Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione

638 views

Published on

quando e come possono essere veramente utili i computer? Quali sono i legami tra le culture - in un'ottica multiculturale e interculturale - e i diritti in una società in cui Internet ha ampliato la nostra libertà ma ha anche creato nuove forme di esclusione.

Presentazione fatta nel 2009 a un incontro del Volontariato Internazionale per lo Sviluppo. Dettagli su http://mfioretti.com/it/roma-culture-diritti-civili-nella-societ-dellinformazione

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
638
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione

  1. 1. Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione quando e come possono essere veramente utili i computer? Marco Fioretti http://mfioretti.com http://digifreedom.net Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati
  2. 2. Presentazione Marco Fioretti Membro di OpenDocument Fellowship Digistan.org (standard digitali liberi e aperti per una vera crescita in un'economia globale) Progetto Eleutheros – approccio cattolico all'informatica RULE (Run Up to date Linux Everywhere) Collaboratore di: Linux Journal Linux Format Pc Professionale ...e altre testate Autore (Family Guide to Digital Freedom, http://digifreedom.net) Home page e pubblicazioni: http://mfioretti.com, http://stop.zona-m.net Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 2
  3. 3. Obiettivo dell'incontro discutere l'impatto di software e tecnologie digitali su diritti umani,educazione, sviluppo e ambiente per far sì che questo impatto sia il più grande e positivo possibile anche perché i problemi e le soluzioni descritte non riguardano solo i Paesi in Via di Sviluppo (PVS), ma sono presenti anche in Italia e nelle altre nazioni del "primo mondo” Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 3
  4. 4. Agenda Diritti Umani Che c'entrano computer e ICT? Possibilità delle ICT Rischi delle ICT Cause dei problemi presentati Linee guida e azioni concrete Conclusioni Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 4
  5. 5. Diritti Umani Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione... e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere. Ogni individuo ha diritto all'istruzione. Fonte: Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, Assemblea Generale delle Nazioni Unite, 10 Dicembre 1948, art 19 e 26 (www.interlex.it/testi/dichuniv.htm) Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 5
  6. 6. Diritti Umani (2): diversità culturale Dichiarazione Universale dell'Unesco sulla Diversità Culturale, 2001: ...necessaria per l’umanità quanto la biodiversità per la natura (Art. 1) amplia la gamma di opzioni aperte a tutti; è una delle radici dello sviluppo, inteso non semplicemente in termini di crescita economica, ma anche come mezzo per raggiungere un’esistenza più soddisfacente dal punto di vista intellettuale, emotivo, morale e spirituale. (Art. 3) La sua difesa è un imperativo etico, inseparabile dal rispetto per la dignità umana. (Art. 4) Ogni persona deve così potersi esprimere, creare e diffondere le sue opere nella lingua di sua scelta e in particolare nella propria lingua madre (Art 5) Il patrimonio culturale... in tutte le sue forme deve essere conservato, valorizzato e trasmesso alle generazioni future (Art. 7) Fonte: www.unesco.it/document/documenti/testi/dich_diversita.doc (notare il formato...) Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 6
  7. 7. Diritti Umani (3): l'ambiente Carta Francese dell'ambiente, 2006 (www.assemblee-nationale.fr/italiano/8db.asp#charte_env): Art. 1. – Ogni individuo ha il diritto di vivere in un ambiente equilibrato e favorevole alla sua salute. Art. 2. – Ogni individuo ha il dovere di partecipare alla tutela e al miglioramento dell’ambiente. Art. 3. – Ogni individuo ha il dovere, nei termini definiti dalla legge, di prevenire o, in mancanza, limitare gli eventuali danni che lui stesso arrecherebbe all’ambiente. Nuova costituzione dell'Ecuador (2008): vari articoli attribuiscono alla natura e agli ecosistemi il diritto di mantenere e rigenerare i propri cicli vitali, la propria struttura, funzione e processi in evoluzione Fonte: www.lanuovaecologia.it/view.php?id=9871&contenuto=Notizia) Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 7
  8. 8. 2008: Dichiarazione dell'Aia sui diritti digitali L'informazione, i servizi e le risorse governative sono sempre più fornite in modo virtuale piuttosto che fisico; La libertà di parola e d'associazione sono sempre più esercitate attraverso la rete piuttosto che di persona; Internet e il Web aprono una strada senza precedenti verso l'uguaglianza di accesso all'educazione e di opportunità per tutte le genti del mondo. Fonte: www.digistan.org/hague-declaration:it Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 8
  9. 9. Che c'entrano computer e ICT? Definizione: ICT = Information & Communication Technology in pratica: Radio, TV, Telefonia in tutte le forme e oggi anche computer e Internet (email, WWW, chat...) alcuni pensieri da tenere presenti nel resto della presentazione: la tecnologia fa legislazione (letta su Internet) i nostri diritti civili e la qualità della nostra vita dipendono ogni anno di più da come i computer vengono usati intorno a noi (M. Fioretti, http://digifreedom.net) se riescono a farti fare le domande sbagliate, le risposte non contano (fonte ignota) Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 9
  10. 10. Che importanza ha l'ICT nei PVS? “quelli muoiono di fame, non hanno gabinetti, medicine, vestiti... e parliamo di insegnarli a usare i computer? Pensiamo piuttosto a risolvere i problemi veri e più urgenti!!!” Certo, però: nella cooperazione allo sviluppo vale il principio “primo, non far danni” (“do no harm”) ma nella cooperazione è assai facile fare danni o sprecare fondi preziosi con le ICT senza nemmeno accorgersene (anche prima di partire...) i computer sul campo possono fare molto per facilitare la soluzione dei problemi più gravi, se vengono usati correttamente Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 10
  11. 11. Possibilità delle ICT Riduzione dei costi Partecipazione Comunicazione Educazione Opportunità di lavoro sostenibile, a casa propria in sintesi: più libertà e più protezione per i propri diritti Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 11
  12. 12. Riduzione dei costi l'uso corretto delle ICT può far risparmiare somme enormi a tutti i livelli: nazionale (Italia, 2007): "costi ed inefficienze nella gestione del documento cartaceo arrivano a pesare tra il 3 e il 5% del Pil, con un impatto complessivo tra 42 e 70 miliardi di euro" "adottando il documento digitale si può risparmiare dal 50-60% (fatturazione elettronica, conservazione sostitutiva) al 90% (posta elettronica certificata)" locale: i comuni di Feltre e Trebaseleghe risparmiano circa 1000 euro l'anno ciascuno da quando spediscono le convocazioni del consiglio comunale via email certificata FONTE: http://mfioretti.com/it/feltre-formati-dei-file-pluralismo-informatico Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 12
  13. 13. Partecipazione Cittadinanza attiva segnalazioni più rapide di problemi partecipare alla gestione dei beni comuni Democrazia diretta e continua grazie al maggiore accesso alle informazioni e alla possibilità per tutti di fornire informazioni di interesse comune possibilità di servizi molto più rapidi ed efficienti Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 13
  14. 14. Comunicazione L'accesso a Internet "è molto importante, nelle zone con un'alto tasso di emigrazione all'estero, per mantenere vivi i legami familiari": “grazie a una videotelefonata via Internet, una nonna nella cittadina di Capitan Miranda (Paraguay) riesce a vedere il suo nipotino appena nato in Spagna" FONTE: www.apc.org/en/news/lac/internet-opening-doordevelopment-rural-population Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 14
  15. 15. Educazione “Fu davvero un miracolo, avevo sognato tante volte che gli studenti poveri delle mie scuole avrebbero imparato a maneggiare il computer. Ora che hanno un laboratorio d'informatica le mie scuole sono tra quelle chiamate "advanced school" oppure "pilot school". I genitori degli studenti vedendo i loro figli seduti davanti al computer erano stupefatti e mormoravano "questa e' davvero una scuola inglese" ("inglese" e' una cosa superlativa)” P. Aldino Amato, missionario nelle scuole del Rosary Christian Hospital di Rehmpur, Pakistan FONTE: www.linux.com/feature/148311, http://golem.linux.it/index.php/PAKISTAN Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 15
  16. 16. Opportunità di lavoro Saidi, pescatore di Zanzibar, grazie al cellulare chiama dalla barca tutti i mercati della costa, per sapere quale offre il prezzo più alto per il tipo di pesce che ha appena pescato quel giorno W. K. Macharia, capo di un'associazione commercianti a Nairobi, non viaggia più per settimane attraverso Kenia e Tanzania per trovare le verdure più fresche: basta una telefonata A. Harun, agricoltore keniota, da quando ha un cellulare non deve più andare in cerca di cabine telefoniche funzionanti per ricevere ordinazioni dai clienti o trattare con i grossisti Foto: Ken Banks, Kiwanj.net Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 16
  17. 17. Opportunità di lavoro (2) i pescatori indiani dell'Andhra Pradesh e del Kerala ricevono via fax o SMS segnalazioni sulle aree migliori per la pesca ricavate da misure satellitari dell'Indian Space Research Organization ogni socio della cooperativa di prodotti caseari del Gujurat riceve la sua quota degli utili in contanti, velocemente e senza possibilità di errori o truffe grazie a un sistema informatico sviluppato in loco FONTI: http://fellows.rdvp.org/davidlehr/blog/cellphoneusechangeslifeinafrica, www.nextbillion.net/news/cell-phones-african-solutions-to-african-problems, www.mit.edu/people/kken/PDF/Intro_Sage_1_.pdf Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 17
  18. 18. Rischi delle ICT Sprechi Inquinamento Isolamento ed esclusione Appiattimento culturale Controllo e censura Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 18
  19. 19. Sprechi Le P.A. italiane hanno speso 274 milioni di Euro in licenze software nel solo 2003 Il portale Italia.it che dovrebbe presentare l'Italia nel mondo, è costato ~45 milioni di Euro e nemmeno funziona FONTI: www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText? tipodoc=Sindisp&leg=16&id=330627,http://hackgeek.wordpress.com/ta g/licenze-software/, www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2008/01/chiusura-portaleitalia.shtml?uuid=04337522c817-11dc-81ce-00000e251029&type=Libero, Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 19
  20. 20. Sprechi (2) Secondo alcuni dati della Banca Mondiale, il 50 % dei progetti di sviluppo delle ICT in Africa fallisce normalmente, la causa è qualche combinazione di progetti iniziali inadeguati con esecuzione e manutenzione sul campo non autosufficienti finanziariamente oppure non all'altezza delle esigenze FONTE: http://brendait.blogspot.com/2009/01/microsoft.html Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 20
  21. 21. Informatica e ambiente Computer e altri dispositivi elettronici contengono piombo, cadmio, mercurio, bario e tante altre sostanze assai tossiche "in India, 315 milioni di computer non riciclati correttamente disperderanno nell'ambiente 550.000 tonnellate di piombo, 900 di cadmio e 180 di mercurio" Fonti: OMS, www.afro.who.int/heag2008/docs_en/New%20and %20emerging%20threats.pdf www.ban.org/photogallery/ Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 21
  22. 22. Informatica e ambiente (2) molti computer dismessi in Occidente finiscono nei PVS in discariche a cielo aperto, dove i componenti tossici finiscono direttamente nel terreno o vengono recuperati senza alcuna tutela sanitaria da chi non ha altre opportunità di lavoro Fonti: www.socialroi.com/interestingfacts-about-digitalwaste.html, http://sitemaker.umich.edu/se ction002group3/e-waste Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 22
  23. 23. Informatica e ambiente (3) solo quest'anno i computer lasciati accesi anche quando non vengono usati produrrano circa 20 milioni di tonnellate di CO2, all'incirca quanto 4 milioni di auto; le aziende americane sprecano in questo modo circa $2.8 miliardi di dollari l'anno Secondo uno studio del 2008, nel 2020 i data center potrebbero superare l'aviazione civile come fonte di gas a effetto serra FONTI: www.infoworld.com/d/green-it/report-us-companies-waste-28b-year-powering-unused-pcs-758 http://bits.blogs.nytimes.com/2008/05/01/data-centers-are-becoming-big-polluters-study-finds/?ref=technology Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 23
  24. 24. Informatica e ambiente (4) OK, i computer inquinano, ma che c'entra il software? Gennaio 2007: "Microsoft Vista è un incubo, perché riempirà le discariche di hardware ancora perfettamente funzionante ma... troppo poco potente per quel sistema operativo" FONTE: UK Green Party, www.greenparty.org.uk/news/2851 lo stesso problema si può presentare anche con altri sistemi operativi, commerciali e non Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 24
  25. 25. Informatica e ambiente (5) Aprile 2009: “l'energia elettrica consumata per trasmettere e filtrare lo spam è 33 miliardi di KWh, quanta ne basterebbe per alimentare 2.4 milioni di case, e ha un effetto serra uguale a 3.1 milioni di auto che consumino più di 7 miliardi di litri di benzina” “Gran parte dello spam viene trasmesso da computer individuali, infetti da virus (mezzo milione al giorno) perché usano programmi software o sistemi operativi poco sicuri o mal configurati” FONTI: www.net-security.org/secworld.php?id=7316 www.softlist.net/press/pandalabs_says_half_a_million_computers_are_infected_with_malicious_bots_every_day-62.html www.guardian.co.uk/technology/2009/apr/08/spam-malware-online-security Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 25
  26. 26. Isolamento ed esclusione “Internet rende molto più facile trovare chi già la pensa come noi, comunicare solo con quelle persone, vedere solo quello che ci piace vedere. Tutto questo può facilitare intolleranza ed estremismo” (Texting towards Utopia, bostonreview.net/BR34.2/morozov.php) Ghettizzazione: "uno scrittore Africano che scriva in paesi occidentali, cercando di superare la paura di non appartenere ad alcun luogo... finisce per assumere un'identità fittizia, presentandosi come "Cittadino del mondo" che però vive in una società di fantasia, un ghetto virtuale" (FONTE: www.author-me.com/nonfiction/ghettoizationafricanlit.htm) il cyberspazio di oggi, prevalentemente anglofono/occidentale, può fare esattamente lo stesso effetto, e far sentire irrilevanti e inesistenti coloro che vi entrano senza preparazione o scopi precisi, specialmente nei PVS Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 26
  27. 27. Isolamento ed esclusione (2) L'esclusione può avvenire in molti modi diversi. Un esempio? Le mappe digitali online "Chi controlla le mappe controlla come le persone vedono il mondo" "Crea da te le tue mappe, prima che gli altri ti rinchiudano nelle loro" ("Mapping Hacks",O'Reilly) Mauritius, Seychelles, Senegal e Zimbabwe esistono su Google Maps solo da marzo 2009 (FONTE: http://web2fordev.net/component/content/article/1-latest-news/61-google-maps-africa-01) Noi esistiamo... Loro (in Senegal) non proprio... Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 27
  28. 28. Appiattimento culturale Quest'idea che tutto il mondo debba essere collegato porterà a un'estinzione di massa La diversità intellettuale (il bene più prezioso della nostra specie) sta svanendo più velocemente degli alberi In un mondo di comunicazioni di massa c'è meno di tutto tranne che dei 10 libri, dischi, film e idee in testa alle classifiche Conclusione? “Il cyberspazio sarà la fine della nostra specie”. FONTE: M. Crichton, "Il mondo perduto" "Se lo scenario predetto da Chrichton si avvererà non sarà perchè la rete Internet ha raggiunto, o raggiungerà, tutti gli angoli del globo: è perché su quella rete si parla l'inglese americano, che porta con sè idee, norme e cultura americane”. FONTE: "Global English, Global Freeze", http://web2.adfl.org/adfl/bulletin/V33N3/333006.htm Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 28
  29. 29. Appiattimento culturale (2) Hardware e software contengono e trasportano idee e modi di fare che non sono universali Esempio: software gestionale/contabile per piccole e medie imprese basato su matematica, assenza di mance,scadenze precise, relazioni impersonali con clienti e fornitori ovvero una visione dell'economia ben diversa da quella dei PVS (al di là delle differenze normative e burocratiche) Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 29
  30. 30. Appiattimento culturale (3) In Argentina, la provincia di Mendoza ha rifiutato un progetto di informatizzazione scolastica basato su software didattico realizzato in Nord America e correttamente tradotto in Spagnolo linguaggio a parte, esercizi ed esempi contenuti nel software "non riflettono la realtà argentina, specie nella regione Andina" sia il software sia l'hardware erano "troppo individualisti": “perché deve esserci solo una tastiera per computer? Perché ogni studente dovrebbe lavorare da solo, invece di collaborare con gli altri, come si è sempre fatto in tutte le scuole elementari di Mendoza?" FONTE: www.mit.edu/people/kken/papers1/Software localization.htm Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 30
  31. 31. Controllo: ieri Qualunque tecnologia di comunicazione può essere sfruttata o controllata per creare consenso, spargere false informazioni o limitare l'espressione del dissenso 1994, Rwanda: giornali e radio locali vengono sistematicamente usati per aizzare i cittadini gli uni contro gli altri: "Impugnate i vostri machete e tagliate le braccia e le gambe ai vostri vicini" "dobbiamo riempire ancora molte tombe” (messaggi effettivamente trasmessi da Radio Milcoline durante il conflitto) "Senza armi da fuoco, machete o altri oggetti, voi avete provocato la morte di migliaia di civili innocenti" (dalla sentenza del processo ai responsabili dei media Rwandesi) perché i blog non potrebbero essere usati nello stesso modo? FONTI: http://amisnet.org/agenzia/2009/04/17/passpartu-26-informazione-e-diritti-dal-conflitto-in-rwanda-a-oggi/, www.idrc.ca/rwandagenocide Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 31
  32. 32. Controllo: oggi 2008, Italia: appare su Facebook il gruppo pro-Riina 2009, Regno Unito: l'ufficio per la sicurezza e l'antiterrorismo intenderebbe addestrare i membri di gruppi islamici filo-occidentali in modo che i loro siti, anzichè quelli degli estremisti, vengano visualizzati per primi su Google quando si fanno ricerche sui rapporti fra Islam e Occidente. FONTI: www.repubblica.it/2008/12/sezioni/tecnologia/facebook-capodanno/mafia/mafia.html www.theregister.co.uk/2009/04/09/google_extremism_manipulation/ Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 32
  33. 33. Controllo: oggi (2) 20 Aprile 2009: “Ayman al-Zawahiri, esponente di al-Qaeda, incita i sostenitori iracheni del gruppo a passare il confine per “liberare” Gerusalemme in una registrazione pubblicata sul sito Internet As-Sahab” Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 33
  34. 34. Controllo: domani (neutralità della rete) La rete Internet attuale è (almeno in prima approssimazione) neutrale: i bit viaggiano attraverso gli snodi nell'ordine in cui arrivano, chiunque li abbia trasmessi o richiesti Risultato pratico (almeno in prima approssimazione): chiunque voglia offrire via Internet servizi o contenuti originali (testi, reportage, opinioni, musica, video...) può farlo alla pari con le multinazionali della comunicazione Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 34
  35. 35. Neutralità della rete (2) Alcune proposte di legge, come il "Pacchetto Telecom" attualmente in discussione nell'Unione Europea, suggeriscono di creare corsie preferenziali a pagamento, per certi tipi di contenuti, tipicamente multimediali Altre proposte (soprattutto in Italia) suggeriscono che i siti web individuali dovrebbero sottostare alle stesse regole dei giornali tradizionali in una rete Internet interamente funzionante in questo modo sarebbe molto più svantaggiosa per i piccoli produttori e la libertà di parola in generale Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 35
  36. 36. Rischi di una rete non più neutrale Una Internet non più neutrale potrebbe assumere un aspetto simile a questo: Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 36
  37. 37. Rischi di una rete non più neutrale (2) ...ovvero potrebbe ridursi a poco più di un'altra versione di questo: ...quello che effettivamente accadrà dipenderà dalle richieste effettive dei cittadini Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 37
  38. 38. Perché le ICT vengono usate poco o male così spesso? Costi eccessivi di hardware, software e infrastrutture leggi e burocrazia ferme al 19mo secolo Conoscenza bassissima dell'informatica, spesso basata su falsi miti e luoghi comuni (anche fra molti cosiddetti "utenti esperti") Impreparazione, arroganza culturale, superficialità Fede (a volte sincera a volte no) nel potere intrinsecamente benefico della tecnologia Barriere linguistiche (nella cooperazione allo sviluppo): importazione, spesso inconscia, di soluzioni occidentali che non funzionano in condizioni diverse e non sono quindi sostenibili senza finanziamenti esterni Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 38
  39. 39. Costi? Quali costi? Connettività: a marzo 2009, il costo di una connessione Internet flat a 256 KBit/s in Paraguay è di 35 dollari al mese, pari al 13% del salario minimo mensile. FONTE: www.apc.org/en/news/lac/internet-opening-door-development-rural-population Licenze software i raid antipirateria stanno arrivando anche nei PVS, ma molto spesso le popolazioni locali (e le associazioni di cooperazione...) ignorano completamente l'esistenza di alternative Costi diretti e indiretti dell'hardware: i requisiti hardware di un programma non diminuiscono quando viene piratato: a che serve una copia pirata di Windows Vista, se gira solo su un computer molto recente, quindi molto più costoso di altri? per usare un computer bisogna poter pagare l'energia elettrica che consuma e averla abbastanza a lungo: la foto a pag. 17 è arrivata dal Pakistan come stampa, perché era più semplice fare così che riuscire a spedirne una versione digitale via email.. Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 39
  40. 40. Mito: computer e Internet fanno bene sempre e comunque Promesse come “un computer in ogni villaggio” o “un laptop per ogni bambino” spesso non sono basate su valutazioni sufficientemente complete e realistiche degli effettivi bisogni locali “Il dogma di fondo, più o meno velato, è che fornire computer e accesso a Internet sarà sufficiente a portare inevitabilmente giustizia sociale, autosufficienza economica, cibo e medicine per tutti, eccetera” FONTE: Bridging the Digital Divide: Lessons from India, www.mit.edu/people/kken/PAPERS/Intro_Sage.html Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 40
  41. 41. L'accesso al cyberspazio è davvero sempre necessario e sufficiente? “l'uso che oggi si fa dello scrivere è tanto, che... molti scritti degnissimi, trasportati dall'immenso fiume dei libri nuovi, periscono senz'altra cagione” G. Leopardi, 1824 (Del Parini ovvero della Gloria, Cap IV) “abbiamo tanta fretta di costruire un telegrafo magnetico dal Maine al Texas, ma può darsi che il Maine e il Texas non abbiano nulla di importante da comunicarsi” H. D. Thoreau, 1854, Walden. “siamo sommersi dalle informazioni, ma assetati di conoscenza” J. Naisbitt, 1982, Megatrends Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 41
  42. 42. Necessità dell'accesso al cyberspazio Riassumendo: “se io ho questo nuovo media, la possibilità cioè di veicolare un numero enorme di informazioni, in un microsecondo, mettiamo caso a un aborigeno dalla parte opposta del pianeta; ma il problema è: aborigeno, ma io e te, che #%&@£ se dovemo di'?!?” Corrado Guzzanti, circa 1997 Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 42
  43. 43. Sul potere salvifico dell'ICT Realtà: la tecnologia imposta o abbandonata a sè stessa raramente ha un potere salvifico intrinseco "Perché dovremmo essere sicuri che gli utenti Cinesi di Internet chiederanno automaticamente, come conseguenza, più diritti politici anziché lo stile di vita da Sex and the City che possono finalmente vedere proprio attraverso Internet?" “Fuori dai ricchi paesi occidentali i nuovi arrivati su Internet hanno tante probabilità di diventare protagonisti e portatori di democrazia quante ne hanno di diventare prigionieri o rinnegati digitali” FONTE: Texting Towards Utopia, http://bostonreview.net/BR34.2/morozov.php Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 43
  44. 44. Sul potere salvifico dell'ICT (2) Un po' di storia nostrana: Puglia, anni 90 L'immagine dell’Italia che giungeva in Albania via TV è considerata una delle principali cause del mito occidentale in Albania, [e del successivo esodo verso l'Italia] La pubblicità si riferiva a merci inesistenti in Albania [quindi gli albanesi] consumavano esclusivamente i messaggi in quanto tali. [nati e cresciuti] sotto il regime comunista, in cui la proprietà privata era stata abolita per legge, [credevano] che la povertà derivi da mancanza di merce, non di mezzi finanziari [quindi pensavano che in Italia avrebbero goduto anche loro degli stessi beni]. FONTE: www.terrelibere.org/index.php?x=completa&riga=217 Lo stesso rischio c'è con Internet, se non c'è abbastanza preparazione a usarla. Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 44
  45. 45. Sul potere salvifico dell'ICT (3) Realtà: anche nei PVS, quelli che usano il Web 2.0 o 1.0 non sono i più poveri “Una campagna contro gruppi fondamentalisti che vogliono impedire alle donne indiane l'accesso ai pub è stata ripresa dai mezzi d'informazione di tutto il mondo... ...perché condotta da donne di città con abbastanza istruzione, libertà e mezzi per lanciarla su Facebook e vari blog... "...ma rimane il dubbio se problemi molto più seri come la povertà potrebbero mai ricevere la stessa attenzione" FONTE: www.apc.org/en/news/can-social-networking-give-leg-poor Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 45
  46. 46. Una parola sui formati dei file Buona parte dei problemi creati dal software vengono dal fatto che certi programmi sono come le bombe nucleari o i proiettili all'uranio impoverito: fanno male anche a chi non c'entra niente o passa per caso qualche anno dopo perché producono scorie tossiche, cioè file che non si possono leggere con nessun altro programma Ma i formati dei file sono alfabeti, i programmi software con cui vengono creati sono penne Se i formati (l'alfabeto) sono liberi e alcuni programmi (penne) costano troppo, se ne possono usare altri che vanno altrettanto bene Conclusione: usate sempre e solo formati liberi Per saperne di più: http://mfioretti.com/it/come-formati-dei-file-favoriscono-innovazione-cittadinanza-attiva-mercati-davvero-liberi http://mfioretti.com/it/via-maestra-pluralismo-informatico-formati-aperti-innovazione-libero-mercato-servizi-pubblici-pi-eff Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 46
  47. 47. Barriere linguistiche A che serve avere un computer se non si sa leggere e scrivere? “774 milioni di analfabeti adulti nel mondo, in maggioranza nei PVS, 64% donne" ad Apr. 2009 parentesi dolorosa ma obbligatoria: "Cinque italiani su cento tra i 14 e i 65 anni non sanno distinguere una lettera da un'altra, una cifra dall'altra. Trentotto lo sanno fare, ma riescono solo a leggere con difficoltà una scritta e a decifrare qualche cifra... Secondo specialisti internazionali, soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea" Analfabeti d'Italia, 8 marzo 2008 FONTI: www.modernghana.com/news/211044/1/majority-of-illiterate-adults-in-developingworld-.html,http://eddyburg.it/article/articleview/10848/0/65/, www.gildavenezia.it/docs/Archivio/2005/nov2005/UNLA.htm Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 47
  48. 48. Barriere linguistiche (2) A che serve avere un computer se non lo si può usare per leggere e scrivere? ?? ? ? Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 48
  49. 49. Barriere linguistiche (3) Queste non sono preoccupazioni teoriche: Negli anni 90 l'Islanda (una delle nazioni più antiche e colte d'Europa) si trovò senza una versione locale di Windows, perché a Microsoft non conveniva svilupparla e mantenerla 18th century Icelandic manuscript SÁM 66 in the care of the Árni Magnússon Institute in Iceland. Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 49
  50. 50. Barriere linguistiche (4) In India esistono più di 500 linguaggi e oltre una dozzina di alfabeti "Anche i politici ripetono spesso che l'India dev'essere l'unico paese al mondo dove la gente è costretta a comprarsi i caratteri per scrivere al computer” "Senza documenti in Telugu, Hindi, Marathi o Tamil, gli abitanti di molti villaggi Indiani non troveranno nulla di comprensibile o rilevante per loro su Internet. Anche se avranno la banda larga” FONTI: www.apc.org/en/news/diversity/world/bitter-sweet-mixed-feelings-about-working-indian-l www.mit.edu/people/kken/PAPERS/Intro_Sage.html Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 50
  51. 51. Barriere linguistiche (5) Afaan Oromo è il quarto linguaggio più parlato in Africa Circa il 95 per cento di chi lo parla vive in Etiopia molte di queste persone sanno leggere e scrivere solo in Oromo, non in Inglese, che è usato solo in alcune scuole e università la conseguenza è che pochissime persone usano i computer, e solo al lavoro l'uso di computer a casa o la navigazione su Internet sono assai rari (la versione Oromo di Google esiste solo dal 18 aprile 2009) FONTE: Belayneh Melka e Dawit Boka, programmatori Etiopi Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 51
  52. 52. Linee guida e azioni concrete Quale conclusione bisogna trarre? I cittadini dei PVS non hanno bisogno di computer e Internet perché non se li meritano, non sono in grado di usarli e in ogni caso hanno ben altri problemi? Ovviamente no! Computer, Internet e altri mezzi di comunicazione sono essenziali e utilissimi per i diritti umani e per proteggere la diversità culturale, nei PVS e in tutto il resto del mondo Sia per i cittadini dei PVS Sia per i volontari che vanno nei PVS a cooperare Basta usarli nel modo giusto! Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 52
  53. 53. Cosa sono le ICT, e a che servono? Informatica, Internet e altre tecnologie non sono idoli o strumenti magici che si autogiustificano L'ICT è solo un nuovo strumento per risolvere i problemi umani di sempre: cibo, lavoro, salute, istruzione, informazione, democrazia... Domanda sbagliata: “Come facciamo a portare i computer a tutti?” Domande giuste: "Quando, dove e come posso usare computer, Internet, telefonini, GPS... per garantire i bisogni essenziali concreti e i diritti umani? “Qual è il modo migliore? Quali sono gli strumenti più adatti?” FONTE: http://www.mit.edu/people/kken/PAPERS/Intro_Sage.html Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 53
  54. 54. Realismo e semplicità Le nuove tecnologie vanno usate e insegnate: scegliendo quelle giuste, nel modo giusto (autosufficienza) tenendo conto delle condizioni locali Partendo dai bisogni effettivi (inclusi quelli a lungo termine) Nel modo più semplice possibile Sia a casa che sul campo Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 54
  55. 55. Realismo e semplicità: esempi pratici Anche i computer sconnessi sono utilissimi “qui nelle campagne dell'Uganda usiamo i browser non per navigare su Internet ma per consultare manuali (di agricoltura o simili) scritti su Cd-Rom con lo stesso linguaggio delle pagine Web. In questo modo gli utenti devono imparare il funzionamento di un solo programma” FONTE: www.linuxplanet.com/linuxplanet/interviews/5567/1/ Le soluzioni create o adattabili sul posto rendono spesso di più: Il software della cooperativa di produttori di formaggio indiani menzionato a pagina 16 è stato creato con poco sforzo in loco, ma solo dopo il fallimento di un sofisticatissimo macchinario Europeo che non riusciva a funzionare nel clima indiano. Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 55
  56. 56. Vantaggi del software libero per i PVS Esiste software come Linux, OpenOffice o Firefox che, grazie alla sua licenza d'uso: è gratuito può essere legalmente adattato ai bisogni locali, a tutti i livelli economico (può funzionare anche su computer obsoleti) linguistico Il browser Mozilla è stato tradotto in Lugandese in meno di un anno da 8 volontari FONTE: www.linuxplanet.com/linuxplanet/interviews/5567/1/ funzionale: si possono creare versioni ottimizzate, contenenti solo le funzioni che servono Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 56
  57. 57. Vantaggi del software libero per i PVS (2) Per tutte queste ragioni, il software libero è quello più indicato per i cittadini dei PVS, anche perché: crea posti di lavoro qualificati locali, per creare o adattare software che serva veramente sul posto, al minor posto possibile È l'unico che può garantire pari dignità e indipendenza, anche culturale, ai cittadini dei PVS: “tradurre OpenOffice in Oromo contribuirà notevolmente allo sviluppo economico, sociale e politico del nostro popolo” FONTE: Belayneh Melka e Dawit Boka, programmatori Etiopi coordinatori del progetto di localizzazione di OpenOffice in Oromo Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 57
  58. 58. Limiti del software libero, nei PVS e fuori Alcuni vantaggi tecnici del software libero sono irrilevanti o addirittura dannosi nei PVS: La capacità di girare ininterrottamente per anni serve a poco dove l'energia elettrica non è stabile e senza interruzioni Gli aggiornamenti automatici di software via Internet sono possibili solo dove c'è la banda larga Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 58
  59. 59. Limiti del software libero, nei PVS e fuori (2) Anche se il software libero è essenziale, per i PVS e non solo, alcuni suoi sostenitori ne sopravvalutano il ruolo, con il rischio di generare delusione o disinteresse Storicamente, problemi come sprechi dovuti al software, neutralità della rete, censura su Internet o trasparenza delle PA sono stati spesso scoperti e denunciati per primi da sostenitori del software libero Ma dipendono da parecchi fattori (leggi, costi di hardware e infrastrutture, formati di file proprietari, disciplina del diritto d'autore) che spesso c'entrano poco o nulla con la licenza d'uso del software coinvolto (volendo, si può costruire anche il perfetto stato di polizia usando solo software libero...) FONTE: http://mfioretti.com/it/prospettive-del-software-libero-come-movimento-sociale Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 59
  60. 60. Consigli pratici Firmare tutti e far conoscere la Dichiarazione dell'Aia: ...è per tutti questi motivi che nel 2008 è stata scritta una dichiarazione dei diritti digitali che chiede a tutti i Governi di: Acquisire unicamente informazioni e tecnologia che implementino standard liberi ed aperti; Fornire servizi di e-government basati esclusivamente su standard liberi e aperti; Utilizzare nelle loro attività unicamente standard digitali liberi ed aperti. su www.digistan.org/hague-declaration:it Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 60
  61. 61. Consigli pratici (2) Usare software e formati liberi per salvare sistematicamente tutto il patrimonio culturale dei PVS Registrare, registrare, registrare! Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 61
  62. 62. Consigli pratici (3) Usare computer completi solo quando necessario, non disdegnare altri strumenti, costruirli quando servono L'importante è fare la cosa giusta! Nelle foto: i registratori di LiteracyBridge.org (costo < 10 USD) vengono usati come audiolibri di testo oppure per registrare canti popolari e interviste È la funzione che è importante: la stessa cosa si può fare con iPod o qualsiasi computer riciclato che abbia scheda audio, microfono e altoparlante, basta che si faccia! (con formati liberi, ovviamente!) Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 62
  63. 63. Consigli pratici (4) Valutare in e per ogni singolo progetto di cooperazione: se includere attività di localizzazione del software libero di base che potrebbe servire o si dovrebbe insegnare Se e come l'accesso a Internet potrebbe favorire gruppi e istituzioni già esistenti Collaborare sistematicamente con le comunità esistenti del software libero più rilevanti per la cooperazione: Team di localizzazione Gruppi trashware, cioè riciclatori di computer obsoleti con il software libero (http://trashware.linux.it) Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 63
  64. 64. Consigli pratici (5) Dove possibile, incoraggiare la creazione di contenuti digitali di interesse locale, nella lingua locale, ovviamente senza chiudere le porte al resto del mondo usare sempre e solo software libero per l'insegnamento dell'informatica (se dai a un uomo una canna da pesca...) Non dimenticare le mappe! Quelle appena aggiunte a Google contengono parecchi dati inseriti direttamente “da Africani, per gli Africani” Ma c'è anche OpenStreetmap.org! Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 64
  65. 65. Saluti e informazioni Questa presentazione è disponibile (in formato PDF e OpenDocument) su http://mfioretti.com Per saperne di più su questi argomenti, contattarmi e condividere sviluppi interessanti: Visitare http://stop.zona-m.net oppure http://mfioretti.com Scrivere a marco@digifreedom.net Grazie per l'attenzione! Marco Fioretti (marco@digifreedom.net) http://mfioretti.com http://digifreedom.net 2009/04/20 Roma, VIS Culture e diritti civili nella Società dell'Informazione Alcuni Diritti Riservati 65

×