Presentazione Toyota (Definitiva, Post Revisione)

2,718 views
2,606 views

Published on

Presentazione di toyota

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,718
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
60
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Toyota (Definitiva, Post Revisione)

  1. 1. Corso di laurea Informatica e T. P. S. Corso di Economia dell’ Innovazione Vincenzo Coppolecchia Gennaro Divittorio Giuseppe Montrone Francesco Sgaramella Luigi Tedone
  2. 2. Introduzione …
  3. 3. La Toyota Motor Corporation, abbreviata TMC, è una multinazionale giapponese che produce autoveicoli. La sede si trova nell'omonima città di Toyota (Giappone) situata nella provincia Mikawa della prefettura di Aichi, a est-sudest di Nagoya. La Toyota è un’impresa di tipo tradizionale che opera a livello globale, il cui brand è unico nel mondo. Toyota offre beni, per la maggior parte automobili, e servizi connessi all’acquisto delle suddette auto. La Toyota è la maggiore società automobilistica del Giappone, con una produzione stimata in circa nove milioni di veicoli l'anno. La società domina il mercato giapponese con circa il 40% delle nuove auto registrate nel 2004, e gode di una consistente fetta di mercato sia in Europa che negli Stati Uniti. Ha quote di mercato significative anche in diversi paesi del sud-est asiatico. L'azienda produce una grande varietà di veicoli generalmente stimati per qualità dei materiali, buona progettazione e valore.
  4. 4. La Toyota commercializza i suoi prodotti con i marchi Toyota, Scion e Lexus. Lexus viene utilizzato per il settore delle automobili di lusso mentre il marchio Scion viene utilizzato solo negli Stati Uniti per commercializzare modelli destinati ad un pubblico giovane. La Toyota conta 540 sussidiarie e 226 affiliate. Le società controllate dalla Toyota sono: o Daihatsu (51,2% a marzo 2005), produttore di automobili o Hino Motors (50,1% a marzo 2005), produttore di autocarri e autobus Le partecipazioni sono: o Aisin Seiki Co., Ltd. (23,0% a marzo 2005), produttore di componenti automobilistici o DENSO Corporation (22,98% a marzo 2005), produttore di componenti automobilistici o Fuji Heavy Industries (8,7% a ottobre 2005), gruppo industriale produttore dei veicoli Subaru
  5. 5. I suoi progetti puntano a diventare il riferimento internazionale per sicurezza, affidabilità ed economia di manutenzione. All'inizio del 2009 è stata pubblicata la notizia che nel corso del 2008 la Toyota ha superato la General Motors diventando la prima azienda automobilistica al mondo per numero di veicoli prodotti e per fatturato. Molta della ricerca Toyota ha come obiettivo la creazione di veicoli ad alimentazione ibrida come la Toyota Prius, basata sulla tecnologia Hybrid Synergy Drive. Scientific American dichiarò l'azienda “Business Leader of the Year” nel 2003 per commercializzare automobili ibride a un prezzo abbordabile. Toyota è famosa anche per la sua filosofia di produzione, chiamata Sistema di produzione Toyota, in particolare per il metodo “Just in time” che viene adottato in tutto il mondo da molte aziende manifatturiere.
  6. 6. Un po’ di storia
  7. 7. Il nome della ditta era stato trasformato dal cognome del fondatore Sakichi Toyoda in Toyota per motivi scaramantici, potendosi quest'ultimo scrivere, in giapponese, con 8 colpi di pennello (l'8 è considerato numero fortunato in Giappone e Cina). La storia della Toyota Motor Corporation iniziò nel settembre del 1933, quando la Toyoda Automatic Loom (nata nel 1890 come produttore di telai tessili, dove ebbe un grande successo grazie all'invenzione del suo creatore, il telaio tessile in legno) aprì una nuova divisione destinata alla produzione di automobili sotto la direzione di Kiichiro Toyoda, figlio del proprietario. Questo è stato un imprenditore tutt’ora considerato il padre della rivoluzione industriale giapponese e anche promotore della suddivisione dell'azienda originale in diversi settori, tra cui quello automobilistico, con la fondazione dell'odierna Toyota.
  8. 8. Poco dopo vennero prodotti i primi motori Type A Engine, nel 1934, usati l'anno seguente sull'automobile Model A1 e sull'autocarro G1. Nel 1936 iniziò la produzione in serie dell'automobile Model AA. Nonostante il gruppo Toyota oggi sia conosciuto soprattutto per le automobili, esso è ancora attivo nel settore tessile e continua a produrre telai, ovviamente automatizzati, e macchine per cucire, venduti in tutto il mondo.
  9. 9. Nel 1950 nacque una società distinta per la vendita, la Toyota Motor Sales Company (che durò fino al luglio del 1982). Nell'aprile del 1950 venne costituita la catena di vendita Toyopet. Il primo autoveicolo prodotto da questa società fu la Toyopet Crown (1955).
  10. 10. Il contesto di un’impresa rappresenta l'ambiente nel quale questa è collocata. Tutto ciò che, in sostanza, è rilevante, dove per rilevante si intende che sia critico e influente per l'azienda. L'ambiente è suddivisibile in due livelli: un ambiente interno ed uno esterno all'impresa. Dal punto di vista interno, un’impresa può essere vista come una macchina per la conversione di risorse, che prende degli input (lavoro, denaro, materiali ed equipaggiamento) dall'ambiente esterno, li converte in prodotti, merci e servizi, e li rende disponibili ai clienti (output). Il secondo livello consta di tutte le forze e le istituzioni esterne che hanno un interesse o un impatto concreto (o potenziale) sulla capacità dell'impresa di raggiungere i suoi obiettivi. Queste possono essere di origine competitiva, economica, tecnologica, politica, legale, demografica, culturale e/o ambientale.
  11. 11. Le varie forze ambientali e le istituzioni esterne danno quindi vita a sfide ed opportunità per l'organizzazione. Il contesto in cui si trova Toyota la vede messa a confronto con competitors diretti come General Motors, Daimler AG (di cui fanno parte Mercedes, Maybach, linea extra-lusso della Mercedes, e Smart), Ford, Volkswagen, Honda, Fiat e Renault. Di seguito una classifica dei produttori, in ordine di vendita di autovetture, aggiornata al terzo quarto del 2009:
  12. 12. Impatto sociale
  13. 13. Per molti anni, Toyota ha costruito, e costruisce tutt’ora, mezzi da lavoro tra i più robusti, potenti e durevoli del mondo. Stiamo parlando dei Pick Up, ovvero veicoli a motore che fanno parte della categoria dei furgoni, la cui principale caratteristica è la presenza del cassone, idealmente al posto del bagagliaio (sebbene sia separato dalla cabina). Un esempio, tra i più riusciti, di questa categoria di automezzi è la Toyota Hilux, nata nel lontano 1968 ed arrivata ormai alla sesta serie nel 2005.
  14. 14. Come avranno fatto quelli di Top Gear a ridurre in questo stato una Hilux? Prima… …dopo!
  15. 15. Ma Jeremy sarà riuscito davvero a distruggere la Toyota Hilux? Scopriamolo… http://www.youtube.com/watch?v=CWc_flGRT_o
  16. 16. Negli ultimi dieci anni il fattore chiave del successo sociale Toyota è da ricercare nella customer satisfaction (soddisfazione del cliente). Dapprima la casa automobilistica ha invaso il mercato Nipponico e quello Europeo nel 1994 (ed in seguito quello nord-americano nel 1996) creando il concetto di SUV compatto. La prima Sport Utility Vagon viene chiamata Rav4, che sta per Recreational Active Vehicle with 4- wheel drive (veicolo ricreativo attivo con 4 ruote motrici) e possiede tutte le qualità di una SUV come un bagagliaio più ampio, maggiore visibilità e la trazione integrale permanente, coniugate con caratteristiche di un’auto compatta, come manovrabilità e consumi di carburante ridotti. In breve, le vendite di questa vettura, primo esempio di “ibrido” tra categorie, schizzano alle stelle come dimostrano i dati di vendita registrati dal 2000 al 2008
  17. 17. 180000 160000 140000 120000 100000 80000 60000 In molti paesi, la Rav4 è l’unico SUV compatto proposto da 40000 Toyota. Il successo iniziale di questo autoveicolo ha spianato 20000 la strada ad altri SUV compatti 0 come Honda CR-V, Ford 2000 2002 2004 2006 2008 Escape/Mazda Tribute, Mitsubishi Outlander, Ford Kuga, JDM Nissan Rasheen e la Subaru Forester.
  18. 18. Un altro fattore d’innovazione, introdotto da Toyota nell’ambito della soddisfazione del cliente, è stato una macchina compatta, di segmento B, capace di tener conto delle tematiche ambientali, che cominciavano a farsi presenti alle grandi masse, chiamata Yaris. Questa infatti è una vettura pensata per essere piccola ma spaziosa ed è celebre per le sue motorizzazioni eco-compatibili. Caratterizzata da dimensioni e dotazioni essenziali, progettata per assolvere le più correnti funzioni pratiche del trasporto promiscuo o alternato di persone e cose, a fronte di un prezzo di acquisto e di costi di gestione particolarmente contenuti, sin dal lontano 1999 riscuote un successo tale da eleggerla “Auto dell’anno” nel 2000.
  19. 19. Sempre nel 2000 alla gamma Yaris si aggiunge la versione monovolume denominata Verso dedicata ad una clientela alla ricerca di spazio e di un abitacolo interno molto flessibile. Il telaio e gli interni sono ripresi dalla versione normale, mentre la gamma motori è stata privata del piccolo 1.0. Invariati i 1.3 VVT-I e il 1.4 D-4D disponibili negli allestimenti Base e Sol. Un ultimo restyling della vettura viene compiuto nel 2008. Dal suo lancio, ormai quasi undici anni fa, è diventata una best-seller e ha conquistato ben un quarto delle immatricolazioni di auto in Europa.
  20. 20. Toyota amplia la gamma delle vetture attente all’economia “ambientale” con la iQ. Questa viene presentata sotto forma di concept car, denominata Toyota iQ Concept, al Salone di Francoforte 2007. La versione di produzione è stata invece svelata nel marzo 2008 al Salone Internazionale dell'Automobile di Ginevra. Nel Novembre 2008 è partita la produzione nello stabilimento di Takaoka e contemporaneamente è cominciata la commercializzazione in Giappone. Le vendite in Europa, invece, hanno avuto inizio nel 2009. Al lancio in Italia, la Toyota iQ è disponibile con il motore 1.0 VVT-i a benzina già utilizzato sulla Toyota Aygo, che eroga 68 cavalli e vanta un'emissione di CO2 di 99 g/km. Esso è abbinato al cambio automatico denominato Multidrive oppure ad un cambio manuale a 5 rapporti.
  21. 21. La Toyota iQ è caratterizzata da dimensioni esterne molto contenute: è lunga infatti solamente 298 cm. Nonostante ciò, possiede un abitacolo in grado di accogliere fino a tre adulti ed un bambino. Per ottenere questo risultato sono state adottate le seguenti soluzioni: o Serbatoio alto 12 cm collocato nel sottoscocca o Unità di climatizzazione compatta o Disegno sottile dei sedili o Plancia asimmetrica. Prezzo: 13 mila – 14 mila euro.
  22. 22. Il quadro di vetture amiche dell’ambiente si chiude con l’ultima nata di casa Toyota, la Prius. Questa può vantare il titolo di vettura ibrida più venduta a livello mondiale ed è, fino ad ora, la vettura più ecologica al mondo. Il lancio del primo modello di Prius avvenne in Giappone nel 1997, e nel mercato mondiale nel 2000. Alla fine del 2003, ne erano state vendute 160.000 in Giappone, in Europa e in Nordamerica. In latino, prius è l'avverbio di tempo "prima" e l'aggettivo "primo". Secondo il California Air Resources Board (il collegio californiano che studia le emissioni dei gas dei veicoli) la Prius (in tutti i modelli venduti dal 2000 al 2003) è una "SULEV" (Super Ultra Low Emission Vehicle, Veicolo a emissioni ultrabasse). Nel 2004 il modello è giunto alla seconda generazione, diventando una solida berlina due volumi, ed è scesa ulteriormente di categoria, diventando una "AT-PZEV" (Advanced Technology Partial Zero Emission Vehicle, Veicolo di tecnologia avanzata con quasi zero emissioni), nonostante l'aumento nelle dimensioni.
  23. 23. Cuore della Prius è il sistema HSD (Hybrid Sinergy Drive), che permette l'ottimizzazione nella produzione e nell'uso dell'energia tra i due motori, nel tentativo (in gran parte riuscito) di recuperare gli sprechi energetici di un’automobile tradizionale. Ad esempio: •nelle partenze, e a bassa velocità, il sistema lavora sfruttando solo il motore elettrico; •a maggiori richieste di energia l'HSD provvede ad azionare istantaneamente il motore termico che unendo la propria spinta a quella del motore elettrico garantisce coppia e accelerazione paragonabili a quelle di una berlina con motore tradizionale; •non appena il piede si stacca dall'acceleratore, il motore termico smette di funzionare e dall'inerzia del veicolo la batteria elettrica trae carica, basandosi sulle ruote ancora in movimento;
  24. 24. •il pacco di batterie accumula carica anche durante la frenata, con un principio già in uso in altre vetture elettriche; •qualora la carica fosse insufficiente per il corretto funzionamento dell'auto, il motore tradizionale si accende per garantire la potenza necessaria. La potenza generata in eccesso dal motore tradizionale viene automaticamente convertita in elettricità e accumulata nelle batterie.
  25. 25. L'emissione di anidride carbonica è, nelle dichiarazioni della casa, di 104 g/km (meno degli attuali motori diesel con filtro antiparticolato e di soli 5 g/km superiore rispetto alla iQ) per tragitti esclusivamente interurbani.
  26. 26. Dall'estate 2009 è disponibile la Prius III, con miglioramenti nelle motorizzazioni, ora più potenti, con addirittura la diminuzione delle emissioni di CO2 (104 g/km del modello del 2005 contro 89 g/km). Come optional, è disponibile anche un pannello solare installato nel tetto che consente di ricaricare la batteria del sistema ibrido durante le soste e di avviare la climatizzazione e la ventilazione, nella stagione estiva, poco prima del riutilizzo della vettura dopo una lunga sosta al sole, in modo da migliorare il comfort dei passeggeri nel momento della partenza.
  27. 27. In Europa, la Prius è stata giudicata “Auto dell'anno 2005”. I crash test indipendenti dell'EuroNCAP su entrambe le generazioni della Prius, effettuati nel 2004 e nel 2009, hanno premiato l'auto con 5 stelle, vale a dire che la vettura ha risposto nel miglior modo a fronte di urti di consistenza pari a quelli di incidenti reali. Il prezzo della Toyota Prius oscilla tra i 26 mila ed i 32 mila euro e fino al 2008 sono stati prodotti oltre 1 000000 di esemplari.
  28. 28. È ormai chiaro come, nel corso degli anni, Toyota abbia fatto suo il concetto di cliente al primo posto sapendo “ascoltare”, mediante indagini e ricerche di mercato, e seguendo quelle che sono le tematiche attuali ad ogni epoca, facendole proprie, divenendo così uno tra i gruppi mondiali leader del settore automobilistico.
  29. 29. Nell’ultimo anno fiscale Toyota ha ottenuto una riduzione delle emissioni totali di CO2 generate dalle operazioni di vendita, logistica e produzione in Europa di oltre il 17%; la media delle emissioni di CO2 generate dai veicoli Toyota e Lexus venduti in Europa sono state ridotte del 4%. L’incremento dell’utilizzo di energia pulita è stato possibile grazie a 14 impianti installati in 11 mercati che utilizzano al 100% energia da fonti rinnovabili. Nell’ottica di limitare sempre più l’impatto ambientale delle proprie attività, Toyota ha deciso di non stampare il Rapporto di Sostenibilità 2009. Chi volesse leggerlo può trovarlo on-line nel solo formato elettronico. Il rapporto completo (in lingua inglese) può essere consultato e scaricato dal sito liberamente.
  30. 30. L’operazione “Impatto Zero” Toyota ha ottenuto grande successo tra i clienti, i quali hanno acquistato l’Eco Tagliando Toyota. Grazie alla suddetta operazione, la filiale italiana è riuscita a creare una “Foresta Toyota” all’interno del Parco del Ticino.
  31. 31. La Toyota vuole ora ampliare il progetto della Foresta con una nuova iniziativa relativa ai pneumatici denominati “Salva Consumi”. Punti cardine dell’iniziativa sono: o Sicurezza di guida o One Stop Shop o Convenienza o Rispetto per l’ambiente Tali pneumatici con bassa resistenza al rotolamento hanno, Infatti, caratteristiche mirate alla riduzione dei consumi e quindi delle emissioni.
  32. 32. Una pila a combustibile è un dispositivo elettrochimico che permette di ottenere elettricità direttamente da idrogeno ed ossigeno, senza che avvenga alcun processo di combustione termica. I ricercatori Toyota stanno lavorando molto in questo ambito e prevedono di poter commercializzare la prima auto a Pila combustibile nel 2015.
  33. 33. Produzione Toyota
  34. 34. La produzione Toyota è localizzata in Giappone e dislocata in gran parte del Mondo. Toyota possiede stabilimenti in tutto il mondo per produrre o assemblare i veicoli destinati ai mercati locali. Essi sono presenti in Australia, Stati Uniti, Canada, Indonesia, Polonia, Sudafrica, Turchia, Gran Bretagna, Francia, Brasile e, più recentemente, anche in Pakistan, India, Argentina, Repubblica Ceca, Messico e Venezuela. In Europa è attiva una joint venture con il gruppo PSA Peugeot Citroën Che, in un impianto situato a Kolin, nella Repubblica Ceca, produce, nelle sue varie versioni, un modello di city car progettato in comune e commercializzato con i marchi Toyota Aygo, Peugeot 107 e Citroën C1.
  35. 35. Il JUST IN TIME è una filosofia industriale che ha soppiantato il “vecchio metodo" di produrre merci per il magazzino (in attesa di essere vendute), producendo solo ciò che si prevede di vendere in tempi brevi. In sostanza, è una politica di gestione delle scorte a ripristino che utilizza metodologie volte a migliorare il processo produttivo, cercando di ridurre al massimo le scorte di materie prime e di semilavorati necessari alla produzione. La filosofia JIT fu adottata negli anni cinquanta in Giappone dalla Toyota, che la inglobò nel proprio sistema di fabbricazione e la pubblicizzò con il nome di “Toyota Production System”.
  36. 36. Questo approccio può essere ricondotto a sei aree di intervento: o interventi sul prodotto, che hanno il compito di semplificarne la struttura e l’industrializzazione. o interventi sul processo, che hanno l’obiettivo di garantire la continuità spazio-temporale del flusso e l’uniformità temporale del mix produttivo. o interventi sulla gestione della produzione, che mirano a sincronizzare produzione e mercato ed a velocizzare il flusso dei materiali. o interventi sull’organizzazione del lavoro, effettuati con il fine di coinvolgere e motivare la forza lavoro per ottenere flessibilità e polivalenza, autonomia decisionale e mobilità. o interventi sui rapporti con i fornitori, che hanno come obiettivo l’affidabilità qualitativa, quantitativa e temporale delle consegne ed il loro sincronismo con i processi interni di lavorazione. o interventi nella distribuzione fisica, effettuati solo in quelle imprese in cui la logistica distributiva rappresenta un anello importante della catena del valore.
  37. 37. o Riduzione delle scorte o Riduzione del lead time o Riduzione dei costi o Aumento della qualità Alla base della filosofia del JIT, qualsiasi scorta di materiale, semilavorato o prodotto finito, è uno spreco in termini di risorse economiche nonché un vincolo all'innovazione continua.
  38. 38. Aspetto Economico
  39. 39. L’utente medio che visita il sito Toyota è generalmente un uomo di età compresa tra i 18 e 40 anni, con un buon grado di istruzione, con un occhio di riguardo per la tecnologia presente nell’auto e, soprattutto, per l’impatto che questa ha sull’ambiente.
  40. 40. Come si evince dal grafico, al sito della toyota.com si accede attraverso diverse keyword. Tra le più rilevanti, oltre alla parola chiave Toyota, troviamo, in ordine di ranking, “Toyota prius” e addirittura solo “prius”, termine ricercato da una grande fetta di internauti. Questo dato è molto significativo, in quanto dimostra che l’utente che ricerca un prodotto Toyota molto probabilmente è interessato ad un’auto dai bassi consumi, ovvero alla nuova Toyota Prius. Questo dato fa si che Toyota possa spingere sul mercato delle ibride riscuotendo non solo un profitto sociale, ma soprattutto economico, tanto da essere attualmente il costruttore numero uno di automobili ibride e non.
  41. 41. Il valore Toyota nell’anno 2009 ammonta a $263,42 Miliardi, in calo rispetto all’anno precedente. Negli ultimi 5 anni, però, la Toyota ha avuto un calo sensibile dovuto alla crisi che ha colpito tutti i settori in generale, non risparmiando neppure quello automobilistico.
  42. 42. Dipendenti diretti: 35,838 Dipendenti indiretti: 165,958 Veicoli prodotti: 1,117,511 Punti vendita Toyota, Lexus e Scion: 1,502 Investimenti diretti: $17.4 Miliardi Acquisti: $29.9 Miliardi Veicoli venduti: 2,217,662
  43. 43. Successo economico Successo sociale
  44. 44. I campi in cui opera Toyota
  45. 45. Toyota partecipa sin dal 2002 al campionato di Formula 1. La casa automobilistica è una delle poche a sviluppare in proprio sia il motore che la vettura, senza fare affidamento su squadre esistenti. La scuderia ha sede operativa a Colonia, in Germania, nella struttura Toyota Motorsports GmbH. L'impegno in Formula 1 della Toyota si è sempre caratterizzato per le enormi risorse economiche a disposizione, a cui non sono seguiti risultati adeguati prima del 2005; vi sono stati inoltre moltissimi e continui cambiamenti di personale dirigenziale, tecnico e di piloti. In generale le vetture Toyota sono sempre state considerate molto potenti a livello motoristico, ma carenti dal punto di vista dei progetti e dell’aerodinamica, da cui l'alternarsi di diversi progettisti l'ultimo dei quali, l'inglese Mike Gascoyne, ha lasciato la squadra dopo tre gare della stagione 2006. È di pochi giorni fa la notizia che Toyota non sarà presente nella stagione F1 del 2010. Ad annunciarla, il numero uno della casa, Akio Toyoda, che, in lacrime di fronte ai giornalisti, ha affermato: “La crisi che attraversa il settore dell'auto impone severe iniziative. Le risorse a disposizione sono insufficienti per assicurare un team competitivo”.
  46. 46. Tuttavia, il coinvolgimento nelle corse della casa automobilistica del sol levante non si limita alla sola Formula Uno. Questa, infatti, ha anche partecipato a gare di rally con la Toyota Celica e la Toyota Corolla vincendo i campionati del mondo negli anni 1992, 1993 e 1994. Toyota, inoltre, dal 1998 corre nella classe automobilistica GT1 con il prototipo denominato TS020 e nelle gare dei campionati americani Nascar con la Tundra (Craftsman Truck Series) e con la Camry (Busch Series e Nextel Cup). Nel JGTC/SuperGT GT300, la Reckless's MR-S, guidata da Kota Sasaki & Tetsuya Yamano, ha vinto il campionato del 2005; precedentemente, nel 2002, Morio Nitta & Shinichi Takagis' con una ARTA Toyota MR-S hanno conseguito il medesimo titolo. Toyota è stata presente per anni nel campionato delle super gran turismo giapponesi con Supra, Celica, MR2 e MR-S.
  47. 47. Toyota è sponsor principale e fondatore anche di tre squadre sportive giapponesi, due rugbystiche ed una calcistica. L’azienda, inoltre, sponsorizza e da il proprio nome a varie strutture sportive in tutto il mondo. Toyota Center (palazzetto dello sport di Houston) Toyota Stadium (stadio di Nagoya) Toyota Arena (stadio di Praga)
  48. 48. http://www.youtube.com/watch?v=cgOIvmM1-U0

×