Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online 25

735 views

Published on

ll primo periodico di informazione dedicato completamente al mondo della salute, del welfare e della sanità integrativa.

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

Health Online 25

  1. 1. Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa HEALTH maggio/giugno 2018 - N°25 in evidenza Come funziona l’epilazione laser? È adatta a tutti i tipi di pelle? È indolore? Elimina davvero definitivamente i peli? ne abbiamo parlato con la dottoressa Ilaria Saredi telemedicina benessere estate Dal curare al prendersi cura. In italia arrivano gli Health Point Il collagene: la proteina essenziale per il nostro organismo Il mare, un rimedio naturale che fa bene al corpo e alla mente L’albicocca: il frutto estivo dalle numerose proprietà nutritive
  2. 2. supportare favorire promuovere Costituita per iniziativa di Health Italia, Mutua MBA e Coopsalute, la Fondazione Basis è un ente no-profit che svolge le proprie attività nei settori dell’assistenza socio-sanitaria, nella promozione e nella gestione di servizi culturali, educativi, sportivi e ricreativi allo scopo di fornire sostegno a soggetti deboli quali, ad esempio, persone svantaggiate per malattia, disabilità fisica e/o psichica, indigenti, minori e persone anziane non autosufficienti. Nello svolgimento delle proprie attività istituzionali, la Fondazione si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche quali la difesa e la tutela della salute, incentivando il concorso e la partecipazione di tutte le realtà che costituiscono espressione della società civile. Fondazione Basis ha ottenuto risultati significativi, soprattutto grazie al contributo di molti donatori, che rafforzano l’entusiasmo e la volontà nel proseguire per la strada intrapresa. Se credi nella nostra missione e nell’importanza che la nostra Fondazione può rivestire in ambito sociale effettua una donazione o diventa volontario inviandoci per email la tua candidatura! Effettua un bonifico bancario IBAN: IT 14 U 03359 01600 100000140646 intestato a: Fondazione Basis Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Effettua un assegno bancario non trasferibile intestato a: Fondazione Basis ed inviato mezzo posta a: Fondazione Basis Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Fondazione Basis | c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 | 00060 | Formello (RM) | www.fondazionebasis.org | info@fondazionebasis.org
  3. 3. Health Online periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa Anno 5° maggio/giugno 2018 - N°25 Direttore responsabile Nicoletta Mele Direttore editoriale Ing. Roberto Anzanello Comitato di redazione Alessandro Brigato Mariachiara Manopulo Giulia Riganelli Hanno collaborato a questo numero: Beatrice Casella Alessia Elem Giuseppe Iannone Alessandro Notarnicola Silvia Terracciano Direzione e Proprietà Health Italia Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) info@healthonline.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. iscritto presso il Registro Stampa del Tribunale di Tivoli n. 2/2016 - diffusione telematica n.3/2016 - diffusione cartacea 9 maggio 2016 ImPaginazione e grafica Giulia Riganelli immagini © Fotolia Tiratura 103.108 copie Visita anche il sito www.healthonline.it potrai scaricare la versione digitale di questo numero e di quelli precedenti! E se non vuoi perderti neanche una delle prossime uscite contattaci via email a info@healthonline.it e richiedi l’abbonamento gratuito alla rivista, sarà nostra premura inviarti via web ogni uscita! Per la tua pubblicità su Health Online contatta mkt@healthonline.it HEALTH
  4. 4. L’argomento della sanità attira sempre interesse anche da parte dei media, come è corretto che sia essendo la salute il bene primario per ognuno di noi e per le nostre famiglie nonché un diritto sancito dalla nostra Costituzione. Diversi istituti di ricerca hanno realizzato e costantemente realizzano studi ed analisi sull’argomento evidenziando la situazione sia attuale che futuribile con dovizia di particolari. In tutte queste argomentazioni ci sentiamo in dovere, come sempre facciamo dalle colonne di questo periodico, di rappresentare alcuni elementi in modo chiaro e semplice affinchè ciascuno possa liberamente fare le proprie considerazioni. Proviamo allora a mettere in fila i ragionamenti in maniera organica e comprensibile, in 5 semplici punti che descrivono quanto già fatto ed immediatamente usufruibile nell’ambito della sanità. Alprimopuntononpuòcheessercilaconsiderazionechel’aumento della durata della vita media, l’ampliamento della scienza medica e lo sviluppo della tecnologia sanitaria non consentono e non consentiranno allo Stato (in realtà sarebbe meglio dire “a nessuno Stato”) di offrire assistenza sanitaria gratuita completa a tutti i cittadini, perché questo significherebbe dedicare alla sanità una parte preponderante della spesa pubblica con conseguente necessità di aumento della tassazione e della contribuzione da parte di ciascun lavoratore attivo, creando così una pressione fiscale e contributiva insostenibile. Ne consegue che al secondo punto dobbiamo necessariamente considerare che le risorse economiche pubbliche, eliminando comunqueglisprechi,dovrannosempredipiùessereintegralmente dirette a garantire l’assistenza sanitaria alle fasce più deboli della popolazione nonché le emergenze per tutti i cittadini, con il contributo economico proporzionale da parte di tutti. Quindi, al terzo punto, dobbiamo tutti comprendere che è e sarà sempre più indispensabile per i cittadini organizzarsi in maniera autonoma per garantirsi una protezione sanitaria adeguata, fatto che non può avvenire che in modo collettivo e mutualistico come la storia dell’umanità ci insegna. Al quarto punto dobbiamo prendere atto come conseguenza ovvia che in campo sanitario solo l’applicazione dei corretti principi di mutualità può e potrà consentire un adeguato equilibrio sociale nella salvaguardia dei propri livelli di benessere fisico. Tutto ciò determina, come quinto punto, che solo enti senza scopo di lucro che consentano ai cittadini di godere di opportuni vantaggi fiscali, quale corretto trade off tra la partecipazione alle spese sanitarie di tutti operata tramite la propria contribuzione e le spese sostenute da ognuno per gestire le proprie necessità sanitarie, possono e potranno gestire correttamente il principio di mutualità. La consequenzialità e la coerenza di questi 5 punti, al di là di tutti gli studi e le analisi che possono essere realizzate, è sempre stata chiara tanto che negli ultimi 30 anni il nostro paese, a prescindere da chi fosse a governare, ha sempre perseguito questa impostazione con leggi, norme e modelli giuridici adeguati. In conclusione la soluzione ai primi 5 punti già esiste e non deve che essere semplicemente diffusa ed ampliata, ed è data dal modello integrato tra sanità pubblica, gestita dallo Stato, e sanità integrativa gestita da Fondi Sanitari, Società Generali di Mutuo Soccorso e Casse di Assistenza Sanitaria. La vera domanda che dobbiamo farci è, quindi, cosa dobbiamo fare per migliorare ulteriormente questa impostazione, ed anche in questo caso mettiamo in fila 5 semplici ragionamenti. Al primo punto dobbiamo considerare che la necessità primaria finalizzata a creare un modello sanitario sostenibile non può che venire dalla tecnologia che consente e consentirà sempre più di ridurre costi, garantire affidabilità, intervenire con efficacia e quindi dovrà essere sempre più utilizzata. Al secondo punto dobbiamo rispondere alle esigenze di accessibilità alle prestazioni sanitarie dei cittadini, senza impegnare il loro tempo oltre modo, tramite l’implementazione di adeguati e garantiti modelli di medicina a distanza che consentano in modo rapido di usufruire di analisi diagnostiche e verifiche mediche. Ma c’è anche un altro importante aspetto da considerare, che è il terzo punto, dato dalla assoluta necessità dei cittadini di poter usufruire dei servizi sanitari in termini di prossimità, cioè senza dovere affrontare problematiche logistiche spropositate per potersi garantire il diritto alle prestazioni sanitarie, dando spazio alla creazione di strutture sanitarie organizzate con modelli di medicina a distanza ed operanti sul territorio, cioè vicino ai cittadini tutti. L’organizzazione di un modello sanitario moderno, ed è il quarto punto, non può prescindere da una corretta collaborazione tra sanità pubblica, che riconosca e deleghi alcune attività sanitarie alle strutture abilitate a gestire la sanità integrativa, e sanità integrativa, che operi secondo standard moderni, certificati ed economici. Infine come essenziale ed indispensabile quinto punto sia la sanità pubblica che quella integrativa devo puntare a realizzare la rivoluzione copernicana nella sanità caratterizzata dal passaggio dall’attuale paradigma cittadino malato-cura al nuovo paradigma cittadino sano-prevenzione. La pragmaticità di questi 5 punti, nel rispetto del diritto alla salute di ognuno, è estremamente chiara, sempre al di là di tutti gli studi e le analisi che possono essere realizzate, e deve essere solo perseguita con convinzione. In sostanza, consolidati i primi 5 punti, la realizzazione dei nuovi 5 punti dovrebbe costituire il programma da seguire per realizzare un modello sanitario, equo, sostenibile, efficace ed efficiente, da parte di governo, società civile, enti di sanità integrativa e cittadini. In conclusione, come possiamo evincere dalla considerazioni effettuate, la strada per un sistema sanitario siffatto è già stata tracciata e con 5 punti già realizzati siamo a metà del percorso che potremo concludere con successo realizzando rapidamente i successivi 5 punti. A cura di Roberto Anzanello editoriale 5 punti già realizzati e 5 da attuare: la strada corretta per la sanità
  5. 5. ommari 23 10 13 26 Telemedicina: dal curare al prendersi cura. In italia arrivano gli Health Point Ipocondria: il corpo al posto del mondo Epilazione laser, tutto quello che c’è da sapere su questa tecnica innovativa in evidenza 19 Il mare, un rimedio naturale che fa bene al corpo e alla mente Aumenta il consumo di cannabis. Dall’uso terapeutico alla dieta alimentare 08 Eccellenza sanitaria in Italia: arriva la Rete del Trapianto Autologo delle Cellule Staminali 32 Neuroarchitettura: la neuroscienza applicata all’architettura
  6. 6. ommari34 Il collagene: la proteina essenziale per il nostro organismo 39 40 42 A.N.S.I. in Romania: sanità e welfare, valori sociali internazionali L’albicocca: il frutto estivo caratterizzato da numerose proprietà nutritive Mandala: dall’Oriente per rilassare il corpo e la mente
  7. 7. L’angolo della poesia Guardate il mostro che con tanta devozione amate, un angelo con ali tetre come il suo Cammino fatto di menzogne, e sangue. Il mostro DOREL CARUSO Nato a Resita (Romania), sono sempre stato un amante dell’arte e della storia. Mi sono approcciato ad ogni forma di poesia nel lontano 2003 tramite la pagina Facebook “Liberi Pensieri” su cui ho mosso i miei primi passi e che attualmente gestisco. ...e come disse Charles Baudelaire “Ogni uomo in buona salute può fare a meno di mangiare per due giorni; della poesia, mai”; per tale motivo, a partire da questo numero, abbiamo il piacere di omaggiare i nostri lettori con una selezione di poesie di Dorel Caruso, poeta amatoriale.
  8. 8. 8 Eccellenza sanitaria in Italia: arriva la Rete del Trapianto Autologo delle Cellule Staminali a cura di Alessandro Notarnicola Il sistema sanitario emiliano-romagnolo non ha di che invidiare alle altre regioni italiane. Esso infatti è tra i primi in Italia per capacità di investimenti nella ricerca e per innovazione. A dimostrazione di questa peculiarità un’altra eccellenza viene a completare il quadro della sanità romagnola. Nell’ambito della preesistente Rete oncologica è nata la “Rete del trapianto autologo (ossia dove donatore e ricevente sono la stessa persona) di cellule staminali della Romagna”, che raccoglie i centri oncologici ed ematologici della Ausl Romagna, e dell’Irccs “Irst” di Meldola. “Una rete metropolitana Romagnola - dichiara il direttore sanitario dell’ Ausl Stefano Busetti - unica nel nostro paese che vede confluire in un unico progetto le esperienze e le conoscenze a livello ematologico-oncologico dei professionisti che operano all’interno delle strutture sanitarie di Cesena, Rimini, Ravenna. Il centro Ausl di Pievesestina sarà il laboratorio processuale per le cellule staminali grazie alla sua Officina Trasfusionale e di conservazione Criogena”. La rete si pone il fine di porre al centro di tutto la persona e la cura del paziente, rammenta il dottor Francesco Lanza, direttore dell’Unità Operativa di Ematologia di Ravenna posto alla guida delle rete clinico-assistenziale. Professore un’ennesima soddisfazione per un sistema sanitario eccellente? Senza dubbio. È un’ulteriore dimostrazione che quando si crea una rete e quando si fa sistema tutto è possibile. Il quadro socio-sanitario è sempre molto importante perché al centro oltre all’innovazione delle tecniche e delle strumentazioni mediche ci sono le persone alle quali dobbiamo garantire l’omogeneità della cura, alte qualità e sicurezza. Quale scopo si propone di avere questa Rete oncologica? Oltre a quello già spiegato, con essa si intende promuovere 8
  9. 9. 9 l’organizzazione e la gestione clinica delle patologie onco- ematologiche, ma anche favorire e sostenere progetti di ricerca nell’ambito di tutte le malattie onco-ematologiche, collegando l’attività clinica con quella della ricerca. Quando e come è stata pensata questa Rete? Non c’è una data precisa in cui la Rete viene istituita. Da anni l’Ausl della Romagna cerca di lottare contro il cancro. La Rete oncologica romagnola si inserisce all’interno del Programma Trapianto nato nel 2005 e che riguarda una popolazione composta da 1 milione e 100 mila abitanti. Le unità di ematologia di Ravenna e Rimini, le unità di ematologia e di trapianti oncologici (tumori solidi) dell’Irccs/Irst di Meldola, i servizi Trasfusionale A.USL e il laboratorio di processazione delle cellule di Pievesestina a Cesena si integrano per fornire al paziente una continuità del percorso clinico-sanitario e per una maggiore omogeneità della cura indipendentemente dalla struttura di riferimento. Uno dei primi esempi è la Rete del Trapianto Autologo di cellule staminali? Esattamente. Essa interessa ad oggi 30/35 persone a Centro per un totale nell’arco di un anno di circa 100 interventi. Tutto avviene nell’ambito di un unico Programma riconosciuto dal Centro nazionale sangue, dal Centro nazionale trapianto e dagli enti internazionali. Questo modello però funzionerà solo se assolverà a una serie di obiettivi: l’efficacia assistenziale nei confronti dei pazienti, a cui va assicurata la qualità della cura e la sicurezza, la garanzia di equità del trattamento in tutti gli ambiti territoriali della Romagna e la garanzia che all’interno di una rete di queste dimensioni possa essere agevolata la ricerca. Perché il centro di Cesena assume centralità in questa rete? L’officina di Pievesestina a Cesena è un laboratorio di processazione delle cellule. È un laboratorio adibito ad accettazione, controlli di qualità e programmazione delle attività. Al suo interno è presente un locale per la criopreservazione, provvisto di tre congelatori ad azoto a discesa programmata della temperatura. Che cosa intende? Sono delle cellette in cui vengono congelate per un massimo di dieci anni le cellule staminali fino a quando non c’è la richiesta di trapianto. A quel punto vengono scongelate. A tal proposito a breve acquisiremo un macchinario che rimuoverà dalla cellule staminali la sostanza che utilizziamo per congelarle tale da rendere meno tossiche del passato. Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche consiste nella reinfusione delle cellule del paziente in grado di determinare una rigenerazione del midollo osseo. Infine, anche in questo caso l’informatica fa la sua parte. Non è così? Fondamentale è la creazione di un software che renderà possibile la stesura di una cartella clinica informatizzata la quale andrà a favorire il lavoro dell’equipe medica che prenderà in cura il paziente. Questa cartella sarà un anello che unirà le unità dell’A. USL e l’Irst. Gli obiettivi del gestionale saranno la tempestività della richiesta, la completezza dei dati trasmessi e la loro trasmissione in tempo reale.
  10. 10. 1010 Ipocondria: il corpo al posto del mondo a cura di Giuseppe Iannone L´ipocondria è un disturbo psichico caratterizzato da una preoccupazione eccessiva e infondata riguardo alla propria salute e da un´iperfocalizzazione su segnali corporei innocui (o sintomi corporei di lieve intensità), che sono vissuti come indice di una grave malattia. Chisoffrediipocondriacerca rassicurazioni sul proprio stato di salute attraverso ripetute visite mediche, esami diagnostici, continue ricerche su internet o su libri, ecc. Le rassicurazioni (dei medici, dei familiari, degli amici) funzionano nel breve termine ma la continua attenzione sul corpo aumenta la sensibilità ai segnali corporei. Ciò non fa che aumentare ulteriormente l’ansia e così la convinzione di malattia tende a ripresentarsi. Si instaura un circolo vizioso che spinge l´individuo a passare da uno specialista all´altro, da un esame all´altro, nella speranza di trovare finalmente una spiegazione. Immaginiamo la seguente situazione: Mario è fermo al semaforo, in mezzo al traffico. Finalmente il semaforo diventa verde e lui si accinge a ripartire. Ma improvvisamente un automobilista gli taglia la strada e lui è costretto a una brusca frenata per evitare un incidente. Mario si spaventa: comincia a sudare freddo, gli tremano le mani, i suoi muscoli si irrigidiscono. Se Mario è in grado di riconoscere che tali manifestazioni fisiche sono l´espressione fisiologica del suo essersi spaventato, non guarderà ai segnali corporei che hanno accompagnato l´emozione di spavento come ai sintomi di una malattia. Immaginiamo invece che Mario non riesca a spiegarsi l´esperienza di tali segnali corporei come ai correlati fisiologici del suo essersi spaventato. In questo caso i sintomi saranno vissuti come qualcosa di estraneo all´emozione (spavento) e alla situazione che ha prodotto l´emozione (automobilista che gli ha tagliato la strada). Per Mario allora il sudare freddo, le mani tremanti e i muscoli tesi smetteranno di essere il modo in cui lui prova spavento e diventano un sintomo allarmante, indice di chissà quale patologia. L´iperfocalizzazione sui segnali corporei può condurre ad uno stato di ipervigilanza a sintomi viscerali o somatici e alla formulazione di pensieri catastrofici sul proprio stato di salute. In questo modo la sensazione fisica sostituisce l’emozione e il corpo (percepito come debole, malato) diviene il centro del mondo, facendo passare in secondo ruolo l´esperienza quotidiana, le relazioni con gli altri e le situazioni che hanno generato l´emozione. Bibliografia: Liccione, D. (2011). Psicoterapia Cognitiva Neuropsicologica. Bollati Boringhieri. Arciero. G., Bondolfi, G. (2012). Sé, identità e stili di personalità. Bollati Boringhieri. 10
  11. 11. Scegliere ITALIA
  12. 12. 12
  13. 13. 13 a cura di Nicoletta Mele Telemedicina: dal curare al prendersi cura. In italia arrivano gli Health Point Gli strumenti digitali stanno spopolando in campo sanitario tant’è che, anche se a rilento rispetto ad altri Paesi europei, la parola “telemedicina” sta pian piano entrando a far parte del nostro vocabolario di salute. Cosa si intende per telemedicina? Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, “La telemedicina è l’erogazione di servizi sanitari, quando la distanza è un fattore critico, per cui è necessario usare, da parte degli operatori, le tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni al fine di scambiare informazioni utili alla diagnosi, al trattamento e alla prevenzione delle malattie e per garantire un’informazione continua agli erogatori di prestazioni sanitarie e supportare la ricerca e la valutazione della cura”. Consiste in una rete diretta di professionisti e di strutture al servizio del cittadino per facilitare un accesso veloce ad alcune prestazioni sanitarie. In Svezia e in Danimarca, la telemedicina è una realtà diffusa, regolamentata e che funziona: i teleconsulti, soprattutto quando si tratta di cure di primo soccorso, e i medici online sono in aumento. In Italia, sulla base dei dati forniti dall’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità della School of Management del Politecnico di Milano, è pari al 24% la percentuale di utenti che prenotano visite ed esami online e il 15% consulta i documenti clinici. La possibilità di avere a disposizione dei centri di servizi di telemedicina - con strumenti diagnostici all’avanguardia e non invasivi - in grado di favorire la prevenzione territoriale di primo livello grazie ad una stazione telematica sempre connessa, dove tutti i dati raccolti possono essere condivisi con
  14. 14. 14 una centrale medica per l’analisi e la refertazione, sta diventando realtà. Si chiamano Health Point, un progetto di Health Italia S.p.A. attraverso la sua controllata Health Point S.r.l., delle strutture che stanno nascendo su tutto il territorio nazionale: attualmente sono 8, posizionate nei centri urbani e in luoghi pubblici altamente popolati come i centri commerciali (www.healthpoint.srl). L’obiettivo è quello di eseguire misurazioni non invasive a costi agevolati in maniera più semplice, offrendo ai cittadini un’alternativa economica e più fruibile a fronte dei lunghi tempi di attesa. Abbiamo intervistato la dottoressa Silvia Fiorini, Amministratore delegato di Health Point. Come sono strutturati gli Health Point? Quali sono le caratteristiche? “Gli Health Point sono strutture costituite da moduli (c.d. station) appositamente attrezzate con device di ultima generazione dove ad oggi è possibile effettuare fino a 40 rilevazioni, con l’assistenza di personale infermieristico qualificato, il tutto con dispositivi medicali non invasivi e nel totale rispetto della privacy degli utenti. Tutti i rilevamenti vengono condivisi con il centro medico erogatore ed il relativo personale medico qualificato, al fine di restituire un pronto e veloce riscontro agli utenti. All’interno degli Health Point è inoltre possibile prenotare una televisita con un medico specialista. Le nuove tecnologie delle quali dispongono le station, consentono il monitoraggio di parametri che finora potevano essere controllati soltanto con test invasivi, condotti esclusivamente presso laboratori specializzati e in ospedale, riducendo così i tempi di attesa”. Quali sono le aree di intervento e i servizi offerti? “Le aree di intervento sono sette: cardiologia, dermatologia, pneumologia, medicina estetica, benessere, odontoiatria, medicina interna e metabolismo osseo. I servizi erogati vanno da quelli più semplici, come la misurazione della pressione arteriosa, la spirometria, il test del cammino, a quelli più innovative, come il Test del
  15. 15. 15 DNA, che permette di individuare quelle piccole variazioni genetiche caratteristiche che possono tradursi in risposte ‘errate’ dell’organismo in seguito all’introduzione di determinati alimenti o sostanze, e l’elaborazione poi di una terapia alimentare personalizzata”. Qual è il percorso dell’utente dal momento in cui si reca presso uno dei centri? E in che modo è possibile richiedere una televisita con uno specialista? “La televisita può essere prenotata direttamente presso l’Health Point. L’utente viene accolto dal promotore il quale fornisce tutte le informazioni e le modalità della telemedicina. Una volta acquisiti i dati nel rispetto della privacy e relativa registrazione, l’utente accede alla station e verrà seguito dal personale infermieristico presente per eseguire i controlli. Se gli esami necessitano di un referto, verranno inviati al centro medico erogatore, che provvederà all’emissione del referto entro 48 ore. La modalità della consegna del referto, via email o ritiro del cartaceo presso l’Health Point, dipende dall’utente”. Sono previste delle campagne promozionali e/o erogazione di servizi gratuiti? “Sì, in occasione di alcune ricorrenze come ad esempio la festa della donna, la festa della mamma o la festa del papà, abbiamo offerto dei pacchetti di servizi gratuiti dedicati alla salute cardiovascolare (misurazione della pressione, frequenza cardiaca, EGC), e alle donne abbiamo offerto gratuitamente anche la densitometria ossea per la valutazione del rischio di osteoporosi! Attualmente è attiva la campagna gratuita Healthree, grazie alla quale per 3 mesi l’utente può eseguire gli esami strumentali in modo da consentire il monitoraggio periodico del proprio stato di salute”. Lo scopo è di avvicinare le persone, attraverso un accesso facilitato, alla prevenzione, senza sostituire la diagnosi tradizionale. Quanto è importante in un momento storico come questo, lo sviluppo e la diffusione della cultura della telemedicina? “è fondamentale sia per la salute del cittadino che per la prevenzione, strumento primario che abbiamo a disposizione per combattere le malattie. L’obiettivo è quello di avere la possibilità di fare il punto sulla salute senza attese - criticità del Sistema Sanitario Nazionale - senza code e senza appuntamento, il tutto a dei costi agevolati rispetto al privato”. Gli Health Point S.r.l. nascono quindi con l’obiettivo di diffondere la cultura della salute, attraverso percorsi di prevenzione, formazione e monitoraggio di parametri necessari a verificare lo stato di salute dei singoli cittadini, con l’assistenza di personale infermieristico qualificato sul posto. Tutti i servizi vengono erogati in presenza di un infermiere che ha una conoscenza degli strumenti, nonché una buona comprensione del contesto interattivo in cui vengono utilizzati, tenendo conto delle esigenze di pazienti bisognosi di calore umano e di informazioni comprensibili, corrette e rassicuranti. Abbiamo incontrato Claudia Masia, infermiera dell’Health Point di Formello. “L’infermiere nell’Health Point - ha spiegato - è la figura professionale sanitaria perfetta, perché incarna perfettamente il ruolo di anello di congiunzione tra il pubblico e il medico o la sanità in generale. Come infermiera mi trovo perfettamente a mio agio nell’aiutare le persone a prevenire quelle che sono le patologie più frequenti e invalidanti del nostro secolo, assistendoli nell’esecuzione di semplici indagini diagnostiche e insegnando loro quali sono gli stili di vita e gli accorgimenti da adottare od evitare, a seconda del caso, per mantenersi in salute”. Cosa differenzia la sua professione presso un Centro Health Point rispetto ad una struttura ospedaliera? “Il mio ruolo presso l’Health Point di Formello, in provincia di Roma, non è il classico lavoro da infermiera al quale siamo abituati a pensare, non c’è la parte clinica che caratterizza comunemente il nostro profilo professionale, ma viene esplorata un’area che gli appartiene comunque, elaborazione del risultato consegna del referto medico misurazione ed invio del risultato al centro medico erogatore emissione del referto medico e invio all’health point
  16. 16. 16 cioè l’educazione sanitaria. All’interno dell’Health Point, l’infermiere conquista l’autonomia con cui è in grado di agire e non è un semplice erogatore di prestazioni non invasive: ascolta, comprende e indirizza. Le persone che si avvicinano alle station sono interessate alla loro salute, a mantenerla e recuperarla, ma spesso non sanno come fare, o hanno informazioni frammentate o addirittura errate; comunicare con il cliente dell’Health Point significa capire quali possono essere i fattori di rischio presenti per sviluppare una patologia e con l’aiuto delle indagini strumentali offerte, che cresceranno in numero nel tempo, l’infermiere decide di indirizzare la persona verso lo specialista più indicato o illustra le soluzioni più semplici da adottare nella quotidianità. L’infermiere diventa complice della popolazione e crea un rapporto di fiducia con la sanità, che si estende a tutti gli operatori sanitari, dai medici, al personale socio sanitario, dagli ospedali pubblici, agli studi medici privati”. Le è mai capitato di indirizzare un utente presso una struttura ospedaliera perché gli esami erano sospetti? “Sì, più di una volta ho indirizzato un utente verso il pronto intervento perché le indagini che venivano erogate nella station avevano riscontrato una situazione che necessitava di intervento immediato; eclatante il caso, che mi è capitato personalmente, di un signore che sentendosi poco bene si è recato presso l’Health Point per eseguire un elettrocardiogramma come consigliato da un farmacista, ma già leggendo il suo viso, ascoltando la descrizione del suo malessere e con una semplice misurazione della pressione, mi sono resa conto che poteva trattarsi di un principio d’infarto. Ho tranquillizzato il cliente ma l’ho esortato a recarsi all’ospedale più vicino; fortunatamente era accompagnato dal figlio, perché nei giorni seguenti siamo stati informati che l’infarto si è scatenato proprio nel Pronto Soccorso. Da questa esperienza è emersa maggiormente la necessità della presenza dell’infermiere all’interno degli Health Point, perché è in grado di interpretare anche i più blandi segnali d’allarme ed è capace di intervenire in situazioni di emergenza sanitaria che potrebbero verificarsi in ogni luogo, specialmente se a grande affluenza, proprio come quei contesti in cui vengono posizionati gli Health Point”. Quanto è importante una figura di riferimento come la sua? “Personalmente essere d’aiuto è sempre stata la mia ambizione principale, ho sempre considerato l’educazione sanitaria e la prevenzione come le fondamenta di una popolazione sana e serena. Le attività che svolgo oggi, sono quelle che un domani diminuiranno gli accessi nei pronto soccorso, i ricoveri non necessari e abbatteranno notevolmente la spesa sanitaria in generale”. Gli Health Point sono un innovativo strumento al servizio del cittadino. Non perdiamo tempo, facciamo prevenzione. Eseguire un check up in termini rapidi, può salvare la vita.
  17. 17. 17 La prevenzione salva la vita! Se anche tu: Vuoi evitare le lunghe liste di attesa... Vuoi il meglio per la tua salute e benessere... Rilevazioni non invasive, realizzate con device innovativi Cosa aspetti? vieni a scoprire tutti i nostri servizi! Con Health Point la tua salute è sempre sotto controllo in modo veloce, innovativo e vicino a te! Prezzi competitivi Servizio rapido Televisita con medici specialisti Senza necessità di prendere appuntamento Il punto sulla tua salute Offriamo oltre 40 servizi di telemedicina, con l’assistenza di personale infermieristico qualificato! vieni all’health point! Sei sempre di corsa... Health Point S.r.l. - Gruppo Health Italia S.p.A. Sede legale c/o Palasalute Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Per maggiori informazioni: Tel. +39 06 40411457 - info@healthpoint.srl www.healthpoint.srl
  18. 18. 18 Nessuna distinzione per numero di componenti della famiglia Nessuna distinzione di età Sussidi per Single o Nucleo familiare Detraibilità fiscale (Art. 15 TUIR) Nessuna disdetta all’associato Durata del rapporto associativo illimitata Soci e non “numeri” perché abbiamo scelto mba? rimborso interventialta diagnostica assistenza rimborso ticket conservazione cellule staminali visite specialistichesussidi per tutti check up Mutua MBA è da sempre impegnata nell’assistenza sanitaria integrativa e rappresenta l’innovazione, il dinamismo e la qualità nella mutualità italiana ponendosi come “supplemento” alle carenze, ad oggi evidenti, del Servizio Sanitario Nazionale. Vanta un costante incremento del numero di Soci Promotori e propone numerose combinazioni assistenziali che offrono un’ampia gamma di prestazioni sanitarie a costi agevolati per oltre 350.000 assistiti, tra famiglie e nuclei. Mutua MBA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Tel. +39 06 90198060 - Fax +39 06 61568364 www.mbamutua.org integratori alimentari
  19. 19. 19 L’aria del mare purifica le vie respiratorie e stimola il sistema immunitario. L’acqua salata è ottima per la pelle. Il sole fa bene alle ossa e alla pelle, ma….è importante esporsi seguendo i consigli degli esperti. Siamo finalmente entrati nel pieno dell’estate e per molti rilassarsi tra le onde del mare è un must. Oltre ad essere un luogo magico e spensierato dove trascorrere le meritate vacanze, il mare ha numerosi benefici per la nostra salute, tanto da essere considerato un farmaco naturale e “gratuito” in grado di prevenire e combattere alcune malattie. Curarsi con il clima marino si traduce in una sola parola: Talassoterapia, una forma di medicina alternativa che sfrutta le proprietà benefiche del mare, comprese quelle delle alghe che hanno un potere antibiotico e batteriostitatico. Eliminare lo stress e recuperare l’armonia e la serenità di corpo e mente è un altro beneficio del mare. E non solo. Il connubio con il sole aiuta l’umore. Per chi soffre durante l’anno di malattie delle vie respiratorie come sinusiti, allergie, asma, raffreddori, trova beneficio respirando l’aria del mare, ricca di importanti sostanze minerali come potassio, magnesio, ferro e iodio. Respirando profondamente lo iodio e gli altri sali contenuti nell’aria in riva al mare, possiamo dare una scossa al nostro metabolismo bloccato o rallentato. L’acqua marina è la più importante e completa acqua minerale esistente in natura, possedendo quasi tutti gli elementi presenti anche nel nostro organismo, come la vitamina E ed alcuni microorganismi che rilasciano sostanze antivirali e antibatteriche. Non solo, secondo gli esperti, il mare e la sabbia sono un vero e proprio toccasana per i problemi legate alle ossa, in particolare per chi soffre di artrosi, osteoporosi, malattie reumatiche e rachitismo. Nuotare nell’acqua salina aiuta a ridurre i problemi di ritenzione idrica, migliora il sistema circolatorio ed il tono muscolare. Grazie alle proprietà benevole del mare si possono alleviare alcune malattie della pelle come psoriasi, eczemi, acne seborroica e dermatiti. a cura di Alessia Elem Il mare, un rimedio naturale che fa bene al corpo e alla mente 19
  20. 20. 20 Per la pelle però bisogna fare molta attenzione all’esposizione al sole. Quali sono i rischi? E come proteggerci per evitare seri rischi per la salute come i carcinomi cutanei? L’abbiamo chiesto a Patrizia Teofoli, Dirigente I livello Istituto Dermopatico dell’Immacolata, IRCCS-Roma. “L’aumentata incidenza dei carcinomi cutanei - ha spiegato - e la correlazione tra carcinogenesi cutanea ed esposizione solare induce ad una corretta esposizione solare. La luce solare è costituita in parte da radiazioni ultraviolette in grado di raggiungere la pelle e si distinguono in UVA e UVB. Queste radiazioni sono responsabili della pigmentazione cutanea, e quindi del fenomeno “abbronzatura”. Gli UVB penetrano in modo minore nella cute ma inducono maggiori effetti biologici come l’eritema solare e la pigmentazione immediata e sono maggiormente implicati nell’induzione dei tumori della pelle. I raggi UVA, a maggiore lunghezza d’onda, invece, sono in grado di penetrare più profondamente nella cute, determinano la pigmentazione cutanea ritardata che compare diverse ore dopo l’esposizione solare e contribuiscono all’invecchiamento cutaneo, ma anche in parte alla carcinogenesi cutanea. Nel caso del melanoma, il ruolo degli UV è più complesso, ma il rapporto tra sole, nevi melanocitari e melanoma nasce da numerose osservazioni in cui si è evidenziato che l’esposizione solare nell’infanzia induce la comparsa di nevi melanocitari, inclusi i nevi clinicamente atipici, soprattutto nelle aree maggiormente esposte al sole e che il numero di “nei” sia benigni che atipici è correlato al rischio di incidenza del melanoma. I raggi ultravioletti, infatti, sono in grado di danneggiare il patrimonio genetico della cellula, modificandone il comportamento, attivando oncogeni o inattivando geni soppressori che prevengono la trasformazione tumorale delle cellule, anche se ormai è dimostrato che è nell’induzione del melanoma è fondamentale l’interazione tra esposizione solare e fattori genetici. Nei numerosi studi effettuati è emerso che l’incidenza e la gravità del melanoma sono maggiori nei soggetti di pelle chiara, con minore potenzialità nel produrre melanina e quindi minore capacità di abbronzarsi (meccanismo naturale di difesa dai raggi solari) soprattutto nei paesi più vicini all’equatore dove è maggiore l’intensità delle radiazioni ultraviolette a cui è esposta la cute”. I tumori cutanei non melanomatosi sono tra i tumori più diffusi in assoluto: secondo i registri AIRTUM (Associazione Italiana Registri Tumori) sono infatti al primo posto tra gli uomini (15,2% di tutti i tumori) e al secondo tra le donne dopo il tumore della mammella (14,8% di tutti i tumori). Detto in altri termini, in media ogni anno si registrano circa 120 casi di tumore cutaneo non melanomatoso ogni 100.000 uomini e circa 90 casi ogni 100.000 donne. Escludendo i melanomi, 8 tumori della pelle su 10 sono carcinomi a cellule basali, mentre i rimanenti 2 sono carcinomi spinocellulari. (Fonte: AIRC). Il rischio di sviluppare un tumore è spesso ereditario, quindi le persone che sanno di avere avuto dei casi in famiglia e che presentano una cute molto chiara (tipo I e II) dovrebbero sottoporsi ad una visita dermatologica almeno una volta l’anno. I raggi UV sono comunque un fattore di rischio da non sottovalutare. L’esposizione solare è tradizionalmente considerata come la più importante fonte di radiazioni UV per l’uomo e viene classificata come “cancerogena” dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro. Per fototipo si intende la tipologia di pelle tenuto conto del colore dei capelli e degli occhi. I fototipi si differenziano in 6 categorie. Vediamoli nel dettaglio: Nel Fototipo 1 rientrano le persone che hanno la carnagione molto chiara, spesso con efelidi, capelli biondi o rossi e occhi chiari. La mancanza quasi totale di melanina - un pigmento che viene prodotto quando siamo colpiti dal Sole e che ha il compito di proteggerci dai raggi ultravioletti (Uv) - provoca generalmente un eritema evidente a ogni esposizione al sole non protetta. L’abbronzatura è molto tenue, quasi inesistente. La reazione ai raggi solari è molto elevata, con alto rischio di danni permanenti e di scottature anche gravi. Per questa categoria gli esperti consigliano di esporsi il meno possibile al sole nelle ore più calde (11-17) e utilizzare creme solari con il massimo fattore di protezione solare possibile. Il Fototipo 2 è colui che presenta una carnagione chiara, capelli biondo scuro o castano chiaro. La quantità di melanina è ridotta: la capacità di difesa è piuttosto scarsa, per cui la pelle tende a scottarsi facilmente. L’abbronzatura risultante all’esposizione è lieve (dorata). Il fattore di protezione solare (fps) consigliato anche per questa categoria è il massimo: prestare particolare attenzione alla protezione del naso, padiglioni auricolari, labbra, nuca e occhi. Evitare le ustioni dal sole e trattenersi all’ombra (soprattutto tra le 11 e le 16). Fa parte del Fototipo 3 chi invece ha la carnagione abbastanza scura, capelli castani. La pelle si scotta solo dopo un’esposizione prolungata. Si può ottenere un’abbronzatura intensa e omogenea. Fps consigliato: medio-alto. Prestare particolare attenzione alla protezione del naso, padiglioni auricolari, labbra, nuca e occhi. L’esposizione nelle ore più calde (11-16) è comunque pericolosa. Carnagione olivastra, occhi e capelli neri è il Fototipo 4. La pelle si scotta molto di rado. In breve tempo viene prodotta un’abbronzatura molto intensa. È il fototipo più tipico in Italia.
  21. 21. 21 Fps consigliato: medio. Proteggersi di più nelle ore più calde (11-16) quando l’esposizione è comunque pericolosa e a rischio scottature. Nel Fototipo 5 rientrano le persone con la carnagione, capelli (spesso crespi) e occhi scuri. Minima sensibilità ai raggi solari e possibilità di esporsi al sole senza problemi di scottature. È il fototipo più comune in Medio Oriente. Anche in questo caso il Fps consigliato è medio. L’esposizione nelle ore più calde (11-16) è comunque pericolosa. Evitare le ustioni con cappellini e occhiali. Infine, nel Fototipo 6 rientrano le persone con la pelle nera che non si scottano mai al sole, ma non è detto che non si pigmentino. Inoltre possono comunque sviluppare tumori della pelle, la cui diagnosi può essere molto difficile. In questo caso il consiglio degli esperti è quello di utilizzare filtri di protezione solare da bassa a media. Evitare le ustioni solari: dopo lunghi periodi in cui ci si espone molto poco al sole è possibile ustionarsi anche con un fototipo 6. Quali sono i consigli per una giusta esposizione al sole? “La modalità di esposizione solare è molto importante in quanto le ustioni solari, non solo durante l’infanzia ma anche in età adulta, costituiscono un fattore di rischio importante per l’insorgenza del melanoma. Quindi, le esposizioni solari brevi ma intense sembrerebbero essere un fattore di rischio significativo come, secondo alcuni studi, anche un’esposizione solare a basse dosi e prolungata nel tempo che riguardano alcune categorie di lavoratori. Ormai è documentato che circa l’80% dei danni da esposizione solare si verificano prima dei venti anni di età, soprattutto nelle pelli più chiare, pertanto è sempre buona regola, per in ogni fascia di età, seguire discipline di fotoprotezione che suggeriscono l’uso di schermi solari fin dalla prima infanzia preferendo quelli a largo spettro nei confronti dei raggi UVA ed UVB con fattore di protezione di almeno SPF 30 (anche nei giorni nuvolosi). Questo perché la fotoprotezione previene i danni da UV e riduce il rischio di tumori cutanei. Gli schermi solari fisici e chimici funzionano assorbendo, riflettendo e diffondendo le radiazioni solari. Inoltre, è importante anche assumere per via orale, da 2 a 4 settimane prima e durante l’esposizione solare, delle formulazioni arricchite con antiossidanti (vitamina E, vitamina C, acido ferulico, ed altri principi attivi di origine vegetale) che neutralizzano i radicali liberi responsabili dello stress ossidativo responsabile del danno cellulare e costituiscono anche una difesa per il nostro organismo. È molto importante, ai fini di evitare i danni indotti dai raggi UV, tener conto dell’intensità della luce solare (UV-index) e della propria capacità di produrre melanina perché quando compare un eritema è segno dell’inizio di un danno biologico. Alla luce di quanto detto, i miei consigli sono: un uso corretto degli schermi solari da applicare 20-30 minuti prima dell’esposizione solare e da riapplicare ogni 2 ore, soprattutto dopo l’attività sportiva o il bagno, anche se i prodotti utilizzati sono quelli resistenti all’acqua. Le radiazioni sono più intense dalle 10 alle ore 16.00 con un picco tra le 11 e le 14 momento in cui si dovrebbero preferibilmente indossare indumenti protettivi a tessitura compatta (indumenti a tessitura larga od indumenti bagnati schermano solo in parte i raggi UV) ed occhiali solari capaci di schermare i raggi UV, questo perchè è importante ricordare che ci si “scotta” anche nelle giornate nuvolose e che gli scogli, la neve e la sabbia riflettono 85- 90% dei raggi ultravioletti”. Se il mare ha notevoli benefici per la cura di alcune malattie, anche il sole, con le dovute precauzioni, contribuisce ad uno stato di benessere notevole. “L’esposizione ai raggi ultravioletti - ha detto la Teofoli - induce importanti e positivi effetti biologici inclusi la sintesi di vitamina D, la sintesi di molecole con proprietà immunomodulanti d’importanza terapeutica per chi è affetto da alcune dermatiti (psoriasi, dermatite atopica,..) ed inoltre aumenta i livelli di serotonina, un mediatore sintetizzato nel sistema nervoso, responsabile del tono dell’umore. Ciò spiegherebbe l’effetto positivo del sole sul tono dell’umore ed il fatto che spesso i disturbi depressivi e del ritmo del sonno siano frequentemente stagionali poichè legati alle variazioni di luce solare”.
  22. 22. L’allestimento museale è stato progettato per offrire al visitatore un quadro completo ed esaustivo sulla storia delle società di mutuo soccorso. Il percorso si apre con dei pannelli informativi che raccontano, in una sequenza cronologica, il fenomeno del mutualismo e continua con delle grandi teche espositive in cui è racchiusa una notevole varietà di materiale documentario, nonché un ragguardevole insieme di medaglie, spille, distintivi ed alcuni cimeli di notevole rarità, riconducibilli ad oltre duecentro tra enti e società di mutuo soccorso, con sedi in Italia e all’estero. All’interno del museo è presente uno spazio multifunzionale nel quale coesistono un archivio storico, una biblioteca e un centro studi. Inoltre, è stato riservato uno spazio per ospitare ogni forma d’arte: mostre, concerti di musica e rappresentazioni teatrali. Previa prenotazione, ogni artista potrà esporre o esibirsi gratuitamente all’interno dello spazio dedicato. Il Museo del Mutuo Soccorso, nato dalla volontà di valorizzare la storia delle società di mutuo soccorso, si prefigge di salvaguardare e rendere fruibile al pubblico i beni attualmente in dotazione e di promuovere la conoscenza e la ricerca sul tema della mutualità. Visitando il museo si ha la possibilità di conoscere da vicino le società di mutuo soccorso, le loro tradizioni e l’importanza sociale che hanno ricoperto nelle varie vicende storiche del nostro Paese. La struttura accoglie i visitatori anche con visite guidate e per le scuole sono pensati percorsi e laboratori didattici tematici. Sono, inoltre, previste aperture straordinarie nelle quali sarà possibile visitare le mostre in corso, assistere agli spettacoli e partecipare ad eventi e attività didattiche Apertura: Dal lunedì al venerdì previa prenotazione 11.00 - 13.00 | 15.00 - 18.00 Ultimo ingresso 17.30 (ingresso libero) Info e prenotazioni: +39 337 1590905 info@museomutuosoccorso.it www.museomutuosoccorso.it Indirizzo: Palasalute via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM)
  23. 23. 23 L’Italia è il Paese del mangiar bene. Alla base di ogni regime alimentare c’è l’indiscutibile dieta Mediterranea, un modello nutrizionale nato per ridurre l’incidenza delle cosiddette “malattie del benessere”. Da qualche anno ad essa si accompagna la “dieta” a base di cannabis tanto che la New Canapa Economy ha registrato un vero e proprio boom: gli ettari lavorati a canapa in Italia sono infatti passati dai 400 del 2013 ai quasi 4 mila stimati per il 2018. “Di recente alcuni pazienti mi hanno confessato di essere interessati a questo tipo di alimenti. Spesso però non sanno effettivamente di cosa si tratta”. A dichiararlo la dottoressa Sara Mappa, biologa nutrizionista pugliese, che ammette di non aver incontrato fino ad oggi pazienti del tutto desiderosi di “utilizzare in cucina prodotti derivanti dalla canapa”. Dottoressa quali sono i benefici derivanti dalla canapa? I semi di canapa sono un alimento recentemente rivalutato per il loro elevato contenuto di acidi grassi polinsaturi Omega 6 - Omega 3, in proporzione tale da garantire un buon effetto anti-infiammatorio e dunque positivo per la salute, e per la quantità e qualità delle proteine in essi contenute, tra le migliori del mondo vegetale, nonché per la loro ricchezza in fibre, vitamine e sali minerali. Chi sono i pazienti più interessati? In gran parte persone, per l’80% seguo il regime alimentare di donne, che già hanno limitato la propria alimentazione a una dieta vegetariana o vegana. Semi, farina e olio di canapa potrebbero essere consumati per diversificare le proprie scelte alimentari e per aumentare in tal modo l’apporto di acidi grassi essenziali e di proteine di buon valore biologico. È vero che la cannabis stimola l’appetito? È uno degli effetti collaterali più noti: la fame, i più giovani a cura di Alessandro Notarnicola Aumenta il consumo di cannabis. Dall’uso terapeutico alla dieta alimentare 23
  24. 24. 2424 la definiscono chimica, colpisce dopo averne fatto uso. Una proprietà sfruttata in ambito terapeutico per stimolare l’appetito e contrastare la perdita di peso in pazienti oncologici o affetti di Aids. Un recente studio dell’Università di Yale, pubblicato sulla rivista Nature, chiarisce oggi le basi fisiologiche della fame indotta dall’utilizzo di cannabis, svelando un meccanismo d’azione in qualche modo paradossale: a guidare l’aumento di appetito provocato dal Thc (il principio attivo della cannabis) è infatti un gruppo di neuroni che normalmente si occupa di suscitare il senso di sazietà al termine di un pasto. Per quale ragione alcuni medici sono contrari alla vendita della cannabis light? Non è del tutto corretto parlare di “medici” lo è invece soffermarsi sul Consiglio superiore di sanità che proprio in queste settimane sta analizzando la pericolosità della cannabis. Nella sostanza il Consiglio ritiene che la pericolosità dei prodotti contenenti o costituiti da infiorescenze di canapa, in cui viene indicata in etichetta la presenza di ‘cannabis’ o ‘cannabis light’ o ‘cannabis leggera’, non può essere esclusa. La biodisponibilità di Thc seppure a basse concentrazioni (0,2%-0,6%, le percentuali consentite dalla legge) non è trascurata. Lei cosa ne pensa? Tra il prodotto con Thc pari a 0,2% e lo spinello che si recupera al parco, ad esempio, non ci sono dubbi che influenza maggiormente quest’ultimo. Certo però se si eccede tutto fa male, anche quei prodotti con un bassissimo quantitativo di Thc e di altri principi attivi inalati o assunti con le infiorescenze di cannabis sativa. Quali sono i rischi? Possono penetrare e accumularsi in alcuni tessuti, tra cui cervello e grasso, ben oltre le concentrazioni plasmatiche misurabili. Molti invece sono contrari ai cannabis store. La cannabis può essere venduta? La light, ossia quella leggera, può essere commercializzata per legge. Stando ai dati forniti dalla Coldiretti il giro d’affari della cannabis light stimato è di oltre 40 milioni di euro, che si sviluppa sia nei negozi veri e propri, sia su internet. Dal 2013 sono aumentati di 10 volte i terreni coltivati a canapa (per vari usi, non solo per la versione ‘light’), dai 400 ettari del 2013 ai quasi 4.000 stimati per il 2018. FOCUS
  25. 25. Coopsalute il primo network italiano in forma cooperativa al servizio della salute e del benessere PuntodiincontrotralaDomandael’Offertadiprestazionineisettoridell’Assistenza SanitariaIntegrativa,deiserviziSocioAssistenzialieSocioSanitari,grazieaFamilydea si rivolge anche al comparto del Welfare e dei servizi ai privati! Coopsalute - Società Cooperativa per Azioni c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) - Italia | www.coopsalute.org | Facebook: Coopsalute Per i servizi sanitari e socio assistenziali, anche domiciliari: 800.511.311 Per le Strutture del Network o a coloro che intendano candidarsi al convenzionamento: Ufficio Convenzioni: 06.9019801 (Tasto 2) e-mail: network@coopsalute.com www.familydea.it
  26. 26. 26 Epilazione laser, tutto quello che c’è da sapere su questa tecnica innovativa a cura di Nicoletta Mele Dal detto “donna baffuta, sempre piaciuta” alle frasi celebri di Antonio Albanese nel film Qualunquemente “Il pilu è buon umore, il pilu è reddito, il pilu è operosità, il pilu è qualitàà, il pilu è lavoro, il pilu è sviluppo”, la questione “depilazione sì o depilazione no?” accende sempre forti dibattiti. La depilazione di alcune parti del corpo come gambe, braccia, inguine e ascelle è un argomento di particolare interesse soprattutto tra le donne. Ma la storia racconta che la rimozione dei peli è stata un’abitudine molto diffusa anche tra i maschi. Gli uomini delle caverne si rasavano il corpo con i denti di belve affilati, non solo per distinguersi dagli animali, ma anche perché durante la caccia invernale i peli si congelavano e provocavano dolorosi geloni. Solo con gli egiziani, la depilazione è diventata un’abitudine che associava igiene, estetica e purezza spirituale tant’è che rasavano tutto il corpo compresa la testa e le sopracciglia. Il loro strumento era un rasoio di rame. Anche i romani apprezzavano il corpo depilato: donne e uomini delle classi agiate, per adeguarsi alla moda, ricorrevano a rasoi rudimentali, pinzette, pietre e creme. Una delle pioniere della depilazione è stata Cleopatra che invece del rasoio preferiva usare una sorta di ceretta molto simile a quella che si fa oggi ma con lo zucchero. Ma il vero “debutto in società” delle strisce di ceretta risale agli anni ’60. Un altro metodo di depilazione storico è stato quello con il filo, un’invenzione delle donne arabe ancora oggi apprezzato ed utilizzato. Rasoio, ceretta, filo, creme, sono gli strumenti che hanno fatto la storia della depilazione, ma oggi grazie allo sviluppo della tecnologia è possibile ricorrere ad altri metodi sempre più efficaci come l’epilazione laser. Sembra che la diffusione di questo nuovo trattamento stia mandando in pensione i vecchi strumenti. È davvero così? Come funziona l’epilazione laser? È adatta a tutti i tipi di pelle? È indolore? Elimina definitivamente i peli, non
  27. 27. 27 rendendo più le donne schiave di rasoi, cerette e creme? Health Online l’ha chiesto alla dottoressa Ilaria Saredi, medico specialista in Medicina Generale e Aesthetic Laser Therapist. Dottoressa, qual è la differenza tra epilazione e depilazione? Cosa si intende per epilazione laser? E si può parlare di una soluzione definitiva o solo di una riduzione dei peli? “Esiste molta confusione fra i due termini; la depilazione rimuove solamente la parte visibile del pelo dall’epidermide, mentre l’epilazione rimuove anche la parte invisibile all’occhio nudo, cioè il bulbo pilifero. Il pelo origina nel sottocute da una struttura chiamata bulge, che diventa quindi obiettivo, insieme al bulbo pilifero stesso e la matrice (contenente nervi e vasi), del fascio di energia del laser. L’epilazione laser si basa sul principio della fototermolisi selettiva. Dobbiamo generare livelli di calore sufficiente per danneggiare le strutture del pelo (bulbo e bulge), mantenendo il calore generato nelle aree circostanti (tra cui la cute stessa) a livelli che non causino danneggiamento. Riusciamo a compiere proprio questo grazie alla fototermolisi selettiva, e cioè all’assorbimento selettivo della luce del laser nel follicolo pilifero, aggiustando i parametri del laser per risparmiare i tessuti della pelle da calore eccessivo. Il laser permette di scaldare quindi la struttura che genera il pelo a 70°C, uccidendolo in modo irreversibile. La definizione di epilazione permanente è in relazione al ciclo di crescita del pelo. L’epilazione viene considerata permanente quando una quantità significativa di peli non ritorna per un periodo di tempo più lungo del ciclo di crescita completo. Alcuni studi hanno evidenziato l’assenza di ricrescita su un periodo di 10 anni. I peli seguono tre fasi di crescita; Anagen, Catagen e Telogen. Nella prima fase (Anagen) il bulbo cresce, nella seconda (Catagen) va incontro ad una fase di stallo dove non cresce né cade, e nella terza (Telogen), c’è una perdita del pelo. Ogni zona del corpo ha una percentuale di peli in ogni fase diversa, e una durata diversa di ogni fase di crescita. Basti pensare che nel cuoio capelluto abbiamo circa l’85% dei capelli in fase di crescita attiva (Anagen), e che questa fase dura circa 2-6 anni. I peli ascellari invece hanno solo circa il 20% dei peli in fase di crescita (Anagen), della durata di circa 4 mesi. Se tutti i peli fossero nella stessa fase allo stesso momento, perderemmo completamenti i peli (inclusi i capelli!) ad intervalli”. È adatto a tutti i tipi di pelle? Ci sono limiti di età? “La melanina – presente nel pelo – è l’obiettivo principale dell’epilazione laser, competendo purtroppo con quella nell’epidermide, sebbene meno abbondante di quella nel follicolo pilifero. La melanina influenza il colore della pelle, ed esiste in una varietà di colori (con un mix tra eumelanina, che da un colore marrone a nero, e pheomelanina, che da un colore da biondo a rosso). Altri determinanti del colore della pelle sono la vascolarità e lo spessore. Più è scuro il pelo, migliore sarà l’assorbimento della luce del laser da parte di quest’ultimo. I peli rossi sono più difficili da trattare rispetto a quelli scuri; e quelli biondi i più difficili in assoluto. I peli bianchi invece, non sono trattabili con il laser perché il bianco riflette la luce e non c’è in pratica nessun assorbimento della luce laser. Per questo motivo il laser non diventa più un’opzione estetica per le persone in età avanzata con peli bianchi. Per le pazienti più giovani invece, il laser è possibile fin dalla pubertà in caso di peluria eccessiva. Sarà necessario consigliare la paziente riguardo le zone da trattare, ed avvertirla che cambiamenti ormonali futuri (come il completamento della pubertà o una gravidanza) potrebbero indurre una ricrescita dei peli. Quando trattiamo un paziente con il laser, è importante distinguere i vari fototipi fra di loro perché questo determinerà il tipo di macchinario che possiamo usare in modo sicuro ed i parametri energetici che dobbiamo utilizzare per evitare di provocare lesioni alla pelle. Ogni pelle, da una Nicole Kidman ad una Whoopi Goldberg può ottenere buoni risultati con l’epilazione laser; ma il laser utilizzato non sarà lo stesso. Le pelli si classificano in fototipi secondo la Scala di Fitzpatrick (da I a VI) a seconda della fotosensibilità, ovvero di come reagisce la pelle al sole. Generalmente, più alto è il numero, e più è scura la pelle, ma è principalmente un indice di fotosensibilità”. A chi è fortemente sconsigliato? “Il trattamento di epilazione definitiva con laser non viene realizzato in gravidanza a causa dei cambiamenti ormonali che potrebbero indurre reazioni avverse quali fotosensibilità e iperpigmentazione (ricordiamo il melasma per esempio). Inoltre, sebbene la luce laser non contenga radiazioni ionizzanti, e non conoscendo le ripercussioni a lungo termine sui feti; si preferisce sconsigliare questo tipo di trattamento nelle pazienti in gravidanza. La controindicazione principale, sebbene non assoluta, al trattamento di epilazione laser è la fotosensibilità, ovvero episodi di in evidenza
  28. 28. 28 fase Anagen ci ritorneranno e cominceranno a crescere, necessitando quindi un’altra sessione per ucciderli. Inutile rifare una sessione prima di vedere una ricrescita perché l’obiettivo del laser (la melanina del bulbo pilifero) non sarà presente e quindi il laser non scalderà che la cute”. È necessaria una preparazione prima di sottoporsi al trattamento? E qual è la lunghezza ottimale che deve avere il pelo? “Nessuna preparazione particolare salvo rasare i peli la sera prima. Astenersi dall’applicazione di creme, talco o profumi dopo la doccia sulla pelle che verrà trattata. Bisogna ricordarsi che il deodorante può essere infiammabile quindi è bene evitare di applicarlo il giorno della seduta o rimuoverlo accuratamente prima di recarsi alla seduta laser. Durante la terapia il pelo viene bruciato e si può sentire quel caratteristico odore di pelo bruciato. Per questo è meglio non avere peli lunghi, e per questioni igieniche è preferibile rasarsi la sera prima per evitare di avere la pelle irritata il giorno della seduta laser. Inoltre, il pelo lungo non rasato sprecherà l’energia del laser sul pelo fuori dalla cute, e la vaporizzazione del pelo può contribuire a scottature. Un’ulteriore accortezza necessaria è di evitare di esporsi al sole per almeno 2 settimane prima e dopo il trattamento”. È un trattamento doloroso? Ed è prevista l’applicazione di una crema anestetica? “Il trattamento non è più doloroso grazie all’avvento di nuove tecniche di raffreddamento che permettono di definire la terapia laser più fastidiosa piuttosto che dolorosa. Il trattamento laser prevede varie possibilità di raffreddamento della pelle, tra cui uno spray rinfrescante insieme all’impulso laser, l’applicazione di gel e sistemi di ventilazione. Alcune cliniche permettono l’utilizzo di una crema anestetica, ma per l’utilizzo del laser in campo dell’epilazione lo sconsiglio. È importante che la paziente senta se l’energia è troppa in una data zona e che avverta il terapista laser in modo da abbassare l’energia. L’utilizzo di creme anestetiche, oltre ad avere effetti sistemici se assorbiti su un’ampia zona, riducono la sensibilità e quindi uno dei nostri sistemi di difesa contro le scottature”. L’epilazione laser è un metodo innovativo ed efficace. Rispetta la pelle? Quali potrebbero essere gli effetti collaterali? E quali sono gli accorgimenti da adottare dopo ogni seduta? 28 rossori o scottature in caso di esposizione solare. Questo tipo di reazione predispone ad una reazione avversa al laser e pazienti di questo tipo non andrebbero trattati se non con un patch test per il laser precedentemente. Il patch test consiste in una prova con il laser con 3-4 pulsazioni in una zona nascosta per controllare la tolleranza di quel tipo di laser e di quei parametri. Dovrebbe sempre essere fatta prima di incominciare una sessione su una zona completa. A seconda del fototipo del paziente, sarà poi richiesto di aspettare fra 20 minuti e 2 giorni prima di poter iniziare la sessione sulla zona desiderata. Un’altra controindicazione è la pelle scura con peli bianchi, non c’è melanina in questi peli mentre l’epidermide ne sarà ricca quindi si rischiano bruciature e risultati inesistenti. I pazienti con Herpes labiale che trattano la zona periorale (baffetti per esempio), rischiano una recrudescenza dell’herpes. In questi pazienti è a discrezione del medico che supervisiona questi trattamenti prescrivere un trattamento anti-virale da prendere prima, durante e dopo la sessione laser per evitare riacutizzazioni. Chi avesse un herpes labiale attivo dovrà posticipare la sessione dopo la scomparsa della lesione. Un’altra controindicazione è una storia di cicatrici cheloidee, oppure un’abbronzatura importante. In questi casi si preferisce aspettare che l’abbronzatura scompaia. Alcuni farmaci, tra cui gli anti- ipertensivi, antibiotici, anti-acneici orali, antinfiammatori (ibuprofene!) sono fotosensibilizzanti e vanno evitati prima della sessione. Se questo non fosse possibile, si consiglia di posticipare la sessione di 7-14 giorni per evitare fenomeni spiacevoli di fotosensibilità”. Quante sedute sono necessarie per raggiungere ottimi risultati? Già dai primi trattamenti è visibile un miglioramento? E quanto tempo deve passare tra una seduta e l’altra? “A causa del ciclo del pelo variabile da zona a zona, e di ogni individuo, come linea generale si raccomandano 6 sessioni a circa 6-8 settimane di distanza l’una dall’altra. Se in ogni sessione bruciamo circa il 15-20% dei peli, va da sé che in 6 sessioni avremo raggiunto circa il 100% dei peli. Tuttavia, alcune pazienti necessiteranno di 1 o 2 sessioni in più a seconda delle zone per avere risultati ottimali. Fin dalle prime sedute sarà possibile vedere la perdita dei peli, a partire da 2 settimane dopo la sessione. I peli in fase Anagen saranno stati trattati e cadranno spontaneamente nelle due settimane successive alla sessione. Tuttavia, questi risultati non saranno duraturi; perché circa 6-8 settimane dopo i peli che non erano in
  29. 29. 29 “L’epilazione laser rispetta la pelle se viene fatta in maniera corretta, il rischio di bruciare c’è sempre se non si sono rispettate le regole; da parte del terapista ma anche da parte del paziente. Il paziente dovrà ricordarsi di segnalare sempre qualsiasi farmaco orale o topico assunto nelle 2 settimane precedenti al trattamento, in modo da permettere un’identificazione tempestiva di sostanze potenzialmente fotosensibilizzanti. I farmaci antinfiammatori non steroidei quali per esempio l’ibuprofene, sono molto fotosensibilizzanti, e richiederebbero una sospensione di almeno una settimana prima di effettuare un trattamento laser. Anche vari antibiotici possono aumentare la sensibilità della pelle alla luce del laser e pertanto andrebbero segnalati all’operatore laser per assicurarsi che si possa procedere alla terapia in quel giorno. Altri effetti collaterali, che possono seguire una reazione di fotosensibilità iniziale sono l’iperpigmentazione o ipopigmentazione della zona trattata. Alcuni studi hanno evidenziato un possibile utilizzo del laser al Neodimio Yag (Nd:Yag) per l’iperidrosi (eccessiva sudorazione). Alcuni pazienti hanno riferito una diminuzione della sudorazione in seguito al trattamento della zona ascellare. Il riscaldamento della melanina nel bulbo del follicolo pilifero dalla luce del laser permette di danneggiare anche la base della ghiandola eccrina la cui funzione è quella di regolare la temperatura e permettere la sudorazione. Dopo le sedute di laser, è meglio evitare di applicare creme o lozioni, deodoranti per un giorno ed astenersi dall’abbronzatura per 2 settimane. Chi dovesse trattare zone del viso è consigliato di utilizzare sempre una crema ad alta protezione (SPF 50+) quotidianamente, e di riapplicarla durante la giornata per evitare fotosensibilizzazione e iperpigmentazione (macchie scure)”. Qual è il periodo dell’anno migliore per sottoporsi al trattamento e quale invece fortemente sconsigliato? “Il periodo dell’anno migliore è sicuramente durante l’autunno-inverno, quando perdiamo l’abbronzatura estiva e i raggi solari sono meno forti rispetto all’estate. Tuttavia le donne che abitano in zone del mondo soleggiate tutto l’anno possono fare trattamenti laser, se hanno l’accortezza di non esporsi le 2 settimane precedenti il trattamento al sole (e le 2 settimane seguenti). Bisognerà utilizzare un laser adeguato ad un fototipo superiore per evitare di colpire l’epidermide”. La depilazione delle parti intime è in aumento ed è molto diffusa tra i giovani, sia tra le ragazze che tra i ragazzi. Secondo uno studio apparso sulla rivista Jama Dermatology, condotto da ricercatori del dipartimento di urologia e di ginecologia dell’Universitàà di California a San Francisco che hanno analizzato le abitudini di oltre 3
  30. 30. 30 mila donne tra 18 e 65 anni, è emerso che l’83% elimina i peli pubici, metàà lo fa completamente. Le motivazioni, secondo i ricercatori, sono più di carattere estetico che funzionale. Dottoressa Saredi, che ne pensa? L’epilazione laser è adatta per tutte le parti del corpo compresa quella intima? “L’epilazione laser è oramai fatta con consuetudine nelle zone intime, e sebbene si tratti di zone più delicate, spesso più sensibili e quindi con trattamento leggermente più fastidioso, non ci sono reali controindicazioni. L’epilazione nelle zone intime può invece risolvere problemi di follicolite ricorrente, molto fastidiosa per chi ne soffre”. Le pagine di gossip raccontano che la diva Elizabeth Taylor dopo aver letto un libro dedicato ai segreti di bellezza di Cleopatra, tra i quali un rito che prevedeva la rasatura del viso, ha voluto imitare la Regina d’Egitto per avere un incarnato perfetto ed interpretare al meglio il personaggio nello storico film “Cleopatra” del 1963. Dott. Saredi, l’epilazione laser è indicata anche per il viso? “Si, il laser può essere utilizzato per i peli terminali sul viso, oltre che sul collo. Oramai vediamo sempre più uomini trattare la zona della barba, spesso irritata in chi indossa camice e cravatte ogni giorno. I peli che non possono essere trattati sono invece i peli fini, sottili chiamati pelo vello, che non sono peli terminali e come tali non beneficeranno del trattamento laser. I peli biondi possono essere trattati con Luce pulsata o laser al rubino, ma conviene sempre farsi consigliare da un medico”. Lo strumento contiene radiazioni nocive? “I laser non contengono radiazioni ionizzanti nocive per la salute, tuttavia ci sono alcune precauzioni da tenere quando si utilizzano. Il laser per l’epilazione può provocare danni gravi oculari a livello della retina e come tale vanno sempre utilizzati con occhiali schermanti la lunghezza d’onda del laser utilizzato. Il paziente e terapista laser dovranno entrambi indossare gli occhiali adeguati durante le sessioni”. Depilazione laser con luce pulsata. Cosa si intende? E quali sono le differenze con la depilazione definitiva laser? “La luce pulsata non appartiene alla categoria dei laser. La luce pulsata (o IPL, da Intense Pulsed Light), contiene una lampada che emette luce intensa sotto forma di pulsazioni. Non è lo stesso meccanismo fisico del laser e pertanto non viene classificato come tale. Permette di emettere luce ad ampio spettro e utilizzando dei filtri può essere utilizzata per varie funzioni; epilazione laser, ringiovanimento cutaneo, rosacea, trattamento di discromie e teleangectasie”. Per chi non vuole recarsi ad un centro specializzato, in commercio ci sono anche alcune versioni casalinghe del laser con luce pulsata. Cosa ne pensa? Quanto è importante rivolgersi ad un professionista? “Le versioni di laser ad uso domestico non sono veri Laser perché appartengono alla categoria dell’Intense Pulsed Light (IPL, o Luce pulsata). Pertanto, questi sono sconsigliati a chi ha la carnagione di tipo mediterraneo scuro, in termini tecnici chiamata Fototipo IV secondo la scala di Fitzpatrick. La differenza tra fototipo III e IV è che il fototipo III diventa prima rossa poi si abbronza, mentre il fototipo IV si scotta di rado e diventa rapidamente abbronzato. Il rischio di queste apparecchiature “fai da te” è di non selezionare il fototipo corretto e potenzialmente causare danni alla pelle quali scottature. L’altro problema è l’energia utilizzata, che a volte non è sufficiente per dare un risultato soddisfacente. Il mio consiglio è di affidarsi ad una struttura con trattamenti laser o luce pulsata sotto controllo medico per essere sicure di ottenere risultati soddisfacenti e sicuri per la propria pelle (e portafogli!)”. Quali sono i suoi consigli? “L’utilizzo efficace del laser in campo estetico è un atto di bilanciamento fra calore sufficiente per rimuovere o trattare l’obiettivo senza scaldare esageratamente la pelle per evitare il punto di danneggiamento irreversibile. Una corretta conoscenza del macchinario e del principio di funzionamento dei raggi laser è essenziale ai fini di un trattamento ben condotto, soddisfacente nei risultati ma sicuro per la pelle. Consiglio sempre di affidarsi ad una struttura con un medico responsabile del trattamento, che potrà valutare particolarità del paziente che necessitano di modifiche nel protocollo di trattamento, e consigliare al meglio per ottenere risultati ottimali e sicuri”.
  31. 31. 31 tutta la tua salute, ora, in un’app! Nasce MyMBA, l’app dedicata ai soci di Mutua MBA, attraverso cui è possibile accedere a tutti i servizi legati alla tua posizione o sussidio direttamente dal tuo smartphone o tablet.
  32. 32. 32 Neuroarchitettura: la neuroscienza applicata all’architettura a cura di Beatrice Casella L’ambiente costruito influenza le nostre percezioni, emozioni, capacità di interazioni e personalità. Tutti questi processi, di cui gli architetti intuiscono i meccanismi, trovano il loto substrato ultimo nel nostro sistema nervoso. Le neuroscienze legano la nostra esperienza quotidiana alle percezioni multisensoriali e al modo con il quale esse si trasformano in empatie e comportamenti complessi. L’architettura è da sempre stata considerata una disciplina volta a rendere la vita degli individui più confortevole, rispondendo specificamente alle loro esigenze. La neuroscienza viene incontro all’architettura cercando di spiegare i motivi alla base di ogni tipo di impulso che la mente riceve e poi metabolizza. La neuroarchitettura quindi, risulta essere la fusione delle due discipline precedentemente citate e cerca di esplorare a fondo il rapporto tra le neuroscienze e di tutte le altre strutture artificiali che compongono un ambiente creato dall’uomo. In particolare, la neuroarchitettura studia il livello di risposta psicologica umana ai componenti che costituiscono questo tipo di ambienti. L’obiettivo principale è quello di valutare l’impatto che le varie strutture hanno sul sistema nervoso umano e sul cervello. La neuroscienza studia l’interazione tra i vari fattori intrinsechi ed estrinsechi che interagiscono con il nostro sistema nervoso centrale. Nell’approccio con questa scienza, i ricercatori prendono in considerazione una serie di elementi differenti, quali la genetica, lo sviluppo fisico ed emotivo, la farmacologia, l’evoluzione e le patologie del sistema nervoso. La neuroarchitettura si basa sulla premessa che gli elementi artificiali aggiunti dall’umanità hanno un impatto indicativo sulla funzionalità del cervello e del sistema nervoso. In alcuni casi, l’effetto può risultare utile in senso positivo; mentre in altre situazioni la forma e struttura dell’edificio possono creare una reazione negativa. Inoltre, l’impatto non è visibile in modo immediato, e potrebbe effettuare modifiche alle funzioni del sistema nervoso nell’arco di un periodo prolungato di tempo. Una delle principali organizzazioni coinvolte nello studio della neuroarchitettura è l’Accademia di Neuroscienze per l’Architettura. L’ANFA mira a promuovere lo studio del rapporto tra gli edifici e il corpo umano e incoraggia attivamente la ricerca degli studiosi che utilizzano la neuroscienza per analizzare l’impatto che gli elementi costruiti dagli uomini hanno sulle funzioni del sistema nervoso e che tipo di attività cerebrale si verifica come risultato della stimolazione dei sensi. I risultati delle ricerche neuroscientifiche degli ultimi anni hanno permesso di entrare nei processi cognitivi e di conoscere i meccanismi neuronali che legano i nostri sensi ai vari stati emotivi, creativi, cognitivi e operativi del nostro cervello. Semir Zeki e Vilayanur Ramachandran, entrambi neuroscienziati e dediti maggiormente agli aspetti visivi della percezione, sono stati i primi a fornire basi a un processo, ancora in atto, di teorizzazione concernente le discipline coinvolte nel mondo del costruito: l’architettura, l’urbanistica e la paesaggistica. Alcuni studi mostrano come una finestra che apra su un paesaggio naturale in un camera di ospedale può determinare un acceleramento del processo di guarigione rispetto ad un’altra che ne è priva. Forti sono le aspettative legate alla collaborazione tra architettura e neuroscienze, e duplice è la chiave di lettura di tale campo di ricerca. Da un lato si possono utilizzare misurazioni di reazioni psicofisiologiche ad ambienti costruiti attraverso sensori che possono dare un’indicazione più precisa dell’esperienza e della fruizione dello spazio. Dall’altra, i presupposti neuroscientifici possono aiutare la realizzazione e progettazione di ambienti più funzionali perché più appaganti e diretti alla soddisfazione di esigenze psicofisiche. L’architettura modella artificialmente il nostro mondo, ma esprime anche il nostro io interiore, rappresentando il tramite tra la nostra coscienza e tutto ciò che succede esternamente. Avere certezze su come avvengono questi processi di relazione può aiutarci a costruire ambienti dedicati più funzionali: si pensi a scuole in cui venga curato l’aspetto relazionale e di concentrazione, a carceri in cui si possano gestire aspetti emotivi, ad uffici in cui elementi stressanti vengano marginati e si assecondino le potenzialità creative e produttive degli occupanti.
  33. 33. 33 Health Italia S.p.A. nasce dalla volontà di alcuni imprenditori fortemente convinti che la salute e il benessere della persona siano diritti fondamentali da tutelare e promuovere. è un player di riferimento nella promozione di soluzioni di sanità integrativa e sostitutiva, nell’erogazione di servizi amministrativi, liquidativi, informatici e consulenziali a Fondi Sanitari, Casse di Assistenza Sanitaria e Società di Mutuo Soccorso. La creazione di un sistema in grado di fornire servizi a 360° in questo ambito, ha permesso a Health Italia di diventare una delle più grandi realtà indipendenti operanti nel mercato italiano dell’assistenza sanitaria e, integrando l’offerta di piani sanitari e servizi assistenziali con programmi di flexible benefit, di rivolgersi al mercato con un approccio completo al welfare aziendale. Health Italia S.p.A. c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 | 00060| Formello (RM) | info@healthitalia.it | www.healthitalia.it Società quotata sul mercato AIM ITALIA e iscritta alla sezione speciale “PMI innovativa” del Registro delle Imprese “La salute è la più grande forza di un popolo civile”
  34. 34. 34 Capelli Tendini Legamenti Pelle Unghie Ossa Cartilagini articolari Muscoli tendinei Il collagene: la proteina essenziale per il nostro organismo a cura di Nicoletta Mele Generare, produrre colla, in una sola parola: collagene. Il collagene è una proteina essenziale per l’organismo, è appunto la “colla” che sorregge il nostro corpo, le sue fibre sono il principale costituente del tessuto connettivo che ha una funzione strutturale di protezione e sostegno della maggior parte dei tessuti, in particolare della pelle, delle cartilagini, dei tendini e dei legamenti. Il collagene rappresenta il 6% del nostro peso e il 25% delle proteine presenti nel corpo, ma è anche la proteina più soggetta ad una perdita giornaliera. Le cause sono: una ridotta capacità digestiva, che abitualmente si verifica con l’avanzamento dell’età; l’utilizzo di farmaci, inclusi i comuni antinfiammatori che riducono la produzione di collagene da parte dell’organismo, il fumo, le attività sportive intense e la gravidanza. Quali sono le conseguenze della carenza di collagene? A farne le spese sono la pelle, i capelli, le unghie e l’apparato osteoarticolare. E allora, come evitare la carenza di collagene che comporta, la caduta dei capelli, l’invecchiamento precoce della pelle, la fragilità delle unghie e l’indebolimento dell’apparato osteoarticolare? L’organismo in parte lo recupera con il riciclo degli aminoacidi generati dalla degradazione delle proteine e in parte attraverso l’alimentazione, ma questo non basta. è fondamentale quindi una reintegrazione quotidiana di collagene per assicurare il benessere dell’intero organismo senza però ricorrere all’aiuto di sostanze esogene, ma solo attraverso la valorizzazione delle risorse interne dell’organismo. In che modo? Con degli integratori a base di collagene parzialmente idrolizzato. Per saperne di più, Health Online ha intervistato il dott. Luca Silvestrini, Responsabile scientifico di SBM - Science of Biology in Medicine. Da cosa è nata l’idea di produrre integratori a base di collagene parzialmente idrolizzato? Può spiegarci meglio di cosa si tratta? “L’idea nasce da un’intuizione del fondatore di SBM, il prof. Bruno Silvestrini, che pur essendo il padre di importanti molecole di sintesi utilizzate in tutto il mondo, negli ultimi 30 anni ha approfondito la ricerca sul ‘farmaco naturale’, concentrandosi in particolare sugli effetti benefici del collagene sul corpo umano, fino ad ottenere un brevetto sull’utilizzo del collagene sui disturbi a carico dell’apparato osteoarticolare. Lo studio si è orientato in particolar modo sulle conseguenze della carenza di questa proteina indispensabile per il nostro organismo, meglio definita come ‘collagenopatia carenziale’. Successivamente, la ricerca è stata indirizzata su quale forma di collagene fosse maggiormente assorbibile. Abituato al mondo accademico, ma anche a quello farmaceutico tradizionale, ha seguito tutte le fasi secondo il metodo scientifico”. Dove e come viene prodotto il collagene che utilizzate per la produzione? “Il collagene utilizzato per i nostri prodotti, viene prodotto in uno stabilimento italiano. Dalla materia grezza, proveniente da allevamenti bovini selezionati, o, per alcuni prodotti, da allevamenti di pesce, viene sottoposto ad un lungo processo di purificazione ed estrazione. A seconda del tipo di prodotto viene poi sottoposto ad un processo idrolisi seguendo nostre indicazioni precise.” Sono 4 integratori - BONARTRO, CHERASAN, GADIREL,GADIRELORO- 3dispostivimedici YTTIOGEL gel, CHERASAN UNGHIE, lo spray nasale RESPIRELL, ognuno con le proprie caratteristiche. Che differenza c’è tra integratore e dispositivo?
  35. 35. 35 “Gli integratori alimentari sono prodotti destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive. Nel caso dei nostri integratori, la finalità è quella di integrare una sostanza di cui il nostro organismo va in carenza, sia in condizioni fisiologiche che patologiche, cioè il collagene. La categoria dei dispositivi medici abbraccia molti settori della medicina. I nostri dispositivi medici sono prodotti utilizzati per la prevenzione, controllo, terapia o attenuazione di alcune patologie. Nel caso di Yttiogel, nel trattamento e prevenzione delle affezioni cutanee, come piaghe da decubito, irritazioni cutanee, dermatiti, piccole ustioni. Cherasan unghie trova impiego in tutte le forme di indebolimento delle unghie, che porta come conseguenza a forme patologiche come le onicomicosi”. Hanno delle controindicazioni? Se sì, quali? “I prodotti SBM, sono composti da sostanze con le quali l’organismo entra costantemente a contatto, quindi non sono conosciute controindicazioni. Bonartro e Cherasan, per la loro alta concentrazione di aminoacidi, sono controindicati nel caso di gravi insufficienze renali, dove il consumo di alimenti ricchi di proteine deve essere fortemente limitato”. Parliamo di assunzione: quali sono i benefici per il nostro organismo? A chi è consigliata l’assunzione di un determinato prodotto e a chi invece è fortemente sconsigliata? “Naturalmente ogni prodotto ha indicazioni diverse. Bonartro, il prodotto per le affezioni dell’apparato osteo articolare, è indicato per le persone che fanno intensa attività fisica, ma anche nell’anziano che ha difficoltà di movimento. Cherasan è un prodotto indicato per rafforzare unghie e capelli, ma anche per aumentare l’elasticità cutanea. Yttiogel è un gel indicato nella prevenzione delle piaghe da decubito, ma trova impiego anche nelle dermatiti dovute a punture di insetto, eritemi solari, escoriazioni o irritazioni. Gadirel invece sono compresse per tutte le persone che soffrono di iperacidità o difficoltà di digestione, correggendo i picchi di acidità senza intervenire sui processi fisiologici della digestione. Gadirel oro, è il prodotto per il benessere della bocca, ripristinando il corretto ph della cavità orale proteggendo la mucosa, è considerato il naturale collutorio, diverso da quelli usati abitualmente che alterano la fisiologia della bocca attraverso i disinfettanti o gli antinfiammatori. Cherasan unghie è uno smalto che, rinforzando le unghie, contrasta la possibilità di sviluppo dei funghi ungueali. Respirell è uno spray che ripristina la fisiologia delle cavità nasali, attraverso la formazione di un velo protettivo, ed è indicato per chi soffre di riniti allergiche, e chi soffre di russamento notturno. Bonartro e Cherasan, per il loro alto contenuto in aminoacidi, sono fortemente sconsigliati a chi deve osservare una dieta priva di proteine, in particolare nelle persone che hanno una insufficiente funzionalità renale”. Si possono prendere più integratori insieme tutti i giorni oppure è consigliabile l’assunzione per singolo prodotto a cicli annuali? “Bonartro e Cherasan hanno una composizione in collagene identica, quindi non è consigliata l’assunzione contemporanea, mentre non c’è alcuna controindicazione all’uso contemporaneo di uno di questi due prodotti con gli altri. Spesso per Bonartro e Cherasan si osservano cicli di 3-4 mesi, 2 volte all’anno, anche se chi ne fa uso, verificandone l’efficacia, tende ad utilizzarli tutti i giorni. Molte persone non sospendono l’assunzione da circa 5 anni. L’assunzione giornaliera e continuata è valida anche per tutti gli altri prodotti”. Durante il periodo estivo quali sono i prodotti consigliati e quali no? “Noncisonoparticolariindicazioni per l’assunzione stagionale. è chiaro che è consigliabile assumere Cherasan durante i cambi di stagione, se utilizzato in maniera specifica per rafforzare i capelli. Durante il periodo estivo, aumentando l’esposizione al sole, aumenta anche la produzione di Vitamina D, anche se i benefici possono essere compromessi da un invecchiamento precoce della pelle, soprattutto se l’esposizione avviene senza protezione nelle ore più calde. In questo periodo dell’anno può essere utile l’assunzione di Cherasan che contribuisce all’elasticità e all’idratazione cutanea. Naturalmente Yttiogel, oltre che per le punture d’insetto, può essere un valido aiuto dopo l’esposizione ai raggi solari”.
  36. 36. 36 Farmaco naturale o fisiologico, integratore e farmaco chimico. Ci può spiegare meglio? In cosa si differenziano e quali sono i vantaggi e gli svantaggi per la nostra salute? “I medicinali di sintesi e i farmaci fisiologici appartengono a due mondi lontani ma non contrapposti e non in conflitto tra loro. I primi a volte sono indispensabili per salvare la vita in caso di patologie severe, i secondi aiutano l’organismo mobilitando le capacità autocurative. Il farmaco naturale è derivato da composti naturali non creati sinteticamente in laboratorio. La sua caratteristica è quella di agire fisiologicamente sull’organismo, consentendogli di attivare le proprie capacità autocurative. Se si parte da un’ipotesi di lavoro solida, lo sviluppo del farmaco naturale è relativamente semplice, facile ed economico. Il medicamento naturale non è intrinsecamente più sicuro di quello di sintesi, ma con esso il problema della sperimentazione e del collaudo si pone in maniera marginale, poiché si tratta di sostanze che la natura ha già sperimentato sull’uomo nell’evoluzione nei secoli. È il caso dei vaccini, che riproducono le infezioni sfruttandone la capacità, dopo averne migliorato la sicurezza, di attivare il sistema immunitario. È soprattutto il caso delle vitamine e di altri principi anti- carenziali, la cui sicurezza è ulteriormente garantita da impieghi alimentari millenari. I farmaci di sintesi più correttamente definiti ‘medicinali’ sono invece quelli che normalmente utilizziamo quando le patologie si manifestano: antiipertensivi, anti depressivi, antitumorali, antinevralgici e così via. Molto spesso sono sostanze sintetizzate in laboratorio, estranee all’organismo e prima di poter essere immesse in commercio devono superare le fasi sperimentali. Spesso manifestano effetti collaterali evidenti solo dopo anni di utilizzo”. Quanto è importante l’assunzione di prodotti naturali che impegnano attivamente l’organismo nella difesa della nostra salute? “è la mission della nostra ricerca lo studio di sostanze che aiutano il nostro organismo a scongiurare l’avvento delle patologie. Lontani da fini meramente speculativi, la ricerca SBM è tutta orientata allo studio della fisiologia dell’organismo, nel tentativo di capire l’origine di alcune malattie fornendo all’organismo gli elementi indispensabili per contrastarle. Elementi che siamo abituati a chiamare ‘farmaci fisiologici’”. Progetti per il futuro? “La nostra unità di ricerca è sempre molto attiva, abbiamo progetti a breve, medio e lungo termine. Entro la fine del prossimo anno abbiamo in progetto lo sviluppo e la commercializzazione di oltre 10 nuovi prodotti. Nel medio termine, stiamo sviluppando prodotti sulla base di un brevetto in fase di concessione, basato su un innovativo principio di assorbimento dei principi attivi e siamo certi darà ancora più lustro alla SBM. Nel lungo termine, abbiamo collaborazioni con centri internazionali per lo sviluppo di un altro brevetto, che richiederà ancora diversi anni di studi. Sicuramente saremo impegnati almeno per i prossimi 10 anni”.
  37. 37. 37 SCOPRI I PRODOTTI SBM FARMACO NATURALE A BASE DI COLLAGENE È un integratore alimentare costituito da una miscela di collagene parzialmente idrolizzato, calcio e vitamina D che contribuiscono alla normale funzione muscolare e al mantenimento di ossa normali. E’ indicato nello sport e in tutte le situazioni in cui la norma le dieta non riesce a compensare le perdite degli elementi nutritivi essenziali. (Brevetto: IT1299131) È un integratore alimentare contenente 7 g di collagene parzialmen- te idrolizzato e prontamente assimilabile. Il collagene è fisiologica- mente importante per l’elasticità della pelle,la consistenza dei capelli e delle unghie. (Brevetti: IT1221757; US4749684; IT1299131) CHERASANcu ® È un integratore alimentare a base di collagene idrolizzato e calcio, utile per la normale funzione degli enzimi e dei processi digestivi. Il mantenimento dei livelli fisiologici di acidità dello stomaco è indi- spensabile per la corretta digestione e per l’assorbimento dei princi- pi nutritivi. (Brevetti: 15425001; PCT/EP20160/050275; US15/542336) È un gel ad uso cutaneo a base di collagene idrolizzato che forma una barrierabiologicache proteggelacutedagliagentinocivielarigenera. Svolge un’azione preventiva e di controllo nei confronti dei danni cuta- neicausati da agenti esterni. (Brevetti: IT1379327; WO2009083768) RESPIRELL® È uno spray nasalea base di collagene idrolizzato che protegge le mucose umettandole e liberando gli aminoacidi necessari per la rigenerazione del tessuto sofferente. Esercita un effetto barriera da allergeni e altri agenti irritanti.Non contiene cortisonici, vasocostrit- tori e antistaminici. (Brevetti: IT1379327; WO2009083768) BONARTROoa® GADIREL® YTTIOGEL® È un integratore alimentare a base di collagene idrolizzato, calcio, vita- mina C e xilitolo.Nutre,protegge e riequilibra il cavo orale rispettando- ne l’omeostasi fisiologica. Contribuisce alla normale funzione delle gengive e al mantenimento di denti sani. (Brevetti: 15425001; PCT/EP20160/050275; US15/542336) GADIREL oro® I prodotti SBM sono frutto della ricerca italiana, documentata da lavori scientifici e da brevetti nazionali e internazionali.
  38. 38. 38 CHERASANcu unghie ® COMBATTI LE MICOSI DELLE UNGHIE E GODITI IL BELLO DELL’ESTATE! www.farmaconaturale.com Lo smalto a base di collagene marino idrolizzato che facilita la rigenerazione e il rinvigorimento delle unghie delle mani e dei piedi danneggiate da onicomicosi.
  39. 39. 39 La Romania, nazione al centro dell’Est Europa con circa 20 milioni di abitanti, ha sempre rappresentato una peculiarità specifica tra le popolazioni balcaniche in quanto sia il linguaggio, che la genesi etnica nonché la denominazione rappresentano origini latine piuttosto che slave, come invece normalmente avviene per le altre nazioni situate in quello stesso contesto geografico. Questo ha sempre determinato l’esistenza di una sorta di cordone ombelicale tra la nazione romena e quella italiana, tanto che nella capitale Bucarest è sempre stata presente e lo è tutt’ora una importante comunità italiana. Ma le connessioni italo-rumene non si limitano solo a questi aspetti genetici ed identitari ma rappresentano anche un rapporto in costante evoluzione industriale, economica e sociale. Infatti alla fine del 1800 fu un italiano, Luigi Cazzavillan giornalista, insegnante ed ex garibaldino, a fondare a Bucarest la prima società generale di mutuo soccorso rumena che naturalmente fondava le ragioni della propria esistenza sul concetto di mutualità sanitaria, esattamente come le società di mutuo soccorso nate in Italia nella seconda metà dell’800. Poiché le origini di una popolazione si esplicitano attraverso anche i modelli sociali sui quali si costruisce un sistema paese possiamo sicuramente dire che il germoglio della mutualità sanitaria fu impiantato all’epoca anche nella cultura rumena, in special modo ad uso dei nostri espatriati in quel paese. Ma la vicinanza etnica e culturale ai paesi latini ha fatto sì che negli ultimi anni la Romania, entrata nell’Unione Europea il 1 gennaio del 2017, abbia rappresentato e tutt’ora rappresenti un partner economico importante per l’Italia, tanto che il nostro paese è da oltre dieci anni il principale investitore straniero con un elevato numero di imprese registrate. In questo contesto sociale ed economico Confindustria è operativa nel paese fino dal 2003 ed ha sempre supportato e supporta le relazioni industriali tra le due nazioni con una presenza costante ed efficacie, intervenendo anche su tematiche specifiche. Uno dei più importanti temi all’ordine del giorno è determinato dal fatto che la crisi economica del paese, a seguito della frammentazione del blocco socialista e la necessità per il popolo rumeno di trovare lavoro, ne hanno fatto una popolazione con molti emigrati ed oggi uno dei problemi imprenditoriali più significativi è quello di mantenere ed attrarre manodopera ed a questo proposito Confindustria sta collaborando con lo stato Rumeno per ovviare a questa problematica. In questo ambito, sicuramente uno degli strumenti più significativi in ogni paese del mondo per attrarre, fidelizzare e mantenere la forza lavoro è rappresentato dalla capacità di protezione sanitaria che le imprese sono in grado di fornire ai propri dipendenti e collaboratori. Quindi le origini etniche e culturali del popolo rumeno, il germe della mutualità piantato a suo tempo e le nuove esigenze imprenditoriali e professionali consento di poter dire che la Romania si presenta come uno dei mercati europei più significativi in termine di sviluppo potenziale della sanità integrativa. Proprio per questo motivo, nell’ambito dell’interessante convegno organizzato da Confindustria il 6 giugno a Bucarest sul tema “Come mantenere ed attrarre mano d’opera tramite misure straordinarie”, che ha visto, dopo l’apertura dei lavori tenuta da Giovanni Villabruna, Presidente di Confindustria Romania, l’intervento del vice premier rumeno e di alcuni ministri del governo in carica, oltre ad alcune tematiche imprenditoriali si è affrontato anche il tema della sanità integrativa. L’intervento sul tema, dal significativo titolo “Sanità e Welfare, valori sociali internazionali”, è stato tenuto dal Vice Presidente dell’A.N.S.I. - Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare, Luciano Dragonetti, che ha rappresentato con dovizia di particolari la visone di come la sanità integrativa gestita su base mutualistica possa essere uno strumento di civiltà, innovativo ed efficace, utile ai cittadini di tutti i paesi per garantire l’adeguata protezione a se stessi ed alle proprie famiglia in caso di necessità sanitarie. Di fatto il convegno ha gettato quindi un ponte tra modelli industriali e sociali che le imprese, soprattutto quelle create da cittadini italiani, potranno utilizzare per svilupparsi in un interessante mercato dove la sanità integrativa, con il supporto di A.N.S.I. e dei propri enti associati, potrà essere uno degli strumenti di elezione a disposizione di imprenditori e governo per garantire un welfare equo e ben gestito a tutti i lavoratori in loco. a cura di Redazione Health Online A.N.S.I. in Romania: sanità e welfare, valori sociali internazionali
  40. 40. 40 L’albicocca: il frutto estivo caratterizzato da numerose proprietà nutritive a cura di Beatrice Casella Tra i vari frutti di stagione estivi vi sono le albicocche, i primi a maturare in questo periodo. Sono molto apprezzate da tutti gli individui di qualsiasi età e considerate fondamentali per la cura della pelle, ma non solo. I suoi semi, ad esempio, sono tutt’ora studiati per le loro presunte proprietà antitumorali. L’albicocca è il frutto dell’albicocco, il Prunus armeniaca, appartenente alla famiglia delle Rosacee e al genere prunus di cui fanno parte anche la ciliegia, la prugna, la mandorla e la pesca. La pianta dell‘albicocco è originaria della Cina dove era già conosciuta nel 3.000 avanti Cristo. Fu diffusa poi in tutta Europa dai romani dopo la conquista dell’Armenia. Stati Uniti, Spagna, Italia, Francia e Grecia sono i maggiori stati produttori di albicocche a livello mondiale. Le varietà di albicocca sono molte e, anche se i gusti sono simili, le dimensioni ed i colori variano a seconda della specie. Il frutto dell’albicocca presenta buonissime proprietà dal punto di vista nutrizionale. Questo grazie all’alto contenuto di: • Fibre alimentari, aiutano il processo digestivo e migliorano il metabolismo. Perciò le albicocche sono in grado di fornire un buon senso di sazietà con un basso apporto calorico. Tutto questo evita di assumere ulteriore cibo durante la giornata e mantiene il corpo leggero. Più nello specifico, le albicocche contengono fibre insolubili e, in quantità maggiori, solubili. In tal modo il loro consumo contribuisce a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo HDL ed il livello di glucosio nel sangue. L’elevata quantità di fibre solubili in questo frutto rappresenta un beneficio anche per il cuore. Per tale motivo, vari medici confermano le sue proprietà cardioprotettive. • Potassio, aiuta a mantenere l’equilibrio dei fluidi in maniera corretta, interviene nel controllo della funzione muscolare ed aiuta a regolare il battito cardiaco. • Vitamina A, utile per lo sviluppo delle ossa e per il corretto funzionamento di tutti i tessuti del nostro organismo. Oltre a ciò, è in grado di stimolare la produzione di melanina, una sostanza responsabile

×