Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online 31

218 views

Published on

Il periodico di informazione sulla sanità integrativa

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Health Online 31

  1. 1. maggio/giugno2019-N°31 Benessere, prevenzione e innovazione: health point è anche shop center della salute Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa Salute: 4,5 milioni di famiglie italiane hanno ridotto le spese per le cure Albini: da “cattivi” a icone di stile e bellezza Promuovere la salute nelle città per il nostro benessere psico-fisico La terapia psicologica per smettere di fumare Attualità Salute e benessere Psicologia
  2. 2. “La salute non è tutto ma senza salute tutto è niente” Arthur Schopenhauer
  3. 3. Sanità integrativa: molti dibattiti, una sola soluzione Nell’ambito delle attività di razionalizzazione della spesa pubblica le commissioni parlamentari hanno esaminato anche l’incidenza della sanità integrativa, erogata da Fondi Sanitari, Casse di Assistenza Sanitaria e Società Generali di Mutuo Soccorso, sul bilancio dello stato. Tale incidenza ha una doppia valenza determinata da un lato dalle facilitazioni fiscali che incidono con segno negativo e dall’altro lato dai minori costi sostenuti dalla sanità pubblica che incidono con segno positivo, ove risulta evidente (in funzione dei valori stimati) come il bilancio dello stato ne trovi giovamento per qualche miliardo di euro, essendo di gran lunga maggiori i minori costi sostenuti dalla sanità pubblica rispetto al volume complessivo delle facilitazioni fiscali. Questo sta a significare che, anche da un punto di vista economico, la sanità integrativa risulta apportatrice di vantaggi sostanziali per il nostro paese. Ma i vantaggi non si limitano al solo aspetto economico perché molteplici sono gli impatti positivi della sanità integrativa, quali: • realizzare compiutamente del diritto alla salute, sancito dalla nostra Costituzione, consentendo allo stato di utilizzare le risorse economiche destinate alla sanità pubblica per le fasce più deboli della popolazione (anziani, bambini, malati cronici e percettori di bassi redditi) garantendo contestualmente a tutti gli altri cittadini la possibilità di usufruire un sistema mutualistico di copertura sanitaria; • evitare un maggior ricorso alle strutture sanitarie pubbliche con evidenti riflessi positivi su costi, tempistiche ed organizzazione; • mantenere la logica del sistema universalistico ed equo di copertura sanitaria della popolazione; • preservare gli impegni presi sul tema sanitario nei contratti di lavoro evitandone la necessità di ridiscuterli; • salvaguardare gli effetti positivi dei modelli di sanità integrativa inseriti nella contrattazione collettiva che possono continuare anche in caso di quiescenza del lavoratore; • tutelare il patto tra generazioni in grado di consentire il mantenimento di sistemi di economia familiare equilibrati. Come è facile comprendere, se venissero a mancare tutti questi elementi qualora non esistessero sistemi compiuti di sanità integrativa, si registrerebbero effetti negativi sia sul sistema sociale, sia sul clima nazionale che sull’economia dello stato. E’ corretto comprendere quali siano gli impatti della sanità integrativa, ma una volta determinato, come è dimostrato, che il modello di sanità integrativa operato con lungimiranza nel nostro paese ci consentirebbe di restare all’avanguardia nel mondo nel campo dell’assistenza sanitaria ai cittadini e che gli effetti di una compressione del sistema di sanità integrativa in uso potrebbero essere deleteri per il paese, lo stato ed i cittadini tutti, il tema diventa un altro e, cioè, come mantenere ed ampliare tali effetti positivi. Ed anche in questo caso le soluzioni sono semplici in quanto sarebbe sufficiente: • ampliare la fruibilità della sanità integrativa dandole maggiore visibilità; • sostenere una sanità integrativa che sia si complementare al sistema pubblico, ma anche sostitutiva; • integrare compiutamente e definitivamente il modello di sanità integrativa in un sistema sanitario a tre pilastri (sanità pubblica, sanità integrativa, sanità privata); • allargare il perimetro dei vantaggi fiscali in essere, indirizzando gli enti di sanità integrativa a sviluppare modelli sanitari evoluti fondati sul servizio al cittadino, la medicina a distanza, la prossimità, l’accessibilità. Sono solo pochi e piccoli ma essenziali passi che però determinerebbero conclusivamente un grande vantaggio sociale, assistenziale, organizzativo ed economico per il nostro paese. In conclusione, ben vengano le analisi e gli approfondimenti, corretto comprendere bene e valutare, molto giusto argomentare e dibattere, opportuno contraddire chi, per ragioni politiche, sociali, economiche, sostiene tesi non praticabili, ma poi è necessario agire e decidere per tutelare i cittadini italiani, applicando con determinazione l’unica soluzione corretta e perseguibile: una sanità pubblica efficiente per le fasce più deboli della popolazione ed una sanità integrativa, complementare e sostitutiva per tutti. Milanese, ho maturato un’esperienza ultraventennale nel settore assicurativo e finanziario,occupandomi sia dei prodotti che del marketing e dello sviluppo commerciale, fino alla direzione di compagnie assicurative, nazionali ed estere. Nel 2005 sviluppo un progetto di consulenza estrategia aziendale che ha consentito di operare con i maggiori player del settore assicurativo per realizzare piani strategici di sviluppo commerciale. Dal 2009 mi occupo di Sanità Integrativa, assumendo la carica di Presidente ANSI, Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare, e contestualmente di Health HoldingGroup,importanterealtàdelsettore. Dal 2016 sono presidente di Health Italia, una delle più grandi realtà nel panorama della Sanità Integrativa Italiana e società quotata in Borsa sul mercato AIM Italia. a cura di Roberto Anzanello EDITORIALE
  4. 4. periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa Anno 6° - maggio/giugno 2019 - N°31 Direttore responsabile Nicoletta Mele Direttore editoriale Ing. Roberto Anzanello coordinamento generale Area 51 Srl Comitato di redazione Alessandro Brigato Francesca Diodati Michela Dominicis Giulia Riganelli Hanno collaborato a questo numero Beatrice Casella Alessia Elem Marilena Falcone Giuseppe Iannone Alessandro Notarnicola Direzione e Proprietà Health Italia SpA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) www.healthitalia.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. iscritto presso il Registro Stampa del Tribunale di Tivoli n. 2/2016 - diffusione telematica n.3/2016 - diffusione cartacea 9 maggio 2016 Idea grafica Area 51 Srl impaginazione Giulia Riganelli immagini © AdobeStock Tiratura 103.302 copie Scarica Health Online in versione digitale su www.healthonline.it Se non vuoi perderti neanche una delle prossime uscite contattaci via email a info@healthonline.it e richiedi l’abbonamento gratuito alla rivista, sarà nostra premura inviarti via web ogni uscita. Per la tua pubblicità su Health Online contatta mkt@healthonline.it HEALTH
  5. 5. l’azienda diventa gruppo: la crescita di health italia s.p.a.06 www.healthonline.it da “cattivi” a icone di stile e bellezza: una panoramica sulla rappresentazione dell’albinismo nell’arte e nella cultura10 “cara salute quanto mi costi”. sanità, 4,5 milioni di famiglie italiane hanno ridotto le spese per le cure14 20 24 30 16 torna dagli stati uniti la condivisione del latte materno: il fenomeno del milk sharing shop center della salute: dalla medicina tradizionale alla telemedicina predisposizione genetica, come prevenire le patologie con i test predittivi ricerca oncologica: nuovi programmi speciali airc per lo studio della metastasi una visione a 360° della sclerosi multipla34 l’angolo della poesia 38 40 46 48 42 aumentano i tumori del sangue, ma cresce la possibilità di curarsi. “le nuove terapie a volte risultano troppo costose e assenti in italia” vitiligine non è solo un problema estetico funzioni, significati e benefici del bacio terapia psicologica per smettere di fumare promuovere la salute nelle città per il nostro benessere psico-fisico 50 indice Attualità Patologie Prevenzione Aziende del Gruppo Salute e benessere Psicologia Special In evidenza
  6. 6. 06 | Health Online 31 crescita dei ricavi. Il Bilancio del 2018 è risultato in linea con gli obiettivi preposti nel piano industriale relativo al triennio 2018-2020 che prevede a fine periodo 60 milioni di ricavi. “Abbiamo raggiunto risultati significativi - ha sottolineato Anzanello - con ricavi in crescita del 32,27%, un patrimonio netto che aumenta dell’8,47%, un utile netto con un elevato incremento pari al 227,91%, un Ebit in forte aumento del 139,35% ed un Ebitda in leggero calo – 16,49%, a fronte dell’importante incremento dei L’azienda diventa gruppo: la crescita di Health Italia S.p.A. Lo racconta il presidente Roberto Anzanello Da azienda di protezione della salute a gruppo che gestisce un processo completo di benessere delle persone. Questa in sintesi la storia di Health Italia S.p.A., PMI innovativa, quotata sul mercato AIM Italia dal febbraio del 2017, tra le più grandi realtà indipendenti della Sanità Integrativa che opera nella gestione del processo del benessere delle persone. Health Italia S.p.A. si connota fin dalle origini come l’unica società nel mercato italiano della sanità integrativa in grado di coniugare, con un processo integrato, la promozione dei sussidi mutualistici con una rete di promotori mutualistici professionisti e con la fornitura di servizi a 360 gradi forniti agli associati degli Enti di Sanità Integrativa. “Health Italia è cresciuta in modo significativo - ha spiegato il presidente di Health Italia Roberto Anzanello - e oggi, con 383 mila clienti, oltre 3000 promotori mutualistici, circa 3500 strutture sanitarie convenzionate su tutto il territorio italiano e una customer retention superiore al 90%, è un Gruppo unico e solido nel panorama nazionale. Attraverso un sistema di rete di aziende controllate, Health Italia propone non solo servizi di protezione della salute con la Centrale Salute (Health Assistance ex Coopsalute), ma anche finalizzati alla gestione del benessere delle persone tramite modelli di prevenzione innovativi di telemedicina e gli Shop Center della Salute (Health Point) con l’obiettivo di mutare il paradigma della salute in essere, soggetto malato – cura, verso un nuovo e più moderno paradigma, soggetto sano - prevenzione, che consentirebbe di ridurre sia la spesa pubblica che quella privata per le prestazioni sanitarie”. Health Italia ha inoltre sviluppato un’attività per la produzione e la distribuzione di prodotti nutraceutici e cosmeceutici tramite le aziende controllate HealthPharma e Health for Life. Tutto il modello di business viene gestito internamente, con un know how specifico, tramite sistemi informatici proprietari (con ben 8 piattaforme). In sostanza, nel 2018 si è verificato il passaggio da azienda di protezione della salute a gruppo che gestisce un processo completo di benessere delle persone con un positivo riflesso anche nella Attualità di Nicoletta Mele
  7. 7. www.healthonline.it | 07 costi di struttura determinato dall’ampliamento del perimetro di consolidamento”. La crescita dei ricavi rappresenta un elemento molto importante per un gruppo che opera in un settore ad alta dinamicità ma é altrettanto fondamentale evidenziare che “quest’anno - ha precisato - per il terzo bilancio anno consecutivo dalla quotazione AIM Italia avvenuta nel febbraio 2017, riconosciamo un dividendo ai nostri azionisti e anche un forte senso di identità aziendale nei nostri dipendenti e nei professionisti della salute, ovvero i promotori mutualistici che sono oltre 3100 su tutto il territorio nazionale”. In cosa consiste la figura del promotore mutualistico? “è un socio degli enti di sanità integrativa nostri clienti che in modo professionale, grazie a specifici interventi formativi - ha aggiunto Anzanello - veicola a individui e famiglie i servizi dedicati alla protezione della salute e alla gestione del benessere. Ogni professionista della salute segue un processo formativo molto approfondito che contempla una conoscenza del modello mutualistico, dei prodotti che offriamo e dei sistemi di relazione, con obblighi annuali di aggiornamento. Oltre questi requisiti professionali sono richiesti anche l’iscrizione all’Associazione Nazionale Sanità Integrativa, che fornisce una validazione del sistema formativo utilizzato e i consueti requisiti di onorabilità normalmente previsti. In sostanza, il loro ruolo é quello di “ambasciatori” del modello mutualistico, nel rispetto della normativa vigente, per assistere individui, famiglie ed aziende in una scelta importante quale è quella del diritto alla salvaguardia della salute”.
  8. 8. 08 | Health Online 31 Il Gruppo è una realtà in costante crescita nel mercato della Sanità integrativa e del welfare aziendale. “Health Italia presenta tra i primi sul mercato - ha spiegato Anzanello - un’efficace proposta di welfare che, tramite un sistema basato su piattaforme dedicate, consente alle aziende associate di gestire modelli di welfare completi in una modalità on line completamente supportata e organizzativamente strutturata. Il nostro sistema di welfare, tramite una divisione dedicata che si chiama HiWelfare, permette ai dipendenti delle aziende che se ne avvalgono di scegliere, tra le varie opzioni previste dalla normativa, in maniera user friendly le prestazioni di welfare prescelte senza incremento di costi per le aziende, anzi con evidenti riflessi positivi sulla fidelizzazione dei dipendenti stessi, e con un servizio di qualità commisurato alle esigenze dei dipendenti anche delle molte PMI operanti nel nostro paese”. Con questo innovativo modello di business, il Gruppo Health Italia non solo promuove la Sanità Integrativa e il Welfare aziendale, eroga assistenza sanitaria e prestazioni innovative, produce e vende prodotti nutraceutici e cosmeceutici, ma è anche sensibile nei confronti dei temi sociali perché “Il concetto di protezione sanitaria su base mutualistica - ha affermato - da parte degli Enti di Sanità Integrativa che operano senza scopo di lucro, deve essere assunto nella sua accezione più ampia di “diritto alla salute” come garantito dalla Costituzione Italiana e non deve limitarsi al semplice diritto alle cure mediche, ma al più ampio concetto del diritto al benessere personale attraverso anche forme di assistenza sociale dirette e partecipative”. Da qui la nascita nel 2015 di Fondazione Heath Italia, come iniziativa congiunta di Mutua Mba, Health Italia e Health Assistance “La Fondazione Health Italia - ha detto il presidente di Health Italia - è un ente no-profit impegnato nella divulgazione dei principi mutualistici e della solidarietà sociale e promuove iniziative culturali, educative, formative, di integrazione sociale, di assistenza sanitaria e di diffusione della cultura. Con il modello dell’iniziativa “Un aiuto concreto a portata di click”, la Fondazione ha voluto coadiuvare l’impegno degli enti fondatori che destinano una percentuale dei loro ricavi ai progetti gestiti dalla fondazione stessa, con dei contributi da parte di tutti, utilizzati per gestire iniziative sociali sul territorio individuate con criteri basati sull’equità morale e sul concetto di necessità sociale”. Tra i progetti della Fondazione Health Italia c’è la Banca delle Visite, una piattaforma web che dona prestazioni sanitarie a chi non può permettersi una visita a pagamento o non può attendere le lunghe liste d’attesa del Sistema Sanitario Nazionale. Il concetto è quello del caffè sospeso applicato alla salute con il contributo finanziario da parte di liberi cittadini ed aziende. “L’idea di riprendere una vecchia ma cara consuetudine napoletana come è quella del caffè sospeso ha determinato la nascita di Banca delle Visite con la “visita sospesa” che sta ottenendo un importante successo in termini di riconoscibilità e di prestazioni erogate”. Da azienda volta alla promozione di Enti di Sanità Integrativa, quali Casse di Assistenza Sanitaria, Fondi Sanitari e Società Generali di Mutuo Soccorso, Health Italia è diventata oggi un gruppo integrato che opera per la gestione completa del benessere delle persone. Le strategie di crescita guardano anche ad una internazionalizzazione del gruppo. è stata infatti recentemente annuncia la costituzione in Romania di “Health Est Europe S.r.l.”con l’obiettivo di realizzare, in sinergia con i modelli già operati da Health Assistance controllata del gruppo in Italia, una centrale salute funzionale al convenzionamento delle strutture sanitarie ed all’assistenza dei soci degli enti mutualistici operanti nei paesi dell’Est Europa. Il posizionamento in Romania è stato determinato sia dal fatto che nel paese, che conta circa 19 milioni di abitanti, hanno già iniziato ad operare le strutture mutualistiche che collaborano con il Gruppo Health Italia S.p.A., sia perché la Romania gode di una posizione geograficamente privilegiata nell’ambito dell’intera area dei paesi dell’Europa Orientale. “Abbiamo sempre pensato e dichiarato fino dal primo giorno di quotazione - ha concluso Roberto Anzanello - che il nostro modello di business è un sistema scalabile ed internazionalizzabile ed il nostro Piano Industriale 2018-2020 contempla anche questa impostazione strategica. Lo sviluppo degli Health Point che stiamo realizzando (ad oggi sono 12 le strutture operative) in termini di scalabilità del modello, nonché lavvio di nuove iniziative in alcuni paesi esteri in termini di internazionalizzazione sono insieme la testimonianza concreta e fattiva che la nostra azienda ha un modello unico e performante che può essere ulteriormente sviluppato in Italia ed anche in altri paesi europei con una significativa creazione di valore”.
  9. 9. 09 | Health Online 31
  10. 10. 10 | Health Online 31 Da “cattivi” a icone di stile e bellezza: una panoramica sulla rappresentazione dell’albinismo nell’arte e nella cultura Attualità di Marilena Falcone
  11. 11. www.healthonline.it | 11 “Attento alla luce”. Sono queste le parole pronunciate primadimoriredaCalibanoinLogan,ilfilmconclusivo della serie tratta dai fumetti Marvel sugli X-Men. Il mutante albino, moralmente ambivalente ma alla fine dalla parte dei nostri eroi, costituisce una eccezione fra una serie di personaggi letterari, fumettistici e cinematografici visti come infidi e subdoli nel migliore dei casi, cattivi senza mezzi termini nel peggiore, con una associazione nemmeno tanto subliminale fra albinismo, oscurità e male. Già nel 2006 in concomitanza con l’uscita del film “Il codice Da Vinci”, Mike McGowan, presidente della statunitense NOAH (National Organization for Albinism and Hypopigmentation), rilasciò una intervista nella quale denunciava che la pellicola sarebbe stata addirittura la 68esima dal 1960 con “il cattivo” della storia albino o caratterizzato da tratti direttamente associabili con l’albinismo, senza mai personaggi albini positivi a fare da contraltare nell’immaginario collettivo. Un trend vero e proprio, il cui inizio in letteratura è individuabile nel celebre romanzo L’uomo invisibile di HG Wells (1897): il protagonista, come noto, è un giovane e brillante fisico albino che esagera con la sperimentazione sulla densità ottica, degenerando verso follia e violenza. Il trend è proseguito in maniera quasi impercettibile, ma insistente, in tanti altri libri e pellicole. Oltre appunto all’inquietante Silas de Il codice Da Vinci, tutti possiamo ricordare il mercenario Mr Joshua di Arma Letale, i gemelli di Matrix Reloaded, lo psicopatico di Ritorno a Cold Mountain o gli ambigui replicanti di Blade Runner, solo per citare alcuni titoli divenuti famosi anche in Italia. Perfino un classico per adulti e bambini come La Storia Fantastica ha il suo cattivo che si chiama, senza troppi giri di parole, “l’Albino”. In realtà, come sottolinea il portale italiano dell’ONU (www.onuitalia.it), “l’albinismo è una rara anomalia congenita non contagiosa che si manifesta fin dalla nascita. Questo disturbo affligge entrambi i sessi, indipendentemente dall’etnia o dal paese di nascita. L’albinismo consiste in una deficienza di pigmentazione melaninica nella pelle e comporta ipovisione e vulnerabilità alle ustioni solari e ai tumori della pelle. Contro l’assenza di melanina, che è alla base dell’albinismo, al momento non esiste una cura.” Una condizione medica quindi, che pone nella vita quotidiana limitazioni importanti comunque affrontabili e superabili con adeguati accorgimenti, che nulla ha a che fare con la rappresentazione negativa ricorrente. Allora come e quando è nato questo brutto stereotipo? Quali danni ha provocato nel corso dei secoli? E soprattutto, cosa si sta facendo per cambiare finalmente la percezione dell’albino a livello sociale? Sono questi i temi sui quali si incentra l’interessante studio The Portrayal of Albinism in Pop Culture - A 360° Change From Previous Ideology pubblicato nel 2015 sulla prestigiosa rivista JAMA Dermatology. Secondo gli autori, il pregiudizio nei confronti dell’albino potrebbe risalire addirittura al Neolitico, in particolare in Europa orientale dove alcune culture rappresentavano la Morte come una donna molto pallida con i capelli chiarissimi. L’associazione morte-pallore è ricorrente in tutto il folklore europeo (basti pensare al mito dei vampiri) e potrebbe essere una delle radici della diffidenza diffusa nei confronti delle persone con albinismo, che pare però estranea all’Estremo Oriente. Nella cultura giapponese ad esempio, il pallore è al contrario sinonimo di bellezza: non sono rari i personaggi albini “buoni” e quando capita che l’albino ricopra il ruolo di “cattivo”, la scelta deriva dall’intento di enfatizzare il contrasto fra purezza esteriore e malvagità. Il pregiudizio, che in Occidente può manifestarsi nei classici atteggiamenti di discriminazione, bullismo e prepotenza verso il generico “diverso”, è diventato
  12. 12. 12 | Health Online 31 superstizione crudele e disumana in alcune regioni africane nelle quali gli albini, chiamati in lingua locale zeru zeru ossia, letteralmente, fantasmi, sono stati e purtroppo sono tuttora oggetto di persecuzioni massicce, attacchi, omicidi, violenze, mutilazioni e profanazioni tombali sulla base di orrende credenze di natura “magica” e stregoneria e degli interessi del mercato nero. Gli anni Duemila hanno visto una presa di coscienza della situazione della quale sono vittime gli albini soprattutto in Tanzania e in altre parti dell’Africa orientale e meridionale: diversi documentari filmati in loco hanno iniziato a mostrare al grande pubblico l’orrenda realtà vissuta da adulti e bambini con albinismo in quelle zone. Born too White (Nato troppo bianco) e In the Shadow of the Sun (All’ombra del sole) sono due fra i documentari trasmessi con maggior successo dai canali televisivi di tutto il mondo e attualmente visualizzabili su YouTube. Particolarmente importante poi è stata la pellicola White Shadow (Ombra bianca), presentato in concorso a Venezia nel 2013: non si tratta in questo caso di un documentario ma di una storia di fantasia basata su dati veri che racconta la vita dura e brutale di un ragazzo albino in Tanzania, in forma di film vero e proprio; infatti dopo il Festival cinematografico di Venezia, è passata nei circuiti cinematografici tradizionali. Per quel che riguarda invece la lotta contro i pregiudizi e la discriminazione amplificati dal cinema nel mondo occidentale, ha avuto una buona risonanza internazionale la commedia The Albino Code (Il codice albino), realizzata nel 2006 da Dennis Hurley, attore e noto produttore statunitense con albinismo in risposta proprio a Il Codice da Vinci. The Albino Code è una parodia incentrata sul ridicolizzare l’idea stessa che un albino possa veramente essere un abile assassino professionista capace di agire in silenzio senza farsi mai scoprire, proprio a causa delle serie difficoltà visive associate alla condizione. Non solo film e televisione: il moto di ribellione agli stereotipi vigenti con vario grado di ignoranza e pericolosità a livello globale si è rafforzato anche grazie al mondo della moda e della fotografia. Da Connie Chiu, la prima modella albina in assoluto che dalle passerelle calcate negli anni Novanta è ora una importante attivista, fino a Thando Hopa, l’avvocato/modella/attivista che per prima ha conquistato la copertina di una rivista-simbolo come Vogue (Vogue Portogallo), sono tanti i volti noti che stanno contribuendo a diffondere una maggiore conoscenza sull’albinismo portando avanti la campagna a favore dell’inclusione e della diversità anche partendo dalla semplice osservazione della bellezza estetica. E sono tanti anche i fotografi che realizzano opere sorprendenti come la serie di immagini Tutti i colori del bianco di Silvia Amodio (per conto della associazione Albinit. org), o la celeberrima Albus di Justin Dingwall. Anche la musica inizia a dire la sua sull’argomento. Lazarus Chigwandali, un giovane albino del Malawi, da artista di strada a Lilongwe dove cantava per racimolare i soldi necessari ad acquistare creme solari indispensabili per proteggersi dal sole, si accinge in questi giorni a registrare un album molto atteso intitolato Stomp on the Devil (Calpesta il diavolo) che raccoglie 30 canzoni di denuncia delle discriminazioni e degli attacchi violenti subiti dagli albini nel Paese, alcune delle quali già da tempo trasmesse regolarmente sulle radio locali. Sono tutte iniziative fondamentali nel contribuire a dissipare ignoranza e paura in una battaglia che, se sta ottenendo risultati positivi nella percezione generale in Occidente, purtroppo è ancora in pieno svolgimento nelle regioni africane dove continua a essere indispensabile l’impegno attivo delle organizzazioni internazionali e degli enti di accoglienza e protezione. È per questo che la ricorrenza della Giornata internazionale dell’albinismo, che anche quest’anno è caduta il 13 giugno, continua a essere una occasione importante di riflessione e invito all’azione in tutto il mondo.
  13. 13. 13 | Health Online 31 ac qua www.acquapradis.it PH 8.2 Acqua Pradis, imbottigliata alla sorgente, è un’acqua alcalina e povera di sodio. Perfetta per tutti, indicata per le donne in gravidanza e le persone con ipertensione e osteoporosi.
  14. 14. 14 | Health Online 31 Gli italiani da sempre nutrono una spiccata antipatia verso il Sistema Sanitario Nazionale lamentando mancanze e ritardi, soprattutto se relazionati – questi ultimi – alle liste d’attesa spesso finite al centro di bufere regionali e nazionali. In realtà, dati alla mano, l’Italia può vantare i migliori risultati sanitari con una accorta politica di costi. La conferma arriva da una recente ricerca del C.r.e.a., il Consorzio per la ricerca economica applicata in sanità, dell’Università Tor Vergata di Roma, secondo cui 4,5 milioni di famiglie italiane hanno ridotto le spese per le cure. Nello specifico, la ricerca sottolinea come il 17,6% delle famiglie residenti (4,5 milioni) ha dichiarato di aver cercato di limitare le spese sanitarie per ragioni squisitamente economiche (100.000 in più rispetto al 2015), e di queste 1,1 milioni le hanno annullate totalmente. Il sud Italia è l’area più coinvolta con il 5,6% delle famiglie, seguita dal Centro con 5,1%, dal nord-ovest (3,0%) e dal nord-est (2,8%). “Il disagio economico per le spese sanitarie – precisa il documento pubblicato – è sofferto dal 5,5% delle famiglie, ed è significativamente superiore nel Sud del Paese (7,9% delle famiglie). L’incidenza del fenomeno dell’impoverimento aumenta, registrando 416.694 famiglie che hanno peggiorato la propria condizione economica (l’1,6% del totale). Aumenta l’incidenza nelle realtà del Nord e si riduce in quelle del Sud. Il valore massimo si raggiunge nel Lazio, dove il 2,7% delle famiglie risultano impoverite; il valore minimo nelle Marche, dove solo lo 0,8% versano in tale condizione”. Abbiamo chiesto al professore Federico Spandonaro, che dirige da presidente il C.r.e.a di approfondire questi dati. Professore, 4,5 milioni di famiglie rinunciano a curarsi. Un dato che riflette l’attuale condizione economico-finanziaria italiana? C’è un dato principale: una fetta di italiani, stando alle statistiche di cui disponiamo, versa in una condizione di difficoltà e rinuncia dunque ad alcune prestazioni di carattere sanitario. Si tratta di una fascia che è in povertà o prossima alla povertà, ma non sono numeri significativi. L’Italia dispone di un sistema sanitario quasi del tutto gratuito. Sono difficoltà legate ad alcune cure specifiche, penso al dentista, perché non gode della copertura, o a tutti quei farmaci a metà tra il terapeutico e la prevenzione. La gente non muore per strada. Questo in Italia, a differenza di altri Paesi del mondo, non accade. Ma da cosa dipende questo esodo dalle cure? In Italia questi fenomeni dipendono in parte dalle politiche sbagliate, ad esempio l’abolizione dal 1 gennaio 2001 del ticket sui farmaci, poi per fare cassa sono stati lasciati i ticket sulle ricette. Questo è un classico caso in cui le politiche non sono state attente a essere coordinate tra di loro. Inoltre, altri fronti su cui gli italiani spendono poco sono l’assistenza agli anziani a cavallo tra sanità e sociale e l’odontoiatria. Negli ultimi anni chi sta peggio in sanità non sono le fasce più deboli ma il ceto medio: se sei sotto 36 mila euro puoi chiedere l’esenzione per reddito, ma se ne hai 37 mila non navighi nell’oro. Altro problema evidenziato dallo studio C.r.e.a sono le lunghe liste d’attesa.. “Cara salute quanto mi costi!” Sanità, 4,5 milioni di famiglie italiane hanno ridotto le spese per le cure La parola a Federico Spandonaro a capo del C.R.E.A dell’Università Tor Vergata Attualità di Alessandro Notarnicola Prof. Federico Spandonaro Presidente del C.R.E.A dell’Università Tor Vergata di Roma
  15. 15. www.healthonline.it | 15 Negli altri Paesi si respira una generale fiducia nel settore pubblico e nelle liste d’attesa. In Italia abbiamo questa tendenza a ritenere che le liste di attesa siano per alcuni, ma non per tutti. Le nostre indagini rilevano invece che il fenomeno è diffuso con differenze piccole per le regioni e che dunque è spalmato in modo abbastanza omogeneo. Emerge che se di punta sulle prestazioni gratuite allora c’è da aspettare abbastanza. Se viceversa si è disposti a pagareallorapubblicoeprivatononfannodifferenza contemplando stessi tempi e stessi costi. Inoltre, nel raccontare questo fenomeno delle liste d’attesa spesso vengono usati male i dati a disposizione. Le indagini non sono fatte sulle prestazioni urgenti ma sulle altre che non hanno una priorità e si dice che il Ssn mette a repentaglio la salute delle persone. Non è così. Se una prestazione è urgente la ottieni nei tempi dovuti. È più un problema di aspettativa. Andando a scattare una fotografia nazionale. Cosa emerge dunque? Abbiamosvelatochenelleottoregionimonitoratein due anni, l’Emilia Romagna è l’unica che garantisce all’utente la risposta entro trenta giorni comunque. Pertanto se una regione è in grado di tagliare i tempi perché nelle altre questa realtà non viene replicata? La risposta è semplice: vige un problema di organizzazione dei servizi e e tutto è coordinato da una cattiva volontà politica. Nelle regioni in cui tutto va bene i direttori generali si sono prefissati degli obiettivi prioritari. In più, se da un lato c’è stata un’organizzazione meticolosa del servizio, dall’altro la popolazione è stata responsabilizzata: se prenoti e non ti presenti il giorno della visita ti fanno pagare una piccola sanzione di 25/30 euro. Anche questa è educazione civica. Non c’è un modo magico per risolvere queste criticità. Che rapporto hanno gli italiani con le cure? Gli italiani hanno un atteggiamento schizofrenico. Si lamentano per il servizio perché si aspettano che questo sia un servizio pubblico gratuito. In linea di massima vince il pubblico anche perché il privato è ben integrato nel pubblico. Il sistema pubblico italiano è il migliore del mondo: spesiamo il -30% in meno rispetto altri Paesi europei. Abbiamo anche parametri clinici di assoluta eccellenza riconosciuti nel mondo. Siamo un po’ carenti nell’organizzazione tanto che qualunque prestazione in ambulatorio o in struttura apposita richiede un’ora e mezza di attesa. Qui si perde di credibilità. Il sistema non è in concorrenza con nessuno, privilegia l’aspetto clinico ma dovrebbe anche riconoscere che ogni singolo dettaglio ha importanza per il cittadino.
  16. 16. 16 | Health Online 31 Torna dagli Stati Uniti la condivisione del latte materno: il fenomeno del milk sharing Attualità di Beatrice Casella Un tempo venivano chiamate nutrici o balie, e avevano essenzialmente il compito di allattare i figli altrui. Questa pratica, al giorno d’oggi e ormai da qualche anno, viene identificata come “milk sharing” e sembra essere tornata molto di moda anche grazie ad un lungo lavoro di marketing. Infatti, secondo uno studio presentato all’annuale Meeting delle Pediatric Academies Societies (PAS), la pratica di nutrire i bambini attraverso il ventre di altre mamme è ritornata in voga soprattutto grazie al Web. Ad esempio, su Internet alcune donne che producono più latte del necessario hanno cominciato a vendere on-line le proprie “eccedenze” generando, in tal modo, un mercato piuttosto fiorente e in espansione. La figura della nutrice è stata per millenni la forma alternativa maggiormente popolare e sicura per tutti quei neonati che, per svariate ragioni, non potevano essere allattati dalla propria madre. Le prime tracce risalgono al 2000 a.C. e questo ruolo salvavita si è evoluto in una reale professione con una serie di leggi e contratti che ne regolavano la pratica, compreso il requisito di visita medica. Nel XIX secolo, il ruolo della nutrice ha iniziato, tuttavia, a perdere popolarità per un effetto particolare sul legame mamma-bambino e il rischio di trasmissione di malattie. Attualmente invece, si sta assistendo ad una rinascita della condivisione del latte grazie a donne che ne producono più del necessario e lo vendono online. Queste interazioni, allo stesso tempo, sono prive dei regolamenti e degli esami medici che una volta le accompagnavano e la condivisione del latte non regolamentata via Internet presenta problemi di sicurezza e va scoraggiata. Per questo motivo tutti i medici dovrebbero essere consapevoli del risorgere di questa pratica e incoraggiare la condivisione del latte attraverso apposite banche. In Italia le banche del latte sono gestite dall’Associazione Italiana Banche del Latte Umano Donato (AIBLUD) che ha il compito
  17. 17. www.healthonline.it | 17 principale di promuovere l’allattamento e la donazione del latte materno. Collabora con i Centri di Neonatologia e di Terapia Intensiva Neonatale, e svolge anche un importante ruolo di coordinamento di tutte le Banche del Latte Umano Donato (BLUD) esistenti nel nostro Paese e promuove anche, allo stesso tempo, la costituzione di nuove Banche. L’Italia è il secondo paese in Europa per numero di banche del latte attive. In particolare, vi sono a disposizione attualmente 36 banche del latte e tutte risultano essere completamente funzionanti. La maggior parte dei centri si trova nell’Italia settentrionale ma anche al sud si sta lavorando molto per incentivare la formazione del personale sanitario e per incrementare le attività ospedaliere che permettano di lavorare al meglio con le banche. L’obiettivo primario delle banche del latte è quello di favorire l’allattamento al seno diretto, quindi dalla mamma al bambino, ma quando per un qualsiasi motivo questo non è possibile è importante che si possa accedere alle banche avendo così a disposizione latte umano donato. La donazione del latte umano è regolata attraverso il Presidio delle banche del latte presso le Terapie Intensive e le Neonatologie di alcuni Ospedali, sottolineando che il latte umano è considerato un farmaco salvavita, molte volte l’unico o quasi a cui si lega la speranza di sopravvivenza dei neonati prematuri o con patologie. InItaliail5dicembre2013laConferenzaStatoRegioni ha sancito l’accordo “Linee di indirizzo nazionale per l’organizzazione e la gestione delle banche del latte umano donato nell’ambito della protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno”. Tecnicamente quando la donna non riesce o presenta scarse capacità di allattamento, si parla di ipogalattia primaria o agalattia, ovvero la scarsa o assente produzione di latte da parte della ghiandola. È una situazione rara legata a problemi materni di salute ben noti prima del parto o che danno segni clinici molto importanti (ipotiroidismo non diagnosticato, mancanza del tessuto mammario congenito, deficit congenito di prolattina, ritenzione della placenta. Molto più frequente è invece l’ipogalattia secondaria indotta dainadeguataconduzionedell’allattamentoalseno, questa è risolvibile modificando essenzialmente l’allattamento a richiesta o esclusivo. Altre cause che possono diminuire la produzione di latte riguardano lo stress materno, l’assunzione di farmaci, il diabete e una dieta non equilibrata. In particolare, la tensione fisica interferisce la produzione dell’ossitocina, l’ormone che guida la produzione di latte e che viene prodotto prevalentemente durante le ore notturne. Un parto difficile, una degenza in ospedale faticosa, un rientro a casa disturbato da visite o parenti ansiosi che mettono in dubbio le capacità materne e il dormire poco, sono tutti fattori che complicano se non addirittura impediscono un allattamento completamente efficace. La dieta della mamma, come detto anche precedentemente, deve essere bilanciata ed è fondamentale soprattutto un’adeguata assunzione di proteine. È inoltre opportuno fare attenzione all’introduzionedioligoelementi,tracuimanganese, zinco e calcio presenti in cibi diversi soprattutto semi, frutta secca, oli vegetali (lecitina, semi di lino). Al riguardo si consiglia di stimolare nella maniera più corretta il seno; verificare l’ambiente familiare cercando di garantire un clima di completa serenità fiducia; controllare giornalmente la dieta materna (corretta introduzione di proteine e oligoelementi, abuso di fumo o caffè che inibiscono l’allattamento); constatare assunzione di farmaci che siano compatibili con l’allattamento. Nei Paesi Anglosassoni, circa 55.000 mamme vendono e comprano il loro latte on-line con prezzi che arrivano fino a 10 euro per 100 gr di latte. Tutto ciò comporta certamente dei rischi perché il latte viene venduto in Internet senza nessun controllo, soprattutto per quanto riguarda la provenienza, mancano i controlli su conservazione e trasporto, né se il latte è mescolato con latte vaccino; inoltre non è possibile sapere se la madre assume farmaci, droghe, alcool o se è fumatrice. I rischi, quindi, sono dietro l’angolo, soprattutto perché il latte di altre madri viene acquistato attraverso il web e venduto in modo non sicuro. Tali rischi riguardano non solo la trasmissione di malattie virali o batteriche, ma anche la trasmissione di malattie relative la cattiva conservazione del latte materno che per mantenere le sue caratteristiche organolettiche e nutrizionali ha bisogno di essere conservato seguendo regole ben precise.
  18. 18. 18 | Health Online 31 Il nostro impegno, la vostra salute Health Italia S.p.A. opera nel mercato della promozione di soluzioni di sanità integrativa e sostitutiva ed eroga servizi amministrativi, liquidativi, informatici e consulenziali a Fondi Sanitari, Casse di assistenza sanitaria e, soprattutto, a Società di Mutuo Soccorso. È inoltre attiva nel mercato del welfare aziendale e gestisce in outsourcing piani di welfare in modalità Flexible Benefit. Health Italia S.p.A. c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 Formello (RM) info@healthitalia.it www.healthitalia.it
  19. 19. 20 | Health Online 31 Benessere, prevenzione e innovazione si possono racchiudere in una sola parola: Health Point e i neo- nati Shop Center della Salute, un progetto di Health Italia S.p.A., PMI innovativa quotata sul mercato AIM Italia dal febbraio del 2017, tra le più grandi realtà indipendenti della Sanità Integrativa che opera nella gestione del processo del benessere delle persone. L’idea nasce per sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti della prevenzione abbattendo le barriere tempistiche e di accessibilità a costi agevolati. Tra i punti di forza, oltre all’azzeramento dei tempi d’attesa, anche la rapidità e la facilità di monitoraggio dei propri parametri sanitari (location ad alta affluenza) attraverso device innovativi e non invasivi a costi contenuti. “Gli Health Point - spiega l’AD di Health Point S.p.A Silvia Fiorini - sono strutture costituite da moduli (c.d. station) appositamente attrezzate con device di ultima generazione dove ad oggi è possibile effettuare fino a 40 rilevazioni, con l’assistenza di personale qualificato, il tutto con dispositivi medicali non invasivi e nel totale rispetto della privacy degli utenti. Tutti i rilevamenti vengono inoltrati ad centro medico erogatore ed il relativo personale medico qualificato, al fine di restituire un pronto e veloce riscontro agli utenti. SHOP CENTER DELLA SALUTE: DALLA medicina TRADIZIONALE ALLA TELEMEDICINA Ne abbiamo parlato con l’AD di Health Point, Silvia Fiorini In evidenza di Nicoletta Mele All’interno degli Health Point è inoltre possibile prenotare una televisita con un medico specialista. Le nuove tecnologie delle quali dispongono le station, consentono il monitoraggio di parametri che finora potevano essere controllati soltanto con test invasivi, condotti esclusivamente presso laboratori specializzati e in ospedale, riducendo così i tempi di attesa”. Health Point S.p.A. offre servizi sanitari in più modalità, da quella tradizionale dei centri polispecialistici, a quella più innovativa come la telemedicina. Sono posizionati in diverse città d’Italia, in zone ad alta affluenza, combinano l’offerta dei prodotti di nutraceutica, cosmesi e cosmeceutica ai moderni servizi di telemedicina, con dispositivi di diagnostica e test genetici. I servizi vengono erogati attraverso 2 canali: Health Point station e Health Point Medical Care. “Gli Health Point Station - aggiunge Silvia Fiorini - sono delle postazioni attrezzate per fornire servizi di telemedicina, operando nel pieno rispetto delle Linee di Indirizzo Nazionali del Silvia Fiorini, AD di Health Point
  20. 20. www.healthonline.it | 21 Ministero della Salute; gli Health Point Medical Care, sono un network di centri medici polispecialistici che erogano prestazioni di visite specialistiche, odontoiatriche, ecografie, indagini diagnostiche, fisioterapia con personale medico altamente qualificato e strumentazione all’avanguardia”. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità essere in salute non significa semplicemente non avere a che fare con malattie o infermità. Nella sua definizionelasaluteèunostatodicompletobenessere fisico, mentale e sociale. Un’altra arma fondamentale è la prevenzione. Fare prevenzione significa adottare strategie per evitare la comparsa di una malattia o a limitarne gravità e peggioramento. In particolare, la prevenzione primaria permette di ridurre il rischio di sviluppare delle malattie eliminando i fattori alla loro base. Nell’ambito della sanità tutto questo oggi è possibile grazie alla tecnologia, preziosa alleata per contrastare piccoli e grandi problemi quotidiani. Innovazioni come la telemedicina, ci permettono di affrontare con più serenità anche la malattia o l’infortunio. A tal proposito gli Health Point sono una realta’ in pieno sviluppo che risponde alle tendenze contemporanee del mercato. Proprio per rispondere sempre di piu’ alle esigenze degli utenti, e’ stata recentemente lanciata in contemporanea sulle provincie di Monza e Brianza, Bologna e Roma, la nuova generazione di Health Point Station e il primo Center in Franchising ad Arezzo, in Toscana che si aggiungono a quelli già aperti a Milano, Roma e Formello. Si chiamano “Shop Center della Salute” e rappresentano un importante e innovativo modello capace di racchiudere un considerevole insieme di prodotti e servizi che sono il frutto di accurati studi e ricerche scientifiche condotte in questi anni. All’interno degli Shop Center della salute, oltre ai servizi già erogati da Health Point saranno integrate e ampliate le linee di prodotto come una linea completa di cosmeceutici, solari e prodotti per la bellezza a marchio Dolomitika nuovi innesti per i nutraceutici ed i dispositivi medici della controllata Health Pharma SpA; la gamma completa dei test genetici predittivi erogati dalla partecipata StemWay Biotech LTD, una linea dedicata di acque minerali altamente alcaline a marchio Pradis e alte importanti integrazioni e innovazioni, quale la vendita diretta di alcuni device tecnologici utilizzati in telemedicina. “Abbiamo considerevolmente ampliato le soluzioni presenti all’interno dei nostri centri inserendo dei prodotti di qualita’ e dopo un’accurata fase di analisi e studio, possiamo soddisfare la prima richiesta, tra le tante ricevute, di un’apertura in forma di franchising.” Tra i progetti per il futuro, come espresso all’interno delle linee guida del piano industriale relativo al triennio 2018-2020, si prevede un aumento del numero di sedi sul territorio con l’apertura di almeno 20 Health Point.
  21. 21. 22 | Health Online 31
  22. 22. Sulla tua pelle l’essenza della bellezza Health Pharma SpA Sede legale: Via San Quirino, 48 | 39100 Bolzano - Sede operativa: Via di Santa Cornelia, 9 | 00060 Formello (RM)
  23. 23. 24 | Health Online 31 persone ad avere una maggiore consapevolezza della propria salute, informando in anticipo sulla predisposizione a sviluppare una determinata patologia o consentendo una diagnosi precoce. Oltre ad una vasta gamma di test genetici per la prevenzione forniamo anche i nostri servizi di nutrigenomica e sportgenomica personalizzati, utili a conoscere le sensibilità o intolleranze alimentari, o per individuare le attitudini sportive”. Può spiegare meglio di cosa si tratta? “La Medicina Predittiva si basa su un presupposto fondamentale: la differenza delle persone, del loro patrimonio genetico e della risposta che ogni gruppo di cellule dà ad una eventuale variazione genetica. Il fulcro di questo nuovo concetto di Medicina è rappresentato dai Test Genetici Predittivi. I Test Predittivi rappresentano la tecnologia capace di identificare la suscettibilità di una persona nei confronti di una malattia comune; ma consentono anche di individuare la giusta alimentazione in base al proprio profilo genetico (nutrigenomica), o addirittura quale tipo di allenamento praticare (sportgenomica). Ciò che noi siamo è anche frutto dell’interazione tra il nostro DNA e l’ambiente nel quale viviamo: non basta decifrare il DNA per una medicina della persona. I geni si accendono e spengono come lampadine e lo fanno in seguito a reazioni chimiche. La cosa interessante è che in molti casi queste reazioni sono una risposta diretta a stimoli ambientali, come l’alimentazione, l’attività fisica, il fumo e l’alcol”. Cosa prevede il percorso personalizzato dei test genetici Predettivi? “Prevede una serie di valutazioni come quella del rischio eredo-familiare, l’individuazione di uno stile di vita personalizzato adeguato, la definizione di un programma di sorveglianza clinica e strumentale di anticipazione diagnostica, l’eventuale ricorso a misure farmacologiche /chirurgiche per la riduzione del rischio”. Quali sono i test predittivi che offre Stemway Biotech? PREDISPOSIZIONE GENETICA, COME PREVENIRE LE PATOLOGIE CON I TEST PREDITTIVI La parola al dott. Paolo Rubini, Company Director e CEO di Stemway Biotech Oggi grazie ai progressi della scienza e della tecnologia,coniltestgeneticopredittivo,èpossibile indagare la presenza di eventuali mutazioni di alcuni geni e predisposizioni a patologie, intolleranze alimentari o caratteristiche specifiche individuali, consentendo così di mettere a punto misure di prevenzione dirette e personalizzate. Tra i più importanti fornitori genetici predittivi, servizi di consulenza e prevenzione si posiziona Stemway Biotech, una knowledgement company europea con sede in Inghilterra e che opera in Italia dal 2007. Recentemente Health Italia, PMI innovativa quotata sul mercato AIM Italia dal febbraio del 2017, tra le più grandi realtà indipendenti del mercato italiano che operano nella Sanità Integrativa e nella gestione del benessere delle persone, ha raggiunto l’accordo per l’acquisizione del 25% della società britannica StemWay Biotech Ltd., già fornitore da oltre 7 anni del gruppo per i servizi connessi alla conservazione delle cellule staminali. Health Online ha intervistato il dott. Paolo Rubini Company Director e CEO di Stemway Biotech. Qual è l’obiettivo di Stemway Biotech? “Il nostro principale obiettivo è quello di aiutare le Aziende del Gruppo di Alessia Elem Dott. Paolo Rubini Company Director e CEO Stemway Biotech
  24. 24. www.healthonline.it | 25 “Sono: Oncologia donna e uomo, Cardiogenomica, Neuroprotezione, Sportgenomica, Nutrigenomica, Dermoprotezione, Intolleranze, Prevenzione Light Donna, Prevenzione Light Uomo, Prevenzione Donna e uomo. La scelta del test è soggettiva, in alcuni casi concordata anche con uno specialista, può essere dettata da esigenze eredo-familiari come per esempio nel caso del test “Oncologia Donna” dove si indaga la presenza di SNPs come il BRCA1 e BRCA2 responsabili di circa il 50% delle forme ereditarie di tumori della mammella e/o dell’ovaio. In altri casi si opta per test di Sportgenomica o Nutrigenomica al fine di individuare uno stile di vita personalizzatointerminidinutrizioneeallenamento; si tratta di test spesso scelti da sportivi, ma anche da tutti coloro che hanno a cura uno stile di vita sano. Vi sono poi pacchetti come Prevenzione Uomo/Donna che consentono di conoscere ogni aspetto del proprio genoma al fine di mettere in atto strategie sia di sorveglianza clinica che di stile di vita personalizzato”. Qual è il grado di affidabilità? “I Test che proponiamo sono basati sulla tecnica di screening di SNPs condotta mediante microarray platform di ultima generazione per scansione e/o sequenziamento ad alta efficienza (o hightroughput) di DNA. Questo tipo di tecnologia permette di: verificare gruppi mirati (targeted approach) o la
  25. 25. 26 | Health Online 31
  26. 26. www.healthonline.it | 27 serie completa (wide approach) di SNPs che sono presenti nella parte codificante o nell’intero genoma di un individuo; indagare 964.193 SNPs sull’intero genoma,grazieadunastrategiadiindagineperSNPs denominata “wide”. Il rapporto finale delle analisi di Genomica Personalizzata, oltre a fornire informazioni scientifiche e di cultura specifica di settore, contiene indicazioni importanti per gli specialisti dell’ambito medico e nutrizionale, che possono farne uso nell’impostare percorsi mirati di prevenzione ed eventualmente di diagnosi e cura. Per questo si suggerisce vivamente dopo l’esecuzione del test di consultare un medico per definire il proprio stato di salute generale e per condividere con lui la strategia in cui inserire questa indagine”. Come aderire al servizio, qual è l’iter e da seguire? “Una volta deciso di sottoporsi al test predittivo scelto, occorre compilare un modulo di richiesta e dopo aver effettuato il pagamento si riceverà a casa il KIT contenente i tamponi buccali utili per il prelievo dei campioni. Dopo aver effettuato il prelievo dei campioni, occorrerà contattare il Customer Care - sempre a disposizione in tutte le fasi - che si occuperà del ritiro del campione prelevato e del suo trasferimento in laboratorio. In laboratorio verranno effettuate le indagini richieste mediante microarray platform di ultima generazione per scansione e/o sequenziamento ad alta efficienza (o hightroughput) di DNA. Una volta completata l’indagine, che richiede circa 8 settimane, verrà stilato un Report che successivamente verrà inviato al cliente via mail protetto da PW. Il test si esegue una sola volta nella vita, ovviamente l’età è un fattore molto importante. La genomica studia i geni che contribuiscono solo in parte alla malattia, vale a dire la valutazione dell’aumento del rischio di malattia causato da singoli polimorfismi. Inoltre, lo studio del genoma comprende le interazioni tra i diversi geni e l’analisi tende a definire il peso di ciascun fattore nel determinare una malattia, identificando quindi specifici fattori di rischio. Ciò premesso, i test genomici analizzano diversecomponentidelgenoma(elelorointerazioni) per determinare la probabilità individuale di insorgenza di uno specifico fenotipo, comprese le malattie complesse. Questi test possono riguardare l’analisi dell’intero genoma o di particolari regioni il cui significato va però valutato in un’analisi che mette in connessione dati provenienti da diverse porzioni del genoma. Ciò che si eredita in ambito di malattie complesse, non è la malattia, ma bensì la predisposizione o suscettibilità alla malattia”. Tra i servizi offerti da Stemway Biotech anche il trattamentoelaconservazionedellecellulestaminali cordonali presso laboratori con accreditamenti agli standard internazionali HTA GMP equivalente, Autorità pubblica Inglese per il settore delle biotecnologie). In Italia, nonostante la legislazione vigente impedisce la creazione di bio-banche autologhe sul territorio nazionale si riconosce comunque il diritto alle madri della conservazione autologa (utilizzo privato) presso banche di crioconservazione estere. La scelta di conservare le cellule staminali è un fenomeno in aumento perchè, grazie alla giusta informazione, si sta diffondendo l’importanza e i vantaggi di questo trattamento che come ha spiegato Rubini “costituisce un proprio patrimonio genetico da poter utilizzare, in futuro, per esigenze terapeutiche. è un’opportunità unica nella vita di una persona quella di poter preservare le proprie cellule staminali ad uno stadio che precede l’eventuale e malaugurata insorgenza di malattie. è del tutto evidente il vantaggio di poter disporre delle proprie cellule staminali nel caso ci si trovi ad affrontare una terapia che preveda un trapianto di cellule staminali. Evitare la ricerca affannosa di un donatore, cosa che purtroppo non sempre si conclude positivamente, nonchè ogni rischio di rigetto o di infezione sono argomenti che da soli giustificano ampiamente questa scelta”. Le cellule staminali sono molto importanti per la cura di quali patologie? “Attualmente le cellule staminali da cordone sono già utilizzate nell’ambito di terapie per la cura di tumori, di malattie genetiche del metabolismo, di disordini del sangue e immunologici (ad oggi sono più di 80 le diverse malattie trattabili), con una forte accelerazione nello sviluppo delle applicazioni terapeutiche non ematologiche. Numerose altre applicazioni terapeutiche sono in una fase sperimentale, in qualche caso avanzata ma, allo stato,nonsarebbedeontologicodiffonderecertezze sui tempi entro i quali queste ricerche sperimentali diverranno normali applicazioni terapeutiche, sebbene in questo campo i progressi scientifici avvengano ad una velocità impressionante. La
  27. 27. 28 | Health Online 31 comunità scientifica ritiene, comunque, molto probabile che nei prossimi anni le terapie con cellule staminali potranno essere usate in modo esteso per la cura di malattie quali: ricostruzione del midollo spinale danneggiato a seguito di un trauma, cura di malattie neurodegenerative (morbo di Parkinson e morbo di Alzheimer), cura di malattie muscolo- scheletriche, cura di malattie degenerative della retina, della cornea, dell’apparato uditivo, cura di malattie metaboliche (per esempio il diabete) e ricostruzione ossea.” La procedura di raccolta per recuperare il sangue presente nel cordone ombelicale, che può essere effettuata sia con il parto naturale che con taglio cesareo, è semplice, rapida, indolore e priva di rischi. “Nella parte del cordone ombelicale tagliato e disinfettato - ha specificato Rubini - viene inserito un ago per il prelievo del sangue, non inferiore ai 20ml, per essere immediatamente trasferito nella apposita sacca sterile contenuta all’interno del KIT fornito da StemWay Biotech. La raccolta può essere effettuata da qualsiasi professionista del settore sanitario preventivamente informato. StemWay BIOTECH Ltd effettua l’80% delle lavorazioni dei propri campioni di sangue entro le prime 24 ore”. Qual è il tempo massimo di conservazione? “Ad oggi ha senso conservare le cellule per i primi 25 anni. Sono stati eseguiti numerosi studi per determinarne la vitalità dopo prolungati periodi di conservazione e i risultati danno una sicurezza di vitalità per almeno 25 anni. In futuro sarà probabilmente possibile avere maggiori informazioni sulla efficacia del congelamento anche per tempi più lunghi ma, ad oggi, non riteniamo serio e corretto proporre e far pagare ai nostri clienti periodi di conservazione superiori a 25 anni”. Inoltre, Stamway Biotech offre un nuovo test prenatale non invasivo: GenoSearch Mamma. “è un test - ha concluso Rubini - diverso dalle indagini di screening del primo e secondo trimestre di gestazione presenti sul mercato e prevede un’analisi diretta e completa del DNA fetale presente nel sangue della mamma. Misura in modo preciso il DNA fetale dei cromosomi 13, 18, 21, X ed Y, per rilevare la presenza di aneuploidie fetali. Il laboratorio esegue tutte le indagini con la metodica NGS - Next Generation Sequencing, tecnologia di biologia molecolare di ultima generazione. Le sequenze cromosomiche del DNA fetale vengono amplificate e successivamente quantificate, al fine di individuare eventuali aneuploidie cromosomiche. Non ha controindicazioni o rischi per il feto ed è fortemente raccomandato in caso di: gravidanze in cui è controindicata la diagnosi prenatale invasiva; quando i genitori che per motivazioni etiche e personali non intendono eseguire test invasivi; positivitàaltestdiscreeningdelprimoodelsecondo trimestre; quadro ecografico di anomalie fetali suggestive di aneuploidia e anamnesi personale/ familiare positiva per anomalie cromosomiche”. TEST PREDITTIVI Una volta deciso di sottoporsi al test predittivo scelto, occorre compilare un modulo di richiesta disponibile sul sito internet www.stemwaybiotech.com, o tramite il Customer Care al numero 840 000 908. Effettuato il pagamento si riceverà a casa il KIT contenente i tamponi buccali utili per il prelievo dei campioni. Il Test consiste nel prelievo di campioni orali che possono essere effettuati anche in autonomia, comodamente a casa. Dopo aver effettuato il prelievo dei campioni, occorrerà contattare il Customer Care - a disposizione in tutte le fasi - che si occuperà del ritiro del campione prelevato e del suo trasferimento in laboratorio dove verranno effettuate le indagini richieste mediante microarray platform di ultima generazione per scansione e/o sequenziamento ad alta efficienza (o hightroughput) di DNA. Una volta completata l’indagine, che richiede circa 8 settimane, verrà stilato un Report che successivamente verrà inviato al cliente via mail protetto da PW. Elenco dei Test Predittivi disponibili: • Oncologia Donna • Oncologia Uomo • Cardiogenomica • Neuroprotezione • Sportgenomica • Nutrigenomica • Dermoprotezione • Prevenzione Light Donna • Prevenzione Light Uomo • Prevenzione Donna • Prevenzione Uomo
  28. 28. www.healthonline.it | 29 CELLULE STAMINALI Dopo aver deciso di aderire al servizio di StemWay BIOTECH Ltd, i futuri genitori possono scegliere l’opzione desiderata compilando l’apposito modulo presente sul sito www.stemwaybiotech.com o tramite il Customer Care al numero 840 000 908. Successivamente al versamento di una quota di acconto al servizio scelto, riceveranno il KIT di prelievo e tutta la documentazione utile ad avviare l’iter previsto per il rilascio del Nulla Osta all’Esportazione del sangue cordonale da parte della Struttura Ospedaliera sede del parto. Poiché l’iter può richiedere qualche tempo, è opportuno avviare non appena possibile le relative pratiche. Il consiglio è quello di richiedere il Servizio di conservazione nel sesto o settimo mese di gravidanza, il personale specializzato StemWay Biotech seguirà i futuri Genitori durante tutti gli step previsti per il rilascio del nullaosta. Al momento del ricovero presso la Struttura del parto, bisognerà portare con sè il KIT di prelievo per consegnarlo al personale medico ospedaliero presente al parto, che si occuperà sia della nascita che del successivo prelievo di sangue cordonale. Il sangue cordonale viene prelevato subito dopo la nascita del bambino. A prelievo avvenuto, i genitori comunicheranno a StemWay Biotech l’avvenuto parto, contattando il numero di telefono indicato sul KIT e seguire le istruzioni precedentemente concordate per il trasporto. In tutta questa fase, così come in ogni altro momento, i genitori riceveranno il supporto del Customer Care di StemWay BIOTECH Ltd. Quando il Kit sarà giunto nei laboratori del centro di crio-conservazione prescelto, il campione di sangue verrà trattato con le più moderne tecnologie, seguendo rigorosi protocolli, per procedere alla separazione delle cellule staminali, alla valutazione del quantitativo e vitalità cellulare, all’esecuzione dei test sierologici e quindi, accertata la idoneità del campione, alla loro crio-conservazione. OPZIONE GOLD L’opzione prevede il servizio di Crio-conservazione delle cellule staminali e la Consulenza Medica per 25 anni. OPZIONE PLATINUM L’opzione prevede i servizi di Crio-conservazione delle cellule staminali, del tessuto cordonale e la Consulenza medica per 25 anni. Il saldo per il servizio scelto verrà corrisposto a StemWay BIOTECH Ltd solamente a conservazione andata a buon fine. Successivamente al pagamento verrà rilasciato un certificato di avvenuta conservazione come da normativa GMP (HTA). TEST DNA FETALE Una volta scelto il test del DNA fetale, occorre compilare un modulo di richiesta disponibile sul sito internet www.stemwaybiotech.com, o tramite il Customer Care al numero 840 000 908. Effettuato il pagamento si riceverà a casa il KIT utile per il prelievo dei campione. Il Test consiste nel prelievo di un campione di sangue materno che può essere eseguito comodamente a casa. è possibile richiedere l’infermiere per il prelievo a domicilio senza alcun costo aggiuntivo. Prima di effettuare il prelievo occorre concordare con il Customer Care - a disposizione in tutte le fasi - il giorno in cui verrà effettuato il prelievo, poichè lo stesso giorno il Customer Care si occuperà del ritiro del campione prelevato. In laboratorio le regioni cromosomiche del DNA fetale circolante vengono sequenziate mediante tecnologia di sequenziamento massivo parallelo (MPS) di ultima generazione dell’intero genoma fetale, utilizzando strumentazioni innovative (NextSeqTM 500, ILLUMINA Inc.) Una volta completata l’indagine il Referto verrà inviato via mail protetto da PW. Elenco dei Test del DNA fetale disponibili: • GenoSearch Mamma® DNA Fetale • GenoSearch Mamma® DNA Fetale con Microdelezioni • GenoSearch Mamma® PLUS DNA Fetale e cariotipo • GenoSearch Mamma® PLUS DNA Fetale, cariotipo e Microdelezioni
  29. 29. 30 | Health Online 31 uno strumento straordinario per dare continuità alla ricerca – afferma Federico Caligaris Cappio, Direttore Scientifico di Fondazione AIRC – I nuovi programmi, come quelli già in corso (6 del 2018 n.d.r) hanno l’obiettivo di trovare nuove cure basate sulla comprensione dei meccanismi che le cellule tumorali utilizzano per disseminarsi. I programmi selezionati attraverso il nuovo bando sono guidati da tre Principal investigator che hanno compiuto da poco cinquant’anni e anche questo è un segnale positivo. Ci conferma che nel nostro RICERCA ONCOLOGICA AIRC: NUOVI PROGRAMMI SPECIALI PER LO STUDIO DELLA METASTASI Intervista a Maria Chiara Bonini, Università Vita-Salute San Raffaele e Ospedale San Raffaele di Milano, Stefano Piccolo, Università degli Studi di Padova e Maria Rescigno, IRCCS - Istituto Clinico Humanitas di Rozzano Ci sono battaglie che si combattono insieme. Con questa frase la Fondazione AIRC annuncia la partenza di tre nuovi Programmi Speciali della durata di sette anni e dedicati allo studio delle metastasi, ancora oggi la causa del 90% delle morti per cancro e uno dei maggiori problemi irrisolti per la cura della malattia. “Si tratta di una concentrazione di risorse e di talenti eccezionale, possibile grazie ai tantissimi cittadini che hanno scelto di rinnovare la propria fiducia in AIRC attraverso il 5x1000, che si conferma Prevenzione di Nicoletta Mele
  30. 30. www.healthonline.it | 31 Paese sta avvenendo un ricambio generazionale, con scienziati di grande valore che portano nuove idee e nuovi approcci alla ricerca oncologica”. I programmi sono stati selezionati dopo la rigorosa valutazione tramite il metodo peer review da parte di un gruppo di esperti internazionali. Uno dei criteri chiave per la scelta è stata la traslazionalità, ovvero la possibilità di tradurre rapidamente le scoperte della ricerca di base in strumenti utili alla clinica e ai pazienti, in un vero dialogo fra ricercatori di laboratorio e medici, affinché ciò che viene investigato dai primi risponda ai bisogni concreti dei secondi. Per i prossimi sette anni una squadra eccezionale di scienziati di quarantuno gruppi di ricerca attivi in tutta Italia lavorerà al fianco dei tre coordinatori, creando così una nuova rete di collaborazione tra istituzioni scientifiche d’eccellenza del nostro Paese. I coordinatori dei programma sono: Maria Chiara Bonini dell’Università Vita-Salute San Raffaele e Ospedale San Raffaele di Milano che porta avanti la ricerca sulle metastasi al fegato originate dai tumori del colon-retto e da quelli del pancreas; Stefano Piccolo, dell’ Università degli Studi di Padova, con il suo gruppo si concentra sulla comprensione delle caratteristiche fisiche e meccaniche delle cellule metastatiche del tumore della mammella e Maria Rescigno, IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, è a capo del programma speciale focalizzato sulla messa a punto di un vaccino terapeutico contro le metastasi da melanoma, sarcoma e osteorsacoma. Mettere in campo nuove strategie per contrastare le metastasi al fegato derivate dai tumori di colon- retto e pancreas significa in primo luogo migliorare la prospettiva di vita di tanti pazienti che ancora oggi si ammalano di queste due malattie. I risultati ottenuti nel corso del programma potranno però rivelarsi utili anche in scenari diversi e per altri tumori. “La scelta di un unico organo, il fegato, e due tumori diversi, colon-retto e pancreas, nasce proprio dall’idea di poter esportare le strategie più efficaci anche ad altre neoplasie, dopo i dovuti aggiustamenti” spiega Bonini. “Dal confronto non emergono infatti solo le differenze, ma anche gli aspetti comuni alle diverse patologie metastatiche. Aspetti che sarà possibile valutare anche in altri tumori”. L’obiettivo finale dei ricercatori è quindi lo sviluppo di nuovi prodotti terapeutici avanzati, basati sulle terapie geniche e cellulari che coinvolgono Dott.ssa Maria Chiara Bonini direttamente il sistema immunitario. Si tratta di utilizzare strategie innovative e le più avanzate tecnologie molecolari, cellulari e genetiche, per arrivare a contrastare in modo efficace le metastasi al fegato derivate dai tumori di colon-retto e pancreas, modificando anche il microambiente capace di favorire la crescita delle cellule tumorali metastatiche e di ridurre l’efficacia delle terapie disponibili.“Vogliamo mettere insieme le più innovative tecnologie molecolari, cellulari e geniche per contrastare in modo efficace le metastasi al fegato – sottolinea Bonini – Lo faremo sia agendo sul sistema immunitario, per aiutarlo a vincere la battaglia contro le cellule tumorali, sia modificando il microambiente che favorisce l’attecchimento e la crescita delle metastasi e che riduce l’efficacia delle terapie attualmente disponibili”. Per comprendere e combattere un problema tanto importante come le metastasi bisogna cambiare prospettiva. Ne è convinto Stefano Piccolo, dell’Università di Padova e dell’Istituto FIRC di Oncologia Molecolare (IFOM) coordinatore del progetto di ricerca sulla comprensione delle caratteristiche fisiche e meccaniche delle cellule metastatiche del tumore della mammella. “Le metastasi sfuggono alla definizione di malattia genetica che ben si adatta alla maggior parte dei tumori primari – spiega Piccolo – Abbiamo deciso allora di affrontarle adottando un nuovo approccio. Vogliamo seguire una strategia finora inesplorata per comprendere come i segnali e le spinte di tipo meccanico e fisico siano in grado di dare alle metastasi quella sorta di ‘superpoteri’
  31. 31. 32 | Health Online 31 che permettono loro di crescere in ambienti diversi. Ci focalizzeremo sulle caratteristiche del microambiente metastatico e su quelle molecole la cui attivazione dipende dagli stimoli meccanici dello stesso microambiente. Questo ci consentirà di identificare nuovi bersagli contro i quali indirizzare terapie mirate e nuove strategie terapeutiche”. Il tumore mammario è il cancro con il maggior numero di nuovi casi diagnosticati ogni anno in Italia (poco meno di 53.000) e rappresenta il 29% circa di tutte le diagnosi di tumore nelle donne. I risultati ottenuti nel corso del programma dovrebbero permettere di ottenere nuove strategie terapeutiche contro il tumore del seno metastatico, magari in combinazione con terapie già esistenti, e di individuare strumenti per una classificazione più precisa delle pazienti. Si tratta in entrambi i casi di agire sui segnali di tipo meccanico, che rappresentano una delle forze che portano alla nascita e alla crescita delle cellule metastatiche. “Spingendo lo sguardo oltre il tumore mammario, potremmo in linea di principio estendere i risultati che otterremo anche ad altri tumori, nei quali le cellule metastatiche rispondono probabilmente agli stimoli meccanici in modo simile” conclude Piccolo. La messa a punto di un vaccino terapeutico per migliorare l’immunoterapia contro il melanoma e sarcma metastatici è il programma di ricerca coordinato da Maria Rescigno, dell’Humanitas Dott. Stefano Piccolo Dott.ssa Maria Rescigno Research Hospital di Rozzano, alle porte di Milano. “L’immunoterapia ha cambiato in modo fondamentale la prognosi di alcuni tumori fino a poco tempo fa considerati incurabili. Tuttavia c’è ancora una percentuale di pazienti che non risponde ai trattamenti con questi trattamenti, che usano i cosiddetti inibitori dei check-point immunitari, farmaci che tolgono il freno al sistema immunitario e lo indirizzano contro il tumore”. Questo perché in molti casi la risposta immunitaria non è stata attivata. La ricercatrice assieme ai colleghi punta a stimolare la risposta immunitaria utilizzando un vaccino terapeutico progettato appositamente contro lo specifico tipo di tumore. In questo modo la terapia potrebbe agire con maggiore efficacia. Un vaccino terapeutico come quello studiato in questo programma rappresenta quindi un’importante nuova opzione terapeutica per pazienti con melanoma e sarcoma metastatici che non rispondono o rispondono in modo incompleto alle terapie oggi disponibili. Inoltre, i risultati del monitoraggio immunitario aiuteranno i medici a capire meglio quali pazienti potrebbero rispondere al trattamento e quindi beneficiarne, ma forniranno anche informazioni utili ad affiancare altre possibili terapie alle combinazioni attuali. Sarà possibile lavorare per creare vaccini terapeutici anche per altri tipi di cancro. “Almeno in linea di principio, la strategia basata sulla vaccinazione potrebbe essere utilizzata in tutti i pazienti per aumentare le loro probabilità di rispondere ai trattamenti successivi” conclude Rescigno.
  32. 32. Mutua MBA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Tel. +39 06 90198060 - Fax +39 06 61568364 - www.mbamutua.org
  33. 33. 34 | Health Online 31 Una visione a 360° della Sclerosi Multipla Incontro con Paola Cavalla, Responsabile del Centro SM della Divisione di Neurologia 1 Universitaria dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino e testimonianza della psicologa Annarita Adduci “You don’t have to see my Ms symptoms, to believe them”, questo è stato lo slogan della Giornata Mondiale della sclerosi multipla celebrata il 30 maggio per l’undicesima volta consecutiva in settanta paesi del mondo. La campagna 2019 del World Ms Day vuole far riflettere, infatti, sull’invisibilità dei sintomi della sclerosi multipla, contrastare i luoghi comuni e aiutare le persone a fornire il giusto supporto ai malati. Secondo le ricerche messe in atto dal Ministero della Salute, attualmente nel mondo sono circa 2,2 milioni le persone affette da sclerosi multipla: 750mila in Europa e oltre 122mila in Italia, dove la malattia colpisce 1 persona ogni 500. Nella Regione Autonoma della Sardegna, in particolare, la prevalenza risulta essere maggiormente elevata, con 1 caso ogni 250 persone. Ogni anno nel nostro paese più di 3.400 persone ricevono una diagnosi di sclerosi multipla: 65-70% è rappresentato da donne. In una situazione come questa, viene naturale porsi la seguente domanda: verrà trovata, in un tempo relativamente breve, una concreta e reale via d’uscita a una patologia devastante e complessa come quella della Sclerosi Multipla? Un interrogativo scisso in più domande che Health Online ha avuto la possibilità di fare alla dott.ssa Paola Cavalla, Responsabile del Centro Sclerosi Multipla presso la Divisione di Neurologia 1 Universitaria dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino. L’intervista si conclude con una testimonianza della dott.ssa Annarita Adduci, psicologa e psicoterapeuta, affetta da SM che ci racconta la sua esperienza oltre la malattia. Si tratta di una dichiarazione importante che ci fa capire quanto sia fondamentale che di questa malattia ciascuno, anche se non direttamente coinvolto, riceva informazioni corrette, al fine di comprenderne completamente le numerose difficoltà presenti e, soprattutto, per capire che in una malattia come la sclerosi multipla il movimento è prezioso e non bisogna darlo per scontato, ogni centimetro risulta essere una enorme conquista. Come mai la sclerosi multipla (SM) viene chiamata anche “sclerosi a placche”? La SM veniva denominata in passato “sclerosi a placche” in quanto con questo termine ci si riferiva Patologie di Beatrice Casella all’aspetto del cervello di chi ne era colpito. Infatti, le lesioni tipiche di questa malattia erano, almeno in parte, visibili ad occhio nudo presentandosi come “placche” dall’aspetto cicatriziale o sclerotiche, da cui il termine “Sclerosi”. Esiste un’età media di insorgenza della malattia? La SM può esordire in ogni età della vita. Tuttavia è diagnosticata più frequentemente tra i 20 e i 40 anni, meno frequentemente prima dei 15 anni e dopo i 50 anni; raro è poi l’esordio prima dei 10 anni e dopo i 60 anni. Da notare inoltre la tendenza a colpire sempre di più le donne (con un rapporto donne: uomini di circa 3: 1). Quali sono le terapie farmacologiche attuali che danno la possibilità di rallentare la forma progressiva della patologia? È necessario distinguere la forma progressiva PRIMARIA (il 10% di tutte le SM) in cui i sintomi si presentano fin dall’inizio in modo graduale e progrediscono lentamente. Questa forma è stata a lungo orfana di terapie; recentemente, per i casi con disabilità limitata e che presentano attività di malattia alla Risonanza Magnetica, è stato approvato un anticorpo monoclonale contro le cellule produttrici di anticorpi, denominato ocrelizumab, capace di rallentare la progressione. Bisogna poi considerare che anche le forme di SM caratterizzate da ricadute e remissioni (cosiddette forme Recidivanti-Remittenti) possono, dopo un tempo variabile, evolvere in forme progressive SECONDARIAMENTE (e diventare quindi SM secondariamente progressive). In queste forme le terapie attualmente approvate sono poche e scarsamente efficaci, ma nuovi farmaci sono all’orizzonte. Può confermare che una buona attività sportiva può contribuire ad un rallentamento della SM? Sì, recenti dati scientifici hanno dimostrato che adottare stili di vita salutari (come il mantenimento di un’attività fisica, l’astensione dal fumo e comportamenti dietetici) possa contribuire a limitare l’evoluzione della SM. Alcuni dati suggerirebbero, per esempio, che una moderata attività fisica di
  34. 34. www.healthonline.it | 35 2-3 volte alla settimana migliorerebbe non solo le performance fisiche, ma anche alcuni parametri alla Risonanza magnetica e diversi marcatori di integrità della barriera ematoencefalica (un indice indiretto di salute del Sistema Nervoso Centrale). Dati più preliminari indicherebbero che l’attività fisica, eventualmente adattata, sarebbe utile anche nelle persone con SM e disabilità più avanzata. Con quali tecniche l’A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino sta contribuendo in maniera significativa alla ricerca e diagnosi della SM? Il Centro SM della nostra AOU si occupa di ricerca di base e clinica. In particolare, seguendo le linee di sviluppo della scuola neuropatologica torinese, si è occupato di ricerca di tipo neuropatologico contribuendo così alla descrizione e caratterizzazione delle lesioni della Sclerosi Multipla nella sostanza grigia. Tali lesioni, sconosciute fino a 20 anni fa, sono evidenziabili con metodiche di ricerca alla Risonanza Magnetica in corteccia e nei nuclei grigi profondi e, più recentemente, con sofisticate metodiche neuropatologiche. Il Centro SM è interessato ai meccanismi che predispongono alla SM attraverso la ricerca in ambito genetico, partecipando al network PROGEMUS (PROgnostic GEnetic factors in MUltiple Sclerosis), coordinato dalla Prof.ssa S. D’Alfonso e dal Dott. M. Leone, che ha integrato dati biologici, dati clinici e di risposta alla terapia di oltre 2000 soggetti con SM. Il network ha partecipato a studi nell’ambito dell’International Multiple Sclerosis Genetics Consortium, studi nei quali sono stati dapprima individuati alcuni geni coinvolti nei processi autoimmunitari, come quelli dell’HLA di classe I, successivamente di molte decine di nuovi loci di suscettibilità nel contesto di un approccio di “studio dell’intero genoma umano” GWAS. Inoltre, il Centro è partner, in collaborazione con il gruppo dalla prof.ssa S. D’Alfonso dell’Università del Piemonte Orientale, del progetto “MultipleMS”, vasto progetto finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito dei progetti Horizon 2020, con una durata di 5 anni coordinato dalla Prof.ssa Ingrid Kockum del Karolinska Institute (Svezia). Lo scopo principale di MultipleMS è di sviluppare validi approcci di Medicina Personalizzata per i pazienti affetti da Sclerosi Multipla (SM). Sempre nel contesto dello studio di meccanismi che predispongono alla SM, il Centro SM ha sviluppato una ricerca in corso di pubblicazione,
  35. 35. 36 | Health Online 31 che mostra come le persone in cui si manifesta la SM si alimentano in modo scarsamente corretto (usando cibi, spesso preconfezionati, ad alto indice glicemico, alto contenuto di grassi saturi, assumendo invece poca frutta e verdura e legumi e alimenti contenenti acidi grassi polinsaturi). Il Centro SM ha inoltre studiato, in collaborazione con il prof. C. Pozzilli dell’Università La Sapienza di Roma, i fattori che modulano la comparsa della disabilità nelle persone con SM, contribuendo a chiarire come siano molto importanti sia gli attacchi nei primi anni di storia della malattia, sia l’età dell’individuo. Inoltre tra le donne, quelle con figli nati dopo l’esordio della malattia vrebbero minori probabilità di raggiungere livelli prestabiliti di disabilità rispetto alle nullipare, anche se non è del tutto escludibile che l’aggressività della SM influenzi proprio la propensione delle donne ad avere figli. La gravidanza rappresenta un affascinante modello per comprendere la SM, ma pone problemi clinici. Infatti, anche se nella seconda fase della gravidanza la donna è relativamente protetta dagli attacchi, l’aspirante mamma e il suo Neurologo si trovano di fronte a una serie di sfide, sia nel periodo del concepimento (sfide legate all’eventuale sospensione dei farmaci usati per tenere a bada la SM) sia nel periodo che segue il parto (sfide legate all’allattamento o al ripristino dei farmaci). Un recente riconoscimento dell’attività svolta insieme al Ginecologo-Ostetrico prof. L. Marozio dell A.O.U. Città della Salute e della Scienza, a fianco delle donne con SM, è giunto dal premio “miglior servizio per la SM” al Concorso Best Practice Bollini Rosa 2018 della Fondazione Onda. Ritiene che in Italia vi sia ancora un’assistenza disomogenea per la Sclerosi Multipla? Negli ultimi decenni, il Sistema Sanitario Nazionale coadiuvato dall’ Associazione dei pazienti (AISM) e integrato dalle Strutture convenzionate, ha fatto grandi sforzi per creare Centri Sclerosi Multipla efficienti distribuiti in modo capillare sul territorio italiano. A guidare questo sforzo è stato il principio che ogni persona affetta da SM debba trovare vicino al proprio domicilio le cure e la presa in carico sanitaria (e se necessario, sociale) di cui ha bisogno. Oggi quindi gli standard assistenziali nella Sclerosi Multipla sul territorio italiano sono alti. Si registrano poi alcuni picchi di eccellenza, riguardanti Centri di più lunga esperienza e di grandi dimensioni, che effettuano anche Ricerca di base e clinica, in cui l’accesso a farmaci innovativi potrebbe risultare anticipato grazie alla partecipazione del Centro a trial clinici internazionali. Testimonianza della dott.ssa Annarita Adduci, psicologa e psicoterapeuta “Ho scoperto di avere la sclerosi multipla all’età di 23 anni. Ne sono passati degli anni rispetto a quel giorno dopo il quale avevo deciso di chiudermi nel buio e nella rabbia per mesi. Tuttavia, oggi, posso dire con certezza che, nonostante la diagnosi ricevuta anni fa, sono riuscita a continuare i miei studi, laurearmi, lavorare e avere una bellissima famiglia. Ho deciso di intraprendere la mia carriera lavorativa assistendo pazienti, bambini e adulti, con disabilità e patologie croniche gravi. Ciò che ho capito nel corso della mia vita, in campo lavorativo e personale, che è essenziale la condivisione intrafamiliare. Sussiste, nella maggior parte dei casi, un effetto protettivo della verità da parte dei genitori nei confronti dei propri figli relativa ad una determinata malattia. Gli studi e la letteratura dimostrano infatti che la verità, a lungo termine, ha un effetto protettivo. Non è facile dirla, è faticosa e si tende a rimandare finché la malattia non si vede. Ma quando si spiega la realtà, il bambino sente di essere rispettato. Se gli si nasconde la verità, avrà probabilità maggiori di sviluppare, nel tempo, problematiche di ansia, perché non riesce a costruire correttamente il quadro della sua vita e a capire quello che succede nella sua casa. Io ho due figli, un maschio di 18 anni e una bimba di 8. La mia patologia è stata diagnosticata prima che nascessero i miei figli e da subito io e mio marito, anche lui psicologo e psicoterapeuta, ci siamo posti il problema dell’importanza di parlarne ai bambini e di coinvolgerli. Abbiamo sempre detto la verità, e i miei figli hanno sempre fatto molte domande. In particolare, una volta mio figlio mi disse: Mamma, si parla sempre delle cose che con la sclerosi multipla non puoi fare, si parla della malattia come di un ostacolo alla felicità. Da qui l’esigenza di scrivere una storia in grado di spostare i riflettori da ciò che la malattia toglie a quello che, al contrario, riesce comunque a dare, che aiutasse tutte le mamme con sclerosi multipla a raccontare ai propri figli l’invisibilità della malattia contro cui combattono, per insegnare loro a dare il giusto valore a tutto quello che riusciamo a fare e a considerare una malattia con una diversa prospettiva. La sclerosi multipla, infatti, dà un valore aggiunto a tutto quello che si affronta. È assolutamente vero che rende tutto più faticoso, ad esempio ci sono giorni che per me le due del pomeriggio è come se fossero le due di notte; ma ci sono tante cose che si possono fare senza problemi, come andare in bici, fare una lunga passeggiata, o ballare senza pensieri, senza paure, come la Gallinella Rossa del mio libro Una formidabile gara di ballo”.
  36. 36. ABBIAMO LA RISPOSTA PRONTA Health Assistance fornisce le soluzioni più qualificate in ambito di salute integrativa, servizi sociali e assistenza sanitaria, per privati e aziende. Siamo un Service Provider indipendente sul mercato dell’Assistenza Sanitaria Integrativa, dei servizi Socio Assistenziali e Socio Sanitari, nel comparto del Welfare Aziendale e privato. Per offrirti il meglio, abbiamo stipulato accordi e convenzioni con le più accreditate Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza, Fondi Sanitari e Compagnie di Assicurazione, nonché Cooperative, Società di Servizi, strutture sanitarie e liberi professionisti. Per i servizi sanitari e socio assistenziali, anche domiciliari: Numero Verde: 800.511.311 Numero dall’estero: +39 06 90198080 Health Assistance S.C.p.A. c/o Palasalute Via di Santa Cornelia, 9 00060 Formello (RM) Per le strutture del Network o a coloro che intendano candidarsi al convenzionamento Ufficio Convenzioni: 06.9019801 (Tasto 2) email: network@healthassistance.it www.healthassistance.it
  37. 37. 38 | Health Online 31 Patologie di Alessandro Notarnicola Aumentano i tumori del sangue, ma cresce la possibilità di curarsi “Le nuove terapie a volte risultano troppo costose e assenti in Italia” A colloquio con Francesco Lanza, direttore dell’Unità operativa di Ematologia dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna Annualmente in Italia vengono diagnosticati 9.200 nuovi casi di leucemie, le cui forme acute rappresentano più del 25% di tutti i tumori dell’età infantile. È questo il dato emerso nel corso dell’ultima Giornata nazionale per la lotta contro le leucemie, i linfomi e i mielomi, promossa ogni anno il 21 giugno dall’Ail. Per l’occasione massimi esperti del settore hanno illustrato i progressi della ricerca direttamente ai pazienti e alle loro famiglie nel corso di incontri e di seminari volti ad appronfondire la tematica. Si potrebbe parlare, a giusta causa, di emergenza tanto che si tratta di un fenomeno abbastanza eterogeneo che in Italia interessa soprattutto quelle aree caratterizzate da un alto inquinamento atmosferico. È questo il caso di regioni come la Campania, la Puglia, la Calabria, e ancora andando verso il Centro, Lazio, Emilia Romagna e Toscana. In buona parte dei casi si tratta di aree fortemente industrializzate, si pensi – uno fra tutti – al Tarantino in Puglia con l’Ilva. La leucemia ha una storia lunga: per la prima volta se ne parlò nel 1827 quando il medico francese Armand Marie Velpeu portò all’attenzione della pubblica opinione il caso di un commerciante di sessant’anni che aveva sviluppato una malattia caratterizzata da febbre, debolezza, calcoli urinari e conseguente ingrossamento del fegato e della milza. Velpeau aveva notato che il sangue del paziente aveva una consistenza come pappa, e avanzò che l’aspetto del sanguefossedovutoaiglobulibianchi.Unventennio più tardi poi fu lo scienziato Rudolf Virchow a notare un numero straordinariamente elevato di globuli bianchi in un campione di sangue da un paziente. Dalla sua definizione nacque il termine “leucemia” che letteralmente significa “sangue bianco”. Francesco Lanza, direttore dell’Unità operativa dei Ematologia dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna, stando ai dati pubblicati più di recente, i tumori del sangue colpiscono più i bambini che gli adulti. Quale la causa? I pazienti più piccoli hanno cellule più immature e sono più suscettibili ai danni genetici. Le leucemie acute, in particolare, rappresentano oltre il 25% di tutti i tumori dei bambini e si collocano al primo posto. La leucemia linfoblastica acuta rappresenta l’80% di tutte le leucemie diagnosticate in bambini fino a 14 anni, mentre quella mieloide acuta rappresenta il 13%. Le leucemie croniche sono invece più tipiche dell’età adulta mentre sono rare in età pediatrica. La leucemia linfoblastica acuta è il tumore del bambino più frequente in assoluto, ad esempio. Le leucemie rappresentano un terzo di tutti i tumori dei bambini e circa 4 bambini colpiti da leucemia su 5 sviluppano la leucemia linfoblastica acuta. Nella fascia d’età tra i 2 e i 5 anni sono maggiormente e rischio. Il numero assoluto di nuove diagnosi di leucemia linfoblastica acuta per anno in Italia è pari a 350-400. Quante sono le malattie ematologiche? Sono numerosissime: ci sono le leucemie acute e croniche e le patologie croniche di altro tipo come i linfomi. Tra i linfomi non hodgkin e hodgkin registriamo 12 mila casi all’anno in Italia, 3500 Francesco Lanza Direttore dell’Unità operativa di Ematologia dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna
  38. 38. www.healthonline.it | 39 leucemie acute e 6 mila casi nuovi di mielomi. La patologia più frequente è la leucemia linfatica cronica che ha un andamento più benigno anche se esistono varianti più aggressive. Questo tipo di patologia ha un’origine genetica, non di tipo ereditario, ed è una neoplasia ematologica che consiste in un accumulo di linfociti nel sangue, nel midollo osseo e negli orgnai linfatici come linfonodi e milza. Globalmente sono patologie abbastanza frequenti: il 30% dell’oncologia in generale. Si muore ancora di leucemia? In campo ematologico sono stati fatti progressi enormi che in oncologia non esistono ancora ed è per questo che in quel caso vale molto la prevenzione,quandoperòiltumoreètroppoesteso, come può accadere nell’intestino, si muore. Nelle malattie ematologiche riusciamo anche a curare il 90% di leucemie e il 60% dei linfomi. Pertanto di leucemia si muore ma sempre di meno. Oggi viviamo grazie a nuove terapie: dalla chemioterapia classica che colpiva le cellule sane assieme a quelle patologiche andiamo verso una terapia intelligente a bersaglio molecolare. Siamo in grado di utilizzare farmaci che sono selettivi per il danno generico che ha determinato quella malattia: curiamo il 50% dei pazienti con farmaci disponibili per via orale. Una delle ultime terapie introdotte è la Car-T Therapy. Come si è arrivati a questa nuova soluzione definita una “rivoluzione” per la cura dei tumori del sangue? Se ne parla moltissimo e giustamente essendo molto efficace. La utilizziamo nel 5% nei linfomi e nelle leucemie acute linfoblastiche frequenti soprattutto nei bambini ma anche nell’adulto (nei quali sono più mieloidi). È una terapia che prende i linfociti del paziente e li arma contro le cellule tumorali; una volta ingegnerizzate utilizzando virus le rinfonde. Sono efficaci ma hanno anche effetti collaterali: molti pazienti possono finire per qualche giorno in rianimazione. Si tratta di una terapia sbarcata in Italia? No. Mentre in altri Paesi la utilizzano molto, per esempio negli Stati Uniti e in Cina, con grossi investimenti, in Italia ancora se ne discute non essendo disponibile. È molto costosa, si aggira intorno ai 400 mila euro per paziente. È comunque un tipo di terapia individualizzata che non contempla un processo industriale. Con il Ministero della Salute italiano se ne parla e le varie regioni stanno discutendo ma ad oggi ci sono pochi centri autorizzati a farlo. Per la leucemia non è ancora possibile definire delle vere e proprie linee di prevenzione. A che punto è la ricerca? Siamo tra i centri più prestigiosi del mondo ma abbiamo uno Stato che ci penalizza molto anche per l’immissione dei farmaci. Su di noi pesa una serie di vincoli burocratici enormi che ritardano l’utilizzo dei farmaci. Siamo in difficoltà. In Italia è tutto molto complicato. A questo si somma un altro dato, e cioè che per la leucemia è difficile fare prevenzione perché è più facile farla nei casi di tumori solidi. È difficile rimuovere un tumore nel sangue. Dal mondo del calcio: Il caso di Mr Mihajlovic “Ho la leucemia. È una di quelle cose che ti cambia la vita da un momento all’altro. Ma sono sicuro che vincerò questa sfida, come ho sempre fatto. E tornerò più forte di prima”. Il 13 luglio scorso erano tutti attaccati al piccolo schermo i tifosi del Bologna, ma più in generale i tifosi del calcio italiano, tutti increduli davanti alle parole tremanti e interrotte dal pianto a tratti di Sinisa Mihajlovic, l’allenatore del Bologna, che ha scoperto di essere affetto da una forma leucemia acuta prevalentemente mieloide diagnosticata tre giorni dopo il suo ricovero nel reparto di ematologia dell’istituto Seragnoli del policlinico Sant’Orsola. Mihajlovic – come ha annunciato sempre in conferenza stampa – ha cominciato il trattamento chemioterapico. Questa forma di leucemia si sviluppa a partire dal midollo osseo e si espande velocemente. L’Airtum registra solo in Italia 2 mila nuovi casi, soprattutto tra gli uomini. Tra le cause principali ci sono il fumo da sigaretta, le radiazioni usate nella radioterapia, esposizione a certe sostanze chimiche come il benezene e i suoi derivati.
  39. 39. 40 | Health Online 31 Salute e benessere di Alessia Elem VITILIGINE: NON SOLO UN PROBLEMA ESTETICO Intervista al dermatologo dott. Stefano Veglio La vitiligine non è solo un problema estetico ma una vera e propria malattia della pelle causata dal malfunzionamento del sistema immunitario che si manifesta con delle chiazze bianche cutanee che tendono, in maniera irregolare ma spesso simmetrica, ad aumentare in dimensioni ed in numero. A soffrirne sono circa 100 milioni di persone al mondo, 1 milione in Italia. Tanti sono i pregiudizi nei confronti di questa patologiachepossonoaveredelleserieripercussioni dal punto di vista psicologico condizionando la vita di relazione e creare importanti disagi. Alcuni personaggi del mondo dello spettacolo soffrono di vitiligine, ma dopo aver trascorso un’infanzia e adolescenza difficili a causa della malattiahannoimparatoaconvivercitrasformandola in un loro punto di forza. è il caso della modella di origini giamaicane Winnie Harlow che ha avuto la sua rivincita qualche anno fa partecipando come testimonial ad una campagna pubblicitaria di un famoso brand di abbigliamento spagnolo. Il popolare anchorman americano Lee Thomas è diventato addirittura portavoce internazionale della vitiligine, anche se durante le interviste copre le macchie con il trucco non per nascondersi, ma per non distrarre i telespettatori e gli intervistati (ha dichiarato). Al di là del fattore estetico che può condizionare la vita di chi è affetto dalla patologia, per sapere meglio quali sono le cause e se ad oggi ci sono delle terapie risolutive, abbiamo intervistato il dott. Stefano Veglio specialista in dermatologia ad Aosta e Dubai. Dott. Veglio può descrivere la patologia? La vitiligine è una patologia sistemica perché coinvolge tutto l’organismo e colpisce il sistema pigmentario quindi le cellule che producono la melanina che vengono attaccate e distrutte (distruzione dei melanociti) creando delle macchie ipocromiche o acromiche. Ci sono due forme, quella volgare che coinvolge tutto il corpo ed è più difficile da trattare e quella segmentaria che è più rara. Non essendo nota la causa principale ad oggi l’ipotesi è quella multifattoriale. è cosi? La causa della comparsa delle macchie è la perdita della melanina, causata essenzialmente da un meccanismo auto-immune: le nostre cellule di difesa attaccano i melanociti inattivandoli. Sicuramente esiste una predisposizione genetica e, come per tutte le malattie auto-immuni, meccanismi che producono radicali liberi. Anche le condizioni di stress psico-fisico possono scatenare o aggravare la patologia. È una malattia imprevedibile. Può colpire chiunque? Quali sono i primi sintomi a cui fare particolarmente attenzione? Il sintomo principale è la comparsa di chiazze depigmentate che con il tempo possono crescere ed estendersi ad altre parti del corpo. Il peggioramento può essere più o meno rapido e a volte la situazione rimane stabile per anni. In alcuni casi il peggioramento è costante creando gravi problemi psicologici al paziente. I soggetti a più alto rischio sono chi soffre di diabete, ipo e ipertiroidismo, alopecia areata e anemia perniciosa. La patologia colpisce sia uomini che donne con una leggera prevalenza del sesso femminile. Può comparire da bambino e il decorso può essere molto rapido. Il picco di incidenza è dai 20 ai 50 anni. Ha un’estensione variabile. Quali sono le parti del corpo maggiormate predisposte e nel giro di quanto tempo si sviluppa? In genere colpisce inizialmente le estremità come mani, piedi e volto e le regioni genitali, ma la velocità di evoluzione non è mai prevedibile. Dott. Stefano Veglio specialista in dermatologia ad Aosta e Dubai

×