SlideShare a Scribd company logo
DANTE ALIGHIERI
   1265-1321
Dante è:

   il primo autore a costituire un              •Anche se
    complesso di opere in volgare che            non è il
    riassumono la mentalità medioevale           primo poeta
   il primo a teorizzare l’uso del volgare in   in volgare
    letteratura (DE VULGARI
    ELOQUENTIA)
   il primo intellettuale consapevole del
    proprio ruolo e funzione (intellettuale
    “comunale”)
    un intellettuale militante
    (poetapolitica)
La situazione a Firenze e in Italia
                                                                Comuni
 In Italia, per tutto il XII secolo e parte del XIII,
    Papato e Impero continuano ad essere in conflitto.      Lotte tra guelfi e
   Al tempo di Federico II (fino al 1250) l’impero è in       ghibellini
    fase di affermazione. Con la sua morte però
    l’impero si indebolisce
                                                              Incremento
   A Firenze si crea un governo “comunale” guidato da
                                                              delle attività
    un Capitano del popolo e affiancato da un consiglio       mercantili e
    di rappresentanti delle ARTI.                             manifatturiere
   In un primo tempo prevalgono i ghibellini, guidati
    da Farinata degli Uberti, (battaglia di Montaperti        Sviluppo della
    -1260).                                                   borghesia
   Ma dopo il 1266 gli eredi di Federico II sono
    sconfitti da Carlo d’Angiò, re di Francia chiamato in
    Italia dal papa.
   Dovunque i guelfi riprendono vigore. Nel 1289 a
    Campaldino i guelfi fiorentini sconfiggono aretini e
    senesi (ghibellini)
Guelfi Bianchi e Neri


 Dal 1251 Firenze è comune, fino all’ascesa dei Medici nel
  1434
 Governano dapprima l’aristocrazia poi i grandi borghesi
  esponenti delle professioni.
 Si scontrano due fazioni del partito guelfo
     bianchi (capeggiati dai Cerchi-moderati)
     Neri (guelfi filo-aristocratici)
     nella contesa si inserisce papa Bonifacio VIII, sostenendo i Neri
Dante Alighieri
Una famiglia di piccola nobiltà (non feudale)



                      Alighiera + Cacciaguida


                                Alighiero


   Bello                                        Bellincione


   Geri                         Altri figli             Alighiero II + Bella


                                                              Dante
Gli anni giovanili (1265-1290)


 Nasce tra il 21 maggio e il 20 giugno del 1265 a Firenze
     Il padre si dedica alla vendita di terreni e a traffici valutari
 Segue un normale corso di studi
 1274: primo incontro con Beatrice (identificata con Bice di Folco Portinari
  poi sposata a Simone dei Bardi, n.1266- m .1290)
 1277: contratto di matrimonio con Gemma di Manetto Donati, sposata nel
  1285, da cui avrà Jacopo, Pietro, Antonia (forse Giovanni)
 Ha rapporti con Gianni Alfani, Lapo Gianni e corrispondenza poetica,
  amicizia, sodalizio culturale con Guido Cavalcanti
 1287: soggiorno a Bologna e conoscenza della poesia guinizzelliana
Il “traviamento” e la “conversione” 1290-1295

 Traviamento successivo alla morte di Beatrice:
   morale (vita non irreprensibile)
   culturale (abbandono dell’ideale amoroso rappresentato da Beatrice e conversione alla
    filosofia)
 Approfondisce gli studi filosofici grazie all’amicizia con il “maestro” Brunetto
  Latini, esperto di ars dictaminis e lett. francese
 Reinterpreta la sua esperienza poetica giovanile nella Vita Nuova
 Frequenta le scuole dei religiosi:
     Domenicani di S. Maria Novella (sostenitori del pensiero di Alberto Magno e Tommaso
      d’Aquino)
     Francescani di S. Croce (testi di mistici medievali e problematiche legate al
      rinnovamento della Chiesa)
La vita pubblica


 Militare-1289: partecipa alla battaglia di Campaldino
  contro i ghibellini di Arezzo e all’assedio del castello di
  Caprona
 1294: Modifica degli Ordinamenti di Giustizia di Giano
  della Bella, istituiti nel 1293 > …ma i magnati
  RESTANO ancora esclusi dalle cariche. Viene accettata
  la piccola nobiltà purchè iscritta a un’Arte
     1295: Dante si iscrive all’Arte dei Medici e degli Speziali
L’impegno politico 1295-1304 e la condanna

 Dante è guelfo bianco
     1300: è priore; è costretto ad esiliare Corso Donati e Guido Cavalcanti in
      seguito a violenti scontri fra le fazioni
 1301: è uno dei 3 ambasciatori inviati a Bonifacio VIII per dissuaderlo
  dalla sua ingerenza nella politica di Firenze.
     Carlo di Valois formalmente viene inviato dal papa in Toscana come paciere,
      in realtà favorisce i Neri e consegna loro Firenze.
 Dante viene accusato di BARATTERIA(=TRAFFICO DI FAVORI
  POLITICI)
     (CONDANNATO A UNA multa + 2 anni di confino, sequestro dei beni entro
      3 giorni), ma rifiuta di rientrare a Firenze, così il 10 marzo 1302 la sua pena è
      commutata in contumacia in quella di morte.
L’esilio

 Partecipa ai tentativi di rientro a Firenze da parte dei
  bianchi esiliati, poi, sperando nella mediazione del nuovo
  papa Benedetto XI, fa “parte per se stesso”.
 20 luglio 1304: non partecipa alla disastrosa battaglia della
  Lastra, in cui i fuorusciti sono sconfitti duramente.
1305-1312

 1305: estensione della condanna ai figli.
   Dante vuol dimostrare il proprio genio ai fiorentini con le opere
    letterarie
 1305-1306: “come sa di sale lo pane altrui”…
   è ospitato a Treviso, Padova, Venezia, Casentino, Lunigiana… Scrive
    l’Inferno, il Convivio (1304-07)
 1307-11:IN TOSCANA
   è a Poppi da Guido di Battifolle (1308 Purgatorio)

 1310:
   discesa in Italia di Arrigo VII di Lussemburgo. Dante spera in una
    restaurazione imperiale e si reca a Milano per rendergli omaggio.
    Teoria dei DUE SOLI (1310-11 Epistole ai pricipi italiani, ad Arrigo,
    contro i Fiorentini)
 1313: morte di Arrigo e delusione di Dante
1312-1321
 1312-1318: con i figli Jacopo e Pietro si rifugia a Verona,
  ospite di Cangrande della Scala
     1315: umiliante proposta di amnistia da parte del Comune di
      Firenze. Dante dovrebbe pagare una multa e riconoscersi colpevole
      in atto di penitente, ma rifiuta con l’Epistola all’amico fiorentino;
      viene proclamato ribelle con la conferma della condanna a morte
 Diffusione di Inferno e Purgatorio
 1313-18: Monarchia
 Dante lavora al Paradiso (1316 Epistola dedicatoria a
  Cangrande)
 1318: è a Ravenna da Guido Novello da Polenta
 1319-20 scrive le Egloge, la Quaestio de situ et forma aquae
  et terrae
 Rientrato da una missione diplomatica a Venezia, contrae
  febbri malariche e muore a Ravenna il 14 settembre 1321.
  Viene sepolto nella chiesa di S.Piero Maggiore, divenuta oggi
  S.Francesco.
La “biblioteca” di Dante

Inferno IV (biblioteca “pagana”):
    Virgilio Orazio Ovidio Lucano Cicerone Aristotele (in
     latino)
Paradiso X (biblioteca cristiana):
  Tommaso, Alberto Magno, Boezio
  Isidoro di Siviglia, Paolo Orosio, Graziano, etc

  Agostino
        Scuole religiose di Firenze.
           • Domenicani (S.M.Novella- Aristotele, Tommaso)
           • Francescani (Santa Croce- Gioacchino da Fiore)
           • Agostiniani (Santo Spirito- Agostino)
La teorizzazione dell’uso del volgare

                                                   De vulgari
                                                   eloquentia
   Illustra una tradizione poetica all’interno della quale si
    colloca lo stesso Dante
   Crea la prima storia della letteratura in volgare e un
    CANONE degli autori
   Usa consapevolmente il volgare per elargire il sapere a un
    più vasto pubblico, contro la tradizione dell’epoca che
    vedeva nel latino la lingua della cultura
Raccoglie rime
                                     La vita nuova                           precedentemente
                                           Libello -1292  93                composte,
                                                                             assemblate in una
                                                                             cornice narrativa
                                                                             da parti in prosa
42 capitoli

31 testi poetici (25 sonetti, 5 canzoni, 1 ballata)

prosimetron                             Come il De consolatione philosophiae di Boezio


 autobiografia       autoesegesi

 Trasfigurazione e                                tipizzazione
 idealizzazione degli                                                   Mediante la numerologia
 avvenimenti biografici,
                                                 paradigmaticità
 interpretati in chiave simbolica


Rielaborazione personale delle
teorie stilnovistiche                Da Guinizzelli: il tema del saluto-salute e della loda

                               Da Cavalcanti: la fenomenologia d’amore e la sofferenza amorosa
Il saluto


Dispensa salus (grazia e salvezza
  eterna)
Infonde sentimenti di carità e umiltà,
  prefigurando la beatitudine celeste
Trasforma l’amore terreno in mezzo
  per avvicinarsi a Dio
Quando Beatrice nega il saluto a
  Dante non rimane che la lode di lei
La loda

Stilo de la loda →Donne
  ch’avete intelletto d’amore
L’amore non è brama di
  essere corrisposti ma gioia
  gratuita
Dio stesso ha mandato
  Beatrice “da cielo in terra
  a miracol mostrare”
  quindi, a differenza di
  Guinizzelli, Dante non
  deve giustificarsi per le
  lodi che le tributa
Dante                                        Cavalcanti

L’amore regna guidato da                     L’amore è passione
 ragione che giustamente                         sconvolgente che
 impone di amare una                             coinvolge anima
 donna perfetta                                  sensitiva e intellettiva e
 intermediatrice con Dio                         non è razionale




   Il progressivo distacco di Dante da “lo primo del li suoi amici” è sancito
   nel Canto X dell’Inferno, dove Dante incontra Cavalcante Cavalcanti fra
   gli eretici negatori dell’immortalità dell’anima, e getta un’ombra di
   ateismo anche sul figlio
Vita nuova: giovinezza rinnovata dall’amore
                      per BEATRICE




 DANTE incontra Beatrice a nove anni, e la rivede nove anni
  dopo; lei lo saluta
 Per nascondere il suo amore ricorre per due volte
  all’espediente della donna-schermo; ha fama così di amante
  volubile e Beatrice gli nega il saluto
 Dante decide di amarla solo attraverso la loda
 Presagi che alludono alla morte di Beatrice, che poi avviene
 Dante chiude l’opera dicendo che non parlerà più di lei fino a
  quando non potrà dirne “quello che mai non fue detto di
  alcuna”
Vita nuova

                                          Pitagora
 Primo incontro a
  Nove anni (la rivede           Cabala
  dopo altri Nove)
 RITRATTO di
                                                                 Isidoro di Siviglia
  Beatrice                  Nomen omen                              Etymologiae
                   Nomina sunt consequentia rerum                Liber Numerorum
                        Interpretatio nominis
 Abbigliamento
                   Sanguigno colore, umile onesto nobilissimo, convenienza
                   (dignitas)
 angelicazione

                  Angiola giovanissima, “filia Dei” (Omero, Iliade XXIV)
Le Rime
esordi

Rime di
 corrispondenza con
 amici: in particolare
 con Guido Cavalcanti,
 con Dante da Maiano,
 con Cino da Pistoia
Sonetto Guido i’vorrei
Le rime petrose

Un gruppo di canzoni tra cui 2 sestine
        (forma praticata da Arnaut Daniel, “lo miglior fabbro del parlar
         materno” secondo Dante e l’unico che nella Commedia si
         esprime nella sua lingua, il provenzale)
  Sono dedicate a una donna che ha il nome-senhal di
   Petra (per indicare la sua durezza, e il fatto che non
   corrisponde all’amore di Dante)
  In esse D. sperimenta lo stile “aspro” con suoni
   duri,termini violenti o anche volgari, metafore tratte da
   campi semantici come la guerra, il cibo, i mestieri
La tenzone con Forese Donati

 Tre coppie di sonetti (tre di Dante e tre di Forese)
  nei quali i due si scambiano insulti (topici)
 Anteriore al 1296 anno della morte di Forese
  (fratello di Corso). Dante poi immagina di
  incontrare Forese nel Purgatorio, fra i golosi (un
  vizio che gli aveva rimproverato nella tenzone) e
  di ritrattare le accuse (palinodia)
 Utilizza il registro comico e della invettiva che si
  sviluppo’ soprattutto nella poesia senese il cui più
  importante esponente è Cecco Angiolieri)
 Plurilinguismo: Dante sperimenta diversi registri
  linguistici che utilizzera’ nella Commedia
Il FIORE

Attribuito a Dante, è la traduzione rimaneggiata di
 un poemetto allegorico (il ROMAN DE LA ROSE) in
 cui si rappresenta il processo dell’amor cortese fino
 alla conquista vera e propria della donna, che si
 concede
232 sonetti tutti con lo stesso schema
Il Convivio
il De vulgari eloquentia
      il Monarchia

     DANTE ALIGHIERI
Dopo la morte di Beatrice

Dante si dedica agli studi
 filosofici (De consolatione
 philosophiae di Boezio)
Compone canzoni allegorico-
 dottrinali per la donna gentile
 (allegoria della filosofia)
    Alcune di queste canzoni furono
                                       Autoesegesi, come in
     successivamente commentate da         Vita Nuova
     Dante stesso nel Convivio
Divulgare il sapere per le nuove classi
   Convivio                           sociali (BORGHESI)



130406 primi anni di esilio
enciclopediail banchetto del                        tutti gli uomini
                                                      hanno fame del
 sapere                                               sapere come del
                                                      cibo: Dante, che ha
        Commento a canzoni dottrinali che            partecipato al
         trattavano grandi questioni filosofiche:     banchetto di grandi
         ma è interrotto al 4° libro poiché Dante     sapienti, può offrire a
         si dedica alla Commedia                      coloro che non hanno
                                                      il tempo o gli
                                                      strumenti per
                                                      costruire la propria
                                                      educazione, almeno
                                                      le briciole della
                                                      sapienza filosofica
De vulgari eloquentia

130407        per   approfondire le teorie linguistiche accennate nel trattato

Incompiuto
                                   In latino: perché si rivolge ai “literati”
       Circolò
        pochissimo, si            4 libri: ma ne scrisse solo 1 e mezzo
        diffuse solo nel      I° libro: teoria del linguaggio:
        Cinquecento e ne
                              •Lingua volgare naturale (materna), segue l’uso,
        abbiamo 3 soli
                              è variabile
        esemplari
                              •“Gramatica”: il latino (lingua convenzionale e
                              immutabile “inventata” per ovviare alle difficoltà
                              di comprensione causate dalle lingua naturali
                              •Dopo la distruzione della Torre di Babele gli
                              uomini, che prima parlavano tutti l’ebraico,
                              svilupparono diverse lingue
I volgari                      Teoria degli stili e congruenza
                                   materia-stile
     italiani
Li analizza per individuare     Non la lingua italiana da “parlare “
                                 ma il linguaggio della poesia
 il volgare adatto alla lirica
 di argomento elevato
 (VOLGARE ILLUSTRE)
                                      Punto di riferimento di tutte
                     Cardinale
                                      le lingue municipali
                     Aulico           Sarebbe proprio della
                                      reggia, se ci fosse
                     Curiale
                                     Poiché in Italia non vi è una
                                     corte nazionale, il
                                     linguaggio della corte e’
                                     quello usato da tutti i grandi
                                     poeti (corte di intellettuali)
Monarchia               Dedicato alla riflessione sulla politica e sul potere



 Composto forse nel           Tema: la necessità dell’impero universale a
                               garanzia della pace e della giustizia
  1313
 In latino                     il rapporto tra i poteri universali (papato e impero)

 3 libri     Ogni ente creato ha un suo fine ultimo dipendente dalla sua
              natura (teleologismo- Aristotele)

 Natura umana: duplice (anima, immaterialeimmortale; corpo materialemortale)


    Fine dell’anima:
    la salvezza                                fine del corpo: la vita ordinata
    eterna                                     e pacifica in società, secondo
                                               giustizia
    Ad essa ci guida
    la Chiesa e il                              ad essa ci guida l’imperatore
    papa
La teoria dei due soli

 Tra la fine del Duecento e l’inizio del Trecento si riaccende
  il conflitto tra i poteri universali, papato e impero
  (entrambi in declino poiché stanno emergendo le
  monarchie nazionali)
 Teoria teocratica:
        il potere supremo è del Papa (Sole) diretto emissario di Cristo sulla terra
       L’imperatore deriva il suo potere dal papa che glielo concede (come la
        luna, è illuminato di luce riflessa)
 Teoria di Dante:
 Impero e papato sono entrambi soli, e il loro potere deriva
  direttamente da Dio che li ha preposti ciascuno al
  raggiungimento di uno dei fini propri dell’uomo

More Related Content

What's hot

Dante opere
Dante opereDante opere
Dante opere
Vittoria Ciminelli
 
Scuola poetica siciliana
Scuola poetica sicilianaScuola poetica siciliana
Scuola poetica siciliana
francescapiras
 
Il dolce Stil Novo e Guido Guinizzelli
Il dolce Stil Novo e Guido GuinizzelliIl dolce Stil Novo e Guido Guinizzelli
Il dolce Stil Novo e Guido Guinizzelli
Marco Chizzali
 
Giovanni Boccaccio
Giovanni BoccaccioGiovanni Boccaccio
Giovanni Boccaccio
Paola Barbarossa
 
Francesco Petrarca
Francesco PetrarcaFrancesco Petrarca
Francesco Petrarca
valeriaprof
 
La scuola poetica siciliana - Prof. Zenoni
La scuola poetica siciliana - Prof. ZenoniLa scuola poetica siciliana - Prof. Zenoni
La scuola poetica siciliana - Prof. Zenoni
teozenoni
 
La lotta per le investiture
La lotta per le investitureLa lotta per le investiture
La lotta per le investiture
voglio10italiano
 
La Spagna di Filippo II
La Spagna di Filippo IILa Spagna di Filippo II
La Spagna di Filippo II
Gianfranco Marini
 
Giacomo leopardi
Giacomo leopardiGiacomo leopardi
Giacomo leopardi
doncarletto
 
La Letteratura italiana del '200
La Letteratura italiana del '200La Letteratura italiana del '200
La Letteratura italiana del '200
voglio10italiano
 
Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]
Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]
Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]
teozenoni
 
Carlo V D'Asburgo
Carlo V D'AsburgoCarlo V D'Asburgo
Carlo V D'Asburgo
aiutodislessia
 
La guerra dei Cent'anni
La guerra dei Cent'anniLa guerra dei Cent'anni
La guerra dei Cent'anni
Giorgio Scudeletti
 
Il Rinascimento
Il RinascimentoIl Rinascimento
Il Rinascimento
La Scuoleria
 
Francesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
Francesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suonoFrancesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
Francesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
Cristina Pellegrino
 
Vittorio Alfieri.
Vittorio Alfieri.Vittorio Alfieri.
Vittorio Alfieri.
Palamaza
 

What's hot (20)

Dante opere
Dante opereDante opere
Dante opere
 
Scuola poetica siciliana
Scuola poetica sicilianaScuola poetica siciliana
Scuola poetica siciliana
 
Il dolce Stil Novo e Guido Guinizzelli
Il dolce Stil Novo e Guido GuinizzelliIl dolce Stil Novo e Guido Guinizzelli
Il dolce Stil Novo e Guido Guinizzelli
 
Giovanni Boccaccio
Giovanni BoccaccioGiovanni Boccaccio
Giovanni Boccaccio
 
La "Scuola siciliana"
La "Scuola siciliana"La "Scuola siciliana"
La "Scuola siciliana"
 
Francesco Petrarca
Francesco PetrarcaFrancesco Petrarca
Francesco Petrarca
 
La scuola poetica siciliana - Prof. Zenoni
La scuola poetica siciliana - Prof. ZenoniLa scuola poetica siciliana - Prof. Zenoni
La scuola poetica siciliana - Prof. Zenoni
 
La lotta per le investiture
La lotta per le investitureLa lotta per le investiture
La lotta per le investiture
 
La Spagna di Filippo II
La Spagna di Filippo IILa Spagna di Filippo II
La Spagna di Filippo II
 
Francesco petrarca
Francesco petrarcaFrancesco petrarca
Francesco petrarca
 
Carlo V
Carlo VCarlo V
Carlo V
 
Giacomo leopardi
Giacomo leopardiGiacomo leopardi
Giacomo leopardi
 
La Letteratura italiana del '200
La Letteratura italiana del '200La Letteratura italiana del '200
La Letteratura italiana del '200
 
Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]
Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]
Vita Nova Prof. Zenoni [modalità compatibilità]
 
Carlo V D'Asburgo
Carlo V D'AsburgoCarlo V D'Asburgo
Carlo V D'Asburgo
 
La guerra dei Cent'anni
La guerra dei Cent'anniLa guerra dei Cent'anni
La guerra dei Cent'anni
 
Il Rinascimento
Il RinascimentoIl Rinascimento
Il Rinascimento
 
Francesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
Francesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suonoFrancesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
Francesco Petrarca: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
 
Purgatorio
PurgatorioPurgatorio
Purgatorio
 
Vittorio Alfieri.
Vittorio Alfieri.Vittorio Alfieri.
Vittorio Alfieri.
 

Viewers also liked

Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo
Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso MedioevoUngari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo
Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo
Giorgio Scudeletti
 
La Poesia.
La Poesia.La Poesia.
La Poesia.
Fulvia
 
Dante e la donna
Dante e la donnaDante e la donna
Dante e la donna
mediamentescuola
 
Dante panoramica generale
Dante panoramica generaleDante panoramica generale
Dante panoramica generale
Maruzells zells
 
La scuola siciliana
La scuola sicilianaLa scuola siciliana
La scuola siciliana
Marco Chizzali
 
Analisi del testo poetico
Analisi del testo poeticoAnalisi del testo poetico
Analisi del testo poetico
David Del Carlo
 
Il Principe di Machiavelli
Il Principe di MachiavelliIl Principe di Machiavelli
Il Principe di Machiavelli
Giovanni Paoli
 
Poesia comico realistica
Poesia comico realisticaPoesia comico realistica
Poesia comico realistica
francescamagi
 
Giuseppe Parini
Giuseppe Parini Giuseppe Parini
Giuseppe Parini
Carmen Piazza
 
Petrarca
PetrarcaPetrarca
Petrarca
Agati Mario
 
Il Canzoniere di Petrarca
Il Canzoniere di PetrarcaIl Canzoniere di Petrarca
Il Canzoniere di Petrarca
very
 
Autori italiani del 1500 - Torquato Tasso
Autori italiani del 1500 - Torquato TassoAutori italiani del 1500 - Torquato Tasso
Autori italiani del 1500 - Torquato Tasso
fms
 
Il decamerone o decameron
Il decamerone o decameronIl decamerone o decameron
Il decamerone o decameron
lauretta90
 
Autori1500 Ludovico Ariosto
Autori1500 Ludovico AriostoAutori1500 Ludovico Ariosto
Autori1500 Ludovico Ariosto
fms
 
Le figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola mediaLe figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola media
enzagrasso
 
Poesia e prosa del Trecento
Poesia e prosa del TrecentoPoesia e prosa del Trecento
Poesia e prosa del Trecento
Elena Pasi
 

Viewers also liked (20)

Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo
Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso MedioevoUngari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo
Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo
 
La Poesia.
La Poesia.La Poesia.
La Poesia.
 
Dante e la donna
Dante e la donnaDante e la donna
Dante e la donna
 
Dante panoramica generale
Dante panoramica generaleDante panoramica generale
Dante panoramica generale
 
Dante
DanteDante
Dante
 
La scuola siciliana
La scuola sicilianaLa scuola siciliana
La scuola siciliana
 
Analisi del testo poetico
Analisi del testo poeticoAnalisi del testo poetico
Analisi del testo poetico
 
Il Principe di Machiavelli
Il Principe di MachiavelliIl Principe di Machiavelli
Il Principe di Machiavelli
 
Poesia comico realistica
Poesia comico realisticaPoesia comico realistica
Poesia comico realistica
 
Parini
PariniParini
Parini
 
Decameron
DecameronDecameron
Decameron
 
Machiavelli
MachiavelliMachiavelli
Machiavelli
 
Giuseppe Parini
Giuseppe Parini Giuseppe Parini
Giuseppe Parini
 
Petrarca
PetrarcaPetrarca
Petrarca
 
Il Canzoniere di Petrarca
Il Canzoniere di PetrarcaIl Canzoniere di Petrarca
Il Canzoniere di Petrarca
 
Autori italiani del 1500 - Torquato Tasso
Autori italiani del 1500 - Torquato TassoAutori italiani del 1500 - Torquato Tasso
Autori italiani del 1500 - Torquato Tasso
 
Il decamerone o decameron
Il decamerone o decameronIl decamerone o decameron
Il decamerone o decameron
 
Autori1500 Ludovico Ariosto
Autori1500 Ludovico AriostoAutori1500 Ludovico Ariosto
Autori1500 Ludovico Ariosto
 
Le figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola mediaLe figure retoriche per la scuola media
Le figure retoriche per la scuola media
 
Poesia e prosa del Trecento
Poesia e prosa del TrecentoPoesia e prosa del Trecento
Poesia e prosa del Trecento
 

Similar to Dante biografia e produzione

Dante Alighieri
Dante AlighieriDante Alighieri
Dante Alighieri
ProveZacademy
 
Cap 01
Cap 01Cap 01
Allegato 2 origini supporto alla lezione sui primi documenti
Allegato 2 origini  supporto alla lezione sui primi documentiAllegato 2 origini  supporto alla lezione sui primi documenti
Allegato 2 origini supporto alla lezione sui primi documenti
Dora Sperti
 
D'Annunzio
D'AnnunzioD'Annunzio
Inferno1
Inferno1Inferno1
Inferno1
irene_giordano
 
Martella luca 2014 2015
Martella luca 2014 2015Martella luca 2014 2015
Martella luca 2014 2015
lucadrummer
 
Martella luca 2014
Martella luca 2014Martella luca 2014
Martella luca 2014
lucadrummer
 
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte  II: lezione per la III B afmDio e danaro parte  II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
paola corrias
 
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte  II: lezione per la III B afmDio e danaro parte  II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
paola corrias
 
Petrarca
PetrarcaPetrarca
Petrarca
fms
 
Primato del fiorentino letterario
Primato del fiorentino letterarioPrimato del fiorentino letterario
Primato del fiorentino letterario
B.Samu
 
Giovanni Boccaccio (Alex)
Giovanni Boccaccio (Alex)Giovanni Boccaccio (Alex)
Giovanni Boccaccio (Alex)
26digitali
 
IL MORGANTE.pptx
IL MORGANTE.pptxIL MORGANTE.pptx
IL MORGANTE.pptx
MatteoEolini
 
Scuola siciliana
Scuola sicilianaScuola siciliana
Scuola siciliana
Raoul Elia
 
2022.04-02 ATTPT RAFFAELLO SANZIO def.pptx
2022.04-02    ATTPT  RAFFAELLO SANZIO def.pptx2022.04-02    ATTPT  RAFFAELLO SANZIO def.pptx
2022.04-02 ATTPT RAFFAELLO SANZIO def.pptx
siciliambiente
 
Illuminismo Italiano
Illuminismo ItalianoIlluminismo Italiano
Illuminismo Italiano
AndreaDeSanctis6
 

Similar to Dante biografia e produzione (20)

Dante
DanteDante
Dante
 
Dante Prof
Dante ProfDante Prof
Dante Prof
 
Dante Alighieri
Dante AlighieriDante Alighieri
Dante Alighieri
 
Dante
DanteDante
Dante
 
Cap 01
Cap 01Cap 01
Cap 01
 
Dantelucy
DantelucyDantelucy
Dantelucy
 
Allegato 2 origini supporto alla lezione sui primi documenti
Allegato 2 origini  supporto alla lezione sui primi documentiAllegato 2 origini  supporto alla lezione sui primi documenti
Allegato 2 origini supporto alla lezione sui primi documenti
 
D'Annunzio
D'AnnunzioD'Annunzio
D'Annunzio
 
Inferno1
Inferno1Inferno1
Inferno1
 
Martella luca 2014 2015
Martella luca 2014 2015Martella luca 2014 2015
Martella luca 2014 2015
 
Martella luca 2014
Martella luca 2014Martella luca 2014
Martella luca 2014
 
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte  II: lezione per la III B afmDio e danaro parte  II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
 
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte  II: lezione per la III B afmDio e danaro parte  II: lezione per la III B afm
Dio e danaro parte II: lezione per la III B afm
 
Petrarca
PetrarcaPetrarca
Petrarca
 
Primato del fiorentino letterario
Primato del fiorentino letterarioPrimato del fiorentino letterario
Primato del fiorentino letterario
 
Giovanni Boccaccio (Alex)
Giovanni Boccaccio (Alex)Giovanni Boccaccio (Alex)
Giovanni Boccaccio (Alex)
 
IL MORGANTE.pptx
IL MORGANTE.pptxIL MORGANTE.pptx
IL MORGANTE.pptx
 
Scuola siciliana
Scuola sicilianaScuola siciliana
Scuola siciliana
 
2022.04-02 ATTPT RAFFAELLO SANZIO def.pptx
2022.04-02    ATTPT  RAFFAELLO SANZIO def.pptx2022.04-02    ATTPT  RAFFAELLO SANZIO def.pptx
2022.04-02 ATTPT RAFFAELLO SANZIO def.pptx
 
Illuminismo Italiano
Illuminismo ItalianoIlluminismo Italiano
Illuminismo Italiano
 

More from francescapiras

Arte egizia
Arte egiziaArte egizia
Arte egizia
francescapiras
 
Scheda di analisi del testo narrativo
Scheda di analisi del testo narrativoScheda di analisi del testo narrativo
Scheda di analisi del testo narrativo
francescapiras
 
Dedalus et icarus
Dedalus et icarusDedalus et icarus
Dedalus et icarus
francescapiras
 
Carlo magno
Carlo magnoCarlo magno
Carlo magno
francescapiras
 
Nascita lingue romanze e volgare italiano
Nascita lingue romanze e volgare italianoNascita lingue romanze e volgare italiano
Nascita lingue romanze e volgare italiano
francescapiras
 
Puer aegrotus. deponenti
Puer aegrotus. deponentiPuer aegrotus. deponenti
Puer aegrotus. deponenti
francescapiras
 
Lettera email
Lettera emailLettera email
Lettera email
francescapiras
 
Numeri difficiles1
Numeri difficiles1Numeri difficiles1
Numeri difficiles1
francescapiras
 
La necessità del diritto e dello stato
La necessità del diritto e dello statoLa necessità del diritto e dello stato
La necessità del diritto e dello stato
francescapiras
 
Tecniche testo argomentativo
Tecniche testo argomentativoTecniche testo argomentativo
Tecniche testo argomentativo
francescapiras
 
Dal tardo impero all'alto medioevo
Dal tardo impero all'alto medioevoDal tardo impero all'alto medioevo
Dal tardo impero all'alto medioevo
francescapiras
 

More from francescapiras (15)

L'oltretomba etrusco
L'oltretomba etruscoL'oltretomba etrusco
L'oltretomba etrusco
 
Arte egizia
Arte egiziaArte egizia
Arte egizia
 
Scheda di analisi del testo narrativo
Scheda di analisi del testo narrativoScheda di analisi del testo narrativo
Scheda di analisi del testo narrativo
 
Theseus et ariadna
Theseus et ariadnaTheseus et ariadna
Theseus et ariadna
 
Dedalus et icarus
Dedalus et icarusDedalus et icarus
Dedalus et icarus
 
Obiettivi europa 2020
Obiettivi europa 2020Obiettivi europa 2020
Obiettivi europa 2020
 
Carlo magno
Carlo magnoCarlo magno
Carlo magno
 
Nascita lingue romanze e volgare italiano
Nascita lingue romanze e volgare italianoNascita lingue romanze e volgare italiano
Nascita lingue romanze e volgare italiano
 
Quarantennale mod
Quarantennale modQuarantennale mod
Quarantennale mod
 
Puer aegrotus. deponenti
Puer aegrotus. deponentiPuer aegrotus. deponenti
Puer aegrotus. deponenti
 
Lettera email
Lettera emailLettera email
Lettera email
 
Numeri difficiles1
Numeri difficiles1Numeri difficiles1
Numeri difficiles1
 
La necessità del diritto e dello stato
La necessità del diritto e dello statoLa necessità del diritto e dello stato
La necessità del diritto e dello stato
 
Tecniche testo argomentativo
Tecniche testo argomentativoTecniche testo argomentativo
Tecniche testo argomentativo
 
Dal tardo impero all'alto medioevo
Dal tardo impero all'alto medioevoDal tardo impero all'alto medioevo
Dal tardo impero all'alto medioevo
 

Dante biografia e produzione

  • 1. DANTE ALIGHIERI 1265-1321
  • 2. Dante è:  il primo autore a costituire un •Anche se complesso di opere in volgare che non è il riassumono la mentalità medioevale primo poeta  il primo a teorizzare l’uso del volgare in in volgare letteratura (DE VULGARI ELOQUENTIA)  il primo intellettuale consapevole del proprio ruolo e funzione (intellettuale “comunale”)  un intellettuale militante (poetapolitica)
  • 3. La situazione a Firenze e in Italia Comuni  In Italia, per tutto il XII secolo e parte del XIII, Papato e Impero continuano ad essere in conflitto. Lotte tra guelfi e  Al tempo di Federico II (fino al 1250) l’impero è in ghibellini fase di affermazione. Con la sua morte però l’impero si indebolisce Incremento  A Firenze si crea un governo “comunale” guidato da delle attività un Capitano del popolo e affiancato da un consiglio mercantili e di rappresentanti delle ARTI. manifatturiere  In un primo tempo prevalgono i ghibellini, guidati da Farinata degli Uberti, (battaglia di Montaperti Sviluppo della -1260). borghesia  Ma dopo il 1266 gli eredi di Federico II sono sconfitti da Carlo d’Angiò, re di Francia chiamato in Italia dal papa.  Dovunque i guelfi riprendono vigore. Nel 1289 a Campaldino i guelfi fiorentini sconfiggono aretini e senesi (ghibellini)
  • 4. Guelfi Bianchi e Neri  Dal 1251 Firenze è comune, fino all’ascesa dei Medici nel 1434  Governano dapprima l’aristocrazia poi i grandi borghesi esponenti delle professioni.  Si scontrano due fazioni del partito guelfo  bianchi (capeggiati dai Cerchi-moderati)  Neri (guelfi filo-aristocratici)  nella contesa si inserisce papa Bonifacio VIII, sostenendo i Neri
  • 5. Dante Alighieri Una famiglia di piccola nobiltà (non feudale) Alighiera + Cacciaguida Alighiero Bello Bellincione Geri Altri figli Alighiero II + Bella Dante
  • 6. Gli anni giovanili (1265-1290)  Nasce tra il 21 maggio e il 20 giugno del 1265 a Firenze  Il padre si dedica alla vendita di terreni e a traffici valutari  Segue un normale corso di studi  1274: primo incontro con Beatrice (identificata con Bice di Folco Portinari poi sposata a Simone dei Bardi, n.1266- m .1290)  1277: contratto di matrimonio con Gemma di Manetto Donati, sposata nel 1285, da cui avrà Jacopo, Pietro, Antonia (forse Giovanni)  Ha rapporti con Gianni Alfani, Lapo Gianni e corrispondenza poetica, amicizia, sodalizio culturale con Guido Cavalcanti  1287: soggiorno a Bologna e conoscenza della poesia guinizzelliana
  • 7. Il “traviamento” e la “conversione” 1290-1295  Traviamento successivo alla morte di Beatrice:  morale (vita non irreprensibile)  culturale (abbandono dell’ideale amoroso rappresentato da Beatrice e conversione alla filosofia)  Approfondisce gli studi filosofici grazie all’amicizia con il “maestro” Brunetto Latini, esperto di ars dictaminis e lett. francese  Reinterpreta la sua esperienza poetica giovanile nella Vita Nuova  Frequenta le scuole dei religiosi:  Domenicani di S. Maria Novella (sostenitori del pensiero di Alberto Magno e Tommaso d’Aquino)  Francescani di S. Croce (testi di mistici medievali e problematiche legate al rinnovamento della Chiesa)
  • 8. La vita pubblica  Militare-1289: partecipa alla battaglia di Campaldino contro i ghibellini di Arezzo e all’assedio del castello di Caprona  1294: Modifica degli Ordinamenti di Giustizia di Giano della Bella, istituiti nel 1293 > …ma i magnati RESTANO ancora esclusi dalle cariche. Viene accettata la piccola nobiltà purchè iscritta a un’Arte  1295: Dante si iscrive all’Arte dei Medici e degli Speziali
  • 9. L’impegno politico 1295-1304 e la condanna  Dante è guelfo bianco  1300: è priore; è costretto ad esiliare Corso Donati e Guido Cavalcanti in seguito a violenti scontri fra le fazioni  1301: è uno dei 3 ambasciatori inviati a Bonifacio VIII per dissuaderlo dalla sua ingerenza nella politica di Firenze.  Carlo di Valois formalmente viene inviato dal papa in Toscana come paciere, in realtà favorisce i Neri e consegna loro Firenze.  Dante viene accusato di BARATTERIA(=TRAFFICO DI FAVORI POLITICI)  (CONDANNATO A UNA multa + 2 anni di confino, sequestro dei beni entro 3 giorni), ma rifiuta di rientrare a Firenze, così il 10 marzo 1302 la sua pena è commutata in contumacia in quella di morte.
  • 10. L’esilio  Partecipa ai tentativi di rientro a Firenze da parte dei bianchi esiliati, poi, sperando nella mediazione del nuovo papa Benedetto XI, fa “parte per se stesso”.  20 luglio 1304: non partecipa alla disastrosa battaglia della Lastra, in cui i fuorusciti sono sconfitti duramente.
  • 11. 1305-1312  1305: estensione della condanna ai figli.  Dante vuol dimostrare il proprio genio ai fiorentini con le opere letterarie  1305-1306: “come sa di sale lo pane altrui”…  è ospitato a Treviso, Padova, Venezia, Casentino, Lunigiana… Scrive l’Inferno, il Convivio (1304-07)  1307-11:IN TOSCANA  è a Poppi da Guido di Battifolle (1308 Purgatorio)  1310:  discesa in Italia di Arrigo VII di Lussemburgo. Dante spera in una restaurazione imperiale e si reca a Milano per rendergli omaggio. Teoria dei DUE SOLI (1310-11 Epistole ai pricipi italiani, ad Arrigo, contro i Fiorentini)  1313: morte di Arrigo e delusione di Dante
  • 12. 1312-1321  1312-1318: con i figli Jacopo e Pietro si rifugia a Verona, ospite di Cangrande della Scala  1315: umiliante proposta di amnistia da parte del Comune di Firenze. Dante dovrebbe pagare una multa e riconoscersi colpevole in atto di penitente, ma rifiuta con l’Epistola all’amico fiorentino; viene proclamato ribelle con la conferma della condanna a morte  Diffusione di Inferno e Purgatorio  1313-18: Monarchia  Dante lavora al Paradiso (1316 Epistola dedicatoria a Cangrande)  1318: è a Ravenna da Guido Novello da Polenta  1319-20 scrive le Egloge, la Quaestio de situ et forma aquae et terrae  Rientrato da una missione diplomatica a Venezia, contrae febbri malariche e muore a Ravenna il 14 settembre 1321. Viene sepolto nella chiesa di S.Piero Maggiore, divenuta oggi S.Francesco.
  • 13. La “biblioteca” di Dante Inferno IV (biblioteca “pagana”):  Virgilio Orazio Ovidio Lucano Cicerone Aristotele (in latino) Paradiso X (biblioteca cristiana):  Tommaso, Alberto Magno, Boezio  Isidoro di Siviglia, Paolo Orosio, Graziano, etc  Agostino  Scuole religiose di Firenze. • Domenicani (S.M.Novella- Aristotele, Tommaso) • Francescani (Santa Croce- Gioacchino da Fiore) • Agostiniani (Santo Spirito- Agostino)
  • 14. La teorizzazione dell’uso del volgare De vulgari eloquentia  Illustra una tradizione poetica all’interno della quale si colloca lo stesso Dante  Crea la prima storia della letteratura in volgare e un CANONE degli autori  Usa consapevolmente il volgare per elargire il sapere a un più vasto pubblico, contro la tradizione dell’epoca che vedeva nel latino la lingua della cultura
  • 15. Raccoglie rime La vita nuova precedentemente Libello -1292 93 composte, assemblate in una cornice narrativa da parti in prosa 42 capitoli 31 testi poetici (25 sonetti, 5 canzoni, 1 ballata) prosimetron Come il De consolatione philosophiae di Boezio autobiografia autoesegesi Trasfigurazione e tipizzazione idealizzazione degli Mediante la numerologia avvenimenti biografici, paradigmaticità interpretati in chiave simbolica Rielaborazione personale delle teorie stilnovistiche Da Guinizzelli: il tema del saluto-salute e della loda Da Cavalcanti: la fenomenologia d’amore e la sofferenza amorosa
  • 16. Il saluto Dispensa salus (grazia e salvezza eterna) Infonde sentimenti di carità e umiltà, prefigurando la beatitudine celeste Trasforma l’amore terreno in mezzo per avvicinarsi a Dio Quando Beatrice nega il saluto a Dante non rimane che la lode di lei
  • 17. La loda Stilo de la loda →Donne ch’avete intelletto d’amore L’amore non è brama di essere corrisposti ma gioia gratuita Dio stesso ha mandato Beatrice “da cielo in terra a miracol mostrare” quindi, a differenza di Guinizzelli, Dante non deve giustificarsi per le lodi che le tributa
  • 18. Dante  Cavalcanti L’amore regna guidato da L’amore è passione ragione che giustamente sconvolgente che impone di amare una coinvolge anima donna perfetta sensitiva e intellettiva e intermediatrice con Dio non è razionale Il progressivo distacco di Dante da “lo primo del li suoi amici” è sancito nel Canto X dell’Inferno, dove Dante incontra Cavalcante Cavalcanti fra gli eretici negatori dell’immortalità dell’anima, e getta un’ombra di ateismo anche sul figlio
  • 19. Vita nuova: giovinezza rinnovata dall’amore per BEATRICE  DANTE incontra Beatrice a nove anni, e la rivede nove anni dopo; lei lo saluta  Per nascondere il suo amore ricorre per due volte all’espediente della donna-schermo; ha fama così di amante volubile e Beatrice gli nega il saluto  Dante decide di amarla solo attraverso la loda  Presagi che alludono alla morte di Beatrice, che poi avviene  Dante chiude l’opera dicendo che non parlerà più di lei fino a quando non potrà dirne “quello che mai non fue detto di alcuna”
  • 20. Vita nuova Pitagora  Primo incontro a Nove anni (la rivede Cabala dopo altri Nove)  RITRATTO di Isidoro di Siviglia Beatrice Nomen omen Etymologiae Nomina sunt consequentia rerum Liber Numerorum Interpretatio nominis  Abbigliamento Sanguigno colore, umile onesto nobilissimo, convenienza (dignitas)  angelicazione Angiola giovanissima, “filia Dei” (Omero, Iliade XXIV)
  • 22. esordi Rime di corrispondenza con amici: in particolare con Guido Cavalcanti, con Dante da Maiano, con Cino da Pistoia Sonetto Guido i’vorrei
  • 23. Le rime petrose Un gruppo di canzoni tra cui 2 sestine  (forma praticata da Arnaut Daniel, “lo miglior fabbro del parlar materno” secondo Dante e l’unico che nella Commedia si esprime nella sua lingua, il provenzale)  Sono dedicate a una donna che ha il nome-senhal di Petra (per indicare la sua durezza, e il fatto che non corrisponde all’amore di Dante)  In esse D. sperimenta lo stile “aspro” con suoni duri,termini violenti o anche volgari, metafore tratte da campi semantici come la guerra, il cibo, i mestieri
  • 24. La tenzone con Forese Donati  Tre coppie di sonetti (tre di Dante e tre di Forese) nei quali i due si scambiano insulti (topici)  Anteriore al 1296 anno della morte di Forese (fratello di Corso). Dante poi immagina di incontrare Forese nel Purgatorio, fra i golosi (un vizio che gli aveva rimproverato nella tenzone) e di ritrattare le accuse (palinodia)  Utilizza il registro comico e della invettiva che si sviluppo’ soprattutto nella poesia senese il cui più importante esponente è Cecco Angiolieri)  Plurilinguismo: Dante sperimenta diversi registri linguistici che utilizzera’ nella Commedia
  • 25. Il FIORE Attribuito a Dante, è la traduzione rimaneggiata di un poemetto allegorico (il ROMAN DE LA ROSE) in cui si rappresenta il processo dell’amor cortese fino alla conquista vera e propria della donna, che si concede 232 sonetti tutti con lo stesso schema
  • 26. Il Convivio il De vulgari eloquentia il Monarchia DANTE ALIGHIERI
  • 27. Dopo la morte di Beatrice Dante si dedica agli studi filosofici (De consolatione philosophiae di Boezio) Compone canzoni allegorico- dottrinali per la donna gentile (allegoria della filosofia)  Alcune di queste canzoni furono Autoesegesi, come in successivamente commentate da Vita Nuova Dante stesso nel Convivio
  • 28. Divulgare il sapere per le nuove classi Convivio sociali (BORGHESI) 130406 primi anni di esilio enciclopediail banchetto del tutti gli uomini hanno fame del sapere sapere come del cibo: Dante, che ha  Commento a canzoni dottrinali che partecipato al trattavano grandi questioni filosofiche: banchetto di grandi ma è interrotto al 4° libro poiché Dante sapienti, può offrire a si dedica alla Commedia coloro che non hanno il tempo o gli strumenti per costruire la propria educazione, almeno le briciole della sapienza filosofica
  • 29. De vulgari eloquentia 130407 per approfondire le teorie linguistiche accennate nel trattato Incompiuto In latino: perché si rivolge ai “literati”  Circolò pochissimo, si 4 libri: ma ne scrisse solo 1 e mezzo diffuse solo nel I° libro: teoria del linguaggio: Cinquecento e ne •Lingua volgare naturale (materna), segue l’uso, abbiamo 3 soli è variabile esemplari •“Gramatica”: il latino (lingua convenzionale e immutabile “inventata” per ovviare alle difficoltà di comprensione causate dalle lingua naturali •Dopo la distruzione della Torre di Babele gli uomini, che prima parlavano tutti l’ebraico, svilupparono diverse lingue
  • 30. I volgari Teoria degli stili e congruenza materia-stile italiani Li analizza per individuare Non la lingua italiana da “parlare “ ma il linguaggio della poesia il volgare adatto alla lirica di argomento elevato (VOLGARE ILLUSTRE) Punto di riferimento di tutte Cardinale le lingue municipali Aulico Sarebbe proprio della reggia, se ci fosse Curiale Poiché in Italia non vi è una corte nazionale, il linguaggio della corte e’ quello usato da tutti i grandi poeti (corte di intellettuali)
  • 31. Monarchia Dedicato alla riflessione sulla politica e sul potere  Composto forse nel Tema: la necessità dell’impero universale a garanzia della pace e della giustizia 1313  In latino il rapporto tra i poteri universali (papato e impero)  3 libri Ogni ente creato ha un suo fine ultimo dipendente dalla sua natura (teleologismo- Aristotele) Natura umana: duplice (anima, immaterialeimmortale; corpo materialemortale) Fine dell’anima: la salvezza fine del corpo: la vita ordinata eterna e pacifica in società, secondo giustizia Ad essa ci guida la Chiesa e il ad essa ci guida l’imperatore papa
  • 32. La teoria dei due soli  Tra la fine del Duecento e l’inizio del Trecento si riaccende il conflitto tra i poteri universali, papato e impero (entrambi in declino poiché stanno emergendo le monarchie nazionali)  Teoria teocratica:  il potere supremo è del Papa (Sole) diretto emissario di Cristo sulla terra  L’imperatore deriva il suo potere dal papa che glielo concede (come la luna, è illuminato di luce riflessa)  Teoria di Dante:  Impero e papato sono entrambi soli, e il loro potere deriva direttamente da Dio che li ha preposti ciascuno al raggiungimento di uno dei fini propri dell’uomo