Gabriele Caselli: Ipotesi Felicità

1,269 views

Published on

Conferenza sulla Felciità di Gabriele Caselli e Riccardo Toni.

www.gabrielecaselli.it

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,269
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
190
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Sappiamo molto su F ma le notizie sono sparse F influenza produttività, corpo, relazioni, educazione Il duchenne smile (esempio di influenza cmp-cgn-emo e che le espressioni sono innate ma diverse associazioni)
  • 1.La misura della felicità è probabilmente l’indicatore migliore della salute mentale (Fordyce, 1972, 1974, 1986, 1988). 2.Attenzione alle emozioni negative (siamo animali che preferiscono le tragedie), manca educazione sulla felicità. 3.Una società felice è una società sana 4.La stabilità del benessere dipende da: Fattori genetici (15%) Apprendimento durante l’infanzia (35%) Fattori ambientali e circostanze di vita (50%) 5.Le persone sono infelici perché: Non sanno cosa è la felicità Non apprezzano abbastanza la felciità Non sanno come raggiungere la felicità
  • Essere felici vuol dire: + frequenza e + intensità di emozioni e sentimenti felici Le persone sanno di voler essere felici ma non sanno definire la felicità: Confondono le cause con gli effetti Utilizzano dei sinonimi per descriverla 3 sistemi: viscerale-autonomico Motorio-volontario Verbale-corticale Emozione felicità La felicità = emozione = conseguenza di un’esperienza metacognitiva di congruenza tra il sé operativo e il sé ideale. Come emozione rappresenta il primo rinforzatore o segnale , conseguenza di un avvicinamento o allontanamento dai nostri scopi. Non è uno scopo ma il segnale che uno scopo è stato raggiunto. Come emozione è un esperienza interna e risiede nel cervello umano. In particolare nel sistema limbico e nella sua interazione con le aree superiori come i lobi frontali e la corteccia cerebrale. La felicità può essere intesa come umore (come la persona si sente in quel momento) o come sentimento (valutazione del passato e della vita nella sua globalità). Sentimento felicità Produce comportamenti overt e covert che alimentano emozioni felici a prescindere dalle condizioni esterne. Implica un processo metacognitivo di autoriflessione su di sé e gli altri. Vale per tutte le emozioni felici.
  • Quindi non esiste un sistema unico per le emozioni. L’amigdala per esempio è deputata alle emozioni, ma ha a che fare molto con la paura (per stimoli appetitivi e di ricompensa il ruolo viene analizzato negli ultimi tempi). Non ha un ruolo centrale in tutte le emo.
  • Psicologia clinica e emo- non aumentano felicità Le due leve contro il dogma di uno o più centri specializzati per le emozioni (metafora del campo da calcio) Esempi di ambivalenza emotiva (ruolo dell’attenzione che riduce la processazione dei circuiti) Esempio della corteccia prefrontale nei bambini, esempio delle regioni dei ciechi.
  • L’ippocampo dei tassisti di Londra. Hebbian Learning : a livello neuronale gruppi di neuroni che rispondono a stimoli diversi ma nello stesso momento tendono a rafforzare le proprie connessioni una volta superata una certa frequenza soglia (Hebb, 1949). short-term potentiation: il bombardamento frequente aumenta il numero di cell gates long-term potentiation: attivazione ngf che produce cambiamento della forma del neurone e costruisce nuove terminazioni cambiamento regioni del cervello I bambini imparano più in fretta  non hanno connessioni da cambiare cambia il modo in cui percepiamo gli stimoli attraverso processi consapevoli e non. Contro il dogma della totale plasticità = si può cambiare molto di più di quanto si credeva ma non tutto, qualcosa occorre accettarlo (un po’ come l’altezza). L’iperattivazione riduce le funzioni cognitive e l’accuratezza dell’apprendimento, per qs è più importante la frequenza che l’intensità per il cambiamento.
  • Attraverso un educazione al sentimento. Metafora del muscolo Il Dalai Lama dice: Il segreti della strada per la felicità sono determinazione, sforzo e tempo (Dalai Lama & Cutler, 1998). La scienza gli sta dando ragione.
  • Oltre al temperamento e all’esperienza entra in gioco anche la volontà. La consapevolezza del modo in cui il nostro comportamento influenza la nostra felicità e il primo passo per cambiarlo e cambiare il funzionamento delle strutture cerebrali al fine di aumentare la propensione ad attivare circuiti della felicità. Spesso non ci rendiamo conto di come il nostro comportamento danneggi o spenga il nostro sistema di felicità e attribuiamo responsabilità a cause di tipo esterno.
  • Cambiare S può aumentare la felicità ma non sempre è possibile, e a volte anche cambiandola il nostro sistema felicità è talmente spento che comunque non riusciamo a vivere emozioni e sentimenti di felicità soddisfacenti.
  • Attraverso questi tre processi aumentiamo: Frequenza vissuti emotivi felici Intensità vissuti emotivi felici Intensità sentimenti felici
  • S esempi: termostato naturale di felicità (presenza recettori e sostanza), Hedonic Treadmill (rapidità di assuefazione). C esempi: democrazia ricca, matrimonio, evitamento eventi negativi, ricca rete sociale, religione (servono). Denaro, salute, educazione, clima, razza e cultura (servono poco). V esempi: abilità che riguardano passato, presente e futuro
  • Sfida alle credenze dogmatiche (vittimismo e determinismo). Aumentare attività piacevoli Combattere l’assuefazione Variare attività piacevoli: Variare da piacere: pollo+pollo è meno piacevole di pollo+gelato Produrre sorprese (agire da modello) Allenare il Savouring: 1) condividere con gli altri il valore del momento a parole, 2) costruire chiavi per la memoria, 3) Autocongratularsi (non aver paura dell’orgoglio), 4) Acutizzare le percezione, 5) Assorbimento (not to think, only sense). Allenare la Mindfullness: combattere la mindlessness (muoversi senza mente, proiettati al futuro), imparare a cogliere il momento presente, rendere l’attenzione flessibile (shifting), andare adagio, meditazione, respirazione… Garantire free days (have beautiful day). Conoscere e migliorare le proprie forze e virtù: potenziamo ciò che ci riesce bene, ciò che c’è già, è un talento, un’arma da usare per la propria felicità.
  • Il benessere non è centrato sul corpo, sul successo o sugli eventi esterni ma è soprattutto centrato sulla persona, i suoi bisogni, le sue doti e il suo comportamento. Non è attraverso condizioni esterne che noi possiamo migliorare il nostro sentimento di felicità.
  • Controllare = potenziare, accettare o cambiare.
  • Gabriele Caselli: Ipotesi Felicità

    1. 1. Ipotesi:Felicità Felicità e scienza: nuove prospettive per imparare a essere felici Gabriele Caselli
    2. 2. Piano di lavoro <ul><li>Che cosa è la felicità </li></ul><ul><li>Biologia della felicità </li></ul><ul><li>Il comportamento e la felicità </li></ul><ul><li>Imparare a essere felici </li></ul><ul><li>Conclusioni </li></ul>
    3. 3. Definizione di Felicità <ul><li>Felicità come emozione : stato complessivo dell’individuo in un momento. È composto da sensazioni, pensieri e azioni. </li></ul><ul><li>Felicità come sentimento : valutazione cosciente delle proprie emozioni nel tempo. </li></ul><ul><li>I sentimenti sono più globali, duraturi e meno intensi delle emozioni. </li></ul>
    4. 4. Felicità nel cervello <ul><li>Ogni lingua definisce la felicità con molti termini ma nel cervello le emozioni positive sono di due tipi: </li></ul><ul><li>Piacere/Desiderio : legato ad anticipazione e sorpresa (dopamina). </li></ul><ul><li>Euforia/Gratificazione :sensazione di piacere e di immersione in un’attività fino all’estasi (oppiacei endogeni). </li></ul>
    5. 5. La scienza della felicità <ul><li>Due grandi scoperte hanno rivoluzionato la biologia della felicità (Klein, 2002): </li></ul><ul><li>Esiste un sistema mentale adibito alla felicità separato dalle emozioni negative. </li></ul><ul><li>Il cervello umano è in continuo mutamento. </li></ul>
    6. 6. 1. Il sistema felicità <ul><li>Una vita senza infelicità non è una vita felice (Diener et al., 2002) </li></ul><ul><li>Le emozioni positive e quelle negative seguono due circuiti diversi, sono due leve del nostro cervello. (Birnbaumer & Schmidt, 1999; Kawasaki et al., 2001; Damasio, 2001). </li></ul><ul><li>In un momento proviamo molte emozioni intrecciate insieme (ambivalenza emotiva), è importante cogliere dove portiamo l’attenzione. </li></ul><ul><li>Eventi, pensieri e comportamenti possono allenare i diversi circuiti. </li></ul>
    7. 7. 2. Il cervello malleabile <ul><li>Il funzionamento cerebrale è in continuo cambiamento. Tutte le regioni del cervello possono cambiare (la corteccia più di tutte). </li></ul><ul><li>La felicità stimola l’apprendimento e lo sviluppo delle connessioni neurali </li></ul><ul><li>Un’esperienza intensa genera meno cambiamento di piccole esperienze molto frequenti. Il cambiamento è lungo e graduale (Ebert et al, 1995; Scheibel et al, 1990) </li></ul>
    8. 8. Cosa ci dice il nostro cervello? <ul><li>La felicità è il prodotto di un sistema neurale specifico. </li></ul><ul><li>Attraverso il nostro comportamento possiamo allenarlo o atrofizzarlo come se fosse un muscolo. Il cervello cambia continuamente </li></ul><ul><li>Sforzi occasionali non sono sufficienti a cambiare, la pratica è indispensabile e richiede fatica. </li></ul>
    9. 9. Felicità e comportamento Strutture cerebrali Comportamento Temperamento Esperienza Volontà
    10. 10. Cosa è il comportamento? <ul><li>S  R  Felicità </li></ul><ul><li>Il comportamento è una risposta: </li></ul><ul><li>Risposta autonoma : reazione fisiologica </li></ul><ul><li>Risposta covert : stili di pensiero, immaginazione, ricordo, previsione, valutazione e attenzione </li></ul><ul><li>Risposta overt : espressioni, postura, azioni (o evitamento) </li></ul>
    11. 11. Agire sul proprio comportamento Conoscere Sé per Cambiare comportamenti dannosi Potenziare le proprie virtù Accettare ciò che non si può cambiare = l’arte di essere felici
    12. 12. Cambiare il comportamento per essere felici <ul><li>Conoscere sé : osservarsi, comprendere cosa ci rende felici, interessi, le virtù e le doti personali </li></ul><ul><li>Acquisire strumenti : imparare come cambiare, provare nuove strategie e nuovi comportamenti. </li></ul><ul><li>Esercizio : fare pratica quotidiana, passaggio da processo controllato a processo automatico. </li></ul>
    13. 13. Formula della Felicità (Seligman, 2002) <ul><li>H = S + C + V </li></ul>H = felicità come sentimento duraturo e non emozione temporanea S = Set Range (Temperamento), barriere genetiche più o meno rigide C = circostanze (8-15%) come eventi esterni che possono modificare H. V = variabili di volontà, pensiero e comportamento sotto controllo e mutabili
    14. 14. Allenare la felicità <ul><li>Abbandonare credenze dogmatiche </li></ul><ul><li>Giudizio libero da emozioni </li></ul><ul><li>Sviluppare gratitudine </li></ul><ul><li>Sviluppare ottimismo verso il futuro </li></ul><ul><li>Aumentare attività piacevoli </li></ul><ul><li>Combattere l’assuefazione </li></ul><ul><ul><li>Variare attività piacevoli </li></ul></ul><ul><ul><li>Produrre sorprese </li></ul></ul><ul><li>Allenare il Savouring </li></ul><ul><li>Allenare la Mindfullness </li></ul><ul><li>Curare free days </li></ul><ul><li>Conoscere e migliorare le proprie doti e virtù </li></ul>
    15. 15. Implicazioni della felicità <ul><li>Salute </li></ul><ul><li>Condizioni e performance fisiche </li></ul><ul><li>Produttività </li></ul><ul><li>Relazioni di coppia </li></ul><ul><li>Educazione </li></ul>
    16. 16. Conclusioni <ul><li>Il benessere emotivo procede attraverso due leve. </li></ul><ul><li>Il comportamento dell’uomo influenza le strutture cerebrali più degli eventi esterni. </li></ul><ul><li>L’uomo ha parte attiva nel funzionamento delle proprie leve perché può controllare il proprio comportamento. </li></ul><ul><li>Controllare il proprio comportamento richiede un atto di volontà. </li></ul><ul><li>Cambiare il proprio comportamento richiede un percorso di conoscenza. </li></ul><ul><li>Cambiare il proprio comportamento richiede uno sforzo quotidiano come apprendere qualsiasi abilità. </li></ul><ul><li>L’esercizio quotidiano rende il nuovo comportamento stabile e automatico, lo sforzo gradualmente si riduce. </li></ul><ul><li>Cambiare il proprio comportamento permette di modificare le proprie strutture cerebrali e di allenare il sistema della felicità. </li></ul>
    17. 17. <ul><li>I segreti della strada per la felicità sono determinazione, sforzo e tempo </li></ul><ul><li>(Dalai Lama & Cutler, 1998) </li></ul>
    18. 18. <ul><li>www.ipotesifelicita.com </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul>

    ×