Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online 34 - Novembre/Dicembre 2019

522 views

Published on

Health Online - Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa

Published in: Health & Medicine
  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Health Online 34 - Novembre/Dicembre 2019

  1. 1. Innovazione e tecnologia Il chirurgo entra in sala operatoria con il 5g attualità Crescono gli assessorati del “Grazie!” psicologia Disabilità: quale ruolo per la (neuro) psicologia clinica? il periodico di informazione sulla sanità integrativa novembre dicembre 2019 Anno V N°34 Dalla al misoginia femminicidio verbale parliamo di... Infezioni batteriche nei neonati prematuri
  2. 2. Intestatario: Fondazione Health Italia IBAN: IT 14 U 03359 01600 100000140646 www.bancadellevisite.it Dona ora e grazie a te una persona in difficoltà avrà la visita medica che non può permettersi
  3. 3. sommario attualità salute aziende del gruppo benessere psicologia innovazione e tecnologia parliamo di... nascite premature in evidenza pag. 36 pag. 20 pag. 06 pag. 26 pag. 52 pag. 44 pag. 62 pag. 68 pag. 72 pag. 58 pag. 78 pag. 88 pag. 05 - Editoriale pag. 92 - News pag. 48 pag. 12 Il Test di Medicina sarà veramente abolito? “Mamma, perché io ho il diabete e i miei amici no?” La telemedicina sempre più vicina ai cittadini grazie ad Health Point Salute a tavola con gli eventi di Health Food Stile di vita Vegan Psicologia ed epidemiologia dell’AIDS Disabilità fisica e psicologica La telemedicina incontra il diabete Nati prematuri: la situazione dell’assistenza in Italia Infezioni batteriche nei neonati prematuri Teletrasporto e realtà virtuale Banca delle Visite ed Associazione Tiroidee Dalla misoginia al femminicidio verbale: uomini che “uccidono” le donne Giornata mondiale della Gentilezza
  4. 4. periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa Anno 6° - novembre/dicembre 2019 - N°34 Direttore responsabile Nicoletta Mele Direttore editoriale Ing. Roberto Anzanello coordinamento generale H-Digital SpA Comitato di redazione Alessandro Brigato Michela Dominicis Mariachiara Manopulo Giulia Riganelli Hanno collaborato a questo numero Alessia Elem Giuseppe Iannone Alessandro Notarnicola Direzione e Proprietà Health Italia SpA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) www.healthitalia.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. iscritto presso il Registro Stampa del Tribunale di Tivoli n. 2/2016 - diffusione telematica n.3/2016 - diffusione cartacea 9 maggio 2016 Idea grafica H-Digital SpA impaginazione Giulia Riganelli immagini © AdobeStock Tiratura 103.302 copie Scarica Health Online in versione digitale su www.healthonline.it Se non vuoi perderti neanche una delle prossime uscite contattaci via email a info@healthonline.it e richiedi l’abbonamento gratuito alla rivista, sarà nostra premura inviarti via web ogni uscita. Per la tua pubblicità su Health Online contatta mkt@healthonline.it
  5. 5. e di to ria le È sempre interessante leggere l’evoluzione del dibattito politico su temi specifici e che contengono aspetti di tipo tecnico ed economico perché, in questo modo, si può comprendere come, spesso, manchi una visione complessiva dei problemi, nonché una specifica conoscenza tecnica approfondita. Nel caso della sanità integrativa in questo momento il dibattito politico riguarda tre aspetti sostanziali sui quali reputiamo sia necessario fare chiarezza, in un’ottica di rappresentazione oggettiva della realtà senza entrare in valutazioni politiche. Il primo aspetto riguarda i valori economici degli sgravi fiscali concessi a chi sottoscrive un prodotto di sanità integrativa. Premesso che gli enti di sanità integrativa quali Fondi Sanitari, Società Generali di Mutuo Soccorso e Casse di Assistenza Sanitaria, sono enti no profit e quindi non agiscono secondo regole proprie del mondo imprenditoriale e non possono distribuire utili ai loro associati, ma esclusivamente utilizzare eventuali avanzi positivi di bilancio come riserve o per migliorare i servizi erogato agli associati, quello che ci preme chiarire è il quadro economico complessivo. Chi sottoscrive un sussidio sanitario integrativo, sia come azienda tramite una convenzione sia come privato direttamente, gode di vantaggi fiscali che sicuramente determinano un minore introito per lo Stato, ma gli enti di sanità integrativa erogano prestazioni sanitarie ai propri associati che se non venissero sostenute da queste entità, fondati sul concetto della mutualità, graverebbero sul bilancio della sanità pubblica. Considerato che gli assistiti dagli enti di sanità integrativa nel nostro paese sono circa 12 milioni risulta evidente come la differenza economica tra prestazioni erogate e vantaggi fiscali non possa essere che a favore delle prime e, quindi, lo Stato dalla sanità integrativa incassa meno tasse di quello che incasserebbe se non ci fossero gli sgravi fiscali, ma risparmia in termini di spesa sanitaria molto ma molto di più. La conclusione, puramente economica, non può che essere che l’eliminazione degli sgravi fiscali per chi sottoscrive forme sanitarie integrative determinerebbe una maggiore spesa sanitaria e quindi sarebbe solo un grande svantaggio economico per lo Stato. Il secondo aspetto dibattuto riguarda il principio universalistico sul quale, per disciplina costituzionale, è fondato il Servizio Sanitario Nazionale. L’universalismo del sistema pubblico è sicuramente un valore imprescindibile per la storia del nostro paese in campo sanitario, ma bisogna comprendere bene i fenomeni che stanno alla base dell’universalismo per valutare se sia meglio un universalismo di facciata, solo espresso a parole, rispetto ad un universalismo reale, determinato dai fatti. Valori sociali positivi come l’invecchiamento della popolazione, l’ampliamento della scienza medica e lo sviluppo delle tecnologie sanitarie, che vanno nella giusta direzione di migliorare la qualità della vita di tutti noi, da un punto di vista sanitario rappresentano un aggravio delle necessità di spese così importante da rendere impossibile, non solo per l’Italia ma per ogni governo, garantire assistenza sanitaria completa gratuita per tutti ove, dichiararlo, significa sostenere un principio economicamente irrealizzabile se non con un inasprimento insostenibile della tassazione. Quindi, sostenere l’universalismo della Sistema Sanitario Nazionale significa sostenere un’utopia che potrebbe creare una spesa sanitaria insostenibile, un peggioramento dell’efficienza del servizio pubblico, grandi disservizi agli utenti con tempistiche di intervento inadeguate. Se però rafforzassimo il concetto, già in essere, che di fianco a un Sistema Sanitario Pubblico che indirizzi la propria spesa verso le fasce più deboli della popolazione esiste la sanità integrativa che, operata tramite enti no profit, consente a tutti di associarsi sui principi economici della mutualità, ecco che realizzeremmo compitamente un universalismo sociale effettivo e reale. La conclusione, in questo caso, non può quindi che essere quella di confermare e proseguire nella direzione di un sistema sanitario organizzato da una parte pubblica, diretta alle fasce più deboli della popolazione, e da una parte integrativa, aperta a tutti e basata sul concetto della mutualità tra gli aderenti. Il terzo aspetto riguarda il principio della mutualità come elemento strutturale e tecnico. La mutualità è un meccanismo tecnico che consente alle persone di associarsi versando del denaro che verrà utilizzato per sostenere chi avrà bisogno, quindi, con un grande contenuto sociale. Lamutualitàèilconcettotecnicochestaallabasedelladeterminazionedeiprodottidicoperturasanitariasia assicurativi che degli enti di sanità integrativa, con una specifica differenza però: per i prodotti assicurativi sanitari la mutualità è una componente tecnica sulla quale viene montata una tariffa che presuppone anche la realizzazione di un utile per gli azionisti dell’ente assicurativo, mentre per gli enti di sanità integrativa è l’essenza stessa dei valori economici del prodotto. Quindi non è possibile confondere la mutualità quale strumento di aziende imprenditoriali, che hanno come obiettivo l’utile, con la mutualità degli enti di sanità integrativa, che ha come obbiettivo la soddisfazione dei propri associati. La conclusione, rispetto a questo concetto, non può quindi che essere, se vogliamo operare in una logica sanitaria universalistica e sociale, di mantenere le peculiarità societarie, organizzative, economiche e sociali degli enti di sanità integrativa cosi come stabilite dalle leggi vigenti. Come possiamo comprendere, in sostanza, politicamente si sta dibattendo su tre aspetti che, di fatto, hanno una soluzione, peraltro già in essere, che va solo diffusa ancora di più e migliorata, soluzione che è la sanità integrativa perché, come abbiamo visto in base a tutte le considerazioni economiche e sociali effettuate, su questi tre aspetti così tanto oggi dibattuti stiamo parlando di soluzioni anti economiche, socialmente inopportune e organizzativamente improprie, quindi stiamo parlando di niente, perché l’unica vera soluzione è procedere sulla strada già impostata e tracciata. Milanese,homaturatoun’esperienza ultraventennalenelsettoreassicurativo efinanziario,occupandomi siadeiprodottichedelmarketing edellosviluppocommerciale,fino alladirezionedicompagnieassicurative, nazionaliedestere.Nel2005sviluppo unprogettodiconsulenzaestrategia aziendalechehaconsentito dioperareconimaggioriplayer delsettoreassicurativoperrealizzare pianistrategicidisviluppocommerciale. Dal2009mioccupodiSanitàIntegrativa, assumendolacaricadiPresidenteANSI, AssociazioneNazionaleSanitàIntegrativa eWelfare,econtestualmentediHealth HoldingGroup,importanterealtà delsettore.Dal2016sonopresidente diHealthItalia,unadellepiùgrandirealtà nelpanoramadellaSanitàIntegrativa ItalianaesocietàquotatainBorsa sulmercatoAIMItalia. a cura di Roberto Anzanello healthonline.it | 05
  6. 6. ATTUALITà Il di Medicinasarà veramente abolito? TEST La parola al Dott. Domenico Barbato 06 | attualità
  7. 7. healthonline.it | 07 A partire dal prossimo anno, l’ordinamento universitario italiano potrebbe subire importanti mutamenti già a partire dal test di accesso alla Facoltà di Medicina, che potrebbe presto essere abolito. Il tutto prende avvio da una proposta allo studio della Commissione Cultura della Camera, ma l’idea non dispiace ai tanti aspiranti frequentanti di Medicina. Perquestaragione,lapropostaavanzatadalMovimento5Stelle ha scaldato il dibattito pubblico, creando un confronto acceso tra le forze politiche del Paese e tra insegnanti e studenti. Solo lo scorso settembre più di 60mila studenti hanno provato a conquistare uno degli 11.658 posti disponibili. La rivoluzione a cui si sta pensando dovrebbe partire dalla scuola secondaria di secondo grado e arrivare fino all’Università e alla specializzazione. “Con questa Riforma – commenta il dottor Domenico Barbato, medico chirurgo attualmente in formazione specialistica in Igiene e Medicina Preventiva (Sapienza Università di Roma) – viene data la possibilità a tutti gli studenti, di qualsiasi background scolastico, di acquisire quelle conoscenze e competenze tali da poter superare il test, avendo, dunque, due risvolti positivi”. La bozza di riforma presentata dal M5S è al vaglio della commissione Cultura della Camera e prevede un primo anno comune per tutti. La selezione arriverebbe al secondo anno, con un numero minimo di crediti e una prova “a soglia”, con un punteggio minimo da raggiungere. Dott. Barbato, come giudica questo percorso? TempiaddietroiltestdiMedicinaverteva,perunbuon50%, su argomenti di chimica, biologia, matematica e fisica. Tutti gli studenti desiderosi di approcciarsi alla Medicina ma che avevano intrapreso un percorso di studi secondari in cui quelle materie non fossero state svolte in modo sistematico (o non fossero state svolte affatto), si trovavano in estrema di Alessandro Notarnicola
  8. 8. 08 | attualità
  9. 9. difficoltà, costretti a studiare in poco tempo programmi complessi, che richiedono un approfondimento organico. Con questa riforma viene data la possibilità a tutti gli studenti, di qualsiasi background scolastico, di acquisire quelle conoscenze e competenze tali da poter superare il test, avendo, dunque, due risvolti positivi. In primo luogo, si renderebbe più equo il significato stesso del test, che diventerebbe una misura del livello di conoscenze acquisite da tutti gli studenti in modo equo nel corso del I anno, bypassando le disuguaglianze generate dall’averintrapresopercorsidiscuolasecondariadifferenti. In secondo luogo, la presenza di un test alla fine del I anno aumenterebbe sicuramente il livello di attenzione, e quindi di preparazione, che gli studenti avrebbero rispetto a materie come la biologia e la chimica, che sono alla base della conoscenza di ogni Medico. Nel dibattito pubblico venutosi a creare in queste settimane c’è chi sostiene che il test di ammissione rappresenti di fatto una prima selezione degli iscritti. A suo parere, nel caso in cui questo primo step di accesso dovesse essere abolito, avremmo una classe di professionisti delle scienze mediche meno preparata? Tutt’altro. Il test non verrà abolito in senso stretto, ma solo traslato di qualche mese. Questo rappresenterebbe un primo passo per oltrepassare quelle disuguaglianze che facevano sì che studenti provenienti da alcune scuole secondarie avessero una probabilità significativamente superiore di accedere al Corso di Laurea in Medicina. Il livello di preparazione di un professionista medico verrà raggiunto nel corso dei sei anni di percorso accademico da studenti che avranno dimostrato di possedere le migliori conoscenze delle materie scientifiche di base, studiate nel corso del I anno comune. Cambierà anche il contratto, in cui l’Università mantiene la regia della formazione ma avviene una migliore regolamentazione della rete formativa, coinvolgendo gli ospedali del territorio per mantenere gli standard qualitativi. Inoltre, gli ultimi due anni della specializzazione diventano ibridi: con contratti di formazione – lavoro a carico delle Regioni, con maggiori diritti e tutele per il lavoro degli specializzandi, mantenuto sempre sotto la supervisione del tutor. I fondi risparmiati dal ministero andranno a finanziare nuove e ulteriori borse. Domenico Barbato Classe 1987, diplomato al Liceo Scientifico “Benedetto Croce” di Roma, ha avviato il percorso accademico in Infermieristica, ottenendo la Laurea nel 2009. Non contento, sempre nel 2009 ha tentato il Test di accesso alla Facoltà di Medicina presso l’Università Sapienza di Roma. Terminato il ciclo di studi, nel 2016 Barbato ha raggiunto l’abilitazione alla professione. A novembre 2016, ha iniziato la Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva della stessa Università, ove risiede come Medico in Formazione Specialistica al IV anno. healthonline.it | 09
  10. 10. 10 | attualità Qual è la sua esperienza a riguardo? Penso che sia una buona idea estendere la rete formativa- operativa degli studenti/specializzandi, in modo da evitare di intasare interi ospedali di medici in formazione, i quali il più delle volte devono sgomitare per imparare a fare un esame obiettivo o un prelievo di sangue. Distribuire la mole di studenti/specializzandi su una più ampia scala avrebbe anche il vantaggio di ridurre il fenomeno delle infezioni correlate all’assistenza nelle strutture sanitarie, spesso legate al sovraffollamento dei reparti e causate da una gestione del paziente che non rispetta i criteri di igiene e di osservanza delle procedure di isolamento o di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Per quanto riguarda gli ultimi due anni di specializzazione, ben venga questo approccio alle Regioni se il fine ultimo è anche quello di ampliare il numero di borse, favorendo lo smaltimento dell’imbuto formativo che si sta sempre di più alimentando di medici che non riescono ad accedere ad alcuna specialità. L’ambito ospedaliero dagli anni ‘90 in poi ha risentito dell’influenza di serie tv americane come “E.R. – Medici in prima linea” o “Grey’s Anatomy”, le quali ci hanno abituato a pensare al mondo medico come a un settore per tutti. In verità, quale è l’attuale fotografia della corsia tipo? Le corsie possono vantare professionisti della salute che quotidianamente lottano non solo per salvare la vita del paziente nell’emergenza (penso alle innumerevoli serie televisive stile E.R.), ma anche per stare al fianco del paziente, accompagnandolo alla salute con competenza teorica, pratica e culturale. Il paziente è sempre più al centro di ogni attività che viene svolta nei reparti, come è giusto che sia.
  11. 11. healthonline.it | 11 Gli infermieri giocano un ruolo chiave in questo percorso assistenziale, poiché vivono maggiormente e più a fondo i reali bisogni di salute (ma non solo) dei soggetti ammalati. Credo che la professione infermieristica stia facendo passi da gigante rispetto a quella medica, che è rimasta un po’ ancorata al passato Avrebbe idee da condividere per un personale medico più preparato e aggiornato? Pochigiornifahopresoparteaunconvegno sulle Infezioni correlate all’Assistenza, indirizzato ai dirigenti medici di un noto ospedale romano. È stato molto sconfortante vedere un così basso tasso di partecipazione, a mio avviso inferiore al 40%. I convegni e i corsi di aggiornamento sono fondamentali, ogni professionista della salute dovrebbe avere una certa tendenza all’aggiornamento, visto il tempo in cui viviamo. La prima cosa che mi viene in mente è che, oltre ai classici corsi ECM a cui ogni professionista deve partecipare ogni anno, ogni struttura sanitaria (sia ospedaliera che territoriale) dovrebbe organizzare eventi a partecipazione obbligatoria, specialmente se toccano argomenti di Sanità Pubblica non ancora risolti o tematiche di interesse sociale e gestionale di imprescindibile importanza.
  12. 12. ATTUALITà Associazione Tiroidee Banca Visitedelle e 12 | attualità
  13. 13. Insieme per aiutare chi non può permettersi un sostegno medico e psicologico healthonline.it | 13
  14. 14. “L’unionefalaforza”:èunodeipiùpopolariproverbiitaliani che racchiude un significato molto importante, soprattutto quando si tratta di aiutare il prossimo sotto l’aspetto della salute. È il caso di Banca delle Visite, un progetto solidale di Fondazione Health Italia Onlus, ente no-profit dedicato alla promozione e allo sviluppo di iniziative culturali, educative, formative, di integrazione sociale e assistenza sanitaria, e dell’Associazione di promozione sociale Tiroidee - Benessere Psicologico e Informazione, che si sono incontrate e hanno deciso di percorrere insieme la strada della diffusione del valore sociale della solidarietà. Banca delle Visite vuole garantire, con il concetto del caffè sospeso applicato alla salute e grazie al contributo volontario da parte di privati e aziende, le visite mediche necessarie alle persone che non possono permettersele o che non possono attendere i tempi del Servizio Sanitario Nazionale. L’attività principale dell’Associazione Tiroidee - Benessere Psicologico e informazione è quella di sostenere i pazienti dal punto di vista psicologico durante la diagnosi e la terapia per la patologia tiroidea. Duerealtàchehannolostessoobiettivo:aiutareilpaziente a raggiungere il proprio benessere psico-fisico. Per conoscerle più nel dettaglio, Health Online ha intervistato Antonello Ceci, Coordinatore Nazionale di Banca delle Visite e Barbara Bonci, Psicologa, fondatrice e presidente dell’Associazione Tiroidee. “La Banca delle Visite è nata 3 anni fa da un’idea di Fondazione Health Italia Onlus - spiega Antonello Ceci - con un obiettivo semplice quanto importante: rendere la salute davvero uguale per tutti. La Fondazione è stata creata da Health Italia, Mutua MBA e HealthAssistance,aziendecheoperanodatemponelcampo della salute. La loro naturale evoluzione di condivisione di salute e dei valori di mutualità ha portato alla creazione di Banca delle Visite, un progetto che consente alle persone che non possono permettersi le visite mediche di cui hanno estremo bisogno, di poterle fare a titolo gratuito ed in brevissimo tempo”. di Nicoletta Mele 14 | attualità Antonello Ceci Coordinatore Nazionale di Banca delle Visite NON PER NOI MA PER GLI ALTRI La Banca delle Visite
  15. 15. healthonline.it | 15 Ad oggi Banca delle Visite, grazie alle donazioni di privati ed aziende che sostengono l’iniziativa, ha donato “più di 1000 visite in 16 regioni italiane, dalla Sicilia al Friuli Venezia- Giulia”, aggiunge il Coordinatore nazionale, “abbiamo aperto una filiale ad Angri, in provincia di Salerno, con centinaia di persone alla presentazione e imprenditori del luogo che ci hanno fatto delle donazioni. A fine novembre siamo stati ad una cena di beneficenza a Brescia, organizzata in nostro onore. Siamo stati insigniti di un premio per il nostro impegno nel sociale a Terni. Insomma, siamo fieri che la nostra serietà ed il nostro impegno vengano apprezzati, mobilitando sempre più persone a dare il proprio contributo”. LaBancadelleVisitehadatounamanoallepersonenelfareprevenzione,arisolverepatologie e anche “ha contribuito a salvare delle vite. Come quando ha aiutato Cesare a scoprire in tempo un tumore maligno, graziead un controllo da noi resopossibile. Senza questo, avrebbe dovuto aspettare 6 mesi, che sarebbero stati deleteri. Potrei citare tantissime storie, ognuna di esse ci ha arricchito e motivato a fare di più, con l’obiettivo di espanderci ed aiutare un numero sempre più vasto di persone”. Banca delle Visite sta riscuotendo un grande successo al livello nazionale anche grazie all’impegno dei volontari (ambasciatori) e alla collaborazione dei Super Dottori e delle super cliniche. Chi sono queste figure? “Il supporto di chi si offre volontariamente di aiutarci è fondamentale e la figura dell’ “Ambasciatore è proprio quella che ci rappresenta sul territorio, aiutandoci ad arrivare all’orecchio di chi potrebbe aver bisogno del nostro aiuto, ma ancora non sa che esistiamo. Gli Ambasciatori hanno poi la possibilità di fare raccolte fondi, organizzare manifestazioni, aprire Filiali dove è possibile recarsi per chiedere informazioni”. Attualmente sono 70 i medici e 60 le cliniche in 16 regioni italiane che hanno aderito all’iniziativa. Come può un medico o una clinica unirsi a voi? “La figura del “Super Dottore” è molto importante: i Super Dottori donano visite mediche a titolo gratuito o a un costo fortemente agevolato. Sono i nostri Super Dottori perché proprio come i super eroi fanno del bene, donando salute senza chiedere nulla in cambio. Aderire è molto semplice: sul nostro sito, c’è una pagina dedicata con tutte le informazioni e il modulo per inviare la richiesta. Entro 48 ore dall’invio, sarà cura di un nostro incaricato contattare il medico e/o la clinica per finalizzare l’adesione e diventare ufficialmente Super Dottore”.
  16. 16. Ambasciatori, volontari, super dottori, filiali, tutte figure che si sono messe insieme per aiutare chi ha bisogno. Recentemente, come filiale si è unita anche l’Associazione di Promozione Sociale Tiroidee - Benessere Psicologico e informazione, nata a Roma in occasione della Giornata mondiale della tiroide il 25 maggio del 2015 16 | attualità
  17. 17. “Siamo entrati in contatto con Banca delle Visite - afferma Barbara Bonci, fondatrice e presidente dell’Associazione - perché ci ha colpito il loro aspetto fortemente innovativo e altruistico. Lo spirito di solidarietà è da sempre la forza che ci spinge ad andare avanti e siamo sicuri che grazie al servizio offerto da Banca delle Visite possiamo tendere la mano ed aiutare tantissime persone in stato di bisogno e di sofferenza psicologica. Siamo felici di essere Ambasciatori per Banca delle Visite, per il 2020 abbiamo programmato banchetti informativi ed iniziative che serviranno ad informare i nostri associati e la popolazione in generale sul loro nobile servizio. In più, offriamo la possibilità a quanti ne hanno bisogno di svolgere un colloquio di supporto psicologico gratuito presso le nostre sedi di Roma e online per i pazienti che ne fanno richiesta da altre regioni italiane”. Barbara Bonci Fondatrice e presidente dell’Associazione Tiroidee healthonline.it | 17 Qual è lo scopo dell’Associazione? “La mission dell’Associazione è quella di informare, prevenire, sostenere e orientare la comunità nei confronti della tiroide, dei suoi sintomi, disfunzioni e malattie e della sua importanza per il benessere globale della persona, favorendo l’adozione di uno stile di vita sano e tempestivi consulti con gli specialisti sanitari, al fine di limitare il disagio fisico, psicologico e sociale, con cure appropriate e personalizzate. Prevalentemente ci occupiamo della sfera emotiva dei pazienti tiropatici, offrendo loro spazi di condivisione, conforto e supporto”. Quali sono le attività? “Le principali attività riguardano il sostegno dei pazienti dal punto di vista psicologico durante la diagnosi e la terapia per la patologia tiroidea. Nello specifico ci rivolgiamo a pazienti con patologie autoimmuni della tiroide (Morbo di Basedow e tiroidite di Hashimoto), a quanti hanno ricevuto una diagnosi di tumore della tiroide e a chi vive senza tiroide. Il progetto principale dell’associazione è lo Spazio di Ascolto Farfalle Libere, che è attivo grazie all’ospitalità del dott. Massimiliano Andrioli, nostro sostenitore da sempre, presso il GMF Medical Center di Viale Somalia a Roma. Nel corso degli anni abbiamo attivato altri due spazi di ascolto sempre nella capitale, in zona Appio/Tuscolano. Per questo progetto abbiamo fatto nostro un verso di una poesia di Alda Merini: “Ma da queste profonde ferite usciranno farfalle libere”.
  18. 18. Gli obiettivi principali del progetto sono: fornire sostegno psicologico, informazioni corrette e prevenire il disagio associato alla diagnosi e alla terapia per patologia o disfunzione tiroidea; potenziare le capacità individuali, autostima e autoefficacia e aderenza nei confronti della terapia medica; ridurre gli stati di malessere, quali ansia o depressione; trasformare un’esperienza vissuta passivamente in una risorsa personale positiva. Il servizio prevede un colloquio conoscitivo gratuito e aperto a tutti ed offre la possibilità agli associati di ricevere supporto psicologico a prezzi fortemente calmierati. Per prenotare un incontro basta contattarci dal nostro sito o dalla pagina Facebook”. Dal 2015 avete partecipato a numerose iniziative che riguardano la prevenzione e l’informazione… “Sì e ultimamente abbiamo preso parte alla V edizione del Tiroide Day che si tiene a Sabaudia ogni estate presso l’Hotel Le Dune. In questa edizione la Dott.ssa Daniela Pace, endocrinologa, ha effettuato oltre 110 ecografie gratuite a scopo di prevenzione. A maggio parteciperemo alla Settimana Mondiale della Tiroide che prevede iniziative e incontri gratuiti in tutta Italia”. 18 | attualità
  19. 19. healthonline.it | 19 Progetti per il futuro? “Per il 2020, l’Associazione Tiroidee prevede di ampliare i progetti già esistenti e di stringere rapporti sempre più stretti con strutture sanitarie pubbliche (attraverso punti informativi e gruppi di auto-mutuo aiuto) al fine di rendere immediatamente accessibile il supporto psicologico ai pazienti in stato di bisogno. In più, abbiamo due progetti da avviare: il primo è Tiroidee senza frontiere, un progetto di supporto psicologico online, tramite video, ideato insieme alla Dott.ssa Simona Inguscio, psicologa e consigliere dell’associazione. Il progetto vuole porsi come un servizio innovativo che garantisce un agevole accesso al supporto psicologico anche a persone che vivono in aree territoriali diverse da Roma. L’altro è Liberi dallo stress: ha lo scopo di facilitare la condivisione di emozioni e confrontarsi sia con chi sta vivendo la malattia che con chi ha già affrontato il momento critico e si trova in una condizione di pieno benessere. Prevede degli incontri settimanali individuali e in piccoli gruppi per pazienti con diagnosi di tumore alla tiroide e patologie autoimmuni (Tiroidite di Hashimoto e Morbo di Graves/ Basedow), con l’utilizzo di tecniche di rilassamento psicocorporee come l’Analisi Bioenergetica e la Mindfulness. Per ulteriori informazioni è possibile inviare un’email all’indirizzo tiroidee@ gmail.com e visitare la nostra pagina Facebook”. Un suo messaggio… “Mai più soli è il nostro motto e penso che rispecchi bene anche le finalità di Banca delle Visite, affinché il paziente in generale e, nel nostro caso, tiroideo non si senta trascurato, svalutato e possa trovare all’interno delle nostre organizzazioni il sostegno di cui ha bisogno”
  20. 20. ATTUALITà Crescono gli Assessorati del “Grazie!” Gentilezza giornata mondiale della Intervista a Luca Nardi 20 | attualità
  21. 21. Politica e gentilezza potranno mai stringersi la mano? Luca Nardi, 39enne ideatore dei Giochi nazionali della Gentilezza e anima dell’associazione “Cor et amor” ritiene che in fin dei conti non si tratti di una relazione così scoppiettante e che diversi siano i punti in comune tra le due sfere del quotidiano. Da un lato la sfera politica, l’ambito amministrativo presente in ogni Paese del mondo e grazie al quale un popolo riceve delle norme vivendo su un determinato territorio; dall’altra, la gentilezza, una virtù che appartiene a pochi ma che - precisa lo stesso Nardi - “è conveniente apprendere sin dalla tenera età”. “Permesso, grazie, scusa, queste sono le tre parole della convivenza: se si usano, la società va avanti”. È stato papa Francesco a parlare della cultura della gentilezza per la prima volta. Una cultura di cui quasi nessuno di fatto conosceva le caratteristiche almeno fino a pochi anni fa, quando nel 1998 è stato celebrato per la prima volta il World Kindness Day. La data non è stata scelta casualmente, in quanto coincide con la giornata di apertura della Conferenza del “World Kindness Movement”, il movimento mondiale per la gentilezza, svoltasi a Tokio nel 1997 e conclusasi con la firma della Dichiarazione della Gentilezza. Nella giornata del 13 novembre, pertanto, ci si dovrebbe sentire spinti, più di altre volte, a riflettere sulla bontà dei propri gesti e delle parole dette. Effettivamente basterebbe ben poco per rendere il mondo più gentile. A riscoprire l’importanza della gentilezza sono stati proprio i politici che, nell’ambito dei Comuni, hanno introdotto un nuovo Assessorato, ovvero quello dedicato alla gentilezza. Sono in tutto 70 gli assessori alla Gentilezza in Italia, nominati nelle amministrazioni (oltre 8 mila comuni italiani), sia a nord che a sud del Paese, in una sorta di “comunità gentile bipartisan” di cui fanno parte esponenti di forze politiche diverse. L’idea è partita proprio da “Cor et Amor” di Luca Nardi. di Alessandro Notarnicola healthonline.it | 21
  22. 22. Come nasce l’idea di questa nuova delega molto umana ma che di politico ha ben poco? Come Associazione siamo partiti con l’idea di circondare di gentilezza i bambini perché così cresceranno come adulti gentili sorretti da una serie di valori. Abbiamo creato la Giornata mondiale dei Giochi della Gentilezza che ha coinvolto quest’anno, sull’intero territorio nazionale, quasi 50 mila bambini. Sport, iniziative, ambito ricreativo, un girotondo attorno ai più piccoli dal punto di vista della formazione sociale. Da qui, era il 26 maggio, giorno dell’ultima grande tornata elettorale delle amministrative, ha preso avvio la delega alla gentilezza. Era necessaria? “Cor et Amor” è un’associazione di promozione sociale composta da educatori, psicologi, figure che operano generalmente nell’ambito dei servizi sociali, che negli ultimi tempi hanno riscontrato un peggioramento di welfare nel Nord-Ovest della nostra penisola. Con ogni probabilità, il consolidarsi della crisi economica e gli enormi mutamenti globali hanno condizionato ciò che fino a qualche anno fa funzionava, e bene. Tra i nostri obiettivi c’è l’integrazione del welfare con azioni sociali a costo zero, servendoci della gentilezza al fine di creare un welfare indipendente dalla crescita economica. Un’utopia o un piano realmente realizzabile? Creiamo i presupposti con azioni. Non è un semplice corso di cortesia ma azioni pratiche che si avvalgono di piccole e semplici modifiche a livello comportamentale e di proposte che finiscono sui banchi dei consigli comunali: pensiamo a gesti grandi come ascoltare le esigenze del territorio, pratici come istituire parcheggi per future mamme ma anche piccoli, come cogliere dei fiori dal proprio giardino per decorare il Comune in vista di un matrimonio. Siamo in un momento storico in cui è quanto mai necessario rispolverare gli antichi e saldi valori della società di ieri: un tempo tra le persone intercorreva un rapporto umano, oggi invece le persone sono sempre più distratte e sole anche a causa della tecnologia. Luca Nardi Presidente Associazione Cor et Amor, tra i creatori della Delega alla gentilezza 22 | attualità
  23. 23. Ci sono azioni che mettono in pratica questa delega? A Roccalumera (Messina) per esempio sono state organizzate visite alle case di riposo per far sentire meno soli gli anziani ospiti. C’è anche in programma la creazione di un “angolo della gentilezza”, dove lasciare appesi abiti per i più bisognosi. Ispirandosi al “caffè sospeso” di Napoli, invece, a Lonate Pozzolo (Varese) l’Assessore Melissa Derisi ha lanciato la “Solidarietà SoSpesa” che prevede diverse iniziative, tutte allo scopo di aiutare chi ne ha più necessità. Per esempio, col “Quaderno sospeso” si possono devolvere fondi alle cartolerie per acquistare materiale scolastico per i bambini di famiglie meno abbienti. Lo stesso accade con i medicinali grazie al “Farmaco Sospeso”. healthonline.it | 23
  24. 24. La delega alla gentilezza ha accattivato molte Amministrazioni comunali. Quante sono oggi e per quale ragione nell’elenco non sono presenti grandi Comuni? Ad oggi sono oltre 70 le Amministrazioni comunali che hanno sposato la nostra proposta. La prima è stata Rivarolo Canavese. In realtà si parla di un vero e proprio poker piemontese dal momento che questa nuova delega è stata immediatamente istituita da quattro comuni: Igliano (Cn) Omegna (Vco), Rivarolo Canavese (To) e Salerano (To). Abbiamo presentato una proposta agli organi di informazione locali e la notizia è rimbalzata agli amministratori che l’hanno fatta propria. Abbiamo bisogno proprio di questo, della fiducia anche solo di un singolo affinché un sogno si avveri. Oggi la delega è presente su tutto il territorio nazionale e i Comuni che l’hanno adottata sono di ogni colore politico perché la gentilezza è qualcosa sopra le parti. 24 | attualità Unadichiarazionechestridesepensiamo a parti politiche che innalzano muri e non creano ponti. Non trova? Questo tipo di delega richiede scelte semplici che gradualmente possono condizionare in meglio l’operato di una Giunta: attenzione verso gli altri e verso ciò che accade intorno a sé; condivisione di beni o risorse e rispetto per l’ambiente. Perquestaragioneognimesesottoponiamo all’attenzione delle Amministrazioni che hanno creduto in noi diverse azioni da mettere in pratica più o meno subito. Sei anni fa, quando abbiamo inventato i Giochi della Gentilezza, in molti ci guardavano con scetticismo e l’ironia non mancava.Quest’annoabbiamoottenutouna piccola vittoria con oltre 48 mila bambini e ragazzi che hanno aderito all’iniziativa in tutta Italia. Lo facciamo perché ci crediamo. Io sono un padre motivato solamente a lasciare alla propria figlia una società migliore di quella che ha trovato. Tornando alle grandi città, come spiega la scarsa adesione? Tra le più grandi che hanno adottato la delega alla gentilezza annoveriamo Trani e Grosseto. Si tratta di una delega partita dalle piccole Amministrazioni cittadine: a primo impatto può essere rischiosa perché viene interpretata come qualcosa di superfluo e di irrisorio. Adesso che si svilupperà questo tipo di cultura, sono convinto che si allargherà alle città più grandi.
  25. 25. Sulla tua pelle l’essenza della bellezza Health Pharma SpA Sede legale: Via San Quirino, 48 | 39100 Bolzano - Sede operativa: Via di Santa Cornelia, 9 | 00060 Formello (RM)
  26. 26. salute Mamma, e i miei amici io ho il diabete no? perchè 26 | salute
  27. 27. Come affrontare e gestire il diabete giovanile Intervistaalladott.ssaChiaraAceto healthonline.it | 27
  28. 28. Il diabete è una patologia cronica, non esiste cura definitiva ed è molto, molto diffuso. Come spiega Concetta Suraci, presidente di Diabete Italia, “i numeri non sono incoraggianti: nel mondo una persona su 11 convive con il diabete ed è previsto che per il 2030 ci saranno 522 milioni di persone con questa malattia. Oltre un milione di bambini e adolescenti nel mondo hanno un diabete di tipo 1, ovvero quello autoimmune. Nel 2017 ci sono stati, a livello globale, quattro milioni di morti. In Italia ci sono 3,7 milioni di persone con diabete e una su tre non sa di averlo”. Ne esistono varie tipologie: le principali sono il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2. Il primo è conosciuto come giovanile ed è causato da un’insufficienza o assenza di produzione di insulina. Il secondo, invece, anche chiamato alimentare o dell’adulto, è dovuto a un’incapacità delle cellule dell’organismo di utilizzare l’insulina. Le cause del diabete giovanile sono ad oggi, ancora sconosciute ma si sono fatte strada diverse teorie (cause genetiche, ambientali, virali, infettive). Poiché la carenza assoluta di insulina è incompatibile con la vita, la diagnosi precoce è fondamentale e la terapia deve iniziare il prima possibile. Con la somministrazione dell’insulina, si può tenere sotto controllo la malattia e condurre una vita normale. Secondo le ultime stime della Sid (Società Italiana di Diabetologia), negli ultimi 10 anni il diabete giovanile è raddoppiato. Ma come si gestisce un bambino con il diabete, a casa, a scuola, nel tempo libero? Per saperne di più, abbiamo fatto alcune domande alla dott.ssa Chiara Aceto, presidente dell’A.G.D. Grosseto (Associazione per il diabete giovanile di Grosseto). 28 | salute Dott.ssa Chiara Aceto Presidente dell’Associazione per il diabete giovanile - A.G.D. - di Grosseto di Mariachiara Manopulo
  29. 29. healthonline.it | 29 Dottoressa,leioltrecheesserepresidente dell’A.G.D. Grosseto è anche mamma di Edoardo, un bambino con il diabete. Pochi sanno davvero cosa sia questa malattia, con quali sintomi si manifesti e cosa significhi per un bimbo essere diabetico. Ce lo può spiegare? Quando parliamo di diabete giovanile, in realtà si parla di diabete mellito di tipo 1, malattia autoimmune che porta alla distruzione delle cellule beta del pancreas, responsabili della secrezione dell’insulina. Il gergo comune lo definisce giovanile, perché questa patologia colpisce i ragazzi soprattutto nella prima fascia d’età 0-19 anni, anche se l’insorgenza può avvenire fino a circa i 40 anni. Con la distruzione delle beta cellule non viene più prodotta l’insulina capace di garantire l’assunzione di carboidrati (zuccheri semplici e complessi), che rappresentano le sostanze nutritive per le nostre cellule. Nella fase dell’insorgenza, i sintomi peculiari sono tanta sete, tanta pipì, dimagrimento e stanchezza cronica. L’esordio di mio figlio è avvenuto quando aveva due anni e mezzo e in quel periodo stavo procedendo a togliere il pannolino per il ritorno a scuola. Ho notato subito che la pipì era molto abbondante e, durante il periodo notturno, mi chiedeva di bere molto. Io purtroppo non conoscevo i sintomi del diabete di tipo 1, ma avevo capito che c’era qualcosa che non andava, in quanto nel giro di 10 giorni, mio figlio aveva perso molto peso. L’ho portato dal pediatra, che mi ha dato una cura ricostituente. Dopo pochi giorni, mio marito lo ha riportato da lui, in quanto eravamo fortemente convinti che qualcosa non andasse nel verso giusto. Il pediatra, dopo uno stick delle urine, ci ha mandato direttamente al pronto soccorso per il ricovero, in quanto il bambino aveva una glicemia pari a 330 (i valori normali sono tra 80 e 120). Noi siamo arrivati al ricovero senza una ipergliecemia importante. Purtroppo, molti ragazzi arrivano con circa 600 di glicemia. In Italia, nel 2019, ci sono stati 3 bimbi morti per chetoacidosi diabetica per diagnosi tardiva della patologia. Sulla base del RIDI, Registro Italiano del diabete mellito insulino dipendente, i casi di diabete in età scolare sono aumentati del 5% e del 3% per i ragazzi e adolescenti. Purtroppo, non è possibile prevenire questo tipo di diabete e si presume che le cause siano rintracciabili tra fattori ambientali, genetici e virali. Cosa significa per un bambino avere il diabete oggi? Beh, il bambino deve sottoporsi a circa 4/8 rilevazioni del sangue capillare dal polpastrello per la misurazione della glicemia e a circa 6 iniezioni di insulina al giorno. Fortunatamente, oggi la tecnologia ci viene in soccorso, e grazie all’utilizzo di sensori per il monitoraggio continuo della glicemia e del microinfusore, questi numeri giornalieri di rilevazioni si abbattono in modo significativo, rendendo la patologia cronica più sopportabile.
  30. 30. “Forse la fase più critica dall’esordio è il rientro a scuola, perché come mamma sei combattuta, con la consapevolezza che sia meglio gestire il diabete personalmente e con la paura di affidare tuo figlio a persone che non conoscono questa patologia” 30 | salute
  31. 31. Una volta scoperto il diabete, quali sono le tappe da seguire per poter permettere al bambino di avere una vita normale? L’esordio è un momento travolgente che, a prescindere dall’età del ragazzo, sconvolge tutti gli equilibri di vita sia del bimbo sia della famiglia di appartenenza. Con bambini molto piccoli tutto si complica, dal rientro a scuola alla frequenza di attività sportive e ricreative: tutte le persone vicino al bimbo si trovano, in un modo o in un altro, a guardare da vicino il diabete. I bambini molto piccoli non riescono a sentire i sintomi di una ipoglicemia e inizialmente, chi si accolla le totali necessità del bimbo sono i genitori, soprattutto la figura materna. Fino a qualche tempo fa, molte madri decidevano addirittura di lasciare il lavoro per poter seguire il figlio. Oggi, fortunatamente, questo non avviene, grazie al supporto sociale e al sostegno del personale docente. Forse la fase più critica dall’esordio è il rientro a scuola, perché come mamma sei combattuta, con la consapevolezza che sia meglio gestire il diabete personalmente e con la paura di affidare tuo figlio a persone che non conoscono questa patologia. Gli stessi insegnanti hanno paura e pensano di non poter gestire casi di ipoglicemia, che fa tanta paura ai più. Sicuramente, sia il tempo sia la fiducia verso la scuola, inducono ad una graduale rassicurazione che, a seconda dei genitori, porta a considerare il bimbo come gli altri, ma con particolari esigenze. Come si spiega ad un bambino piccolo la malattia e come si riesce a fargliela accettare? A 4 anni mio figlio mi chiese “mamma, ma perché solo io ho il diabete e i miei amici non ce l’hanno?”. Come madre, come essere umano, questa domanda non può avere una risposta perché ognuno di noi vorrebbe allontanare, scacciare lontano dal proprio figlio, da ogni bambino qualsiasi sofferenza fisica e psicologica…purtroppo non si può. Questa domanda io, mio marito, mio figlio, ce la facciamo ciclicamente ma, il vero segreto secondo me, è la risposta. “Tu avevi il coraggio che né mamma, né babbo, né gli altri bambini, hanno”. A volte ci sentiamo fortunati, e ci diciamo è “solo il diabete”. Ripeto a me stessa che io ho tre figli, e quello più indisciplinato è proprio lui, il diabete, irrequieto, ingestibile, ma come un figlio deve essere accettato, amato e gestito al meglio. healthonline.it | 31
  32. 32. Si dice che il diabete sia una malattia che va monitorata 24 ore su 24: per un bambino che deve frequentare la scuola cosa succede? Le scuole sono attrezzate, ma soprattutto gli insegnanti hanno la formazione adatta per la supervisione di questi bambini? Come dicevo prima, il rientro a scuola è difficile ma deve essere affrontato con serenità, dando gli strumenti conoscitivi agli insegnanti che si trovano a gestire la patologia per circa 30 ore alla settimana. Grazie ad AGD Italia, il coordinamento delle associazioni per l’aiuto ai giovani diabetici in Italia, è stato effettuato un documento strategico di intervento integrato, che delinea un percorso preciso per accompagnare i genitori nella delicata fase di inserimento scolastico. Personalmente, posso dire che noi siamo La sofferenza di questa malattia è spesso avvertita più dai genitori che dai bambini; una volta scoperta la malattia quanto è necessario un supporto anche psicologico per la famiglia? Si parla di “diabete di tipo 3” riferendosi a quel tipo di sofferenza che tutta la famiglia vive al momento della diagnosi: dai genitori, al fratellino o sorellina, alla famiglia allargata. Il diabetenecessariamenteimponediversiritmi divita,induceaparticolariscelte,impone, per un periodo, una vicinanza “iperprottetiva” dei membri familiari. Al momento della diagnosi, i sensi di colpa insistono nella mente dei genitori che, con il passare del tempo, devono necessariamente scrollarli di dosso, per evitare forme di iperprotettività che, a lungo andare, danneggerebbero solo il bambino. Infatti Minuchin, famoso psicologo della terapia familiare, individuava questo “sistema patologico” in alcune famiglie con bambini con diabete, appunto famiglie psicosomatiche. L’iperprotettività è sicuramente una tendenza delle famiglie con diabete, ma verosimilmente, con il passare del tempo, i genitori trovano le giuste risorse per affrontare serenamente la patologia, nonostante le difficoltà che la stessa impone. L’emozione è sempre intensa quando parlo dell’esordio di mio figlio, avvenuto il 30 settembre del 2016… presumo che sia normale, ci tocca nel profondo, in quanto rappresenta sicuramente un turn point della vita di tutta la famiglia. stati molto fortunati perché dopo l’esordio, Edoardo è rientrato dopo circa una settimana dal ricovero, grazie a splendide maestre che hanno voluto, con amore, gestire la patologia. Il primo periodo è stato comunque molto difficile e, a volte, andavo anche 4 volte al giorno a scuola per supportare le maestre. I sintomi della glicemia - sonnolenza, apatia, irascibilità - venivano e potevano essere confusi con tratti tipici dell’età che il bimbo si trovava a vivere. Con il tempo, le maestre hanno iniziato a fare l’insulina e a capire, grazie al sistema della conta dei carboidrati, la necessità personale e come “correggere” momenti di ipo e iper. Per questo è molto importante la collaborazione tra scuola e famiglia, per garantire una crescita serena e tranquilla del bambino. 32 | salute
  33. 33. healthonline.it | 33 Altro sentimento comune è la sensazione di isolamento che può essere avvertito dai genitori: una maggiore rete sociale intorno alla famiglia garantisce la riduzione di questi sentimenti L’età anagrafica del bambino al momento dell’esordio è un fattore importante per il tipo di supporto psicologico da rivolgere alla famiglia e al bambino. Infatti, fino a circa 7 anni, il supporto psicologico è maggiormente focalizzato sulla famiglia, che deve garantire gli strumenti necessari al bambino per affrontare la patologia cronica. A supporto di questo approccio, alcuni studi psicologici confermano come il coping adottato dalla famiglia sia associato in modo significativo a quello usato dal bambino: la percezione e l’approccio familiare sono basilari per la piena accettazione. Se invece parliamo dell’adolescenza il supporto è focalizzato sul ragazzo, che si trova nel pieno rifiuto della malattia, che va a deformare la sua stessa identità, nonostante sia sfociata in periodi più lontani. Ci sono dei falsi miti sull’alimentazione di un bambino con diabete? Sicuramente ci sono falsi miti sul bambino con diabete. Si pensa che il bambino con diabete tipo 1 non possa mangiare dolci…cosa assolutamente inesatta. Il bambino deve seguire una dieta equilibrata come tutti gli altri bimbi in fase di sviluppo, un’alimentazione che rispetti la piramide nutrizionale, dove al vertice ci sono i dolci. Certo, deve seguire alcune indicazioni nutrizionali: i dolci devono essere preferibilmente assunti al termine del pranzo o della cena, al fine di evitare il picco glicemico grazie all’assunzione dei carboidrati complessi della pasta
  34. 34. e del pane. Inoltre, si devono preferire la pasta e il pane integrale…che diciamolo, sarebbe un’indicazione nutrizionale che tutti noi, dovremmo adottare. Propriopersfatareilfalsomitodell’assunzionedidolci,noidell’AGDdiGrosseto,inoccasione della GMD 2019, abbiamo offerto come merenda a tutti i bambini di una scuola primaria un ciambellone con e senza glutine. 34 | salute Lo scorso 14 novembre, in occasione della Giornata mondiale del diabete, la vostra associazione ha partecipato organizzando diverse iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica; quali sono i vostri obiettivi, i progetti e le iniziative che state portando avanti in quest’ottica? Come dicevo prima, abbiamo promosso per la GMD 2019 una serie di eventi per far luce su questa malattia cronica, che purtroppo, viene troppe volte associata al diabete di tipo 2, che colpisce principalmente le persone adulte, nonostante ci sia la preoccupante diffusione della stessa tra i ragazzi. Il primo evento è stato un corso di formazione per gli insegnati di ogni ordine e grado, tenuto dall’equipe del Meyer di Firenze e dell’Ospedale di Grosseto, per far conoscere la malattia, capire i meccanismi e far prendere dimestichezza con il glucagone, il farmaco salva vita da somministrare in caso di coma ipoglicemico al bambino. “La conoscenza abbatte la paura” anche in questo caso. Per il secondo evento, il giorno 14 novembre, la scuola primaria Andrea da Grosseto ci ha ospitati e l’Associazione ha donato all’istituto un ulivo, simbolo universale della vita. L’IDF (International Diabetes Federation) e l’Oms hanno scelto la data del 14 novembre per la Giornata Mondiale per omaggiare Banting, co- scopritore dell’insulina che nel 1922, a Toronto, somministrò l’insulina purificata ai bambini con diabete. Grazie a lui, rinacque la vita. L’ultimo evento è stato dedicato al controllo gratuito della glicemia a favore della cittadinanza, con un flash mob, ideato con i ragazzi della Scuola di danza Officina Movimento Arte Danza, per sottolineare che il diabete è una malattia che colpisce principalmente i bambini. Noi, come tutte le altre associazioni italiane, abbiamo il compito di diffondere informazioni alla cittadinanza e sensibilizzare sulle esigenze che un individuo con questa patologia cronica si trova ad affrontare. Abbiamo in mente tante altre iniziative per il sostegno alle nostre famiglie che speriamo riusciremo ad attuare prossimamente, sia a livello locale che nazionale.
  35. 35. 36 | in evidenza in e vi den za
  36. 36. healthonline.it | 37 Uomini che uccidono le donne Dalla al misoginia femminicidio verbale LatestimonianzadiMaria
  37. 37. Ogni giorno in Italia 88 donne sono vittime di atti di violenza, una ogni 15 minuti. Più di 90 i femminicidi nel 2019. È questo il dato che lascia riflettere e che al contempo fa paura. Pur evidenziando un calo rispetto al 2017, la mappa tracciata sull’intero territorio nazionale preoccupa l’opinione pubblica e non meno il mondo della politica che annuncia misure precise per arginare questo triste fenomeno sempre più dilagante tra le mura domestiche. Restando sul fronte delle cifre, elaborate sulla base dei dati forniti dalla polizia per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne celebrata domenica 25 novembre, in calo risultano anche i cosiddetti reati-spia: maltrattamenti in famiglia, stalking, percosse, violenze sessuali. E, parallelamente, aumentano denunce e arresti per violenza sessuale (+5,4%),stalking(+4,4%)emaltrattamenti in famiglia (+11,7%). Pochi mesi fa era stato l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini ad annunciare un intervento “il prima possibile” in Consiglio dei ministri per l’introduzione di un codice rosso “perché – aveva commentato – sui fascicoli dei magistrati le denunce di stalking e di violenza contro le donne non finiscano all’ultimo posto”. Promessa condivisa, anzi anticipata, dall’ex guardasigilli Alfonso Bonafede e dall’allora ministro per la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno. Allargando lo sguardo allo scorso anno, i dati del 2019 sono parziali, nei primi nove mesi del 2018 il numero delle donne uccise è calato solo di 3 unità (da 97 a 94 casi), ma solo in 32 casi si può parlare effettivamente di femminicidio, nel senso di uccisioni di donne in ragione del proprio genere. Anche se generalmente il “femminicidio” è ricondotto cronologicamente a questi ultimi anni, già nel 1992 se ne è parlato in letteratura. A farlo è stata Diana Russell che nel libro “Femicide: The Politics of woman killing” ha introdotto questa nuova categoria criminologica per definire la violenza estrema perpetrata dall’uomo ai danni della donna “perché donna”. di Alessandro Notarnicola Certo, questo non vuol dire che prima del 1992 non si siano mai verificati reati di genere, anzi. La Russell dal canto suo ha dato vita a una campagna di informazione scientifica, antropologica, oltrechegiornalistica.Finoadallorasieraparlatodimisoginiachepersuaorigineenatura induce l’uomo a pensare alla controparte femminile come un oggetto di poco valore che non merita attenzioni di nessun tipo. Un pensiero che ha prodotto fiumi di inchiostro in ambito scientifico e che ha indotto lo stesso Sigmund Freud a ritenere che questa stereotipizzazione della donna nasca da un complesso omosessuale insito nell’uomo o, molto più semplicemente, scaturisca da un “non-risolto” che provoca rabbia e violenza. 38 | in evidenza
  38. 38. healthonline.it | 39
  39. 39. Pertanto, alla misoginia, spesso definita in legge come “delitto d’onore” e “lesbicidio”, terminologie cadute in disuso da decenni almeno per la legge italiana, con l’intuizione della Russell si è cominciato a parlare di “femminicidio”gradualmenteallargatosiaogni forma di violenza e discriminazione contro la donna“inquantodonna”,ancheverbale. Un altro aspetto importante non trascurabile riguarda il contesto in cui avviene la violenza. Di per sé se si parla di femminicidio non si fa riferimento solo all’atto violento dell’uomosulladonnamaanchealcontesto sociale, lavorativo, familiare e domestico in cui esso si rende possibile. Inoltre, presuppone un’escalation di atti, verbali e non, che hanno prodotto come risultato l’aggressione finale, si pensi ai casi – poi diventati mediatici – di Gessica Notaro e Lucia Annibali, entrambe sfigurate in viso con dell’acido. Ad esempio: nell’80% dei casi un marito che uccide la moglie l’ha vessata per anni e dopo, a monte della separazione, ha deciso di ucciderla per gelosia. Uno degli aspetti finora poco approfonditi del femminicidio riguarda il durante, ossia la fase che intercorre tra “la relazione standard tra un uomo e una donna” e il “drammatico epilogo”. Il durante rappresenta la fase più dura da superare ma al contempo quella più decisiva: se la donna denuncia è salva, se non confessa ad alcuni, familiari o amici, quello che le sta accadendo allora è in trappola 40 | in evidenza
  40. 40. La testimonianza Abbiamo raccolto l’esperienza di Maria (nome di fantasia), donnadelsudItaliasposatadatrentadueanniemaltrattatada oltre dieci. Sposata con il suo attuale marito, la cinquantenne ha dato alla luce tre figli, i quali oggi studiano e lavorano lontano da casa. Pur non essendo legata sentimentalmente al marito da qualche anno, Maria non riesce a chiedere la separazione da quel compagno oggi, a suo dire, “indifferente, silenzioso e violento”. Una violenza che non necessariamente si concretizza tramite una sberla o uno spintone ma in gran parte è fatta di accuse, ingiurie, bestemmie. “Sono stati i suoi modi – ci racconta la donna – a indurmi in uno stato di autodifesa e alla solitudine completa. Ho un rapporto debole con i miei figli che sanno ma non possono aiutarmi come vorrebbero essendo distanti da casa. Con gli anni – confessa – mi sono trasformata: sorrido sempre di meno, parlo molto poco e perdo peso a vista d’occhio. Sono certa che un altro uomo non troverebbe in me la sensualità che ogni donna conserva”. LadifficoltàincontratadaMariainquestiannidi“depressione di coppia” è dovuta – stando a quanto dice – a una mancanza di autostima venuta meno dal momento in cui il dialogo con il marito, suo coetaneo, ha assunto toni violenti e aspri non idonei ad accogliere un confronto. A monte delle loro discussioni un’altra donna, o meglio il tentativo del marito di avvicinarsi a un’altra donna. “Questoèilmotivochehainnescatonellamiamente–racconta – un meccanismo di sfiducia nei suoi confronti: pertanto non mi fido dei suoi racconti, dei suoi ritardi e persino degli abiti che indossa a lavoro o fuori casa”. Secondo gli esperti i problemi di fiducia nascono dall’assenza di autostima, come in questo caso, o da complessi irrisolti della persona singola. Per esempio, i soggetti molto gelosi e possessivi possono faticare a concedere fiducia perché subentrano dinamiche inconsce che impediscono loro di lasciarsi andare completamente o, come ancora nel caso di Maria, di riuscire ad andare avanti. Il tradimento, o presunto tale, è infatti la ragione che porta molte coppie a frantumarsi: da una parte ci sono coloro che optano per la separazione consensuale, dall’altra invece in molti per ragioni sociali (spesso vivono in piccoli centri abitati), l’unica strada è insabbiare i problemi di coppia sfociando in litigi che generalmente diventano violenti. Anche questo è dunque il femminicidio, inteso come annientamento verbale della donna che il più delle volte, a dimostrarlo sono i dati ufficiali, si trasforma in possesso e in una relazione dalle tonalità mortificanti. healthonline.it | 41
  41. 41. Il nostro impegno, la vostra salute Health Italia S.p.A. opera nel mercato della promozione di soluzioni di sanità integrativa e sostitutiva ed eroga servizi amministrativi, liquidativi, informatici e consulenziali a Fondi Sanitari, Casse di assistenza sanitaria e, soprattutto, a Società di Mutuo Soccorso. È inoltre attiva nel mercato del welfare aziendale e gestisce in outsourcing piani di welfare in modalità Flexible Benefit. Health Italia S.p.A. c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 Formello (RM) info@healthitalia.it www.healthitalia.it
  42. 42. Visita nel nostro Shop Center della Salute. Un consulente è a tua disposizione per aiutarti a creare un percorso di prevenzione e benessere personalizzato. Scoprirai i nostri servizi, realizzati per offrirti le tecniche di prevenzione più all’avanguardia, e potrai acquistare gli esclusivi prodotti Health Italia, studiati per garantire la più alta qualità al tuo benessere e a quello della tua famiglia. Per maggiori informazioni www.healthpointitalia.com
  43. 43. Salute a tavola food con gli eventi di aziende del gruppo Abbiamo incontrato l’AD Manuela Alfieri 44 | aziende del gruppo health
  44. 44. healthonline.it | 45 “Il meglio per ogni evento, la salute in ogni creazione”. Questa frase racchiude il valore e il lavoro di Health Food, azienda del Gruppo Health Italia S.p.A. che progetta eventi privati e aziendali, dalla realizzazione e organizzazione - scelta della location e allestimento - fino ai servizi di animazione. La qualità delle materie prime e il rispetto dei valori tradizionali della cucina italiana che si uniscono a quella moderna, sono i punti di forza di Health Food. Per scoprire meglio quali sono i servizi e in che modo Health Food realizza ogni desiderio del cliente, abbiamo incontrato l’Amministratore Delegato, la dottoressa Manuela Alfieri. “Health Food - spiega Manuela Alfieri - nasce dall’idea di offrire servizi esclusivi per aziende e privati. La ricerca del prodotto di qualità è alla base del nostro lavoro. Alimento di qualità significa che, oltre ad essere fresco, è anche genuino e quindi sicuro dal punto di vista della salute perché, grazie ai metodi di lavorazione tradizionali mantiene tutte le proprietà organolettiche. La salute è alla base di ogni nostra creazione moderna che sposa la tradizionale cucina italiana, da sempre simbolo indiscusso del nostro Paese.” Qual è l’attività di Health Food? Siamo specializzati nel fornire servizi di organizzazione eventi come feste, seminari, convention, cene di gala, catering e meeting. Curiamo tutte le fasi di realizzazione in ogni singolo dettaglio: dalla qualità delle materie prime alla ricerca della location esclusiva, all’animazione e alla decorazione; il tutto per soddisfare le esigenze del cliente con la massima attenzione alla salute. di Nicoletta Mele
  45. 45. Che tipo di servizi proponete? “Abbiamo una varietà di servizi per ogni occasione. Per quanto riguarda la parte esclusivamente food, gli chef preparano i cibi nel pieno rispetto dei valori della qualità e della tradizione senza tralasciare gli aspetti più innovativi e creativi della cucina moderna. Tra le proposte, curiamo ad esempio il light lunch o buffet. I menù possono essere personalizzati tenendo presente le specifiche richieste. Health Food ha studiato menù adatti alle persone che soffrono di intolleranze alimentari e anche a coloro che seguono uno stile di vita vegano o vegetariano. Invece, per la parte organizzativa, lo stile e la raffinatezza sono le nostre principali caratteristiche nella ricerca della location che deve essere curata nei minimi dettagli per rendere unico ed indimenticabile l’evento. Tutto questo è possibile grazie alla continua scoperta di cose nuove e uniche per stupire chi sceglie Health Food”. Cibo di alta qualità e incantevoli location sono il connubio perfetto per la realizzazione di un evento. Health Food mette a disposizione una propria location esclusiva nel cuore del Parco di Vejo, dove poter organizzare eventi privati e aziendali: la Selvotta Suite Guest House 46 | aziende del gruppo
  46. 46. Cura nel dettaglio dal punto di vista alimentare e organizzativo, siete “gli architetti degli eventi del food”. Chi si rivolge a voi non deve pensare a nulla, è così? “Esatto, pensiamo a tutto noi ma la centralità e il coinvolgimentodelclientesonofondamentaliperlariuscita dell’evento. Sin dal primo contatto incontriamo il cliente per capire quali sono le sue esigenze anche attraverso le emozioni che trasmette nel comunicarle. È un rapporto di collaborazione dove si incontra la nostra professionalità e le aspettative di chi si rivolge a noi”. Perchè rivolgersi a Health Food? “Perchè siamo attenti ad ogni singolo particolare in tutte le fasi di organizzazione di un evento, questo è il cuore della nostra attività quotidiana”. Ricevimenti, feste, catering e banqueting all’insegna della tradizione e di idee innovative sono i particolari che fanno la differenza per un evento privato o aziendale difficile da dimenticare. Tutto questo è…Health Food! healthonline.it | 47 Qual è il vostro “segreto”? “L’impegno, la passione e la creatività sono i nostri punti di forza. Il fine è quello di offrire cibi gustosi e particolari ma soprattutto sani. Health Food è da sempre attenta a garantire, grazie al personale qualificato, un servizio impeccabile interpretando con cura i gusti del cliente” Health Food di nome e di fatto. In che modo avviene la ricerca e la selezione dei prodotti? “Attraverso l’esplorazione del territorio che ci consente di selezionare le aziende fornitrici. Ci rechiamo personalmente nelle strutture per conoscere direttamente la loro storia e il loro modo di lavorare. Siamo noi i primi a testare la qualità dei prodotti da offrire ai clienti”.
  47. 47. innovazione e tecnologia erealtà virtuale Teletrasporto 48 | innovazione e tecnologia
  48. 48. ATerniilchirurgoentra insalaoperatoriaconil5G healthonline.it | 49
  49. 49. Ha effettuato un vero e proprio teleconsulto immersivo 4K dal palco dell’Auditorium dell’Eur di Roma Giorgio Palazzini, Professore della III Clinica Chirurgica Sapienza Università di Roma, grande esperto di telemedicina: indossando visore e joystick, è stato “teletrasportato” in diretta nella sala operatoria dell’Ospedale di Terni. L’operazionechirurgica,laprimaconlarealtàimmersiva5G di Tim (fornita nell’ambito del progetto per la sanità 5.0), è stata effettuata in laparoscopia, interagendo a distanza in 4K con il team medico diretto dal Prof. Chang-Ming Huang, luminare dell’Università cinese Fujian Medical. Ha raccontato Palazzini: “Trenta anni fa, gli interventi sull’addome richiedevano molte trasfusioni di sangue, perché se ne perdeva tanto. Oggi con la chirurgia macroscopica o robotica il sanguinamento è equivalente allo zero. I bracci elettronici consentono di coagulare e di vedere molto meglio. di Mariachiara Manopulo 50 | innovazione e tecnologia
  50. 50. Proseguendo su questa strada, si potranno fare operazioni chirurgiche di massima precisione e offrire teleconsulti a distanza, in luoghi non facilmente raggiungibili, ad esempio colpiti da terremoti o da altre calamità naturali L’occhio nudo ha un ingrandimento 1:1. Con questi strumenti digitali il rapporto è 1:10. È come avere una lente di ingrandimento sui vasi sanguigni. Si ha una visione amplificata, si vede meglio e si fanno meno errori. Per questo la chirurgia robotica è adatta agli interventi di cardiochirurgia. Inoltre le ore di intervento in sala operatoria si riducono da 5 a 2”. Nella sala operatoria erano state installate 3 telecamere, di cui una speciale a 360° ad altissima definizione: Palazzini ha potuto così vedere contemporaneamente l’intervento e i dati biometrici del paziente, zoomare e selezionare i dettagli e osservare, sempre in un’unica vista, la ripresa dell’organo interno del paziente, grazie alla telecamera laparoscopica anch’essa connessa alla rete. Il chirurgo ha commentato e seguito l’operazione proprio come se fosse a Terni. “Se il professor Chang-Ming Huang, che opera 1.200 tumori allo stomaco ogni anno, può insegnare a distanza a un collega che ha un’esperienza di nemmeno 10 casi l’anno si genera un valore enorme”, ha aggiunto ancora il prof. Palazzini. “O pensiamo solo alla possibilità che io possa seguire un intervento urgente a centinaia di chilometri di distanza, anche se in quel momento sono all’estero o in vacanza, indossando solo un visore. Sono convinto che questo sia solo l’inizio di una nuova era in tutte le branche mediche e non solo per la teledidattica”. Tutto l’intervento è stato trasmesso in multistreaming: hanno assistito 30mila specialisti e chirurghi di tutto il mondo grazie alla connettività ultraveloce 5G di Tim. Questo il commento di Elisabetta Romano, chief innovation & partnership officer di Tim: “Questo enorme passo avanti è stato reso possibile dalla sinergia tra le competenze tecnologiche e quelle sanitarie. In questo caso c’è un’integrazione fondamentale di qualità, velocità e latenza, senza sottovalutare la componente wireless. Non dimentichiamo infatti che non sempre si possono fare teleconsulti in ambienti super cablati: se non c’è un’infrastruttura il wireless fa dunque una differenza notevole. L’ambizione è rendere la sanità ancor più democratica grazie alla tecnologie”. healthonline.it | 51
  51. 51. grazie ad Health Point TELEMEDICINA vicina ai cittadini sempre più innovazione e tecnologia La Il punto con l’AD Silvia Fiorini 52 | innovazione e tecnologia
  52. 52. La prevenzione, la diagnosi e la cura hanno un alleato in più: la telemedicina. In epoca digitale il concetto della telemedicina, intesa proprio come l’erogazione di servizi sanitari con l’utilizzo di tecnologie informatiche e internet per uno scambio di informazioni tra medico e paziente utili alla diagnosi, al trattamento e alla prevenzione delle malattie, si sta espandendo. di Nicoletta Mele In Italia è presente dal 2017 Health Point S.p.A., leader nel panorama nazionale nello sviluppo e nell’erogazione di servizi sanitari e in telemedicina. È controllata da Health Italia S.p.A, società quotata sul mercato AIM Italia, tra le più grandi realtà indipendenti del mercato italiano che operano nella Sanità Integrativa. L’obiettivo di Health Point, sin dalla costituzione, è quello di diffondere una nuova percezione della salute, non più legato alla semplice assenza di malattia, ma da intendere come un modus vivendi che conduce a un reale e concreto senso di benessere complessivo. “Tutto questo - spiega l’AD Silvia Fiorini - per rispondere alle nuove esigenze di un elevato invecchiamento della popolazione: passare dal concetto di ‘cura’ a quello del ‘prendersi cura’ di un soggetto sano attraverso interventi personalizzati con strumenti digitali che consentono un accesso facilitato, costi agevolati e senza lunghe ed estenuanti attese”. HealthPointèunarealtàinpienoecontinuo sviluppo e nel tempo ha registrato una crescita esponenziale. Ad oggi, la società conta diversi Shop Center della Salute sul territorio nazionale, ognuno con la propria station per i servizi in Telemedicina e la divisione Medical Care che si compone di 2 centri medici polispecialistici; l’ultimo, il Poliambulatorio Specialistico e Odontoiatrico Medical Care di Formello, inaugurato ad ottobre scorso, è un vero e proprio punto di riferimento per la promozionedellaculturadellaprevenzione. Inoltre, a giugno scorso Health Point ha avviato il primo franchising ad Arezzo, in Toscana. Non solo, sempre nella logica di crescita e di maggiore diffusione dei servizi di telemedicina, la società ha finalizzato una serie di collaborazioni con aziende importanti, con diverse soluzioni dedicate alla salute in ottica welfare ed è stata presenteconunastationall’ultimaedizione di Ita.ca 2019 - In viaggio tra le idee. L’aver partecipato a questa importante iniziativa che ha riscosso grande successo di pubblico, è stata occasione per avvicinare i cittadini al mondo della sanità digitale grazie all’erogazione gratuita di check up ed esami non invasivi di primo livello a chi ne ha fatto richiesta. In occasione della seconda edizione del Premio Nazionale ANGI (Associazione Nazionale Giovani Innovatori) dedicato ai migliori innovatori italiani che si è svolta presso la Camera dei Deputati a dicembre scorso, Health Point è stata premiata nella categoria “salute e benessere” per essersi distinta come realtà innovativa nell’offrire servizi dedicati alla prevenzione e alla salute. Per capire meglio la storia, la crescita e gli sviluppi di Health Point, realtà unica in Italia, abbiamo intervistato l’AD Silvia Fiorini. healthonline.it | 53
  53. 53. Dottoressa Fiorini, innanzitutto spieghiamo le diverse realtà di Health Point. “Health Point eroga i propri servizi fondamentalmente attraverso due canali: gli Health Point Center e gli Health Point Medical Care. I primi sono dei veri e propri Shop Center della Salute per la promozione della prevenzione e del benessere, con personale dedicato. Al loro interno è possibile usufruire di servizi di telemedicina grazie alla presenza delle station, approfondire argomenti legati alla sfera della salute e acquistare prodotti relativi al mondo del benessere come cosmeceutici, integratori a base di collagene, test predittivi del DNA e un’acqua minerale microbiologicamente pura, con bassissimo contenuto di sodio e PH alcalino. Le station sono delle postazioni all’interno dei center, attrezzateperfornirepiùdi40rilevazioniintelemedicina grazie a dispositivi medicali non invasivi e di ultima generazione, nel pieno rispetto delle Linee di Indirizzo Nazionali del Ministero della Salute. I center sono presenti in diverse città d’Italia e ad Arezzo è stato aperto il primo in franchising. IMedicalCaresonoatuttiglieffettideicentripolispecialistici con personale medico altamente qualificato, in cui è possibile effettuare prestazioni sanitarie di secondo livello compreseinduemacroaree:PolispecialisticaeOdontoiatria. Allo stesso tempo emettono anche la refertazione per le rilevazioni effettuate in telemedicina nelle station, essendo in possesso di regolare autorizzazione”. Ha preso il via il Poliambulatorio Specialistico e Odontoiatrico Medical Care a Formello, quali sono le attività? “Il Centro Polispecialistico è attivo da giugno, dopo l’estate abbiamo voluto organizzare un’inaugurazione ufficiale che ha visto la partecipazione di esponenti delle istituzioni locali. Quello di Formello è un Poliambulatorio Specialistico e Odontoiatrico la cui mission è rendere la salute una condizione di benessere completo e costante, offrendo visite ed esami specialistici con lo scopo di abbattere i tempi di attesa. Gli obiettivi principali sono la diffusione della prevenzione, cercando di instaurare nelle persone la consapevolezza del prendersi cura della propria salute, e del benessere quotidiano come punto imprescindibile in ogni individuo, più facilmente raggiungibile proprio attraverso la prevenzione”. Dott.ssa Silvia Fiorini AD di Health Point 54 | innovazione e tecnologia
  54. 54. Se facessimo un bilancio di Health Point dalla nascita ad oggi possiamo dire che questa nuova realtà, unica nel suo genere in Italia, è stata lungimirante nel saper cogliere le nuove esigenze e gli strumenti tecnologici innovativi che si hanno a disposizione per la tutela della salute? “Ciò che ci preme cambiare è la forma mentis che ci fa ricorrere alle cure mediche soltanto all’insorgere di un problema di salute. Non sarebbe meglio avere più consapevolezza nel quotidiano e fare ciò che è nelle nostre possibilità per cercare di mantenere uno stato di benessere continuo? Sicuramente la tecnologia ci può assistere in quest’ottica di prevenzione, rendendo le dinamiche più semplici e andando incontro ad aspetti differenti che fanno parte della vita di ognuno di noi. Anche all’interno del contesto lavorativo, altro tema che riteniamo fondamentale, è possibile inserire dei percorsi dedicati alla persona. Si sta delineando un trend che vede le imprese sempre più attente ai bisogni e alle esigenze dei propri dipendenti. Promuovendo la cultura della prevenzione nella quotidianità, Health Point offre anche diverse soluzioni integrabili all’interno di piani di welfare aziendale, personalizzabili secondo le diverse esigenze, con check- up per i dipendenti estendibili ai familiari e altri percorsi dedicati alla salute, con accesso veloce e immediato. Tral’altroabbiamoavutomododiillustrare i nostri servizi alle aziende partecipando, a fine ottobre, ad uno dei maggiori eventi riguardo l’arte di fare impresa: Azimut Libera Impresa EXPO. Siamo stati presenti con una station e abbiamo incontrato numerosi manager e professionisti illustrando la nostra realtà, in quello che è stato il punto di riferimento annuale tra aziende ed economia reale.” healthonline.it | 55 “Ciò che ci preme cambiare è la forma mentis che ci fa ricorrere alle cure mediche solo all’insorgere di un problema di salute”
  55. 55. Secondo lei il concetto di telemedicina sta finalmente entrando a pieno titolo come il nuovo e innovativo strumento di erogazione di servizi sanitari fino ad ora non molto diffuso e in un certo senso anche ostacolato? “Non posso utilizzare il termine “ostacolata” pensando alla Telemedicina, non sarebbe esatto. Semplicemente è un aspetto che si sta sempre più sviluppando a livello mondiale, in Europa e pian, piano anche qui in Italia, anche se c’è molto lavoro da fare. Siamo orgogliosi di poterci considerare dei pionieri nel nostro territorio nazionale, ma proprio per questo, cercando di sviluppare dei progetti nuovi e innovativi, è normale riscontrare delle difficoltà, anche derivanti dal confronto con le istituzioni. Mi riferisco al procedimento giudiziario concluso pochi mesi fa con una sentenza della Corte di Cassazione che ha riconosciuto la nostra corretta interpretazione e applicazione delle normative vigenti in telemedicina nel portare avanti il nostro lavoro. Sicuramentequestasentenzahaspalancato ulteriormente le porte verso il futuro della telemedicina e rappresenta un importante precedente per la regolamentazione. Noi crediamo e continuiamo a credere fortemente in questa disciplina. La possibilità di effettuare misurazioni di particolari parametri del nostro organismo con device altamente tecnologici e non invasivi, nel pieno rispetto della privacy, e la possibilità di condividere i dati direttamente con un centro medico e/o un medico specialista di riferimento, rappresentano degli strumenti fondamentali per la prevenzione e per la tempestività nella sfera sanitaria quotidiana di ognuno di noi”. Le station di Health Point, operando quindi nel pieno rispetto delle Linee di Indirizzo Nazionali sulla Telemedicina e prendendo atto delle delibere di recepimento dal 2015 presenti nella maggior parte delle regioni italiane, sono delle realtà, prima che dei luoghi fisici, in cui imparare a considerare il proprio benessere come prioritario e conseguenziale a un nuovo approccio alla prevenzione e alla cura di sé. Sono spazi in cui è possibile avere a disposizione le più innovative soluzioni esistenti per la propria salute e quella di tutta la famiglia. A presto con i futuri sviluppi di una realtà in costante crescita sempre più vicina ai cittadini nell’erogazione dei servizi di telemedicina. 56 | innovazione e tecnologia
  56. 56. ABBIAMO LA RISPOSTA PRONTA Health Assistance fornisce le soluzioni più qualificate in ambito di salute integrativa, servizi sociali e assistenza sanitaria, per privati e aziende. Siamo un Service Provider indipendente sul mercato dell’Assistenza Sanitaria Integrativa, dei servizi Socio Assistenziali e Socio Sanitari, nel comparto del Welfare Aziendale e privato. Per offrirti il meglio, abbiamo stipulato accordi e convenzioni con le più accreditate Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza, Fondi Sanitari e Compagnie di Assicurazione, nonché Cooperative, Società di Servizi, strutture sanitarie e liberi professionisti. Per i servizi sanitari e socio assistenziali, anche domiciliari: Numero Verde: 800.511.311 Numero dall’estero: +39 06 90198080 Health Assistance S.C.p.A. c/o Palasalute Via di Santa Cornelia, 9 00060 Formello (RM) Per le strutture del Network o a coloro che intendano candidarsi al convenzionamento Ufficio Convenzioni: 06.9019801 (Tasto 2) email: network@healthassistance.it www.healthassistance.it
  57. 57. Telemedicina diabete incontra La il innovazione e tecnologia 58 | innovazione e tecnologia
  58. 58. Al via lo studio dell’Associazione Medici Diabetologi healthonline.it | 59
  59. 59. Che la telemedicina si possa applicare alla cura di patologie croniche, come il diabete, non è certo una novità. In tutta Italia sono disponibili servizi di monitoraggio a distanza dei valori di glicemia, peso, pressione arteriosa, rilevati in casa del paziente e trasmessi alla centrale operativa di assistenza. L’obiettivo è ora perfezionare e sviluppare su larga scala queste esperienze, fino a questo momento sviluppate per lo più a livello locale ed episodico senza coordinamento. La telemedicina in questi casi può 60 | I pazienti, direttamente da casa trasmetteranno i propri dati relativi a glicemia, peso e pressione a un TeleHealth Center con funzione di filtro, per evitare che i servizi di diabetologia vengano sommersi da una mole di informazioni difficilmente gestibile offrire una maggiore continuità assistenziale, migliorare la qualità di vita dei pazienti – superando il problema della distanza e riducendo il numero delle visite, garantendo però cure sempre più personalizzate – e permette di risparmiare in termini di spesa sanitaria. Recentemente, l’Associazione Medici Diabetologi (AMD), con il supporto e il coordinamento scientifico del Centro Nazionale per la Telemedicina e le nuove Tecnologie Assistenziali dell’Istituto Superiore di Sanità, ha sviluppato uno studio clinico per valutare e misurare i benefici della telemedicina in diabetologia. di Mariachiara Manopulo innovazione e tecnologia
  60. 60. healthonline.it | 61 Glialertarriverannoaldiabetologosoloincasosianecessario un intervento, che avverrà comunque in tempo reale. “Ci aspettiamo che lo studio offra alcune risposte chiave sulle differenze tra percorsi di telemedicina e percorsi assistenziali standard, in termini di consumo di risorse sanitarie”, ha sottolineato in una nota il presidente di AMD, Domenico Mannino. “L’obiettivo - ha chiarito - è quantificare il numero di visite, di accessi in ospedale e il tempo dedicato alle prestazioni di telecare, per supportare future politiche di rimborso di queste stesse prestazioni, alla luce del Piano Nazionale della Cronicità, del Piano Nazionale per la Malattia Diabetica, della Comunicazione della Commissione Europea sulla Sanità Digitale (COM 2008-689) e delle normative vigenti”. “La telemedicina è una modalità integrativa rispetto alle cure tradizionali, è un di più rispetto ai normali contatti tra la persona con diabete e il Centro di diabetologia, ed è un modo per facilitare il passaggio di informazioni da casa del paziente al centro di diabetologia negli intervalli tra le visite”, ha sottolineato Antonio Nicolucci, direttore di Coresearch, partner AMD nella conduzione dello studio. “Una persona con diabete di tipo 2 viene vista dal servizio di diabetologia in media due volte l’anno. In tutto il periodo che intercorre tra una visita e l’altra la telemedicina consente di convogliare i dati sulla glicemia, sul peso corporeo, sulla pressione arteriosa da casa del paziente al centro di diabetologia”. Il direttore del Centro Nazionale per la Telemedicina e le Nuove Tecnologie Assistenziali ISS, Francesco Gabbrielli, ha sottolineato l’importanza del progetto, “un’esperienza ‘apripista’”, il primo trial a livello nazionale. “Le innovazioni digitali - ha aggiunto - aprono nuove opportunità, ma non dimentichiamo che la Telemedicina, e ciò che ne seguirà, è un atto sanitario e come tale necessita di adeguata sperimentazione clinica”. Ad essere coinvolti saranno 1000 persone, con diabete di tipo 2 e diabete gestazionale; l’obiettivo è verificare se l’utilizzo di un sistema di telemedicina domiciliare, associato a un supporto educativo da remoto, migliori il controllo glicemico e il profilo di rischio cardiovascolare, rispetto alle normali modalità di gestione della patologia.
  61. 61. Vegan stile di vita benessere 62 | benessere
  62. 62. healthonline.it | 63 I numeri parlano di un trend in crescita A colloquio con Laura Serpilli
  63. 63. Alimentazione vegana e stile di vita. Sempre più spesso si parla di veganismo non solo legato al comportamento alimentare, ma inteso come un vero e proprio stile di vita. È un trend in crescita, una “rivoluzione vegetale”. A rilevarlo è l’Osservatorio VeganOk, “un progetto editoriale web nato a Novembre 2016 - spiega la Direttrice dell’Osservatorio VeganOk Web e della rivista Osservatorio VeganOk Magazine, Laura Serpilli - per la realizzazione di report statistici annuali curati dalla Dott.ssa Paola Cane e utilizzati dai media nazionali per articoli ed approfondimenti. Da Giugno 2018 è un sito con aggiornamento quotidiano”. L’Osservatorio è la prima organizzazione informativa europea specializzata in analisi dei dati sociologici, scientifici e di mercato, che verifica in modo competente e con l’ausilio di seri professionisti, notizie e tendenze che influenzano il comportamento di persone e mercati sull’intero territorio europeo. Dott.ssa Serpilli a chi è rivolto il progetto? “Ad aziende che vogliono essere informate sui trend e sulle normative, a consumatori consapevoli che vogliono ottenere informazioni corrette in ambito di consumi e a giornalisti alla ricerca di indagini e dati. Il mondo vegan è la lente attraverso la quale osserviamo i mutamenti del mercato. Vogliamo misurare l’impatto della crescita della realtà vegan, osservarne l’evoluzione e darle il posto che la normale informazione a volte non riesce a conferirle. Il focus della nostra attività è mostrare il cambiamento in atto, con attenzione particolare alle attività produttive che, in maniera sempre più incisiva, decidono di allargare la propria offerta al mondo vegan o convertire la propria produzione con una svolta ecologica ed etica. Laura Serpilli Direttrice dell’osservatorio VeganOk e della rivista Osservatorio VeganOk Magazine di Alessia Elem 64 | benessere
  64. 64. healthonline.it | 65
  65. 65. Cosa si intende per stile di vita vegano? É una scelta di vita che poggia su basi etiche. Non si tratta di una questione legata esclusivamente all’alimentazione ma è il concretizzarsi di una visione in cui l’interazione tra gli esseri non sia filtrata da alcun presupposto di superiorità. Il vegano è colui che ha interiorizzato una visione non specista dell’esistenza in una dimensione in cui la specie di appartenenza non rappresenta un privilegio. L’ovvia conseguenza è quella di non consumare derivati animali; non indossare derivati animali; non appoggiare nessuna azione di sfruttamento. La parola “vegan” associata ad un prodotto o allo stile di vita di una persona, ci fornisce una serie di informazioni e non una soltanto, legata al cibo: ci racconta la necessità di introdurre una base etica su cui edificare tutte le altre scelte. Adottare uno stile di vita vegano è quindi diverso dalla scelta di approcciare una dieta di tipo vegetale. Chi mangia vegetale potrebbe farlo per motivi puramente salutistici o legati al benessere e per questo, non fare proprio il concetto etico alla base del veganismo: salute e benessere sono motivazioni forti ma non necessariamente legate all’aspetto etico di interazione tra uomo e animale. Ad esempio, chi decide di adottare un’alimentazione a base vegetale potrebbe decidere anche di indossare derivati animali (pelletteria, lana o seta). Per entrambe le scelte comunque, è necessario accrescere la propria consapevolezza e scegliere accuratamente cosa mettere nel carrello. Sia per il consumatore vegan che per quello che sceglie prodotti plant-based, il carrello è uno strumento identitario molto forte. Come spiega che da un punto di vista economico è un trend in crescita? Stiamo attraversando una vera e propria “rivoluzione vegetale”. Iconsumatorichesidichiaranoveganiaumentano in maniera incisiva tutto il mondo e sono guidati da tre driver principali: etica, salute e questione ambientale. 66 | benessere
  66. 66. Quali sono i numeri al livello internazionale? Cresce la portata degli investimenti nel settore, il numero di aziende che immettono sul mercato prodotti vegetali e cresce anche il numero di consumatori che accolgono l’offerta di referenze plant-based. Le abitudini di spesa stanno cambiando e vanno verso una direzione di consumo più consapevole. Di conseguenza, gli scaffali della GDO ampliano lo spazio dedicato al mondo vegetale. Alcuni dati dal nostro ultimo report (Rapporto Osservatorio VeganOk 2018): • 7,4 miliardi di euro: mercato globale prodotti Plant based (sostituti vegetali della carne e dell’industria lattiero casearia) • 11,90 miliardi di euro: stima mercato globale Plant based al 2022 • 5,2 miliardi di euro: stima mercato globale Plant based sostitutivi della carne al 2020. Negli Stati Uniti, Sentinel Media ha stimato, che la popolazione che si dichiara vegana ha raggiunto quota 6.5 milioni di persone. InGranBretagna,secondodatiIpsoscommissionatidallaBritishVeganSociety,lapopolazione vegan dal 2014 al 2018 risulta praticamente quadruplicata. A confermare il trend a livello globale, c’è un altro elemento fondamentale, l’ascesa del “flexitarian”: un consumatore che per motivi etici, salutistici o legati alla questione ambientale, sta facendo spazio ad un sempre maggiore numero di prodotti e referenze plant-based come parte di un’alimentazione flessibile. Probabilmente questa è la fetta di popolazione più ampia in questo momento ed è anche quella che sta generando una spinta sostanziale di cambiamento del comparto produttivo. Qual è invece a la situazione in Italia? Secondo la ultima rilevazione Eurispes, è veg il 7,3% degli italiani, con un calo del numero di vegetariani, ed un aumento della popolazione che sceglie uno stile di vita vegan: l’1,9% del totale. Nonostante l’indagine Eurispes risulti a nostro avviso sottostimata rispetto alla reale portata del fenomeno, l’incremento è innegabile. Nel 2017 come Osservatorio abbiamo condotto una indagine su un campione di 15.000 individui e abbiamo rilevato una popolazione vegan pari al 2,6% degli intervistati. la categoria dei flexitarian rappresenta la fetta di popolazione più ampia in questo momento ed è anche quella che sta generando una spinta sostanziale di cambiamento del comparto produttivo healthonline.it | 67
  67. 67. aids ed epidemiologia psicologia dell’ psicologia 68 | psicologia
  68. 68. healthonline.it | 69 Dalla sua comparsa, ben 75 milioni di persone sono state infettate dal virus dell’HIV e circa 32 milioni sono morte, mentre quasi 38 milioni convivono con la malattia. La parte di mondo più colpita da questa epidemia è il Continente Nero, con quasi un adulto su 25 affetto da HIV. Ma negli ultimi due decenni, grazie ai progressi in campo medico e scientifico, si è visto che l’obiettivo di porre fine all’epidemia di AIDS è raggiungibile, seppur ambizioso. Come superare le principali sfide per porre fine all’epidemia di AIDS? Ad oggi l’HIV rimane una delle principali cause di morte in tutto il mondo. Soprattutto la diagnosi dovrebbe essere tempestiva, per poter offrire un percorso di cura il più rapido possibile. Non solo diagnosi precoce però: anche proteggere chi ha l’HIV impedisce l’ulteriore trasmissione dell’infezione e può contribuire a ridurre al minimo il numero di persone affette. di Giuseppe Iannone
  69. 69. Le persone che convivono con l’HIV sono ancora tante. Troppe. E spesso sono vittime di discriminazione. Ad oggi, la maggior parte della ricerca sull´HIV avviene grazie a finanziamenti nazionali, sia ad opera di donatori pubblici che privati, ma ancora di più può e deve esser fatto. Per questo motivo, la strategia globale per la prevenzione dell’HIV, in linea con l’approccio “Fast-Track” promosso dall’UNAIDS, stabilisce obiettivi sempre più ambiziosi per il 2030. Il traguardo è ridurre le infezioni annuali da HIV di 200.000 entro il 2030; ridurre le morti di 400.000 nel 2030. Non bisogna dimenticare che l’HIV non è solo un problema di salute, poiché la diffusione di una malattia infettiva è fortemente correlata con fattori socioeconomici, ambientali ed ecologici, come la crescita della popolazione, i cambiamenti ambientali e politici. L’incidenza (ossia i nuovi casi) di HIV è in calo del 16% rispetto agli anni ´90, così come calano (del 33% rispetto al 2004) le morti correlate al virus, ma questo non significa che possiamo concederci il lusso di abbassare la guardia. In Italia vengono diagnosticati ogni anno circa 4 mila casi di contagio da HIV. Dagli anni ‘80 sono stati registrati 58.400 casi di AIDS, e ben 35.300 decessi dovuti alla malattia. Dal 1995 ad oggi, il numero di casi registrati di AIDS è passato da 5.600 a 1.200. Ildeclinodell’incidenzadell’AIDSèdirettamenteattribuibile all’efficacia della terapia farmacologica antiretrovirale combinata, che ha portato ad un aumento del numero di persone che riescono a convivere con la diagnosi. L’efficacia della terapia farmacologica significa che i 23.000 italiani infetti da HIV hanno maggiori possibilità di non ammalarsi di AIDS. 70 | psicologia
  70. 70. Se soprattutto negli anni ‘90 la trasmissione dell’HIVinItaliaeracorrelataprincipalmente all’uso di sostanze (nel 1997, circa il 60% dei casi registrati di persone con infezione da HIV era correlato alla droga, il 20% veniva trasmesso attraverso il contatto eterosessuale e il 15% attraverso il contatto omo o bisessuale), nel 2007 il numero di trasmissioni correlate alla droga è diminuito a circa il 28%, mentre la trasmissione per via sessuale è balzata al 44%. Sembra un paradosso, ma grazie ai trattamenti antiretrovirali e ad altri farmaci molte persone non percepiscono più l’AIDS come una condanna a morte immediata: in virtù di ciò, il tasso di infezione da HIV sta di nuovo aumentando. Considerato che un vaccino per l’HIV non è ancora stato trovato, è chiaro come tutte le professioni sanitarie debbano offrire il loro contributo alla prevenzione e gestione dell’HIV. Anche gli psicologi hanno un ruolo importante in questa battaglia: possono, per esempio, progettare strategie di prevenzione, identificando quali persone sianomaggiormentepropenseaimpegnarsi in comportamenti ad alto rischio (sesso non protetto e/o uso di droghe). Ma possono anche progettare interventi di sostegno sia per chi ha contratto il virus sia per i familiari delle persone contagiate, aiutare a ridurre lo stigma associato all’avere contratto il virus, soprattutto in gruppi spesso più a rischio di essere emarginati, come omosessuali e persone che usano sostanze stupefacenti. Possono offrire programmi di trattamento e prevenzione basati sull’evidenza. La competenza degli psicologi è inoltre fondamentale per affrontare un’altra sfida alla prevenzione dell’AIDS: il consumo illegale di sostanze. Sappiamoinfattidamoltotempochel’abusoel’usodisostanzecontribuiscenotevolmente alla diffusione dell’epidemia. E non mi riferisco solo alla trasmissione dell’HIV via siringhe infette, ma anche a droghe eccitanti, come le metanfetamine (sempre più spesso usate in combinazione con il Viagra), che portano le persone ad essere più propense ad impegnarsi in attività che trasmettono l’HIV, prime fra tutte il sesso non sicuro con sconosciuti. Concludo con alcune considerazioni: la prevenzione dell’AIDS andrebbe estesa anche a fasce di popolazione, come quella anziana, che non sono tradizionalmente considerate ad alto rischio di infezione. La psicoeducazione in questo campo è importante per ridurre lo stigma associato alla malattia, per informare le persone sane su come non contrarre il virus e per promuovere stili di vita salutari. healthonline.it | 71
  71. 71. psicologica fisica Disabilità e psicologia 72 | psicologia
  72. 72. healthonline.it | 73 Quale ruolo per la (neuro) psicologia clinica? Neparliamoconlopsicologo epsicoterapeutaGiuseppeIannone
  73. 73. Nonostante la riabilitazione sia stata storicamente considerata un valido aiuto per le persone con disabilità, in realtà viene sempre più introdotta in ogni condizione che comprometta o limiti la salute e quindi il funzionamento complessivo dell’individuo. In occasione della Giornata Mondiale della Disabilità, celebratasi il 3 dicembre scorso, tale concetto è stato ulteriormente sottolineato. Vediamo più da vicino cosa si intende per riabilitazione e quale contributo possono offrire la neuropsicologia e la psicologia clinica. Dr. Iannone, partiamo da cosa si intende per riabilitazione. La riabilitazione psicologica comprende tutte quelle attività finalizzate a una reintegrazione e al recupero di abilità e/o competenze che hanno subìto una modificazione, un deterioramento o una perdita, oppure a favorire la costruzione di strategie compensative nei casi in cui non sia possibile un recupero totale delle abilità e competenze prima possedute. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la riabilitazione è un “processo di soluzione dei problemi e di educazione nel corso del quale si porta una persona a raggiungere il miglior livello di vita possibile sul piano fisico, funzionale, sociale ed emozionale, con la minor restrizionepossibiledellesuescelteoperative”(Linee-guida del Ministro della Sanità per le attività di Riabilitazione, Provvedimento del 7 maggio 1998). di Alessia Elem Dott. Giusepe Iannone Psicologo e psicoterapeuta 74 | psicologia
  74. 74. Che obiettivi si pone la riabilitazione? La riabilitazione ha per compito la realizzazione di tutti quegli interventi sanitari necessari per consentire alla persona di raggiungere un livello ottimale di funzionamento e partecipazione, tenendo conto del diritto all’autodeterminazione della persona stessa. Spesso infatti una condizione di disabilità rappresenta un ostacolo nella libera espressione dei propri diritti, desideri, scelte e relazioni. In quest’ottica, attuare interventi psicologici di riabilitazione, in soggetti con disabilità fisiche, disturbi cognitivi, del neuro sviluppo, deficit neuropsicologici, disturbi psichiatrici o con dipendenza da sostanze, significa valorizzare le risorse personali, promuovere percorsi di formazione, di educazione e riabilitazione volti alla promozione della salute, favorendo la partecipazione del singolo alla vita di comunità. healthonline.it | 75 Oggi la psichiatria lavora sempre più a stretto contatto con la neuropsicologia clinica. Quali sono le implicazioni per la psicologia? La presenza di deficit cognitivi in patologie come le psicosi o il disturbo bipolare è ormai largamente accertata. È altrettanto noto che tali deficit possono e devono essere trattati. In questo senso, la neuropsicologia clinica diviene “disciplina ponte” tra la psichiatria medica e la psicologia clinica. Sempre più servizi, sia pubblici che privati, offrono infatti percorsi di abilitazione e riabilitazione cognitiva delle funzioni cognitive compromesse, come ad esempio quelle mnestiche, attentive ed esecutive. In quanto operatori della riabilitazione, anche a noi psicologi viene richiesto di creare programmi riabilitativi che siano basati sull’evidenza scientifica e che tengano conto dell’unicità della storia di vita della persona e del mondo che abita. A cosa fanno riferimento i concetti di inclusione e integrazione in ambito riabilitativo? Inclusione e integrazione vengono spesso usati come sinonimi in ambito riabilitativo, ma in realtà sono termini che esprimono concetti diversi. Per inclusione si intende un percorso di accompagnamento che consenta alle persone con qualche forma di disabilità di godere degli stessi diritti delle persone senza disabilità. Per integrazione invece, si intende la creazione di percorsi ad hoc per persone con disabilità che consentano di promuovere la qualità della vita.

×