Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Apprendimento collaborativo con e senza computer

963 views

Published on

I Webinar CKBG "Apprendimento collaborativo con e senza computer" - 20 Gennaio 2014. Relatrice: M. Beatrice Ligorio, Università di Bari "Aldo Moro", vice-presidente CKBG

Published in: Education
  • Be the first to comment

Apprendimento collaborativo con e senza computer

  1. 1. APPRENDIMENTO COLLABORATIVO E CON E SENZA COMPUTER M. Beatrice Ligorio Università degli Studi di Bari Vice-presidente CKBG
  2. 2. PERCHE’ L’APPRENDIMENTO COLLABORATIVO?
  3. 3.  Innovazione della scuola: constatazione che i metodi tradizionali (trasmissivi) non bastano  Confronto tra pari: si apprende non solo da un esperto; comunicazione non retorica  Motivazione: meno centrazione sulla valutazione, più su reale necessità di imparare  Vantaggi sia per chi sa di più, sia per il meno esperto  Bilanciamento tra potenziamento individuale e senso del gruppo
  4. 4. COME REALIZZARE L’APPRENDIMENTO COLLABORATIVO?
  5. 5. I PRINCIPI  Evitare l’effetto «vetrina»: gli altri non sono dei «clienti» a cui far vedere cosa si è realizzato  Interdipendenza positiva: impossibilità (individuale e di gruppo) di completare il proprio compito senza il contributo degli altri. No effetto «vetrina» ma attenta progettazione dei compiti  Potenziamento individuale: impegno individuale; assegnazione di leadership e/o di ruoli
  6. 6. I PRINCIPI  Promozione dell’interazione: discussioni di gruppo per ottenere feedback e commenti, condivisione di prodotti intermedi  Formazione alle competenze collaborative: incoraggiamento alla fiducia reciproca, presa di decisione collettiva, gestione del conflitto, comunicazione efficace  Focus sul prodotto: rendere «esternalizzabile» la conoscenza
  7. 7. I METODI:   Insegnamento Reciproco (Palincsar e Brown, 1984) Il Jigsaw (Aronson, 1978)  Il Problem Solving e l’Indagine Progressiva (Hakkarainen (1998)  La comunità di apprendimento (Brown e Campione, 1990)
  8. 8. COME VALUTARE L’APPRENDIMENTO COLLABORARIVO?
  9. 9. GLI INDICATORI: Auto-valutazione  Setting: la struttura mobile e dinamica della classe; gruppi temporanei e contemporanei + attività individuali; tolleranza al «rumore»; molti strumenti contemporaneamente; auto-gestione  Prodotti collettivi: nel prodotto finale difficile rintracciare esattamente il contributo individuale. Analisi del processo per individuare il contribuito individuale  Comunicazione tra pari: gli studenti rivolgono domande ai proprio pari, riconoscendosi competenze reciprocamente
  10. 10. METODI PROPOSTI DALLA LETTERATURA  Valutazione autentica: non solo quello che si sa ma quello che si sa fare e le strategie di pensiero - pensiero critico, soluzione dei problemi, metacognizione, capacità di lavoro in gruppo, ragionamento, che include anche la «voce» dello studente (Arter & Bond,1996)  Valutazione dinamica: tiene conto dei percorsi, confronta diversi momenti, valutazione come ulteriore apprendimento, zona di sviluppo prossimale (Campione & Brown, 1985)  (E)portfolio: auto-valutazione, «folio-thinking»: capacità di riflettere sul proprio percorso, di selezionare i proprio prodotti migliori motivando la scelta, costruire una narrazione che lega i prodotti selezionati (Chen, 2004)
  11. 11. Dall’apprendimento collaborativo alla costruzione di conoscenza: Knowledge Building Community
  12. 12.  Le differenze:  Dalla apprendimento individuale all’apprendimento collettivo Dall’acquisizione di conoscenze alla trasformazione di conoscenze 
  13. 13. Scardamalia e Bereiter (1999, 2006)     La conoscenza può e deve essere modificata – «Società della conoscenza» La scuola come organizzazione che «produce» individui capaci di innovazione La classe come una comunità che costruisce conoscenza: “responsabilità collettiva” Valutazione centrata sulla capacità «trasformativa» delle idee
  14. 14. IL RUOLO DELLE TECNOLOGIE Rendono concreti i principi della costruzione di conoscenza Rendono pubbliche e tracciabili le discussioni Varietà di formati e di tempi – comunicazione asincrona più riflessiva Rendono possibile una comunicazione circolare, non esclusivamente rivolta al docente Struttura delle discussioni attraverso appositi scaffold  Interventi collegati tra di loro: Build on  Esplicitare le categorie cognitive: Thinking Types  Visualizzazione della struttura della discussione: mappa o «albero»
  15. 15. Computer Supported Intentional Learning Environment (CSILE)
  16. 16.  Knowledge Forum
  17. 17. Synergeia
  18. 18. Si può fare?      Siiiii  Molti già lo fanno senza saperlo Molte esperienze in atto anche in Italia Il CKBG nasce per diffondere queste idee e per supportarne le pratiche Idee nate per classi difficili e … «se si può fare qui, si potrà fare ovunque» (A. Brown, comunicazione personale)
  19. 19. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI ESSENZIALI  Numero speciale di Qwerty (2011) a cura di Vanin e Cucchiara, Vol. 6, n. 2 – disponibile gratuitamente su http://www.ckbg.org/qwerty/index.php/qwerty/issue/view/ 26  Cacciamani, Giannandrea (2004). La classe come comunità di apprendimento. Roma, Carocci  Ligorio (2003). Come si insegna. Come si apprende. Roma, Carocci

×