Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Social media, cyberbullismo e genitori
Festival Ada
Avv.Mauro Alovisio
Presidente Associazione Centro Studi di informatica...
Agenda
●- definizione di bullismo e cyberbullismo
●- Nativi digitali
●- Social media, Linee guida Miur e i nuovi scenari n...
Csig di Ivrea-Torino
Il Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino è un’ associazione
indipendente senza finali...
Il Centro Nexa su Internet & Società
● Centro di ricerca del Politecnico di Torino (Dipartimento di
Automatica e Informati...
- consultazione su codice di autoregolamentazione in materia di cyberbullismo
(gennaio 2014 )
- convegno sul cyberbullismo...
22 ottobre 2015
convegno nazionale Comunicatori pubblici a SaintVincent, relazione su
reputazione on line
11 novembre 2015...
Gli albori di un nuovo mondo
Avv. Mauro Alovisio
- nessuna distinzione fra off line e on line
●- nuova concezione del temp...
Gli albori di un nuovo mondo
Avv. Mauro Alovisio
- nessuna distinzione fra off line e on line
●- nuova concezione del temp...
I nuovi mondi
La conoscenza è potere – F. BACONE
Oggi anche i dati e le informazioni sono potere
Più l’informazione è pers...
Hai spiegato a tuo figlio che non deve toccare il fornello acceso, lo hai educato ad
attraversare la strada, a “non prende...
Se vedi tua figlia turbata, le chiedi come è andata la giornata con i suoi gruppi sui
social network?
Provi mai a farti sp...
Quando ti connetti ai social network, connetti anche la testa"! Con i social network
entri in contatto con gli altri, cond...
Agenda
● definizione di bullismo e cyberbullismo
● Social media, Linee guida Miur e i nuovi scenari normativi
● Le respons...
Bullismo
Che cos’ il bullismo ?
●“uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o
● vittimizzato, qua...
e-book Cyberbullismo
www.wister.it
Avv. Mauro Alovisio
Grazie per attenzione !
Avv. Mauro Alovisio
mauro.alovisio@gmail.com
https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31...
Grazie per attenzione !
Avv. Mauro Alovisio
mauro.alovisio@gmail.com
https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31...
Grazie per attenzione !
Avv. Mauro Alovisio
mauro.alovisio@gmail.com
https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31...
Cyberbullismo
Che cos’è il cyberbullismo ?
- bullismo on line
si intende un tipo di attacco continuo, ripetuto e sistemati...
Differenze fra cyberbullismo e bullismo
- il cyberbullismo come ogni fenomeno connesso ad internet non ha limiti di
spazio...
Contesto nazionale
Gli atti di cyberbullismo possono integrare a livello penale le seguenti fattispecie:
-ingiuria e diffa...
Le forme del bullismo
Flaming:l’invio di messaggi elettronici violenti e volgari finalizzati a suscitare
discussioni on li...
Agenda
● definizione di bullismo e cyberbullismo
● I nuovi scenari normativi, linee guida Miur e social
media
● Le respons...
●Contributo del Centro Studi di Informatica Giuridica di IvreaTorino:
http://csig-ivrea-torino.blogspot.it/ ha riguardato ...
Contributo del Centro Studi di Informatica
in materia di pari opportunità, si è proposto di inserire nel documento:
- «il ...
●Con Legge 13 luglio 2015 , n. 107
art.1 , comma 7
Le istituzioni scolastiche, nei limiti delle risorse umane, finanziarie...
- Legge 13 luglio 2015 , n. 107
d) sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva democratica attraverso
la v...
contributo Csig di IvreaTorino alla consultazione
«l’articolo sull’educazione va inserito tra i primi articoli della dichi...
Le Linee guida del Miur su bullismo e
cyberbullismo
• Aprile del 2015
«Linee di orientamento per azioni di prevenzione e d...
Punti di forza
internet come «ambiente di vita» che non
-internet come «ambiente di vita» che non deve essere demonizzato ...
- visione pragmatica dei social media: il ruolo positivo degli strumenti social che
nell’ambito scolastico possono essere ...
Prevenzione
- realizzare interventi mirati alla prevenzione del bullismo e del cyberbullismo;
- offrire lezioni di web sic...
Informazione e ascolto
- ideare e realizzare campagne pubblicitarie attraverso messaggi video e locandine
informative
-cre...
i Genitori e le Linee guida del Miur (a)
- La scuola è chiamata ad adottare misure finalizzate a prevenire e contrastare
o...
i Genitori e le Linee guida del Miur (b)
- I genitori hanno il diritto e dovere di informarsi sull’offerta formativa e
pro...
Come informarsi?
www. garanteprivacy.it
http://www.poliziadistato.it/articolo/37189/
http://www.generazioniconnesse.it/
ht...
Come informarsi?
Avv. Mauro Alovisio
A chi segnalare casi di bullismo?
- al Dirigente scolastico, (le linee guida Miur di aprile 2015 prevedono alcune
misure o...
Responsabilità
- genitori
art. 30 costituzione: è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i
figli anc...
Doveri dei genitori
-Art. 30 costituzione : è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed
educare i figli anche s...
La responsabilità dei genitori (a)
Art. 2048 codice civile
Il padre e la madre, o il tutore sono responsabili del danno ca...
La responsabilità dei genitori (b)
I genitori di minori protagonisti di episodi di cyberbullismo, per non essere
ritenuti ...
Agenda
● definizione di bullismo e cyberbullismo
● Social media, Linee guida Miur e i nuovi scenari normativi
● Le respons...
Casi concreti Social media
• - Alcuni ragazzi minorenni compiono atti di diffamazione on line attraverso
la creazione di u...
Casi concreti responsabilità scuola
Il Ministero della Pubblica Istruzione è responsabile per culpa in
vigilando per le le...
Come difendersi
-Consapevolezza
-Informazione
-Prevenzione
-Dialogo
-Comunicazione
-Strumenti per professori, genitori, ed...
Come difendersi dal cyberbullismo
• Dare regole semplici e chiare ai nostri figli, informarsi e aggiornarsi in
modo contin...
Approccio
”Demonizzare Ask, Facebook o altro serve solo ad allontanare i nostri
ragazzi che ci riterranno dei brontosauri ...
Spunti di riflessione
la risposta dell’ordinamento non può essere solo repressiva e di carattere
giuridico; - non si può s...
Buone prassi
Mettere i ragazzi al centro
I ragazzi sono i motori di ogni azione di contrasto e prevenzione
Le ragazze e i ...
Buone prassi
http://www.garanteinfanzia.org/news/il-
bullismo-insieme-si-smonta
Cosa fare nel caso di bullismo?
Alovisio M., I nostri dati personali e la rete, in “Educare ai tempi di Internet”, Edizione Elledici,Torino, 2010
Alovisio...
Avv. Mauro Alovisio
Presidente Csig Ivrea Torino www.csigivreatorino.it
Fellow Nexa
slide edite con licenza creative commo...
Mauro alovisio 17 ottobre 2015   cyberbullismo v. 5  ada
Mauro alovisio 17 ottobre 2015   cyberbullismo v. 5  ada
Mauro alovisio 17 ottobre 2015   cyberbullismo v. 5  ada
Mauro alovisio 17 ottobre 2015   cyberbullismo v. 5  ada
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Mauro alovisio 17 ottobre 2015 cyberbullismo v. 5 ada

950 views

Published on

ncontro

Published in: Education
  • Be the first to comment

Mauro alovisio 17 ottobre 2015 cyberbullismo v. 5 ada

  1. 1. Social media, cyberbullismo e genitori Festival Ada Avv.Mauro Alovisio Presidente Associazione Centro Studi di informatica Giuridica di Ivrea Torino (www.csigvreatorino.it) Fellow Nexa Torino, 17 ottobre 2015
  2. 2. Agenda ●- definizione di bullismo e cyberbullismo ●- Nativi digitali ●- Social media, Linee guida Miur e i nuovi scenari normativi ●-Le responsabilità ●.- Casi concreti
  3. 3. Csig di Ivrea-Torino Il Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino è un’ associazione indipendente senza finalità di lucro interdisciplinare attiva dal 2005 (rivolta a giuristi, informatici, psicologi, professori, studenti, giornalisti, etc.) Mission: aggiornamento professionale, informazione, approfondimento dell’evoluzione dell’ICT e dell’innovazione e dell’impatto sui diritti, trasparenza on line e partecipazione Aderisce alla Coalizione per le competenze digitali promossa da Agid , ha un blog http://csigivreatorino.it ed un Comitato Scientifico di magistrati, professori e professionisti Ha partecipato alle consultazioni on line in materia di privacy, diritto di autore cyberbullismo, open data, crowdfunding, open data e trasparenza, videosorveglianza e droni, wi-fi e software libero
  4. 4. Il Centro Nexa su Internet & Società ● Centro di ricerca del Politecnico di Torino (Dipartimento di Automatica e Informatica), fondato nel 2006. ● Studia Internet e il suo impatto sulla società in ottica multidisciplinare (tecnologica, giuridica ed economica). ● Svolge supporto alla policy in ambito europeo (e.g., sugli aspetti giuridici dell'informazione del settore pubblico) e nazionale. ● Collaborazioni internazionali: ●partner del Network of Excellence on Internet Science (EINS) http://www.internet-science.eu/ ●membro fondatore della Rete globale di centri su Internet & Società http://cyber.law.harvard.edu/research/network_of_centers
  5. 5. - consultazione su codice di autoregolamentazione in materia di cyberbullismo (gennaio 2014 ) - convegno sul cyberbullismo presso università degli Studi di Torino (febbraio 2014) - consultazione sulla Buona Scuola con contributo su pari opportunità e bullismo -contributo sul nuovo disegno di legge in materia di cyberbullismo - organizzazione convegni, seminari con istituto Avogadro, Cesedi, tavolaValdese, Centro Sereno Regis, corsi di formazione per docenti e forze di polizia - progetto social media e cyberbullismo e adesione alle competenze digitali Agid - pubblicazione di articoli su riviste specializzate ed ebook in materia di competenze digitali - partnership con altre associazioni, audizioni, partecipazioni a bandi Csig, bullismo e cyberbullismo
  6. 6. 22 ottobre 2015 convegno nazionale Comunicatori pubblici a SaintVincent, relazione su reputazione on line 11 novembre 2015 Milano. Festival dell’Innnovazione , seminario su droni e imprese 25 novembre audizione alla Camera dei deputati su disegno di legge in materia di cyberbullismo Festival dell’innovazione, seminario su droni e imprese febbraio 2016, giornata sicurezza informatica nelle scuole Prossime Tappe associazione
  7. 7. Gli albori di un nuovo mondo Avv. Mauro Alovisio - nessuna distinzione fra off line e on line ●- nuova concezione del tempo e dello spazio ●- sviluppo dell’ internet degli oggetti; (ottobre 2014: i dispositivi mobili superano il numero della popolazione mondiale: 7,2 miliardi) ●- conseguenze modifiche antropologiche, cognitive, sociali, culturali, organizzative ●-impatto sul mondo educativo, della scuola, del lavoro, sull’organizzazione della società »Nel 2010 è stata creata una quantità di dati superiore a quella prodotta dall’uomo complessivamente negli ultimi 30.000 anni» Eric Shmidt amministratore delegato di Google ●- presenza digital divide fra nativi digitali e immigrati digitali: siamo di fronte ad un’ emergenza educativa?
  8. 8. Gli albori di un nuovo mondo Avv. Mauro Alovisio - nessuna distinzione fra off line e on line ●- nuova concezione del tempo e dello spazio ●- sviluppo dell’ internet degli oggetti; (ottobre 2014: i dispositivi mobili superano il numero della popolazione mondiale: 7,2 miliardi) ●- conseguenze modifiche antropologiche, cognitive, sociali, culturali, organizzative ●-impatto sul mondo educativo, della scuola, del lavoro, sull’organizzazione della società »Nel 2010 è stata creata una quantità di dati superiore a quella prodotta dall’uomo complessivamente negli ultimi 30.000 anni» Eric Shmidt amministratore delegato di Google ●- presenza digital divide fra nativi digitali e immigrati digitali: siamo di fronte ad un’ emergenza educativa?
  9. 9. I nuovi mondi La conoscenza è potere – F. BACONE Oggi anche i dati e le informazioni sono potere Più l’informazione è personale più ha potere chi la detiene Oggetto delle informazioni: hobby, gusti, desideri, età, capacità economica, orientamento politico e sessuale Dai dati all’identità delle persone (in 60 secondi su facebook sono caricati 2 milioni di contenuti!)
  10. 10. Hai spiegato a tuo figlio che non deve toccare il fornello acceso, lo hai educato ad attraversare la strada, a “non prendere caramelle dagli sconosciuti”... ma gli hai insegnato a riconoscere i segnali di pericolo della rete? Gli hai insegnato a difendersi dalle aggressioni di potenziali provocatori o molestatori on-line? A non raccontare a tutti, anche a sconosciuti, particolari della sua vita privata e di quella degli amici? Hai mai provato a navigare insieme a tuo figlio? Gli hai chiesto di mostrarti come si usa Internet e le reti sociali alle quali è iscritto? (linguaggio tra generazioni) http://www.youtube.com/watch?v=Zkd3hcEhYjA Genitori e social media (a)
  11. 11. Se vedi tua figlia turbata, le chiedi come è andata la giornata con i suoi gruppi sui social network? Provi mai a farti spiegare dai tuoi figli quali sono gli argomenti di discussione più interessanti sui social network in quel momento? Ti informi se i tuoi figli hanno conosciuto nuovi amici in chat? Pericoli di Internet - reale e virtuale - Dov'è Klaus? http://www.youtube.com/watch?v=KoFUr3h0Yxc Genitori e social media (b)
  12. 12. Quando ti connetti ai social network, connetti anche la testa"! Con i social network entri in contatto con gli altri, condividi idee ed emozioni, cerchi e trovi informazioni. Queste nuove forme di comunicazione offrono enormi opportunità, ma presentano anche dei rischi che è bene conoscere. Per aiutarti, il Garante per la protezione dei dati personali mette a tua disposizione tre strumenti: un video tutorial per riflettere su come usare i social network in modo sicuro e consapevole, un breve questionario per testare quanto conosci i principali pericoli che si possono correre in Rete e un vademecum con i consigli dell'Autorità http://www.garanteprivacy.it/connettilatesta Test connetti la testa
  13. 13. Agenda ● definizione di bullismo e cyberbullismo ● Social media, Linee guida Miur e i nuovi scenari normativi ● Le responsabilità ●. Casi concreti ●- Nativi digitali
  14. 14. Bullismo Che cos’ il bullismo ? ●“uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o ● vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o di più compagni”. ●Dan Olweus ● Tre elementi costitutivi e contestuali : ●a) un’aggressione, fisica o verbale ●b) la ripetizione dei comportamenti nel tempo ●c) uno squilibrio di potere o di forza ●
  15. 15. e-book Cyberbullismo www.wister.it Avv. Mauro Alovisio
  16. 16. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  17. 17. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  18. 18. Grazie per attenzione ! Avv. Mauro Alovisio mauro.alovisio@gmail.com https://www.linkedin.com/pub/mauro-alovisio/7/511/b31 http://www.serviziweb.unito.it/blog/?area=Blog&action=ReadForm&id=40524 slide edite con licenze creative commons per uso non commerciale 3.0 Avv. Mauro Alovisio
  19. 19. Cyberbullismo Che cos’è il cyberbullismo ? - bullismo on line si intende un tipo di attacco continuo, ripetuto e sistematico attuato mediante internet attraverso e-mail, messaggistica istantanea, chat, gruppi su social networks sms, mms si distingue in : - cyberbullismo diretto (invio di messaggi alla vittima) - cyberbullismo indiretto (diffusione on line ) Avv. Mauro Alovisio
  20. 20. Differenze fra cyberbullismo e bullismo - il cyberbullismo come ogni fenomeno connesso ad internet non ha limiti di spazio di tempo - ha pertanto un potenziale offensivo più persistente e pericoloso - il cyberbullo non ha il contatto visivo con la vittima e pertanto non ha l’esatta percezione delle conseguenze delle proprie azioni (impatto su empatia e remore etiche; meccanismo psicologico del disimpegno morale) - il cyberbullo crede di essere anonimo e di non potere essere rintracciato (in realtà non è così) e tale finta convinzione rafforza il potenziale offensivo - non c’è più la possibilità di controllo fisico di educatori, genitori e adulti Avv. Mauro Alovisio
  21. 21. Contesto nazionale Gli atti di cyberbullismo possono integrare a livello penale le seguenti fattispecie: -ingiuria e diffamazione on line (art. 594 e 595 c.p.) - molestie (660 c.p) - minaccia (612 c.p) - violenza privata; (art. 610 c.p) - sostituzione di persona (art. 494 c.p: v, cass. Pen. 12479 del 2011) -stalking telematico (“cyberstalking”) (612 bis c.p) - violazione della privacy (art. 167 del Codice della Privacy) presenza di diversi disegni di legge in materia ma in ottica repressiva e non di prevenzione (sul modello della legislazione francese ) Avv. Mauro Alovisio
  22. 22. Le forme del bullismo Flaming:l’invio di messaggi elettronici violenti e volgari finalizzati a suscitare discussioni on line Harassment:molestie ripetute attraverso l’invio di messaggi elettronici offensivi Denigration: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione o le sue amicizie,. Impersonation “sostituzione di persona” Outing and trickery: “rivelazioni ed inganno” Esclusione Cyberstalking Avv. Mauro Alovisio
  23. 23. Agenda ● definizione di bullismo e cyberbullismo ● I nuovi scenari normativi, linee guida Miur e social media ● Le responsabilità ●. Casi concreti ●- Nativi digitali
  24. 24. ●Contributo del Centro Studi di Informatica Giuridica di IvreaTorino: http://csig-ivrea-torino.blogspot.it/ ha riguardato i profili del bullismo/cyberbullismo e le pari opportunità In materia di bullismo , si è proposto : «la previsione di momenti di informazione, confronto e prevenzione rivolti a genitori, allievi, docenti, dei fenomeni complessi del bullismo, drama e cyberbullismo; si evidenzia come il fenomeno del bullismo sia citato nel corpo del documento "La Buona Scuola" solo una volta ( a p. 82) e sia individuato, come strumento di contrasto dello stesso: lo sport a scuola, (su quali basi di ricerca?); si propone la previsione nelle scuole della giornata obbligatoria della legalità, trasparenza e pari opportunità aperta alle famiglie, enti, università,centri di ricerca, forze dell'Ordine» (https://labuonascuola.gov.it/area/m/20008/ Consultazione La Buona Scuola (a)
  25. 25. Contributo del Centro Studi di Informatica in materia di pari opportunità, si è proposto di inserire nel documento: - «il reintegro dell'obbligo di educazione civica intesa come formazione alla cittadinanza attiva declinata sotto il profilo della cittadinanza digitale e della social education; - la previsione del richiamo ai principi delle pari opportunità (intesa come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse al genere, religione e convinzioni personali, razza e origine etnica, disabilità, età, orientamento sessuale) e di non discriminazione e l'adozione nel documento del linguaggio di genere» https://labuonascuola.gov.it/area/m/5804/ come è finita? Consultazione La Buona Scuola (b)
  26. 26. ●Con Legge 13 luglio 2015 , n. 107 art.1 , comma 7 Le istituzioni scolastiche, nei limiti delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, individuano il fabbisogno di posti dell'organico dell'autonomia, in relazione all'offerta formativa che intendono realizzare, nel rispetto del monte orario degli insegnamenti e tenuto conto della quota di autonomia dei curricoli e degli spazi di flessibilità nonché in riferimento a iniziative di potenziamento dell'offerta formativa e delle attività progettuali, per il raggiungimento degli obiettivi formativi individuati come prioritari tra i seguenti: -prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del bullismo, anche informatico; potenziamento dell'inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari ed educativi del territorio e delle associazioni di settore e l'applicazione delle linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati, emanate dal Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca il 18 dicembre 2014; Riforma Buona Scuola (a)
  27. 27. - Legge 13 luglio 2015 , n. 107 d) sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri; potenziamento delle conoscenze in materia giuridica ed economico- finanziaria e di educazione all'autoimprenditorialita'; e) sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali; h) sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro; . Riforma Buona Scuola (b)
  28. 28. contributo Csig di IvreaTorino alla consultazione «l’articolo sull’educazione va inserito tra i primi articoli della dichiarazione (all’ art.2) e non all’art.13 della bozza di dichiarazione in quanto si tratta di un aspetto strategico per lo sviluppo del nostro paese (uno di più arretrati in Europa v. ritardi di carattere culturale, politico e tecnico v. criticità del digital divide) e rientra nel dovere costituzionale del diritto all’istruzione -Educazione come fattore di cittadinanza e sviluppo delle società -conoscere ed imparare ad utilizzare internet -conoscere i propri diritti e i propri doveri su internet come è finita? L’articolo sull’educazione è il terzo della dichiarazione! http://www.camera.it/leg17/1179 Dichiarazione dei diritti su internet
  29. 29. Le Linee guida del Miur su bullismo e cyberbullismo • Aprile del 2015 «Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e cyberbullismo» consultabili al link: http://www.istruzione.it/dg_studente/allegati/Linee_di_orientamento.pdf -sostituiscono le precedenti linee guida del Miur del 1997 e colmano un vuoto di indirizzo -si rivolgono a tutte le scuole, famiglie e studenti Avv. Mauro Alovisio
  30. 30. Punti di forza internet come «ambiente di vita» che non -internet come «ambiente di vita» che non deve essere demonizzato (nativi e migranti digitali) -bullismo e cyberbullismo fenomeni che comprendono bullo, vittime e gruppi, famiglie (visione prospettica) -il ruolo dell’informazione ed educazione ai media e nei media - richiamo forte alle pari opportunità (diversità come ricchezza, accettazione e consapevolezza dell’altro, genere e identità di genere) - responsabilità collettiva, educazione alla responsabilità e alla legalità, cultura (vittima, aggressore, gruppo) e valorizzazione del ruolo del docente Avv. Mauro Alovisio
  31. 31. - visione pragmatica dei social media: il ruolo positivo degli strumenti social che nell’ambito scolastico possono essere adottati come -strumenti di comunicazione, validi ed efficaci sia per la divulgazione di materiali didattici sia per la rilevazione del grado di soddisfazione degli studenti rispetto alle attività scolastiche sia per la sensibilizzazione all’uso corretto della rete (pag.9) -il ruolo dell’informazione ed educazione ai media e nei media - valorizzazione della formazione dei docenti - salvaguardia delle esperienze precedenti antibullismo e contestuale revisione dei processi I Social media!!!
  32. 32. Prevenzione - realizzare interventi mirati alla prevenzione del bullismo e del cyberbullismo; - offrire lezioni di web sicuro all’interno di specifici moduli didattici da inserire nel piano dell’offerta formativa - aggiornare il regolamento scolastico con una sezione dedicata all’uso degli smartphone e di altri dispositivi elettronici un’aggressione, fisica o verbale; comunicare a studenti e genitori le sanzioni previste nel caso di bullismo -prevedere dei percorsi di formazione tenuti dagli esperti rivolti a genitori sulle problematiche del bullismo e cyber bullismo impostati anche sull’analisi dei bisogni; Avv. Mauro Alovisio
  33. 33. Informazione e ascolto - ideare e realizzare campagne pubblicitarie attraverso messaggi video e locandine informative -creare sul sito web della scuola una sezione dedicata ai temi del bullismo e/o cyber bullismo in cui inserire uno spazio riservato alle comunicazioni scuola- famiglia e una chat dedicata gestita dagli studenti eventualmente attraverso i loro rappresentanti; - aprire uno sportello di ascolto on line e/o face to face presso ciascuna scuola sede di CTS (Centri territoriali di supporto) - utilizzo degli strumenti social come strumenti per la sensibilizzazione all’uso corretto della rete comunicazione, divulgazione di materiali didattici, per la rilevazione del grado di soddisfazione degli studenti e sull’analisi dei bisogni; Avv. Mauro Alovisio
  34. 34. i Genitori e le Linee guida del Miur (a) - La scuola è chiamata ad adottare misure finalizzate a prevenire e contrastare ogni forma di violenza e di prevaricazione - La famiglia è chiamata a collaborare con la scuola non solo educando i figli ma anche vigilando sui loro comportamenti - Rafforzare e valorizzare il patto di corresponsabilità educativa previsto dallo Statuto delle studentesse e studenti strumento pattizio innovativo attraverso il quale declinare i reciproci rapporti, diritti e i doveri che intercorrono fra l’istituzione scolastica, la famiglia e gli studenti - dei bisogni; Avv. Mauro Alovisio
  35. 35. i Genitori e le Linee guida del Miur (b) - I genitori hanno il diritto e dovere di informarsi sull’offerta formativa e programmi erogati dalle scuole v. Piano Offerta Formativa (POF), sono previsti moduli sull’utilizzo sicuro di internet? - Quali delle misure organizzative previste dalle Linee guida del Miur contro il bullismo e cyberbullismo sono state adottate? - Sono state comunicate alle famiglie i regolamenti e le sanzioni previste nel caso di ceyberbullismo? - Sono state comunicate alle famiglie le procedure codificate per segnalare alle famiglie ed enti i comportamenti a rischio? - Sono stati pianificati momenti informativi per ragazzi e genitori? - È stato creato uno sportello o sezione web in materia? - Sono previste iniziative per il Safer Internet Day 2016 di febbraio? - Come sono coinvolti i ragazzi nelle attività di prevenzione e contrasto del cyberbullismo?
  36. 36. Come informarsi? www. garanteprivacy.it http://www.poliziadistato.it/articolo/37189/ http://www.generazioniconnesse.it/ http://www.garanteinfanzia.org/ http://smontailbullo.it/webi/index.php?s=1 www.csigivreatorino.it Avv. Mauro Alovisio
  37. 37. Come informarsi? Avv. Mauro Alovisio
  38. 38. A chi segnalare casi di bullismo? - al Dirigente scolastico, (le linee guida Miur di aprile 2015 prevedono alcune misure organizzative, informative in materia di bullismo - al rappresentanti dei genitori - al Nucleo di prossimità di Torino (appuntamento http://www.comune.torino.it/vigiliurbani/poliziamunicipale/struttu ra/nuclei/n-prossimita.shtml Via Bologna, 74 tel. 011.01134300 - alla Polizia Postale CompartimentoTorino CorsoTazzoli, 235 – Tel. 011/3014611 - Telefono Azzurro - www.azzurro.it - 19696 - Telefono Amico - http://www.telefonoamico.it - 199 284 284 Avv. Mauro Alovisio
  39. 39. Responsabilità - genitori art. 30 costituzione: è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli anche se nati fuori dal matrimonio, art. 147 cc - docenti «I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un'arte (maestri di arte) sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto» - dirigenti compiti di organizzazione degli operatori scolastici : un'attività di custodia (ex art. 2043 e 2051 c.c.) e non vigilanza! ragazzi (art. 2046 e 2043 c.v.) - ragazzi (art. 2046 e 2043 c.c.) Avv. Mauro Alovisio
  40. 40. Doveri dei genitori -Art. 30 costituzione : è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli anche se nati fuori dal matrimonio -Art. 147 del codice civile Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l’ obbligo di mantenere, istruire, educare e assistere moralmente i figli, nel rispetto delle loro capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni, -Art. 570 del codice penale «Violazione degli obblighi di assistenza familiare» Avv. Mauro Alovisio
  41. 41. La responsabilità dei genitori (a) Art. 2048 codice civile Il padre e la madre, o il tutore sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone soggette alla tutela, che abitano con essi. Il legislatore ha previsto una presunzione di colpa del genitore (culpa in educando e culpa in vigilando) Criteri della giurisprudenza per valutare la responsabilità dei genitori: potere e dovere di esercitare la vigilanza sul comportamento dei figli stessi, l’obbligo di svolgere adeguata attività formativa, impartire ai figli l’educazione al rispetto delle regole alla civile convivenza, nei rapporti con il prossimo e nello svolgimento delle attività extrafamiliari (Cass. Civ. 16 dicembre 20111, n. 262000) Educare in relazione alle condizioni sociali, familiari, età carattere e indole (Cass. Civ. 15706 del 2012; 95556 del 2009)
  42. 42. La responsabilità dei genitori (b) I genitori di minori protagonisti di episodi di cyberbullismo, per non essere ritenuti responsabili civilmente , devono provare di avere adempiuto all’onere educativo sancito dall’art.147 del codice civile e di avere controllato che i figli abbiano assimilato l’educazione loro impartita attraverso una vigilanza adeguata alla loro stessa età. “la responsabilità dei genitori per i fatti illeciti commessi dal minore con loro convivente, prevista dall’art. 2048 c.c. , è correlata ai doveri inderogabili posti a loro carico dall’art. 147 c.c. e alla conseguente necessità di una costante opera educativa, finalizzata a correggere comportamenti non corretti e a realizzare una personalità equilibrata, consapevole della relazionista della propria esistenza e della protezione della ed altrui persona da ogni accadimento consapevolmente illecito”. (Cass. Civile, sez.III, sentenza n. 3964 del 2013) La prova liberatoria della responsabilità dei genitori è complessa! Avv. Mauro Alovisio
  43. 43. Agenda ● definizione di bullismo e cyberbullismo ● Social media, Linee guida Miur e i nuovi scenari normativi ● Le responsabilità ●. Casi concreti ●- Nativi digitali
  44. 44. Casi concreti Social media • - Alcuni ragazzi minorenni compiono atti di diffamazione on line attraverso la creazione di un gruppo su facebook dal titolo “Per tutti quelli che odiano c” • IlTribunale diTeramo ha ritenuto che i genitori dei minori capaci di intendere e di volere fossero responsabili ai sensi dell’art. 2048 cc in quanto nel caso concreto gli episodi di diffamazione on line commessi dai loro figli minorenni erano proseguiti per tre giorni: • Secondo i giudici, i genitori non avevano effettuato le necessarie attività di verifica e di controllo sull’effettiva acquisizione dei valori educativi da parte dei propri figli. (Tribunale diTeramo, Sezione distaccata di Giulianova, sentenza n. 18 del 2012
  45. 45. Casi concreti responsabilità scuola Il Ministero della Pubblica Istruzione è responsabile per culpa in vigilando per le lesioni patite da un allievo vittima di bullismo condotta omissiva dei docenti e del Ministero -non sono state adottate le misure organizzative e disciplinari atte ad evitare che tali situazioni pericolose possano concretizzarsi “ non è sufficiente la dimostrazione di non essere stati in grado di spiegare un intervento correttivo o repressivo, ma è necessario anche dimostrare di avere adottato, in via preventiva, tutte le misure disciplinari e organizzative idonee ad evitare il sorgere di situazioni pericolose” - SentenzaTribunale di Milano Sez. X civ., 7 giugno 2013, n. 8081
  46. 46. Come difendersi -Consapevolezza -Informazione -Prevenzione -Dialogo -Comunicazione -Strumenti per professori, genitori, educatori -Responsabilità -Costruzione dell’identità Avv. Mauro Alovisio
  47. 47. Come difendersi dal cyberbullismo • Dare regole semplici e chiare ai nostri figli, informarsi e aggiornarsi in modo continuo e avvertire i propri figli dei fenomeni del cyberbullismo • Osservare i ragazzi e monitorare i loro cambiamenti , disagi e malesseri, rendimenti scolastici e sportivi • Dialogare con i ragazzi; condividere il proprio tempo, offrire ascolto e comprensione , evitare l’isolamento • Verificare con tempestività la presenza degli episodi di cyberbullismo • Precostituirsi delle prove e documentazione degli episodi critici (stampe, file, fotografie; testimonianze) • Segnalare gli episodi di cyberbullismo alle piattaforme on line , nei casi di persistenza del fenomeno, alla polizia postale • Informarsi se all’interno del proprio comune esistono Nuclei di prossimità della polizia municipale • Sensibilizzare i propri figli sul valore della propria privacy e sulle misure di sicurezza a protezione dei propri dati Avv. Mauro Alovisio
  48. 48. Approccio ”Demonizzare Ask, Facebook o altro serve solo ad allontanare i nostri ragazzi che ci riterranno dei brontosauri del web” ” Non succedeva niente a Barbiana all’insaputa del maestro. E questo derivava dal fatto che il maestro conosceva molto bene i suoi ragazzi. Si viveva nell’attenzione. Ma il rapporto rimaneva sereno, il maestro così attento semmai facilitava la vita, non ci si sentiva vigilati”. Don Milani Avv. Mauro Alovisio
  49. 49. Spunti di riflessione la risposta dell’ordinamento non può essere solo repressiva e di carattere giuridico; - non si può solo intervenire solo sugli effetti patologici del cyberbullismo, senza esaminare le cause -adozione di strumenti di giustizia riparatoria con momenti di interazione e dialogo fra vittima e cyberbullo -approccio multidisciplinare e sistemico di analisi dell’origine della violenza, creazione di reti (scuola, famiglia,università) - investire risorse nella ricerca: sviluppare sinergia con università e centri di ricerca, progettare e adottare azioni e policy condivise con l’ottica di protezione e responsabilizzazione dei minori -condividere le buone prassi: Protocollo di Intesa interculturale tra la Procura della Repubblica presso ilTribunale dei minorenni del Piemonte e dellaValle di Aosta, l’ASAI (Associazione Animazione Interculturale) e la Polizia Municipale del 29 marzo 2012 Le linee guida Miur di prevenzione del cyberbullismo possono essere un’ottima occasione per lavorare insime nella stessa direzione!
  50. 50. Buone prassi Mettere i ragazzi al centro I ragazzi sono i motori di ogni azione di contrasto e prevenzione Le ragazze e i ragazzi devono entrare nei processi, sentirsi parte di un tutto ed esercitare un ruolo attivo Linee guida Miur di prevenzione e contrasto del cyberbullismo Scuola come comunità di dialogo, ricerca, esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. Nella scuola ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione della cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle posizioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione
  51. 51. Buone prassi http://www.garanteinfanzia.org/news/il- bullismo-insieme-si-smonta
  52. 52. Cosa fare nel caso di bullismo?
  53. 53. Alovisio M., I nostri dati personali e la rete, in “Educare ai tempi di Internet”, Edizione Elledici,Torino, 2010 Alovisio M., Il Cyberbullismo: scenari e profili giuridici ed il tentativo di codice di autoregolamentazione in «La rete ed il fattore conoscenza » a cura di Marzano F. Montegione S. , Pietrafresa E., EdizioneWister, 2014 Alovisio M., Le Linee guida su bullismo e cyberbullismo , Quotidiano giuridico, Ipsoa, 2015 Bruschi B. Iannacone A, Quaglia R. , Crescere Digitali, Aracne, 2011 Genta M.L. Brighi A e Guarini A, Cyberbullismo, Ricerche e strategie di intervento, Franco Angeli, 2013 Ozenda M., Bissolati L., Sicuri in rete, Guida per genitori e insegnanti all’uso consapevole di Internet e dei socialnetwork, Hoepli, 2013 Pennetta,A.L, La responsabilità giuridica per atti di bullismo, Giappichelli, 2014 Rossetti A., Educazione digitale, 40k Unofficial, 2014 Senor M., Cyber bullismo: poco cyber, molto drama, Medialaws, 2014, http://www.medialaws.eu/cyber-bullismo- poco-cyber-molto-drama Tirocchi S., Sociologie della Media Education. Giovani e media al tempo dei nativi digitali, Franco Angeli, 2012 Per approfondire
  54. 54. Avv. Mauro Alovisio Presidente Csig Ivrea Torino www.csigivreatorino.it Fellow Nexa slide edite con licenza creative commons 3.0 (IT BY-NC-SA) per approfondimenti: mauro.alovisio@gmail.com LinkdIn: Mauro Alovisio Twitter: Mauro Alovisio Grazie per attenzione!

×