Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

11

Share

Download Now Download

Download to read offline

G. Leopardi

Download Now Download

Download to read offline

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

G. Leopardi

  1. 1. http://www.youtube.com/watch?v=99BI4SYub6c
  2. 2. Pensiero di Leopardi ILLUMINISMO ACCETTA materialismo meccanicismo razionalismo RIFIUTA idea di progresso concetto utilità sociale dell’arte NEOCLASSICISMO ACCETTA difesa poesia degli antichi RIFIUTA poetica dell’imitazione uso della mitologia ROMANTICISMO ACCETTA esaltazione dell’io Titanismo, concezione della vita come dolore RIFIUTA poesia narrativa amore per il vero idealismo e religiosità
  3. 3. “E così l’infelicità dell’uomo è sempre in ragion diretta degli avanzamenti del suo spirito, cioè della civiltà …”
  4. 4. Storia umana è una decadenza dalla spontanea serenità dello stato di natura ad una situazione dolorosa e distorta
  5. 5. Gli antichi • vivono in ingenua sintonia con la natura • evadono dai limiti del mondo reale attraverso l’immaginazione I moderni non possono provare quella felicità di cui godevano gli antichi perché la nostra è l’epoca del trionfo della ragione che • mette a nudo il carattere materiale e deperibile di tutto ciò che esiste • rivela l’inconsistenza delle favole antiche
  6. 6. Da un’età in cui gli uomini, ricchi d’immaginazione e nutriti di illusioni, erano istintivamente poeti • ad un’età di scienziati e filosofi, vincolati alle aride certezze del sapere razionale Da un momento della nostra vita in cui abbiamo il cuore pieno d’ingenue speranze ed assaporiamo la felicità • ad un momento dominato dalla ragione, il cui uso ci renderà consapevoli • la consapevolezza ci svelerà l’inganno
  7. 7. é madre benigna perché nasconde all’uomo la tragicità della sua condizione, tramite le illusioni è causa della nostra infelicità perché ci rende coscienti di ciò che realmente siamo e così facendo atrofizza la capacità di immaginare
  8. 8. NATURA • È grande • Ha creato gli uomini felici • È il regno del bello, delle illusioni, degli eroici entusiasmi, della poesia Condizione dell’uomo primitivo e del bambino RAGIONE • È piccola • Rende gli uomini deboli e infelici, favorendo il progredire della civiltà • È il dominio del vero che distrugge sogni e illusioni ed inaridisce la poesia Condizione dell’uomo civile e adulto
  9. 9. Vive negli anni successivi a: diffusione idee illuministiche rivoluzione francese impero napoleonico Delle grandi speranze legate a questi eventi non è restato nulla Restaurazione = trionfo del vecchio, della mediocrità, del bigottismo Leopardi prende atto di un fallimento cioè il fallimento del progetto illuminista di umanizzare il mondo
  10. 10. è un efficace strumento di conoscenza, di svelamento del vero sulla condizione umana è incapace di migliorare la vita con gli strumenti della politica (il fallimento dei moti rivoluzionari del ‘20 e del ’31 confermano questa valutazione)
  11. 11. All’ Italia Sopra il monumento di Dante
  12. 12. “L’anima umana (e così tutti gli esseri viventi) desidera sempre essenzialmente, e mira unicamente[…]al piacere, ossia alla felicità, che […]è tutt’uno col piacere …”
  13. 13. Infelicità dato costante dell’esistenza umana Perché gli uomini sono infelici?
  14. 14. Ogni essere animato è stimolato per natura da un continuo desiderio di piacere Il desiderio di piacere • è l’istinto più profondo e urgente da cui l’uomo è mosso • può essere appagato solo da un piacere infinito che investa ogni momento della vita e duri per sempre La realtà • ci offre piaceri circoscritti, perché ogni cosa nel mondo appartiene al dominio del finito; insufficienti a soddisfare la nostra natura, che ci spinge a volere sempre di più, senza mai trovare soddisfazione L’infelicità umana • deriva dall’insuperabile distanza tra infinità del desiderio e finitezza della realtà
  15. 15. Il piacere è caratterizzato da durata ed estensione limitate determinano noia, senso di vuoto, infelicità Il piacere è caratterizzato da durata ed estensione illimitate determinano tendenza dell’uomo all’infinito v s vs
  16. 16. Passero solitario di Renato Coccia
  17. 17. “La natura, per necessità della legge di distruzione e di riproduzione e per conservare lo stato attuale dell’universo, è essenzialmente regolarmente e perpetuamente persecutrice e nemica mortale di tutti gli individui di ogni genere e specie …”
  18. 18. • Fonte della forza istintiva che spinge l’uomo a cercare la felicità NATURA NATURA • Legge che regola il divenire delle cose, la continua trasformazione della materia
  19. 19. Il fine della natura come legge è la vita dell’universo … LEGGE DELL’ESISTENZA UNIVERSALE (produzione, conservazione, distruzione dei suoi componenti) da un lato dall’altro stimola gli esseri animati ad un’insaziabile ricerca del piacere dopo averli creati, li elimina per dar vita ad altri individui L’infelicità dell’uomo non dipende da questa o quella situazione storica, ma dalla contraddizione tra ciò che egli percepisce come suo fine naturale (il piacere) e il graduale deperimento, annullamento e riciclaggio, cui la natura lo destina insieme a tutte le altre particelle dell’universo
  20. 20. Canto di un pastore errante dell’Asia di Renato Coccia
  21. 21. “… andiamoci incoraggiando e dando mano e soccorso, scambievolmente, per compiere nel miglior modo questa fatica della vita“.
  22. 22. LA RAGIONE causa di infelicità nella prima fase del pensiero leopardiano DIVENTA strumento privilegiato per salvaguardare l’unico valore che resta all’uomo IL CORAGGIO di guardare in faccia la realtà, di affrontarla, rifiutando ogni mistificazione consolatoria
  23. 23. L’individuo ha vita breve e precaria (ad esso si contrappone l’infinita esistenza della materia) Ne ha coscienza LA SUA GRANDE DIGNITÀ E L’IMPEGNO PER: ●AFFERMARE LA VERITÀ ●PROPORRE L’AMORE TRA TUTTI GLI UOMINI ACCUMUNATI DALLE STESSE CONDIZIONI DI Impegno militante contro Oscurantismo teorie falsamente consolatorie Inganni illusioni e falsi miti VITA
  24. 24. Grazie all’aiuto reciproco gli uomini saranno capaci di fronteggiare queste certezze (precarietà / annullamento) e l’angoscia che recano
  25. 25. La ginestra di Renato Coccia
  26. 26. La poetica leopardiana
  27. 27. Le vera poesia è quella degli antichi: • basata sulle illusioni • fatta per parlare ai sensi • finalizzata al piacere Il tentativo romantico di dar vita ad una letteratura: • verosimile e ragionevole • fatta di idee e di programmi • pedagogicamente orientata ad un’utilità sociale è destinato al fallimento No all’imitazione degli antichi La felice condizione dei classici è persa L’uomo moderno non può recuperare il loro ingenuo e spontaneo modo di poetare perché è lontano dalla loro concezione del mondo
  28. 28. Poesia antica Immaginativa: espressione di fantasia e immaginazione degli uomini primitivi e dei fanciulli Creatrice di miti e favole: le illusioni che celano il vero Poesia moderna Sentimentale o filosofica: espressione del ricordo e dell’indefinito (introspettiva) Prodotto della rottura dell’equilibrio tra uomo e natura Manifestazione della caduta delle illusioni e del trionfo della razionalità
  29. 29. Compito della poesia moderna è ancora e comunque PROVOCARE PIACERE fine che essa consegue con l’inganno della fantasia e non dell’intelletto (è inutile cercarvi la corrispondenza al vero e all’utile) In che modo provoca piacere, se esprime verità amare e dolorose?
  30. 30. • Alcuni aspetti della realtà sensibile, per il loro carattere indefinito, possiedono una forza suggestiva che stimola l’immaginazione a costruire una realtà parallela in cui l’uomo trova illusorio appagamento al suo bisogno di infinito Teoria della visione • la vista impedita da un ostacolo (siepe, albero, torre, finestra, filare d’alberi, gioco della luce lunare sull’acqua, tra gli alberi …)”perché allora in luogo della vista, lavora l’immaginazione e il fantastico sottentra al reale” È piacevole, per le idee indefinite che suscita …
  31. 31. • Certe parole sono poetiche per le idee indefinite che suscitano Teoria del suono • canto che si allontana a poco a poco, lo stormire del vento tra le fronde, il muggito degli armenti che echeggia tra le valli … Suoni suggestivi perché indefiniti …
  32. 32. Ruolo privilegiato nella poetica dell’indefinito ha il RICORDO che non riproduce gli oggetti nella loro immediatezza, ma li filtra attraverso le emozioni vissute nel passato, avvolgendoli di un alone di suggestioni indeterminate
  33. 33. Buon lavoro AD ESCLUSIVO USO SCOLASTICO

    Be the first to comment

    Login to see the comments

  • monicabarboni1

    Oct. 30, 2014
  • francescaferrari3532

    Mar. 30, 2015
  • giorgiaspagnuolo

    Apr. 18, 2015
  • vividivuolo98

    May. 18, 2015
  • vale1861

    Nov. 27, 2015
  • BenedettaMaragno

    Nov. 30, 2016
  • Gaiotti

    Mar. 6, 2017
  • PaolaBarbarossa

    Apr. 29, 2017
  • RamsesAnubis

    Apr. 30, 2017
  • loveyry

    May. 28, 2017
  • AntonioQuattrocchi2

    Oct. 25, 2017

Views

Total views

9,404

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

67

Actions

Downloads

188

Shares

0

Comments

0

Likes

11

×