Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online - 20

2,859 views

Published on

SPECIALE WELFARE - Il primo periodico di informazione dedicato completamente al mondo della salute e della sanità integrativa

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Health Online - 20

  1. 1. Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa HEALTH luglio/agosto 2017 - N°20 in evidenza Le Società di mutuo soccorso in Italia e in Europa: una ricchezza da valorizzare e tutelare. Intervista all’On. Toia, europarlamentare welfare aziendale MUTUALITà Cosa dice la normativa? Welfare aziendale e Pmi: il rapporto “Welfare Index Pmi” Come stanno andando i Flexible Benefit? Il valore delle SMS: in Italia valgono il 20% del mercato L’unione fa la forza? Harmonie Mutuelle e Mutua MBA a confronto speciale welfare
  2. 2. Nessuna distinzione per numero di componenti della famiglia Nessuna distinzione di età Sussidi per Single o Nucleo famigliare Detraibilità fiscale (Art. 15 TUIR) Nessuna disdetta all’associato Durata del rapporto associativo illimitata Soci e non “numeri” perché abbiamo scelto mba? rimborso interventi home test alta diagnostica assistenza rimborso ticket conservazione cellule staminali visite specialistichesussidi per tutti check up Mutua MBA è da sempre impegnata nell’assistenza sanitaria integrativa e rappresenta l’innovazione, il dinamismo e la qualità nella mutualità italiana ponendosi come “supplemento” alle carenze, ad oggi evidenti, del Servizio Sanitario Nazionale. Vanta un costante incremento del numero di Soci Promotori e propone numerose combinazioni assistenziali che offrono un’ampia gamma di prestazioni sanitarie a costi agevolati per oltre 350.000 assistiti, tra famiglie e nuclei. Mutua MBA Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Tel. +39 06 90198060 - Fax +39 06 61568364 www.mbamutua.org
  3. 3. Health Online periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa Anno 4° luglio/agosto 2017 - N°20 Direttore responsabile Nicoletta Mele Direttore editoriale Ing. Roberto Anzanello Comitato di redazione Alessandro Brigato Mariachiara Manopulo Giulia Riganelli Direzione e Proprietà Health Italia Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) info@healthonline.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. iscritto presso il Registro Stampa del Tribunale di Tivoli n. 2/2016 - diffusione telematica n.3/2016 - diffusione cartacea 9 maggio 2016 ImPaginazione e grafica Giulia Riganelli immagini Fotolia Tiratura 102.003 copie Visita anche il sito www.healthonline.it potrai scaricare la versione digitale di questo numero e di quelli precedenti! E se non vuoi perderti neanche una delle prossime uscite contattaci via email a info@healthonline.it e richiedi l’abbonamento gratuito alla rivista, sarà nostra premura inviarti via web ogni uscita! Per la tua pubblicità su Health Online contatta mkt@healthonline.it HEALTH
  4. 4. Gli enti di sanità integrativa hanno ormai una lunga storia alle spalle, ultra centennale nel caso delle Società di Mutuo Soccorso, quasi cinquantennale nel caso delle Casse di Assistenza Sanitaria e oltre che ventennale nel caso dei Fondi Sanitari. Una storia che è fondata, costruita, organizzata su alcuni concetti fondamentali quali il diritto costituzionale alla salute di ciascun individuo, il bisogno di assistenza sanitaria di tutti i cittadini, il concetto di mutualità ed il valore sociale della sanità integrativa. Questo ha comportato, non solo a livello del nostro paese ma anche a livello europeo, la predisposizione, l’aggiornamento ed il continuo adeguamento di un quadro giuridico e fiscale che ormai si può ritenere articolato e completo e che differenzia in punto di diritto questi enti dalle aziende che operano nel settore della sanità integrativa, a qualsiasi titolo, come società a capitali privati. Esiste quindi la cornice di un vero e proprio modello strutturale di sanità integrativa ma il quadro, anche se già oggi abbastanza ben fatto, va sicuramente ammodernato con un maggiore perfezionamento dei modelli di innovazione, dei percorsi di prevenzione e dei sistemi di promozione. L’evoluzione tecnologica, l’ampliamento della scienza medica e le crescenti necessità sanitarie della popolazione richiedono a questi enti un ampliamento dei servizi offerti ai loro associati, un’intensificazione dei sistemi di prevenzione sanitaria e una maggiore prossimità ai loro aderenti. Gli enti di sanità integrativa hanno il dovere, a nostro avviso, di implementare la logica di base dei loro servizi ricorrendo all’innovazione, che nel settore della sanità sta conoscendo uno sviluppo considerevole. E’ sufficiente pensare alla possibile implementazione dei sistemi di medicina a distanza che, se utilizzati per gli oltre 10 milioni di cittadini che aderiscono già oggi a forme di sanità integrativa, consentiranno di fornire servizi medici ancora più efficaci agli aderenti, diminuendo il ricorso alla spesa sanitaria pubblica e l’impatto economico sui costi dello stato rendendo altresì sempre più efficiente il modello. I Fondi Sanitari, le Casse di Assistenza e le Società Generali di Mutuo Soccorso, che ricordiamo essere gli unici enti legittimati a gestire programmi di sanità integrativa, debbono necessariamente accelerare nell’utilizzo di strumenti sanitari innovativi principalmente di medicina a distanza, che consentano a tutti i loro soci di usufruire della possibilità di ricevere assistenza sanitaria in tempo reali, con costi ridotti e con prestazioni qualitative. Ma l’innovazione da sola non è sufficiente in quanto sono economicamente misurabili anche i vantaggi che deriverebbero al sistema paese se si agisse in campo sanitario maggiormente in termini di prevenzione piuttosto che dedicarsi quasi esclusivamente alla cura di patologie ormai acclarate. Prevenire significa realizzare modelli comportamentali adeguati costruiti su stili di vita corretti, alimentazione sana, attività fisica coerente con le necessità di ogni soggetto e controlli periodici, al fine di permettere agli individui di evitare di compromettere la propria efficienza fisica intervenendo prima che il problema sanitario sia evidente e misurabile. Anche in questo ambito gli enti di sanità integrativa devono implementare ulteriormente il loro operato rafforzando ancora di più i presidi dedicati alla prevenzione, fornendo maggiore consulenza ai loro associati, sviluppando ancora più intensamente i programmi di prevenzione che già oggi effettuano. Ma innovazione e prevenzione non sono ancora sufficienti a completare il quadro se i cittadini non sono a conoscenza delle possibilità offerte dagli enti di sanità integrativa e dai nuovi modelli di welfare che il legislatore sta costantemente e correttamente incentivando. Non c’è ancora piena consapevolezza nei cittadini italiani della grande opportunità fornita loro dalla sanità integrativa che, se gestita esclusivamente in una logica mutualistica, consente di integrare i servizi sanitari pubblici con prestazioni di elevata qualità permettendo, nel contempo, allo stato di dedicare le risorse economiche disponibili, e per evidenti ragioni non infinite, per le fasce economicamente più deboli della popolazione in un equilibrio sociale sostenibile. Lo sviluppo costante e coerente di un secondo pilastro sanitario può proseguire se i Fondi Sanitari, le Società Generali di Mutuo Soccorso e le Casse di Assistenza Sanitaria incrementeranno ancora di più il loro impegno per rendersi ancora più prossime ai loro associati e per comunicare la loro capacità di assistenza sanitaria. E’ necessario che questi enti intensifichino lo sforzo finalizzato a realizzare strutture sanitarie che operano in assistenza ai soci a livello locale per velocizzare l’accesso ai servizi. E’ indispensabile che questi enti rafforzino la loro capacità di fornire spiegazioni agli associati dove il socio promotore della salute od il socio promotore mutualistico, che ricordiamo essere una figura professionale che nulla ha a che vedere con le professioni legate all’intermediazione assicurativa, creditizia o finanziaria, ove anzi è con queste giuridicamente compatibile, possa sempre più diffondere, sulla base dello spirito mutualistico, la possibilità di utilizzare prestazioni fornite da enti di sanità integrativa. E’ opportuno anche che questi enti comunichino sempre di più ai loro soci ed ai cittadini tutti le prestazioni che offrono, i servizi che mettono a disposizione, i presidi che utilizzano affinché ogni azienda, ogni famiglia ed ogni individuo siano informati e consapevoli dell’opportunità di salvaguardia della loro salute fornita dagli enti di sanità integrativa. Certamente ci sarà sempre chi, per interessi corporativi od economici, cercherà di mischiare le carte avocando pretese e diritti giuridicamente inconsistenti e socialmente inopportuni in un quadro legislativo, giuridico, economico, sociale e politico che è già oggi chiaro e definito, ma proprio per questo è indispensabile che gli enti di sanità integrativa proseguano con forza sulla strada intrapresa per compiere definitivamente un sistema di sanità integrativa moderno, adeguato alle esigenze dei cittadini, efficace, efficiente e socialmente utile, completando il quadro, con capacità di innovazione, attività di prevenzione e modelli di promozione indispensabili a garantire il diritto alla salute di ogni cittadino del nostro paese. A cura di Roberto Anzanello editoriale Innovare, prevenire e promuovere nella sanità integrativa
  5. 5. ommari 15 10 08 16 Welfare aziendale e piccole imprese: il rapporto “Welfare Index Pmi” Mutualità e welfare aziendale, un rapporto in evoluzione Aziende, famiglie, individui: sanità integrativa e welfare sono soluzioni ottimali Le SMS in Italia e in Europa: una ricchezza da valorizzare e tutelare Intervista all’Onorevole Patrizia Toia, europarlamentare in evidenza 12 Il valore delle Società di Mutuo Soccorso: in Italia valgono il 20% del mercato 19 Un mercato in crescita e soluzioni opportune: una scelta necessaria
  6. 6. ommari 29 32 Welfare aziendale: cosa dice la normativa? Realtà e confusione 34 26 Le ricette della salute L’unione fa la forza? Riflessioni sul futuro delle società di Mutuo Soccorso 23 Welfare aziendale: come stanno andando i Flexible Benefit? SANITà
  7. 7. Health tips Sapevi che... Per mantenersi in forma è sufficiente dimenticarsi dell’ascensore e fare una corsetta ogni volta che ci si trova di fronte a una rampa di scale: bastano piccoli sprint di pochi secondi, ripetuti per un totale di mezz’ora alla settimana, per allenare cuore e polmoni. Dopo l’estate è facile contare più capelli sulla spazzola o sul cuscino. Per un paio di mesi, può essere utile ricorrere a integratori che contengono vitamine, oligoelementi e amminoacidi che rafforzano la struttura del capello. Ma i capelli a fine estate tendono anche a spezzarsi: per rigenerarli bisogna utilizzare prodotti specifici, come maschere e sieri, che contengono aminoacidi della cheratina. Lo yoga combatte il mal di schiena, migliora la postura e aiuta a tenere a bada ansia e stress. Pare che abbia anche benefici direttamente sull’umore: alcune ricerche negli anni ne hanno sottolineato infatti il potenziale come antidepressivo. Bere regolarmente acqua tiepida e limone alla mattina aiuta a ridurre l’acidità del corpo, uno stato responsabile delle infiammazioni. Il limone aiuta ad eliminare l’acido urico nelle articolazioni, che è una delle principali cause di infiammazioni dell’organismo. È buona regola misurare la pressione due o tre volte al giorno: la rilevazione più importante è quella del primo mattino e di norma viene considerata come valore di riferimento. La fine della giornata, meglio prima di cena, è invece il momento più adatto per la seconda misurazione. Oltre a eliminare i liquidi in eccesso, i cetrioli sono “spazzini” dei dannosi radicali liberi poiché contengono sostanze antiossidanti, in particolare cucurbitina e pinoresinolo. Sono anche ricchi di mucillagini, che hanno un effetto benefico sulla funzionalità intestinale e sul microbiota, facilitando l’eliminazione delle scorie. Lo zafferano contiene vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina E, minerali e due carotenoidi, la crocina e la crocetina. Un mix di sostanze dall’effetto sedativo in grado di agire sul sistema nervoso centrale, attivando la sintesi di serotonina, il neurotrasmettitore del buonumore che regola anche qualità e durata del sonno.
  8. 8. 8 Aziende, famiglie, individui: sanità integrativa e welfare sono soluzioni ottimali a cura di Roberto Anzanello Articolo pubblicato su Health Online n.17 Potremmo dire che ormai il puzzle si è completato: leggi, norme, disposizioni, in alcuni casi ultracentenarie, in altri ventennali ed in altri ancora emanate negli ultimissimi anni, che regolano la sanità integrativa ed i sistemi di welfare aziendale sono state composte in un quadro di insieme che possiamo sicuramente definire più che soddisfacente. Ricordiamoci sempre che il modello sanitario italiano è stato per decenni un sistema di riferimento mondiale ed è opportuno constatare che l’evoluzione degli ultimi dieci anni, peraltro elaborata nella stessa direzione da governi bi, o meglio dire tri partisan ha creato un quadro d’insieme che potrà anch’esso essere un riferimento mondiale. Da un lato abbiamo la sanità pubblica, il primo pilastro, che si sta riorganizzando e dove ci si può oggi concentrare, con il supporto di tutti, sul recupero degli sprechi, che pur ancora ci sono, e sull’efficientamento del sistema organizzativo, che sta procedendo in maniera spedita. Dall’altro lato abbiamo la sanità integrativa e sostitutiva, il secondo pilastro, che può essere gestita esclusivamente da Fondi Sanitari, Società Generali di Mutuo Soccorso e Casse di Assistenza Sanitaria che, proprio per questo gode di interessanti vantaggi fiscali e consente di sollevare la sanità pubblica da oneri che non sarebbe in grado altrimenti di sostenere. Infine abbiamo la sanità privata, il terzo pilastro, erogata tramite servizi sanitari a pagamento diretto o polizze assicurative che è un ulteriore opportunità per chi può permettersi di spendere senza badare ai costi. Se il primo pilastro della sanità pubblica ha l’obiettivo di garantire le fasce più deboli della popolazione e il terzo della sanità privata ha lo scopo di offrire a pagamento servizi sanitari per le fasce meno deboli risulta evidente che l’adeguatezza del nuovo sistema sanitario italiano passa per i Fondi Sanitari, le Società Generali di Mutuo Soccorso e le Casse di Assistenza Sanitaria. E qui è necessario sottolineare che, affinché sia adeguato, il secondo pilastro, realizzato con il modello mutualistico quindi senza scopo di lucro, presupponga un approccio che permetta solo agli enti che lo seguono in termini di principio assoluto di offrire ai propri associati una garanzia di equità sociale ed economica. è stato quindi indispensabile che questi enti si organizzassero secondo principi di efficienza gestionale, con strutture reali ed effettive e costituite da specialisti, con processi operativi informatizzati, con personaleprofessionalizzato, con sistemi all’avanguardia per offrire servizi di sanità integrativa e sostitutiva innovativi, interiorizzando e facendo proprie le logiche di servizio all’associato. Perché l’associato non è un cliente che ha comprato un prodotto ma è parte stessa integrante del sistema sanitario integrativo, è un individuo che si avvale di servizi sanitari ed assistenziali che gli vengono erogati dall’ente a cui ha aderito. Molti Fondi Sanitari e molte Società di Mutuo Soccorso si sono attrezzate per questo ed oggi il modello italiano di sanità integrativa in molti casi funziona in modo adeguato, è operativo nella sua completezza e ben regolamentato. In questo contesto si inseriscono le norme per il welfare aziendale, che ripensate in questi ultimi anni, danno ulterioreforzaallasanitàintegrativaesostitutivadisecondo pilastro consentendo alle imprese ed ai dipendenti di canalizzare risorse verso le coperture sanitarie di matrice mutualistica con ulteriori vantaggi fiscali, economici ed organizzativi. Sicuramente si tratta di un vantaggio di valore assoluto
  9. 9. 9 per le aziende in termini di gestione delle risorse umane, fidelizzazione dei dipendenti e defiscalizzazione, di un vantaggio significativo per i dipendenti e le loro famiglie in termini di protezione sanitaria, risparmio fiscale e economia famigliare e di un vantaggio importante per lo stato in termini di welfare sociale, bilancio e organizzazione sanitaria. A questo punto è solo necessario che tutti i cittadini siano opportunamente informati e a d e g u a t a m e n t e resi consapevoli per consentire che il modello si sviluppi compiutamente con grande soddisfazione di tutti gli attori coinvolti in termini di diritto alla salute, diritto che, come ricordiamo sempre, è costituzionalmente stabilito. Anche in questo ambito qualcosa sta cambiando perché le testate giornalistiche stanno affrontando il tema sempre più spesso ed in modo sempre più preciso, il web consente di veicolare sempre più le esperienze di successo, Health Online continua con impegno a diffondere informazioni, il passa parola si sta rapidamente incrementando con il supporto degli enti di sanità integrativa che opportunamente, in alcuni casi, si sono organizzati con figure professionali a d e g u a t a m e n t e formate, correttamente regolamentate e giuridicamente coerenti che promuovono i loro servizi mutualistici. è quindi indispensabile che ogni cittadino, ogni famiglia, ogni dipendente, ogni manager, ogni imprenditore comprenda appieno il valore sociale, strategico, economico, m o t i v a z i o n a l e , economico e fiscale dei sistemi di sanità integrativa e sostitutiva e di quelli di welfare aziendale perché il puzzle è chiaro, legiferato, organizzato, usufruibile e completo e quindi è sufficiente, oltre che opportuno, aderire a questi programmi per la salvaguardia della salute di tutti noi. KNOW YOUR HOME, Protect your health. Scopri gli inquinamenti nella tua casa con N1 N1 è il primo dispositivo specifico per il monitoraggio delle principali fonti di inquinamento indoor che con il tempo possono nuocere alla salute della famiglia. www.nuvap.com SANITà www.healthitalia.it/check-up ITALIA
  10. 10. 10 Mutualità e welfare aziendale, un rapporto in evoluzione a cura di Mariachiara Manopulo Articolo pubblicato sul blog “La Voce di MBA”, marzo 2017 Lo scorso 14 febbraio, alla Camera dei deputati, è stato presentato il libro di Elio Bava e Vito Caldarazzo intitolato “La mutualità integrativa e assicurativa nell’area odontoiatrica”; l’evento ha rappresentato un’occasione per fare il punto sul ruolo dell’assistenza sanitaria integrativa così per come si è andato delineando negli ultimi anni e analizzare le prospettive per il futuro. Il Servizio Sanitario Nazionale non ha più risorse sufficienti per garantire a tutta la popolazione adeguati servizi, in termini di cure e assistenza. I profondi cambiamenti economici e sociali degli ultimi anni hanno imposto una riflessione e un ripensamento del sistema di welfare: sempre più occorre pensare a modelli che possano sostenere l’arretramento e il ridimensionamento del settore pubblico. Tra il 2009 e il 2016 la spesa sanitaria del nostro Paese è rimasta sostanzialmente invariata; a variare sono state però tante altre cose: l’età media della popolazione si è alzata, si calcola che nel 2050 più del 33% della popolazione sarà over 65, e dobbiamo fare i conti anche con un grandissimo numero di migranti. Insomma, siamo di più e siamo più vecchi, ma i soldi che lo Stato mette per la nostra salute e assistenza sono sempre gli stessi. E chiaramente, il sistema non è più sostenibile. Parallelamente, è aumentata la spesa privata – passata dai 31 miliardi del 2009 ai 36 del 2015 -, e molti cittadini hanno deciso di rinunciare alle cure, prevalentemente per motivi economici, ma anche per le lunghe liste di attesa. È in questo contesto che la sanità integrativa si sta facendo strada. È compito di quello che viene comunemente chiamato “secondo pilastro” contribuire a ridisegnare un sistema di welfare, efficiente, di qualità e organizzato, che affianchi il Servizio Sanitario Nazionale e che, oltre a garantire l’accesso alle cure, permetta anche una corretta prevenzione. Attualmente, solo una minima percentuale della spesa privata, out of pocket, è intermediata da fondi o assicurazioni; da questo punto di vista, l’Italia è indietro rispetto agli altri Paesi europei. Una maggiore diffusione della mutualità integrativa potrebbe quindi cambiare profondamente il sistema e migliorare l’accesso alle cure. Il concetto di mutualità, che trova la sua concreta espressione nelle società di mutuo soccorso e nei fondi sanitari, rappresenta una soluzione innovativa per la popolazione italiana, e può trovare terra fertile anche nelle politiche di welfare aziendale che sempre più aziende hanno deciso di perseguire. Anche nel nostro Paese è infatti in crescita l’uso del welfare come strumento per migliorare il benessere e la produttività dei dipendenti, attraverso benefit mirati alla conciliazione vita-lavoro che hanno l’obiettivo di accrescere il potere d’acquisto. Che il tema sa sempre più importante è dimostrato anche da una ricerca condotta da Doxa – Edenred, secondo cui l’89% delle aziende e il 62% dei dipendenti dà un giudizio positivo sull’adozione di politiche di welfare. Nelle grandi aziende la quota sale al 93%; tra le Pmi, il 78% considera il welfare un’opportunità e solo il 7% non lo reputa utile. Il welfare aziendale rappresenta quindi una grande opportunità, anche per permettere ai lavoratori, attraverso forme di assistenza integrative, di coprire i costi delle prestazioni sanitarie. La sanità integrativa è uno dei benefit più apprezzati dai lavoratori: ad oggi quasi in 7 milioni beneficiano di assistenza, ricorrendo il più delle volte ai Fondi Sanitari Integrativi. La mutualità dei lavoratori è un elemento nuovo e innovativo nella contrattazione, che nel welfare può trovare quindi nuovi sbocchi: è svincolato dalle rigide logiche salariali, e considerati anche gli aspetti contributivi e fiscali, consente di assicurare ai lavoratori sempre più servizi, senza differenze. Di questo ha parlato nel corso della presentazione Carlo De Masi, segretario generale della Flaei Cisl: la mutualità integrativa deve sopperire alle carenze del pubblico, anche grazie a benefit finanziabili con la contrattazione. L’obiettivo finale deve essere disegnare un nuovo sistema di welfare, che venga incontro alle esigenze delle persone e che garantisca a tutti cure, assistenza e salute.
  11. 11. L’allestimento museale è stato progettato per offrire al visitatore un quadro completo ed esaustivo sulla storia delle società di mutuo soccorso. Il percorso si apre con dei pannelli informativi che raccontano, in una sequenza cronologica, il fenomeno del mutualismo e continua con delle grandi teche espositive in cui è racchiusa una notevole varietà di materiale documentario, nonché un ragguardevole insieme di medaglie, spille, distintivi ed alcuni cimeli di notevole rarità, riconducibilli ad oltre duecentro tra enti e società di mutuo soccorso, con sedi in Italia e all’estero. All’interno del museo è presente uno spazio multifunzionale nel quale coesistono un archivio storico, una biblioteca e un centro studi. Inoltre, è stato riservato uno spazio per ospitare ogni forma d’arte: mostre, concerti di musica e rappresentazioni teatrali. Previa prenotazione, ogni artista potrà esporre o esibirsi gratuitamente all’interno dello spazio dedicato. Il Museo del Mutuo Soccorso, nato dalla volontà di valorizzare la storia delle società di mutuo soccorso, si prefigge di salvaguardare e rendere fruibile al pubblico i beni attualmente in dotazione e di promuovere la conoscenza e la ricerca sul tema della mutualità. Visitando il museo si ha la possibilità di conoscere da vicino le società di mutuo soccorso, le loro tradizioni e l’importanza sociale che hanno ricoperto nelle varie vicende storiche del nostro Paese. La struttura accoglie i visitatori anche con visite guidate e per le scuole sono pensati percorsi e laboratori didattici tematici. Sono, inoltre, previste aperture straordinarie nelle quali sarà possibile visitare le mostre in corso, assistere agli spettacoli e partecipare ad eventi e attività didattiche Apertura: Dal lunedì al venerdì previa prenotazione 11.00 - 13.00 | 15.00 - 18.00 Ultimo ingresso 17.30 (ingresso libero) Info e prenotazioni: +39 337 1590905 info@museomutuosoccorso.it www.museomutuosoccorso.it Indirizzo: Palasalute via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM)
  12. 12. 12 Il valore delle Società di Mutuo Soccorso: in Italia valgono il 20% del mercato Intervista a Dragonetti, consigliere di amministrazione di MUTUA MBA a cura di Nicoletta Mele Articolo pubblicato su www.healthonline.it, agosto 2017 Nel settore del welfare un ruolo importante oggi è rappresentato dalle società di Mutuo Soccorso, una realtà storica che offre un sostegno considerevole al cittadino in termini di facilità di accesso alle prestazioni e ai servizi. Negli anni, con il Servizio Sanitario Nazionale non più in grado di garantire i servizi alla collettività e dove spesso alla parola sanità si associa la parola costi, le società di Mutuo Soccorso sono considerate un pilastro determinante per il futuro della sanità italiana. Qual è la loro diffusione in Europa? Dipende molto da come è organizzato lo Stato sociale delle nazioni, ad esempio in Germania, Austria, Svezia, Belgio e Paesi Bassi l’adesione alle mutue è obbligatoria ed è attraverso di loro che viene gestito il sistema sanitario nazionale. In Francia, Lussemburgo e Danimarca invece le mutue hanno il compito di integrare la copertura garantita dallo Stato. In Irlanda e nel Regno Unito rappresentano delle alternative al regime tradizionale. La quota di mercato del settore mutualistico varia di Stato in Stato ed è l’Austria in cima alla classifica con oltre il 60%, l’Italia si colloca poco sopra il 20%. Secondo la ricerca realizzata dall’Osservatorio sull’impresa sociale Isnet, nel nostro Paese ci sono 1.114 società di Mutuo Soccorso (Soms), di cui solo 509 sono attive e il 9% di queste si dedica esclusivamente ad attività socio-sanitarie. In quanto a dimensioni, il 55% delle società sono piccole, con meno di 200 soci, mentre quelle con oltre 5.000 soci sono il 3,5%. Tra le grandi si colloca Mutua Mba, con oltre 350.000 assistiti. I piani assistenziali di Mutua Mba rappresentano 12
  13. 13. 13 un vero e proprio servizio di Sanità integrativa e sono destinati a migliorare la qualità di vita degli associati. Mutua Mba garantisce la crescita della corretta informazione, della cultura della mutualità e della prevenzione. Una delle caratteristiche della mutua è quella di essere sempre in prima linea sul campo dell’innovazione dei servizi e attenta alla prevenzione. “La capacità di innovare i servizi e di comunicarli è una nostra grande caratteristica”. Le parole di Luciano Dragonetti, consigliere di amministrazione di Mutua Mba. Tutto questo è reso possibile grazie anche alla presenza continua e costante su tutto il territorio nazionale dei soci Promotori mutualistici. Il promotore mutualistico è una figura importante e nuova: oltre ad essere socio e avere diritto ai sussidi assistenziali della mutua, promuove i contatti con potenziali nuovi soci, al fine di aumentare la crescita della mutua. Grazie alla collaborazione con Health Italia S.p.A., c’è una formazione di alto livello dei soci promotori che permette una continua e aggiornata informazione sui servizi sanitari erogati dal pubblico e le diverse combinazioni assistenziali alle quali è possibile accedere per la tutela della salute. E non solo. Mutua Mba si avvale anche della collaborazione di CoopSalute, l’unica centrale salute cooperativa in Italia con oltre 2000 strutture sanitarie convenzionate ed oltre 15.000 professionisti associati. “Il nostro obiettivo - ha detto Dragonetti - è quello di costruire una nuova forma di Welfare non sostitutivo ma integrativo al Sistema Nazionale, con servizi più vicini ai bisogni dei cittadini, risposte veloci e chiare e costi sostenibili”. Insomma, una sorta di welfare evoluto fatto da privati per privati con logiche di maggiore efficienza. Mutua Mba pone sempre al centro della sua attività la salute e il benessere delle persone ed è infatti molto importante il coinvolgimento dei soci nella mutua. “Per noi - ha continuato - è essenziale la partecipazione delle persone, ogni socio è per Mutua Mba una reale risorsa”. È con la tessera associativa di Mutua MBA, una vera e propria carta d’identità del socio, inviata ad ogni associato che ne fa domanda, che si può aderire non solo ai sussidi base ma anche ai molteplici piani assistenziali. La card è quindi uno strumento, che richiama valori come appartenenza e utilità al tempo stesso. “Tra i numerosi vantaggi di associarsi - ha spiegato Dragonetti - c’è quello che non si hanno costi associativi per età o per numero di componenti di un nucleo familiare. Inoltre, non vi sono discriminazioni per stato sociale, lavorativo o per sesso, c’è il riconoscimento della coppia di fatto e anche l’inclusione nella copertura dei figli oltre 26 anni affetti da gravi disabilità. Tutti possono diventare soci di Mutua Mba, senza alcun limite di età e nel rispetto del principio della porta aperta”. Mba si è sempre distinta nel panorama delle società di Mutuo Soccorso, per l’innovazione dei sussidi, creati appositamente per rispondere alle esigenze dell’associato, e per l’attenzione alla prevenzione, con il check-up personalizzato, l’home test (è un kit di prevenzione semplice, efficace e certificato, inviato agli associati al momento della adesione alla copertura sanitaria) e l’innovativo servizio di accesso agevolato alla conservazione delle cellule staminali, importante per comprendere il modello etico e sociale che guida le azioni della società di Mutuo Soccorso. Fanno parte dell’offerta mutualistica prestazioni come: grandi interventi chirurgici, alta diagnostica, visite specialistiche, esami strumentali, rimborso ticket, prestazioni odontoiatriche e oculistiche. Inoltre è previsto un contributo per i casi di non autosufficienza. Un altro fattore molto importante da non sottovalutare è che Mutua Mba beneficia dei vantaggi fiscali, “un risparmio del 19% - ha concluso Dragonetti - quindi un bel po’ per le tasche delle famiglie. Inoltre, Mutua Mba non applica la disdetta al singolo associato, caratteristica invece diffusa tra le compagnie di assicurazione che operano ai fini lucrativi”. Mutua Mba ha un’attività dinamica che gli permette di essere presente su tutto il territorio nazionale e attenta alle più importanti esigenze dell’associato. E come ha affermato Dragonetti, “fare mutualità è anche vivere la comunità”.
  14. 14. Presentano Diventa un associato e cambia adesso il tuo futuro, richiedi la consulenza di un promotore! www.garanziasalute.it garanziasalute@radioradio.it Il Fondo Garanzia Salute nasce nell’ottica di offrire un servizio in linea con i principi cardine cui si ispira una Società di Mutuo Soccorso, la solidarietà e la cooperazione, che riconoscono nella sanità integrativa l’unica forma di assistenza concreta e sostenibile che opera senza scopo di lucro. La volontà di diffondere il più possibile il principio di prevenzione ha spinto Mutua MBA ad affidarsi a Radio Radio, emittente radiofonica romana che sin dalla sua nascita si è caratterizzata come talk radio, ed elaborare per gli ascoltatori un’offerta di 9 sussidi: Pop, Rock, Techno e Dance dedicati agli under 65, Jazz, Classica, Blues, Country e Folk per gli over 65. La sanità d’eccellenza per le famiglie di Radio Radio!
  15. 15. 15 Il welfare trova spazi sempre più ristretti nel bilancio dello Stato. Ed ecco che si sta facendo largo il welfare aziendale, sempre più diffuso non solo nelle grandi realtà ma anche tra le piccole e medie imprese. A dirlo sono i dati del Rapporto 2017 “Welfare Index Pmi”, promosso da Generali e presentato a Roma, con la partecipazione di rappresentanti di Confindustria, Confartigianato e Confagricoltura, oltre che del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. La ricerca è stata condotta su un campione di 3.422 piccole e medie imprese, rappresentative di cinque settori produttivi (industria, commercio e servizi, agricoltura, artigianato, studi e servizi professionali, più il terzo settore.) con almeno 6 dipendenti, con l’obiettivo di monitorare la crescita del welfare aziendale nel 2016 nei principali settori produttivi. Sono state considerate dodici aree di azione: previdenza integrativa, sanità integrativa, servizi di assistenza, polizze assicurative, conciliazione vita-lavoro, sostegno economico, formazione, cultura e tempo libero, sostegno ai soggetti deboli, sicurezza e prevenzione, welfare allargato al territorio e alle comunità. Tra le iniziative preferite troviamo la sanità integrativa – il 47% delle imprese quest’anno ha realizzato almeno una iniziativa, nel 2016 solo il 39% – seguita da azioni per migliorare la conciliazione vita privata/lavoro (con orari flessibili, ed una estensione ai congedi di maternità e paternità), e incentivi e iniziative per il tempo libero. È importante considerare che quando lo studio è stato realizzato, alla fine dello scorso anno, non erano ancora in vigore i nuovi incentivi previsti dalla Legge di Stabilità 2016 sui premi di produttività pagati sotto forma di welfare. Nonostante questo, le piccole e medie imprese quindi si stanno dimostrando – gradualmente – sempre più attente al benessere dei dipendenti. Non ci sono grandi differenze tra nord e sud, ma resta un divario tra le realtà più piccole e le grandi imprese: per quanto riguarda la sanità integrativa, ad esempio, si passa dal 23,7% delle imprese con meno di 10 dipendenti, fino al 72,4% in quelle dai 100 ai 250 dipendenti. Questo è probabilmente dovuto sia ad una mancanza di risorse che di competenze interne, è difficile strutturare iniziative di welfare su una popolazione minima di lavoratori. Ma la strada per una diffusione sempre maggiore di questa realtà sembra ormai tracciata e in discesa. Le protagoniste della crescita sono state le imprese già attive, che avevano avviato piani di welfare aziendale già negli anni precedenti. Le imprese molto attive, che attuano iniziative in almeno sei aree, sono quasi raddoppiate: 18,3% del totale rispetto al 9,8% dello scorso anno. Il 40% delle pmi è attivo in almeno quattroareediwelfareaziendale;il58% in tre. “Fondamentale importanza” è rivestita dalla previdenza integrativa: quattro imprese su dieci hanno previsto misure volte ad integrare la pensione del personale. Il rispetto e la conciliazione delle esigenze di imprese, lavoratori e territori, nella speranza di continuare ad avere il sostegno del governo, come del resto è stato promesso dal ministro Poletti: “abbiamo intenzione di continuare a sostenere lo sviluppo e la crescita del welfare aziendale”, ha ribadito. Manca però forse un po’ di informazione: solo due aziende su dieci infatti conoscono precisamente le regole e gli incentivi del welfare aziendale. I fattori chiave per la futura crescita del welfare nelle piccole e medie imprese italiane sono quindi la conoscenza delle norme, degli incentivi e degli strumenti del welfare aziendale, come i flexible benefit, insieme alla possibilità di aggregarsi in rete di impresa. Il 50,7% delle aziende coinvolte nello studio ha dichiarato di avere adottato misure di welfare per migliorare il clima aziendale e il benessere del personale, mentre per il 16% l’obiettivo era la fidelizzazione all’azienda e il miglioramento della produttività. Il 71% delle realtà ha dichiarato di avere già ottenuto buoni risultati e di attendersi ulteriori miglioramenti nel lungo periodo. a cura di Mariachiara Manopulo Articolo pubblicato su www.healthonline.it, marzo 2017 Welfare aziendale e piccole imprese: il rapporto “Welfare Index Pmi”
  16. 16. 16 Le SMS in Italia e in Europa: una ricchezza da valorizzare e tutelare Intervista all’Onorevole Patrizia Toia, europarlamentare a cura di Nicoletta Mele Articolo pubblicato su www.healthonline.it, luglio 2017 Crescita e innovazione, con queste due parole l’Onorevole Patrizia Toia, eurodeputata eletta tra le file Pd dal 2004, descrive il settore del mutualismo e del welfare in un articolo apparso sulla rivista Valori. In un’epoca in cui il sistema di welfare pubblico non è più in grado di andare incontro alle necessità delle persone, le società di mutuo soccorso, la più antica forma di assistenza e di tutela di lavoratori e cittadini, in Italia e in Europa rappresentano una ricchezza da tutelare e valorizzare. Una risorsa su cui però, c’è poca consapevolezza, e che ancora non è pienamente riconosciuta a livello normativo. Nell’Unione Europea le mutue offrono servizi sociali e sanitari a 230 milioni di cittadini, con 180 miliardi di euro di quote associative. Cosa si fa in Europa per tutelare le società di Mutuo Soccorso? Health Online l’ha chiesto all’Onorevole Patrizia Toia, da anni al Parlamento europeo che, con altri parlamentari di tutti i Paesi e di diversi orientamenti politici, lavora nell’Intergruppo per l’Economia Sociale. “A Bruxelles - ha detto - si stanno studiando varie ipotesi normative per valorizzare le diverse esperienze europee e per andare verso una armonizzazione dei sistemi mutualistici pubblici e privati”. La crisi economica e finanziaria dal 2008 ha imposto un ripensamento dei sistemi di welfare. Secondo lei, in questo contesto, in che modo le mutue possono giocare un ruolo di primo piano nella costruzione del nuovo welfare? “La crisi finanziaria ha imposto un ripensamento di tutto il rapporto tra capitale pubblico e capitale privato, tra cui i sistemi di welfare occupano un posto di centrale importanza. I vincoli imposti dalle esigenze di risanamento dei conti pubblici, e allo stesso tempo le enormi masse valutarie a disposizioni sui mercati privati, hanno convinto i vertici europei a sperimentare nuove forme di iniziative pubblico-private, come ad esempio il piano Juncker per gli investimenti, in cui le risorse pubbliche sono utilizzate solo come garanzie per permettere di mobilitare i capitali privati sui vari progetti. Analogamente sono state rivalutate tutte quelle esperienze di investimenti a impatto sociale e di tradizioni privatistiche che svolgono un importante ruolo pubblico come la società di mutuo soccorso italiane”. In Italia le Società di Mutuo Soccorso rappresentano una realtà in crescita ed un’alternativa al Sistema Sanitario Nazionale, si caratterizzano anche per lo svolgimento di attività sanitarie integrative del SSN, garantendo forme di tutela importanti e risposte personalizzate ai bisogni dei cittadini. Gli altri Paesi dell’Unione come si pongono nei confronti dellesocietàdiMutuoSoccorso?Èuntemaparticolarmente importante e sentito come in Italia? “Ogni Paese europeo ha tradizioni e normative differenti, quindi è difficile fare paralleli. In Europa è sicuramente la Gran Bretagna il Paese che è più all’avanguardia nella sperimentazione di capitali privati per integrare il welfare pubblico, mentre i Paesi nordici sono quelli con i sistemi di welfare più avanzati, anche se prevalentemente a capitale pubblico, da cui possiamo imparare tanto”. Ha curato il rapporto di Iniziativa sull’Economia sociale di mercato per un maggiore riconoscimento culturale e giuridico di tutte le realtà del mondo associativo. Cosa prevede il rapporto? Quali sono i punti principali e gli obiettivi? “In quella relazione abbiamo posto per la prima volta l’esigenza di un riconoscimento formale del concetto di economia sociale, che è la premessa di qualsiasi percorso legislativo, così come quella del riconoscimento giuridico delle associazioni, delle mutue e delle fondazioni. Inoltre nel testo si avanzano una serie di proposte per proteggere e valorizzare il lavoro di tutto quel vasto mondo che rientra nella definizione di ‘economia sociale’. Da allora molti di quei concetti hanno fatto molta strada e alcuni oramai fanno parte delle politiche e delle proposte della Commissione europea, che lo scorso aprile ha presentato il ‘pilastro europeo dei diritti sociali’”. Insieme ad altri europarlamentari fa parte delI’Intergruppo per L’Economia Sociale. In cosa consiste il vostro lavoro e quali sono gli argomenti sui quali vi confrontate?
  17. 17. 17 “Con i colleghi portiamo avanti un lavoro che è molto simile a quello delle diverse commissioni parlamentari con cui viene suddiviso e organizzato il lavoro dell’Europarlamento. Il problema è che esiste ad esempio la commissione Libertà civili, quella Occupazione ma niente di specifico sull’economia sociale. Per questo con i colleghi degli altri Paesi e degli altri gruppi politici abbiamo deciso di riprendere i lavori di questo Intergruppo, organizzando eventi e invitando a Bruxelles e a Strasburgo i protagonisti in grado di illustrarci le migliori pratiche nel settore e mettiamo a punto proposte incontrando i commissari e gli esperti nazionali”. Negli anni, grazie al vostro lavoro e impegno sono stati raggiunti dei risultati: nel 2013 avete approvato una risoluzione per chiedere alla Commissione Europea di presentare delle proposte legislative per permettere alle mutue di operare su scala continentale e transfrontaliera… “Il mercato unico dell’Unione Europea è oramai una realtà consolidata. I cittadini europei sono liberi di spostarsi, di lavorare e di vivere in qualsiasi Paese Ue, quindi in questi anni si sta facendo un grande lavoro per aggiornare migliaia di normative nazionali e adeguarle a questa nuova realtà, così come è stato fatto per la tessera sanitaria e per la possibilità di avvalersi dei sistemi sanitari di tutti i Paesi Ue”. Si parla anche di promuovere uno statuto della mutua europea. Cosa è stato fatto in concreto su questo? Se ne discute, sono state presentate già delle proposte? “La proposta di uno statuto della mutua europea è in discussione da un po’ di tempo ed è stata pure fatta una valutazione. Gli esperti hanno confermato che uno statuto di questo genere darebbe visibilità al mutualismo e ne diffonderebbe il concetto in tutta l’Unione europea, migliorando così il benessere economico attraverso un modello societario più democratico e flessibile, consentirebbe economie di scala e favorirebbe l’attuazione efficace del mercato unico, migliorando i servizi transfrontalieri e fornendo un regime per il raggruppamento delle mutue, offrirebbe una maggiore certezza giuridica alle mutue, ai cittadini e agli operatori economici, i quali beneficerebbero di un insieme di norme omogeneo e uniforme, abbattendo i costi e, infine, contribuirebbe a promuovere una sana economia sociale”. In Italia, negli anni, la crisi dello stato sociale e i tagli alla spesa pubblica, ai livelli più bassi di altri Paesi Europei, hanno provocato una diminuzione degli investimenti destinati alla sanità pubblica, generando così un’insufficienza di erogazione di servizi e prestazioni per i cittadini. In questo contesto, si colloca la Sanità Integrativa realtà ben radicata nel nostro Paese. Secondo i dati dell’OCPS, Osservatorio Consumi Privati in Sanità di SDA Bocconi School of Management, la spesa sanitaria intermediata dalle varie forme di sanità integrativa ammonterebbe in Italia a circa 4,4 miliardi di euro, su circa 33 miliardi di spesa sanitaria privata e circa 112 miliardi di spesa sanitaria pubblica. Un fenomeno in espansione, che interessa già oggi più di 10 milioni di persone. Stando agli ultimi dati, il 57,1% degli italiani è a favore del cosiddetto “secondo pilastro” e in 26,5 milioni si dicono pronti a sottoscrivere una polizza sanitaria o ad aderire a un Fondo sanitario integrativo. Cosa potrebbe significare per i Paesi come l’Italia lo statuto della mutua europea? “Per l’Italia significherebbe dare certezze giuridiche e una prospettiva futura alle società di mutuo soccorso. Per gli italiani significherebbe poter contare su un’offerta migliore e più ampia”. in evidenza
  18. 18. 1818
  19. 19. Dalle colonne del nostro periodico affrontiamo, con la massima chiarezza da sempre i temi inerenti la sanità con la ferma convinzione che la salute sia il primo dovere di ciascuno di noi e verso i nostri cari e un diritto sancito costituzionalmente e ci sembra opportuno quindi fare il punto della situazione per comprendere bene cosa dobbiamo fare tutti insieme. Nel 2016 la spesa complessiva che in Italia è stata utilizzata per la sanità ha raggiunto, secondo le più recenti stime, 149 miliardi di euro, dei quali 113 circa di spesa pubblica e poco più di 36 di spesa out of pocket. La spesa pubblica ha raggiunto un livello che, se correlato alla situazione economica generale e del paese, difficilmente potrà essere incrementato di molto e che, comunque, a fronte di qualsiasi incremento difficilmente potrà soddisfare le necessità sanitarie di ogni cittadino, fermi restando gli attuali indici di invecchiamento della popolazione, di ampliamento della scienza medica e di sviluppo delle tecnologie sanitarie. Da una recente analisi risulterebbe che, se fossero efficientata la gestione, reso più efficace il modello, razionalizzate le procedure, governate meglio le forniture ed evitati gli sprechi, degli attuali 113 miliardi di euro spesi per la sanità pubblica ben 22 miliardi potrebbero essere meglio finalizzati alle cure ed alla prevenzione. a cura di Roberto Anzanello Articolo pubblicato su Health Online n.19 Un mercato in crescita e soluzioni opportune: una scelta necessaria 19
  20. 20. 20 Al di là di comprendere la validità economica dei parametri stimati quello che ci preme sottolineare è che la spesa sanitaria pubblica richiede oggi indispensabili ed opportuni interventi mirati a garantire una maggiore efficienza, rimanendo però fermo il concetto che la valutazione degli indici sulla vita media e sulla crescita della scienza medica impongono la scelta obbligata di indirizzare questo denaro verso le fasce più deboli della popolazione, essendo impossibile incrementare in modo sensibile l’esborso dello stato ed essendo impossibile che tale esborso sia sufficiente a consentire cure complete a tutti. Di controverso la spesa privata cresce in maniera sostenuta e la tendenza statistica ci indica che crescerà necessariamente in questo modo per oltre 10 ulteriori anni, ma i dati ci dicono che viene utilizzata non in maniera corretta. Infatti degli oltre 36 miliardi di euro che gli italiani spendono per la propria salute solo 4,5 miliardi sono intermediati e di questi solo 2,5 miliardi sono intermediati da forme di sanità integrativa mentre altri 2 miliardi sono intermediati dalla sanità privata. Si può quindi ragionevolmente sostenere che il mercato della sanità integrativa sarà un mercato in forte crescita per almeno i prossimi 10 anni con evoluzioni sempre più marcate mano a mano che sempre più aziende e cittadini comprenderanno che la soluzione per la salute di dipendenti ed individui sta nella sanità integrativa. La sanita integrativa, che viene gestita dagli enti a questo dedicati quali Fondi Sanitari, Società di Mutuo Soccorso e Casse di Assistenza Sanitaria, che ricordiamo essere enti senza scopo di lucro governati dalle complete ed articolate legge vigenti, si sta intensamente rinnovando in termini sia di qualità dei servizi offerti che di modalità di erogazione delle prestazioni e sarà in grado di soddisfare le necessità sanitarie di sempre più ampie fasce della popolazione, oltre i circa 9 milioni di associati che oggi già ne usufruiscono, mano a mano che sempre più cittadini vorranno usufruire di questa soluzione, che essendo basata sul concetto di mutualità consente di massimizzare l’efficienza maggiore è il numero degli aderenti. Diventa quindi sempre più vero il fatto che la sanità integrativa, gestita dagli enti che la legge disciplina essere dedicati a questo, non è una forzatura del sistema ma una scelta opportuna che consente di ottenere un corretto equilibrio tra spesa pubblica, diritti dei cittadini ed equità sociale. Con questi dati che confermano quello che sosteniamo da tempo la strada è già tracciata e dobbiamo tutti essere consapevoli che non si tratta di valutare delle possibili opzioni ma di seguire con determinazione una scelta strategica che appare ogni giorno sempre più necessaria: l’efficientamento della sanità pubblica e l’ampliamento della sanità integrativa dovrebbero diventare uno modus operandi che ciascun governante, ogni politico, tutti i cittadini e qualsiasi azienda dovrebbe fare proprio. Solo in questo modo daremo corpo al nostro dovere verso la salute di ciascuno di noi ed al diritto costituzionale ad una buona salute per ognuno, creando un mercato della sanità sano ed in crescita con soluzioni opportune di sanità pubblica e di sanità integrativa. Una scelta opportuna per operare la quale è sufficiente che ognuno faccia la propria parte con buona pace di coloro che per interessi economici, corporativi o di settore tentano di confondere le acque a dispetto di una chiarezza che è espressa dai numeri, dalla logica, dalle leggi e dai diritti sociali.
  21. 21. 21 Caritas della Parrocchia di San Lorenzo Martire La Fondazione ha elaborato un sussidio sanitario che consente la copertura di spese per medicinali e spese mediche che il Servizio Sanitario nazionale non copre adeguatamente. In questo modo i costi medici sostenuti dalle famiglie sono alleggeriti e le stesse famiglie sono stimolate a curare e preservare la loro salute! museo del mutuo soccorso La Fondazione ha ereditato da MBA la collezione del Museo del Mutuo Soccorso; il museo, nato con la volontà di raccogliere significative testimonianze sulla storia del movimento mutualistico dal 1886 ad oggi, si prefigge da un lato di salvaguardare e rendere fruibile al pubblico i beni attualmente in dotazione e dall’altro di promuovere la conoscenza e la ricerca sul tema della Mutualità. La Fondazione Basis, costituita per iniziativa congiunta di Mutua MBA, Health Italia e Coopsalute, insieme di realtà impegnate nel sociale e operanti primariamente nel settore della Sanità Integrativa, si propone di svolgere le proprie attività nei settori dell’assistenza socio- sanitaria, nella promozione e nella gestione di servizi educativi, culturali, sportivi e ricreativi, nella istituzione di borse di studio ed iniziative volte a migliorare e gratificare l’esperienza didattica, avvalendosi di strutture ricettive e servizi di accoglienza per giovani e per studenti. Fondazione Basis | Via di Santa Cornelia, 9 | 00060 | Formello (RM) | www.fondazionebasis.org | info@fondazionebasis.org supportare favorire promuovere Un servizio dedicato alle realtà che costituiscono espressione della Società Civile! Tra le varie attività, la Fondazione Basis si è dedicata a:
  22. 22. 22 Siamo una delle più grandi realtà nel panorama della Sanità Integrativa e lo dobbiamo al lavoro, alla passione e alla professionalità che mettiamo in ogni sfida che dobbiamo affrontare. Siamo impegnati nella ricerca costante di nuovi traguardi da raggiungere, forti di un credo che vede la Salute e il Benessere della persona al centro di ogni nostra attività, diritti fondamentali da tutelare e promuovere. In questi anni abbiamo formato professionisti della Salute, sposando i principi di una Società moderna e collaborativa in cui tutti possano contribuire alla costruzione di un sistema socio-assistenziale solido, orientato sulla Cura Totale della persona. Insieme abbiamo creato una rete efficiente e ben organizzata sul territorio credendo nei nostri progetti, ma soprattutto nelle persone che ci hanno dimostrato, nel tempo, dedizione e disponibilità a formarsi. Persone che, ogni giorno, ci consentono di scrutare l’orizzonte con serenità e voglia di fare e alle quali vorremmo dire il nostro grazie. ITALIA “La salute è la più grande forza di un popolo civile”
  23. 23. 23 a cura di Mariachiara Manopulo Articolo pubblicato su www.healthonline.it, febbraio 2017 Welfare aziendale: come stanno andando i Flexible Benefit? I piani di Flexible Benefit sono una soluzione innovativa sempre più utilizzata dalle aziende come strumento di incentivazione del personale: sono beni e servizi messi a disposizione dei dipendenti per motivarli positivamente, coinvolgerli e valorizzarli ed attrarre nuovi talenti. Recentemente, la società Valore Welfare ha condotto un’analisi tra i suoi principali clienti, con l’obiettivo di analizzare il trend e fornire alcune indicazioni sui Piani di Flexible Benefit (PFB) realizzati nell’ultimo anno. Come si legge nella nota diramata dalla società, c’è una differenza sostanziale tra i Piani di Flexible Benefit e i Piani di Welfare Aziendale (PWA): i PFB “sono sostanzialmente meccanismi di remunerazione delle performance raggiunte ovvero – come nel caso di Premi di Risultato detassati (PdR) – sostitutivi della remunerazione monetaria, mentre i PWA coniugano politiche di Responsabilità Sociale d’Impresa – attraverso servizi in grado di innalzare il benessere e la sicurezza sociale del lavoratore e della sua famiglia – con iniziative e meccanismi d’incentivazione dei dipendenti verso il raggiungimento di più elevate e durature performance, facendo leva sulla motivazione, sul commitment e sulla loro identificazione con gli obiettivi ed i valori dell’azienda (con positivi effetti anche sulla brand reputation)”. Nell’analisi sono state considerate anche le modalità di gestione da parte delle aziende (in house o tramite outsourcing con provider specializzati); sono state coinvolte aziende manifatturiere, del terziario, e pubbliche amministrazioni. Dallo studio è emerso che i Flexible Benefit sono diffusi soprattutto nelle imprese manifatturiere (70% del campione), seguite (26%) dalle realtà del terziario (in particolare banche). Il restante 4% si riferisce a P.A. (Autority ed Enti Pubblici non economici), a dimostrazione 23
  24. 24. 24 del possibile sviluppo del welfare aziendale anche nel pubblico impiego. Per quanto riguarda la fonte istitutiva, nella maggior parte dei casi (oltre il 50%) prevale l’unilateralità anche se la sottoscrizione di contratti integrativi è sempre più frequente: nel 70% dei casi, sono stati depositati al fine di poter fruire della defiscalizzazione prevista per i Premi di Risultato (PdR), modalità che consente la welfarizzazione degli importi premiali dovuti ai dipendenti, a fronte del conseguimento di prefissati incrementi di produttività. I Piani di Flexible Benefit sono diffusi anche nelle PMI. Il 43% delle aziende analizzate hanno infatti un massimo di 500 dipendenti. Tra i beneficiari, c’è una netta prevalenza di over 35 (il 60% circa), ma in molte realtà dominano gli over 50. Il valore medio annuo del “welfare wallet” (ossia l’entità economica del budget di cui può disporre il singolo beneficiario) è di circa 650 euro, poi ripartito dai lavoratori in due o tre macro-aree di servizi. Tra le priorità indicate come più rilevanti dai dipendenti ci sono l’assistenza sanitaria integrativa e la previdenza complementare, ma in concreto le scelte operate nell’ambito dei PFB sono diverse e più vicine a misure di sostegno al reddito. Nel 36% dei casi, i lavoratori scelgono il rimborso spese per l’acquisto libri di testo, pagamento delle rette di asili e scuole e più in generale di servizi scolastici (e l’incidenza di tali scelte sale al 47% dei dipendenti nella fascia fra 40-50 anni). Seguono cultura, sport, viaggi (34% tra i dipendenti under 35) e Buoni Acquisto (11%). La destinazione del welfare wallet all’assistenza sanitaria integrativa e alla previdenza complementare sembra essere marginale. Un dato significativo riguarda la percentuale del welfare wallet residuo: alla fine del periodo di validità dei PFB è circa il 20% del wallet medio a disposizione. Dall’analisi è emerso che senza un adeguato piano di comunicazione e d’indirizzo, il lavoratore si trova in difficoltà sia a scegliere sia nel destinare integralmente il suo welfare wallet nei tempi programmati e definiti dal PFB; inoltre, con una fruizione “a richiesta”, in cui ogni lavoratore può scegliere i beni o servizi che preferisce, la scelta cade di solito su servizi immediatamente fruibili, mentre vengono trascurate le iniziative di tutela sociale ed economica di lungo periodo (welfare life cycle). Le grandi imprese per gestione dei PFB tendono a scegliere l’outsourcing, affidandosi ad un provider che, servendosi di un’apposita piattaforma web, riesce ad assicurare la completa gestione delle transazioni ed il controllo di regolarità nella fruizione dei servizi (Health Italia, ad esempio, eroga il servizio tramite la piattaforma Benefit Online). Le PMI gestiscono il più delle volte l’operatività in house, ma il 75% delle aziende coinvolte nel survey sta considerando l’esternalizzazione. In alcuni casi, soprattutto nelle grandi aziende, è presente la figura di un Welfare Manager; le PMI si avvalgono nell’80% dei casi di una consulenza specialistica esterna. Non è ancora molto diffusa e soprattutto non scientificamente organizzata l’attività di monitoraggio dei risultati e di fine tuning sia dei PWA che dei PFB sulla base dell’andamento di specifici KPI (viene attivata solo nel 35% dei casi, soprattutto da grandi imprese e con l’ausilio di consulenza specializzata). Sta invece aumentando la richiesta di servizi di scouting (anche da parte delle grandi imprese) per la selezione dei provider dei servizi di supporto al Welfare Aziendale (SSWA). Questa attività consulenziale è ritenuta utile dal 75% delle imprese intervistate: si tratta di un mercato “nuovo”, per cui anche le aziende dotate di apposite strutture di procurement possono avere bisogno di assistenza per acquisire le giuste competenze. L’offerta di questi servizi è incentrata per lo più sulla disponibilità di portali web, ma questo strumento operativo e gestionale non è più l’unico: la voucherizzazione dei servizi resa ora possibile dall’Art. 51, c. 3-bis è sempre più diffusa. Si tratta anche in questo caso di una novità, e l’offerta di servizi di scouting risulta interessante per quasi tutte le aziende intervistate.
  25. 25. La Selvotta Suite è un’elegante Guest House nel cuore del Parco di Vejo, a pochi chilometri dallo storico comune di Formello ed a soli 17 Km a nord della città di Roma. La bellezza del bosco di querce e la vicinanza al Parco della Selvotta rendono questa location unica nel suo genere, offrendo un’oasi di pace per varie specie di animali la cui compagnia sorprenderà piacevolmente i propri ospiti. La camere, curate nei dettagli in forme e colori,dispongonotuttediserviziprivaticon doccia, asciugacapelli, TV, riscaldamento autonomo, aria condizionata, frigobar, cassaforte e Wi-Fi free. Su richiesta inoltre, è possibile usufruire del servizio lavanderia. www.laselvottasuite.it | info@laselvottasuite.it Via della Selvotta, 23 | 00060 | Formello (RM)
  26. 26. L’unione fa la forza? Riflessioni sul futuro delle società di Mutuo Soccorso a cura di Redazione ANSI Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare Articolo pubblicato su www.sanitaintegrativa.org, aprile 2017 Il mondo delle società di Mutuo Soccorso offre, a livello europeo, servizi sociali e sanitari a 230 milioni di cittadini, con 180 miliardi di euro di quote associative. Ma non esiste una normativa unica, e in alcuni Paesi il concetto di mutualità è più radicato che in altri. Con la crisi economica che ha coinvolto il vecchio continente negli ultimi anni, e il conseguente ripensamentodelwelfare,lasanitàintegrativa, e quindi anche le società di Mutuo Soccorso, si sta ritagliando un ruolo sempre più rilevante. Da anni al Parlamento europeo parlamentari di tutti i Paesi e di diversi orientamenti politici stanno lavorando insieme nell’Intergruppo per l’Economia sociale; tra i più importanti contributi prodotti, si può ricordare il rapporto di Iniziativa sull’Economia sociale di mercato per un maggiore riconoscimento culturale e giuridico di tutte le realtà del mondo associativo. A marzo del 2013 è stata anche approvata una risoluzione per chiedere alla Commissione europea di presentare delle proposte legislative per permettere alle mutue di operare su scala continentale e transfrontaliera. Sono tante le proposte a cui si lavora, tra cui la promozione di uno statuto della mutua europea, che rimuova gli ostacoli normativi che frammentano i mercati, ostacolando l’innovazione e le economie di scala. L’obiettivo è garantire il diritto alla salute di tutti i cittadini. Integrando il sistema pubblico, intermediando la spesa sanitaria privata, le società di Mutuo Soccorso devono diventare un punto di riferimento importante nel campo della sanità. Mutua MBA è la più grande mutua italiana per numero di soci e vanta una presenza su tutto il territorio nazionale equiparabile solo ad alcune delle più significative realtà presenti in Europa, ad esempio in Francia, dove l’importanza dello sviluppo dell’economia sociale e solidale può considerarsi ormai consolidata. Si fa riferimento in particolare ad Harmonie Mutuelle, che raggruppa le più grandi mutue francesi, con oltre 300 agenzie. In Francia Harmonie Mutuelle è un leader. Nata dalla fusione di cinque mutue, protegge la salute di quasi cinque milioni di persone. Anche Mutua MBA sta seguendo questa strada. Dopo la fusione con Mutua Evò, l’incorporazione di Mutua 1886 e Mutua Sarda, nel 2015 ha incorporato anche il Fondo FASV e nel 2017 si appresta inoltre ad integrare Cassa Mutua Cardea. Forse è questa la strada giusta da seguire: unire le società di Mutuo Soccorso, unire i punti di forza di ciascuna mutua, con l’unico obiettivo di riportare la salute al centro. L’adesione di Mutua MBA a Confcooperative va esattamente in questa direzione: fare sintesi, e lavorare per la realizzazione delle migliori sinergie nel mondo mutualistico. I numeri di Harmonie Mutuelle • 4,5 milioni di persone protette • 541.000 aventi diritto al Sistema Sociale degli Indipendenti (RSI) • 124.000 beneficiari della Copertura Malattia Universale Integrativa (CMUC) 26
  27. 27. 27 • Più di 200.000 persone protette • 283 dipendenti e collaboratori • 14 agenzie sul territorio • 135 milioni di premi malattia • 25 milioni di premi infortuni Agrume Groupe Harmonie: nella sua Assemblea Generale del 30 gennaio 2013, il gruppo mutualistico AGRUME ha deciso e approvato la sua adesione all’Union Harmonie Mutuelles. Essendo aderente all’Union Harmonie Mutuelles, Agrume Groupe Harmonie si dota di mezzi per poter garantire, ai soci, i suoi impegni e i suoi servizi. Agrume Groupe Harmonie in numeri • 50 mutue aderenti • 1.300.000 persone protette • 150 delegati Mutuelle “Mare Gaillard”: questa mutua specializzata nella malattia, infortunio e vita fa parte dell’Union dal 2011 e copre i 3 dipartimenti d’oltremare francesi: Guadalupa, Martinica e Guyana francese. La mutua Mare-Gaillard in numeri • Oltre 96 000 persone protette • 163 aziende aderenti • 44 collaboratori • 15 agenzie I numeri di Mutua MBA • Oltre 2.000 promotori Mutualistici • 1 centrale salute • Oltre 40 Operatrici di Call center • Oltre 350.000 assistiti • 70 milioni di contributi • Network convenzionato di oltre 3.000 strutture sanitarie e oltre 300 Cooperative Sociali • Oltre 180.000 richieste di rimborso lavorate ogni anno. La storia di Mutua MBA 2007: a dicembre nasce Mutua MBA 2011: ad agosto, MBA incorpora Mutua Evò. A ottobre 2011, MBA insieme alla più grande Cassa di Assistenza Sanitaria CASPIE (nota come la cassa dei dipendenti Pubblici dal 1979) è tra i fondatori di ANSI (Associazione Nazionale Sanità Integrativa). 2012: a settembre, la “Mutua 1886” viene incorporata in MBA. A dicembre, tocca alla Mutua Sarda entrare a fare parte di MBA. 2015: a novembre, MBA incorpora FASV di Assolombarda. 2017: viene approvato il progetto di fusione per incorporazione della Società di Mutuo Soccorso Cassa Mutua Cardea. • 44.000 aziende aderenti • 2.000 delegati eletti dai membri • 4.600 dipendenti e collaboratori • 2,5 miliardi di raccolta premi malattia • Più di 300 agenzie sul territorio • Una rete di oltre 6.000 operatori sanitari con Harmonie Services Mutualistes. Harmonie Mutuelle è nata dalla fusione delle mutue Harmonie Mutualité, Prévadiès, Mutuelle Existence, Santévie e SPHÉRIA Val de France, con l’obiettivo di rispondere efficacemente ai bisogni degli aderenti, in un contesto economico difficile. Insieme ad altre mutue (Agrume, Mare-Gaillard, Harmonie Fonction Publique e la France Mutualiste), fa parte dell’Union Harmonie Mutuelles. La storia di Harmonie Mutuelle 2004: Prévadiès e Harmonie Mutualité creano L’Union Harmonie Mutuelles, che si propone di dare una risposta comune alle sfide dell’ambiente e ai bisogni degli associati. 2005: Releya aderisce all’Union Harmonie Mutuelles. 2007: La MNAM (Mutuelle Nationale Aviation Marine) si unisce all’Union Harmonie Mutuelles. 2008: Altéis Mutuelles aderisce all’Union Harmonie Mutuelles. 2009: Mutuelle Existence aderisce all’Union Harmonie Mutuelles. 2011: Le mutue SMAR (Mutuelle du ministère de l’Agriculture), Santévie (Midi-Pyrénées), SPHERIA Val de France (Centre-Bourgogne & IDF) e Mare-Gaillard (Antilles françaises) si uniscono all’Union Harmonie Mutuelles. 2012: Le Assemblee di Harmonie Mutualité, Mutuelle Existence, Prévadiès, Santévie e SPHERIA Val de France approvano a giugno la fusione che dà vita ad Harmonie Mutuelle. La Mutuelle Mare-Gaillard, la MNAM, la SMAR, mutue membre dell’Union Harmonie Mutuelles, non hanno partecipato alla fusione ma hanno conservato il loro posto in seno all’unione. Le altre mutue dell’Union Harmonie Mutuelles Harmonie Fonction Publique: è nata dell’avvicinamento delle 2 mutue di funzionari pubblici, la MNAM e la SMAR. Harmonie Fonction Publique è anche una mutua dedicata con “MNAM OM” (Opere Mutualistiche), che gestisce 6 centri odontoiatrici, 7 centri ottici, 4 centri di apparecchi acustici e 2 laboratori odontotecnici. È operativa dal 1° gennaio 2014. Harmonie Fonction Publique in numeri
  28. 28. 28 Coopsalute il primo network italiano in forma cooperativa al servizio della salute e del benessere PuntodiincontrotralaDomandael’Offertadiprestazionineisettoridell’Assistenza SanitariaIntegrativa,deiserviziSocioAssistenzialieSocioSanitari,grazieaFamilydea si rivolge anche al comparto del Welfare e dei servizi ai privati! Coopsalute - Società Cooperativa per Azioni Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) - Italia | www.coopsalute.org | Facebook: Coopsalute Per i servizi sanitari e socio assistenziali, anche domiciliari: 800.511.311 Per le Strutture del Network o a coloro che intendano candidarsi al convenzionamento: Ufficio Convenzioni: 06.9019801 (Tasto 2) e-mail: network@coopsalute.com www.familydea.it
  29. 29. 29 a cura di Livia Foglia Il “welfare aziendale” consiste in un insieme di interventi coordinati in un piano ed attuati dalle imprese, con l’obiettivo di valorizzare le risorse umane, aumentarne la produttività riducendo l’assenteismo, e raggiungere una condizione di benessere all’interno dell’azienda, migliorando il clima aziendale. Il datore di lavoro può infatti mettere a disposizione dei benefit, beni e/o servizi, per andare incontro alle esigenze e alle necessità dei propri dipendenti, favorendo la conciliazione tra la vita familiare e quella lavorativa. Al fine di massimizzare la possibilità di fruizione dei benefit da parte di tutti, ad ogni dipendente può anche essere offerta la possibilità di scegliere ciò che più gradisce, all’interno di un piano composto da differenti beni e servizi (i cosiddetti piani di flexible benefit). I vantaggi fiscali per l’azienda sono molto importanti: sulle somme destinate ai benefit è prevista l’esenzione contributiva totale; solamente per gli importi destinati a previdenza e assistenza sanitaria, è previsto un contributo di solidarietà pari al 10%. Inoltre, tutte le somme destinate a benefit sono deducibili dal reddito d’impresa. Ma ci sono benefici anche per il lavoratore: le somme destinate ai benefit non concorrono infatti a formare la base imponibile (ci sono alcuni limiti, per la previdenza, l’assistenza sanitaria e altri beni e servizi). Le politiche di welfare all’interno delle aziende sono sempre più diffuse, anche grazie alla spinta giunta dal mondo politico. Già con la Legge di Stabilità 2016, infatti, il Governo ha scelto di incentivare il welfare aziendale, prevalentemente con due strumenti: il premio di produttività, prevedendo la possibilità di convertirlo in beni e servizi previsti dal TUIR, beneficiando così di maggiori agevolazioni fiscali (senza che tali servizi concorressero alla formazione del reddito da lavoro dipendente) e l’ampliamento del paniere dei benefit mediante l’aggiornamento dell’art.51 del TUIR. La tendenza è stata confermata dalla Legge di Stabilità 2017, che ha ampliato l’utilizzo del premio di produttività dando allo stesso tempo sempre più rilevanza alla contrattazione aziendale, territoriale e nazionale. Entrando nel dettaglio: il tetto massimo di reddito di lavoro dipendente che permette l’accesso alla tassazione agevolata è stato alzato da 50.000 a 80.000 euro; gli importi dei premi erogabili sono aumentati da 2.000 a 3.000 Welfare aziendale: cosa dice la normativa? 29
  30. 30. 30 euro, e da 2.500 a 4.000 per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro. La normativa di riferimento Quando si parla di leggi, nell’ambito del welfare aziendale, si fa riferimento al TUIR – Testo Unico delle Imposte sui Redditi, in particolare all’art. 51 e all’art. 100. Il combinato disposto di questi due articoli prevede un regime fiscale agevolato per le somme che l’azienda mette a disposizione dei dipendenti, destinandole a particolari categorie di benefit. Sono previsti dall’art. 51 co.2: • Contributi previdenziali • Contributi per assistenza sanitaria • Servizi di educazione, istruzione, borse di studio, campus • Servizi di assistenza a familiari anziani o non autosufficienti Sono previsti dall’art. 51 co.2 lett. f) - art. 100 co.1 • Servizi per finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto Vediamo nel dettaglio l’art. 51, co. 2. Non concorrono a formare il reddito: • Lettera A: i contributi previdenziali e assistenziali versati dal datore di lavoro o dal lavoratore in ottemperanza a disposizioni di legge; i contributi di assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro o dal lavoratore ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, che operino negli ambiti di intervento stabiliti con il decreto del Ministro della salute di cui all’articolo 10, comma 1, lettera e-ter), per un importo non superiore complessivamente ad euro 3.615,20. • Lettera F: l’utilizzazione delle opere e dei servizi riconosciuti dal datore di lavoro volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, offerti alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti e ai familiari indicati nell’articolo 12 per le finalità di cui al comma 1 dell’articolo 100 (educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto). • Lettera F bis: le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione, da parte dei familiari indicati nell’articolo 12, dei servizi di educazione e istruzione anche in età prescolare, compresi i servizi integrativi e di mensa ad essi connessi, nonché per la frequenza di ludoteche e di centri estivi e invernali e per borse di studio a favore dei familiari. • Lettera F ter: le somme e le prestazioni erogate dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione dei servizi di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti indicati nell’articolo 12. • Lettera F quater: i contributi e i premi versati dal datore di lavoro a favore della generalità dei dipendenti o di categorie di dipendenti per prestazioni, anche in forma assicurativa, aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana o aventi per oggetto il rischio di gravi patologie. Secondo l’art. 51 co.3, non concorre a formare il reddito: • Il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo d’imposta ad €258,23. Per quanto riguarda il premio di risultato, la legge di Stabilità 2016 aveva, come già detto, istituito il principio della sostituibilità tra retribuzione cash e beni/servizi welfare di cui ai commi 2 e 3 dell’art. 51. L’anno successivo, la manovra dell’esecutivo ha ampliato la possibilità di sostituzione tra premi di produttività e benefit, estendendola all’art. 51, co. 4. Il legislatore ha inoltre eliminato i limiti sui contributi per previdenza complementare ed assistenza sanitaria, solo qualora tali contributi siano versati quale forma di conversione totale o parziale del premio di risultato. La norma garantisce al lavoratore la possibilità di scelta in relazione ai premi di risultato: in alternativa alla facoltà di avvalersi della tassazione sostitutiva, gli riconosce la facoltà di ottenere il premio in beni e servizi, prevedendo che, comunque, i benefit di cui ai commi 2, 3 e 4 dell’articolo 51 del TUIR non scontino alcuna tassazione, nei limiti previsti dai commi medesimi, e quindi con maggiori agevolazioni per datore di lavoro e dipendente. L’applicazione di questo regime di favore, è subordinato alla condizione che la contrattazione collettiva di secondo livello attribuisca al dipendente la facoltà di convertire i premi in benefit. In conclusione: un piano di welfare può esser introdotto su iniziativa volontaria del datore di lavoro o tramite la conversionedelPremiodiRisultato.Sevienepromossodaun investimento dell’azienda, può essere finanziato, oltre che con investimento diretto, anche attraverso la rivisitazione di istituti esistenti, riallocazione di budget, etc… Nel caso di conversione del premio di risultato, devono essere seguiti e rispettati i limiti e i vincoli sopracitati, introdotti dalle leggi di Stabilità del 2016 e 2017.
  31. 31. 31 tutta la tua salute, ora, in un’app! Nasce MyMBA, l’app dedicata ai soci di Mutua MBA, attraverso cui è possibile accedere a tutti i servizi legati alla tua posizione o sussidio direttamente dal tuo smartphone o tablet.
  32. 32. 32 Sempre più spesso si sente e si legge di confronti sul tema della sanità integrativa e degli enti abilitati a gestirla e poiché informare i nostri lettori con precisione e riferimenti corretti rimane uno dei nostri obiettivi prioritari ecco che diviene opportuno sgombrare il campo da illazioni, ipotesi, supposizioni, interpretazioni fornendo un’informativa chiara e circostanziata sulle soluzioni di sanità integrativa praticabili e delle regole che le determinano al fine di evitare la diffusione di considerazioni errate. Innanzitutto è opportuno stabilire con chiarezza che gli unici enti abilitati a gestire la sanità integrativa sono: • i Fondi Sanitari (disciplinati dall’art. 9 del D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, come modificato dall’art.9 del D. Lgs. 19 giugno 1999, n. 229 e dal D.M. 31 marzo 2008, reso operativo con successivo D.M. 27 ottobre 2009); • le Società Generali di Mutuo Soccorso (normate dalla Legge n. 3818 del 15 aprile 1886 e dalla successiva modifica rappresentata dall’art. 23 del Decreto Crescita BIS, D.L. 18 ottobre 2012, n.179); • le Casse di Assistenza Sanitaria (disposte secondo l’art.1 del D.M. 31 marzo 2008). Questi enti, in virtù della loro natura di enti senza scopo di lucro sono gli unici che consentono ai loro associati di usufruire delle agevolazioni fiscali disposte dagli articoli 10, 15 e 51 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (DPR 917/1986). In base alle norme contenute nei decreti che li riguardano gli enti di sanità integrativa sono sottoposti al controllo del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero della Salute e dell’Agenzia delle Entrate, sono iscrivibili all’anagrafe dei Fondi, hanno diritto ad avere personalità giuridica, sono iscrivibili in Camera di Commercio ed hanno bilanci pubblici ed, in molti casi, anche revisionati. Realtà e confusione a cura di Roberto Anzanello Articolo pubblicato su Health Online n.18
  33. 33. 33 L’obiettivo di queste norme, che nel loro insieme, costituiscono un sistema articolato ed integrato, è quello di garantire che a fianco del Sistema Sanitario Nazionale, che come abbiamo più volte spiegato e ribadito dovrà necessariamente per ragioni statistico matematiche dedicarsi sempre più alle fasce economicamente più deboli della popolazione, il cittadino possa avvalersi di copertura sanitarie integrative gestite da enti senza scopo di lucro basati sul concetto della mutualità. Le leggi che regolano la nostra Repubblica inoltre consentono a questi enti di promuovere le loro attività di prevenzione sanitaria e diffusione dei valori mutualistici (Art. 45 della Costituzione e articolo 23 del D.L. 18 ottobre 2012 n. 179, convertito in lg. 221 del 17 dicembre 2012) per mezzo dell’attività dei loro soci. Le norme vigenti consentono inoltre al cittadino, a compimento del sistema di assistenza sanitaria a tre pilastri, di valutare anche l’opportunità di usufruire di coperture sanitarie private prestate da società che rispondono a logiche completamente differenti, quali le compagnie assicurative, che essendo società per azioni aventi come scopo la remunerazioni dei propri azionisti non consentono ai loro clienti però le agevolazioni fiscali previste per gli enti di sanità integrativa. Molto importante rappresentare quindi che il sistema a tre pilastri, ben regolamentato e normato, prevede già da tempo nel nostro paese: • Un sistema sanitario nazionale (Primo Pilastro) diretto a garantire l’assistenza sanitaria di base a tutti i cittadini e, principalmente, prestazioni sanitarie adeguate alle fasce economicamente più deboli della popolazione, gestito dallo Stato e dalle Regioni tramite le strutture organizzative a questo preposte (ASL) e normate dalle leggi vigenti in tema di sanità; • Un sistema di sanità integrativa (Secondo Pilastro) gestito dagli enti di sanità integrativa (Fondi Sanitari, Società Generali di Mutuo Soccorso e Casse di Assistenza Sanitaria) finalizzato a garantire il diritto alla salute di tutti i cittadini e promosso tramite l’opera dei soci di questi enti come regolamentato dalle leggi vigenti in tema di Fondi Sanitari, Società di Mutuo Soccorso e Casse di Assistenza Sanitaria; • Un sistema di sanità privata (Terzo Pilastro) gestito dalle compagnie assicurative e finalizzato a prestare coperture sanitarie costruite in funzione di elementi attuariali e proposte dagli intermediari assicurativi come codificato dalle norme riportate nel Testo Unico sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Il sistema così ideato, progettato, realizzato e compiuto dallo stato e dal legislatore prevede con estrema chiarezza ruoli, funzioni ed attività e, soprattutto, non contempla la possibilità di fare confusione tra i tre diversi modelli che rappresentano, separatamente da un punto di vista sia giuridico che normativo, i tre pilastri. I tre sistemi che regolano i tre pilastri non sono tra loro opportunamente né sovrapponibili né mischiabili: il paragone più semplice può essere assunto dal mondo dello sport ove negli sport di squadra abbiamo, per esempio, il calcio, il rugby ed il basket, che sono tutti e tre sport, tutti e tre di squadra ma ognuno con le proprie regole non sovrapponibili a quelle dell’altro. Cercare di confondere le idee ai cittadini, mischiare le carte, diffondere il concetto che le regole non esistano, non è quindi che un tentativo di disinformazione sul quale è stato ed è necessario fare chiarezza rappresentando la realtà dei fatti per evitare confusione, affinché ognuno possa garantirsi il diritto costituzionale alla salute con un modello, come quello italiano, che è sempre stato riconosciuto all’avanguardia nel mondo e che lo è tutt’ora.
  34. 34. 34 Le ricette della salute Come di consueto abbiamo il piacere di presentare ricette sane e gustose per promuovere uno stile di vita corretto ed equilibrato, che parta proprio dalle nostre tavole. Non sempre “piatto saporito” equivale a dire “sano” per questo è importante incentivare, per noi che abbiamo a cuore la salute dei nostri lettori, la riscoperta di gusti e ingredienti genuini e proporre soluzioni che preservino da patologie più o meno rischiose. In questo numero Health Online ha il piacere di presentare una ricetta elaborata con Lenticchia rossa Fitowell, l’innovativa linea di prodotti vegetali ad alto contenuto proteico pensata per apportare all’organismo più proteine salubri possibili, senza ricorrere ad un uso smodato della carne e dei suoi derivati. per scoprire le altre ricette Fitowell visita il sito www.fitowell.com Zuppa della salute con Lenticchia rossa Ingredienti 2lt di acqua 3 patate pelate e tagliate 150g di cavolini di Bruxelles 2 carote 2 zucchine 400g di zucca hokkaido 200g di lenticchie rosse 200g di farro 1 porro 1 cucchiaino e mezzo di dado vegetale fatto in casa(oppure biologico) Pepe Olio extravergine di oliva Qualche foglia di salvia Erba cipollina Procedimento Sciacquate il farro e le lenticchie sotto l’acqua corrente. Lavate e tagliate con cura tutte le verdure. In un tegame antiaderente aggiungete le verdure, il farro, l’acqua, un cucchiaio generoso di olio e lasciate cuocere dolcemente per 20 minuti. Aggiungete il dado vegetale, due pizzichi di pepe, le foglie di salvia, un cucchiaio di erba cipollina, le lenticchie rosse e lasciate cuocere ancora per 20 minuti. Servite e gustate il tutto caldo. Buon appetito! di “Riganelli Alessandro Azienda Agraria” 34
  35. 35. Facebook “f” Logo CMYK / .ai Facebook “f” Logo CMYK / .ai Spesso l’importanza e i benefici che contraddistinguono i prodotti ricchi di proteine di origine vegetale vengono sottovalutati e l’apporto giornaliero della componente proteica avviene per lo più tramite il consumo di carne e suoi derivati. Vi è ampio accordo nel mondo scientifico, nel consigliare una dieta basata sul minor utilizzo di carne, di buona qualità, alternata a fonti proteiche di origine vegetale. Seguire una dieta il più possibile varia, infatti, assicura all’organismo tutti i nutrienti necessari a vivere in salute e favorisce un migliore benessere psico-fisico. Dona il meglio al tuo benessere e varia la tua alimentazione con Fitowell, la linea di prodotti vegetali ad alto contenuto proteico! Spelta perlato Miglio decorticato Grano saraceno Fagioli Mung Fagioli Adzuki Fieno greco Lenticchia rossa Riganelli Alessandro Azienda Agraria Via Matteotti, 5 - 06055 - Compignano (PG) - Italia Segui Fitowell anche su facebook! +39 340 3566581 www.fitowell.com - info@fitowell.com
  36. 36. Scegliere ITALIA

×