello semantico-significato La PERSONIFICAZIONE  Consiste nell’attribuire caratteri, gesti, atteggiamenti, azioni, qualità degli esseri umani, ad idee astratte (virtù, fama, fede…), ad oggetti inanimati, ad animali, a fenomeni naturali…  Nel colmo della notte, a volte, accade  che si risvegli, come un bimbo, il vento. IL RISVEGLIO DEL VENTO (Rainer Maria Rilke ANALOGIA  Quando vengono messe a confronto immagini o situazioni diverse, prive di apparente legame logico tra di loro… molto usata nella poesia moderna.  Ognuno sta solo sul cuore della terra  trafitto da un raggio di sole:  ed è subito sera. (S. Quasimodo) ALLEGORIA Il termine deriva dal greco e letteralmente significa "parlare per immagini"; essa consiste in una metafora continuata... e si estende ad un intero testo. Il poema di Dante, la Divina Commedia, rappresenta allegoricamente il cammino dell’uomo dalla condizione del peccato, alla salvezza.  Vecchierel bianco, infermo, (G. Leopardi, da Il canto notturno del pastore..)  mezzo vestito e scalzo,  Vergine luna, tale  è la vita mortale. La METONIMIA… La SINEDDOCHE…. LOSSIMORO indice
  • 16. Livello fonico LALLITTERAZIONE  Consiste nella ripetizione degli stessi fonemi nella stessa parola o in parole vicine. Leffetto dellallitterazione si riflette sui significati, creando giochi musicali, riproducendo suoni, potenziando le sensazioni e le emozioni enunciate… (vedi anche esempio per l’onomatopea)  Il tuo trillo sembra la brina  che sgrigiola, il vetro che incrina. (G. Pascoli) LONOMATOPEA Consiste nella riproduzione del suono di un oggetto, di un animale... o di unazione, attraverso la ripetizione di determinati suoni e lettere.  Il tuono  E nella notte nera come il nulla allitterazione - similitudine  a un tratto col fragor darduo dirupo allitterazione con effetto onomatopeico  che frana, il tuono rimbombò di schianto: CLIMAX ascendente  rimbombò, rimbalzò, rotolò cupo,  e tacque, e poi rimareggiò rifranto, CLIMAX discendente  e poi svanì.  (G. Pascoli) indice
  • 17. Livello morfo-sintattico-ordineRiguarda la disposizione delle parole nella poesia ANASTROFE  Inversione dell’ordine abituale delle parole in brevi parti  Tindari, mite ti so / tra larghi colli pensili…. (Quasimodo) IPERBATO  Rovesciamento del normale ordine sintattico (mettere alla fine il termine più importante) INVERSIONE  Viene capovolto lordine usuale della catena discorsiva (soggetto, predicato, complementi). …soave allora un canto // s’udì di madre, e il moto di una culla. (G. Pascoli) ANAFORA  ripetizione di una o più parole a inizio del verso o di enunciati successivi. Per me si va nella città dolente, Per me si va nelleterno dolore, Per me si va tra la perduta gente. (Dante, Divina commedia) ITERAZIONE  ripetizione allinterno del verso...Canta e canta // una canzone // sulla chitarra bianca // e canta, canta, canta. (Garçia Lorca) indice
  • 18. Sempre a proposito di ordine… ANADIPLOSI E la ripresa allinizio di un verso di una o più parole comprese in un verso precedente.  rimanti, e i rei fantasmi, oh non seguire;  i rei fantasmi che da fondi neri  de i cuor vostri... (G. Carducci, Davanti a San Guido) ANTITESI Consiste nel contrapporre parola a parola, concetto a concetto, spesso in modo simmetrico, e serve a dar maggior rilievo ad un concetto.  Tutto ei provò: la gloria // maggior dopo il periglio,  la fuga e la vittoria, // la reggia e il triste esiglio. (A. Manzoni) LENJAMBEMENT  Quando elementi di una proposizione vengono separati in due versi.  E quando dal nevoso aere inquiete  tenebre e lunghe all’universo meni  sempre scendi invocata. E le segrete  vie del mio cor soavemente tieni. (U. Foscolo, Alla sera) indice
  • 19. “lavorare” con la poesia Per “leggere” una poesia devi conoscere Il suo autore:  dati essenziali della sua vita  La corrente letteraria di appartenenza  temi ricorrenti nella sua poesia La poesia vera e propria  Titolo, raccolta, epoca, occasione, …  Il suo argomento (parla di…)  La sua struttura metrica indice
  • 20. Verso libero Dopo tutte le “istruzioni” Esiste la poesia “libera” Senza regole di verso, strofa, rima Per esprimere meglio i sentimenti indice
  • 21. Parafrasi e commento Parafrasi: consiste nel riscrivere il testo in prosa Serve un lavoro preliminare:  Semplificare e chiarire i termini (vocabolario)  Spesso ci sono riferimenti mitici, culturali…  volgere le frasi in costruzione diretta  Sogg -> predicato -> c. ogg -> altri complementi Commento un tuo giudizio personale sulla poesia  a livello semantico (significato): cogliere il messaggio che l’autore vuol comunicare  a livello estetico: immagini, sensazioni, emozioni che il poeta ti ha saputo trasmettere indice
  • 22. La BALLATA la ballata, propriamente detta, nacque nel Medioevo, ma già nellantichità alcuni suoi modi essenziali (canto, ballo, ecc.) furono testimoniati nelle opere di Omero ( Iliade, XVIII, 569-72) e di Virgilio ( Eneide, VI, 643). La ballata è un componimento dispirazione spesso amorosa indice
  • 23. Struttura della ballata Dovendo accompagnare il canto ed il ballo tondo, la ballata possedeva le sue proprie regole ritmiche: era composta da un ritornello di introduzione, seguito da una o più strofe, chiamate stanze cantate dal solista, e da un ritornello, detto ripresa Gli endecasillabi misti a settenari sono i versi maggiormente usati nella ballata le rime possono essere disposte in modo differente: regola che lultimo verso della volta faccia rima con lultimo verso della ripresa. indice
  • 24. Approfondiamo la Canzone può rimanere, come nel Canzoniere di Francesco Petrarca, indivisa oppure può dividersi in due parti le rime di regola sono disposte in modo che la chiave (il primo verso della sirma, chiamato anche diesi), faccia rima con lultimo verso della fronte. La cansòn viene considerata dai provenzali il genere lirico per eccellenza, infatti i trovatori provenzali, che erano abituati a comporre insieme le parole e la musica, consideravano inscindibile lunità di vers e son, cioè di parola e di melodia, essendo abituati ad apprendere in modo rigoroso sia a comporre in versi sia a comporre in musica. Già a partire dalla Scuola siciliana e in seguito nel Dolce Stil Novo, che si rifà alla tradizione provenzale, nel sistema dei generi romanzi la canzone è il metro per eccellenza e lo stesso Dante Alighieri, nel De vulgari eloquentia, colloca fra i generi metrici la canzone al primo posto. Le forme di canzone che costituiscono senza dubbio un modello duraturo nella tradizione italiana sono quelle di Dante e soprattutto di Petrarca, ma oltre alle canzoni petrarchesche, nellevoluzione della canzone che va dal Duecento al Trecento, esistono altre due varietà di canzone: la canzone pindarica e la canzone libera o leopardiana. La canzone pindarica ha le sue origini nel Cinquecento ed è costituita di strofe, antistrofe ed epodo come dal modello greco, dove le strofe e le antistrofe sono collegate da rime uguali e hanno lo stesso numero di versi con prevalenza, di solito, dei settenari sugli endecasillabi, mentre lepodo, che ha rime diverse è, in genere, più breve. La canzone libera o leopardiana risale ad Alessandro Guidi che compone canzoni con strofe indivise e schema molto variabile sia per il numero dei versi, sia per la struttura della strofa, conosciute con il nome di "canzoni a selva". Da questa base parte Giacomo Leopardi che, più di ogni altro, esprime questa libertà di composizione pur non dimenticando le forme della canzone petrarchesca. indice
  • 25. La Canzone La Canzone è un componimento lirico formato da un numero variabile di strofe dette stanze, (di solito 4, 5 o 6). Generalmente i versi sono endecasillabi (11) misti a settenari (7) Ogni strofa è formata da due parti, una detta fronte; laltra, chiamata coda o sirma, La cansòn viene considerata dai provenzali il genere lirico per eccellenza Anche Dante la colloca al primo posto indice
  • 26. Il sonetto Origini Forma Le strofe I versi La sua fortuna indice
  • 27. Le origini storiche Si ritiene che sia stato inventato da Jacopo da Lentini  Famoso poeta della scuola siciliana verso la metà del Duecento sulla base di una forma poetica precedente indice
  • 28. La forma del sonetto: strofe e versi È formato da 4 strofe 2 quartine (4 versi) E 2 terzine (3 versi ciascuna)  Per un totale di 8+6 versi  14 versi in tutto indice
  • 29. Curiosità sui numeri del Sonetto quartine: il numero 4 per gli uomini del tempo rappresentava la terra e la materialità con i suoi 4 punti cardinali. Le terzine: il numero 3 rappresentava la Trinità, il cielo e la perfezione. 4+3 = terra + cielo indice
  • 30. Laboratorio di Poesia Parole in libertà: su un tema di base Le rime: raccolta (rimario) Raccolta di Metafore Poesia e canzoni I poeti preferiti Dai “Baci Perugina” agli SMS indice
  • 31. indice