VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO
STRESS LAVORO CORRELATO
Spisal UIss 20 Verona
Dr.ssa Antonia Ballottin
Vicenza
5 luglio...
I CAMBIAMENTI IN ATTO NEL MONDO DEL LAVORO
L’Osservatorio europeo dei rischi (ERO) istituito nell’ambito dell’Agenzia
Euro...
Lo stress da lavoro correlato è tra le cause di malattia più
comunemente denunciate dai lavoratori, tanto da interessare
o...
Nel 2002 il costo economico annuale dello stress da lavoro
correlato nell’UE a 15 è stato stimato in 20.000 milioni di Eur...
Hanno partecipato 27 Stati dell’Unione europea
Intervistati
28 649 dirigenti
7226 RLS
http://www.esener.eu
I RISCHI PSICOS...
I RISCHI PSICOSOCIALI E STATISTICHE EUROPEE
INDAGINE EUROPEA TRA LE IMPRESE SUI RISCHI NUOVI ED
EMERGENTI - ESENER
Princip...
“ ASPETTI DI PROGETTAZIONE, ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL
LAVORO, E I LORO CONTESTI AMBIENTALI E SOCIALI, CHE
POTENZIALMEN...
GLI ACCORDI CON I PARTNERS EUROPEI
ACCORDO QUADRO EUROPEO SULLE
MOLESTIE E LA VIOLENZA NEL LUOGO DI
LAVORO (8/11/2007)
ACC...
La valutazione ………., deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei
lavoratori, ivi compresi quelli rigua...
VALUTAZIONE
DEL
RISCHIO
STRESS
LAVORO
CORRELATO
1. ACCORDO QUADRO EUROPEO
SULLO STRESS SUL LAVORO
(8/10/2004)
ACCORDO INTE...
(Accordo siglato da CES - sindacato Europeo; UNICE-“confindustria europea”;
UEAPME - associazione europea artigianato e PM...
Art. 1 Introduzione – c. 2
Potenzialmente lo stress può riguardare
- ogni luogo di lavoro ed ogni lavoratore,
- indipenden...
1. accrescere la consapevolezza e la comprensione dello
stress lavoro-correlato da parte dei datori di lavoro, dei
lavorat...
ART. 3 - DESCRIZIONE DELLO STRESS E
DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO
- può essere accompagnato da disturbi di natura fisica, ...
un alto assenteismo o un’elevata rotazione del personale, conflitti interpersonali o
lamentele frequenti da parte dei lavo...
Inerente al lavoro
Ruolo
nell’organizzazione
Rapporti sul lavoro
Evoluzione delle
carriere
Clima e struttura
organizzativa...
Possono essere introdotte misure collettive, individuali o di entrambi i tipi.
• come misure mirate a fattori di stress in...
INDICAZIONI METODOLOGICHE DELLA COMMISSIONE
CONSULTIVA PERMANENTE ex art. 6 D.Lgs. 81/08
(18 novembre 2010)
GUIDA OPERATIV...
Indicazioni della Commissione consultiva
per la valutazione dello stress lavoro-correlato
(articoli 6, comma 8, lettera m-...
Indicazioni della Commissione consultiva
per la valutazione dello stress lavoro-correlato
(articoli 6, comma 8, lettera m-...
INDICAZIONI COMMISSIONE CONSULTIVA :
DEFINIZIONI ED INDICAZIONI GENERALI
La valutazione del rischio stress lavoro correlat...
La valutazione si articola in due fasi:
1. VALUTAZIONE PRELIMINARE (necessaria)
Consiste nella valutazione oggettiva, comp...
Consiste nella VALUTAZIONE OGGETTIVA, COMPLESSIVA E
PARAMETRICA
• Eventi sentinella quali ad esempio: indici infortunistic...
FATTORI DI CONTENUTO DEL LAVORO
CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO
Ambiente di lavoro ed
attrezzature di lavo...
FATTORI DI CONTESTO LAVORATIVO
CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO
Funzione e cultura
organizzativa
Scarsa com...
A- QUANDO NON EMERGONO ELEMENTI DI RISCHIO
da stress lavoro-correlato tali da richiedere il ricorso ad azioni
correttive
i...
B- NEL CASO IN CUI SI RILEVINO ELEMENTI DI RISCHIO da stress
• misure organizzative sull’attività lavorativa (orario soste...
C- NEL CASO IN CUI GLI INTERVENTI CORRETTIVI SI RIVELINO INEFFICACI
si procede, nei tempi che la stessa impresa definisce ...
La valutazione approfondita prevede la valutazione
della percezione soggettiva dei lavoratori attraverso
- QUESTIONARI
- F...
VALUTAZIONE PRELIMINARE
(rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili)
ESITO NEGATIVO
RISULTATO RIPORTATO
nel DVR
PR...
ELEMENTI DA VALUTARE VALUTAZIONE
“OGGETTIVA”
VALUTAZIONE
“SOGGETTIVA”
Indicatori di effetto (“eventi sentinella”)
-indici ...
QUESTIONARI
FOCUS GROUP
INTERVISTE SEMI-STRUTTURATE
Sulle famiglie di
fattori/indicatori
indagati
esempio
esempio
esempio
...
LA VALUTAZIONE PRELIMINARE
ELEMENTI DA VALUTARE
VALUTAZIONE
“OGGETTIVA”
Indicatori di effetto (“eventi sentinella”)
-indici infortunistici,
-assenze ...
Qual è lo scopo della valutazione preliminare?
Verificare l’esistenza di:
• condizioni disfunzionali dell’organizzazione d...
Cosa si intende per valutazione oggettiva
I fattori esaminati non sono espressione di un giudizio
personale ma devono rifl...
Cosa si intende per valutazione parametrica
I fattori esaminati devono permettere di individuare una
soglia d’azione.
Ogni...
Cosa si intende per valutazione complessiva
La condizione di rischio stress non si identifica
nella presenza di indicatori...
Quali elementi devono essere presi in
considerazione nella valutazione preliminare?
Secondo le indicazioni della Commissio...
È necessario che nella fase preliminare della valutazione i lavoratori o il
RLS/RLST siano “sentiti” in relazione alla val...
Quali sono gli eventi sentinella ?
Gli eventi sentinella sono gli indicatori aziendali di possibili effetti diretti –
indi...
CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO
Ambiente ed
attrezzature di
lavoro
La condizione potenziale di stress è le...
CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO
Funzione e
cultura
organizzativa
Le condizioni di stress al lavoro possono...
La suddivisione in gruppi omogenei/partizioni organizzative
deve essere fatta nella fase di pianificazione della
valutazio...
SUDDIVISIONE
GRUPPI OMOGENEI
MC
RLS
DIRIGENTE
RSPP
MC
RLS
DIRIGENTE
RSPP
MC
RLS
DIRIGENTE
RSPP
REPARTO 1
15 persone
REPART...
Cosa sono le check list e come vanno utilizzate?
• Le check list (liste di controllo) sono strumenti osservazionali che
po...
Quali elementi devono essere presi in
considerazione dalle check-list ?
Le check list devono indagare i fattori relativi a...
E’ possibile adattare le check-list alle specificità di
settore produttivo e/o alla dimensione aziendale ?
Gli strumenti s...
Quale documentazione deve supportare le check-list
La documentazione necessaria a illustrare le condizioni aziendali
organ...
• in qualità di rappresentanti dei gruppi omogenei devono
conoscere le realtà organizzative e/o raccogliere le
informazion...
Quali strumenti per la valutazione preliminare
• Lista di controllo INAIL
• Linee Operative per le imprese con
meno di 30 ...
Offrire all’utenza un “metodo unico
integrato” che valorizzi i punti di forza
delle tre esperienze metodologiche
Fornire a...
Rilevazione indicatori oggettivi e
verificabili e ove possibile
numericamente apprezzabili
LISTA DI CONTROLLO
La Lista di ...
EVENTI SENTINELLA
N INDICATORE
Diminuito Inalterato Aumentato
PUNTEGGI
O
NOTE
1 INDICI INFORTUNISTICI
0
□
1(*)
□
4
□
....
...
4
1
4
2
11
0
5
4
2
3
1
1
0
11
INDICATORI AZIENDALI 0
CONTENUTO DEL
LAVORO
11
CONTESTO DEL
LAVORO
11
RICHIO MEDIO 22
In che misura i cambiamenti organizzativi, di qualsiasi entità,
vengono gestiti e comunicati nel contesto aziendale.
Consa...
MAI RARAMENTE
QUALCHE
VOLTA
SPESSO SEMPRE
1. Ho chiaro cosa ci si aspetta da me
al lavoro
    
2. Posso decidere quan...
14. Ci sono attriti o conflitti fra i
colleghi
    
15. Ho libertà di scelta nel
decidere come svolgere il mio
lavoro...
Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
SETTEMBRE 2010 - APRILE 2011
Compilazione anonima scheda on-line
1000AZIENDE
IL FEEDBACK DELLE AZIENDE
S E TTORI
INDUS TRI...
1,0
42,3
25,3
24,0
23,8
ENERGIA
MANUFATTURIERA
EDILIZIA
ARTIGIANATO
ALTRO
INDUSTRIA
6,6
17,0
3,5
15,9
8,1
7,0
2,8
3,9
1,8
...
LA DIMENSIONE DELLE AZIENDE
•Piccola o poco complessa
PER
AZIENDA
•Quando l’azienda è complessa e ci sono
settori, dipartimenti, reparti...
PER
PARTIZ...
89,5
64,2
51,1
33,9 34,4
4,0
16,6
20,7
27,1
40,6
5,7
17,7
27,2
42,4
31,3
MENO DI 10 FINO A 50 FINO A 100 FINO A 200 OLTRE ...
60,3
39,4
42,0
57,7
CRITICITA' CONTESTO NESSUNA CRITICITA' CONTESTO CRITICITA' CONTENUTO NESSUNA CRITICITA' CONTENUTO
IDEN...
28,4
16,1
58,7
30,4
16,1
12,5
FUNZIONE E CULTURA
RUOLO
CARRIERA
AUTONOMIA
RAPPORTI INTERPERSONALI
INTERFACCIA CASA-LAVORO
...
25,6
38,1
44,7
35,3
AMBIENTE DI LAVORO
PIANIFICAZIONE COMPITI
CARICHI E RITMI DI LAVORO
ORARIO
CONTENUTO
Il lavoro subisce...
76%
24%
valutazione soggettiva
No Sì
VALUTAZIONE APPROFONDITA
0,96 1,49 1,28
5,64 4,79
6,39
21,51
18,74
23,11
37,81
28,43
31,84
33,65
46,33
37,17
Giudizio complessivo sulla
comprensibi...
STRUMENTO PER LE AZIENDE > 30 LAVORATORI
- Spiegazione della norma e istruzioni per la VALUTAZIONE PRELIMINARE
- Indicazio...
CHECK LIST ADATTATA – EVENTI SENTINELLA
IN COERENZA CON LA
BASSA COMPLESSITA’
ORGANIZZATIVA
L’INDICATORE VERTENZE
TRA DATO...
CHECK LIST ADATTATA – CONTESTO LAVORO
RIDIMENSIONATI (da 30
indicatori a 14) GLI
INDICATORI IN
COERENZA CON LA
BASSA COMPL...
CHECK LIST ADATTATA – CONTENUTO DEL LAVORO
GLI INDICATORI SONO 33
(da 36 indicatori a 33) CON
REVISIONI PER ORARIO
( -2) E...
IDENTIFICAZIONE AREA DI RISCHIO
EVENTI
SENTINELLA
CONTESTO
CONTENUTO
DA A
LIVELLO DI
RISCHIO
NOTE
0 10
RISCHIO BASSO
25%
Non emerge una situazione di rischio da stress lavoro correlato tale
d...
PER LE AZIENDE FINO A 10 LAVORATORI
Fase 1: effettuare una valutazione del rischio attraverso
- l’analisi delle caratteris...
STRUMENTO PER L’ANALISI DELLE CARATTERISTICHE AZIENDALI
CRITERI MAGGIORI
•Attività a rischio noto in letteratura
•Utilizzo...
Fase 2:
Per ritenere l'indagine esaustiva si è proceduto alla valutazione dell'esposizione
al rischio dei lavoratori in re...
PER LE SCUOLE
Il Gruppo di Valutazione (GV) deve garantire la presenza di tutte
le componenti scolastiche ed è composto da...
2 - LA CHECK LIST suddivisa in 3 aree:
- area Ambiente di lavoro
- area Contesto del lavoro;
- area Contenuto del lavoro, ...
PER LE SCUOLE
Per ogni indicatore della check list è inserito un breve commento esplicativo ed
alcuni spunti utili ad espr...
PER LE SCUOLE
Per ogni indicatore della check list è inserito un breve commento esplicativo ed
alcuni spunti utili ad espr...
PER LE SCUOLE
C – Contenuto del lavoro – PERSONALE INSEGNANTE
Per la formazione
delle classi iniziali,
vengono applicati
d...
PER LE SCUOLE
C – Contenuto del lavoro – PERSONALE AMMINISTRATIVO
Le mansioni da
svolgere sono ben
definite e
circoscritte...
PER LE SCUOLE
C – Contenuto del lavoro – PERSONALE AUSILIARIO
C’è coerenza tra le
richieste del DS e
quelle del DSGA?
Una ...
PER LE SCUOLE
C – Contenuto del lavoro – PERSONALE TECNICO
Le mansioni da
svolgere sono ben
definite e
circoscritte?
In un...
Sottoarea
C4
Punteggio
finale
Livello di
rischio
ESITO FINALE E AZIONI DA METTERE IN ATTO
Esclusa ≤ 60
Basso
L’analisi deg...
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Vicenza 05 07_12_ballottin
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Vicenza 05 07_12_ballottin

1,447 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,447
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
406
Actions
Shares
0
Downloads
70
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Vicenza 05 07_12_ballottin

  1. 1. VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Spisal UIss 20 Verona Dr.ssa Antonia Ballottin Vicenza 5 luglio 2012
  2. 2. I CAMBIAMENTI IN ATTO NEL MONDO DEL LAVORO L’Osservatorio europeo dei rischi (ERO) istituito nell’ambito dell’Agenzia Europea per la salute e la sicurezza sul lavoro sottolinea alcune criticità, risultanti da questi cambiamenti (European Agency for Safety and Health at Work, 2007). • precarietà del lavoro, • invecchiamento della forza lavoro, • aumento della pressione e del carico di lavoro, • elevata domanda emozionale sul lavoro, • squilibrio tra il lavoro e la vita privata.
  3. 3. Lo stress da lavoro correlato è tra le cause di malattia più comunemente denunciate dai lavoratori, tanto da interessare oltre 40 milioni di individui in tutta l’UE. . PERCHE’ OCCUPARSI DEI RISCHI PSICOSOCIALI: LE STATISTICHE EUROPEE
  4. 4. Nel 2002 il costo economico annuale dello stress da lavoro correlato nell’UE a 15 è stato stimato in 20.000 milioni di Euro. PERCHE’ OCCUPARSI DEI RISCHI PSICOSOCIALI: LE STATISTICHE EUROPEE
  5. 5. Hanno partecipato 27 Stati dell’Unione europea Intervistati 28 649 dirigenti 7226 RLS http://www.esener.eu I RISCHI PSICOSOCIALI E STATISTICHE EUROPEE INDAGINE EUROPEA TRA LE IMPRESE SUI RISCHI NUOVI ED EMERGENTI - ESENER
  6. 6. I RISCHI PSICOSOCIALI E STATISTICHE EUROPEE INDAGINE EUROPEA TRA LE IMPRESE SUI RISCHI NUOVI ED EMERGENTI - ESENER Principali ostacoli indicati dai dirigenti italiani nell’affrontare i rischi psicososociali
  7. 7. “ ASPETTI DI PROGETTAZIONE, ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL LAVORO, E I LORO CONTESTI AMBIENTALI E SOCIALI, CHE POTENZIALMENTE POSSONO DAR LUOGO A DANNI DI NATURA PSICOLOGICA, SOCIALE O FISICA. I rischi psicosociali legati al lavoro sono stati identificati come una delle maggiori sfide contemporanee e sono collegati a problemi nell’ambiente di lavoro, quali: - lo stress da lavoro correlato - la violenza e le molestie al lavoro I RISCHI PSICOSOCIALI
  8. 8. GLI ACCORDI CON I PARTNERS EUROPEI ACCORDO QUADRO EUROPEO SULLE MOLESTIE E LA VIOLENZA NEL LUOGO DI LAVORO (8/11/2007) ACCORDO QUADRO EUROPEO SULLO STRESS LAVORO (8/10/2004) “dall’organizzazione del lavoro alla persona” “dalla persona all’organizzazione del lavoro” Valutazione collettiva Valutazione individuale Intervento collettivo e individuale Intervento individuale e collettivo RIGUARDANO OGNI AZIENDA ED OGNI TIPOLOGIA DI LAVORATORE PREVEDONO LA SENSIBILIZZAZIONE E RESPONSABILIZZAZIONE DELLA DIREZIONE AZIENDALE ORIENTANO ALLA AUTOGESTIONE DELLA VALUTAZIONE E DELLE SOLUZIONI
  9. 9. La valutazione ………., deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell'accordo europeo dell'8 ottobre 2004, 106/09 (aggiunge) ….nel rispetto delle indicazioni elaborate dalla Commissione Consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, e comunque a far data dal 1/08/ 2010”. LEGGE 30 luglio 2010, n. 122 proroga al 31 dicembre 2010 OGGETTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHIArticolo 28 Indicazioni della Commissione consultiva per la valutazione dello stress lavoro-correlato 18/11/2010 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81
  10. 10. VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1. ACCORDO QUADRO EUROPEO SULLO STRESS SUL LAVORO (8/10/2004) ACCORDO INTERCONFEDERALE DI RECEPIMENTO 09/06/2008 2. INDICAZIONI DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PER LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO (18/11/2010) (articoli 6, comma 8, lettera m-quater, e 28, comma 1 bis, d.lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni e integrazioni)
  11. 11. (Accordo siglato da CES - sindacato Europeo; UNICE-“confindustria europea”; UEAPME - associazione europea artigianato e PMI; CEEP - associazione europea delle imprese partecipate dal pubblico e di interesse economico generale) Lo stress non è una malattia ma una esposizione prolungata allo stress può ridurre l’efficienza sul lavoro e causare problemi di salute L’obiettivo è offrire ai datori di lavoro e ai lavoratori un modello che consenta di individuare e di prevenire o gestire i problemi di stress da lavoro ACCORDO EUROPEO SULLO STRESS SUL LAVORO (09/06/2008)
  12. 12. Art. 1 Introduzione – c. 2 Potenzialmente lo stress può riguardare - ogni luogo di lavoro ed ogni lavoratore, - indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda, - indipendentemente dal settore di attività - indipendentemente dalla tipologia del contratto o del rapporto di lavoro. Ciò non significa che tutti i luoghi di lavoro e tutti i lavoratori ne sono necessariamente interessati ACCORDO EUROPEO SULLO STRESS SUL LAVORO
  13. 13. 1. accrescere la consapevolezza e la comprensione dello stress lavoro-correlato da parte dei datori di lavoro, dei lavoratori e dei loro rappresentanti, e attirare la loro attenzione sui segnali che potrebbero denotare problemi di stress lavoro-correlato. 2. offrire ai datori di lavoro ed ai lavoratori un quadro di riferimento per individuare e prevenire o gestire problemi di stress lavoro-correlato. Non è invece quello di attribuire la responsabilità dello stress all’individuo. 3. non concerne la violenza, le molestie e lo stress post – traumatico. Art. 2 FINALITA’ ACCORDO EUROPEO SULLO STRESS
  14. 14. ART. 3 - DESCRIZIONE DELLO STRESS E DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO - può essere accompagnato da disturbi di natura fisica, psicologica o sociale -è conseguenza del fatto che alcuni non si sentono in grado di corrispondere alle richieste o alle aspettative riposte in loro - persone diverse possono reagire differentemente a situazioni simili - lo stesso individuo può reagire diversamente di fronte a situazioni simili in momenti diversi della propria vita NON TUTTE LE MANIFESTAZIONI DI STRESS CHE AVVENGONO AL LAVORO POSSONO ESSERE CONSIDERATE COME STRESS LAVORO-CORRELATO LO STRESS può essere causato da fattori come il contenuto del lavoro, l’eventuale inadeguatezza nella gestione dell’organizzazione del lavoro e dell’ambiente di lavoro, carenze nella comunicazione, etc. LO STRESS LAVORO CORRELATO
  15. 15. un alto assenteismo o un’elevata rotazione del personale, conflitti interpersonali o lamentele frequenti da parte dei lavoratori sono alcuni dei sintomi che possono rivelare la presenza di stress da lavoro. L’INDIVIDUAZIONE PUÒ IMPILICARE L’ANALISI DI FATTORI QUALI : •l’organizzazione e i processi di lavoro (pianificazione dell’orario di lavoro, grado di autonomia, grado di coincidenza tra esigenze imposte dal lavoro e capacità/conoscenze dei lavoratori, carico di lavoro, ecc.), • le condizioni e l’ambiente di lavoro (esposizione ad un comportamento illecito, al rumore, al calore, a sostanze pericolose, ecc.), • la comunicazione (incertezza circa le aspettative riguardo al lavoro, prospettive di occupazione, un futuro cambiamento, ecc.) • i fattori soggettivi ( pressioni emotive e sociali, sensazione di non poter far fronte alla situazione, percezione di una mancanza di aiuto, ecc.) ART. 4 - INDIVIDUAZIONE DI PROBLEMI DI STRESS LAVORO-CORRELATO
  16. 16. Inerente al lavoro Ruolo nell’organizzazione Rapporti sul lavoro Evoluzione delle carriere Clima e struttura organizzativa Interfaccia casa-lavoro SINTOMI INDIVIDUALI • Aumento pressione sang. • Stato di depressione • Bere in modo eccessivo • Insoddisfazione prof. • Aspirazioni ridotte ecc. SINTOMI ORGANIZZATIVI • Alto assenteismo/ presenzialismo • Elevato turn over • Difficoltà relazioni az. • Scarso controlli di qualità • Alta conflittualità, ecc. SOMATICHE • Disturbi cardiocircolatori • Salute mentale •Patologie muscoloscheletriche •Patologia gastrointestinali ecc. ORGANIZZATIVE •Infortuni • Performace scarsa ecc. FONTI DI STRESS SINTOMI DI STRESS MALATTIE Cooper 1976
  17. 17. Possono essere introdotte misure collettive, individuali o di entrambi i tipi. • come misure mirate a fattori di stress individuati o quale parte di una politica integrata sullo stress. • vanno monitorate per verificarne l’efficacia nel tempo Esempi: – misure di gestione e di comunicazione in grado di chiarire gli obiettivi aziendali e il ruolo di ciascun lavoratore, di assicurare un sostegno adeguato da parte della direzione ai singoli individui e ai team di lavoro , di coniugare responsabilità e controllo sul lavoro, di migliorare l’organizzazione, i processi, le condizioni e l’ambiente di lavoro. – la formazione dei dirigenti e dei lavoratori per migliorare la loro consapevolezza e la loro comprensione nei confronti dello stress, delle sue possibili cause e del modo in cui affrontarlo, e/o per adattarsi al cambiamento – l’informazione e la consultazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti, in conformità alla legislazione europea e nazionale, ai contratti collettivi e alle prassi. ART. 6 - PREVENIRE, ELIMINARE O RIDURRE I PROBLEMI DI STRESS LAVORO-CORRELATO
  18. 18. INDICAZIONI METODOLOGICHE DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE ex art. 6 D.Lgs. 81/08 (18 novembre 2010) GUIDA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO del Coordinamento tecnico Interregionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro (marzo 2010)
  19. 19. Indicazioni della Commissione consultiva per la valutazione dello stress lavoro-correlato (articoli 6, comma 8, lettera m-quater, e 28, comma 1 bis, d.lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni e integrazioni) 18 novembre 2010 - formulare indicazioni metodologiche in ordine al corretto adempimento dell’obbligo - indirizzare le attività dei datori di lavoro, dei loro consulenti e degli organi di vigilanza FINALITÀ
  20. 20. Indicazioni della Commissione consultiva per la valutazione dello stress lavoro-correlato (articoli 6, comma 8, lettera m-quater, e 28, comma 1 bis, d.lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni e integrazioni) 18 novembre 2010 - formulare indicazioni metodologiche in ordine al corretto adempimento dell’obbligo - indirizzare le attività dei datori di lavoro, dei loro consulenti e degli organi di vigilanza FINALITÀ
  21. 21. INDICAZIONI COMMISSIONE CONSULTIVA : DEFINIZIONI ED INDICAZIONI GENERALI La valutazione del rischio stress lavoro correlato è parte integrante della valutazione dei rischi e come tale viene effettuata dal Datore di lavoro che si avvale di RSPP, Medico Competente (se nominato) ed RLS/RLST. La valutazione non riguarda i singoli ma prende in esame i GRUPPI OMOGENEI (per mansioni o partizioni) Ogni datore di lavoro procede all’individuazione dei gruppi a seconda della propria organizzazione del lavoro Es: per mansioni: impiegati / operai Es: per partizioni organizzative: reparti/ sedi/ dipartimenti… CHI VALUTA IL RISCHIO
  22. 22. La valutazione si articola in due fasi: 1. VALUTAZIONE PRELIMINARE (necessaria) Consiste nella valutazione oggettiva, complessiva e parametrica di eventi sentinella, contenuto e contesto del lavoro. Tutte le aziende devono fare la valutazione preliminare 2. VALUTAZIONE APPROFONDITA (eventuale) nel caso in cui la valutazione preliminare riveli elementi di rischio da stress lavoro-correlato e le misure di correzione adottate a seguito della stessa, dal datore di lavoro, si rivelino inefficaci. INDICAZIONI COMMISSIONE CONSULTIVA : METODOLOGIA
  23. 23. Consiste nella VALUTAZIONE OGGETTIVA, COMPLESSIVA E PARAMETRICA • Eventi sentinella quali ad esempio: indici infortunistici; assenze per malattia; turnover; procedimenti e sanzioni e segnalazioni del medico competente; specifiche e frequenti lamentele formalizzate da parte dei lavoratori. • Fattori di contenuto del lavoro quali ad esempio: ambiente di lavoro e attrezzature; carichi e ritmi di lavoro; orario di lavoro e turni; corrispondenza tra le competenze dei lavoratori e i requisiti professionali richiesti. • Fattori di contesto del lavoro quali ad esempio: ruolo nell’ambito dell’organizzazione, autonomia decisionale e controllo; conflitti interpersonali al lavoro; evoluzione e sviluppo di carriera; comunicazione (es. incertezza in ordine alle prestazioni richieste). NECESSARIO coinvolgere lavoratori e/o RLS/RLST nella rilevazione oggettiva dei fattori di contenuto e di contesto 1. LA VALUTAZIONE PRELIMINARE (necessaria)
  24. 24. FATTORI DI CONTENUTO DEL LAVORO CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO Ambiente di lavoro ed attrezzature di lavoro Problemi inerenti l’affidabilità, la disponibilità, l’idoneità, la manutenzione o la riparazione di strutture ed attrezzature di lavoro Pianificazione dei compiti Monotonia, cicli di lavoro brevi, lavoro frammentato o inutile, sottoutilizzo delle capacità, incertezza elevata Carico di lavoro / ritmo di lavoro Carico di lavoro eccessivo o ridotto, mancanza di controllo sul ritmo, livelli elevati di pressione in relazione al tempo Orario di lavoro Lavoro a turni, orari di lavoro senza flessibilità, orari imprevedibili, orari di lavoro lunghi Caratteristiche stressanti del lavoro (Hacker, 1991)
  25. 25. FATTORI DI CONTESTO LAVORATIVO CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO Funzione e cultura organizzativa Scarsa comunicazione, livelli bassi per la risoluzione dei problemi e lo sviluppo personale, mancanza di definizione degli obiettivi organizzativi Ruolo nell’ambito dell’ organizzazione Ambiguità e conflitto di ruolo Evoluzione della carriera Incertezza o fase di stasi per la carriera, promozione insufficiente o eccessiva, retribuzione bassa, insicurezza dell’impiego, scarso valore sociale attribuito al lavoro Autonomia decisionale/ controllo Partecipazione ridotta al processo decisionale, mancanza di controllo sul lavoro (partecipazione) Rapporti interpersonali sul Lavoro Isolamento fisico o sociale, rapporti limitati con i superiori, conflitto, mancanza di supporto sociale Interfaccia casa/lavoro Richieste contrastanti tra casa e lavoro Caratteristiche stressanti del lavoro (Hacker, 1991)
  26. 26. A- QUANDO NON EMERGONO ELEMENTI DI RISCHIO da stress lavoro-correlato tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive il datore di lavoro sarà unicamente tenuto a darne conto nel Documento di Valutazione del Rischio (DVR) e a prevedere un piano di monitoraggio VALUTAZIONE PRELIMINARE (rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili) ESITO NEGATIVO RISULTATO RIPORTATO nel DVR PREVISIONE di PIANO di MONITORAGGIO LA VALUTAZIONE PRELIMINARE – INDIVIDUAZIONE DEL RISCHIO
  27. 27. B- NEL CASO IN CUI SI RILEVINO ELEMENTI DI RISCHIO da stress • misure organizzative sull’attività lavorativa (orario sostenibile, alternanza di mansioni nei limiti di legge e contratti…) • misure tecniche (es. potenziamento degli automatismi tecnologici) • misure procedurali (definizione di procedure di lavoro…) • comunicazione • formazione RISULTATO RIPORTATO nel DVR PREVISIONE di PIANO di MONITORAGGIO PIANIFICAZIONE ed ADOZIONE di INTERVENTI CORRETTIVI esempi Interventi: organizzativi tecnici procedurali comunicativi formativi Se INEFFICACISe EFFICACI VALUTAZIONE DELL’ EFFICACIA DEGLI INTERVENTI CORRETTIVI ESITO POSITIVO VALUTAZIONE PRELIMINARE (rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili) LA VALUTAZIONE PRELIMINARE – INDIVIDUAZIONE DEL RISCHIO
  28. 28. C- NEL CASO IN CUI GLI INTERVENTI CORRETTIVI SI RIVELINO INEFFICACI si procede, nei tempi che la stessa impresa definisce nella pianificazione degli interventi, alla fase di valutazione successiva PIANIFICAZIONE ed ADOZIONE di INTERVENTI CORRETTIVI esempi Interventi: organizzativi tecnici procedurali comunicativi formativi Se INEFFICACI VALUTAZIONE APPROFONDITA (valutazione della percezione soggettiva) VALUTAZIONE DELL’ EFFICACIA DEGLI INTERVENTI CORRETTIVI ESITO POSITIVO VALUTAZIONE PRELIMINARE (rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili) LA VALUTAZIONE PRELIMINARE – VALUTAZIONE APPROFONDITA
  29. 29. La valutazione approfondita prevede la valutazione della percezione soggettiva dei lavoratori attraverso - QUESTIONARI - FOCUS GROUP - INTERVISTE SEMISTRUTTURATE sulle famiglie di fattori/indicatori di contesto e contenuto del lavoro LA VALUTAZIONE APPROFONDITA - Nelle aziende di maggiori dimensioni è possibile coinvolgere un campione rappresentativo di lavoratori. - Nelle imprese che occupano fino a 5 lavoratori, il datore di lavoro può scegliere di utilizzare modalità di valutazione (es. riunioni) che garantiscano il coinvolgimento diretto dei lavoratori nella ricerca delle soluzioni e nella verifica della loro efficacia.
  30. 30. VALUTAZIONE PRELIMINARE (rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili) ESITO NEGATIVO RISULTATO RIPORTATO nel DVR PREVISIONE di PIANO di MONITORAGGIO QUESTIONARI FOCUS GROUP INTERVISTE SEMI-STRUTTURATE Sulle famiglie di fattori/indicatori indagati esempio esempio esempio PIANIFICAZIONE ed ADOZIONE di INTERVENTI CORRETTIVI esempi Interventi: organizzativi tecnici procedurali comunicativi formativi Se INEFFICACI VALUTAZIONE APPROFONDITA (valutazione della percezione soggettiva) Nelle imprese fino a 5 lavoratori il datore di lavoro PUO’utilizzare modalità di valutazione con garanzia di coinvolgimento diretto dei lavoratori nella ricerca di soluzioni e nella verifica della loro efficacia (Es. riunioni) Se EFFICACI VALUTAZIONE DELL’ EFFICACIA DEGLI INTERVENTI CORRETTIVI ESITO POSITIVO
  31. 31. ELEMENTI DA VALUTARE VALUTAZIONE “OGGETTIVA” VALUTAZIONE “SOGGETTIVA” Indicatori di effetto (“eventi sentinella”) -indici infortunistici, -assenze per malattia, -ricambio del personale, -procedimenti e sanzioni, -segnalazioni del medico competente Analisi su base documentale dei dati presenti in azienda. impossibile Fattori di contenuto del lavoro -ambiente di lavoro ed attrezzature -pianificazione dei compiti -carichi, ritmi di lavoro -orario di lavoro, turni Analisi delle caratteristiche del lavoro, su base osservazionale e documentale anche con uso di check list Verifica della percezione soggettiva dei lavoratori mediante questionari, focus group o interviste semistrutturate Fattori di contesto del lavoro -funzione e cultura organizzativa -ruolo nell’ambito dell’organizzazione -l’evoluzione e lo sviluppo di carriera, -autonomia decisionale e controllo -rapporti interpersonali al lavoro -interfaccia casa-lavoro Analisi delle caratteristiche del lavoro, su base osservazionale e documentale anche con uso di check list Verifica della percezione soggettiva dei lavoratori mediante questionari, focus group o interviste semistrutturate Fattori propriamente soggettivi -tensioni emotive e sociali -sensazione di non poter far fronte alla situazione -percezione di mancanza di attenzione nei propri confronti impossibile Verifica mediante questionari, focus group o interviste semistrutturate Fattori propriamente soggettivi (indicatori di effetto) -disturbi e patologie riferibili allo stress -alterazione parametri clinici/subclinici Valutazione epidemiologica dei dati della sorveglianza sanitaria Verifica mediante questionari VALUTAZIONE PRELIMINARE VALUTAZIONE APPROFONDITA
  32. 32. QUESTIONARI FOCUS GROUP INTERVISTE SEMI-STRUTTURATE Sulle famiglie di fattori/indicatori indagati esempio esempio esempio VALUTAZIONE APPROFONDITA (valutazione della percezione soggettiva) Nelle imprese fino a 5 lavoratori il datore di lavoro PUO’utilizzare modalità di valutazione con garanzia di coinvolgimento diretto dei lavoratori nella ricerca di soluzioni e nella verifica della loro efficacia (Es. riunioni) PIANIFICAZIONE ed ADOZIONE di INTERVENTI CORRETTIVI esempi Interventi: organizzativi tecnici procedurali comunicativi formativi Se INEFFICACI VALUTAZIONE DELL’ EFFICACIA DEGLI INTERVENTI CORRETTIVI ESITO POSITIVO VALUTAZIONE PRELIMINARE (rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili) ESITO NEGATIVO RISULTATO RIPORTATO nel DVR PREVISIONE di PIANO di MONITORAGGIO Se EFFICACI
  33. 33. LA VALUTAZIONE PRELIMINARE
  34. 34. ELEMENTI DA VALUTARE VALUTAZIONE “OGGETTIVA” Indicatori di effetto (“eventi sentinella”) -indici infortunistici, -assenze per malattia, -ricambio del personale, -procedimenti e sanzioni, -segnalazioni del medico competente Analisi su base documentale dei dati presenti in azienda. Fattori di contenuto del lavoro -ambiente di lavoro ed attrezzature -pianificazione dei compiti -carichi, ritmi di lavoro -orario di lavoro, turni Analisi delle caratteristiche del lavoro, su base osservazionale e documentale anche con uso di check list Fattori di contesto del lavoro -funzione e cultura organizzativa -ruolo nell’ambito dell’organizzazione -l’evoluzione e lo sviluppo di carriera, -autonomia decisionale e controllo -rapporti interpersonali al lavoro -interfaccia casa-lavoro Analisi delle caratteristiche del lavoro, su base osservazionale e documentale anche con uso di check list Area della valutazione preliminare
  35. 35. Qual è lo scopo della valutazione preliminare? Verificare l’esistenza di: • condizioni disfunzionali dell’organizzazione del lavoro e del suo contesto ambientale e relazionale (fattori di contenuto e di contesto del lavoro) • la presenza di alcuni indicatori di effetto (eventi sentinella) Allo scopo di • fornire indicazioni sulle misure di prevenzione necessarie • verificare se quelle in essere sono adeguate o se ne devono essere adottate altre.
  36. 36. Cosa si intende per valutazione oggettiva I fattori esaminati non sono espressione di un giudizio personale ma devono riflettere la reale condizione osservata per il gruppo omogeneo considerato. Devono essere indicati: - riscontri verificabili di ogni elemento valutato - eventuali diverse posizioni motivate - misure di prevenzione adottate
  37. 37. Cosa si intende per valutazione parametrica I fattori esaminati devono permettere di individuare una soglia d’azione. Ogni fattore di contenuto e contesto del lavoro può essere valutato attraverso una serie di indicatori ai quali attribuire un peso che concorre al punteggio complessivo della condizione di stress lavoro-correlato.
  38. 38. Cosa si intende per valutazione complessiva La condizione di rischio stress non si identifica nella presenza di indicatori singoli che riguardano fattori di contesto e contenuto ma nella loro valutazione complessiva. La condizione di rischio deriva dalla lettura complessiva della presenzaassenza contemporanea dei fattori esaminati.
  39. 39. Quali elementi devono essere presi in considerazione nella valutazione preliminare? Secondo le indicazioni della Commissione Consultiva, in ogni azienda è necessario valutare: • I. Eventi sentinella quali ad esempio: indici infortunistici; assenze per malattia; turnover; procedimenti e sanzioni e segnalazioni del medico competente da valutarsi anche sulla base di parametri omogenei individuati internamente alla azienda (es. variazione nel tempo degli indici infortunistici rilevati in azienda). • II. Fattori di contenuto del lavoro quali ad esempio: ambiente di lavoro e attrezzature; carichi e ritmi di lavoro; orario di lavoro e turni; corrispondenza tra le competenze dei lavoratori e i requisiti professionali richiesti. • III. Fattori di contesto del lavoro quali ad esempio: ruolo nell’ambito dell’organizzazione, autonomia decisionale e controllo; conflitti interpersonali al lavoro; evoluzione e sviluppo di carriera; incertezza in ordine alle prestazioni richieste.
  40. 40. È necessario che nella fase preliminare della valutazione i lavoratori o il RLS/RLST siano “sentiti” in relazione alla valutazione dei fattori di CONTENUTO e CONTESTO del lavoro Il parere dei lavoratori è elemento imprescindibile nella valutazione degli aspetti organizzativi, ambientali e relazionali che possono risultare potenzialmente stressogeni. Solo i lavoratori sono, in alcuni casi, in grado di mettere in evidenza alcune problematiche relative al proprio specifico lavoro e di indicare le fasi del ciclo lavorativo e le mansioni interessate dalle problematiche I lavoratori nella valutazione preliminare Il modello raccomandabile è quello che prevede la partecipazione stabile di uno o più RLS nel team di valutazione e, per ogni gruppo omogeneo, l’interpellare altri lavoratori (oltre ai dirigenti e preposti), che ben conoscono tale gruppo omogeneo
  41. 41. Quali sono gli eventi sentinella ? Gli eventi sentinella sono gli indicatori aziendali di possibili effetti diretti – indiretti dello stress quali ad esempio: - INDICATORI SANITARI (assenze per malattia, infortuni / infortuni ripetuti, richieste visite per cambio mansione) - INDICATORI AMMINISTRATIVI provenienti dagli Uffici di gestione del personale (turn-over, richieste spostamenti di mansione) - INDICATORI LEGALI (contenziosi formali e non) Altri indicatori possibili (n° lavoratori che con la formazione professionale, n° episodi di interruzione/ rallentamento dei flussi comunicativi, conflittualità orizzontale…)
  42. 42. CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO Ambiente ed attrezzature di lavoro La condizione potenziale di stress è legata a: le condizioni fisiche di lavoro, i problemi inerenti l’affidabilità, la disponibilità, l’idoneità, la manutenzione o la riparazione di strutture ed attrezzature di lavoro. Per la compilazione degli indicatori previsti si fa riferimento al documento di valutazione dei rischi di ogni azienda. Pianificazione dei compiti Situazioni che possono favorire lo stress per la mancata corrispondenza tra le risorse umane e strumentali disponibili, l’esecuzione dei compiti assegnati, la presenza di cicli di lavoro brevi, lavoro frammentato e caratterizzato da incertezza elevata. Carico di lavoro / ritmo di lavoro Condizioni di sovraccarico o sottocarico di lavoro, mancanza di controllo sul ritmo e alti livelli di pressione temporale che possono favorire condizioni di stress. La pressione è intesa come carico fisico ma anche come cognitivo dovuto alla necessità di prendere decisioni rapide e di avere responsabilità nei confronti di terzi, impianti e produzioni. Orario di lavoro Comprende condizioni tipicamente correlabili allo stress quali lavoro a turni e orari di lavoro rigidi, imprevedibili o eccessivamente lunghi. Quali sono i fattori di contenuto del lavoro ?
  43. 43. CATEGORIA CONDIZIONI DI DEFINIZIONE DEL RISCHIO Funzione e cultura organizzativa Le condizioni di stress al lavoro possono essere favorite dalle aziende che consentono condizioni di scarsa comunicazione, livelli bassi per la risoluzione dei problemi e lo sviluppo personale, mancanza di definizione degli obiettivi organizzativi Ruolo Le aziende in cui non è chiaro il ruolo dei lavoratori, favoriscono condizioni di ambiguità, sovrapposizione e conflitto tra lavoratori Evoluzione della carriera La mancanza di conoscenza e trasparenza nelle regole di progressione di carriera, l’incertezza, lo scarso valore sociale attribuito al lavoro, sono condizioni che possono favorire lo stress Autonomia decisionale/ controllo La partecipazione ridotta al processo decisionale e la carenza di autonomia sul proprio lavoro, sono condizioni che possono favorire lo stress Rapporti interpersonali sul Lavoro Comprende condizioni quali l’isolamento fisico o sociale, i rapporti limitati con i superiori, il conflitto interpersonale e la mancanza di supporto da parte di colleghi Interfaccia casa/lavoro Le condizioni che possono favorire la conciliazione tra il tempo di vita e di lavoro Quali sono i fattori di contesto del lavoro ?
  44. 44. La suddivisione in gruppi omogenei/partizioni organizzative deve essere fatta nella fase di pianificazione della valutazione perché consente: • di effettuare l’analisi di eventi sentinella e fattori di contenuto e contesto, in maniera specifica per il gruppo esaminato, apprezzando eventuali differenze aziendali; • di attribuire agli elementi che vengono presi in esame per valutare i fattori di contenuto e di contesto, un significato coerente con le specifiche caratteristiche del gruppo; • di identificare in modo chiaro lavoratori o RLS di riferimento • di avere dati e documenti specifici per il gruppo esaminato • di individuare criticità e azioni correttive di quel gruppo • di verificare l’efficacia delle azioni correttive specifiche Suddivisione in gruppi omogenei / partizioni organizzative
  45. 45. SUDDIVISIONE GRUPPI OMOGENEI MC RLS DIRIGENTE RSPP MC RLS DIRIGENTE RSPP MC RLS DIRIGENTE RSPP REPARTO 1 15 persone REPARTO 2 18 persone AMMINISTRAZIONE 12 persone GRUPPO DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE CHECK LIST INDIVIDUA RISCHIO E AZIONI CORRETTIVE GRUPPOAZIENDALEDIVALUTAZIONE
  46. 46. Cosa sono le check list e come vanno utilizzate? • Le check list (liste di controllo) sono strumenti osservazionali che possono essere utilizzati per raccogliere elementi oggettivi, possibili indicatori di situazioni di stress lavoro-correlato • Sono strumenti a valenza collettiva che prendono in considerazione gruppi di lavoratori (gruppi omogenei/partizioni organizzative). • E’ errato utilizzare le check list come questionari da somministrare ai singoli lavoratori
  47. 47. Quali elementi devono essere presi in considerazione dalle check-list ? Le check list devono indagare i fattori relativi al contesto e al contenuto del lavoro e gli eventi sentinella che devono essere pesati in modo integrato E’ vincolante valutare tutte e tre le famiglie di fattori Possono essere aggiunti ulteriori fattori, ma non essere eliminati quelli indicati Il giudizio non si basa sulla percezione soggettiva, ma sul riscontro delle caratteristiche oggettive dell’organizzazione del lavoro, inserite nella check list
  48. 48. E’ possibile adattare le check-list alle specificità di settore produttivo e/o alla dimensione aziendale ? Gli strumenti sperimentati e validati non possono essere modificati. Adattare la valutazione alla propria realtà non significa modificare gli strumenti di valutazione riconosciuti e validati, bensì attribuire alle singole voci un significato coerente con le specifiche caratteristiche dell’azienda. • Ogni azienda applicherà lo strumento indicando i propri documenti di riferimento e personalizzando le azioni correttive. • Eventuali modifiche di strumenti esistenti o la proposizione di nuovi deve essere oggetto di una giustificazione teorica e di una verifica sperimentale validata.
  49. 49. Quale documentazione deve supportare le check-list La documentazione necessaria a illustrare le condizioni aziendali organizzative, ambientali e relazionali, deve essere disponibile Ad esempio, • L’organigramma aziendale e il ciclo lavorativo nelle sue fasi; • I documenti in possesso della funzione che gestisce il personale (orario di lavoro, assenze, rotazione del personale, trasferimenti interni richiesti e concessi, progressioni di carriera, lavoro per turni, reperibilità, infortuni sul lavoro, ecc.) • I documenti del medico competente (visite a richiesta del lavoratore, giudizi di idoneità con prescrizioni o limitazioni ecc.), se nominato •Per le aziende in possesso di certificazioni (Iso 9001, Iso 14001, Ohsas 18001, SA 8000) anche la documentazione relativa ad esse può essere fonte di informazioni significative insieme ai relativi strumenti di controllo. Qualora non esistessero già documenti formalizzati su alcuni aspetti è opportuno predisporli
  50. 50. • in qualità di rappresentanti dei gruppi omogenei devono conoscere le realtà organizzative e/o raccogliere le informazioni dai lavoratori; • i lavoratori devono essere sentiti durante la fase di compilazione delle check list e non dopo; • il loro contributo deve essere chiaramente riportato nella check list; • in caso di disaccordo sulla valutazione di singoli elementi, le conclusioni devono essere adeguatamente motivate, documentate e riportate nella check list. L’esistenza di valutazioni divergenti tra parte datoriale e lavoratori può costituire motivo di ricorso a metodi di valutazione approfondita. i lavoratori nella valutazione preliminare
  51. 51. Quali strumenti per la valutazione preliminare • Lista di controllo INAIL • Linee Operative per le imprese con meno di 30 lavoratori • Metodo Regione Toscana • Metodo operativo scuole • ……
  52. 52. Offrire all’utenza un “metodo unico integrato” che valorizzi i punti di forza delle tre esperienze metodologiche Fornire ai Datori di Lavoro, dirigenti, preposti, figure della prevenzione e lavoratori gli strumenti per una collaborazione finalizzata a pianificare una valutazione del rischio efficace per l’azienda OBIETTIVO
  53. 53. Rilevazione indicatori oggettivi e verificabili e ove possibile numericamente apprezzabili LISTA DI CONTROLLO La Lista di Controllo consente di rilevare i seguenti parametri: Tabella dei livelli di rischio 1) RISCHIO NON RILEVANTE ≤ 25% 2) RISCHIO MEDIO >25% o ≤ 50% 3) RISCHIO ALTO >50%
  54. 54. EVENTI SENTINELLA N INDICATORE Diminuito Inalterato Aumentato PUNTEGGI O NOTE 1 INDICI INFORTUNISTICI 0 □ 1(*) □ 4 □ .... n° infortuni totali negli ultimi 3 anni n° infortuni ultimo anno ____________________________* 100 ultimo anno diminuito, inalterato, aumentato rispetto a: ______________________ N° * 100 n° lavoratori n° lavoratori ultimo anno Esempio INDICI INFORTUNISTICI: 2009 2010 2011 TOTALE N° infortuni 2 1 2 5 N° lavoratori 4 4 5 13 Percentuale 50% 25% 40% 38% Totale: (5/13) x 100 = 38 % 2011: (2/5) x 100 = 40% è AUMENTATO rispetto al totale (38%) e tale dato va riportato nella riga “indici infortunistici, dandogli il corrispondente punteggio
  55. 55. 4 1 4 2 11 0 5 4 2 3 1 1 0 11 INDICATORI AZIENDALI 0 CONTENUTO DEL LAVORO 11 CONTESTO DEL LAVORO 11 RICHIO MEDIO 22
  56. 56. In che misura i cambiamenti organizzativi, di qualsiasi entità, vengono gestiti e comunicati nel contesto aziendale. Consapevolezza del lavoratore relativamente alla posizione che riveste nell’organizzazione RUOLO CAMBIAMENTO Promozione di un lavoro positivo per evitare i conflitti ed affrontare comportamenti inaccettabili RELAZIONI SUPPORTO_ 2 DOMANDA CONTROLLO L’incoraggiamento, il supporto e le risorse fornite dall’azienda, dal Datore di Lavoro e dai colleghi Autonomia dei lavoratori sulle modalità di svolgimento della propria attività lavorativa Carico di lavoro, organizzazione del lavoro ambiente di lavoro 6 DIMENSIONI CHIAVE
  57. 57. MAI RARAMENTE QUALCHE VOLTA SPESSO SEMPRE 1. Ho chiaro cosa ci si aspetta da me al lavoro      2. Posso decidere quando fare una pausa      3. Le richieste di lavoro che mi vengono fatte da varie persone/uffici sono difficili da combinare fra loro      4. So come svolgere il mio lavoro      5. Sono soggetto a molestie personali sotto forma di parole o comportamenti scortesi      6. Ho scadenze irraggiungibili     
  58. 58. 14. Ci sono attriti o conflitti fra i colleghi      15. Ho libertà di scelta nel decidere come svolgere il mio lavoro      16. Non ho la possibilità di prendere sufficienti pause      17. Capisco in che modo il mio lavoro si inserisce negli obiettivi generali dell’organizzazione      18. Ricevo pressioni per lavorare oltre l’orario      19. Ho libertà di scelta nel decidere cosa fare al lavoro      20. Devo svolgere il mio lavoro molto velocemente     
  59. 59. Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
  60. 60. Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
  61. 61. Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
  62. 62. Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
  63. 63. Valutazione approfondita – Questionario Strumento Indicatore: Report
  64. 64. SETTEMBRE 2010 - APRILE 2011 Compilazione anonima scheda on-line 1000AZIENDE IL FEEDBACK DELLE AZIENDE S E TTORI INDUS TRIA 41% S ERVIZI 58% AGRIC OL TURA 1%
  65. 65. 1,0 42,3 25,3 24,0 23,8 ENERGIA MANUFATTURIERA EDILIZIA ARTIGIANATO ALTRO INDUSTRIA 6,6 17,0 3,5 15,9 8,1 7,0 2,8 3,9 1,8 0,6 37,6 TRASPORTI COMUNICAZIONE COMMERCIO TURISMO SANITA' SCUOLA PA SER. ASSICURATIVI E BANCARI INFORMATICA RICERCA E SVILUPPO MARKETING ALTRO SERVIZI IL FEEDBACK DELLE AZIENDE
  66. 66. LA DIMENSIONE DELLE AZIENDE
  67. 67. •Piccola o poco complessa PER AZIENDA •Quando l’azienda è complessa e ci sono settori, dipartimenti, reparti... PER PARTIZIONE •Quando si ritiene la differenza per mansioni o gruppi omogenei PER GRUPPI OMOGENEI 69,3 14,5 16,2 UNA UNICA PIU' PER PARTIZIONI ORGANIZZATIVE PIU' PER GRUPPI OMOGENEI N° CHECKLIST IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO SLC
  68. 68. 89,5 64,2 51,1 33,9 34,4 4,0 16,6 20,7 27,1 40,6 5,7 17,7 27,2 42,4 31,3 MENO DI 10 FINO A 50 FINO A 100 FINO A 200 OLTRE I 200 n° checklist per dimensione UNA UNICA PIU' PER PARTIZIONI ORGANIZZATIVE PIU' PER GRUPPI OMOGENEI IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO SLC E LA COMPLESSITA’ ORGANIZZATIVA
  69. 69. 60,3 39,4 42,0 57,7 CRITICITA' CONTESTO NESSUNA CRITICITA' CONTESTO CRITICITA' CONTENUTO NESSUNA CRITICITA' CONTENUTO IDENTIFICAZIONE DELLE CRITICITA’ ( rischio medio e alto) CONTESTO DEL LAVORO CONTENUTO DEL LAVORO
  70. 70. 28,4 16,1 58,7 30,4 16,1 12,5 FUNZIONE E CULTURA RUOLO CARRIERA AUTONOMIA RAPPORTI INTERPERSONALI INTERFACCIA CASA-LAVORO CONTESTO Definiti i criteri per l’avanzamento di carriera Criteri in relazione alla corretta gestione del personale da parte dei dirigenti/capi I lavoratori hanno a disposizione le informazioni sulle decisioni aziendali relative al gruppo di lavoro Sono predisposti strumenti di partecipazione decisionale dei lavoratori alle scelte aziendali Sono presenti rigidi protocolli di supervisione sul lavoro svolto Diffusione organigramma, procedure, obiettivi aziendali Presenza di un sistema di comunicazione aziendale Presenza di un piano formativo per la crescita professionale dei lavoratori Presenza di codice etico e di comportamento AREA CONTESTO DEL LAVORO: CRITICITA’
  71. 71. 25,6 38,1 44,7 35,3 AMBIENTE DI LAVORO PIANIFICAZIONE COMPITI CARICHI E RITMI DI LAVORO ORARIO CONTENUTO Il lavoro subisce frequenti interruzioni (in relazione al lavoro) Adeguatezza delle risorse umane e strumentali E’ presente un lavoro caratterizzato da alta monotonia Lo svolgimento della mansione richiede di eseguire compiti contemporaneamente Chiara definizione dei compiti Variazioni imprevedibili della quantità di lavoro Vi è assenza di compiti per lunghi periodi Lavoro caratterizzato da alta ripetitività Il ritmo lavorativo per l’esecuzione del compito, è prefissato Il lavoratore non può agire sul ritmo della macchina I lavoratori devono prendere decisioni rapide Lavoro con utilizzo di macchine ed attrezzature ad alto rischio Lavoro con elevata responsabilità per terzi AREA CONTENUTO DEL LAVORO: CRITICITA’
  72. 72. 76% 24% valutazione soggettiva No Sì VALUTAZIONE APPROFONDITA
  73. 73. 0,96 1,49 1,28 5,64 4,79 6,39 21,51 18,74 23,11 37,81 28,43 31,84 33,65 46,33 37,17 Giudizio complessivo sulla comprensibilità delle domande [ ] Giudizio complessivo sull'utilità del metodo proposto [.] Giudizio complessivo sull'applicabilità del metodo proposto [ ] 1 2 3 4 5 GIUDIZIO SUL METODO
  74. 74. STRUMENTO PER LE AZIENDE > 30 LAVORATORI - Spiegazione della norma e istruzioni per la VALUTAZIONE PRELIMINARE - Indicazione di utilizzo di una unica valutazione per le aziende a bassa complessità organizzativa
  75. 75. CHECK LIST ADATTATA – EVENTI SENTINELLA IN COERENZA CON LA BASSA COMPLESSITA’ ORGANIZZATIVA L’INDICATORE VERTENZE TRA DATORE DI LAVORO E LAVORATORE sostituisce L’INDICATORE TRASFERIMENTI INTERNI
  76. 76. CHECK LIST ADATTATA – CONTESTO LAVORO RIDIMENSIONATI (da 30 indicatori a 14) GLI INDICATORI IN COERENZA CON LA BASSA COMPLESSITA’ ORGANIZZATIVA E LE INDICAZIONI DELLA COMMISSIONE
  77. 77. CHECK LIST ADATTATA – CONTENUTO DEL LAVORO GLI INDICATORI SONO 33 (da 36 indicatori a 33) CON REVISIONI PER ORARIO ( -2) E CARICO DI LAVORO (-1). E’ IN COERENZA CON LE INDICAZIONI DELLA COMMISSIONE
  78. 78. IDENTIFICAZIONE AREA DI RISCHIO EVENTI SENTINELLA CONTESTO CONTENUTO
  79. 79. DA A LIVELLO DI RISCHIO NOTE 0 10 RISCHIO BASSO 25% Non emerge una situazione di rischio da stress lavoro correlato tale da richiedere il ricorso ad azioni correttive. Il datore di lavoro deve unicamente inserire la valutazione effettuata nel DVR. Ripetere la valutazione in caso di cambiamenti organizzativi aziendali o comunque ogni 2 anni. 11 23 RISCHIO MEDIO 50% Si rileva una situazione di medio rischio stress lavoro correlato tale da richiedere il ricorso ad azioni correttive. Si adottano le azioni correttive corrispondenti alle criticità rilevate. Se gli interventi correttivi risultano inefficaci, si procede, alla fase di valutazione successiva (VALUTAZIONE APPROFONDITA) 24 48 RISCHIO ALTO + di 50% Si rileva una situazione di alto rischio stress lavoro correlato tale da richiedere il ricorso ad azioni correttive urgenti. Si adottano le azioni correttive corrispondenti alle criticità rilevate. Se gli interventi correttivi risultano inefficaci, si procede, alla fase di valutazione successiva (VALUTAZIONE APPROFONDITA) IDENTIFICAZIONE AREA DI RISCHIO e AZIONI CORRETTIVE
  80. 80. PER LE AZIENDE FINO A 10 LAVORATORI Fase 1: effettuare una valutazione del rischio attraverso - l’analisi delle caratteristiche aziendali per verificarne la correlazione con fonti potenziali di stress (CRITERI MAGGIORI + CRITERI MINORI) - l'esistenza di casi di disagio clinicamente accertati da centri pubblici di riferimento con nesso causale certo o altamente probabile con condizioni di stress lavorativo. Le informazioni necessarie sono raccolte attraverso: [ ] osservazione diretta [ ] esame della documentazione aziendale [ ] intervista libera a dirigenti [ ] intervista libera a singoli lavoratori [ ] incontri di gruppo coi lavoratori [ ] colloquio con il medico competente [ ] altro SE Esistono casi conclamati di disagio clinicamente accertati da centri pubblici di riferimento con nesso causale o altamente probabile con condizioni di stress lavorativo: E' necessario procedere all'approfondimento e alla gestione casi disagio lavorativo accertati.
  81. 81. STRUMENTO PER L’ANALISI DELLE CARATTERISTICHE AZIENDALI CRITERI MAGGIORI •Attività a rischio noto in letteratura •Utilizzo di contratti di lavoro atipico > 10% •Elevata complessità organizzativa aziendale (n. di funzioni o posizioni - alla dimensione aziendale) •Attività lavorative in catena di montaggio monotone, ripetitive •Lavoro a turni o notturno •Contatto prolungato con il pubblico •Contatto con la sofferenza umana •Esposizione al rischio di aggressioni fisiche o psicologiche da esterni •Attività ad elevata responsabilità nei confronti di terzi, compresi i lavori in sub-appalto e lavorazioni per le quali la normativa prevede l’obbligo di accertamenti su alcool e tossico-dipendenza •Attività ad elevata responsabilità per la produzione •Attività ad elevato rischio infortunistico: indice INAIL > 4 CRITERI MINORI •Ambiente non confortevole per spazi di lavoro, illuminazione, microclima, rumore, vibrazioni, igiene, ergonomia Utilizzo di manodopera a scarsa integrazione sociale > 10% •Utilizzo di lavoro a cottimo o fortemente incentivato oltre il normale orario di lavoro •Utilizzo di manodopera ipersuscettibile (diversamente abili, donne in età fertile fra i 20 e i 40 anni, minori) in misura superiore al 30% •Utilizzo di manodopera di età superiore a 60 anni
  82. 82. Fase 2: Per ritenere l'indagine esaustiva si è proceduto alla valutazione dell'esposizione al rischio dei lavoratori in relazione a 6 aree chiave dell'organizzazione del lavoro (Richieste, Controllo, Sostegno, Rapporti Interpersonali, Ruolo, Cambiamenti) utilizzando come riferimento le schede derivate dalla checklist indicata dalla HSE (Health and Safety Executive). Le schede,, sono compilate da: [ ] datore di lavoro [ ] RSPP [ ] psicologo del lavoro [ ] altro Le informazioni necessarie alla loro compilazione sono state raccolte mediante [ ] intervista a dirigenti [ ] intervista a singoli lavoratori [ ] intervista ai lavoratori durante riunioni di gruppo [ ] esame della documentazione aziendale [ ] osservazione diretta (sopralluoghi) PER LE AZIENDE FINO A 10 LAVORATORI
  83. 83. PER LE SCUOLE Il Gruppo di Valutazione (GV) deve garantire la presenza di tutte le componenti scolastiche ed è composto da: •il dirigente scolastico o il suo vicario/collaboratore •il responsabile SPP (o un addetto SPP, se il responsabile è esterno) •il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza •il medico competente (se nominato) •il responsabile della Qualità (è opportuno coinvolgerlo se la scuola è certificata) •il coordinatore del CIC (è opportuno coinvolgerlo nelle scuole in cui è istituito il CIC) Procede alla 1 - ANALISI DEGLI EVENTI SENTINELLA ATTRAVERSO LA COMPILAZIONE DELLA GRIGLIA DI RACCOLTA DEI DATI OGGETTIVI
  84. 84. 2 - LA CHECK LIST suddivisa in 3 aree: - area Ambiente di lavoro - area Contesto del lavoro; - area Contenuto del lavoro, a sua volta suddivisa in 4 sottoaree specifiche per ogni componente del personale scolastico C1 – insegnanti C2 – amministrativi C3 – collaboratori C4 – tecnici (solo per alcune tipologie di istituti superiori) questa è l’area senz’altro più specifica per la scuola, perché propone indicatori che entrano direttamente nel merito delle componenti essenziali del lavoro delle quattro categorie, comprendendo le mansioni e il loro svolgimento, la specificità del ruolo docente, i tempi e i ritmi del lavoro, le ambiguità o i conflitti di ruolo, l’addestramento e la qualità dei rapporti interpersonali PER LE SCUOLE
  85. 85. PER LE SCUOLE Per ogni indicatore della check list è inserito un breve commento esplicativo ed alcuni spunti utili ad esprimere un giudizio motivato sulla valutazione della situazione. A – Ambiente di lavoro Le aule e gli altri ambienti sono puliti e in ordine? La carenza di decoro, di pulizia e di igiene delle aule e degli ambienti scolastici in genere viene vissuta con fastidio e con il timore (sebbene il più delle volte infondato) di infezioni e malattie. Elementi di giudizio: frequenza e accuratezza delle pulizie, regole per la tenuta degli ambienti e degli spazi, efficacia della raccolta differenziata 3 Gli spazi esterni (cortile, parco giochi, ecc.) sono sufficienti e adeguati allo scopo? La carenza o l’inadeguatezza degli spazi esterni destinati ai momenti di svago (ricreazione, pausa pranzo, ecc.) o ad attività ludico-motorie (strutturate e non) è un elemento negativo avvertito soprattutto nelle scuole del I° ciclo, ma può costituire un problema anche per la gestione delle pause degli studenti delle superiori. Elementi di giudizio: dimensioni e caratteristiche (in relazione al numero di allievi), conduzione quotidiana, manutenzione e mantenimento degli spazi e delle attrezzature 3 Indicatori Spiegazioni per il GV Punti max ESEMPIO
  86. 86. PER LE SCUOLE Per ogni indicatore della check list è inserito un breve commento esplicativo ed alcuni spunti utili ad esprimere un giudizio motivato sulla valutazione della situazione. B – Contesto del lavoro Il regolamento d’istituto è conosciuto e rispettato da tutto il personale scolastico? Una delle principali fonti di disagio lavorativo, evidenziata anche nei focus e nelle interviste effettuate sul tema, è legata alla distanza tra le regole scritte e condivise e i comportamenti reali che vengono praticati, in particolare quando l’impressione che ne trae il lavoratore è che le regole siano state scritte solo per assolvere ad un obbligo formale. Elementi di giudizio: modalità di definizione, aggiornamento e diffusione del regolamento, evidenze e informazioni sul rispetto del regolamento da tutte le componenti scolastiche e dagli allievi 6 I criteri per l’assegnazione degli insegnanti alle classi sono condivisi? Il gruppo classe costituisce, per ogni insegnante, l’oggetto prioritario del proprio lavoro e la parte preponderante del proprio impegno, in termini sia fisici che psicologici; logico quindi che l’insegnante attribuisca a questo aspetto una particolare valenza. Elementi di giudizio: modalità di definizione, aggiornamento e diffusione dei criteri di assegnazione degli insegnanti alle classi, modalità per declinare la condivisione dei criteri (Collegio Docenti, Dipartimenti, cc.d.c./team, ecc.) 3 Indicatori Spiegazioni per il GV Punti max ESEMPIO
  87. 87. PER LE SCUOLE C – Contenuto del lavoro – PERSONALE INSEGNANTE Per la formazione delle classi iniziali, vengono applicati dei criteri condivisi? Le classi iniziali di un percorso scolastico sono, dal punto di vista dell’insegnante che ci lavora, un po’ come il semilavorato che entra in fabbrica e deve essere portato a prodotto finito di qualità; è indubbio quindi che la loro creazione (a partire dall’insieme delle domande di iscrizione ), sia come livello medio di partenza, sia come aggregazione di singoli ragazzi, costituisce un momento fondamentale per il c.d.c./team e per ogni insegnante; la formazione delle classi iniziali (ma anche di quelle che si ricompongono all’inizio di un nuovo ciclo o per l’eliminazione di una sezione) deve rispondere soprattutto a criteri di omogeneità. Elementi di giudizio: modalità di definizione, aggiornamento e diffusione dei criteri di formazione delle classi iniziali, modalità per declinare la condivisione dei criteri 3 Sono previste attività curricolari e di recupero tese a migliorare la conoscenza della lingua italiana per gli allievi stranieri? Dal punto di vista dell’insegnante tenuto a fare lezione ad una classe, la presenza di un numero elevato di allievi non italiofoni costituisce un problema, seppur circoscritto al solo ambito professionale. Elementi di giudizio: progetti o percorsi d’accoglienza e “in itinere”, verifica delle competenze linguistiche in ingresso, risorse dedicate 3 Indicatori Spiegazioni per il GV Punti max ESEMPIO
  88. 88. PER LE SCUOLE C – Contenuto del lavoro – PERSONALE AMMINISTRATIVO Le mansioni da svolgere sono ben definite e circoscritte? In un’organizzazione complessa, la chiarezza del proprio ruolo e di quello che compete a ciascun lavoratore all’interno di un piccolo gruppo coeso (come tutti gli amministrativi della stessa segreteria) costituiscono fattori importanti per la qualità del lavoro. Elementi di giudizio: organigramma dei ruoli e delle funzioni, sovrapposizioni o ridondanze 3 Il lavoro può procedere senza interruzioni? Per chiunque svolga un lavoro prevalentemente intellettuale (in questo caso il personale amministrativo), le interruzioni sono deleterie perché affaticano moltissimo la mente. Elementi di giudizio: numero di telefonate cui rispondere, accesso diretto alle segreterie da parte dell’altro personale della scuola 6 Indicatori Spiegazioni per il GV Punti max ESEMPIO
  89. 89. PER LE SCUOLE C – Contenuto del lavoro – PERSONALE AUSILIARIO C’è coerenza tra le richieste del DS e quelle del DSGA? Una fonte di stress può nascere dal contrasto tra le esigenze o le consegne attribuite dal DS al singolo collaboratore e quelle stabilite nel mansionigramma o impartite dal DSGA. Elementi di giudizio: coerenza della richiesta del DS al singolo collaboratore con i compiti abituali di quest’ultimo all’interno dell’organizzazione scolastica, sovrapposizione di conferimento d’incarichi specifici tra DS e DSGA 3 Le macchine e le attrezzature a disposizione sono di facile impiego? I problemi possono nascere sia per l’utilizzo di macchine o attrezzature non adeguate (non ergonomiche, difettose, ecc.), sia per la necessità di operare con macchine complesse e delicate, di cui non si conoscono le modalità corrette d’uso. Elementi di giudizio: funzionalità e vetustà delle macchine e delle attrezzature, assistenza tecnica, addestramento all’uso di nuove macchine e attrezzature 3 Indicatori Spiegazioni per il GV Punti max ESEMPIO
  90. 90. PER LE SCUOLE C – Contenuto del lavoro – PERSONALE TECNICO Le mansioni da svolgere sono ben definite e circoscritte? In un’organizzazione complessa, la chiarezza del proprio ruolo e di quello che compete a ciascun lavoratore all’interno di un piccolo gruppo coeso (come tutto il personale che opera nello stesso reparto o laboratorio) costituiscono fattori importanti per la qualità del lavoro. Elementi di giudizio: organigramma dei ruoli, delle funzioni e delle aree o azioni di pertinenza, sovrapposizioni di più incarichi 3 Il responsabile di laboratorio supporta il personale quando bisogna affrontare nuove procedure di lavoro o utilizzare nuove macchine o attrezzature? L’addestramento rispetto ai contenuti della propria mansione è un obbligo sancito dalla legge (D.Lgs. 81/08, art. 37); rispetto alle novità introdotte nel lavoro dei tecnici, il soggetto incaricato di addestrarli non può che essere il responsabile di laboratorio, eventualmente in collaborazione (per i temi della sicurezza) con il Servizio di Prevenzione e Protezione dell’istituto. Elementi di giudizio: azioni di addestramento da parte del responsabile del laboratorio o di altri insegnanti 6 Indicatori Spiegazioni per il GV Punti max ESEMPIO
  91. 91. Sottoarea C4 Punteggio finale Livello di rischio ESITO FINALE E AZIONI DA METTERE IN ATTO Esclusa ≤ 60 Basso L’analisi degli indicatori non evidenzia particolari condizioni organizzative che possano determinare la presenza di stress correlato al lavoro. Ripetere l’intera indagine (griglia + check list) ogni 2 aa.ss, effettuare eventuali interventi migliorativi nelle aree che dovessero essere comunque risultate negative. Inclusa ≤ 65 Esclusa ≤ 115 Medio L’analisi degli indicatori evidenzia condizioni organizzative che possono determinare la presenza di stress correlato al lavoro. Realizzare gli interventi correttivi rispetto agli indicatori della check list dove è stata valutata una situazione “mediocre” o “cattiva” e ripetere l’intera indagine (griglia + check list) dopo un anno. Se la successiva valutazione non evidenzia un abbassamento del rischio al livello “basso”, realizzare la valutazione approfondita (vedi sez. J) e ripetere l’intera indagine (griglia + check list) dopo 1 - 2 aa.ss. Inclusa ≤ 130 Esclusa > 115 Alto L’analisi degli indicatori evidenzia condizioni organizzative che possono determinare la presenza di stress correlato al lavoro. Realizzare gli interventi correttivi rispetto agli indicatori della check list dove è stata valutata una situazione “mediocre” o “cattiva” e ripetere l’intera indagine (griglia + check list) al più dopo un anno. Se la successiva valutazione non evidenzia un abbassamento del rischio al livello “basso”, realizzare la valutazione approfondita (vedi sez. J) e ripetere l’intera indagine (griglia + check list) dopo 1 a.s. Inclusa > 130 VALUTAZIONE COMPLESSIVA E INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI RISCHIO

×