Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Mauro Alovisio bullismo e cyberbullismo odg milano

807 views

Published on

relazione su Bullismo e cyberbullismo, definizione, evoluzione, Linee guida Miur e

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Mauro Alovisio bullismo e cyberbullismo odg milano

  1. 1. Bullismo, cyberbullismo, definizioni e responsabilità Avv.Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com 333/3597588 Associazione Centro Studi di informatica Giuridica di Ivrea Torino Milano, 8 luglio 2016
  2. 2. Il Centro Nexa su Internet & Società ● Centro di ricerca del Politecnico di Torino (Dipartimento di Automatica e Informatica), fondato nel 2006. ● Studia Internet e il suo impatto sulla società in ottica multidisciplinare (tecnologica, giuridica ed economica). ● Svolge supporto alla policy in ambito europeo (e.g., sugli aspetti giuridici dell'informazione del settore pubblico) e nazionale. ● Collaborazioni internazionali: ●partner del Network of Excellence on Internet Science (EINS) http://www.internet-science.eu/ ●membro fondatore della Rete globale di centri su Internet & Società http://cyber.law.harvard.edu/research/network_of_centers
  3. 3. Csig di Ivrea-Torino Il Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino è un’ associazione indipendente senza finalità di lucro interdisciplinare attiva dal 2005 (rivolta a giuristi, informatici, psicologi, professori, studenti, giornalisti, etc.) Mission: aggiornamento professionale, informazione, approfondimento dell’evoluzione dell’ICT e dell’innovazione e dell’impatto sui diritti, trasparenza on line e partecipazione Aderisce alla Coalizione per le competenze digitali promossa da Agid , ha un blog http://csigivreatorino.it ed un Comitato Scientifico di magistrati, professori e professionisti Ha partecipato alle consultazioni on line in materia di privacy, diritto di autore cyberbullismo, open data, crowdfunding, open data e trasparenza, videosorveglianza e droni, wi-fi e software libero, violenza on line e pari opportunità
  4. 4. 18 settembre 2016, salone dei droni, Modena 24 settembre 2016, seminario su regolamento europeo protezione dati personali Ordine Ing.Torino 1 Ottobre 2016, festival di Jaamola, Milano 9 Ottobre 2016 Festival di Internet di Pisa (droni e cinema) 21- 23 Ottobre Smau Milano (tre laboratori: ) Novembre 2016 Dronitaly a Milano e Festival ICT Prossime Tappe associazione
  5. 5. - consultazione su codice di autoregolamentazione in materia di cyberbullismo (gennaio 2014 ) - convegno sul cyberbullismo presso università degli Studi di Torino (febbraio 2014) - consultazione sulla Buona Scuola con contributo su pari opportunità e bullismo -contributo sul nuovo disegno di legge in materia di cyberbullismo - organizzazione convegni, seminari con istituto Avogadro, Cesedi, tavolaValdese, Centro Sereno Regis, corsi di formazione per docenti e forze di polizia - progetto social media e cyberbullismo e adesione alle competenze digitali Agid - pubblicazione di articoli su riviste specializzate ed ebook in materia di competenze digitali - partnership con altre associazioni, audizioni, partecipazioni a bandi Csig, bullismo e cyberbullismo
  6. 6. Le forme del bullismo Flaming:l’invio di messaggi elettronici violenti e volgari finalizzati a suscitare discussioni on line Harassment:molestie ripetute attraverso l’invio di messaggi elettronici offensivi Denigration: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione o le sue amicizie,. Impersonation “sostituzione di persona” Outing and trickery: “rivelazioni ed inganno” Esclusione Cyberstalking Avv. Mauro Alovisio
  7. 7. Strategie
  8. 8. Social Media e Cyberbullismo Periodo: da gennaio 2015 a dicembre 2016 Obiettivo: fare conoscere e comprendere il fenomeno del bullismo e cyberbullismo Strumenti: ciclo di conferenze ed incontri informativi e formativi in materia di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto sul cyberbullismo, identità digitale, aggressività on line, sicurezza informatica rivolti a studenti, docenti, genitori e dirigenti, condivisione di materiali attraverso blog e spazi social Tappe del progetto:  seminari per insegnanti in materia di cyberbullismo in partnership con il Centro Cesedi della Città Metropolitana di Torino  partecipazione a presentazione del Progetto di contrasto del bullismo della Diaconia Valdese a Pinerolo  prima presentazione delle linee guida del Miur su cyberbullismo nel Nord Italia in sinergia con Istituto salesiano Rebaudengo di Torino e corso formazione docenti  partecipazione al Festival di innovazione Supernova e al festiva Internet di Pisa  incontro con i genitori su cyberbullismo all’interno del Festival Ada 8 500 Dati: 8 eventi con una partecipazione complessiva di 500 (studenti, giovani, cittadini) gennaio dicembre 2015
  9. 9. Punti di forza Interdisciplinarietà dei contributi (professori, ricercatori, avvocati, informatici, esperti di privacy, e social media education) Coinvolgimento e partnership di altre associazioni, istituzioni ed enti (Istituto Avogadro, Centro Sereno Regis) e forze di polizia (Nucleo di prossimità urbana) Informazione e coinvolgimento dei decisori politici nazionali e locali Invio contributo sul disegno di legge in materia di bullismo e cyberbullismo e richiesta di audizione alla Camera dei Deputati Aspetti da consolidare e migliorare Maggiore coinvolgimento di Tribunale dei Minorenni, ASL Partnership con Ordine dei giornalisti Partecipazione a bandi europei e nazionali in partnership con università, enti e centri di ricerca (novembre 2015- adesione a tre bandi Miur) Pubblicazione di libro (contratto di edizione) Organizzazione di convegni e seminari per anziani Seminari presso biblioteche e informagiovani http://competenzedigitali.agid.gov.it/progetto/social-media-e-cyberbullismo
  10. 10. Principali evidenze da replicare - Utilizzo per finalità didattiche di video, film, libri , canzoni - Rovesciamento della classe - Coinvolgimento dei ragazzi come testimonial - Utilizzo dei materiali e quiz predisposti dal Garante privacy - Indicazione di siti e libri per approfondire e istruzioni come segnalare episodi di bullismo - Informazione, formazione e sperimentazione di peer education - Condivisione dei materiali sui social e utilizzo di licenze creative commons - Cosa migliorare come Coalizione? - Organizzazione di laboratori per il Safer Internet Day Buone prassi
  11. 11. Buone prassi peer education (formo chi forma)
  12. 12. Agenda -Nativi e Immigrati digitali -Cyberbullismo : definizioni, scenari e strumenti -Linee guida del Miur: Pari Opportunità e hate speech -Responsabilità
  13. 13. Agenda -Nativi e Immigrati digitali -Cyberbullismo : definizioni, scenari e strumenti -Linee guida del Miur: Pari Opportunità e hate speech -Responsabilità
  14. 14. Agenda -Nativi e Immigrati digitali -Cyberbullismo : definizioni, scenari e strumenti -Linee guida del Miur: Pari Opportunità e hate speech -Responsabilità
  15. 15. Gli albori di un nuovo mondo Avv. Mauro Alovisio - nessuna distinzione fra off line e on line ●- nuova concezione del tempo e dello spazio ●- sviluppo dell’ internet degli oggetti; (ottobre 2014: i dispositivi mobili superano il numero della popolazione mondiale: 7,2 miliardi) ●- conseguenze modifiche antropologiche, cognitive, sociali, culturali, organizzative ●-impatto sul mondo educativo, della scuola, del lavoro, sull’organizzazione della società »Nel 2010 è stata creata una quantità di dati superiore a quella prodotta dall’uomo complessivamente negli ultimi 30.000 anni» Eric Shmidt amministratore delegato di Google https://www.youtube.com/watch?v=qYnmfBiomlo ●- presenza digital divide fra nativi digitali e immigrati digitali: siamo di fronte ad un’ emergenza educativa?
  16. 16. I nostri figli sono diversi da noi? Occorre comprendere la diversità dei nostri figli rispetto alle generazioni precedenti I nativi digitali sono in simbiosi con la tecnologia -conoscono -comunicano -apprendono -collaborano in autonomia, indipendenza, con curiosità e in modo completamente diverso dagli adulti con frequenza di uso e appropriazione mediale di internet diversa (cosa fanno on line e la loro rappresentazione) Avv. Mauro Alovisio
  17. 17. Askare? Sextortion? Vamping? Grooming? Snapchappare? Pokare? Sexting ? Hater? Bannare? http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3140059 Il gergo della rete
  18. 18. I nuovi mondi La conoscenza è potere – F. BACONE Oggi anche i dati e le informazioni sono potere Più l’informazione è personale più ha potere chi la detiene Oggetto delle informazioni: hobby, gusti, desideri, età, capacità economica, orientamento politico e sessuale Dai dati all’identità delle persone (in 60 secondi su facebook sono caricati 2 milioni di contenuti!)
  19. 19. Internet e privacy I social network un rischio per un giovane su quattro "Cyberbullismo in aumento" allarme del Garante della privacy. "I giovani non hanno la reale percezione del potere della rete. Di come la vita privata, nell'era dei social network, acquisti un altro peso e i rapporti tutta un'altra platea: sempre più vasta, sempre più sconosciuta". Quello che mettete in rete resta. Per sempre. E tra chi lo guarda oggi e chi lo vedrà fra anni, c'è anche chi non vi conosce e potrebbe usarlo contro di voi". Antonello Soro, presidente dell'Ufficio del Garante della privacy, valuta la situazione italiana nella Giornata europea della protezione dei dati personali.
  20. 20. Privacy e fiducia . la fiducia è l’elemento fondamentale per creare il Mercato Unico Digitale. Eurostat 2016 Il 25% degli utenti Ue ha avuto problemi con questioni riguardanti la sicurezza online (virus violazione della privacy) Il19% degli italiani evita di usare il wi-fi fuori casa sempre per timore di subire un attacco informatico o una violazione dei propri dati personali. Se i cittadini hanno paura non si sviluppano i servizi e non decolla l’e- commerce Soluzioni framework cybersecurity presentato a Roma il 2 febbraio 2016
  21. 21. Il valore delle informazioni
  22. 22. Internet e privacy Il primo strumento per tutelare la privacy è la consapevolezza Etica del digitale Video su app. e privacy http://www.garanteprivacy.it/app Video su social network: Connetti la testa http://www.garanteprivacy.it/connettilatesta Video su smartphone e tablet Fatti Smart https://www.youtube.com/watch?v=6eF-mwKhrVo
  23. 23. - Right to be let alone “Diritto ad essere lasciati soli” (Warren e Brandeis, Right to Privacy, Harvard Law Review, 1890) diritto alla riservatezza della propria sfera privata, a non subire intrusioni indesiderate nella propria vita intima privacy statica - Pretesa dell’individuo di essere il solo a determinare in che misura egli desidera condividere parte di sé con altri - Diritto al controllo sulla circolazione dei dati ed informazioni che ci riguardono privacy dinamica Definizione ed origine della privacy
  24. 24. Bentham, Panopticon, 1791 Avv. Mauro Alovisio
  25. 25. Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali o CEDU (Roma 4 novembre 1950) Direttiva 95/46/CEE “Tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione di tali dati” e direttiva 2002/58/Ce privacy nel settore delle comunicazioni elettroniche - Legislatore comunitario -“sistema Schengen” per favorire la circolazione dei lavoratori - l’Italia approva la legge n. 675 del 1996 in materia di privacy -Codice in materia di protezione dei dati personali (D L.vo n. 196 del 2003) -La carta dei diritti fondamentali dell’unione europea (art.8) Il valore della protezione dei dati
  26. 26. la sicurezza informatica consiste nella protezione dei requisiti: - di integrità - di disponibilità - di confidenzialità di un sistema informativo - verificabilità -reattività rapporto dell’associazione Clusit 2015 gli attacchi informatici: 9 miliardi di danni solo in Italia Sicurezza informatica
  27. 27. Aprile 2016 approvazione del nuovo regolamento europeo che sostituirà la direttiva 46/95/CE del 2003 -rafforzamento dei diritti dei cittadini digitali nell’utilizzo di internet e nei socialnetwork , portabilità dei dati, informativa, consenso, diritto all’oblio - introduzione del privacy by design e by default, privacy impact assessment (valutazione dell'impatto-privacy ) -obbligo di costituire un "data protection officer“ - rafforzamento dei poteri delle autorità nazionali (sanzioni) - inasprimento delle sanzioni (multe che possono arrivare al 2% del fatturato o a una cifra massima di 10-20 milioni di euro) Il nuovo regolamento Europeo
  28. 28. Qualora si applichi l'articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l'offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un'età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. Gli Stati membri possono stabilire per legge un'età inferiore a tali fini purché non inferiore ai 13 anni. (art.8) Il nuovo regolamento Europeo e minori (a)
  29. 29. 2. Il titolare del trattamento si adopera in ogni modo ragionevole per verificare in tali casi che il consenso sia espresso o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale sul minore, in considerazione delle tecnologie disponibili. 3. Il paragrafo 1 non pregiudica le disposizioni generali del diritto dei contratti degli Stati membri, quali le norme sulla validità, la formazione o l’efficacia di un contratto rispetto a un minore. Il nuovo regolamento Europeo e minori (b)
  30. 30. Internet e privacy Il primo strumento per tutelare la privacy è la consapevolezza Etica del digitale Video su app. e privacy http://www.garanteprivacy.it/app Video su social network: Connetti la testa http://www.garanteprivacy.it/connettilatesta Video su smartphone e tablet Fatti Smart https://www.youtube.com/watch?v=6eF-mwKhrVo
  31. 31. Internet e privacy  primo strumento per tutelare la privacy è la consapevolezza. http://www.garanteprivacy.it/app
  32. 32. Scenari attuali «Nel 2010 è stata creata una quantità di dati superiore a quella prodotta dall’uomo complessivamente negli ultimi 30.000 anni» Eric Shmidt, amministratore delegato di Google Non vi è più alcun confine fra l’on line e l’off line, vita reale e vita digitale SPOT BELGA sull'ingenuità delle persone riguardo i propri dati personali in pasto ai social network https://www.youtube.com/watch?v=qYnmfBiomlo
  33. 33. Quando ti connetti ai social network, connetti anche la testa"! Con i social network entri in contatto con gli altri, condividi idee ed emozioni, cerchi e trovi informazioni. Queste nuove forme di comunicazione offrono enormi opportunità, ma presentano anche dei rischi che è bene conoscere. Per aiutarti, il Garante per la protezione dei dati personali mette a tua disposizione tre strumenti: un video tutorial per riflettere su come usare i social network in modo sicuro e consapevole, un breve questionario per testare quanto conosci i principali pericoli che si possono correre in Rete e un vademecum con i consigli dell'Autorità http://www.garanteprivacy.it/connettilatesta Test connetti la testa
  34. 34. Hai spiegato a tuo figlio che non deve toccare il fornello acceso, lo hai educato ad attraversare la strada, a “non prendere caramelle dagli sconosciuti”... ma gli hai insegnato a riconoscere i segnali di pericolo della rete? Gli hai insegnato a difendersi dalle aggressioni di potenziali provocatori o molestatori on-line? A non raccontare a tutti, anche a sconosciuti, particolari della sua vita privata e di quella degli amici? Hai mai provato a navigare insieme a tuo figlio? Gli hai chiesto di mostrarti come si usa Internet e le reti sociali alle quali è iscritto? (linguaggio tra generazioni) http://www.youtube.com/watch?v=Zkd3hcEhYjA Genitori e social media (a)
  35. 35. Se vedi tua figlia turbata, le chiedi come è andata la giornata con i suoi gruppi sui social network? Provi mai a farti spiegare dai tuoi figli quali sono gli argomenti di discussione più interessanti sui social network in quel momento? Ti informi se i tuoi figli hanno conosciuto nuovi amici in chat? Pericoli di Internet - reale e virtuale - Dov'è Klaus? http://www.youtube.com/watch?v=KoFUr3h0Yxc Genitori e social media (b)
  36. 36. In tutto questo qual è l’atteggiamento della famiglia? Secondo l’indagine di Telefono Azzurro: - il 56% dei genitori parla in famiglia dei rischi che si possono correre online -il 12% opta per il controllo sui contenuti fruiti dal figlio - il 10% ritiene che il figlio possa cavarsela da solo, in quanto già esperto delle nuove tecnologie. SempreTelefono Azzurro, nell’ambito del progetto PlayTech realizzato con Google, evidenzia che un genitore su cinque conosce poco o niente delle attività dei figli nel’mondo virtuale’ Indagine genitori e web
  37. 37. In tutto questo qual è l’atteggiamento della famiglia? Secondo l’indagine di Telefono Azzurro: - il 56% dei genitori parla in famiglia dei rischi che si possono correre online -il 12% opta per il controllo sui contenuti fruiti dal figlio - il 10% ritiene che il figlio possa cavarsela da solo, in quanto già esperto delle nuove tecnologie. SempreTelefono Azzurro, nell’ambito del progetto PlayTech realizzato con Google, evidenzia che un genitore su cinque conosce poco o niente delle attività dei figli nel’mondo virtuale’ Indagine genitori e web
  38. 38. Casi concreti
  39. 39. Verso un uso consapevole dei media digitali Era della comunicazione digitale -il 91% dei giovani tra 14 e 18 anni è iscritto ad almeno un social network l'87% usa uno smartphone connesso a internet -Cyberbullismo ll 52% dei presidi italiani ha dovuto gestire episodi di bullismo digitale, il 10% di sexting e il 3% di adescamento online. -Genitori i genitori hanno poca consapevolezza e tendono a sminuire il fenomeno, dice l'81% dei dirigenti scolastici ● Indagine Censi sui dirigenti scolastici marzo 2016 http://www.censis.it/7?shadow_comunicato_stampa=121051
  40. 40. Askare? Sextortion Vamping Snapchappare? Pokare? Sexting ? Hater? Bannare? http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3140059 Il gergo della rete
  41. 41. A che punto siamo? Indagine Censis «Verso un uso consapevole dei media digitali» marzo 2016- dirigenti scolastici Indagine Censis sui dirigenti scolastici marzo 2016 http://www.censis.it/7?shadow_comunicato_stampa=121051 Indagine Il tempo del web. Adolescenti e genitori online a cura di Doxa Kids e Telefono azzurro Febbraio 2016 Indagine Istat sul bullismo e cyberbullismo Dicembre 2015 http://www.istat.it/it/archivio/176335
  42. 42. Verso un uso consapevole dei media digitali Era della comunicazione digitale -il 91% dei giovani tra 14 e 18 anni è iscritto ad almeno un social network l'87% usa uno smartphone connesso a internet -Cyberbullismo ll 52% dei presidi italiani ha dovuto gestire episodi di bullismo digitale, il 10% di sexting e il 3% di adescamento online. -Genitori i genitori hanno poca consapevolezza e tendono a sminuire il fenomeno, dice l'81% dei dirigenti scolastici ● Indagine Censi sui dirigenti scolastici marzo 2016 http://www.censis.it/7?shadow_comunicato_stampa=121051
  43. 43. A che punto siamo? Indagine Censis sui dirigenti scolastici marzo 2016 Verso un uso consapevole dei media digitali Indagine Censi sui dirigenti scolastici marzo 2016 http://www.censis.it/7?shadow_comunicato_stampa=121051 Indagine Il tempo del web. Adolescenti e genitori online a cura di Doxa Kisd e Telefono azzurro
  44. 44. Il tempo del web. Adolescenti e genitori online”, realizzata da SOS Il Telefono Azzurro Onlus (c) ● Acquisti online.Altro dato sorprendente della ricerca riguarda l’uso del denaro che gli adolescenti fanno sulla rete. Un intervistato su 10 confessa di aver proceduto a un acquisto senza accorgersene, ma quello che salta all’occhio è che più di 2 su 3 (38%) compra regolarmente con carta dei genitori (63%) o con propria (22%). ● Una serie di allarmi lanciati dagli adolescenti italiani a cui spesso i genitori non sono in grado da soli di dare risposta: il 71% degli intervistati dichiara di non aver mai sentito parlare di sexting, il 12% di non saper cos’è il cyberbullismo.
  45. 45. Rapporto Istat giovani e bullismo ● Comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi:Bullismo ● Nel 2014, poco più del 50% degli 11-17enni ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti. Il 19,8% è vittima assidua di una delle "tipiche" azioni di bullismo, cioè le subisce più volte al mese. Per il 9,1% gli atti di prepotenza si ripetono con cadenza settimanale. ● Hanno subìto ripetutamente comportamenti offensivi, non rispettosi e/o violenti più i ragazzi 11- 13enni (22,5%) che gli adolescenti 14-17enni (17,9%); più le femmine (20,9%) che i maschi (18,8%). Tra gli studenti delle superiori, i liceali sono in testa (19,4%); seguono gli studenti degli istituti professionali (18,1%) e quelli degli istituti tecnici (16%). ● Le vittime assidue di soprusi raggiungono il 23% degli 11-17enni nel Nord del paese. Considerando anche le azioni avvenute sporadicamente (qualche volta nell'anno), sono oltre il 57% i giovanissimi oggetto di prepotenze residenti al Nord. ● Tra i ragazzi utilizzatori di cellulare e/o Internet, il 5,9% denuncia di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o sui social network. Le ragazze sono più di frequente vittime di Cyber bullismo (7,1% contro il 4,6% dei ragazzi). ● Le prepotenze più comuni consistono in offese con brutti soprannomi, parolacce o insulti (12,1%), derisione per l'aspetto fisico e/o il modo di parlare (6,3%), diffamazione (5,1%), esclusione per le proprie opinioni (4,7%), aggressioni con spintoni,botte, calci e pugni (3,8%). ● Il 16,9% degli 11-17enni è rimasto vittima di atti di bullismo diretto, caratterizzato da una relazione vis a vis tra la vittima e bullo e il 10,8% di azioni indirette, prive di contatti fisici.Tra le ragazze è minima la differenza tra prepotenze di tipo "diretto" e "indiretto" (rispettivamente 16,7% e 14%).Al contrario, tra i maschi le forme dirette (17%) sono più del doppio di quelle indirette (7,7%). ● http://www.istat.it/it/archivio/176335
  46. 46. Il tempo del web. Adolescenti e genitori online”, realizzata da SOS Il Telefono Azzurro Onlus (a) ● Dipendenza. Il 17% dei ragazzi intervistati dichiara di non riuscire a staccarsi da smartphone e social, 1 su 4 (25%) è sempre online, quasi 1 su 2 (45%) si connette più volte al giorno, 1 su 5 (21%) è afflitto da vamping: si sveglia durante la notte per controllare i messaggi arrivati sul proprio cellulare. Quasi 4 su 5 (78%) chattano continuamente suWhatsApp. ● Troppo presto. Uno degli allarmi lanciati dalla ricerca è quello dell’età in cui gli adolescenti italiani accedono alla rete. Uno su 2 (48%) dichiara di essersi iscritto a Facebook prima dei 13 anni, età minima consentita per poterlo fare, mentre il 71% riceve in dote uno smartphone mediamente a 11 anni. Prima delle chiavi di casa che arrivano a 12.
  47. 47. Il tempo del web. Adolescenti e genitori online”, realizzata da SOS Il Telefono Azzurro Onlus (b) ● Genitori. Se i ragazzi palesano una dipendenza evidente, non sono da meno mamme e papà. Quattro intervistati su 5 dichiarano di usare i social per comunicare quotidianamente con i propri figli – 68%WhatsApp, 18% altre chat – 1 su 4 (22%) di soffrire di vamping. ● Cyberbullismo.Tra le esperienze peggiori vissute dai ragazzi in rete quella di essere deriso da amici o conoscenti. Più di 1 su 10 (12%) dichiara di essere stato vittima di cyberbullismo, il 32% ha paura di subirlo, mentre il 30% teme il contrario: postare qualcosa che offenda qualcuno senza accorgersene.
  48. 48. Il tempo del web. Adolescenti e genitori online”, realizzata da SOS Il Telefono Azzurro Onlus (c) ● Acquisti online.Altro dato sorprendente della ricerca riguarda l’uso del denaro che gli adolescenti fanno sulla rete. Un intervistato su 10 confessa di aver proceduto a un acquisto senza accorgersene, ma quello che salta all’occhio è che più di 2 su 3 (38%) compra regolarmente con carta dei genitori (63%) o con propria (22%). ● Una serie di allarmi lanciati dagli adolescenti italiani a cui spesso i genitori non sono in grado da soli di dare risposta: il 71% degli intervistati dichiara di non aver mai sentito parlare di sexting, il 12% di non saper cos’è il cyberbullismo.
  49. 49. Verso un uso consapevole dei media digitali Era della comunicazione digitale -il 91% dei giovani tra 14 e 18 anni è iscritto ad almeno un social network l'87% usa uno smartphone connesso a internet -Cyberbullismo ll 52% dei presidi italiani ha dovuto gestire episodi di bullismo digitale, il 10% di sexting e il 3% di adescamento online. -Genitori i genitori hanno poca consapevolezza e tendono a sminuire il fenomeno, dice l'81% dei dirigenti scolastici ● Indagine Censi sui dirigenti scolastici marzo 2016 http://www.censis.it/7?shadow_comunicato_stampa=121051
  50. 50. Generazioni Connesse- ricerca 2016 ●Generazione Z, i nati tra il 1996 e il 2010, ●un’indagine affidata da Generazioni Connesse a Skuola.net e all’Università degli Studi di Firenze. Dalla ricerca emerge che il 17% degli intervistati rimane connesso tra le 5 e le 10 ore al giorno (considerando l’uso integrato di personal computer, tablet e cellulare). Una percentuale analoga di ragazzi si dichiara sempre connessa. Nel mondo dei giovanissimi sono le chat a farla da padrone:Whatsapp è la piattaforma preferita dal 90% degli intervistati, una percentuale superiore a quella registrata dai social network come Facebook (64%), Instagram (61%) eYoutube (58%). Quasi la totalità degli intervistati, più del 90%, confessa di usare quotidianamente le chat. Tra questi ci sono anche giovanissimi che sviluppano una certa dipendenza: sono quelli a rischio vamping, che chattano anche di notte (6%), oppure quelli che lo fanno ogni volta che possono, anche quando è vietato, come a scuola (26% circa). I ragazzi sono online ben prima dei 14 anni ma, per fortuna, sono sempre più attenti alla loro privacy.Temono i bulli digitali, ma ancora in troppi sottovalutano il cyberbullismo, tanto che solo l’8% ammette di aver intenzionalmente vessato un coetaneo, mentre 1 su 10 banalizza il proprio comportamento come semplice scherzo.
  51. 51. I Bulli ● «Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza» ●Dante (Inferno XXVI) ● «Franti è alto e forte, la sua faccia è tosta, triste, brutta, di bronzo, la fronte è bassa, gli occhi torbi. Porta un berretino con visiera, di tela cerata, schiacciato su un orecchio. Ha un coltello. Fu già espulso da un’altra sezione» ● «Cuore» di Edmondo De Amicis ●Franti non ha un nome!! ●Episodio di bullismo contro l’allievo Crossi
  52. 52. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  53. 53. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  54. 54. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  55. 55. Bullismo Che cos’ il bullismo ? ●“uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o ● vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o di più compagni”. ●Dan Olweus ● Tre elementi costitutivi e contestuali : ●a) un’aggressione, fisica o verbale ●b) la ripetizione dei comportamenti nel tempo ●c) uno squilibrio di potere o di forza ●
  56. 56. Cyberbullismo Che cos’è il cyberbullismo ? - bullismo on line si intende un tipo di attacco continuo, ripetuto e sistematico attuato mediante internet attraverso e-mail, messaggistica istantanea, chat, gruppi su social networks sms, mms si distingue in : - cyberbullismo diretto (invio di messaggi alla vittima) - cyberbullismo indiretto (diffusione on line ) Avv. Mauro Alovisio
  57. 57. Differenze fra cyberbullismo e bullismo - il cyberbullismo come ogni fenomeno connesso ad internet non ha limiti di spazio di tempo - ha pertanto un potenziale offensivo più persistente e pericoloso - il cyberbullo non ha il contatto visivo con la vittima e pertanto non ha l’esatta percezione delle conseguenze delle proprie azioni (impatto su empatia e remore etiche; meccanismo psicologico del disimpegno morale) - il cyberbullo crede di essere anonimo e di non potere essere rintracciato (in realtà non è così) e tale finta convinzione rafforza il potenziale offensivo - non c’è più la possibilità di controllo fisico di educatori, genitori e adulti Avv. Mauro Alovisio
  58. 58. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  59. 59. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  60. 60. Rapporto Istat giovani e bullismo ● Comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi:Bullismo ● Nel 2014, poco più del 50% degli 11-17enni ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti. Il 19,8% è vittima assidua di una delle "tipiche" azioni di bullismo, cioè le subisce più volte al mese. Per il 9,1% gli atti di prepotenza si ripetono con cadenza settimanale. ● Hanno subìto ripetutamente comportamenti offensivi, non rispettosi e/o violenti più i ragazzi 11- 13enni (22,5%) che gli adolescenti 14-17enni (17,9%); più le femmine (20,9%) che i maschi (18,8%). Tra gli studenti delle superiori, i liceali sono in testa (19,4%); seguono gli studenti degli istituti professionali (18,1%) e quelli degli istituti tecnici (16%). ● Le vittime assidue di soprusi raggiungono il 23% degli 11-17enni nel Nord del paese. Considerando anche le azioni avvenute sporadicamente (qualche volta nell'anno), sono oltre il 57% i giovanissimi oggetto di prepotenze residenti al Nord. ● Tra i ragazzi utilizzatori di cellulare e/o Internet, il 5,9% denuncia di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o sui social network. Le ragazze sono più di frequente vittime di Cyber bullismo (7,1% contro il 4,6% dei ragazzi). ● Le prepotenze più comuni consistono in offese con brutti soprannomi, parolacce o insulti (12,1%), derisione per l'aspetto fisico e/o il modo di parlare (6,3%), diffamazione (5,1%), esclusione per le proprie opinioni (4,7%), aggressioni con spintoni,botte, calci e pugni (3,8%). ● Il 16,9% degli 11-17enni è rimasto vittima di atti di bullismo diretto, caratterizzato da una relazione vis a vis tra la vittima e bullo e il 10,8% di azioni indirette, prive di contatti fisici.Tra le ragazze è minima la differenza tra prepotenze di tipo "diretto" e "indiretto" (rispettivamente 16,7% e 14%).Al contrario, tra i maschi le forme dirette (17%) sono più del doppio di quelle indirette (7,7%). ● http://www.istat.it/it/archivio/176335
  61. 61. Agenda ● definizione di bullismo e cyberbullismo ● I nuovi scenari normativi, linee guida Miur e social media ● Le responsabilità ●. Casi concreti ●- Nativi digitali
  62. 62. Contesto nazionale Gli atti di cyberbullismo possono integrare a livello penale le seguenti fattispecie: -ingiuria e diffamazione on line (art. 594 e 595 c.p.) - molestie (660 c.p) - minaccia (612 c.p) - violenza privata; (art. 610 c.p) - sostituzione di persona (art. 494 c.p: v, cass. Pen. 12479 del 2011) -stalking telematico (“cyberstalking”) (612 bis c.p) - violazione della privacy (art. 167 del Codice della Privacy) presenza di diversi disegni di legge in materia ma in ottica repressiva e non di prevenzione (sul modello della legislazione francese ) Avv. Mauro Alovisio
  63. 63. Effetti del bullismo - rendimento scolastico - assenze da scuola - perdita di appettito - ansia - depressione - bassa stima di se stessi - suicidio Danni alla salute fisica e psichica Avv. Mauro Alovisio
  64. 64. Le forme del bullismo Flaming:l’invio di messaggi elettronici violenti e volgari finalizzati a suscitare discussioni on line Harassment:molestie ripetute attraverso l’invio di messaggi elettronici offensivi Denigration: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione o le sue amicizie,. Impersonation “sostituzione di persona” Outing and trickery: “rivelazioni ed inganno” Esclusione Cyberstalking Avv. Mauro Alovisio
  65. 65. ●Contributo del Centro Studi di Informatica Giuridica di IvreaTorino: http://csig-ivrea-torino.blogspot.it/ ha riguardato i profili del bullismo/cyberbullismo e le pari opportunità In materia di bullismo , si è proposto : «la previsione di momenti di informazione, confronto e prevenzione rivolti a genitori, allievi, docenti, dei fenomeni complessi del bullismo, drama e cyberbullismo; si evidenzia come il fenomeno del bullismo sia citato nel corpo del documento "La Buona Scuola" solo una volta ( a p. 82) e sia individuato, come strumento di contrasto dello stesso: lo sport a scuola, (su quali basi di ricerca?); si propone la previsione nelle scuole della giornata obbligatoria della legalità, trasparenza e pari opportunità aperta alle famiglie, enti, università,centri di ricerca, forze dell'Ordine» (https://labuonascuola.gov.it/area/m/20008/ Consultazione La Buona Scuola (a)
  66. 66. Contributo del Centro Studi di Informatica in materia di pari opportunità, si è proposto di inserire nel documento: - «il reintegro dell'obbligo di educazione civica intesa come formazione alla cittadinanza attiva declinata sotto il profilo della cittadinanza digitale e della social education; - la previsione del richiamo ai principi delle pari opportunità (intesa come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse al genere, religione e convinzioni personali, razza e origine etnica, disabilità, età, orientamento sessuale) e di non discriminazione e l'adozione nel documento del linguaggio di genere» https://labuonascuola.gov.it/area/m/5804/ come è finita? Consultazione La Buona Scuola (b)
  67. 67. ●Con Legge 13 luglio 2015 , n. 107 art.1 , comma 7 Le istituzioni scolastiche, nei limiti delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, individuano il fabbisogno di posti dell'organico dell'autonomia, in relazione all'offerta formativa che intendono realizzare, nel rispetto del monte orario degli insegnamenti e tenuto conto della quota di autonomia dei curricoli e degli spazi di flessibilità nonché in riferimento a iniziative di potenziamento dell'offerta formativa e delle attività progettuali, per il raggiungimento degli obiettivi formativi individuati come prioritari tra i seguenti: -prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del bullismo, anche informatico; potenziamento dell'inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari ed educativi del territorio e delle associazioni di settore e l'applicazione delle linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati, emanate dal Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca il 18 dicembre 2014; Riforma Buona Scuola (a)
  68. 68. - Legge 13 luglio 2015 , n. 107 d) sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri; potenziamento delle conoscenze in materia giuridica ed economico- finanziaria e di educazione all'autoimprenditorialita'; e) sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali; h) sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro; . Riforma Buona Scuola (b)
  69. 69. contributo Csig di IvreaTorino alla consultazione «l’articolo sull’educazione va inserito tra i primi articoli della dichiarazione (all’ art.2) e non all’art.13 della bozza di dichiarazione in quanto si tratta di un aspetto strategico per lo sviluppo del nostro paese (uno di più arretrati in Europa v. ritardi di carattere culturale, politico e tecnico v. criticità del digital divide) e rientra nel dovere costituzionale del diritto all’istruzione -Educazione come fattore di cittadinanza e sviluppo delle società -conoscere ed imparare ad utilizzare internet -conoscere i propri diritti e i propri doveri su internet come è finita? L’articolo sull’educazione è il terzo della dichiarazione! http://www.camera.it/leg17/1179 Dichiarazione dei diritti su internet
  70. 70. contributo Csig di IvreaTorino alla consultazione «l’articolo sull’educazione va inserito tra i primi articoli della dichiarazione (all’ art.2) e non all’art.13 della bozza di dichiarazione in quanto si tratta di un aspetto strategico per lo sviluppo del nostro paese (uno di più arretrati in Europa v. ritardi di carattere culturale, politico e tecnico v. criticità del digital divide) e rientra nel dovere costituzionale del diritto all’istruzione -Educazione come fattore di cittadinanza e sviluppo delle società -conoscere ed imparare ad utilizzare internet -conoscere i propri diritti e i propri doveri su internet come è finita? L’articolo sull’educazione è il terzo della dichiarazione! http://www.camera.it/leg17/1179 Dichiarazione dei diritti su internet
  71. 71. Art. 3. (Diritto alla conoscenza e all’educazione in rete). 1. Le istituzioni pubbliche assicurano la creazione, l'uso e la diffusione della conoscenza in rete intesa come bene accessibile e fruibile da parte di ogni soggetto. 2. Debbono essere presi in considerazione i diritti derivanti dal riconoscimento degli interessi morali e materiali legati alla produzione di conoscenze. 3. Ogni persona ha diritto ad essere posta in condizione di acquisire e di aggiornare le capacità necessarie ad utilizzare Internet in modo consapevole per l’esercizio dei propri diritti e delle proprie libertà fondamentali. 4. Le Istituzioni pubbliche promuovono, in particolare attraverso il sistema dell’istruzione e della formazione, l’educazione all’uso consapevole di Internet e intervengono per rimuovere ogni forma di ritardo culturale che precluda o limiti l’utilizzo di Internet da parte delle persone. 5. L'uso consapevole di Internet è fondamentale garanzia per lo sviluppo di uguali possibilità di crescita individuale e collettiva, il riequilibrio democratico delle differenze di potere sulla Rete tra attori economici, Istituzioni e cittadini, la prevenzione delle discriminazioni e dei comportamenti a rischio e di quelli lesivi delle libertà altrui. Dichiarazione dei diritti su internet
  72. 72. ● In materia di bullismo , il testo in consultazione riportava : «la previsione di momenti di informazione, confronto e prevenzione rivolti a genitori, allievi, docenti, dei fenomeni complessi del bullismo, drama e cyberbullismo; si evidenzia come il fenomeno del bullismo sia citato nel corpo del documento "La Buona Scuola" solo una volta (a p. 82) e sia individuato, come strumento di contrasto dello stesso: lo sport a scuola, (su quali basi di ricerca?); si è proposto la previsione nelle scuole della giornata obbligatoria della legalità, trasparenza e pari opportunità aperta alle famiglie, enti, università,centri di ricerca, forze dell'Ordine» (https://labuonascuola.gov.it/area/m/20008/ in materia di pari opportunità, si è proposto di inserire nel documento: - «il reintegro dell'obbligo di educazione civica intesa come formazione alla cittadinanza attiva declinata sotto il profilo della cittadinanza digitale e della social education; - la previsione del richiamo ai principi delle pari opportunità (intesa come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse al genere, religione e convinzioni personali, razza e origine etnica, disabilità, età, orientamento sessuale) e di non discriminazione e l'adozione nel documento del linguaggio di genere» Consultazione La Buona Scuola
  73. 73. Le Linee guida del Miur su bullismo e cyberbullismo • Aprile del 2015 «Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e cyberbullismo» consultabili al link: http://www.istruzione.it/dg_studente/allegati/Linee_di_orientamento.pdf -sostituiscono le precedenti linee guida del Miur del 1997 e colmano un vuoto di indirizzo -si rivolgono a tutte le scuole, famiglie e studenti Avv. Mauro Alovisio
  74. 74. Punti di forza (a) internet come «ambiente di vita» che non -internet come «ambiente di vita» che non deve essere demonizzato (nativi e migranti digitali) approccio pragmatico -bullismo e cyberbullismo fenomeni che comprendono bullo, vittime e gruppi, famiglie (visione prospettica) -il ruolo dell’informazione ed educazione ai media e nei media - richiamo forte alle pari opportunità (diversità come ricchezza, accettazione e consapevolezza dell’altro, genere e identità di genere) - responsabilità collettiva, prevenzione, informazione, ascolto - rafforzare e valorizzare il patto di corresponsabilità previsto dallo Statuto delle studentesse e studenti educa zione alla responsabilità e alla legalità, cultura (vittima, aggressore, gruppo) e valorizzazione del ruolo del docenteAvv. Mauro Alovisio
  75. 75. Punti di forza (b) internet come «ambiente di vita» che non -salvaguardia delle esperienze precedenti antibullismo e contestuale revisione dei processi -una nuova mission della scuola: guidare gli studenti verso la consapevolezza dei propri diritti e doveri di “cittadini digitali”. -confermano la centralità della scuola che nel rispetto delle indicazioni ministeriali si assumeranno la responsabilità delle proprie scelte didattiche o organizzative -valorizzazione della formazione dei docenti - riorganizzazione della governance amministrativa trasferimento delle funzioni dagli osservatori ai CentriTerritoriali di Supporto (CTS) un punto di arrivo o un punto di partenza ma le risorse in campo? del ruolo del doc Avv. Mauro Alovisio
  76. 76. - un buon testo da cui partire ! - ma con quali risorse (umane, tecnologiche e finanziarie)? - come illustrare meglio i concetti di anonimato? - come le scuole possono tradurre gli indirizzi strategici indicate dalle linee guida? - come rendere attivo il ruolo degli studenti nell’informazione, prevenzione e contrasto del cyberbullismo? Come favorire il dialogo? e l’educazione alla responsabilità? - quali sono le responsabilità degli studenti, genitori e operatori? - come possono i docenti e i dirigenti diventare il motore della svolta? antenne di rivelazione di un disagio dei ragazzi? Come aiutare i docenti e i ragazzi? Punti da migliorare? (a)
  77. 77. - a che punto siamo con la ridefinizione dei compiti e ruoli dei Centri territoriali di supporto (Cts)? a quando gli specifici atti direttoriali? - come creare un rapporto con i centri di ricerca, università, forze dell’Ordine? Occorre creare un raccordo con i servizi sociali e con il tribunale dei Minori ? - come offrire strumenti tecnologici efficaci di segnalazione di episodi di bullismo? - come aprirsi a bandi e finanziamenti e crowdfunding ? - come sviluppare strumenti e scenari di peer education? - cosa possiamo fare nell’attuale scenario della riforma la Buona scuola? Punti da migliorare? (b)
  78. 78. Scuole e bullismo (a) Le Linee di orientamento invitano le scuole a: - realizzare interventi mirati alla prevenzione del bullismo e del cyberbullismo; - offrire lezioni di web sicuro all’interno di specifici moduli didattici da inserire nel piano dell’offerta formativa; -ad aggiornare il regolamento scolastico con una sezione dedicata all’uso degli smartphone e di altri dispositivi elettronici; -comunicare agli studenti e alle loro famiglie le sanzioni previste dal regolamento di istituto nei casi di bullismo, cyberbullismo e navigazione on line; -prevedere dei percorsi di formazione tenuti dagli esperti rivolti a genitori sulle problematiche del bullismo e cyber bullismo impostati anche sull’analisi dei bisogni; - ideare e realizzare campagne pubblicitarie attraverso messaggi video e locandine informative; Avv. Mauro Alovisio
  79. 79. Scuole e bullismo (b) -ideare e realizzare campagne pubblicitarie attraverso messaggi video e locandine informative; - creare sul sito web della scuola una sezione dedicata ai temi del bullismo e/o cyber bullismo in cui inserire uno spazio riservato alle comunicazioni scuola-famiglia e una chat dedicata gestita dagli studenti eventualmente attraverso i loro rappresentanti; - aprire uno sportello di ascolto on line e/o face to face presso ciascuna scuola sede di CTS; - utilizzare procedure codificate per segnalare alle famiglie, enti e/o organismi competenti i comportamenti a rischio; - valorizzare il ruolo del personale scolastico ed in particolare, degli assistenti tecnici al fine di un utilizzo sicuro di Internet e scuola. - informative; Avv. Mauro Alovisio
  80. 80. i Genitori e le Linee guida del Miur (a) - La scuola è chiamata ad adottare misure finalizzate a prevenire e contrastare ogni forma di violenza e di prevaricazione - La famiglia è chiamata a collaborare con la scuola non solo educando i figli ma anche vigilando sui loro comportamenti - Rafforzare e valorizzare il patto di corresponsabilità educativa previsto dallo Statuto delle studentesse e studenti strumento pattizio innovativo attraverso il quale declinare i reciproci rapporti, diritti e i doveri che intercorrono fra l’istituzione scolastica, la famiglia e gli studenti - dei bisogni; Avv. Mauro Alovisio
  81. 81. i Genitori e le Linee guida del Miur (b) - I genitori hanno il diritto e dovere di informarsi sull’offerta formativa e programmi erogati dalle scuole v. Piano Offerta Formativa (POF), sono previsti moduli sull’utilizzo sicuro di internet? - Quali delle misure organizzative previste dalle Linee guida del Miur contro il bullismo e cyberbullismo sono state adottate? - Sono state comunicate alle famiglie i regolamenti e le sanzioni previste nel caso di ceyberbullismo? - Sono state comunicate alle famiglie le procedure codificate per segnalare alle famiglie ed enti i comportamenti a rischio? - Sono stati pianificati momenti informativi per ragazzi e genitori? - È stato creato uno sportello o sezione web in materia? - Sono previste iniziative per il Safer Internet Day 2016 di febbraio? - Come sono coinvolti i ragazzi nelle attività di prevenzione e contrasto del cyberbullismo?
  82. 82. - visione pragmatica dei social media: il ruolo positivo degli strumenti social che nell’ambito scolastico possono essere adottati come -strumenti di comunicazione, validi ed efficaci sia per la divulgazione di materiali didattici sia per la rilevazione del grado di soddisfazione degli studenti rispetto alle attività scolastiche sia per la sensibilizzazione all’uso corretto della rete (pag.9) I Social media!!!
  83. 83. i Genitori e le Linee guida del Miur (a) - La scuola è chiamata ad adottare misure finalizzate a prevenire e contrastare ogni forma di violenza e di prevaricazione - La famiglia è chiamata a collaborare con la scuola non solo educando i figli ma anche vigilando sui loro comportamenti - Rafforzare e valorizzare il patto di corresponsabilità educativa previsto dallo Statuto delle studentesse e studenti strumento pattizio innovativo attraverso il quale declinare i reciproci rapporti, diritti e i doveri che intercorrono fra l’istituzione scolastica, la famiglia e gli studenti - dei bisogni; Avv. Mauro Alovisio
  84. 84. i Genitori e le Linee guida del Miur (b) - I genitori hanno il diritto e dovere di informarsi sull’offerta formativa e programmi erogati dalle scuole v. Piano Offerta Formativa (POF), sono previsti moduli sull’utilizzo sicuro di internet? - Quali delle misure organizzative previste dalle Linee guida del Miur contro il bullismo e cyberbullismo sono state adottate? - Sono state comunicate alle famiglie i regolamenti e le sanzioni previste nel caso di ceyberbullismo? - Sono state comunicate alle famiglie le procedure codificate per segnalare alle famiglie ed enti i comportamenti a rischio? - Sono stati pianificati momenti informativi per ragazzi e genitori? - È stato creato uno sportello o sezione web in materia? - Sono previste iniziative per il Safer Internet Day 2016 di febbraio? - Come sono coinvolti i ragazzi nelle attività di prevenzione e contrasto del cyberbullismo?
  85. 85. Informarsi ma come? www. garanteprivacy.it http://www.poliziadistato.it/articolo/37189/ http://www.generazioniconnesse.it/ http://www.garanteinfanzia.org/ http://smontailbullo.it/webi/index.php?s=1 www.csigivreatorino.it Come non informarsi: http://www.repubblica.it/tecnologia/2015/05/06/news/igloss_1_0_- _l_abc_dei_comportamenti_devianti_on_line-113680440/?refresh_ce Avv. Mauro Alovisio
  86. 86. A chi segnalare casi di bullismo? - al Dirigente scolastico, (le linee guida Miur di aprile 2015 prevedono alcune misure organizzative, informative in materia di bullismo) - al rappresentanti dei genitori - al Nucleo di prossimità di Torino (appuntamento http://www.comune.torino.it/vigiliurbani/poliziamunicipale/struttu ra/nuclei/n-prossimita.shtml Via Bologna, 74 tel. 011.01134300 - alla Polizia Postale CompartimentoTorino CorsoTazzoli, 235 – Tel. 011/3014611 - Telefono Azzurro - www.azzurro.it - 19696 http://www.telefonoamico.it - 199 284 284 Avv. Mauro Alovisio
  87. 87. Responsabilità - genitori art. 30 costituzione: è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli anche se nati fuori dal matrimonio, art. 147 cc - docenti «I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un'arte (maestri di arte) sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto» - dirigenti compiti di organizzazione degli operatori scolastici : un'attività di custodia (ex art. 2043 e 2051 c.c.) e non vigilanza! ragazzi (art. 2046 e 2043 c.v.) - ragazzi (art. 2046 e 2043 c.c.) Avv. Mauro Alovisio
  88. 88. Blocca i bulli È possibile bloccare, almeno parzialmente, l’azione dei cyberbulli. Salvando il testo di una chat e inviando una segnalazione al moderatore. Così come contattando il provider del servizio (Facebook, ad esempio) o nel caso del cellulare, il gestore della telefonia mobile.A volte può essere necessario contattare la polizia postale, se non sei sicuro puoi prima chiamare la nostra helpline. Ascolta i tuoi figli Se vieni a sapere che tuo figlio è preso di mira, chiedigli cosa vuole da te, non agire senza avere condiviso con lui o lei.A volte non raccontano come se la passano per paura che il genitore reagisca in modo eccessivo, rendendo la sua situazione peggiore. Per capire come sta, esci dai tuoi panni e mettiti nei suoi. Comunica con i tuoi figli Fai loro sentire che possono chiedere consiglio sempre. Ricordati che se temono punizioni o conseguenze negative sarà più difficile che si confrontino o chiedano consiglio. Cosa fare? (c)
  89. 89. Dalle ricerche, emerge che il 56% dei genitori di minori che hanno subito atti di cyberbullismo, non ne è consapevole o lo esclude (EU Kids Online, ANNO). Per accorgersene lo strumento più importante è il rapporto che hai costruito con loro. La comunicazione, il dialogo che avete. Se è buono, è più probabile che siano loro a dirti cosa sta accadendo. Altrimenti ecco alcuni segnali: Cambiano improvvisamente il comportamento con gli amici, a scuola, o in altri luoghi dove socializzano. Sono restii a frequentare luoghi o eventi che coinvolgono altre persone. Evitano l’uso di computer, telefonini e altre tecnologie per comunicare con gli altri. Sono particolarmente stressati ogni volta che si riceve un messaggio. Mostrano scarsa autostima, depressione, disturbi alimentari o del sonno. Fonte: generazioni connesse Cogliere i segnali
  90. 90. Comunica con i tuoi figli Fai loro sentire che possono chiedere consiglio sempre. Ricordati che se temono punizioni o conseguenze negative sarà più difficile che si confrontino o chiedano consiglio. Educali alla moderazione Fai in modo che Internet e smartphones/telefonini non si sostituiscano alla vita “reale”. Assicurati sulla privacy Devono saperla gestire anche online e devono seguire delle regole che avete stabilito insieme. Non dovrebbero pubblicare mai dati personali né troppe informazioni, foto, video su se stessi, soprattutto di certi tipi (vai su sexting). Responsabilizzali Trasmetti un sistema di valori basato su democrazia e rispetto, contro la violenza (fisica e psicologia) e l’omertà. Il cyberbullismo approfitta di un pubblico che a volte è spaventato e incapace di prendere posizione, altre affascinato e collusivo. Dovresti far capire che senza questo atteggiamento intorno a lui, il cyberbullo non potrebbe agire. Cosa fare? (a)
  91. 91. Cosa fare se accade Aiutali a farsi aiutare Fatti raccontare come è andata. Fagli capire che, anche se potrebbero aver commesso degli errori, quello che sta accadendo non è colpa loro. Se provocati online, consiglia loro di non reagire allo stesso livello Se si viene provocati da un cyberbullo, è importante non reagire allo stesso livello. Non rispondere alle email, agli SMS, ai post, ecc.. Il cyberbullo (o la cyberbulla) cerca una reazione: se non la ottiene potrebbe smettere. Spiegagli che è importante conservare le tracce di ciò che accade online A differenza del bullismo tradizionale, nel cyberbullismo si lasciano molte tracce. Spiega loro che, per poter intervenire in modo efficace, occorre che tengano sempre traccia dei messaggi e delle provocazioni ricevute: possono costituire una prova del reato. Ricordati che molte azioni presenti nel cyberbullismo sono perseguibili dalla legge. Cosa fare? (b)
  92. 92. Blocca i bulli È possibile bloccare, almeno parzialmente, l’azione dei cyberbulli. Salvando il testo di una chat e inviando una segnalazione al moderatore. Così come contattando il provider del servizio (Facebook, ad esempio) o nel caso del cellulare, il gestore della telefonia mobile.A volte può essere necessario contattare la polizia postale, se non sei sicuro puoi prima chiamare la nostra helpline. Ascolta i tuoi figli Se vieni a sapere che tuo figlio è preso di mira, chiedigli cosa vuole da te, non agire senza avere condiviso con lui o lei.A volte non raccontano come se la passano per paura che il genitore reagisca in modo eccessivo, rendendo la sua situazione peggiore. Per capire come sta, esci dai tuoi panni e mettiti nei suoi. Comunica con i tuoi figli Fai loro sentire che possono chiedere consiglio sempre. Ricordati che se temono punizioni o conseguenze negative sarà più difficile che si confrontino o chiedano consiglio. Cosa fare? (c)
  93. 93. I Bulli ● «Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza» ●Dante (Inferno XXVI) ● «Franti è alto e forte, la sua faccia è tosta, triste, brutta, di bronzo, la fronte è bassa, gli occhi torbi. Porta un berretino con visiera, di tela cerata, schiacciato su un orecchio. Ha un coltello. Fu già espulso da un’altra sezione» ● «Cuore» di Edmondo De Amicis ●Franti non ha un nome!! ●Episodio di bullismo contro l’allievo Crossi
  94. 94. Blocca i bulli È possibile bloccare, almeno parzialmente, l’azione dei cyberbulli. Salvando il testo di una chat e inviando una segnalazione al moderatore. Così come contattando il provider del servizio (Facebook, ad esempio) o nel caso del cellulare, il gestore della telefonia mobile.A volte può essere necessario contattare la polizia postale, se non sei sicuro puoi prima chiamare la nostra helpline. Ascolta i tuoi figli Se vieni a sapere che tuo figlio è preso di mira, chiedigli cosa vuole da te, non agire senza avere condiviso con lui o lei.A volte non raccontano come se la passano per paura che il genitore reagisca in modo eccessivo, rendendo la sua situazione peggiore. Per capire come sta, esci dai tuoi panni e mettiti nei suoi. Comunica con i tuoi figli Fai loro sentire che possono chiedere consiglio sempre. Ricordati che se temono punizioni o conseguenze negative sarà più difficile che si confrontino o chiedano consiglio. Cosa fare? (c)
  95. 95. E la nostra scuola? - I ragazzi - egli operatori scolastici : un'attività di custodia (ex art. 2043 e 2051 c.c.) e no ragazzi (art. 2046 e 2043 c.v.) - ragazzi (art. 2046 e 2043 c.c.) per la rilevazione del grado di soddisfazione degli studenti e sull’analisi dei bisogni; Avv. Mauro Alovisio
  96. 96. La responsabilità nel bullismo - Responsabilità del bullo - Responsabilità dei genitori - - responsabilità degli insegnanti - - responsabilità della scuola Avv. Mauro Alovisio
  97. 97. La responsabilità penale del cyberbullo - il minorenne bullo che nel momento della commissione del fatto, non ha ancora compiuto i 14 anni (art. 97 c.p): il minore non è imputabile (presunzione di non colpevolezza: prevista solo la possibilità del giudice di adottare misure di sicurezza tenendo conto della gravità del fatto e delle condizioni morali della famiglia in cui il minore è vissuto v.art. 224 c.p) -il minorenne bullo che nel momento di commissione del fatto ha un’età fra i 14 e i 18 anni (il minore è imputabile solo se viene provata la capacità di intendere e volere dello stesso ma la pena è diminuita) Avv. Mauro Alovisio
  98. 98. Processo penale minorile Snellezza e rapidità Divieto di costituzione di parte civile Focus: valutazione psicologica del minore e individuazione degli strumenti di recupero più adatti al minore anche alla luce del contesto sociale e famigliare Poche sentenze penali di condanna Strumenti: istituto della messa alla prova (artt. 28 e 29 disp. Proc. Pen. Min..- DOR 22 settembre 1988, n. 448 finalità: evitare la recidiva dei comportamenti violenti sospensione del processo responsabilizzazione del minore adozione di un piano di recupero commisurato alla gravità della condotta prescrizioni di comportamenti e regole al ragazzo Avv. Mauro Alovisio
  99. 99. Percorso di mediazione Costituisce la vera sfida dell’ordinamento: il diamante della giustizia riparativa (base giuridica: art. 28 dpr. 448 del 1988) “il giudice può impartire prescrizioni dirette a riparare le conseguenze del reato e/a promuovere la conciliazione del minorenne con la persona offesa del reato Vantaggi del percorso di mediazione coinvolge in prima linea anche la vittima del bullismo che è una pietra angolare del progetto Pacificazione concreta fra i ragazzi attraverso la remissione della querela Uscita dal processo penale Elementi : la partecipazione libera e volontaria L’attività del mediatore (agevolatore) Percorso attivato su richiesta del P.M. Rete degli uffici di mediazione, Procure dei minori ed enti locali Avv. Mauro Alovisio
  100. 100. Responsabilità per fatto illecito Art. 2043 Risarcimento per fatto illecito Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno. Quale danno? Danni patrimoniali e non patrimoniali Avv. Mauro Alovisio
  101. 101. Responsabilità civile del cyberbullo art. 2046 del codice civile «Non risponde delle conseguenze del fatto dannoso chi non aveva la capacità di intendere e volere al momento in cui lo ha commesso, a meno che lo stato d’incapacità derivi da sua colpa » Nel caso in cui il minore autore degli episodi di cyberbullismo sia ritenuto capace di intendere e volere lo stesso sarà obbligato al risarcire il danno prodotto ai sensi dell’art. 2043 c.c.. Il codice prevede anche in questo caso la responsabilità indiretta dei genitori e precettori ai sensi dell’art. 2048 del codice civile Avv. Mauro Alovisio
  102. 102. “I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici". Rapporto organico Art. 28 della Costituzione
  103. 103. L’amministrazione scolastica (nel nostro caso il Miur) è direttamente responsabile in considerazione del rapporto organico (dipendente-pa) del danno cagionato agli allievi nel tempo in cui sono sottoposti alla vigilanza Nel caso di evento dannoso, commesso dal minore ai danni di terzi o di se stessi, l’ente pubblico si surroga al personale docente nella responsabilità civile (Cass. civ, Sez.III, 2389 del 2005, Cass. Sez.III,8390 del 1995; Cass. Sez. Unite , 6331 del 1998 ) Normativa di settore: ambito scolastico
  104. 104. -Responsabilità degli insegnanti per fatto illecito degli allievi connessa alla culpa in vigilando -Danni commessi con colpa lieve in vigilando degli insegnanti Risponde solo la pa (no azione di regresso contro i docenti ) -Danni commessi con colpa grave o con dolo : risponde la pa ma che ha possibilità di azione di regresso contro insegnante colpevole - Responsabilità al di fuori della culpa in vigilando Dolo e colpa grave: risponde l’insegnante in solido con la pa, che si rivarrà contro lo stesso Colpa lieve risponde solo la pa senza possibilità di regresso Il Mosaico della responsabilità
  105. 105. I genitori degli alunni che hanno subito un danno, al fine di ottenere il risarcimento dei danni, devono citare in giudizio, davanti al Tribunale, il Ministero dell’istruzione, quale unico legittimato passivo. (Cass. Sez. Un. 9346 del 2002) Difetto di legittimazione passiva dei docenti (estranei al rapporto processuale): ma siamo sicuri che è un vantaggio per i docenti? Il diritto di informazione e di difesa? Chi citare in giudizio?
  106. 106. Non proprio, in quanto possono essere chiamati a risponderne nel caso azione di rivalsa di fronte alla Corte dei Conti promossa dall’amministrazione scolastica che sia stata condannata con sentenza al risarcimento dei danni nei soli casi di dolo o colpa grave (elementi psicologici essenziali del fatto illecito) (Cass. civ. Sez. Un. n. 9346 del 2002; Cass. civ., Sez. III n. 2939 del 2005) dolo? evento dannoso o pericoloso è voluto dall’agente colpa grave? mancata adozione delle minime regole di prudenza, diligenza e perizia I docenti sono salvi?
  107. 107. - Il danneggiato deve dimostrare che l’evento lesivo si è verificato a scuola, durante il periodo di affidamento dell’allievo alla scuola (dall’ingresso all’uscita) - il danneggiato non deve dimostrare il dolo o la colpa grave dei docenti o dirigenti - l’amministrazione scolastica deve dimostrare, al fine di liberarsi della responsabilità che « è stata esercitata la sorveglianza sugli allievi con una diligenza idonea ad impedire il fatto e cioè quel grado di sorveglianza correlato alla prevedibilità di quanto può accadere» Cosa deve dimostrare il danneggiato?
  108. 108. «Il padre e la madre, o il tutore sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone soggette alla tutela, che abitano con essi . La stessa disposizione si applica all'affiliante. I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un'arte (maestri di arte) sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto» . Prova liberatoria Art. 2048 codice civile precettore: nozione ampia secondo la giurisprudenza: ogni adulto che svolga funzioni di vigilanza connesse all’insegnamento (docenti, assistenti attività ludiche o extrascolatische, allenatori) non comprende il dirigente che ha compiti amministrativi (Mantovani) La responsabilità del precettore
  109. 109. Compiti di organizzazione e controllo sulle attività degli operatori scolastici : un'attività di custodia (ex art. 2043 e 2051 c.c.) e non vigilanza! Il Dirigente è responsabile, ex art. 2043 c.c. (dovere di neminen laedere) nel caso in cui non abbia posto in essere tutte le misure organizzative per garantire la sicurezza nell'ambiente scolastico la "culpa in organizzando". Il dirigente deve organizzare la sorveglianza! Confronto buone prassi La responsabilità dei dirigenti scolastici
  110. 110. Le misure organizzative adottate dal dirigente scolastico sono oggetto di analisi, vaglio e sindacato da parte del giudice: sono state rispettate le regole di diligenza e prudenza? N.B. è irrilevante invocare vincoli di bilancio o economie di spese ! (Cass. 6635 del 1998) Il danneggiato ha un onere probatorio più gravoso rispetto all’art. 2048: deve dimostrare a) il danno subito b) il nesso di causalità tra condotta dirigente ed evento lesivo c) colpa del danneggiante P.v. probatorio: la responsabilità dei dirigenti scolastici
  111. 111. Non è responsabile il docente nel caso di ritardo anche ingiustificato e senza comunicazione a cui avrebbe dovuto essere affidata la classe, perché è "compito della direzione scolastica provvedere comunque ad affidare gli alunni ad altro personale, anche ausiliario, nei momenti di precaria e temporanea assenza dell'insegnante (Corte dei Conti, Sez. I, n. 86/92) Caso concreto: responsabilità dei dirigenti
  112. 112. SentenzaTribunale di Milano Sez. X civ., 7 giugno 2013, n. 8081 -Il Ministero della Pubblica Istruzione è responsabile per culpa in vigilando per le lesioni patite da un allievo vittima di bullismo condotta omissiva dei docenti e del Ministero -non sono state adottate le misure organizzative e disciplinari atte ad evitare che tali situazioni pericolose possano concretizzarsi “ non è sufficiente la dimostrazione di non essere stati in grado di spiegare un intervento correttivo o repressivo, ma è necessario anche dimostrare di avere adottato, in via preventiva, tutte le misure disciplinari e organizzative idonee ad evitare il sorgere di situazioni pericolose» Caso concreto la responsabilità della scuola per atti di bullismo
  113. 113. « la sindrome insorta in capo all’attore, causata dagli eventi di causa, è composta da molteplici rappresentazioni sintomatiche e segniche, descrivibili come” disturbo dell’adattamento con ansia ed umore misti e sua progressione verso un disturbo depressivo minore, cronico, poco più che moderato; fobia sociale; disturbo del ritmo circadiano del sonno tipo fase del sonno ritardata, in soggetto con caratteristiche dipendenti ed evitanti di personalità Dalla malattia sopra descritta è derivato un danno biologico permanente subito dall’attore nella misura del 20%, già personalizzata dal CTU in considerazione della particolarità del caso, ed un danno biologico temporaneo protrattosi per mesi diciotto: mesi due al 75%, mesi dodici al 50% e mesi quattro al 30%.» – Danno e impatto
  114. 114. Il danno subito dall’attore (la famiglia della vittima del bullismo a scuola) , è stato liquidato nella complessiva somma rivalutata di Euro 125.000,00. Euro 85.000,00 per danno non patrimoniale, complessivamente valutato, in conseguenza della lesione permanente del bene salute; - Euro 30.000,00 quale danno non patrimoniale complessivo, per lesione temporanea del bene salute Euro 10.000,00, per un ciclo di sostegno terapeutico necessario della durata di anni due, con un ritmo settimanale di sedute. « il costo per ogni seduta settimanale, in Milano e presso studi professionali qualificati , si aggira intorno ad Euro 100,00» Risarcimento del danno subito
  115. 115. -v. linee guida del Miur di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e cyberbullismo del maggio 2015 - valori di compartecipazione, trasparenza e comunicazione Le Linee di orientamento del Miur in materia di bullismo del 2015 invitano le scuole a: - realizzare interventi mirati alla prevenzione del bullismo e del cyberbullismo; - offrire lezioni di web sicuro all’interno di specifici moduli didattici da inserire nel piano dell’offerta formativa -ad aggiornare il regolamento scolastico con una sezione dedicata all’uso degli smartphone e di altri dispositivi elettronici Cosa fare? (a)
  116. 116. -comunicare agli studenti e alle loro famiglie le sanzioni previste dal regolamento di istituto nei casi di bullismo, cyberbullismo e navigazione on line - prevedere dei percorsi di formazione tenuti dagli esperti rivolti a genitori sulle problematiche del bullismo e cyber bullismo impostati anche sull’analisi dei bisogni; - ideare e realizzare campagne pubblicitarie attraverso messaggi video e locandine informative - creare sul sito web della scuola una sezione dedicata ai temi del bullismo e/o cyber bullismo in cui inserire uno spazio riservato alle comunicazioni scuola- famiglia e una chat dedicata gestita dagli studenti eventualmente attraverso i loro rappresentanti; - aprire uno sportello di ascolto on line e/o face to face presso ciascuna scuola sede di CTS (Centri territoriali di supporto) - Cosa fare ? (b)
  117. 117. -utilizzare procedure codificate per segnalare alle famiglie, enti e/o organismi competenti i comportamenti a rischio; -valorizzare il ruolo del personale scolastico e, in particolare, degli assistenti tecnici al fine di un utilizzo sicuro di Internet e scuola Cosa fare ? (c)
  118. 118. Spunti di riflessione la risposta dell’ordinamento non può essere solo repressiva e di carattere giuridico; - non si può solo intervenire solo sugli effetti patologici del cyberbullismo, senza esaminare le cause -adozione di strumenti di giustizia riparatoria con momenti di interazione e dialogo fra vittima e cyberbullo -approccio multidisciplinare e sistemico di analisi dell’origine della violenza, creazione di reti (scuola, famiglia,università) - investire risorse nella ricerca: sviluppare sinergia con università e centri di ricerca, progettare e adottare azioni e policy condivise con l’ottica di protezione e responsabilizzazione dei minori -condividere le buone prassi: Protocollo di Intesa interculturale tra la Procura della Repubblica presso ilTribunale dei minorenni del Piemonte e dellaValle di Aosta, l’ASAI (Associazione Animazione Interculturale) e la Polizia Municipale del 29 marzo 2012 Le linee guida Miur di prevenzione del cyberbullismo possono essere un’ottima occasione per lavorare insime nella stessa direzione! La responsabilità civile della pa non è la soluzione per prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo
  119. 119. Come difendersi -Consapevolezza -Informazione -Prevenzione -Dialogo -Comunicazione -Strumenti per professori, genitori, educatori -Responsabilità -Costruzione dell’identità Avv. Mauro Alovisio
  120. 120. Buone prassi Mettere i ragazzi al centro I ragazzi sono i motori di ogni azione di contrasto e prevenzione Le ragazze e i ragazzi devono entrare nei processi, sentirsi parte di un tutto ed esercitare un ruolo attivo Linee guida Miur di prevenzione e contrasto del cyberbullismo Scuola come comunità di dialogo, ricerca, esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. Nella scuola ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione della cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle posizioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione
  121. 121. Come difendersi dal cyberbullismo • Dare regole semplici e chiare ai nostri figli, informarsi e aggiornarsi in modo continuo e avvertire i propri figli dei fenomeni del cyberbullismo • Osservare i ragazzi e monitorare i loro cambiamenti , disagi e malesseri, rendimenti scolastici e sportivi • Dialogare con i ragazzi; condividere il proprio tempo, offrire ascolto e comprensione, evitare l’isolamento • Verificare con tempestività la presenza degli episodi di cyberbullismo • Precostituirsi delle prove e documentazione degli episodi critici (stampe, file, fotografie; testimonianze) • Segnalare gli episodi di cyberbullismo alle piattaforme on line , nei casi di persistenza del fenomeno, alla polizia postale • Informarsi se all’interno del proprio comune esistono Nuclei di prossimità della polizia municipale • Sensibilizzare i propri figli sul valore della propria privacy e sulle misure di sicurezza a protezione dei propri dati Avv. Mauro Alovisio
  122. 122. Buone prassi ... e poi? queste campagne arrivano a destinazione? SI NO FORSE
  123. 123. Buone prassi Mettere i ragazzi al centro I ragazzi sono i motori di ogni azione di contrasto e prevenzione Le ragazze e i ragazzi devono entrare nei processi, sentirsi parte di un tutto ed esercitare un ruolo attivo Linee guida Miur di prevenzione e contrasto del cyberbullismo Scuola come comunità di dialogo, ricerca, esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. Nella scuola ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione della cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle posizioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione
  124. 124. Alovisio M., I nostri dati personali e la rete, in “Educare ai tempi di Internet”, Edizione Elledici,Torino, 2010 Alovisio M., Il Cyberbullismo:scenari e profili giuridici ed il tentativo di codice di autoregolamentazione in «La rete ed il fattore conoscenza » a cura di Marzano F. Montegione S. , Pietrafresa E., EdizioneWister, 2014 Alovisio M., Le Linee guida su bullismo e cyberbullismo , Quotidiano giuridico, Ipsoa, 2015 Bruschi B. Iannacone A, Quaglia R. , Crescere Digitali,Aracne, 2011 Genta M.L. Brighi A e Guarini A, Cyberbullismo, Ricerche e strategie di intervento, Franco Angeli, 2013 Ozenda M., Bissolati L., Sicuri in rete, Guida per genitori e insegnanti all’uso consapevole di Internet e dei socialnetwork, Hoepli, 2013 Pennetta,A.L, La responsabilità giuridica per atti di bullismo, Giappichelli, 2014 Rossetti A., Educazione digitale, 40k Unofficial, 2014 Senor M., Cyber bullismo: poco cyber, molto drama, Medialaws, 2014, http://www.medialaws.eu/cyber- bullismo-poco-cyber-molto-drama Tirocchi S., Sociologie della Media Education. Giovani e media al tempo dei nativi digitali, Franco Angeli, 2012 Per approfondire
  125. 125. Alovisio M., I nostri dati personali e la rete, in “Educare ai tempi di Internet”, Edizione Elledici,Torino, 2010 Alovisio M., Il Cyberbullismo:scenari e profili giuridici ed il tentativo di codice di autoregolamentazione in «La rete ed il fattore conoscenza » a cura di Marzano F. Montegione S. , Pietrafresa E., EdizioneWister, 2014 Alovisio M., Le Linee guida su bullismo e cyberbullismo , Quotidiano giuridico, Ipsoa, 2015 Bruschi B. Iannacone A, Quaglia R. , Crescere Digitali,Aracne, 2011 Genta M.L. Brighi A e Guarini A, Cyberbullismo, Ricerche e strategie di intervento, Franco Angeli, 2013 Ozenda M., Bissolati L., Sicuri in rete, Guida per genitori e insegnanti all’uso consapevole di Internet e dei socialnetwork, Hoepli, 2013 Pennetta,A.L, La responsabilità giuridica per atti di bullismo, Giappichelli, 2014 Rossetti A., Educazione digitale, 40k Unofficial, 2014 Senor M., Cyber bullismo: poco cyber, molto drama, Medialaws, 2014, http://www.medialaws.eu/cyber- bullismo-poco-cyber-molto-drama Tirocchi S., Sociologie della Media Education. Giovani e media al tempo dei nativi digitali, Franco Angeli, 2012 Per approfondire
  126. 126. Buone prassi http://www.garanteinfanzia.org/news/il- bullismo-insieme-si-smonta
  127. 127. e-book Cyberbullismo www.wister.it Avv. Mauro Alovisio
  128. 128. Approccio ”Demonizzare Ask, Facebook o altro serve solo ad allontanare i nostri ragazzi che ci riterranno dei brontosauri del web” Alex Cordazzoli ” Non succedeva niente a Barbiana all’insaputa del maestro. E questo derivava dal fatto che il maestro conosceva molto bene i suoi ragazzi. Si viveva nell’attenzione. Ma il rapporto rimaneva sereno, il maestro così attento semmai facilitava la vita, non ci si sentiva vigilati”. Don Milani, Lettera ad una professoressa «Tutti gli esseri umani hanno tre vite: una pubblica, una privata e una segreta» Gabriel Garcia Marquez Avv. Mauro Alovisio
  129. 129. Alovisio M., I nostri dati personali e la rete, in “Educare ai tempi di Internet”, Edizione Elledici,Torino, 2010 Alovisio M., Il Cyberbullismo:scenari e profili giuridici ed il tentativo di codice di autoregolamentazione in «La rete ed il fattore conoscenza » a cura di Marzano F. Montegione S. , Pietrafresa E., EdizioneWister, 2014 Alovisio M., Le Linee guida su bullismo e cyberbullismo , Quotidiano giuridico, Ipsoa, 2015 Bruschi B. Iannacone A, Quaglia R. , Crescere Digitali,Aracne, 2011 Genta M.L. Brighi A e Guarini A, Cyberbullismo, Ricerche e strategie di intervento, Franco Angeli, 2013 Ozenda M., Bissolati L., Sicuri in rete, Guida per genitori e insegnanti all’uso consapevole di Internet e dei socialnetwork, Hoepli, 2013 Pennetta,A.L, La responsabilità giuridica per atti di bullismo, Giappichelli, 2014 Rossetti A., Educazione digitale, 40k Unofficial, 2014 Senor M., Cyber bullismo: poco cyber, molto drama, Medialaws, 2014, http://www.medialaws.eu/cyber-bullismo- poco-cyber-molto-drama Sposini. C. , Il medodo anticyberbullismo per un uso consapevole di internet e dei social networks, San Paolo Edizioni, 2014 Tirocchi S., Sociologie della Media Education. Giovani e media al tempo dei nativi digitali, Franco Angeli, 2012 Ziccardi. G. . L' odio online.Violenza verbale e ossessioni in rete, Cortina, 2016 Per approfondire
  130. 130. slide edite in creative commons attribuzione non commerciale Avv. Mauro Alovisio Presidente Csig Ivrea Torino www.csigivreatorino.it Fellow Nexa 3333597588 slide edite con licenza creative commons 3.0 (IT BY-NC-SA) per approfondimenti: mauro.alovisio@gmail.com LinkdIn: Mauro Alovisio Twitter: Mauro Alovisio Grazie per attenzione!

×