• Save
e-learning terza parte
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

e-learning terza parte

on

  • 937 views

e-learning: le comunità per l'apprendimento in rete

e-learning: le comunità per l'apprendimento in rete

Statistics

Views

Total Views
937
Views on SlideShare
937
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

e-learning terza parte e-learning terza parte Presentation Transcript

  • Autore: Angelo Panini 3 a PARTE LE COMMUNITA PER L’APPRENDIMENTO IN RETE E-LEARNING
    • Siti ESPRESSIVI: Offrono all’utente la possibilità di creare o condividere propri contenuti
    • Siti COLLABORATIVI: Offrono all’utente la possibilità di lavorare con altri utenti per raggiungere un obiettivo comune
    • Siti RELAZIONALI: Offrono all’utente la possibilità di presentarsi e/o identificare utenti significativi con cui iniziare una relazione di tipo personale o lavorativo
    Una caratteristica del web 2.0 sono le nuove opportunità per gli utenti di Internet di create siti con differenti tipi di finalità: I siti collaborativi originano vere e proprie comunità virtuali
  • APPRENDIMENTO COLLABORATIVO È un metodo attraverso il quale gli studenti, a vari livelli di prestazione, lavorano insieme verso un obiettivo comune condividendo le conoscenze ma suddividendo i compiti.
    • Interazione tra utenti
    • Modalità sincronica ed asincrona
    • Scambio di informazione e circolazione di idee
    Si tratta di attività in cui più soggetti, comunicando reciprocamente, assumono un atteggiamento orientato ad aiutarsi e sostenersi vicendevolmente, pur mantenendo una propria autonomia d’azione. View slide
  • Collaborare vuol dire lavorare insieme, non semplicemente scambiarsi informazioni, il che implica una condivisione di compiti, e una esplicita intenzione di ‘aggiungere valore', per creare qualcosa di nuovo o differente attraverso un processo deliberato e strutturato.
    • Per un'efficace collaborazione bisogna avere:
    • un accordo su obiettivi e valori comuni
    • autonomia di chi apprende nello scegliere
    • flessibilità nell'organizzazione del gruppo
    • senso di responsabilità per il gruppo
    • attenzione alle abilità sociali e interpersonali
    View slide
  • I vantaggi dell'apprendimento collaborativo in Rete Fattori che caratterizzano la struttura dell’ interazione Learner control Indipendenza Potere Supporto Social presenze Strutture Dialogo Feedback
  • APPRENDIMENTO COOPERATIVO l’apprendimento cooperativo è n’evoluzione dell’apprendimento collaborativo nel quale gli allievi apprendono in gruppo, lavorando insieme per il conseguimento di un obiettivo comune, senza suddividere i compiti, o suddividendoli solo se necessario per evitare eccessive complessità, In questo contesto l'apprendimento individuale è il risultato dell'attività svolta dal singolo insieme agli altri membri del gruppo.
  • Nell’apprendimento cooperativo diventa determinante l'organizzazione del lavoro attraverso la strutturazione del compito, che può essere scomposto in una serie di sottocompiti, a ciascuno dei quali può essere assegnato un sottogruppo di lavoro. Il soggetto agisce all'interno di due contesti: quello del sottogruppo di lavoro responsabile del sottocompito e quello del gruppo di lavoro responsabile dell'esecuzione dell'intero compito. La soluzione cooperativa ad un problema o un'attività presuppone il confronto e la discussione tra i componenti del gruppo. Il metodo a gruppo cooperativo viene anche indicato come uno dei metodi “a mediazione sociale”, contrapposto ad altri “a mediazione dell’insegnante”.
  • Nelle modalità “con mediazione sociale” le risorse e l’origine dell’apprendimento sono soprattutto gli allievi. Gli studenti si aiutano reciprocamente e sono corresponsabili del loro apprendimento, stabiliscono il ritmo del loro lavoro, si correggono e si valutano, sviluppano e migliorano le relazioni sociali per favorire l’apprendimento. L’insegnante diventa un facilitatore e un organizzatore dell’attività di apprendimento.
    • Cinque elementi assenziali:
    • interdipendenza positiva
    • responsabilità individuale
    • interazione costruttiva
    • relazioni interpersonali
    • valutazione del singolo e del gruppo