Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Health Online 39 - Settembre/Ottobre 2020

Ad

SALUTE
La terapia antiacida
per la cura dei tumori
BENESSERE
Gli effetti della Pandemia
sugli Interventi Assistiti con Ani...

Ad

SIMPLY AHEAD
Il mondo è in piena
trasformazione digitale
H-Digital è il partner giusto per chi vuole
distinguersi e dare v...

Ad

sommario
salute benessere
in evidenza-focus
parliamo di...
disabilità
lo specialista
risponde
in evidenza
pag. 18
pag. 06
...

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Ad

Loading in …3
×

Check these out next

1 of 56 Ad
1 of 56 Ad
Advertisement

More Related Content

Advertisement

Health Online 39 - Settembre/Ottobre 2020

  1. 1. SALUTE La terapia antiacida per la cura dei tumori BENESSERE Gli effetti della Pandemia sugli Interventi Assistiti con Animali L’italia non è un paese per sordi LO SPECIALISTA RISPONDE... L’importanza della prevenzione nella lotta al tumore al seno PARLIAMO DI... Disabilità il periodico di informazione sulla sanità integrativa settembre ottobre 2020 Anno VII N°39 Tre giorni di tra confronti e dibattiti ISTITUZIONI E IMPRESE ITACA 20.20
  2. 2. SIMPLY AHEAD Il mondo è in piena trasformazione digitale H-Digital è il partner giusto per chi vuole distinguersi e dare visibilità al proprio business perché è in grado di garantire ai propri clienti la realizzazione di progetti “end to end” e lo sviluppo di soluzioni tecnologiche adatte alle singole esigenze e dimensioni di impresa, con un time to market ridotto e una ottimizzazione dei costi di realizzazione. H-Digital è un interlocutore unico con cui generare valore, l’alleato ideale per conquistare rapidamente visibilità e generare interesse sul mercato digitale.
  3. 3. sommario salute benessere in evidenza-focus parliamo di... disabilità lo specialista risponde in evidenza pag. 18 pag. 06 pag. 12 pag. 26 pag. 36 pag. 50 pag. 30 pag. 44 pag. 05 - Editoriale La terapia antiacida per la cura dei tumori: le neoplasie sono malattie, non sentenze di morte. L’intervista al dott. Stefano Fais Qualità del servizio mutualistico: l’intervista all’Ing. Roberto Anzanello Focus persone e territorio. Intervista all’avv. Roberta Mazzoneschi La pandemia ferma anche i PET. Qual è la situazione degli IAA – Interventi Assistiti con Animali? Intervista alla dott.ssa Clotilde Trinchero “Sono nato con una sola gamba e faccio il calciatore”. Intervista ad Arturo Mariani Tumore al seno: donne, non sottovalutate l’importanza della prevenzione. Intervista alla dott.ssa Claudia Bernardi L’Italia non è un Paese per sordi. Intervista alla dott.ssa Sara Di Fazio Speciale Itaca 20.20: con la partnership di Health Italia, tre giorni di confronti e dibattiti tra istituzioni e imprese
  4. 4. PERIODICO BIMESTRALE DI INFORMAZIONE SULLA SANITÀ INTEGRATIVA Anno 7° - settembre/ottobre 2020 - N°39 DIRETTORE RESPONSABILE Nicoletta Mele DIRETTORE EDITORIALE Ing. Roberto Anzanello COORDINAMENTO GENERALE H-Digital SpA COMITATO DI REDAZIONE Michela Dominicis Francesco Maddalena Mariachiara Manopulo Giulia Riganelli HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO Alessia Elem Alessandro Notarnicola DIREZIONE E PROPRIETÀ Health Italia SpA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) www.healthitalia.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. ISCRITTO PRESSO IL REGISTRO STAMPA DEL TRIBUNALE DI TIVOLI n. 2/2016 - diffusione telematica n.3/2016 - diffusione cartacea 9 maggio 2016 IDEA GRAFICA H-Digital SpA IMPAGINAZIONE Giulia Riganelli IMMAGINI © AdobeStock Scarica Health Online in versione digitale su www.healthonline.it Se non vuoi perderti neanche una delle prossime uscite contattaci via email a info@healthonline.it e richiedi l’abbonamento gratuito alla rivista, sarà nostra premura inviarti via web ogni uscita. Per la tua pubblicità su Health Online contatta mkt@healthonline.it
  5. 5. E DI TO RIA LE LA CORRETTA GESTIONE DEI TRE PILASTRI DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La pandemia determinata dal virus COVID 19, che sta modificando il nostro stile di vita, sta anche velocizzando unaseriedicambiamentiincamposanitario,principalmentenellosviluppodimodalitàoperativecheconsentano di gestire al meglio il diritto alla salute di tutti i cittadini. Il problema è sicuramente mondiale, ma il nostro paese, che ha sviluppato da tempo un Sistema Sanitario Nazionale articolato, potrebbe riuscire a rappresentare un modello virtuoso se i dettami politici ed organizzativi riuscissero ad essere coerenti con questo sistema fondato su tre pilastri quali la sanità pubblica, la sanità integrativa e la sanità privata. La crisi pandemica in corso ha dimostrato, qualora ce ne fosse bisogno, che il diritto alla salute non può in alcun modoessereesercitatosenoninpresenzadiunsistemasanitariopubblicouniversalechegarantiscaildirittoalla salute di tutti i cittadini, principalmente delle fasce più deboli ed a rischio della popolazione. La sanità pubblica deve essere sempre di più indirizzata a gestire crisi sanitarie come quella in corso ed a garantire il livello emergenziale degli interventi sanitari praticabili tramite un’assistenza territoriale che sia in grado di presidiare le situazioni critiche. L’errorechecommetteehacommessochihagestitoegestiscel’indirizzopoliticoegestionaledellasanitàèstato duplice: da un lato è stato errato pensare che la sanità pubblica potesse coprire tutta la popolazione per tutte le problematiche sanitarie esistenti ed emergenti perché, in questo modo, si sono frazionate le risorse disponibili su uno spettro interventistico ampissimo ed impossibile da gestire, dall’altro lato è stato ugualmente errato considerareilricorsoaiprivatilasoluzioneottimaleperrisolvereiproblemiperché,conquestamodalità,sisono delegate responsabilità comuni e sociali che un privato non può riuscire a gestire. Sull’argomento è necessario essere oggettivi e determinati: la gestione della sanità non può essere realizzata in funzione di ideologie politiche, di qualsiasi tipo siano, ma deve essere operata con lucidità organizzativa ed avendo chiarol’obiettivocheèerimanelasalvaguardiadellasalutedeicittadini. Daunlatoilpilastrodellasanitàpubblica,quindi,dovrebbeesseresemprepiùfocalizzatosullagestioneemergenziale e sulla tutela delle fasce più deboli della popolazione, che è il compito principe di uno stato di diritto e non può in alcun modo essere delegato, mentre il pilastro della sanità privata dovrebbe offrire soluzioni integrative a quanto garantitodalsistemapubblico,cheèilcompitochepuòesseredelegatoall’imprenditoriaprivata. In questo quadro strategico complessivo diventa quindi indispensabile il secondo pilastro, che è il trait d’union tra il primo pilastro pubblico ed il terzo pilastro privato, che nel nostro paese già esiste ed è giuridicamente e legislativamente legittimato, rappresentato dalla sanità integrativa, che può intervenire in sostituzione e integrazionedellasanitàpubblica,difattosupportandola,echepuòmitigaregliaspettieconomicidell’intervento privato, rendendolo più praticabile. La sanità integrativa, garantita dagli Enti legittimati a gestirla quali Fondi Sanitari, Casse di Assistenza Sanitaria e Società Generali di Mutuo Soccorso, rappresenta, quindi, un elemento imprescindibile nella corretta gestione del Sistema Sanitario Nazionale. Innanzitutto, poiché si fonda sul concetto della mutualità, la sanità integrativa rappresenta un diritto sociale dellapopolazione,legittimandoneildirittodiassociarsipergarantirsisoluzionichediversamentenonsarebbero operabili dal singolo cittadino. In secondo luogo, poiché gli Enti di sanità integrativa sono gestiti con una modalità no profit, la sanità integrativa consentedifocalizzaretuttelerisorsecomunimesseadisposizionedegliassociatisulleloroproblematichesanitarie. Anche in questo caso è necessario comprendere che una gestione ibrida della sanità integrativa rappresenta però solo una scorciatoia che non consente di cogliere tutte le soluzioni che un modello di mutualità pura offre. AssicurareleprestazionidiunEntediSanitàIntegrativasignificatrasferiretuttelelimitazionieleproblematiche di soggetti privati, quali le compagnie di assicurazione, ad un soggetto gestito secondo principi mutualistici. Problematiche rappresentate dalle modalità di proposizione, che per un assicuratore sono storicamente basate sul mercato della domanda, determinando un evidente stato di anti selezione del rischio condizionante, quindi, livello e modalità delle prestazioni erogabili, mentre per un soggetto mutualistico si fondano sul principio dell’offertache,persuastessagenesi,permettediesercitarel’ampliamentodellabaseassociativacomeelemento principale ed utile a determinare il principio della “porta aperta”, garantendo condizioni migliori. Limitazioni rappresentate anche dal sistema di gestione dei rimborsi, che per un assicuratore è fondato su valutazioni di opportunità che determinano un alto livello di contenzioso, mentre per un ente mutualistico è basato sui principi della correttezza reciproca e del diritto comune di tutti gli associati, con evidenze di litigiosità molto limitate. Diconseguenza,divieneindispensabileanchedeterminarecomegliEnticheesercitanoilsistemadellamutualità pura possano essere l’unico modello corretto per gestire il secondo pilastro della sanità integrativa. In conclusione il primo pilastro del sistema sanitario rappresentato dalla sanità pubblica, da un lato, ed il terzo pilastro gestito dalla sanità privata, dall’altro, non sono due mondi che non possano comunicare, come spesso succede, ma sono due mondi che devono collaborare, però per farlo hanno necessità di un “ponte” che integri i concetti di profit e no profit in una logica sociale e questo “ponte” può essere rappresentato dalla sanità integrativa gestita con i principi della mutualità pura. Solo percorrendo questo modello strategico si potrà realizzare compiutamente e definitivamente il sistema sanitario a tre pilastri già esistente, che proietterebbe il nostro paese a divenire un modello virtuoso nella gestione dellasanità,nelcompletorispettodeivalorisociali,deiprincipidiuguaglianzaedeldirittocostituzionaleallasalute. Milanese,homaturatoun’esperienza ultraventennalenelsettoreassicurativo efinanziario,occupandomi siadeiprodottichedelmarketing edellosviluppocommerciale,fino alladirezionedicompagnieassicurative, nazionaliedestere.Nel2005sviluppo unprogettodiconsulenzaestrategia aziendalechehaconsentito dioperareconimaggioriplayer delsettoreassicurativoperrealizzare pianistrategicidisviluppocommerciale. Dal2009mioccupodiSanitàIntegrativa, assumendolacaricadiPresidenteANSI, AssociazioneNazionaleSanitàIntegrativa eWelfare,econtestualmentediHealth HoldingGroup,importanterealtà delsettore.Dal2016sonopresidente diHealthItalia,unadellepiùgrandirealtà nelpanoramadellaSanitàIntegrativa ItalianaesocietàquotatainBorsa sulmercatoAIMItalia. a cura di Roberto Anzanello healthonline.it | 05
  6. 6. SALUTE 06 | Salute L’intervista al dott. Stefano Fais, Dirigente di Ricerca del Dipartimento di Oncologia e Medicina Molecolare dell’Istituto Superiore di Sanità LE NEOPLASIE SONO MALATTIE, NON SENTENZE DI MORTE La TERAPIA ANTIACIDA per la cura dei tumori
  7. 7. healthonline.it | 07
  8. 8. 08 | Dott. Stefano Fais Dirigente di Ricerca del Dipartimento di Oncologia e Medicina Molecolare dell’Istituto Superiore di Sanità Salute “I tumori sono delle malattie e come tali possono essere curate, ma non necessariamente guarite. Non si tratta di malattie localizzate, ma è l’intero organismo ad essere colpito”. Con questa frase inizia la nostra intervista al dott. StefanoFais,medicospecializzatoinmalattiedell’apparato digerente, già Direttore del Reparto Farmaci Anti-Tumorali e attualmente Dirigente di Ricerca del Dipartimento di Oncologia e Medicina Molecolare dell’Istituto Superiore di Sanità. Mentre il mondo scientifico è concentrato sempre di più nella ricerca di terapie innovative e personalizzate per l’identificazione di un bersaglio molecolare, il dott. Stefano Fais, dopo anni di studi e ricerche e come riporta nel suo ultimo libro “La terapia antiacida per la cura dei tumori”, sostiene che è il microambiente tumorale e non la combinazione di geni ad agire direttamente contro la malattia. “È il microambiente che seleziona il tumore maligno. Un ambiente ostile, acido, con poco ossigeno e scarsezza di sostanze nutrienti”. Il suo è un approccio anticonvenzionale che rompe gli schemi della ricerca medica… “Mi hanno fatto diventare non-convenzionale, perché quello che vedo intorno a me è mainstream, ed io non ho mai accettato il mainstream tout court per paura di perdere quello che ho o di essere criticato solo per il fatto che propongo soluzioni diverse. Sì, lo dico forte, ci vuole coraggio, ma la paura è il problema dell’umanità. Il mio desiderio è quello di far star meglio la gente, di non farla vivere con la paura di morire da un momento all’altro. Il medico deve guardare negli occhi il paziente e aiutarlo al meglio per curarsi da solo”. Nel libro ci sono delle testimonianze di pazienti. Il paziente deve essere considerato per la propria personale vita vissuta e non solo per il suo stadio di malattia… “Sì assolutamente, perfino il nostro genoma viene modificato da qualsiasi interazione con l’ambiente che ci di Nicoletta Mele
  9. 9. healthonline.it | 09 circonda. Sono convinto che vi siano degli aspetti in comune, non solo fra i tumori, ma fra tutte le malattie acute e croniche, che vanno comunque trattati. Fra questi c’è l’acidità, ma anche l’accumulo di molecole ossidanti”. Il libro è frutto di una lunga storia di attività clinica e di ricerca. “Quando sono arrivato all’Istituto Superiore di Sanità volevo capire a che punto eravamo con le terapie farmacologiche. Sono rimasto deluso. La sorpresa è stata trovarmi di fronte a un approccio di cura aggressivo e sbagliato. Dal 2009, secondo uno studio condotto da ricercatori inglesi, per la cura dei tumori non c’è un farmaco di nuova generazione che funzioni meglio delle terapie standard come la chemio e la radio terapia”. L’acidità presente nell’ambiente tumorale non è solo l’argomento chiave del libro, ma uno dei principali campi dell’attività di ricerca del dott. Stefano Fais. “I nuovi farmaci non funzionano perché i tumori sono acidi. Hanno un pH medio di 6.5 rispetto a quello del sangue arterioso, che è considerato un rifermento per nostro organismo, che è di 7.4, e quindi alcalino”. Le sue ricerche, insieme a quelle di pochi altri nel mondo, hanno portato a definire unparadigmacrucialeperlanostrasalute: “i tumori sono acidi e noi siamo alcalini”. “Nel libro scrivo che tale acidità seleziona cellule che sanno vivere in un ambiente così ostile e che per viverci contribuiscono ulteriormente ad acidificare l’ambiente tumorale”. Un libro che lo stesso autore, nonostante il titolo, definisce “tranquillizzante”. “Non è un manuale di istruzioni, anche se il titolo farebbe pensare a questo. È altresì un libro che vuole portare un po’ di tranquillità e magari anche un po’ di magia nelle case di chi lo legge. E citando Murakami, voglio evitare che un’ombra oscura faccia ingresso nella vostra vita. Entrando più nel merito una prima operazione, anche se ormai molto difficile, dovrebbe essere un intervento al livello sociale: togliersi dalla testa che i tumori sono delle condanne a morte con un passaggio attraverso ogni tipo di sofferenza fisica e mentale. I tumori sono in realtà delle malattie, che come tutte le malattie conosciute possono essere efficacemente curate, non necessariamente guarite; anche se alla guarigione ci si può arrivare, con un percorso completamente diverso da quello attualmente utilizzato. Con questo però bisogna lasciare agli esseri umani la libertà di scegliere il percorso che li fa stare più tranquilli, anche attraverso l’utilizzo dei protocolli standard”. Quali sono le evidenze scientifiche del trattamento antiacido? “Il primo a parlarne è stato Otto H. Warburg, premio Nobel nel 1931. Lui ha dimostrato la differenza fondamentale fra una cellula normale e una tumorale: la prima ha bisogno di ossigeno per svolgere i suoi processi metabolici, quella tumorale, che ci sia o no ossigeno, fermenta gli zuccheri rilasciando acido lattico. Oggi il mio gruppo, come pochi altri nel mondo, è riuscito a dimostrare che questo processo porta alla progressiva acidificazione
  10. 10. 10 | Salute del microambiente tumorale, in quanto l’acido lattico rilascia Ioni Idrogeno (H+). L’acidità viene poi mantenuta dall’attività delle pompe protoniche che liberano nell’ambiente extracellulare gli H+. Quello che noi abbiamo fatto, per primi al mondo, è stato trattare con Inibitori di Pompa Protonica (PPI) sia le cellule tumorali che i tumori, inducendo due fenomeni: migliorare l’efficacia di tutti gli altri trattamenti e uccidere direttamente le cellule tumorali, perché le pompe protoniche evitano l’acidificazione interna delle cellule”. Non è d’accordo con la frase “guerra contro il tumore”, perché? “Nel libro ne parlo molto. Il diritto alla vita e il diritto alla salute sono grandi conquiste, forse le più importanti, dell’umanità. Ma si sa anche che entrambi i diritti non sono ugualmente rispettati nel mondo: dove c’è una guerra non c’è il rispetto del diritto alla vita e neanche il diritto alla salute. Quindi, se si parla di guerra ai tumori, automaticamente si fanno scomparire nella mente della gente questi due diritti fondamentali, predisponendo ogni singolo individuo ad ogni tipo di sofferenza perché, poi in fondo, lo scopo finale è salvarsi da una morte quasi certa”. Non solo cura dei tumori, ma anche screening di prevenzione per la diagnosi precoce. Il ricorso agli esami di screening ha subito un crollo durante il periodo di lockdown a causa della pandemia da Covid-19. Secondo gli ultimi dati resi noti dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) sugli effetti della pandemia sulla cura dei tumori, nei primi 5 mesi del 2020, in Italia, sono stati eseguiti circa un milione e quattrocentomila esami di screening per la prevenzione dei tumori in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Ritardi che si traducono in una netta riduzione non solo delle nuove diagnosi di tumore della mammella (2.099 in meno) e del colon-retto(611inmeno),maanchedellelesionichepossonoessereunaspiadiquest’ultima neoplasia (quasi 4.000 adenomi del colon-retto non diagnosticati) o del cancro della cervice uterina (circa 1.670 lesioni CIN 2 o più gravi non diagnosticate). Queste neoplasie non sono scomparse, ma saranno individuate in fase più avanzata, con conseguenti minori probabilità di guarigione e necessità di maggiori risorse per le cure. Dott. Fais, cosa ne pensa? “In generale, e questa è opinione condivisa da tutti, i malati non-Covid sono stati trascurati. I numeri che questa discriminazione porterà saranno conosciuti appena sarà possibile. Io credo che comunque il terrore diffuso intorno all’epidemia ha sicuramente influito sull’andamento di tutte le malattie, perché la paura, di per sé, è già una malattia, dalla quale gli esseri umani in genere non si sanno liberare facilmente. Se la paura si sovrappone ad una malattia pre-esistente come i tumori, che è essa stessa fonte di paura, le cose si complicano molto. Ma vedremo, per ora si possono fare solo supposizioni”. 10 | Salute
  11. 11. make itYou Y Scatena il tuo benessere. Entra in Be Health. Be Health è un percorso concreto e coinvolgente per raggiungere l’indipendenza personale e professionale attraverso una concreta opportunità di business meritocratico, con un solido Gruppo alle spalle. Un percorso che inizia con la cura di se stessi e la ricerca di uno stile di vita sano e ispirato al ‘made in Italy’ fino all’unione di tante persone che hanno in comune la volontà di costruire la propria dimensione di benessere. Un vero e proprio Community Network dove poter scatenare e riscoprire il tuo naturale benessere. Scopri di più su www.behealthglobal.com
  12. 12. SALUTE 12 | Salute SERVIZIO mutualistico Qualità del Ne parliamo con Roberto Anzanello, presidente di ANSI - Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare
  13. 13. healthonline.it | 13 In un momento storico nel quale il dibattito sulla gestione della sanità è sempre più acceso, abbiamo intervistato il Presidente dell’ANSI (Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare), Ing. Roberto Anzanello, per fare il punto della situazione sulla qualità dei servizi offerti dagli Enti che gestiscono sistemi integrati di offerta nel campo della sanità integrativa. Ing. Anzanello, qual è lo stato di salute dei servizi offerti dagli Enti di Sanità Integrativa? Evidenziando che gli Enti di Sanità Integrativa sono i Fondi Sanitari, le Casse di Assistenza Sanitaria e le Società Generali di Mutuo Soccorso, dobbiamo preliminarmente sottolineare come l’evoluzione della normativa, unitamente agli importanti progressi tecnologici sviluppati negli ultimi anni in campo sanitario ed alla costante evoluzione della scienza medica, hanno sostanzialmente mutato il quadro generale della proposta fornita agli associati da questi Enti. Da un sistema di offerta tradizionale, derivante da una consuetudine pluriennale fondata sul concetto malattia- cura-rimborso delle prestazioni, osserviamo che si è passati ad un modello evoluto basato sul concetto assistito- benessere-servizi e focalizzato sulla centralità del socio. Inoltre, abbiamo anche constatato che la grave Pandemia determinata da Covid-19 tutt’ora in corso ha, di fatto, accelerato questa importante transazione dei servizi prestati dagli Enti di Sanità Integrativa. Sicuramente possiamo oggi dire che lo stato di salute dei servizi offerti si trova, mediamente, in una fase evolutiva che ha la qualità del servizio come focus principale, con un evidente riflesso positivo su tutto il sistema della sanità integrativa. della Redazione di Health Online
  14. 14. Ing. Roberto Anzanello Presidente dell’ANSI - Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare 14 | Attualità Lei ha citato il termine “mediamente” perché ci sono situazioni differenti nell’ambito del sistema nazionale di sanità integrativa? Nel modello di offerta ci sono sempre state e ci sono tutt’ora delle differenze sostanziali, considerando i target di riferimento di ciascuna tipologia di Ente, peraltro definiti dalle normative vigenti. Alla base del modello c’è per tutti gli Enti il concetto della mutualità, ma nelle declinazioni giuridiche le differenze sono connaturate alla tipologia di Ente, dove i Fondi Sanitari si rivolgono a comunità omogenee di individui in termini di mercato del lavoro o di settore di attività, le Casse di Assistenza sono maggiormente focalizzate su tipologie aziendali assimilate, mentre le Società Generali di Mutuo Soccorso si rivolgono a comunità omogenee ma anche a singoli individui ed alle loro famiglie. Tutto questo porta a offerte diverse, anche se la differenza più importante la registriamo tra gli Enti che assicurano con una Compagnia Assicurativa le loro prestazioni e gli Enti che operano tramite una gestione diretta dei rischi sanitari dei loro associati. In quest’ultima diversità tipologica troviamo delle importanti differenze in termini di qualità del servizio e di prestazioni offerte. In che termini? Le nostre analisi evidenziano che gli Enti assicurati hanno una minore predisposizione all’innovazione del servizio ed alla gestione qualitativa delle pratiche di rimborso, mentre gli Enti che operano in autogestione sono molto più attenti alle dinamiche di rapporto con l’associato. Questo perché gli Enti assicurati non possono prescindere da regole e dinamiche proprie delle compagnie assicurative che gli forniscono la copertura, mentre gli Enti in autogestione possono determinare politiche gestionali ed operative in funzione delle proprie valutazioni tecniche ed economiche. Esistequindiunadifferenzasostanzialesianelleprestazioni proposte, che da un lato devono essere conformi a quelle assicurabili dalle compagnie assicurative, mentre dall’altro possono essere realizzate in funzione delle reali necessità
  15. 15. healthonline.it | 15 SI È PASSATI AD UN MODELLO EVOLUTO BASATO SUL CONCETTO ASSISTITO-BENESSERE-SERVIZI E FOCALIZZATO SULLA CENTRALITÀ DEL SOCIO degli associati, sia nella gestione del rapporto con l’associato che da una parte è condizionato dal modello, che sconta difetti atavici, della gestione sinistri delle compagnie mentre dall’altra è gestito in base ai principi della mutualità pura. E tutto ciò in pratica cosa determina per gli associati? Gli Enti di sanità integrativa assicurati sono soggetti ad un modello gestionale assicurativo che impone regole fondate su logiche di opportunità economica, che in termini tecnici viene definito come “mutualità spuria”, mentre gli Enti in auto gestone riferiscono ad un modello fondato sul concetto della “mutualità pura”. Tutto ciò comporta che sugli Enti assicurati si riverberano le difficoltà operative del modello del settore assicurativo, basato su un mercato caratterizzato dalla domanda di prestazioni, che portano ad una anti selezione tecnica e dalle difficoltà gestionali del sistema sinistri delle compagnie che evidenzia una maggiore litigiosità ed un maggior livello di contenzioso, sottolineato anche dal fatto che l’Istituto di controllo del settore assicurativo evidenzia da
  16. 16. tempounacriticitàintempiemodidiliquidazionedeisinistrimalattiadellecompagnie assicurative.SugliEntiinautogestionequesto“rimbalzo”metodologicononc’èequindi questi Enti operano una maggiore innovazione nel modello di offerta per rispondere compiutamente alle attese dei loro associati e gestiscono la liquidazione dei rimborsi esclusivamente in funzione della correttezza reciproca e della responsabilità comune, che stanno alla base della mutualità; a tal proposito è sufficiente evidenziare come, in funzione dei dati rilevati dal nostro monitoraggio dei servizi offerti dagli Enti iscritti alla nostra associazione, risulta che gli associati che si sono erroneamente rivolti all’Ivass dal 2015 per contestare un rimborso sono stati 31, pari allo 0,005% di una popolazione di associati complessiva superiore alle 600 mila unità. In questo contesto quale sarà il futuro della sanità integrativa nella visione di ANSI? Come è desumibile dai nostri interventi nelle varie sedi istituzionali, dalle nostre comunicazioni e dalle pubblicazioni sull’argomento, rappresentate principalmente dai Quaderni ANSI che pubblichiamo costantemente dal 2012 e che sono scaricabili dal nostro sito (www.sanitaintegrativa.org), siamo sempre stati consapevoli e siamo tutt’ora convinti, in funzione delle nostre analisi economiche e sociali, che la sanità integrativa sia l’unica soluzione per affiancare, integrare, supportare la sanità pubblica. In questo contesto, la strada percorsa dal legislatore ci rafforza in questa convinzione, principalmente rispetto al ruolo delle Società di Mutuo Soccorso in virtù del Decreto Legge 179/2012 e, principalmente, del Decreto Legge 117/2017 del 3 luglio 2017 che inserisce le Società di Mutuo Soccorso, a pieno titolo, tra gli Enti del terzo settore. In ANSI siamo tutti fermamente convinti che la storia dell’umanità, le dinamiche sociali, la tutela sanitaria degli individui sancita dalla Costituzione, evidenzino come la sanità integrativa fondata sulla mutualità pura sia l’unico modello utilizzabile per affiancare la sanità pubblica in un sistema sanitario equo, socialmente corretto e sostenibile. 16 | Attualità
  17. 17. Mutua MBA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Tel. +39 06 90198060 - Fax +39 06 61568364 - www.mbamutua.org
  18. 18. IN E VI DEN ZA18 | In evidenza
  19. 19. Con la parnership di Health Italia, Speciale ITACA 20.20 TRE GIORNI DI CONFRONTI E DIBATTITI tra istituzioni e imprese healthonline.it | 19
  20. 20. La terza edizione di “Itaca 20.20 - viaggio tra le idee - Oltre il Covid” si è svolta a Formello l’ultimo weekend di settembre ed è stata un successo: oltre 1800 partecipanti, tre giorni di diretta streaming, 7 workshop su temi di attualità e 60 relatori hanno dato vita ad uno stimolante confronto tra voci diverse del mondo delle aziende e delle istituzioni. Se nelle edizioni precedenti l’evento si era svolto nella splendida cornice di Palazzo Orsini, sede del Comune, quest’anno, a causa dell’emergenza Coronavirus, è stata scelta una sede più spaziosa e “en plein air”, a Largo Florio Rosetti, a pochi passi dal centro storico del di Mariachiara Manopulo 20 | In evidenza Il Sindaco Gian Filippo Santi, il Vice Pres. del Consiglio regionale del Lazio Giuseppe Emanuele Cangemi e il Pres. dell’Associazione Itaca 2.0 Gianni Sammarco consegnano dei souvenir dell’evento al Senatore Matteo Salvini, ospite del dibattito di apertura.
  21. 21. healthonline.it | 21 paese. Sfidando il maltempo che purtroppo non ha dato tregua e nonostante le restrizioni imposte dalle norme anti Covid, tante persone hanno affollato la tendostruttura dell’“Officina delle Idee”, allestita per l’occasione. Sul palco si sono succeduti interessanti dibattiti e riflessioni per il presente e il futuro del Paese, con uno sguardo alla ripartenza oltre il Covid. Lamanifestazioneèstataorganizzatadall’AssociazioneItaca, con il patrocinio del Comune di Formello e della Regione Lazio, con il Vice Presidente del Consiglio Regionale sempre presente e attivo a supporto dell’organizzazione, oltre ad una folta schiera di collaboratori e volontari che hanno contribuito per la buona riuscita dell’evento. L’edizione si è aperta venerdì 25 settembre con un’intervista di Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2, al senatore Matteo Salvini ed è proseguita trattando argomenti di primario interesse in questo momento storico: il bullismo online, le nuove sfide per la sanità, i problemi della scuola, la comunicazione e la cultura al tempo della pandemia, il futuro del Servizio Pubblico Radiotelevisivo, con l’intervento del Consigliere di Amministrazione della RAI, Igor De Biasio. A chiudere, il tavolo sull’economia e il lavoro, a cui hanno partecipato rappresentanti delle istituzioni e delle imprese e che ha visto al centro le misure messe in campo a sostegno di famiglie e aziende colpite dall’emergenza Coronavirus, le sfide del Recovery Fund, le azioni da attuare nei prossimi mesi. Non sono mancati infine momenti simbolici, come la Santa Messa della domenica, e un evento di intrattenimento musicale nella serata di sabato, condotto dal maestro Marcello Cirillo. Tutti i partecipanti ai tavoli sono stati omaggiati di una stampa ricordo da parte del Comune di Formello, consegnata dal Sindaco Gian Filippo Santi. healthonline.it | 21
  22. 22. IL WORKSHOP SULLA SANITÀ – L’INTERVENTO DEL VICE PRESIDENTE DI ANSI, LUCIANO DRAGONETTI Di particolare importanza per il mondo della salute, fra i workshop in programma, è stato il tavolo sulla Sanità di sabato 26 settembre, con una rappresentanza delle istituzioni regionali e alcuni illustri professori di importanti istituti italiani: Giuseppe Simeone, Presidente della Commissione Sanità, Politiche sociali, Integrazione sociosanitaria, Welfare della Regione Lazio e i professori Giulio Tarro (L. Docente di Virologia dell’Università di Napoli), Aldo Morrone (Direttore scientifico dell’IFO “San Gallicano” di Roma), Massimo Andreoni (Professore Ordinario Malattie Infettive dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”), Federico Perno (Responsabile MicrobiologiaeVirologiadell’OspedalePediatricoBambino Gesù) e Luciano Dragonetti (Vice Presidente di ANSI, Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare). In una sequenza di interventi estremamente interessanti, hanno raccontato le loro esperienze in prima linea negli ospedali; Luciano Dragonetti ha sottolineato infine il prezioso sostegno delle Società di Mutuo Soccorso con fondi speciali e assistenza a supporto dei soci, in parallelo all’attività della sanità pubblica. 22 | In evidenza Luciano Dragonetti
  23. 23. Il tavolo è stato moderato dal DG della nostra Fondazione Health Italia Onlus, Michela Dominicis, a riprova dell’importanza, in un momento sociale così delicato, del contributo di ogni settore, che sia pubblico, privato, associativo o solidale. Dragonetti ha ribadito l’importanza delle società di mutuo soccorso e della funzione sociale che da sempre svolgono, sin da quando sono nate nel 1800. Oggi, questi enti hanno acquisito ancora più forza, andando a riempire il vuoto lasciato dal servizio pubblico. “ANSI attualmente rappresenta oltre 600.000 assistiti: tra famiglie e aziende, enti e associazioni, riusciamo ad esprimere un valore significativo”, ha detto Dragonetti. Da quando è iniziata la pandemia, le mutue hanno avuto un ruolo molto importante, non si sono risparmiate nel mettersi a disposizione degli assistiti con aiuti di diversa natura. “Ci sono piccole società da duecento iscritti e società che invece ne rappresentano oltre 400.000, e hanno healthonline.it | 23 LE MUTUE SI SONO ATTIVATE CONCRETAMENTE, IN ALCUNI CASI DELIBERANDO AIUTI MOLTO IMPORTANTI, INTERVENENDO CON UN CONTRIBUTO ECONOMICO IMMEDIATO AI SOCI
  24. 24. dimostrato la capacità di andare oltre i regolamenti, applicando fino in fondo le finalità statutarie, puntando ad essere vicine alle persone, vicine alle comunità, costruendo quel tessuto di welfare sociale spesso dimenticato”. Le mutue si sono attivate concretamente, alcune deliberando aiuti molto importanti, intervenendo con un contributo economico immediato ai soci. “Altre – ha aggiunto – sono state protagoniste di iniziative innovative, anche grazie all’aiuto di partner, penso a Health Point, azienda specializzata in telemedicina, che fornisce i suoi servizi alle società di mutuo soccorso”. Gli assistiti che avevano necessità hanno così potuto continuare a tenere la loro salute sotto controllo anche durante il lockdown, direttamente a casa. Il ruolo delle mutue è oggi “molto forte”, la capacità di essere presenti e vicine alle famiglie ogni giorno, con azioni e iniziative quotidiane permettono di portare quel contributo e quel collegamento tra i servizi sanitari garantiti dallo Stato e i servizi privati in modo serio, strutturato, professionale. Non solo: “in questi mesi, con la ripartenza, le mutue più rappresentative all’interno di ANSI si sono prodigate nel fare una formazione all’interno delle aziende, ai dipendenti, per fornire tutto il know-how necessario in merito alla prevenzione”, ha concluso Dragonetti. 24 | In evidenza
  25. 25. LA PARTECIPAZIONE DEL GRUPPO HEALTH ITALIA E DEI SUOI PARTNER L’evento ha visto la partecipazione attiva del Gruppo Health Italia, con varie realtà e partner presenti in appositi padiglioni. Health Point, azienda leader nei servizi di medicina tradizionale e telemedicina, era presente con una Station dedicata ai servizi in telemedicina e con una proposta di screening gratuiti offerti ai presenti grazie allo staff dell’Health Point Medical Care, il centro polispecialistico e odontoiatrico che si trova proprio a poca distanza, nella zona industriale di Formello. Mutua MBA e Mutua Nazionale, partner di Health Italia per i servizi di sanità integrativa, erano presenti con due punti informativi, e i rispettivi staff hanno illustrato alle persone interessate tutte le proposte per tutelare la salute e la prevenzione. Non poteva mancare, infine, Fondazione Health Italia Onlus con il suo progetto solidale Banca delle Visite, che grazie alle donazioni di imprese e cittadini, offre visite mediche a chi ne ha necessità ma non può permettersi di attendere i tempi del Servizio Sanitario Nazionale, né di rivolgersi al privato. healthonline.it | 25
  26. 26. IN EVIDENZA - TERRITORIOe Persone Intervista all’avv. Roberta Mazzoneschi, Presidente del Consiglio comunale di Formello, Consigliere di Mutua Nazionale e membro della Fondazione Health Italia Onlus 26 | In evidenza
  27. 27. FOCUS healthonline.it | 27 Uno degli ingredienti fondamentali per l’ottima riuscita di un evento, se non il più importante, è spesso costituito dalle persone. Sono le persone che fanno accadere le cose e di fronte alle difficoltà di questo momento storico, aver realizzato ITACA 20.20, ad esempio, non è un avvenimento scontato. Al di là dei protagonisti che calcano la scena, ci sono delle figure chiave che si muovono dietro le quinte: coloro che immaginano, pensano, programmano e seguono le varie attività nei dettagli, a partire dallo sviluppo dell’idea ancora in nuce, per seguirne poi lo svolgimento e curarla fino alla sua completa realizzazione. Molto spesso queste persone vivono il territorio e mettono a disposizione il loro tempo, la loro passione e le competenze personali per realizzare i progetti a beneficio della collettività. Una di queste figure chiave nell’organizzazione dell’evento ITACA, è stata l’Avv. Roberta Mazzoneschi, Presidente del Consiglio Comunale di Formello (RM), Consigliere di Mutua Nazionale e membro della Fondazione Health Italia Onlus. Romana di origine e formellese di adozione, Roberta Mazzoneschi da oltre vent’anni vive intensamente il territorio, dapprima come semplice abitante e professionista esercitante l’attività di Avvocato con il proprio studio, poi negli ultimi dieci anni anche come membro dello scenario politico locale, e infine dal 2018 come Presidente del Consiglio Comunale (figura, fra l’altro istituita per la prima volta in assoluto). L’abbiamo incontrata per chiederle direttamente quali sono le opportunità che offre un’esperienza di questo tipo. di Michela Dominicis Avv. Mazzoneschi, ci parli un po’ di lei. Sono una persona poliedrica e amo la libertà. L’interesse verso le persone è qualcosa che mi ha sempre spinto a scendere in profondità nelle varie situazioni, in questo la professione di avvocato mi ha certamente aiutata. Nel 2000 ho aperto il mio studio a Formello, e nell’affrontare ogni caso, ho sempre cercato di immergermi nel vissuto della persona, capire l’impatto di un determinato fatto nella sua vita e non considerarla semplicemente un “cliente”. Questo mi ha sempre aiutato a creare rapporti di lealtà e di fiducia. A quando risalgono i suoi primi contatti con le attività del territorio? Vivere sul territorio di Formello mi ha aiutato ad entrare in relazione diretta con la realtà ed in connessione con quelli che sono i vari strati del tessuto sociale. Sono molto curiosa per natura quindi all’inizio, semplicemente, mi sono messa ad osservare, poi a parlare con le persone notando infine che bisogni e necessità erano ricorrenti.
  28. 28. Avv. Roberta Mazzoneschi Presidente del Consiglio Comunale di Formello, Consigliere di Mutua Nazionale e menbro della Fondazione Health Italia Onlus Quando ha iniziato a pensare ad un ingresso nella ‘cosa pubblica’ del suo Comune? Il tutto è partito un po’ per caso una decina di anni fa, quando ho iniziato ad interessarmi alle problematiche locali, decidendo poi di iscrivermi ad una lista civica per le elezioni del 2012. Abbiamo perso, ma da quel momento ho iniziato a vivere ancor di più le questioni locali per fare esperienza. Gli anni trascorsi nell’opposizione sono stati preziosissimi, una vera palestra sul campo, direi ‘propedeutica’ per acquisire maggior consapevolezza. In quel periodo, ad esempio, sono entrata nella Commissione Mensa della scuola. Avendo dei figli, ero perfettamente consapevole dell’importanza di quel servizio per le famiglie e i loro bambini e così mi sono prestata alla causa con entusiasmo, senza pensare che da lì sarebbe nata l’occasione per maggiore coinvolgimento anche nella sfera politica del Paese. Ho iniziato ad approfondire meglio i legami con tante persone, abbiamo portato avanti diverse attività a livello sociale. Un lavoro capillare a volte intangibile, ma importante per creare rapporti di fiducia e raggiungere anche dei piccoli traguardi grazie alla collaborazione di più persone. Nelle elezioni del 2017, è arrivato infine il ‘coronamento’ di tanto lavoro sul campo, con l’insediamento della nostra squadra, capitanata dal Sindaco Gian Filippo Santi, che, fra l’altro, è un grande sostenitore dell’evento ITACA. Quali sono i progetti di cui va più fiera? Sicuramente il fatto di aver promosso il primo Bilancio Partecipato del Comune, Formello è tra i pochi Comuni in Italia ad averlo adottato. Questa iniziativa ha rappresentato anche un momento per avvicinare la popolazione all’amministrazione locale. Tra le iniziative istituite, il Bonus Natalità, un contributo di € 100,00 per i bebè del 2018. Poi, mi sono fatta portavoce di tre importanti progetti finanziati dal Bilancio Partecipato, che possiamo ritenere di ‘welfare’: queste tre iniziative sono nate proprio dalle segnalazioni raccolte sul territorio e riguardano servizi dedicati alla famiglia, agli anziani e alle attività di formazione. Li vorrei descrivere brevemente perché ne vado davvero fiera: • Il primo è stato un ciclo di 10 incontri sul bullismo e cyberbullismo che ha visto per la prima volta il coinvolgimento di un centinaio di genitori, oltre ai professori, e di circa 300 alunni, e per questo è stato il primo nel suo genere nella regione Lazio. • Ilsecondohariguardatol’acquistoelaconsegnadi50dispositivi salvavita destinati a persone anziane che vivono da sole. • Il terzo, un corso di 100 ore sull’olivicoltura, tuttora in corso, a cui peraltro stanno partecipando molti giovani, con lo scopo di recuperare i terreni abbandonati e valorizzare una vera perla in natura come l’olio, in termini di salute e benessere. 28 | In evidenza
  29. 29. Qual è il segreto per un’esperienza di successo a livello locale e quali sono gli ingredienti più importanti per lei? Innanzitutto il dialogo. Soprattutto a livello locale, è fondamentale superare le divergenze e i ‘colori’ di appartenenza a favore del benessere della collettività. Un atteggiamento diverso sarebbe solo miope, a mio parere. Tra gli ingredienti fondamentali ne sottolineerei tre: • La presenza: esserci sempre, ascoltare tutti e cercare poi di rappresentare le necessità della maggior parte delle persone. Dai cittadini alle imprese: fortunatamente il Comune di Formello, oltre ad essere una zona residenziale con un bel centro storico, vanta anche una presenza di aziende direi sostanziale per il territorio, concentrata in quella che è conosciuta come ‘zona Industriale’. • Non denigrare: questo è fondamentale. Rispettare l’avversario e portare avanti le proprie idee è possibile ed è un mio personale impegno. Metterci la faccia nel bene e nel male, puntando prima di tutto alla correttezza nei comportamenti. • Avere buone idee: le persone chiedono concretezza e sono interessate a progetti che possano portare reali benefici per la gente. A proposito di Progetti e Idee: da un paio d’anni collabora attivamente con il gruppo Health Italia SpA, che ha sede appunto a Formello, ci racconta come è nata questa collaborazione? Sono fermamente convinta che la qualità della vita delle persone passi per il loro benessere e con piacere ho scoperto che il Gruppo Health Italia, oltre a rappresentare una realtà rilevante del nostro territorio, operante nel mondo della salute e della sanità integrativa, aveva anche dei progetti benefici a sostegno della salute dei più deboli. Da persona sempre pronta ad affrontare nuovi stimoli, ho colto dunque una nuova sfida professionale prendendo parte alle attività della Fondazione Health Italia Onlus. L’eventoITACA,acuihacontribuitoattivamente con il coinvolgimento del nostro Gruppo, ha rappresentato un buon punto di incontro di valori comuni? Ilmiointentoèsemprequellodidareuncontributo concretoediffondereleiniziativecherappresentano un reale valore comune: temi come il sostegno sanitario alle persone in difficoltà, il principio del Mutuo Soccorso ma anche le connessioni con il mondo della telemedicina e della salute ‘digitale’ sono tutti ambiti di assoluto interesse sia per ciò cherappresentaITACAcheperlavisiondelGruppo Health Italia. In questo senso la presenza ad ITACA si è rivelata un palcoscenico perfetto per Banca delle Visite, Health Point e le Mutue partner di Health Italia, essendo perfettamente in linea con i temi toccati nelle tavole rotonde dell’evento. Ringraziamo l’Avv. Mazzoneschi augurandole buon lavoro, in attesa di conoscere i nuovi progetti relativi al Bilancio Partecipato 2020 del Comune di Formello. healthonline.it | 29
  30. 30. 30 | Lo specialista risponde TUMORE AL SENO:donne, non sottovalutate Ne parliamo con la dott.ssa Claudia Bernardi, radiologa senologa l’importanza della PREVENZIONE LO SPECIALISTA
  31. 31. RISPONDE IN COLLABORAZIONE CON healthonline.it | 31 La parola d’ordine è prevenzione, come strumento necessario e indispensabile nella lotta contro le neoplasie. Per il tumore alla mammella la prevenzione deve iniziare sindaquandosiègiovaniperché,secondol’ultimorapporto Aiom-Airtum, il cancro al seno è tra i cinque tumori più frequenti ed è il più diffuso nel genere femminile. Colpisce una donna su nove nell’arco della vita, con circa 53.000 nuove diagnosi in Italia solo nel 2019. Quest’anno a causa degli effetti della pandemia da Covid-19 occorre una maggiore sensibilizzazione nei confronti degli esami screening per la diagnosi precoce del tumore mammario. “Nei primi 5 mesi del 2020 - spiega Paolo Veronesi, direttore della Senologia Chirurgica dell’Ieo e professore ordinario all’Università di Milano - in Italia ci sono stati 400mila esami di screening in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con una conseguente riduzione di circa 2.000 nuove diagnosi di tumore al seno. Ma ovviamente il tumore non è scomparso allo scoppio del Covid. Sarà individuato in fase più avanzata, con conseguenti minori probabilità di guarigione e necessità di maggiori risorse per le cure”. A lanciare l’allarme l’Istituto europeo di oncologia (Ieo). Secondo le previsioni, potremmo diagnosticare più casi di cancro al seno e più tumori avanzati, probabilmente anche inoperabili, con un inevitabile aumento della mortalità. Tuttavia, secondo gli specialisti, siamo ancora in tempo per invertire questa tendenza, ma solo “se le donne spezzano la catena della paura del virus che le tiene lontane da ambulatori e ospedali, per riprendere regolarmente visite ed esami senologici”, dice l’Ieo. Health Online ha intervistato la dott.ssa Claudia Bernardi, medico chirurgo, specializzata in radiodiagnostica presso l’Unità di Radiologia Senologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Sant’Andrea di Roma. La dottoressa Bernardi fa inoltre parte del network Health Point. di Alessia Elem
  32. 32. Dott.ssa Claudia Bernardi Radiologa senologa del network Health Point La paura di contrarre l’infezione Sars-CoV2 è più forte del rischio di ammalarsi di tumore al seno? Sicuramente il Covid ha attivato una sensazione di paura ed un’angoscia di morte più forte del resto ed ha obbligato tutti a confrontarsi con il limite, a misurarsi con la propria fragilità. È evidente che il virus ha concentrato su se stesso le “energie” e la capacità di reazione del nostro SSN, che si è trovato di fronte ad una sfida inedita ed alla necessità di salvare vite, costringendoci a riorganizzare l’offerta sanitaria e a sospendere tutto ciò che non era esattamente urgente. Lei presta servizio presso l’Unità di Radiologia Senologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Sant’Andrea di Roma. Durante l’emergenza sanitaria come avete garantito gli esami di screening e di follow- up? Nella nostra Unità operativa, essendo il nostro un centro dedicato soprattutto alla diagnostica di II livello, abbiamo continuato sempre ad effettuare diagnosi mediante agoaspirati e biopsie. Le donne sintomatiche o quelle che ne avevano necessità hanno comunque dato priorità alla patologia mammaria; abbiamo invece noi stessi dilazionato diqualchemeseicontrollidiroutineedifollow-uponcologici, assicurandoci comunque di effettuarli e di non perderli. Quali sono i fattori di rischio del tumore alla mammella? Il rischio innanzitutto aumenta con l’età. Altri fattori di rischio“nonmodificabili”sonolafamiliarità,l’ereditarietàdi mutazioni genetiche, fattori riproduttivi (menarca precoce e menopausa tardiva, nulliparità, mancato allattamento al seno), una pregressa radioterapia (a livello toracico e specialmente se prima dei 30 anni di età) e precedenti displasie o neoplasie mammarie. La prevenzione primaria deve intervenire invece sui fattori di rischio “modificabili” quindi i fattori ormonali (incremento del rischio nelle donne che assumono terapia ormonale sostituiva durante la menopausa o nelle donne che assumono contraccettivi ormonali), il fumo, l’obesità, la sedentarietà, l’elevato consumo di alcool e la dieta ricca di grassi animali e povera di fibre vegetali. 32 | Lo specialista risponde
  33. 33. Cosa si intende per prevenzione primaria e secondaria? La prevenzione primaria consiste nel modificare quei comportamenti che possono essere considerati fattori di rischio per l’insorgenza del tumore mammario. La prevenzione secondaria si traduce nella diagnosi precoce tramite esami clinico-strumentali al fine di ridurre la mortalità per tumore della mammella. L’importanzadelladiagnosiprecoce.Perchénonbisognamaisottovalutaredisottoporsi regolarmente allo screening mammografico? Nonostante il tumore della mammella sia la neoplasia più frequente tra le donne, la sopravvivenza anche a lungo termine è tra le più elevate in ambito senologico, essendo circa dell’87% a 5 anni dalla diagnosi. E questo si spiega proprio grazie alla diagnosi precoce. È dunque fondamentale l’esame mammografico di screening, in quanto nelle donne tra i 50 e i 70 anni è dimostrato che la mammografia biennale può ridurre la mortalità fino al 40% e nelle donne tra i 40 e i 50 anni sottoporsi ad una mammografia annuale può ridurre la mortalità fino al 20%. Ritengo tuttavia necessario sottolineare l’importanza degli altri esami clinici (autopalpazione e visita senologica) e strumentali (ecografia mammaria) che, anche se non hanno evidenza di efficacia nello screening, sono comunque raccomandati nella prevenzione clinica ed utilizzati in maniera esclusiva in giovane età ed a integrazione dell’esame mammografico clinico annuale dopo i 40 anni. healthonline.it | 33
  34. 34. A quanti anni e in che modo deve iniziare la prevenzione? La prevenzione del tumore al seno deve cominciare con l’autopalpazione (preferibilmente nella fase pre-ovulatoria) econesameclinicoedecograficoannualeda parte dello specialista a partire dai 20 anni di età. Tra i 35 ed i 40 anni si suggerisce di eseguire anche un esame mammografico, che deve poi essere effettuato con cadenza annuale nelle donne al di sopra dei 40 anni, sempre accompagnato da visita ed esame ecografico. Diverso è chiaramente il discorso nelle pazienti ad alto rischio, in cui i controlli mammografici dovrebbero iniziare all’età di 25 anni o 10 anni prima dell’età di insorgenza del tumore nel familiare più giovane ed accompagnati dall’esameclinicoedall’esamedirisonanza magnetica. Diciamo quindi che piuttosto che esclusivamente sulla base di linee guida e screening uguali per tutte, è bene considerare la possibilità di suggerire tipo di esame e sua frequenza sulla base delle caratteristiche della singola paziente. È vero che nelle donne giovani, con meno di 40 anni, è più difficile combattere il tumore mammario? Spesso in età giovanile si presentano forme di neoplasie più aggressive o in stadi avanzati proprioperchéperquestafasciadietànonèprevistounprogrammadiscreeningeperchéla donna stessa spesso sottovaluta il rischio. Questo non vuol dire però che necessariamente queste pazienti abbiano sopravvivenza inferiore; se si seguono i trattamenti indicati nelle linee guida si ottengono infatti nella maggior parte dei casi buoni risultati, sia a livello di sopravvivenza sia per quanto riguarda il rischio di recidiva. In occasione del mese della prevenzione per il tumore al seno, lo scorso ottobre, è tornato il consueto appuntamento del Nastro Rosa, simbolo universale della lotta contro la neoplasia. In tutto il mondo milioni di persone hanno scelto di indossare un nastro rosa per ricordare l’importanza della prevenzione. Un gesto come dimostrazione di vicinanza alle donne che stanno affrontando la malattia. Dottoressa, quanto sono importanti le campagne dedicate alla sensibilizzazione nei confronti della neoplasia? Le campagne dedicate alla sensibilizzazione sono importantissime e anzi direi necessarie, perché oltre un terzo dei tumori al seno potrebbe essere evitato con uno stile di vita salutare e perché con la diagnosi precoce le percentuali di guarigione superano il 90% dei casi. Il cancro al seno dunque non è una malattia curabile, ma guaribile promuovendo la cultura della prevenzione e l’adozione di stili di vita sani, tutelando il diritto ad avere cure di eccellenza per le donne affette, investendo nella ricerca, nella formazione e nell’innovazione. 34 | Lo specialista risponde
  35. 35. In conclusione, possiamo dire che l’informazione è la prima forma di prevenzione? Assolutamente sì. Quest’anno come non mai, proprio perché per fronteggiare il virus e le sue conseguenze abbiamo registrato dei ritardi nella diagnosi ed una riduzione del numero degli screening, abbiamo bisogno di campagne di informazione e di sensibilizzazione anche per recuperare i controlli rinviati. La diffusione della cultura della prevenzione è l’arma più efficace per sconfiggere il cancro. Papa Francesco ha affermato che “peggio di questa crisi c’è solo il rischio di sprecarla”; non sprecarla significa trasformarla in opportunità.
  36. 36. 36 | Benessere PET La Pandemia ferma anche i Qual è la situazione degli IAA-Interventi Assistiti con Animali? Lo abbiamo chiesto alla dott.ssa Clotilde Trinchero BENESSERE
  37. 37. healthonline.it | 37 Cani e gatti sono i migliori amici dell’uomo, si sa: affettuosi, coccoloni e giocherelloni, ci riempiono le giornate e ci fanno compagnia. Ancora di più, durante il lockdown, nei lunghi mesi passati chiusi in casa, sono stati fonte di benessere e di allegria. Secondo una ricerca realizzata dall’Università di York, pubblicata su Plos One, durante l’emergenza della scorsa primavera, avere un animale domestico ha migliorato la salute mentale delle persone, è stato un vero e proprio toccasana per l’umore, per ridurre lo stress e la solitudine. E, diciamocelo, ha rappresentato anche una scusa per una breve passeggiata all’aria aperta. Tant’è che spopolavano durante il lockdown nei social e nei gruppi Whatsapp vignette e foto che per scherzo offrivano “animali a noleggio” come lasciapassare per uscire di casa. Uno scherzo, sì, ma che rende bene l’idea di quanto sia importante il ruolo che gli amici a quattro zampe stanno svolgendo in questo periodo complicato. Gli animali, quindi, ci aiutano a stare bene. Ed è per questo che negli ultimi anni gli Interventi Assistiti con Animali – IAA (spesso chiamati erroneamente “pet therapy”) sono sempre più diffusi in ambito terapeutico, riabilitativo, educativo e ludico-ricreativo. Sono state recentemente definite le Linee Guida Nazionali con l’indicazione dei settori di intervento e una regolamentazione specifica, fondamentali soprattutto in funzione del coinvolgimento di utenti appartenenti a categorie più deboli (malati, bambini, anziani, persone con disabilità), e volte a tutelare sia il paziente/utente che gli animali coinvolti. Operatori specifici si occupano del benessere psicofisico degli animali coinvolti, seguendo una formazione dedicata. Sono diverse le associazioni che si occupano di IAA ma che, purtroppo, da quando è scoppiata la pandemia, hanno dovuto fermare le loro attività, seppur con una breve ripresa dopo il lockdown, regolamentata da indicazioni operative deliberate dal ministero della Salute. di Mariachiara Manopulo
  38. 38. 38 | Benessere Tra queste c’è A.S.SE.A. ONLUS, un’associazione che si avvale dei principi degli IAA per svolgere la sua attività in ambito sanitario e socio-assistenziale. Lo scopo è quello di ottenere e valorizzare i benefici fisici e psichici derivanti dalla vicinanza di animali da compagnia in soggetti che vivono forme di disagio. Abbiamo incontrato la fondatrice e past-president, dott. ssa Clotilde Trinchero, Direttore scientifico e docente presso IUSTO Rebaudengo di Torino, PhD in Neuroanatomia funzionale, IAA ed etologia, per saperne di più e chiederle com’è la situazione in questo momento. Dott.ssa quali sono i principali benefici degli IAA e a chi si rivolgono in particolare le vostre attività? I benefici degli IAA sono evidenti nello svolgimento di progetti ludici – ricreativi, di educazione e di terapie vere e proprie, che coinvolgono tutte le fasce di età dell’uomo: dall’infanzia alla quinta età. Gli effetti sono dovuti alla mediazione e alla relazione interspecifica che l’animale riesce a creare; questa si traduce nella concretizzazione di un equilibrio biochimico, fisiologico e psichico nuovo nell’essere umano. La nostra associazione, avvalendosi di persone abilitate all’esercizio di questa nuova scienza e sostenuta da soci, ha all’attivo progetti di Educazione e Terapie per bambini neurodiversi o con sindromi congenite, di Attività ed Educazioneinclassidelleelementariedellescuolesecondarie di I grado con metodi che abbiamo elaborato e registrato, di Interventi che affrontano il bullismo, di Attività di sostegno ai bisogni educativi speciali, di programmi rivolti ad adulti ed anziani in centri diurni e in RSA. Abbiamo anche svolto un progetto pluriennale importante di Terapia Assistita per persone affette da SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) e neuromiopatie presso l’ospedale La Colletta di Arenzano (GE) per Cinica NeMO. I risultati ottenuti sono stati oggetto di studio e valutazione scientifica e stiamo attendendo la loro pubblicazione finale, dopo quelli dello studio pilota, presentati a Boston nel 2017. Perciòlenostreequipessioccupanoatuttotondodell’utenza possibile grazie al lavoro essenziale, puntuale ed empatico dei nostri colleghi animali, all’impegno dei loro coadiutori, di medici e medici veterinari, psicologi e psicoterapeuti, educatori, fisioterapisti, tutti qualificati all’esercizio. Dott.ssa Clotilde Trinchero Direttore scientifico e docente presso IUSTO Rebaudengo di Torino, PhD in Neuroanatomia funzionale, IAA ed etologia
  39. 39. Cosa è successo con lo scoppio della pandemia? Quanto ne hanno risentito le vostre attività? La pandemia di COVID-19 ha seriamente influito sullo svolgimento delle attività nostre e su tutto il settore degli IAA. Con l’emergenza, per il divieto degli spostamenti e la difficoltà di poter programmare gli ingressi nelle strutture, si è praticamente verificato un blocco completo. Nel mese di giugno c’è stata una ripresa che però in alcune regioni italiane è stata interrotta proprio in questi giorni. I disagi e il rammarico della committenza e dell’utenza sono notevoli ma non si può fare altrimenti. Stiamo vivendo una fase critica per la salute della comunità umana e il nostro apporto deve essere di esercizio della responsabilità individualenelnondiffonderel’infezione. Il nostro lavorò sarà di sicuro ausilio nel prossimo futuro, per sostenere le conseguenze, soprattutto psicologiche, dell’allontanamento sociale. I nostri animali hanno sopportato pazientemente lo stop del loro impegno, e sono pronti a riprenderlo per aiutarci a vivere in un mondo che inevitabilmente si presenterà diverso. Il risentimento perciò è stato importante per tutti gli attori coinvolti, dai pazienti/ utenti, agli animali, agli operatori che sono stati penalizzati anche sotto l’aspetto finanziario. Da ricordare c’è il fatto che il supporto economico alle attività di IAA è privato, con contributi di Fondazioni ed Enti. Le Terapie, pur essendo per legge prescrivibili, sono per la maggior parte a carico dei committenti. healthonline.it | 39 A giugno, con la fine del lockdown, il ministero della Salute aveva diramato delle “Indicazioni operative per l’erogazione in sicurezza degli Interventi Assistiti con gli Animali nel contesto delle misure per il contrasto del Sars-CoV-2”. Cosa è cambiato con quelle regole? Sono ancora valide, o con l’aumento dei contagi e gli ultimi Dpcm sono state introdotte nuove restrizioni? Le regole da applicare nell’esercizio degli IAA riflettono appieno le regole nazionali per rendere minimo il rischio di diffusione di SARS-CoV-2, con in più la stretta vigilanza e responsabilità del medico veterinario esperto in IAA riguardo la suscettibilità al virus delle diverse specie animali e alla tipologia di interazione utente – animale. Anche ora le regole sono attive ed attuali, solo che in molte zone dell’Italia si è ormai verificato il blocco delle attività. Pur garantendo l’attuazione dei protocolli, il disagio parte dal committente: con le scuole che effettuano la didattica a distanza, gli interventi sono ovviamente interrotti; nelle scuole elementari tutti gli operatori educativi sono sovraccarichi di impegni e responsabilità; nelle strutture di accoglienza e RSA non è possibile l’ingresso; nelle zone arancioni e rosse gli spostamenti sono limitatissimi o vietati. Dunque per noi, pur essendo valide le regole, e la nostra osservanza garantita, si profila un fermo completo.
  40. 40. Voi lavorate molto con i più giovani e con l’inizio dell’anno scolastico avevate ricominciato a lavorare nelle scuole. Avete riscontrato problemi o difficoltà particolari nei ragazzi? Quando sarebbe importante in questo momento così difficile per loro poter contare su percorsi di questo tipo? Posso dire che lei ha messo proprio il “dito nella piaga”? Come ho accennato prima, gli IAA sono, e sottolineo sono, uno dei metodi più efficaci per essere di sollievo alle conseguenze dell’allontanamento sociale che i nostri bambini e ragazzi hanno dovuto e devono nuovamente affrontare. Sono da tenere in seria considerazione, per riportare alla realtà affettiva e prosociale un’intera generazione. In modo ancora più evidente per i ragazzi con bisogni speciali. Gli insegnanti hanno riscontrato, alla ripresa dell’anno scolastico, importanti cambiamenti nella capacità relazionale e l’insorgenza di timori nuovi e difficoltà di concentrazione. Nella fascia di età dell’infanzia l’interruzione della frequenza affrontato con la Didattica a Distanza, non ha avuto esiti “tamponanti”. Anzi.Negliadolescentileripercussionisisonoavuteanchesulladifficoltàdisepararequellacheèlarealtà sociale e comunitaria dalla realtà virtuale. La chiusura in se stessi, anche egocentrica, e la proiezione della propria vita in un universo virtuale soggettivo e solitario, dove le informazioni sull’altro possono essere anche sfalsate da inattendibili o contraddittori dati che i soggetti sui social danno di se stessi, sta alterando di molto la capacità di socializzazione e compartecipazione. L’inclusione è stata altamente compromessa. Fortissimi disagi sono stati riportati dei genitori di bambini BES. Nei ragazzi post adolescenti l’atteggiamento di isolamento, anche se si ritrovano in gruppo, dove il telefonino sostituisce lo scambio di esperienze ed opinioni, si è notevolmente accentuato. La capacità di concentrazione e la voglia di conoscere che sono necessarie e insite per la costruzione di una personalità coscienziosa e responsabile verso se stessi e gli altri è stata alterata. ALLA RIPRESA DELL’ANNO SCOLASTICO DOPO IL LOCKDOWN, GLI INSEGNANTI HANNO RISCONTRATO IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLA CAPACITÀ RELAZIONALE E L’INSORGENZA DI TIMORI NUOVI E DIFFICOLTÀ DI CONCENTRAZIONE 40 | Benessere
  41. 41. CongliinterventidiIAAsipuòriportareallaconsapevolezza del nostro convivere nella e con la natura, riprendendo il percorso evolutivo che è proprio della nostra specie, ne parlo dal punto di vista filogenetico e culturale. Le persone anziane sono quelle più colpite dal Covid-19, e probabilmente quelle che vivono con maggiore ansia questo periodo. L’isolamento poi, ha provocato effetti negativi sulla salute, soprattutto a livello psicologico, negando a molti anziani lo stimolo e il piacere delle visite dei famigliari. Avete avuto la possibilità, almeno per un periodo, di riattivare qualche progetto con questa categoria? Non posso parlare per una realtà nazionale. Purtroppo, devo dire che nel nostro caso e per contatti con altre associazioni, nella maggior parte dei progetti non è stato possibile riprendere il lavoro nei Centri per anziani o nelle RSA. Conosco una realtà in Piemonte dove c’è stata una ripresa, altamente voluta dalla committenza, ed estremamente attesa e vissuta dagli anziani che finalmente ne stanno usufruendo. L’incontro con gli animali era già un enorme sollievo prima, e possiamo solo immaginare cosa sia ora riprendere il contatto con qualcuno che puoi abbracciare, accarezzare senza riserve, per chi non ha potuto per mesi, neppure vedere i propri cari e li ha salutati da una finestra. Sono certa che non sia un caso solitario e me lo auguro. Ciò che mi è stato riportato è veramente emozionante. Gli incontri sono ripresi con commozione vera da parte degli utenti ed anche da parte degli operatori sanitari ed educativi. Gli anziani hanno reso evidente quanto il calore di una amicizia sincera e disinteressata, quella che ci donano gli animali, sia un valore fondamentale. L’associazione A.S.SE.A. propone anche dei corsi: vi siete dovuti fermare o siete riusciti ad attivare modalità di frequenza “a distanza”? Noi abbiamo scelto di fermarci ed abbiamo ripreso dopo la metà di settembre come da indicazioni nazionali. I nostri corsi di formazione del binomio cane-proprietario - Corso Partner di Mediazione - sono finalizzati alla comprensione dei sensi dell’animale, del suo linguaggio e dei suoi bisogni, healthonline.it | 41
  42. 42. alla educazione del cane agli IAA e a capire cosa sta facendo e come si muove verso l’utente. Cose impossibili da fare con una frequenza a distanza. Non ci sono logaritmi digitali che possano anche solo simulare quello che è il conoscere, comprendere e poi applicare ciò che si crea con una relazione fisica con un animale, voluta dall’animale stesso. Le attività dell’associazione per ovvi motivi non possono svolgersi esclusivamente su base volontaria: cosa si può fare per sostenervi? Il nostro sostegno economico si avvale delle quote associative, e del supporto di Fondazioni e donazioni. Tutto è messo a disposizione per il compenso di chi fa attività, per le spese di gestione delle sedi, le utenze e la copertura assicurativa. Voce estremamente importante. Speriamo tutti che questo momento buio passi presto, il prima possibile. Cosa vi aspettate di trovare quando la pandemia sarà finalmente alle spalle, e qual è il suo augurio per il futuro? Assolutamente tutto ciò passerà. La storia lo evidenzia e lo dimostra. Tutte le generazioni hanno vissuto periodi estremamente difficoltosi e bui. È in nostro potere la facoltà di reagire. La scienza medica ci porterà i mezzi per affrontare le condizioni critiche. Gli IAA ci aiuteranno a capire le potenzialità psichiche e fisiche che abbiamo. La mia speranza è che l’esperienza ci renda consapevoli della bellezza della vita sul nostro pianeta, del senso che ha vivere secondo i modelli di condivisione del quotidiano e quanto il rispetto per la natura sia strettamente connesso con il rispetto umano reciproco e lo sviluppo della nostra civiltà. I nostri anziani ci hanno fatto vedere quanto sia possibile affrontare le grandi avversità. Ci hanno fatto vedere quanto la compagnia e la vicinanza con gli animali sia importante fino a diventare centrale nella quotidianità. Ancora una volta, impariamo da loro, facciamo frutto dei valori fondamentali che ci fanno toccare con mano, e portiamo la serenità cosciente ad essere il nostro sentire. Gli animali ci danno la possibilità di capire questi valori e prenderne consapevolezza. Ci apportano e guidano verso la serenità. Dobbiamo essere noi tanto intelligenti da rendercene conto; non siamo soli. 42 | Benessere
  43. 43. 44 | Benessere NON È per sordi L’Italia un Paese “Il lockdown ci ha mostrato quanto sia essenziale la comunicazione” Intervista all’interprete LIS, Sara Di Fazio BENESSERE
  44. 44. healthonline.it | 45 Dal palco dell’Ariston di Sanremo, l’interprete LIS Mauro Iandolo, figlio di genitori sordi, lo scorso febbraio ha tradotto, nella Lingua dei Segni, la canzone delle Vibrazioni in gara al Festival. Da Palazzo Chigi le ormai tradizionali conferenze stampa del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, arrivano in tv con l’ausilio dell’interprete LIS. Il 2020 per l’Italia è senza dubbio alcuno l’anno della lingua dei segni, che ha finalmente abbattuto le barriere della comunicazione accendendo i riflettori sulla cultura dell’inclusione.Illockdownel’attualecontestoemergenziale hanno garantito un’estensione della comunicazione a tutti: il cambiamento ha influito anche nella comunità sorda, che ha manifestato una grande presenza sui social e creatività sia per i contenuti espressi, sia per l’uso delle tecnologie visive. Tuttavia, nonostante questo atteso risultato, la Lingua dei Segni nel nostro Paese non è ancora riconosciuta ufficialmente. “È questo un primo step ma c’è molto da migliorare per dirsi realmente inclusivi”. A ribadirlo è Sara Di Fazio, pedagogista e Assistente alla comunicazione nell’équipe di base dell’Associazione I-SPK, Io Se Posso Komunico, che si occupa di abilitazione della comunicazione in bambini e ragazzi con sindromi rare. di Alessandro Notarnicola
  45. 45. 46 | Benessere Dott. ssa Sara di Fazio Pedagogista e Assistente alla comunicazione nell’équipe di base dell’Associazione I-SPK, Io Se Posso Komunico Dottoressa Di Fazio, un risultato che necessitava di una crisi o che l’Italia avrebbe potuto raggiungere in tempi non sospetti? L’attuale contesto emergenziale e la conseguente necessità di veicolare messaggi importanti a tutta la popolazione hanno indotto il nostro Governo a incontrare il mondo dei sordi, un mondo tanto piccolo quanto profondo, e ad avere più attenzione nei suoi confronti. Sono però anni, se non decenni, che la comunità sorda lotta per il riconoscimento ufficiale della propria lingua e per i servizi che con essa dovrebbero poi essere forniti, come per esempio l’interpretariato almeno nelle più importanti strutture pubbliche, penso a ospedali e tribunali. Si sarebbe potuto raggiungere un tale livello di notorietà per la Lingua dei Segni anni fa. Nessuno si sarebbe augurato di servirsi di una tale situazione di emergenza per poter portare alla luce il mondo dei sordi, la sua lingua e i problemi sociali. In che modo la Lingua dei segni risente della presenza sempre più assoluta della tecnologia nella nostra vita? La Lingua dei Segni è la lingua della comunità sorda segnante e perciò non risente o soffre della presenza di una tecnologia che non può nel modo più assoluto sostituirla ma solo supportarla. Oggi infatti è proprio grazie alla tecnologia che le persone sorde sono in grado, per esempio, di scaricare un’applicazione gratuitamente sullo smartphone che gli dà la possibilità di intessere un discorso orale scritto sul cellulare in pochi minuti. È sempre grazie alla tecnologia che le persone sorde possono videochiamare o inviare messaggi video senza grandi difficoltà. Questa non potrà mai sostituire la necessità che l’uomo ha di comunicare, che sia con la voce o con le mani, ma potrà sicuramente sostenerlo ed aiutarlo. Il linguaggio dei segni è universale? È importante continuare a sottolineare che la Lingua dei Segni è appunto una Lingua a tutti gli effetti e non un linguaggio. Non esiste una Lingua dei Segni universale, come spesso si ritiene. In ogni Paese troviamo comunità di persone sorde che si servono di differenti segni per
  46. 46. healthonline.it | 47 comunicare, posso citarne qui alcune tra le più note: l’American sign language (ASL, in America), la Langue des signes française (LSF, in Francia), il British sign language (BSL, in Inghilterra) e la Lingua dei Segni italiana (LIS, in Italia). All’interno di queste lingue, è possibile constatare come uno stesso significato venga espresso in modo diverso, oppure come lo stesso segno possa assumere significati completamente differenti. Inoltre, come accade per le lingue vocali, all’interno di una stessa nazione si possono anche ritrovare i dialetti. In Italia, per esempio, è possibile che alcuni segni presentino variazioni da una città all’altra, da Nord a Sud. Tutto ciò accade perché la lingua si basa sulla cultura di un popolo; se per noi italiani il caffè si beve in tazzina piccola, il segno per “caffè” nella LIS sarà appunto “tazzina di caffè che si beve”, mentre invece per gli americani il caffè è ancora quello che si macina e si beve in tazza grande e da qui ne deriva il segno in ASL di “macinino da caffè”. Non può inoltre esistere una Lingua dei Segni universale per lo stesso motivo per cui non esiste una Lingua vocale universale. È impensabile pensare che tutti i rappresentanti dei
  47. 47. Paesi del mondo si riuniscano e decidano a tavolino una lingua valida per tutti, e così, allo stesso modo, sarebbe impensabile che i rappresentati di tutte le comunità sorde del mondo si riuniscano per stabilire una Lingua dei Segni universale. La Lingua è cultura, è usanza, è tradizione ed ogni Paese. Ciascun popolo ha la propria. Per quale ragione è fondamentale la componente faccia a faccia? Passando per il canale visivo-gestuale, la comunicazione segnica ha racchiuso il 50% del significato del messaggio che vuole mandare nel contatto oculare, nelle espressioni facciali, nei movimenti delle labbra e nel movimento del corpo;perciòancordipiùcheperlacomunicazioneverbale, quella che passa attraverso i segni beneficia al massimo di un contatto faccia a faccia. La nostra società è realmente inclusiva in questo senso? Purtroppo, l’Italia ha ancora molto su cui migliorare per divenire un paese realmente inclusivo. Pensiamo solamente al fatto che una persona sorda con una non sviluppata capacità nella lingua vocale e una sordità profonda debba andare in ospedale. Non è pensabile che vada da sola poiché c’è il rischio che non la capiscano e soprattutto che questa non comprenda realmente la sua diagnosi, perciò sarebbe ottimale che trovasse un servizio di interpretariato 24h su 24h in ospedale, che ad oggi non esiste. Se il sordo vuole evitare situazioni pericolose e di disagio, dovrà rivolgersi a un interprete privato a proprie spese. La stessa situazione potrebbe presentarsi per esempio in Tribunale o in uno studio notarile. Pensiamo ancora alla scuola. Ai bambini e ragazzi sordi spettano in media dalle 10 alle 15h settimanali di Assistenza alla Comunicazione, e le altre ore scolastiche? Come comprendono le lezioni? Come interagiscono con i compagni? Tutto ciò non è pensabile per un Paese che si possa ritenere veramente inclusivo ed evidenzia ancora le tantissime lacune che abbiamo e su cui si deve ancora lavorare. IN ITALIA CI SONO 5 MILIONI DI AUDIOLESI, DICUI70MILASORDOMUTI O SORDI PRELINGUALI COME SI PREFERISCE CHIAMARLI. INOLTRE, È POSSIBILE STIMARE CHE SOLO IL 10% DI QUESTI SORDI HA GENITORI SEGNANTI, MENTRE IL 60% SI PUÒ DEFINIRE MADRELINGUA LIS 48 | Benessere
  48. 48. healthonline.it | 49healthonline.it | 49 Fino al CUORE della SALUTE Un Gruppo unito per sostenere e diffondere la Cultura della Salute e della Prevenzione dalla Ricerca Scientifica alle Soluzioni Personalizzate Health Italia S.p.A. · c/o Palasalute · Via di Santa Cornelia, 9 · 00060 Formello (RM)· info@healthitalia.itwww.healthitalia.it
  49. 49. PARLIAMO DI... UNA SOLA GAMBA 50 | Parliamo di...disabilità Sono nato con e faccio il calciatore Arturo Mariani racconta la sua storia che inizia con un SÌ ALLA VITA
  50. 50. disabilità healthonline.it | 51 Una storia che inizia ancora prima che qualcuno potesse raccontarla e segnata da un forte calcio alla disabilità. Romano doc, determinato e sempre sorridente, Arturo Mariani rappresenta quello schiaffo agli ostacoli che in pochi conoscono, soprattutto quando si ha a che fare con la disabilità fisica. Nato nel 1993, Mariani ha una sola gamba. Se per molti questa potrebbe essere una criticità, per lui e per i suoi genitori è sempre stata una opportunità tale da entrare di diritto nel mondo dello sport. Sin da bambino infatti ha praticato nuoto, taekwondo, body building, calcio, dal 2012 fa parte della Nazionale Italiana di Calcio Amputati del CSI, e nel 2014 ha partecipato ai mondiali di calcio amputati in Messico. Insomma, una vita in movimento e certamente presa con il piede giusto. Arturo Mariani, un’infanzia particolare, con tutte le difficoltà e i limiti, che oggi vale da esempio per molti giovani. Qual è la tua storia? A tre mesi di gravidanza i miei genitori vengono a sapere che sarei nato senza la gamba destra, e che avrei potuto sviluppare altre patologie. Questo è stato il primo momento x della mia vita, perché davanti alla possibilità di abortire, la scelta dei miei genitori è stata un sì alla vita. Questo sì, ovviamente, non ha oscurato il problema, che affronto quotidianamente, ma è stata la mia più grande forza, da cui ho attinto energie per affrontare ogni aspetto della vita. Crescendo, ho dovuto fare i conti con le difficoltà di convivere con una protesi che avrebbe dovuto sostituire la gamba mancante, permettendomi di camminare e rendermi, almeno apparentemente, uguale a tutti gli altri, a scapito di tutte le sofferenze fisiche che mi procurava. di Alessandro Notarnicola
  51. 51. 52 | Parliamo di...Covid-19 In questo senso lo sport è stato decisivo... Esattamente. Sin da bambino ho avuto la passione per il calcio, ho mosso i primi passi con un pallone tra i piedi. Camminare con una protesi che ti blocca il bacino non è il massimo. Quasi impossibileloècorreredietrounpallone.Manonostantetuttiidisagieidolorichequestaprotesi mi procurava, non ho mai smesso di coltivare il mio sogno: diventare un calciatore. Nel corso degli anni dell’adolescenza il confronto con i coetanei è stato quotidiano e non sono mancati i pregiudizi. Sentirti giudicato per come sei e non per chi sei, è stata una delle motivazioni che a 18 anni mi ha portato a intraprendere delle scelte importanti, come quella di togliere la protesi per utilizzare le stampelle, mostrandomi a tutti per come sono. Non è stato facile. MIA MADRE MI RIPETEVA SEMPRE “TU SEI IL PROBLEMA E TU LA SOLUZIONE”, QUESTO MI HA “ALLENATO” A CREDERE NELLE MIE CAPACITÀ, E SOPRATTUTTO CHE AD OGNI PROBLEMA C’È UNA SOLUZIONE 52 | Parliamo di...disabilità
  52. 52. Mettendo la protesi da parte cosa è cambiato? Non avendo una gamba dovevo mettermi la protesi per essere uguale agli altri e comunque non potevo fare quello che tutti facevano. Ma con una sola gamba potevo fare quello che nessuno avrebbe potuto con due gambe, come giocare a calcio con le stampelle. Solo dopo questa scelta, mi sono sentito veramente libero di essere me stesso: ho cominciato a guardare tutto con occhi diversi e da un’altra prospettiva. La protesi che avevo tolto era soprattutto una mentale e la mia esperienza di “diversità” poteva diventare, come è stato, una grande opportunità. Sono diventato calciatore della Nazionale Amputati, ho giocato un mondiale in Messico e diversi Europei, ho scritto sei libri, raccontando la mia storia e non solo, ho incontrato ragazzi in tutte le scuole d’Italia di ogni ordine e grado, condividendo la mia testimonianza. Tu sei il problema e tu la soluzione. A quanto le sono servite le parole di sua madre? Sono convinto che la criticità in generale appartiene alla natura umana. La mia criticità è avere una sola gamba ma credo che tutti abbiamo delle criticità e quindi anche delle abilità inespresse. Ho sempre sognato di diventare un calciatore ma nessuno pensava che lo potessi diventare. Mia madre sin da quando ero bambino, davanti alle difficoltà quotidiane, mi ripeteva: “Tu sei il problema e tu la soluzione”. Questo per dirmi che, per quanto lei mi potesse supportare nelle difficoltà da affrontare ogni giorno, trovare la soluzione dipendeva soprattutto da me e da quanto io mi impegnassi a farlo. Questo mi ha allenato a credere nelle mie capacità, e soprattutto che ad ogni problema c’è una soluzione, e se i problemi sono tanti, significa che abbiamo a disposizione più soluzioni. Sono convinto che tutti possiamo superare i nostri limiti e trasformarli in possibilità. healthonline.it | 53
  53. 53. In un’intervista ha dichiarato: “Dovevo condividere e parlare con qualcuno, avevo bisogno di raccontare le parti negative della mia vita. Scrivere è stato un modo per liberarmi”. Quali sono le parti negative del tuo percorso? Ho sempre avuto l’abitudine di scrivere, di fare una sorta di diario dei miei pensieri e di tutte quelle difficoltà che hanno accompagnato la mia crescita, era sentire un po’ meno il peso che mi impediva di vivere con leggerezza la mia adolescenza. Nel periodo della scuola primaria ho cominciato a prendere coscienza della mia condizione quando, mettendomi a confronto con i miei coetanei, sentivo di essere discriminato. Per esempio, quando si organizzavano partite a calcio io non venivo considerato non potendo correre bene. Alzarsi la mattina per andare a scuola e indossare la protesi, era una preoccupazione che mi metteva più ansia di un’interrogazione, rimanere seduto per tanto tempo durante le lezioni mi procurava dolori ovunque. Almeno una volta all’anno, con la crescita, dovevo adeguare la protesi e affrontare tutto il periodo di adattamento che questa richiedeva. Ciò comportava intere giornate da passare nell’officina ortopedica, per cercare di renderla confortevole e funzionale, ma questo, purtroppo restava sempre un sogno. A supporto di quelle lunghe ore in “officina” avevo vicino sempre mia madre. Lei cercava in ogni modo di alleviare le mie sofferenze legate alla protesi, era il mio tecnico personale, si impegnava fino a notte fonda pur di trovare la soluzione ai problemi tecnici. Con una sola gamba è possibile farcela. È un po’ questo il messaggio contenuto nel suo ultimo libro “Con il piede giusto”… Il mio ultimo libro è il risultato delle esperienze fatte in questi anni incontrando migliaia e migliaia di persone con cui ho condiviso gioie e dolori della mia vita. Con questo “diario” ho voluto offrire un vero e proprio percorso di crescita personale con spunti, riflessioni, partendo proprio dalla mia storia e da tutte quelle difficoltà che ho incontrato nella vita, dalla quale ne ho tratto insegnamenti e soluzioni possibili, che tutti possono applicare...E se ci sono riuscito io con una gamba, non ci sono dubbi che chiunque voglia raggiungere i propri obiettivi e realizzare i propri sogni, possa farcela. 54 | Parliamo di...disabilità
  54. 54. ABBIAMO LA RISPOSTA PRONTA Health Assistance fornisce le soluzioni più qualificate in ambito di salute integrativa, servizi sociali e assistenza sanitaria, per privati e aziende. Siamo un Service Provider indipendente sul mercato dell’Assistenza Sanitaria Integrativa, dei servizi Socio Assistenziali e Socio Sanitari, nel comparto del Welfare Aziendale e privato. Per offrirti il meglio, abbiamo stipulato accordi e convenzioni con le più accreditate Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza, Fondi Sanitari e Compagnie di Assicurazione, nonché Cooperative, Società di Servizi, strutture sanitarie e liberi professionisti. Per i servizi sanitari e socio assistenziali, anche domiciliari: Numero Verde: 800.511.311 Numero dall’estero: +39 06 90198080 Health Assistance S.C.p.A. c/o Palasalute Via di Santa Cornelia, 9 00060 Formello (RM) Per le strutture del Network o a coloro che intendano candidarsi al convenzionamento Ufficio Convenzioni: 06.9019801 (Tasto 2) email: network@healthassistance.it www.healthassistance.it
  55. 55. Hai già scaricato My Digital Health? La nuova App gratuita di Health Point, permette di prenotare ed effettuare direttamente dallo smartphone e dal tablet una televisita o un consulto telefonico con un medico specialista in modo semplice e veloce.

×