Your SlideShare is downloading. ×
IL CORRETTO
TAWASSUL

Traduzione e adattamento dei testi a cura di
Muhammad Nur al Haqq
Tipi di tawassul

Ho discusso il tema dell’uso della “wasīlah” mentre si
supplica Allāh (subhānaHu wa ta’āla) con alcuni
M...
Lui e al Suo Messaggero, e questo è ciò che s’intende
nella ayāh:

َ َ َ ْ ِ َ ُ َ َ َ َّ
َّ ُ َ
‫يا أَيها الَّذِينَ آمنوا...
nella du‘ā’ se non in virtù dei Nomi e degli Attributi di
Allāh.
Il tawassul, com’è inteso da molti dei Musulmani delle
ep...
Tawassul Islamico contro bid‘a

As-salāmu alayka,
Yā Shaykh, ho una domanda riguardo il tawassul. Stavo
dicendo a qualcuno...
vale a dire, i mezzi per avvicinarsi a Lui. Ci sono due tipi
di tawassul, il corretto tawassul Islamico e il tawassul
proi...
misericordia e al-Ghafūr (Colui che tutto perdona)
quando si chiede perdono, e così via.
Cercare di avvicinarsi ad Allāh p...
‫أني مسني الضر وأنت أرحم الراحمين‬
“[Ayyūb disse:] Il male mi ha colpito, ma Tu sei il
Più Misericordioso di coloro che mo...
esse parole, opere o credenze. Un esempio di questo è
cercare di avvicinarsi ad Allāh invocando i morti o le
persone che s...
qualcuno di diverso da Lui o non invocandoLo affatto,
per orgoglio e auto-ammirazione, anche se non invocano
nessun altro....
Allāh dice:

‫ومن أضل ممن يدعوا من دون َّللا من ال يستجيب له إلى يوم القيامة وهم عن‬
‫دعائهم غافلون وإذا حشر الناس كانوا ل...
‫والذين تدعون من دونه ما يملكون من قطمير إن تدعوهم ال يسمعوا دعائكم‬
‫ولو سمعوا ما استجابوا لكم ويوم القيامة يكفرن بشرككم ...
momenti di agio e di abbondanza, quando avrebbero
fatto appello ad altri all’infuori di Lui.
Allāh dice:

‫فإذا ركبوا في ا...
parte, invocano Allāh e Gli rendono a Lui Solo
un culto puro…” [Yūnus, 22]
Lo shirk di alcune persone nel presente va pers...
L’hadīth sull’uomo cieco che è citato come
prova da chi cerca di avvicinarsi ad Allāh
(tawassul) in virtù dei morti.

Ment...
rimanderò questo e ciò sarà meglio per te.” [Secondo un
altro resoconto, egli disse: “...O se lo desideri, puoi
essere paz...
nel suo libro “At-Tawassul Anwā‘uhu wa Ahkāmuhu”
(disponibile in inglese con il titolo “Tawassul: Its Types
and Its Ruling...
Se l’intenzione del cieco era quella di avvicinarsi ad Allāh
in virtù della persona del Profeta o del suo status, non ci
s...
voleva fu fatto. Dopo di che, il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi
wa sallam) si rivolse al cieco per compassione verso di
lui e...
Nella supplica che il Messaggero di Allāh (sallAllāhu
‘alayhi wa sallam) gli insegnò, si dice: “O Allāh, accetta
la sua in...
cui questa frase può essere interpretata, non c’è altro
modo di interpretarla. Da qui vedete quelli tra le
generazioni suc...
Messaggeri, e di tutti gli intimi amici di Allāh, dei martiri
e dei virtuosi, e lo status di ognuno che ha status presso
A...
soltanto (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) e non a qualsiasi
altro Profeta o persona virtuosa, e la sua applicazione
anche ad...
Ricercare la benedizione dai sapienti e
dalle persone virtuose e dalle loro reliquie

Ci sono persone che pensano che sia ...
della bontà e della benedizione che Allāh ha posto nel
suo corpo e in tutto ciò che egli tocca.
Per

questo

i

Sahābah

(...
‫وهلل األسماء الحسنى فادعوه بها‬
“Ad Allāh appartengono (tutti) i Nomi più belli:
invocateLo con quelli.” [Al-‘A`rāf, 180]...
uno di essi invocò Allāh in virtù del suo onorare i propri
genitori, e la roccia si spostò un po’, ma non abbastanza
da po...
(sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), non per mezzo del suo
status e virtù. Questo è evidente nell’hadīth... E allo
stesso modo,...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

IL CORRETTO TAWASSUL

119

Published on

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
119
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "IL CORRETTO TAWASSUL"

  1. 1. IL CORRETTO TAWASSUL Traduzione e adattamento dei testi a cura di Muhammad Nur al Haqq
  2. 2. Tipi di tawassul Ho discusso il tema dell’uso della “wasīlah” mentre si supplica Allāh (subhānaHu wa ta’āla) con alcuni Musulmani, e del dovere di sapere che ci sono opinioni molto diverse sul fatto che l’uso della “wasīlah” nella du‘ā’ sia halāl o harām. La prego di fornirmi qualche informazione su quest’argomento: ci sono delle āyāt del Qur’ān o ahādīth autentici? Con il termine “uso della wasīlah” intendo la richiesta attraverso qualcuno, ad esempio, “Ti chiedo (O Allāh) di concedermi il perdono attraverso il Profeta Muhammad (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam)” o tramite l’ausilio di altri Profeti (‘alayhi salāmus), santi o di altri pii Musulmani. Lode ad Allāh. Ciò che s’intende per tawassul e wasīlah è quattro cose: il tipo di tawassul senza il quale la fede non può essere completa, che è cercare di raggiungere Allāh (tawassul) credendo in Lui e nei Suoi Messaggeri, e obbedendo a 1
  3. 3. Lui e al Suo Messaggero, e questo è ciò che s’intende nella ayāh: َ َ َ ْ ِ َ ُ َ َ َ َّ َّ ُ َ ‫يا أَيها الَّذِينَ آمنوا اتقُوا َّللا وا ْبتغوا إِل ْيه الوسِ يلة‬ َ ُّ َ “O voi che credete! Fate il vostro dovere per Allāh temetelo. Cercate il modo di giungere a Lui.” [Al-Mā’idah, 35] Questo include il cercare di avvicinarsi ad Allāh attraverso i Suoi Nomi e Attributi, o compiere atti di obbedienza e di culto con i quali si cerca di avvicinarsi ad Allāh, e così via. Cercare di avvicinarsi ad Allāh chiedendo al Suo Messaggero (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) di fare du‘ā’ per uno durante la sua vita, e per i credenti chiedendo l’uno all’altro di fare du‘ā’ a vicenda. Questo segue il primo tipo ed è incoraggiato. Cercare di avvicinarsi ad Allāh in virtù dello status e delle virtù di un essere creato, ad esempio dicendo: “O Allāh, Ti chiedo in virtù del Tuo Profeta” e così via. Ciò è consentito da alcuni degli ‘Ulamā’, ma quest’opinione è da’īf (debole). La visione corretta è che questo è sicuramente harām, perché non ci può essere tawassul 2
  4. 4. nella du‘ā’ se non in virtù dei Nomi e degli Attributi di Allāh. Il tawassul, com’è inteso da molti dei Musulmani delle epoche successive, che è chiedere al Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) e invocare il suo aiuto (o cercare l’aiuto dei morti e dei cosiddetti awliyā’). Questa è una forma di shirk maggiore, perché chiedere o invocare aiuto da qualcuno di diverso da Allāh riguardo qualcosa che solo Allāh è in grado di fare, è un tipo di adorazione, e dirigere il culto a qualcuno o qualcosa di diverso da Allāh è shirk maggiore. E Allāh ne sa di più. Shaykh Muhammed Salih Al-Munajjid Fatwā n. 979 3
  5. 5. Tawassul Islamico contro bid‘a As-salāmu alayka, Yā Shaykh, ho una domanda riguardo il tawassul. Stavo dicendo a qualcuno che cercare il tawassul presso le tombe e chiedere al morto di fare du‘ā’ ad Allāh è sbagliato, ma uno di loro ha detto: “Commetto qualche errore chiedendo a un uomo pio di pregare per me? Quale errore commetterei facendo la stessa richiesta ai morti?” Come rispondere a questo fratello? Vorrei che lei mi chiarisca che tipo di tawassul è permesso e quale non è consentito, poiché un sacco di persone sono state fuorviate in questa zona? Lode ad Allāh Tawassul in Arabo significa cercare di avvicinarsi. Allāh dice nel Qur’ān: ‫يبتغون إلى ربهم الوسيلة‬ “(Essi) cercano il mezzo per avvicinarsi al loro Signore.” [Al-‘Isrā’, 57] 4
  6. 6. vale a dire, i mezzi per avvicinarsi a Lui. Ci sono due tipi di tawassul, il corretto tawassul Islamico e il tawassul proibito. Corretto tawassul Islamico: Questo significa cercare di avvicinarsi ad Allāh attraverso gli atti di culto che Egli ama e di cui Si compiace, che possono essere wājib (obbligatori) o mustahabb (incoraggiati), e possono prendere la forma di parole, azioni o credenze. Alcuni tipi sono i seguenti: Cercare di avvicinarsi ad Allāh mediante i Suoi Nomi e Attributi. Allāh dice: ‫وهلل األسماء الحسنى فادعوه بها وذروا الذين يلحدون في أسمائه سيجزون ما‬ ‫كانوا يعملون‬ “Ad Allāh appartengono (tutti) i nomi più belli: invocateLo con quelli e allontanatevi da coloro che profanano i nomi Suoi: presto saranno compensati per quello che hanno fatto.” [Al‘A`rāf, 180] Così, quando una persona fa du‘ā’ ad Allāh, comincia invocando Allāh con il Nome che è più adatto, come “alRahmān” (il Più Misericordioso) quando si cerca la 5
  7. 7. misericordia e al-Ghafūr (Colui che tutto perdona) quando si chiede perdono, e così via. Cercare di avvicinarsi ad Allāh per mezzo della fede e del Tawhīd. Allāh dice: ‫ربنا آمنا بما أنزلت واتبعنا الرسول فاكتبنا مع الشاهدين‬ “Signore! Abbiamo creduto in quello che Tu hai fatto scendere e abbiamo seguito il messaggero, annoveraci tra coloro che testimoniano (la verità).” [‘Āli `Imrān, 53] Cercare di avvicinarsi ad Allāh attraverso gli atti virtuosi, per cui una persona chiede ad Allāh in virtù delle migliori opere che ha compiuto, come l’offerta della salāh, il digiuno, la lettura del Qur’ān, il rifuggire le cose harām, e così via. Un esempio di questo è l’hadīth sahīh narrato nei Sahīhayn riguardo le tre persone che entrarono in una grotta, e una pietra cadde e bloccò la via d’uscita. Essi invocarono Allāh (di salvarli) in virtù delle loro migliori opere. Una persona può anche invocare Allāh in virtù della sua totale dipendenza da Lui, come Allāh menziona nel Qur’ān: 6
  8. 8. ‫أني مسني الضر وأنت أرحم الراحمين‬ “[Ayyūb disse:] Il male mi ha colpito, ma Tu sei il Più Misericordioso di coloro che mostrano misericordia!».” [Al-‘Anbiyā’, 83]; o ammettendo il proprio misfatto e il bisogno di Allāh, come Yūnus è descritto aver detto: ‫ال إله إال أنت سبحانك إني كنت من الظالمين‬ “Nessuno ha il diritto di essere adorato tranne Te (O Allāh). Gloria a Te! Io sono stato un ingiusto!».” [Al-‘Anbiyā’, 87] Le sentenze sul corretto tawassul Islamico variano in base al tipo. Alcuni tipi sono wājib, come ad esempio cercare di avvicinarsi ad Allāh attraverso i Suoi Nomi e Attributi e attraverso il Tawhīd (credendo nella Sua assoluta Unicità), e alcuni sono mustahabb, come ad esempio cercare di avvicinarci a Lui in virtù di tutti i tipi di atti virtuosi. Tawassul che è bid‘a e quindi proibito: Questo è il tentativo di avvicinarsi ad Allāh per mezzo di cose che Egli non ama e che non Lo compiacciono, siano 7
  9. 9. esse parole, opere o credenze. Un esempio di questo è cercare di avvicinarsi ad Allāh invocando i morti o le persone che sono assenti, chiedendo il loro aiuto, e così via. Questa è una forma di shirk maggiore (shirk akbar), che va contro il Tawhīd e significa che una tale persona non è più considerata essere un Musulmano. Chiedere ad Allāh, se è per uno scopo come il chiederGli di concedere qualche beneficio o scongiurare un danno, o come un atto di culto per esprimere umiltà e sottomissione davanti a Lui, può essere rivolto solo direttamente ad Allāh. Se le ad‘iyah o le preghiere sono rivolte a qualcosa o a qualcun altro, questo è shirk. Allāh dice: ‫وقال ربكم ادعوني استجب لكم إن الذين يستكبرون عن عبادتي سيدخلون جهنم‬ ‫داخرين‬ “Il vostro Signore ha detto: «InvocateMi (e chiedeteMi qualunque cosa), Io vi risponderò. Coloro che per superbia non Mi adorano (vale a dire, non M’invocano e non credono nella Mia Unicità), entreranno presto nell’Inferno, umiliati».” [Ghāfir, 60] In questa āyah, Allāh spiega la punizione di coloro che con arroganza rifiutano di invocarLo, sia invocando 8
  10. 10. qualcuno di diverso da Lui o non invocandoLo affatto, per orgoglio e auto-ammirazione, anche se non invocano nessun altro. Allāh dice: ۚ َ ُ َ ً۬ ُّ َ َ ُ َّ َ ُ ۡ ‫ٱدعو ْا ربكمۡ تضرعا وخ ۡفية‬ “Invocate il vostro Signore umilmente e in segreto…” [Al-‘A`rāf, 55] Allāh comanda ai Suoi servi di invocare Lui e nessun altro. Allāh dice della gente dell’Inferno: ‫تاهلل إن كنا في ضالل مبين إذ نسويكم برب العالمين‬ “[Essi diranno]: «Per Allāh, certamente eravamo in errore evidente quando vi considerammo (falsi dei) uguali (nel culto) al Signore dei Mondi!».” [Ash-Shu`arā’, 97-98] Tutto ciò che si traduce nell’equiparazione di qualcosa di diverso da Allāh con Allāh nel culto o negli atti di obbedienza, è shirk, il crimine dell’associare partner con Lui. 9
  11. 11. Allāh dice: ‫ومن أضل ممن يدعوا من دون َّللا من ال يستجيب له إلى يوم القيامة وهم عن‬ ‫دعائهم غافلون وإذا حشر الناس كانوا لهم أعداء وكانوا بعبادتهم كافرين‬ “E chi è più sviato di colui che chiama (invoca), all’infuori di Allāh, chi non saprà rispondergli fino al Giorno della Resurrezione? Essi non hanno neppure coscienza dell’invocazione che viene loro rivolta, e quando gli uomini saranno riuniti (nel Giorno della Resurrezione), (le false divinità) saranno loro nemici e rinnegheranno la loro adorazione.” [Al-‘Aĥqāf, 5-6] Allāh dice: ‫ومن يدع مع َّللا إلها آخر ال برهان له به فإنما حسابه عند ربه إنه ال يفلح‬ ‫الكافرون‬ “E chi invoca insieme ad Allāh un’altra divinità senza averne prova alcuna, dovrà renderne conto al suo Signore. Certamente i kāfirūn (i miscredenti in Allāh e nella Sua Unicità) non prospereranno.” [Al-Mu’uminūn, 117] Allāh afferma che chi invoca qualcosa di diverso da Lui sta prendendo questa cosa come un dio, come Egli dice: 10
  12. 12. ‫والذين تدعون من دونه ما يملكون من قطمير إن تدعوهم ال يسمعوا دعائكم‬ ‫ولو سمعوا ما استجابوا لكم ويوم القيامة يكفرن بشرككم وال ينبئك مثل خبير‬ “…mentre coloro che invocate all’infuori di Lui non posseggono neppure un qitmīr (una pellicola di seme di dattero). Se li invocate (o fate loro appello) non odono la vostra invocazione e se mai la udissero non saprebbero rispondervi (alla vostra richiesta). Nel rinnegheranno Giorno il della vostro Resurrezione, associare. (O Muhammad), nessuno può informarti come Colui che è il Ben Informato (su ogni cosa).” [Fāţir, 13-14] In questa āyah, Allāh spiega che Egli è l’Unico che merita di essere invocato, perché Lui e nessun altro, è il Sovrano che tutto dirige. Quelle cose che sono adorate non possono sentire le ad‘iyah, figuriamoci rispondere a chi le invoca, e anche se fossero in grado di sentire, non potrebbero rispondere, perché non hanno il potere né del beneficio né del danno. I mushrikīn Arabi ai quali il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) fu inviato, erano miscredenti a causa di questo shirk. Essi invocavano Allāh con sincerità nei momenti di difficoltà, ma diventavano miscredenti nei 11
  13. 13. momenti di agio e di abbondanza, quando avrebbero fatto appello ad altri all’infuori di Lui. Allāh dice: ‫فإذا ركبوا في الفلك دعوا َّللا مخلصين له الدين فلما نجاهم إلى البر إذا هم‬ ‫يشركون‬ “Quando salgono su una nave, invocano Allāh rendendoGli un culto sincero. Quando poi Egli li mette in salvo sulla terraferma, Gli attribuiscono dei consoci.” [Al-`Ankabūt, 65] ‫وإذا مسكم الضر في البحر ضل من تدعون إال إياه فلما نجاكم إلى البر أعرضتم‬ “Quando siete in pericolo sul mare, coloro che invocate svaniscono. Lui (Allāh solo) no! Quando poi vi riconduce a terra salvi, vi allontanate da Lui.” [Al-‘Isrā’, 67] ‫حتى إذا كنتم في الفلك وجرين بهم بريح طيبة وفرحوا بها جاءتهم ريح عاصف‬ ‫وجاءهم الموت من كل مكان وظنوا أنهم أحيط بهم دعوا َّللا مخلصين له الدين‬ “Quando siete su battelli che navigano col buon vento, [gli uomini] esultano. Quando sorge un vento impetuoso e le onde si alzano da ogni 12
  14. 14. parte, invocano Allāh e Gli rendono a Lui Solo un culto puro…” [Yūnus, 22] Lo shirk di alcune persone nel presente va persino oltre lo shirk della gente nel passato, perché essi dirigono alcuni atti di culto a qualcosa di diverso da Allāh, appellandosi a loro e chiedendogli aiuto anche nei momenti di difficoltà; lā hawla wa lā quwwata illā billāh (non c’è forza né potenza se non in Allāh). Chiediamo ad Allāh di mantenerci sani e salvi. Per riassumere la nostra risposta a ciò che il tuo amico ha detto: chiedere ai morti qualsiasi cosa è shirk, e chiedere ai viventi qualunque cosa che nessuno tranne Allāh è in grado di fare, è anche shirk. E Allāh ne sa di più. Shaykh Muhammed Salih Al-Munajjid Fatwā n. 3297 13
  15. 15. L’hadīth sull’uomo cieco che è citato come prova da chi cerca di avvicinarsi ad Allāh (tawassul) in virtù dei morti. Mentre leggevo il Sahīh al-Jāmi’ as-Saghīr, mi sono imbattuto in un hadīth (1279) che dice: “O Allāh, Ti chiedo e mi rivolgo a Te in virtù del Tuo Profeta Muhammad, il Profeta della misericordia; O Muhammad, mi rivolgo in virtù di te al mio Signore riguardo a questa necessità delle mie, che possa essere soddisfatta per me. O Allāh, accetta la sua intercessione per me.” Questo hadīth mi ha confuso. C’è in esso qualche prova per coloro che cercano di avvicinarsi ad Allāh (tawassul) in virtù dei morti, come viene fatto dagli adoratori delle tombe e i loro simili? Come possiamo interpretare questo hadīth? Lode ad Allāh. Imām Ahmad e gli altri narrarono con una isnād sahīh da ‘Uthmān ibn Hanīf, che un uomo cieco venne dal Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) e disse: “Prega Allāh di guarirmi.” Il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) disse: “Se lo desideri, pregherò per te, e se vuoi, 14
  16. 16. rimanderò questo e ciò sarà meglio per te.” [Secondo un altro resoconto, egli disse: “...O se lo desideri, puoi essere paziente e ciò sarà meglio per te.”] Egli disse: “Prega per me (oggi).” Così egli lo istruì a compiere il wudū’ e a farlo per bene, poi a pregare due raka‘āt e dire questa du‘ā’ (supplica): “O Allāh, a Te chiedo e mi rivolgo in virtù del tuo Profeta Muhammad, il Profeta della misericordia. O Muhammad, in virtù di te mi rivolgo al mio Signore riguardo a questa necessità delle mie, che possa essere soddisfatta per me. O Allāh, accetta la sua intercessione al mio riguardo e accetta la mia intercessione al suo riguardo.” Così fece l’uomo e fu guarito. Alcune persone sono confuse da questo hadīth e pensano che esso costituisca una prova per alcuni tipi innovati di tawassul (cercare di avvicinarsi ad Allāh), ma non è così. Tale errata interpretazione di questo hadīth è stata fugata da molti sapienti, che hanno spiegato che esso non costituisce una prova per nessuno di coloro che credono in tipi innovati di tawassul, che siano in virtù della persona del Profeta o in virtù del suo status, figuriamoci tawassul in virtù dei morti e invocando essi invece di Allāh. Una delle più esatte ed erudite risposte riguardo tale questione è quella che è stata scritta dal grande sapiente Shaykh Muhammad Nāsir ad- al-Albānī 15
  17. 17. nel suo libro “At-Tawassul Anwā‘uhu wa Ahkāmuhu” (disponibile in inglese con il titolo “Tawassul: Its Types and Its Rulings”). Tra i commenti che egli ha fatto su questo hadīth vi è il seguente: Quanto a noi, crediamo che questo hadīth non costituisca una prova che sostenga il cercare di avvicinarsi ad Allāh (tawassul) in virtù della persona del Profeta, ma piuttosto che esso costituisca un’altra prova per il terzo tipo di tawassul lecito - che è il tawassul attraverso la du‘ā’ (supplica) di un uomo virtuoso perché il tawassul del cieco fu solo per mezzo della du‘ā’ del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) (e non in virtù della sua persona). Le prove di ciò che diciamo si trovano nell’hadīth in sé, e in abbondanza. I punti più importanti sono i seguenti: 1. Il cieco venne dal Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) solo per chiedergli di pregare per lui, quando disse: “Prega Allāh di guarirmi.” Questo è cercare di avvicinarsi ad Allāh (tawassul) in virtù della sua du‘ā’, perché egli sapeva che la du‘ā’ del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) aveva più probabilità di essere accettata da Allāh, a differenza della du‘ā’ di chiunque altro. 16
  18. 18. Se l’intenzione del cieco era quella di avvicinarsi ad Allāh in virtù della persona del Profeta o del suo status, non ci sarebbe stato alcun bisogno per lui di venire dal Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) e chiedergli di offrire du‘ā’ per lui, piuttosto sarebbe potuto restare a casa e chiedere al suo Signore dicendo, per esempio, “O Allāh, Ti chiedo in virtù del Tuo Profeta e del suo status davanti a Te, di guarirmi e di ridarmi la mia vista.” Ma egli non lo fece. 2. Il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) promise di offrire supplica (du‘ā’) per lui, pur consigliandolo di ciò che sarebbe stato meglio per lui, quando disse: “Se lo desideri, pregherò per te, e se vuoi, rimanderò questo e ciò sarà meglio per te.” 3. Il cieco insistette affinché egli offrisse supplica per lui, come disse: “Prega per me (oggi).” Ciò implica che il Messaggero (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) offrì supplica per lui, perché egli (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) era il migliore nell’adempimento delle promesse, e gli aveva promesso che avrebbe offerto la sua supplica per lui se egli lo avesse desiderato, come sopra indicato. Così non vi è alcun dubbio che egli (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) offrì la sua supplica per lui. Pertanto, ciò che il cieco 17
  19. 19. voleva fu fatto. Dopo di che, il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) si rivolse al cieco per compassione verso di lui e per il desiderio che Allāh rispondesse alle sue suppliche per quest’uomo. Così si voltò verso di lui e gli consigliò il secondo tipo di tawassul lecito, che è il tawassul in virtù degli atti virtuosi, in modo da combinare tutti i tipi di atti buoni e virtuosi (per assicurare che il suo bisogno sarebbe stato soddisfatto). Così lo istruì a fare il wudū’ e a pregare due raka‘āt, quindi offrire la supplica per se stesso. Questi sono tutti atti di obbedienza nei confronti di Allāh, che Egli sia Glorificato e Magnificato, che venivano prima della supplica del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) per lui, e questi sono inclusi nelle parole del versetto in cui Allāh dice: ََ َۡ ِ َ ْ َُٓۡ َ ‫وٱبتغوا إِل ۡيه ٱلوسِ يلة‬ “Cercate il modo di giungere a Lui.” [Al-Mā’idah, 35], come sopra indicato. Sulla base di questo, l’intero episodio ruota attorno alla supplica (du‘ā’) - come è chiaro - e non vi è alcuna menzione a tutto ciò che essi sostengono. 4. 18
  20. 20. Nella supplica che il Messaggero di Allāh (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) gli insegnò, si dice: “O Allāh, accetta la sua intercessione al mio riguardo.” E impossibile interpretare questo come un riferimento al tawassul in virtù della persona o dello status del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), perché ciò che si intende è: O Allāh, accetta la sua intercessione (del Profeta) per me; in altre parole, accetta la sua supplica affinché mi sia ripristinata la vista. La parola Araba shafā‘ah (qui tradotta come intercessione) significa supplica. Si dice in “Lisān al‘Arab” (8/184): Shafā’ah (intercessione) sono le parole dello shafī’ (intercessore) al re che gli chiede di soddisfare il bisogno di qualcun altro, o di colui che chiede qualcosa per qualcun altro e intercede per lui per ottenere ciò che sta cercando... Fine citazione. Così è provato che il tawassul del cieco fu solo in virtù della du‘ā’ del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), non in virtù della sua persona. 5. Tra le cose che il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) insegnò al cieco, vi fu: “e accetta la mia intercessione al suo riguardo.” Ciò che s’intende è: accetta la mia intercessione, questa è la mia supplica, affinché la sua intercessione, che è la sua supplica affinché la mia vista sia ripristinata, sia accettata. Questo è l’unico modo in 19
  21. 21. cui questa frase può essere interpretata, non c’è altro modo di interpretarla. Da qui vedete quelli tra le generazioni successive che mantengono diversi punti di vista ignorando quest’ultima frase e non fanno minimamente riferimento ad essa, perché demolisce completamente la loro interpretazione dell’hadīth. 6. Questo hadīth è citato dai sapienti come uno dei miracoli del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) e come una delle sue suppliche che furono esaudite, ed un esempio di ciò che Allāh manifestò attraverso la benedizione della sua supplica per eventi straordinari e per la guarigione dalle malattie. In virtù della supplica del Profeta per questo cieco, Allāh ripristinò la sua vista. Da qui i sapienti dell’hadīth, come al-Bayhaqī ed altri, lo narrarono tra i segni della Profezia (dalā’il annubuwwah). Questo indica che la ragione della guarigione del cieco fu la supplica del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam). Se il motivo della guarigione del cieco fu che egli cercò il tawassul in virtù dello status del Profeta, com’è stato inteso da molti sapienti successivi, ciò implicherebbe che questa guarigione dovrebbe essere avvenuta per le altre persone non vedenti che hanno cercato il tawassul in virtù del suo status, e talvolta aggiungendo ad esso lo status di tutti i Profeti e 20
  22. 22. Messaggeri, e di tutti gli intimi amici di Allāh, dei martiri e dei virtuosi, e lo status di ognuno che ha status presso Allāh tra gli angeli, gli uomini e i jinn! Ma noi non siamo a conoscenza, e non pensiamo che nessuno ne sappia al proposito, di un simile avvenimento che si sia compiuto nel corso dei secoli dalla morte del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) fino ai giorni nostri. Da questa spiegazione diventa chiaro ciò che s’intende con le parole del cieco nella sua du‘ā’, “O Allāh, a Te chiedo e a Te cerco di avvicinarmi in virtù del Tuo Profeta Muhammad”, è: Io cerco di avvicinarmi a Te in virtù della supplica del Tuo Profeta. Il testo dell’hadīth non menziona la supplica, ma è implicito. Questo è qualcosa che avviene comunemente nella lingua Araba, come nel versetto in cui Allāh dice: ََ َ ۡ ِ ۡ َ ِ َ َ َّ َ ۖ َ َ َ ٓ َ‫وسـَل ٱلق ۡرية ٱلَّتِى ڪنا فِيہا وٱلعِير ٱلَّتِى أَ ۡقب ۡلنا فِيہا وإِنا لص ٰـدقُون‬ َ ۡ َ َ َّ ُ “Chiedi pure alla [gente della] città e a quelli della carovana con la quale siamo tornati. Davvero siamo sinceri!” [Yūsuf, 82], nel testo originale la parola “gente” non è menzionata, ma è implicita. Tuttavia, vorrei dire: Anche se assumiamo che il cieco cercò di avvicinarsi ad Allāh in virtù della persona del Profeta, ciò sarebbe una sentenza che si applica a lui 21
  23. 23. soltanto (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) e non a qualsiasi altro Profeta o persona virtuosa, e la sua applicazione anche ad altri è una cosa che non sarebbe accettabile dal sano ragionamento, perché il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) è il leader e il migliore di tutti loro. E’ possibile che questo sia qualcosa che Allāh ha conferito esclusivamente a lui e non a loro, come molte altre qualità che sono state date solo al Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), secondo i resoconti sahīh. Quando si tratta di ciò che è stato dato unicamente a lui, non c’è spazio per l’applicazione ad altri per analogia. Se qualcuno pensa che il tawassul del cieco fu in virtù della persona del Profeta, allora dovrebbe rivolgersi a lui e non a chiunque altro. Questo punto di vista è stato narrato da Imām Ahmad e Shaykh al-‘Izz ibn ‘Abd asSalām (che Allāh abbia misericordia di loro) ed è l’unica conclusione che può essere raggiunta dalla equanime ricerca erudita. E Allāh è Colui che guida a ciò che è corretto. Fine citazione da at-Tawassul, pag. 75ff E Allāh ne sa di più. Islam Q&A Fatwā n. 97600 22
  24. 24. Ricercare la benedizione dai sapienti e dalle persone virtuose e dalle loro reliquie Ci sono persone che pensano che sia lecito cercare la benedizione dai sapienti e dalle persone virtuose e dalle loro reliquie, sulla base dei resoconti dei Sahābah (radiAllāhu ‘anhum) che ricercavano la benedizione del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam). Qual è la sentenza su questo? Ciò non comporta il paragonare qualcuno che non è il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) al Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam)? E’ possibile chiedere la benedizione dal Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) dopo la sua morte? Qual è la sentenza sulla ricerca dei mezzi per avvicinarsi ad Allāh (tawassul) cercando la benedizione del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam)? Lode ad Allāh. Non è lecito chiedere la benedizione da parte di nessun altro che il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), né dal suo wudū’ o dai suoi capelli o dal suo sudore o da qualsiasi altra cosa del suo corpo. Tutto questo si applica solo al Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), a causa 23
  25. 25. della bontà e della benedizione che Allāh ha posto nel suo corpo e in tutto ciò che egli tocca. Per questo i Sahābah (radiAllāhu ‘anhum) non chiedevano la benedizione da uno qualsiasi di loro durante la vita del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) o dopo la sua morte, né dai Khulafā’ al-Rāshidīn o da chiunque altro. Questo indica che essi sapevano che questo si applicava solo al Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) e non a chiunque altro. E perché questo è un mezzo che potrebbe condurre allo shirk e ad adorare qualcuno di diverso da Allāh. Allo stesso modo non è lecito cercare mezzi per avvicinarsi ad Allāh (tawassul) in virtù della posizione e dello status del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), o della sua persona, o dei suoi attributi, o della sua benedizione, perché non vi è alcuna prova (dalīl) per questo, e perché questi sono tra i mezzi che possono condurre allo shirk e sono modi di esagerare su di lui (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam). Inoltre, queste cose non furono fatte dai Sahābah, e se fossero buone, allora essi le avrebbero fatte prima di noi. E questo va contro l’evidenza della Sharī’ah. Allāh dice: 24
  26. 26. ‫وهلل األسماء الحسنى فادعوه بها‬ “Ad Allāh appartengono (tutti) i Nomi più belli: invocateLo con quelli.” [Al-‘A`rāf, 180] Allāh non comanda di invocarLo in virtù della posizione o dello status o della benedizione di chicchessia. Parte di questo è la ricerca dei mezzi per avvicinarsi a Lui in virtù dei suoi Attributi, come la Sua Gloria, la Sua Misericordia, le Sue Parole, eccetera. Un esempio di ciò può essere trovato negli ahādīth sahīh che parlano del cercare rifugio nelle Parole perfette di Allāh, e del cercare rifugio nella Gloria e nella Potenza di Allāh. Collegata a ciò, è anche l’idea del cercare i mezzi per avvicinarsi ad Allāh amando Allāh e il Suo Messaggero (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), credendo in Allāh e nel Suo Messaggero (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), e cercando di avvicinarsi ad Allāh in virtù dei propri atti virtuosi, come descritto nella storia delle persone nella caverna, il cui bisogno di un riparo dalla pioggia li portò a entrare in una grotta, poi una pietra cadde da montagna e bloccò l’ingresso della stessa. Essi non erano in grado di spingerla via, così discussero tra loro i modi per uscirne. Giunsero a un accordo che l’unico modo nel quale si sarebbero salvati dalla loro situazione sarebbe stato invocare Allāh in virtù dei loro atti virtuosi. Così 25
  27. 27. uno di essi invocò Allāh in virtù del suo onorare i propri genitori, e la roccia si spostò un po’, ma non abbastanza da poter uscire... Il secondo invocò Allāh in virtù del suo tenersi lontano dalla zinā’ in un’occasione in cui avrebbe potuto indulgere in essa, e la roccia si spostò un po’ ma non abbastanza da poter uscire... Poi il terzo invocò Allāh in virtù del suo soddisfare una fiducia, e la roccia si spostò ed essi riuscirono a fuggire. Questo hadīth è riportato nei Sahīhayn dal Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) ed è una delle storie dei popoli che sono venuti prima di noi, in cui vi è una lezione e un promemoria per noi. I sapienti (che Allāh abbia misericordia di loro) hanno confermato i punti menzionati in questa risposta, come Shaykh al-Islām Ibn Taymiyyah, il suo studente Ibn alQayyim, Shaykh ‘Abd al- Rahmān ibn Hasan in “Fath alMajīd Sharh Kitāb al-Tawhīd”, e altri. Per quanto riguarda l’hadīth sull’uomo cieco che cercò di invocare Allāh (di guarirlo dalla sua cecità) in virtù del Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) durante la sua vita, così che il Profeta (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) intercedette per lui e pregò per lui e Allāh gli restituì la vista - questo fu un caso di ricerca dell’aiuto di Allāh per mezzo della du‘ā’ e dell’intercessione del Profeta 26
  28. 28. (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam), non per mezzo del suo status e virtù. Questo è evidente nell’hadīth... E allo stesso modo, la gente cercherà la sua intercessione nel Giorno della Resurrezione per affrontare il Giudizio, e la gente del Paradiso cercherà la sua intercessione nel Giorno della Resurrezione per essere ammessa in Paradiso. In tutti questi casi, l’aiuto di Allāh è ricercato attraverso di lui (sallAllāhu ‘alayhi wa sallam) quando è vivo, sia in questo mondo che nell’Aldilà, e questo è chiedere l’aiuto di Allāh attraverso la sua du‘ā’ e l’intercessione, non in virtù della sua persona o status, come è stato chiaramente affermato dai sapienti, compresi quelli che abbiamo menzionato sopra. Kitāb Majmū’ Fatāwā wa Maqālāt Mutanawwi’ah li Samāhat al-Shaykh ‘Abd al-‘Azīz ibn ‘Abd-Allāh ibn Bāz (rahīmahullāh), vol. 7, pag. 65 27

×