SlideShare a Scribd company logo

Costruzioni onorarie

Competenze di cittadinanza

1 of 11
Download to read offline
COSTRUZIONI ONORARIE
PROGETTO ARTE
REALIZZATO DA:
JACOPO BATTAGLIA
GIADA CAMMARATA
GIORGIO GAMBINO
GIORGIA PAGANO
ANGELO PROVVIDENTI
Significato
La produzione artistica romana non era mai rivolta semplicemente a un astratto godimento
estetico. Dietro le opere d'arte si celava sempre un fine politico, sociale o pratico. La bellezza era
connessa al concetto di sfarzo, inteso come autocelebrazione del committente della propria
potenza economica e sociale, contrariamente a l’arte greca che aveva fini religiosi (i templi e i
santuari) . Di conseguenza ciò che prevale nelle testimonianze artistiche sono gli aspetti tecnici e
pratici, oppure celebrativi.
I romani iniziarono a utilizzare l'immagine come una sorta di pubblicità, poichè era un mezzo di
comunicazione più semplice e immediato della parola, facilmente comprensibile da chiunque.
L'arte diventò dunque una forma di propaganda celebrativa del primato politico-militare
dell’impero.
Queste costruzioni venivano quindi erette per ricordare un avvenimento di grande importanza
pubblica, come la vittoria di una guerra, la conquista di nuovi territori, l’apertura di una strada, la
stipula di un patto di alleanza.
ARCO ROMANO
L'arco è composto da una serie di elementi in pietra o mattoni detti conci; quello situato al centro è
detto chiave. I singoli conci lavorano a compressione e, tra loro, si serrano per attrito. Le linee radiali
che separano i conci sono i giunti . Il piano da cui si inizia l'arco è detto piano di imposta e le linee
curve che lo delimitano si chiamano intradosso o sesto e estradosso . Si chiama freccia la distanza
verticale fra piano di imposta e il punto più elevato della linea di intradosso, mentre luce o corda la
distanza fra i sostegni. La parte esterna e visibile dell'arco è invece archivolto o ghiera. I Romani
usavano solo l’arco a tutto sesto in cui i conci sono indirizzati verso il centro del semicerchio. A tale
scopo veniva data una forma a cuneo alle pietre e ai mattoni usati, se invece si usavano mattoni
rettangolari, i più comuni, allora si ovviava usando più o meno malta tra i mattoni. Si potevano
anche costruire archi concentrici a ventaglio oppure inserire tra i mattoni pietre sagomate a cuneo.
LA SUA STORIA
Anche se è impossibile datare esattamente l'anno di nascita dell'arco, si può affermare che il primo
esempio di struttura semicircolare non è l'arco, ma bensì la volta. I primi resti di strutture che
utilizzano la struttura ad arco sono le volte a corsi inclinati (volta nubiana) realizzate in Mesopotamia
e Basso Egitto fra il IV e III millennio a.C. Probabilmente si arrivò al concetto di arco, passando
attraverso le strutture cosiddette a "falso arco". Sono queste le strutture a capanna, formate da due
semplici elementi inclinati l'uno contro l'altro.
L'archeologo C.L. Woolley afferma che fu un arco a tutto sesto il primo arco costruito nella storia
dell'Umanità. In "The excavation of Ur" afferma di aver individuato nel piccolo arco semicircolare di E
Dublal-Mah, presso Ur, il primo esempio di struttura ad arco utilizzato nella facciata di un edificio e
fuori terra.
SIGNIFICATO DELL’ARCO TRIONFALE
A Roma il trionfo (triumphus) costituiva il più solenne riconoscimento tributato a un condottiero
che avesse riportato una schiacciante vittoria sul nemico. L’arco è un monumento celebrativo e
onorario, destinato a fissare per sempre il ricordo di un personaggio illustre e un’occasione di un
particolare evento.
Idearono e apprestarono l’arco trionfale: con la forma di una monumentale porta ad arco costruita
per celebrare la vittoria. Questa tradizione nasce nell'Antica Roma, e molti archi costruiti in età
imperiale possono essere ammirati ancora oggi nella "città eterna". Alcuni archi trionfali erano
realizzati in pietra o in marmo ed erano destinati ad essere permanenti. In altri casi venivano eretti
archi temporanei, costruiti per essere utilizzati durante celebrazioni e parate e poi smontati. In
genere solo gli archi eretti a Roma vengono definiti "trionfali" in quanto solo nell'Urbe venivano
celebrati i trionfi. Gli archi eretti altrove sono generalmente definiti "onorari". Il primo arco
trionfale apparve nel 40-30 a.C. ad Aquino, nel Lazio.
LA SUA STRUTTURA
L’arco è un monumento celebrativo e onorario, destinato a fissare per sempre il ricordo di un
personaggio illustre e un’occasione di un particolare evento. I passaggi erano delimitati da robusti
pilastri portanti sviluppati in profondità fino a una trabeazione continua corrente lungo l’intero
perimetro a una quota intermedia. La trabeazione è sormontata da un blocco superiore in forma di
attico, elevato per far da basamento a statue onorarie. La volta si imposta sopra una cornice che
stabilisce l’altezza dei pilastri sia all’esterno che all’interno del passaggio . Con l’evolversi
dell’architettura, i passaggi aumentarono da uno a tre e si estesero in ogni parte le sculture, il
passaggio centrale acquista una misura maggiore dei laterali, e tra III e IV sec. d.C. l’arco a tre
aperture diviene il tipo più diffuso, particolarmente nelle province orientali.

Recommended

Le invasioni barbariche
Le invasioni barbaricheLe invasioni barbariche
Le invasioni barbaricheMarco Chizzali
 
La crisi dell-impero romano
La crisi dell-impero romanoLa crisi dell-impero romano
La crisi dell-impero romanoMarco Chizzali
 
Arte longobarda, carolingia e ottoniana
Arte longobarda, carolingia e ottonianaArte longobarda, carolingia e ottoniana
Arte longobarda, carolingia e ottonianagoblinultramegaok
 
Il crollo dell’impero romano d’occidente e i regni romano-barbarici
Il crollo dell’impero romano d’occidente e i regni romano-barbariciIl crollo dell’impero romano d’occidente e i regni romano-barbarici
Il crollo dell’impero romano d’occidente e i regni romano-barbariciMara Beber
 
L’età di giustiniano
L’età di giustinianoL’età di giustiniano
L’età di giustinianolilystander
 

More Related Content

What's hot (20)

Il Romanico. Caratteri generali
Il Romanico. Caratteri generaliIl Romanico. Caratteri generali
Il Romanico. Caratteri generali
 
TEMA 6 - L'Art del Renaixement
TEMA 6 - L'Art del RenaixementTEMA 6 - L'Art del Renaixement
TEMA 6 - L'Art del Renaixement
 
Origini della lingua italiana
Origini della lingua italianaOrigini della lingua italiana
Origini della lingua italiana
 
I romani
I romaniI romani
I romani
 
Leonardo da vinci Chiara C. ed Alessia.
Leonardo da vinci Chiara C. ed Alessia.Leonardo da vinci Chiara C. ed Alessia.
Leonardo da vinci Chiara C. ed Alessia.
 
Fitxa 27 mare de déu de veciana
Fitxa 27 mare de déu de vecianaFitxa 27 mare de déu de veciana
Fitxa 27 mare de déu de veciana
 
I regni-romano-barbarici-impero-bizantino
I regni-romano-barbarici-impero-bizantinoI regni-romano-barbarici-impero-bizantino
I regni-romano-barbarici-impero-bizantino
 
Giotto
GiottoGiotto
Giotto
 
28. SANTIAGO DE COMPOSTEL·LA
28. SANTIAGO DE COMPOSTEL·LA28. SANTIAGO DE COMPOSTEL·LA
28. SANTIAGO DE COMPOSTEL·LA
 
Il foro romano
Il foro romanoIl foro romano
Il foro romano
 
Purgatorio
PurgatorioPurgatorio
Purgatorio
 
La francia
La franciaLa francia
La francia
 
La presentazione sulla regione atlantica
La presentazione sulla regione atlanticaLa presentazione sulla regione atlantica
La presentazione sulla regione atlantica
 
LA DIVINA COMMEDIA Inferno
LA DIVINA COMMEDIA InfernoLA DIVINA COMMEDIA Inferno
LA DIVINA COMMEDIA Inferno
 
25. Architettura Romanica
25. Architettura Romanica25. Architettura Romanica
25. Architettura Romanica
 
Presentazione danimarca
Presentazione danimarcaPresentazione danimarca
Presentazione danimarca
 
Fitxa 50 danae
Fitxa 50 danaeFitxa 50 danae
Fitxa 50 danae
 
Carlo v e la monarchia universale
Carlo v e  la monarchia universaleCarlo v e  la monarchia universale
Carlo v e la monarchia universale
 
Le Crociate
Le CrociateLe Crociate
Le Crociate
 
I fori imperiali
I fori imperialiI fori imperiali
I fori imperiali
 

Similar to Costruzioni onorarie

4 passi nella Roma antica - Foro e dintorni
4 passi nella Roma antica - Foro e dintorni4 passi nella Roma antica - Foro e dintorni
4 passi nella Roma antica - Foro e dintornifms
 
La storia e i monumenti di Roma
La storia e i monumenti di RomaLa storia e i monumenti di Roma
La storia e i monumenti di RomaDigital Bridge
 
TECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel Medioevo
TECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel MedioevoTECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel Medioevo
TECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel Medioevoscrivarolo13
 
Ara Pacis e Valentino 2007
Ara Pacis e Valentino 2007Ara Pacis e Valentino 2007
Ara Pacis e Valentino 2007Renzo Provedel
 
La città romana
La città romanaLa città romana
La città romana1003155
 
Presentazione%20%20roma%203b
Presentazione%20%20roma%203bPresentazione%20%20roma%203b
Presentazione%20%20roma%203bmara
 
8 Make War - Walls and Fields_ita (1).pptx
8  Make War -  Walls and Fields_ita (1).pptx8  Make War -  Walls and Fields_ita (1).pptx
8 Make War - Walls and Fields_ita (1).pptxandrealin29
 
Gli anfiteatri romani
Gli anfiteatri romaniGli anfiteatri romani
Gli anfiteatri romaniAnna Perini
 
Le antiche strade romane
Le antiche strade romaneLe antiche strade romane
Le antiche strade romane1GL13-14
 
Le antiche strade romane
Le antiche strade romaneLe antiche strade romane
Le antiche strade romane1GL13-14
 
Il foro nella Gallia Cisalpina
Il foro nella Gallia CisalpinaIl foro nella Gallia Cisalpina
Il foro nella Gallia Cisalpinalexnoctis
 

Similar to Costruzioni onorarie (20)

Arte romana
Arte romanaArte romana
Arte romana
 
Arco di Constantino
Arco di ConstantinoArco di Constantino
Arco di Constantino
 
Architettura romana
Architettura romanaArchitettura romana
Architettura romana
 
20. Le abitazioni romane - Altre tipologie
20. Le abitazioni romane - Altre tipologie20. Le abitazioni romane - Altre tipologie
20. Le abitazioni romane - Altre tipologie
 
gli etruschi
gli etruschigli etruschi
gli etruschi
 
4 passi nella Roma antica - Foro e dintorni
4 passi nella Roma antica - Foro e dintorni4 passi nella Roma antica - Foro e dintorni
4 passi nella Roma antica - Foro e dintorni
 
Interazione app
Interazione appInterazione app
Interazione app
 
17. Architettura romana - Colosseo - Teatro - Circo
17. Architettura romana - Colosseo - Teatro - Circo17. Architettura romana - Colosseo - Teatro - Circo
17. Architettura romana - Colosseo - Teatro - Circo
 
La storia e i monumenti di Roma
La storia e i monumenti di RomaLa storia e i monumenti di Roma
La storia e i monumenti di Roma
 
TECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel Medioevo
TECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel MedioevoTECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel Medioevo
TECNOLOGIA. Tecniche costruttive nell'Antica Roma e nel Medioevo
 
Tesi Elena Stellin
Tesi Elena StellinTesi Elena Stellin
Tesi Elena Stellin
 
Ara Pacis e Valentino 2007
Ara Pacis e Valentino 2007Ara Pacis e Valentino 2007
Ara Pacis e Valentino 2007
 
La città romana
La città romanaLa città romana
La città romana
 
Presentazione%20%20roma%203b
Presentazione%20%20roma%203bPresentazione%20%20roma%203b
Presentazione%20%20roma%203b
 
8 Make War - Walls and Fields_ita (1).pptx
8  Make War -  Walls and Fields_ita (1).pptx8  Make War -  Walls and Fields_ita (1).pptx
8 Make War - Walls and Fields_ita (1).pptx
 
Gli anfiteatri romani
Gli anfiteatri romaniGli anfiteatri romani
Gli anfiteatri romani
 
Le antiche strade romane
Le antiche strade romaneLe antiche strade romane
Le antiche strade romane
 
Piazze A Cremona Anouk
Piazze A Cremona AnoukPiazze A Cremona Anouk
Piazze A Cremona Anouk
 
Le antiche strade romane
Le antiche strade romaneLe antiche strade romane
Le antiche strade romane
 
Il foro nella Gallia Cisalpina
Il foro nella Gallia CisalpinaIl foro nella Gallia Cisalpina
Il foro nella Gallia Cisalpina
 

More from Maria pia Dell'Erba

Progetto pluridisciplinare inglese 1 q
Progetto pluridisciplinare inglese 1 qProgetto pluridisciplinare inglese 1 q
Progetto pluridisciplinare inglese 1 qMaria pia Dell'Erba
 
Pp le dipendenze scienze 1 b corretto
Pp le dipendenze scienze 1 b correttoPp le dipendenze scienze 1 b corretto
Pp le dipendenze scienze 1 b correttoMaria pia Dell'Erba
 
6 modulo interdisciplinare ib 34-37
6 modulo interdisciplinare ib 34-376 modulo interdisciplinare ib 34-37
6 modulo interdisciplinare ib 34-37Maria pia Dell'Erba
 
5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)
5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)
5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)Maria pia Dell'Erba
 
4 modulo interdisciplinare ib 19-28
4 modulo interdisciplinare ib 19-284 modulo interdisciplinare ib 19-28
4 modulo interdisciplinare ib 19-28Maria pia Dell'Erba
 
3 modulo interdisciplinare ib 14-18
3 modulo interdisciplinare ib 14-183 modulo interdisciplinare ib 14-18
3 modulo interdisciplinare ib 14-18Maria pia Dell'Erba
 
2 modulo interdisciplinare ib 9-13
2 modulo interdisciplinare ib 9-132 modulo interdisciplinare ib 9-13
2 modulo interdisciplinare ib 9-13Maria pia Dell'Erba
 
1 modulo interdisciplinare ib 1-8
1 modulo interdisciplinare ib 1-81 modulo interdisciplinare ib 1-8
1 modulo interdisciplinare ib 1-8Maria pia Dell'Erba
 
Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437
Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437
Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437Maria pia Dell'Erba
 
La quadratura del cerchio. nascita del sonetto
La quadratura del cerchio. nascita del sonettoLa quadratura del cerchio. nascita del sonetto
La quadratura del cerchio. nascita del sonettoMaria pia Dell'Erba
 
Figure femminili nella scienza antica
Figure femminili nella scienza anticaFigure femminili nella scienza antica
Figure femminili nella scienza anticaMaria pia Dell'Erba
 
Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019
Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019 Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019
Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019 Maria pia Dell'Erba
 

More from Maria pia Dell'Erba (20)

Analisi del testo poetico
Analisi del testo poeticoAnalisi del testo poetico
Analisi del testo poetico
 
Progetto pluridisciplinare inglese 1 q
Progetto pluridisciplinare inglese 1 qProgetto pluridisciplinare inglese 1 q
Progetto pluridisciplinare inglese 1 q
 
Canto d'amore
Canto d'amoreCanto d'amore
Canto d'amore
 
Pp le dipendenze scienze 1 b corretto
Pp le dipendenze scienze 1 b correttoPp le dipendenze scienze 1 b corretto
Pp le dipendenze scienze 1 b corretto
 
Presentazione forme
Presentazione formePresentazione forme
Presentazione forme
 
6 modulo interdisciplinare ib 34-37
6 modulo interdisciplinare ib 34-376 modulo interdisciplinare ib 34-37
6 modulo interdisciplinare ib 34-37
 
5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)
5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)
5 modulo interdisciplinare ib 29-33 (1)
 
4 modulo interdisciplinare ib 19-28
4 modulo interdisciplinare ib 19-284 modulo interdisciplinare ib 19-28
4 modulo interdisciplinare ib 19-28
 
3 modulo interdisciplinare ib 14-18
3 modulo interdisciplinare ib 14-183 modulo interdisciplinare ib 14-18
3 modulo interdisciplinare ib 14-18
 
2 modulo interdisciplinare ib 9-13
2 modulo interdisciplinare ib 9-132 modulo interdisciplinare ib 9-13
2 modulo interdisciplinare ib 9-13
 
1 modulo interdisciplinare ib 1-8
1 modulo interdisciplinare ib 1-81 modulo interdisciplinare ib 1-8
1 modulo interdisciplinare ib 1-8
 
Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437
Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437
Luoghi pubblici e_privati_dallarte_classica_al_medioevo_148437
 
La quadratura del cerchio. nascita del sonetto
La quadratura del cerchio. nascita del sonettoLa quadratura del cerchio. nascita del sonetto
La quadratura del cerchio. nascita del sonetto
 
La sezione aurea
La sezione aureaLa sezione aurea
La sezione aurea
 
Sezione aurea ppt
Sezione aurea pptSezione aurea ppt
Sezione aurea ppt
 
Figure femminili nella scienza antica
Figure femminili nella scienza anticaFigure femminili nella scienza antica
Figure femminili nella scienza antica
 
Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019
Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019 Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019
Galilei newton 1 g a.s. 2018 2019
 
Presentazione standard1
Presentazione standard1Presentazione standard1
Presentazione standard1
 
La gens romana
La gens romanaLa gens romana
La gens romana
 
Il clientelismo
Il clientelismoIl clientelismo
Il clientelismo
 

Recently uploaded

Curvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptx
Curvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptxCurvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptx
Curvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptxannagiuliagianfelice
 
EEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptx
EEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptxEEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptx
EEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptxannagiuliagianfelice
 
Presentazione Storia bunker studio 2024 27
Presentazione Storia bunker studio 2024 27Presentazione Storia bunker studio 2024 27
Presentazione Storia bunker studio 2024 27mirkodimauro
 
Educazione artistica Annagiulia Gianfelice
Educazione artistica Annagiulia GianfeliceEducazione artistica Annagiulia Gianfelice
Educazione artistica Annagiulia Gianfeliceannagiuliagianfelice
 
EducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptx
EducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptxEducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptx
EducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptxluigidisante1
 
Robotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptx
Robotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptxRobotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptx
Robotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptxannagiuliagianfelice
 
Gods and Goddesses - eTwinning project 24
Gods and Goddesses - eTwinning project 24Gods and Goddesses - eTwinning project 24
Gods and Goddesses - eTwinning project 24LauraMaffei8
 
6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdf
6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdf6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdf
6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdfPedro Medina Reinón
 
presentazione scienze Annagiulia Gianfelice
presentazione scienze Annagiulia Gianfelicepresentazione scienze Annagiulia Gianfelice
presentazione scienze Annagiulia Gianfeliceannagiuliagianfelice
 

Recently uploaded (9)

Curvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptx
Curvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptxCurvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptx
Curvatura digitale Annagiulia Gianfelice.pptx
 
EEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptx
EEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptxEEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptx
EEE Annagiulia Gianfelice corsooooo.pptx
 
Presentazione Storia bunker studio 2024 27
Presentazione Storia bunker studio 2024 27Presentazione Storia bunker studio 2024 27
Presentazione Storia bunker studio 2024 27
 
Educazione artistica Annagiulia Gianfelice
Educazione artistica Annagiulia GianfeliceEducazione artistica Annagiulia Gianfelice
Educazione artistica Annagiulia Gianfelice
 
EducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptx
EducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptxEducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptx
EducazioneCivicasecondosuperiorefff.pptx
 
Robotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptx
Robotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptxRobotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptx
Robotica Gianfelice Annagiliaaaaaaa.pptx
 
Gods and Goddesses - eTwinning project 24
Gods and Goddesses - eTwinning project 24Gods and Goddesses - eTwinning project 24
Gods and Goddesses - eTwinning project 24
 
6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdf
6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdf6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdf
6-3_Psicosociologia_dei_consumi_culturali_Industria_culturale.pdf
 
presentazione scienze Annagiulia Gianfelice
presentazione scienze Annagiulia Gianfelicepresentazione scienze Annagiulia Gianfelice
presentazione scienze Annagiulia Gianfelice
 

Costruzioni onorarie

  • 1. COSTRUZIONI ONORARIE PROGETTO ARTE REALIZZATO DA: JACOPO BATTAGLIA GIADA CAMMARATA GIORGIO GAMBINO GIORGIA PAGANO ANGELO PROVVIDENTI
  • 2. Significato La produzione artistica romana non era mai rivolta semplicemente a un astratto godimento estetico. Dietro le opere d'arte si celava sempre un fine politico, sociale o pratico. La bellezza era connessa al concetto di sfarzo, inteso come autocelebrazione del committente della propria potenza economica e sociale, contrariamente a l’arte greca che aveva fini religiosi (i templi e i santuari) . Di conseguenza ciò che prevale nelle testimonianze artistiche sono gli aspetti tecnici e pratici, oppure celebrativi. I romani iniziarono a utilizzare l'immagine come una sorta di pubblicità, poichè era un mezzo di comunicazione più semplice e immediato della parola, facilmente comprensibile da chiunque. L'arte diventò dunque una forma di propaganda celebrativa del primato politico-militare dell’impero. Queste costruzioni venivano quindi erette per ricordare un avvenimento di grande importanza pubblica, come la vittoria di una guerra, la conquista di nuovi territori, l’apertura di una strada, la stipula di un patto di alleanza.
  • 3. ARCO ROMANO L'arco è composto da una serie di elementi in pietra o mattoni detti conci; quello situato al centro è detto chiave. I singoli conci lavorano a compressione e, tra loro, si serrano per attrito. Le linee radiali che separano i conci sono i giunti . Il piano da cui si inizia l'arco è detto piano di imposta e le linee curve che lo delimitano si chiamano intradosso o sesto e estradosso . Si chiama freccia la distanza verticale fra piano di imposta e il punto più elevato della linea di intradosso, mentre luce o corda la distanza fra i sostegni. La parte esterna e visibile dell'arco è invece archivolto o ghiera. I Romani usavano solo l’arco a tutto sesto in cui i conci sono indirizzati verso il centro del semicerchio. A tale scopo veniva data una forma a cuneo alle pietre e ai mattoni usati, se invece si usavano mattoni rettangolari, i più comuni, allora si ovviava usando più o meno malta tra i mattoni. Si potevano anche costruire archi concentrici a ventaglio oppure inserire tra i mattoni pietre sagomate a cuneo.
  • 4. LA SUA STORIA Anche se è impossibile datare esattamente l'anno di nascita dell'arco, si può affermare che il primo esempio di struttura semicircolare non è l'arco, ma bensì la volta. I primi resti di strutture che utilizzano la struttura ad arco sono le volte a corsi inclinati (volta nubiana) realizzate in Mesopotamia e Basso Egitto fra il IV e III millennio a.C. Probabilmente si arrivò al concetto di arco, passando attraverso le strutture cosiddette a "falso arco". Sono queste le strutture a capanna, formate da due semplici elementi inclinati l'uno contro l'altro. L'archeologo C.L. Woolley afferma che fu un arco a tutto sesto il primo arco costruito nella storia dell'Umanità. In "The excavation of Ur" afferma di aver individuato nel piccolo arco semicircolare di E Dublal-Mah, presso Ur, il primo esempio di struttura ad arco utilizzato nella facciata di un edificio e fuori terra.
  • 5. SIGNIFICATO DELL’ARCO TRIONFALE A Roma il trionfo (triumphus) costituiva il più solenne riconoscimento tributato a un condottiero che avesse riportato una schiacciante vittoria sul nemico. L’arco è un monumento celebrativo e onorario, destinato a fissare per sempre il ricordo di un personaggio illustre e un’occasione di un particolare evento. Idearono e apprestarono l’arco trionfale: con la forma di una monumentale porta ad arco costruita per celebrare la vittoria. Questa tradizione nasce nell'Antica Roma, e molti archi costruiti in età imperiale possono essere ammirati ancora oggi nella "città eterna". Alcuni archi trionfali erano realizzati in pietra o in marmo ed erano destinati ad essere permanenti. In altri casi venivano eretti archi temporanei, costruiti per essere utilizzati durante celebrazioni e parate e poi smontati. In genere solo gli archi eretti a Roma vengono definiti "trionfali" in quanto solo nell'Urbe venivano celebrati i trionfi. Gli archi eretti altrove sono generalmente definiti "onorari". Il primo arco trionfale apparve nel 40-30 a.C. ad Aquino, nel Lazio.
  • 6. LA SUA STRUTTURA L’arco è un monumento celebrativo e onorario, destinato a fissare per sempre il ricordo di un personaggio illustre e un’occasione di un particolare evento. I passaggi erano delimitati da robusti pilastri portanti sviluppati in profondità fino a una trabeazione continua corrente lungo l’intero perimetro a una quota intermedia. La trabeazione è sormontata da un blocco superiore in forma di attico, elevato per far da basamento a statue onorarie. La volta si imposta sopra una cornice che stabilisce l’altezza dei pilastri sia all’esterno che all’interno del passaggio . Con l’evolversi dell’architettura, i passaggi aumentarono da uno a tre e si estesero in ogni parte le sculture, il passaggio centrale acquista una misura maggiore dei laterali, e tra III e IV sec. d.C. l’arco a tre aperture diviene il tipo più diffuso, particolarmente nelle province orientali.
  • 7. Arco Traiano (Algeria) Un arco trionfale fu quello di Traiano situato in Algeria. L'arco, a tre fornici, fungeva da porta occidentale della città, all'inizio del decumano massimo, che proseguiva la via proveniente da Lambaesis. Esso raggiunge un'altezza di 12 m, con il fornice centrale alto 6 m che permetteva il passaggio dei veicoli, le cui ruote hanno lasciato profondi solchi sul basolato della via. I fornici laterali, alti 3,75 m, erano riservati ai pedoni. Sulle due facciate sopra i fornici laterali sono presenti profonde nicchie rettangolari, inquadrate da edicole con colonnine corinzie con fusti lisci in marmo colorato, sorrette da mensole. Le nicchie erano destinate ad ospitare statue oggi scomparse. L'insieme di ciascun fornice laterale e della nicchia soprastante era inquadrato da due colonne corinzie rudentate, distaccate da parete e innalzate su piedistalli. La trabeazione che corre sulla parete sopra i fornici laterali, sporge sopra le colonne e su di essa poggia a sua volta un frontone curvilineo. L'attico doveva essere sormontato da un gruppo statuario monumentale
  • 8. Colonna traiana La Colonna Traiana è uno dei monumenti più celebri di Roma antica ed è uno dei pochissimi monumenti romani intatti arrivati al giorno d’oggi. Fu dedicata dal Senato a Traiano per celebrare le sue due campagne vittoriose in Dacia da parte dell'imperatore Traiano, nel 113 d.C. Da molti l’architetto fu Apollodoro di Damasco, architetto del progetto del Foro di Traiano e l’artista preferito di Traiano. Egli aveva una cultura ellenica, ma soprattutto era un grande interprete dell’epopea romana. La colonna aveva una funzione pratica, testimoniata dall'iscrizione, cioè ricordare l'altezza della sella collinare prima dello sbancamento per la costruzione del Foro, ed accogliere le ceneri dell’imperatore di Plotina (colei che determinò l’erede al Trono di Traiano e sua moglie), dopo la sua morte. La colonna è di tipo "centenario", cioè alta 100 piedi romani (alta complessivamente 35 metri). E’ costituita da 21 blocchi di marmo pario di carrara di 75-77 tonnellate l’una; ed è profonda da 3,50m. Non rispetta le misure reali delle persone, ma pure degli edifici e degli alberi; ingrandendo i protagonisti mentre rimpiccioliva gli elementi secondari.
  • 9. Colonna di Marco Aurelio La colonna di Marco Aurelio è un monumento di Roma, eretto tra il 176 e il 192 per celebrare, forse dopo la sua morte, le vittorie dell'imperatore romano Marco Aurelio (161-180) ottenute sulle popolazioni germaniche dei Marcomanni, dei Sarmati e dei Quadi. La colonna di Marco Aurelio, composta da 27 blocchi sovrapposti, è di marmo lunense, per un’altezza totale di 41,95 m, il diametro inferiore è di m 3,80, quello superiore di m 3,66. Il fusto è alto m 29,601, corrispondenti a 100 piedi romani, da cui la definizione di colonna centenaria che le è stata attribuita in antico. Sul lato sud si apre una porta, oggi parzialmente interrata, che conduce alla scala interna a chiocciola, composta di 203 scalini e illuminata da 56 feritoie. Traendo ovvia ispirazione dalla Colonna Traiana, si snoda sull’intera superficie del fusto, a simulare un rotolo di papiro o una stoffa, una fascia continua, a spirale, decorata, alta m 1,25. Il fregio ad altorilievo della colonna di Marco Aurelio è composto da 21 giri della spirale, in cui si scorgono 116 distinte scene, separate in due parti, che illustrano le imprese delle campagne contro Germani e Sarmati.
  • 10. Differenze tra le due colonne Le due colonne sono gemelle. La colonna di Marco Aurelio ripete intenzionalmente il modello traianeo, ma, malgrado il tentativo d'emulazione, vi sono evidenti differenze fra le due: mentre nella prima vi è un morbido bassorilievo pittorico, nella seconda troviamo un incisivo altorilievo; il modellato da morbido diventa più aspro, con bruschi passaggi di piano e con il trapano che affonda nel marmo traforando barbe, chiome, corazze, segnando le rade pieghe dei panneggi. Nel fregio della colonna di Marco Aurelio, rispetto a quello della Colonna Traiana, la struttura del racconto appare più schematica e semplificata, senza quasi sfondi paesaggistici, mentre le figure, appaiono più staccate le une dalle altre e più in rilievo; ciò crea forti effetti chiaroscurali, facendo risaltare maggiormente all’occhio dello spettatore un intento drammatico e pittorico. Lo stile della colonna di Marco Aurelio non vuole rompere con la tradizione, anzi cerca palesemente di aderire ad essa il più possibile. Giovanni Becatti spiega la differenza stilistica fra le due colonne coclidi con il confluire nell'arte ufficiale, che erano sempre state vive nell'artigianato artistico.
  • 11. Ara Pacis L’Ara Pacis è un altare dedicata da Augusto nel 9 a.C il 30 gennaio e celebrata al compleanno di Livia (la moglie di Augusto), da parte del senato in occasione del ritorno di Augusto da una spedizione pacificatrice di tre anni in Spagna e nella Gallia meridionale. Fu costruita in via Flaminia- La sua scoperta risale al 1568, sotto palazzo Peretti. E’ costituita da un recinto marmoreo rettangolare, fornito di due porte nei lati più lunghi, alle quali si accede tramite con un podio di 9 gradini. Esso si divide in due registri decorativi: quello inferiore vegetlae e quello superiore decorativi, i due registri sono divisi da una fascia con motivo a svastica. Molto importante è ricordare la Saturnia Tellus. All’interno è situato un altare , elevato su tre gradini, metre altri cinque permettevano al sacerdote di raggiungere la mensa. I bassorilievi variano di profondità rendendo piani diversi in lontananza. Questo monumento in sé ha varie tipologie: l’arte greca nei fregi , l’arte ellenistica nel fregio e nei pannelli e l’arte romana nel fregio ell’altare.