GiacomoLeopardi “E fango è il mondo”     «e il naufragar m’è dolce          in questo mare  »        Appunti di letteratur...
sintesi Epoca storica:  – Napoleone - Restaurazione – Moti del 21 Epoca culturale  – Dal Neoclassicismo al Romanticismo ...
il contesto storico Parabola napoleonica in discesa Le dinamiche della Restaurazione (Austria)  – Controllo e censura ca...
Aspetti del Romanticismo   1800… Si diffonde la nuova sensibilità Romantica    – Riscoperta della “persona ” come centro...
I primi passi del romanticismo Nasce in Germania:  –   rivista “Sturm und Drang” (impeto/assalto)  –   Rivista Athaeneum,...
vita di Giacomo Leopardi    1798 Nascita a Recanati (Marche)      – Paesino “morto”, escluso dai “circuiti” culturali   ...
La maturità   A 20 anni: soggiorno a Roma – delusione    – Ambiente frivolo, mondano   1825: lavora per la casa editrice...
Contatti e Persone significative    J. W. Goethe (Germania 1749-1832)     – Legge “Il giovane Werther” e ne rimane colpit...
opere in prosa Operette Morali  –   La stesura inizia nel 1820 - 24 brevi scritti  –   dialoghi tra personaggi reali o im...
Operette morali   Storia del genere umano   Dialogo della Moda e della Morte   Dialogo di un Folletto e di uno Gnomo  ...
opere in poesia– Le canzoni civili: 1818 patriottiche: All’Italia, Dante– Gli idilli: 1819-1821    Infinito, Alla luna La...
Il “pessimismo” leopardiano Si basa sulla sua esperienza umana  – Filosofia sensista: materialismo Crisi dei valori: fed...
L’InfinitoSempre caro mi fu questermo colle,e questa siepe, che da tanta partedellultimo orizzonte il guardo esclude.Ma se...
A UN VINCITORE NEL         PALLONEDi gloria il viso e la gioconda voce,Garzon bennato, apprendi,E quanto al femminile ozio...
IL PRIMO AMORETornami a mente il dì che la battagliaDamor sentii la prima volta, e dissi:Oimè, se questè amor, comei trava...
IL PASSERO SOLITARIODin su la vetta della torre antica,Passero solitario, alla campagnaCantando vai finché non more il gio...
A SILVIASilvia, rimembri ancoraQuel tempo della tua vita mortale,Quando beltà splendeaNegli occhi tuoi ridenti e fuggitivi...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Giacomo Leopardi - Autori italiani 1800

6,732 views

Published on

Presentazione della vita e delle principali opere di Giacomo Leopardi - livello scuola media

Published in: Education

Giacomo Leopardi - Autori italiani 1800

  1. 1. GiacomoLeopardi “E fango è il mondo” «e il naufragar m’è dolce in questo mare  » Appunti di letteratura (3media) – Fmgiugliano - 2010
  2. 2. sintesi Epoca storica: – Napoleone - Restaurazione – Moti del 21 Epoca culturale – Dal Neoclassicismo al Romanticismo – Il Romanticismo in Europa e in Italia La Vita di Giacomo Leopardi Opere – in prosa : Zibaldone, Operette morali – in poesia : Canti
  3. 3. il contesto storico Parabola napoleonica in discesa Le dinamiche della Restaurazione (Austria) – Controllo e censura capillare – Sviluppo delle società segrete Moti del 21… Spagna, Europa, Italia – In Piemonte  Richiesta di unificazione, costituzione… – Al sud: Napoli e Sicilia  Moti e insurrezioni  Prontamente repressi con intervento Austriaco
  4. 4. Aspetti del Romanticismo 1800… Si diffonde la nuova sensibilità Romantica – Riscoperta della “persona ” come centro Modernità e nuovo senso del “bello” – Ciò che piace, non ciò che corrisponde alle regole del passato  Si rivaluta: la fantasia, passione, libertà individuale  Pessimismo e senso di ribellione Rapporto conflittuale con la fede e la religione Grande importanza della natura Viene rivalutata e riscoperta la storia dei popoli Influssi della filosofia e dei suoi problemi – Difficoltà nel dare risposte “sicure” – Importanza all’”io” arbitro dell’esperienza – Il “sentimento” è il metro per misurare tutto
  5. 5. I primi passi del romanticismo Nasce in Germania: – rivista “Sturm und Drang” (impeto/assalto) – Rivista Athaeneum, Fratelli Schlegel – Goethe – Si diffonde in GB, Francia, Italia… G. Berchet la introduce in Italia – Ruolo della rivista “Il Conciliatore” (1818) – Forte influsso per la liberazione dell’Italia  Romantico <=> patriota Esponenti principali: Leopardi - Manzoni
  6. 6. vita di Giacomo Leopardi  1798 Nascita a Recanati (Marche) – Paesino “morto”, escluso dai “circuiti” culturali  Famiglia nobile ma decaduta – Problemi economici, ruolo della madre  Studi privati intensi: fino ai 14 anni – Un sacerdote come precettore – Bel clima con il fratello e la sorella – A 12 anni traduce dal greco! Ormai aveva imparato “tutto” – Inizia la fase autodidatta: studio matto e disperatissimo – Lingue antiche, moderne, traduzioni, studi e opere erudite – Che gli causerà seri problemi (gobba, vista…)  Ambiente chiuso, meschino, solitario – Governo Pontificio, statico e arcaico – 1816 contatti epistolari con il letterato Pietro Giordani che lo incoraggia  1819: progetto di fuga (Roma/Veneto), collera del padre
  7. 7. La maturità A 20 anni: soggiorno a Roma – delusione – Ambiente frivolo, mondano 1825: lavora per la casa editrice Stella – Come esperto letterario, – Curatore delle opere di Cicerone Si sposta tra Milano, Firenze, Bologna e Pisa – Problemi di salute e ricerca di clima migliore Studio e composizione (Operette Morali) 1828-30 a Recanati, compone le sue poesie migliori, nostalgia e disillusione Si trasferisce a Napoli, presso l’amico A. Ranieri salute molto fragile – muore nel 1837
  8. 8. Contatti e Persone significative  J. W. Goethe (Germania 1749-1832) – Legge “Il giovane Werther” e ne rimane colpito, imitazione  Filosofi illuministi – Condillac, l’uomo può conoscere solo tramite i sensi, materialismo  Pietro Giordani – Letterato, introduce L. nel dibattito tra Classicismo-Romanticismo; dal 1816 contatti epistolari; figura quasi paterna  Editore Stella – Milanese, offre il primo impiego e primo stipendio…  Alessandro Manzoni – lo incontra a Firenze ma vi sono troppe differenze tra di loro  Delusioni amorose – La cugina, donne letterate; delusione e difficoltà legate alla sua condizione fisica
  9. 9. opere in prosa Operette Morali – La stesura inizia nel 1820 - 24 brevi scritti – dialoghi tra personaggi reali o immaginari – Temi: la condizione umana, la morte, il destino, la vana ricerca della felicità Zibaldone – Riflessioni comprese tra 1817-1832: – Oltre 4500 facciate di quaderno – Opera “filosofica” ma disordinata – Pensieri e riflessioni su temi letterari, linguistici, filosofici, etici…
  10. 10. Operette morali Storia del genere umano Dialogo della Moda e della Morte Dialogo di un Folletto e di uno Gnomo Dialogo della Natura e di unanima Dialogo della Terra e della Luna Dialogo di un Fisico e di un Metafisico Dialogo di Torquato Tasso e del suo Genio Familiare Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez Dialogo di un Venditore dalmanacchi e di un Passeggere
  11. 11. opere in poesia– Le canzoni civili: 1818 patriottiche: All’Italia, Dante– Gli idilli: 1819-1821  Infinito, Alla luna La sera del dì di festa– Le Canzoni: 1820-1823  Ad Angelo Mai … Alla sua donna– Grandi idilli (1828-1830)  Il Risorgimento - A Silvia - Il passero solitario  La quiete dopo la tempesta - Il sabato del villaggio  Canto notturno di un pastore errante dellAsia– Ultimi canti (1832-1837)  A se stesso - La ginestra
  12. 12. Il “pessimismo” leopardiano Si basa sulla sua esperienza umana – Filosofia sensista: materialismo Crisi dei valori: fede, patria Amara riflessione sul destino dell’uomo – Segnato dalle difficoltà che si incontrano – Prelude all’esistenzialismo – L’uomo non trova risposte e sicurezza – … quindi l’unica scelta è la rassegnazione
  13. 13. L’InfinitoSempre caro mi fu questermo colle,e questa siepe, che da tanta partedellultimo orizzonte il guardo esclude.Ma sedendo e mirando, interminatispazi di là da quella, e sovrumanisilenzi, e profondissima quïeteio nel pensier mi fingo, ove per pocoil cor non si spaura. E come il ventoodo stormir tra queste piante, io quelloinfinito silenzio a questa vocevo comparando: e mi sovvien leterno,e le morte stagioni, e la presentee viva, e il suon di lei. Così tra questaimmensità sannega il pensier mio:e il naufragar mè dolce in questo mare.
  14. 14. A UN VINCITORE NEL PALLONEDi gloria il viso e la gioconda voce,Garzon bennato, apprendi,E quanto al femminile ozio sovrastiLa sudata virtude. Attendi attendi,Magnanimo campion (salla velocePiena degli anni il tuo valor contrastiLa spoglia di tuo nome), attendi e il coreMovi ad alto desio. Te lecheggianteArena e il circo, e te fremendo appella
  15. 15. IL PRIMO AMORETornami a mente il dì che la battagliaDamor sentii la prima volta, e dissi:Oimè, se questè amor, comei travaglia!Che gli occhi al suol tuttora intenti e fissi,Io mirava colei cha questo corePrimiera il varco ed innocente aprissi.Ahi come mal mi governasti, amore!Perché seco dovea sì dolce affettoRecar tanto desio, tanto dolore?
  16. 16. IL PASSERO SOLITARIODin su la vetta della torre antica,Passero solitario, alla campagnaCantando vai finché non more il giorno;Ed erra larmonia per questa valle.Primavera dintornoBrilla nellaria, e per li campi esulta,Sì cha mirarla intenerisce il core.Odi greggi belar, muggire armenti;Gli altri augelli contenti, a gara insiemePer lo libero ciel fan mille giri,Pur festeggiando il lor tempo migliore:Tu pensoso in disparte il tutto miri;
  17. 17. A SILVIASilvia, rimembri ancoraQuel tempo della tua vita mortale,Quando beltà splendeaNegli occhi tuoi ridenti e fuggitivi,E tu, lieta e pensosa, il limitareDi gioventù salivi?Sonavan le quieteStanze, e le vie dintorno,Al tuo perpetuo canto,Allor che allopre femminili intentaSedevi, assai contentaDi quel vago avvenir che in mente avevi.Era il maggio odoroso: e tu soleviCosì menare il giorno.Io gli studi leggiadriTalor lasciando e le sudate carte,Ove il tempo mio primoE di me si spendea la miglior parte,

×