Free e Fee Economy<br />Nuovi modelli di business <br />per la web economy<br />Paolo Gerli<br />Prof. Luigi Serio<br />
FREE ECONOMY<br />
Prezzo = 0 		         Profitti = 0<br />Come fanno Google, Skype, eBay a fare profitti dal gratis?<br />Capirne le fondame...
Struttura dei costi della web economy: <br />Bassi costi di produzione per i beni information intensive prezzo = 0<br />P...
MODELLI di BUSINESS<br />I modelli di business della free economy si basano sul SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO:<br />	i clien...
FREEMIUM(FREE + PREMIUM)<br />L’impresa:<br />offre gratis la versione basedel prodotto;<br />fa pagare per la versione pr...
FREEMIUM<br />Generalmente il 5 per cento degli utenti sovvenziona tutti gli altri.<br />La versione gratis dev’essere str...
MERCATO A DUE VERSANTI<br />Il modello si basa sull’interazione tra:<br />l’impresa, definita two-sided platform, che fung...
MERCATO A DUE VERSANTI<br />NETWORK EXTERNALITIES<br />+<br />GRATIS<br />+<br />SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO<br />
MERCATO A DUE VERSANTI<br />	Tra utenti venditori e utenti acquirenti esistono delle network externalities, per cui l’util...
MERCATO A DUE VERSANTI<br />	Se l’offerta è gratuita per un versante, la sua domanda è massimizzata ma…<br />Grazie alle n...
MERCATO A DUE VERSANTI<br />L’impresa sceglie il money side in base a:<br />La sensibilità al prezzo degli utenti:conviene...
MEDIA MODEL<br />	È una particolare variante del modello del mercato a due versanti, adottato dai mass media ma anche da  ...
      MEDIA MODEL:   <br />	Le ricerche gratuite su Google sono sovvenzionate dai ricavi pubblicitari ottenuti attraverso ...
PER FARE PROFITTI ONLINE CON IL GRATIS “BASTA”: <br />Garantire la massima innovazione e qualità per attirare e mantenere ...
Pao.gerli@gmail.com<br />A<br />		       O<br />L<br />ecOnomia<br />manaGement<br />wEb Economy<br />fRee Economy<br />mo...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Paolo Gerli - Fee e free economy - TesiCamp 2010

1,268 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,268
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Paolo Gerli - Fee e free economy - TesiCamp 2010

  1. 1. Free e Fee Economy<br />Nuovi modelli di business <br />per la web economy<br />Paolo Gerli<br />Prof. Luigi Serio<br />
  2. 2. FREE ECONOMY<br />
  3. 3. Prezzo = 0 Profitti = 0<br />Come fanno Google, Skype, eBay a fare profitti dal gratis?<br />Capirne le fondamenta la web economy<br />Capirne il funzionamento i modelli di business<br />“$ 0.00 is the future of business”<br />(Chris Anderson, direttore di Wired U.S. e autore di <br />Free: the future of a radical price)<br />
  4. 4. Struttura dei costi della web economy: <br />Bassi costi di produzione per i beni information intensive prezzo = 0<br />Per il consumatore, gratis = senza costi: <br />il gratis massimizza la domanda e la diffusione di un bene.<br />Modelli di business che combinano free e fee:<br />il gratis è una fonte di ricavi indiretti.<br />FONDAMENTA della FREE ECONOMY<br />
  5. 5. MODELLI di BUSINESS<br />I modelli di business della free economy si basano sul SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO:<br /> i clienti che dispongono gratuitamente dei prodotti, i free customer, sono sovvenzionati dai fee customer, gli utenti disposti o costretti a pagare, per avere i servizi aggiuntivi o complementari a quelli gratuiti.<br />
  6. 6. FREEMIUM(FREE + PREMIUM)<br />L’impresa:<br />offre gratis la versione basedel prodotto;<br />fa pagare per la versione premium, con maggiori funzionalità e maggiore libertà di accesso;<br />scommette sul fatto che un numero elevato di free customer scelga di passare alla versione premium.<br />
  7. 7. FREEMIUM<br />Generalmente il 5 per cento degli utenti sovvenziona tutti gli altri.<br />La versione gratis dev’essere strutturata in modo tale da:<br />massimizzare la diffusione del bene, <br />incentivare il passaggio alla versione premium, che deve essere percepita come nettamente migliore della versione free.<br />
  8. 8. MERCATO A DUE VERSANTI<br />Il modello si basa sull’interazione tra:<br />l’impresa, definita two-sided platform, che funge da intermediario tra i versanti;<br />due versanti contrapposti, legati da una relazione di scambio: <br />gli utenti-acquirenti, utenti della piattaforma e acquirenti potenziali dell’altro versante; <br />gli utenti-venditori, utenti della piattaforma e venditori di prodotti e servizi, rivolti all’altro versante.<br />
  9. 9. MERCATO A DUE VERSANTI<br />NETWORK EXTERNALITIES<br />+<br />GRATIS<br />+<br />SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO<br />
  10. 10. MERCATO A DUE VERSANTI<br /> Tra utenti venditori e utenti acquirenti esistono delle network externalities, per cui l’utilità che un consumatore trae dal consumo di un bene dipende dal numero di individui dell’altro versante che consumano lo stesso bene:<br /> quanti più utenti-acquirenti utilizzano la platform, tanti più utenti-venditori sono incentivati a servirsene, ma essendoci più utenti-venditori, si aggiungono ancora più utenti-acquirenti, e così via…<br />
  11. 11. MERCATO A DUE VERSANTI<br /> Se l’offerta è gratuita per un versante, la sua domanda è massimizzata ma…<br />Grazie alle network externalities l’effetto del gratis sulla domanda si propaga da un versante all’altro.<br />Perciò basta offrire gratuitamente il servizio a un versante<br />(subsidy side),<br />per massimizzare anche la domanda dell’altro versante, che invece è costretto a pagare.<br />(money side).<br />
  12. 12. MERCATO A DUE VERSANTI<br />L’impresa sceglie il money side in base a:<br />La sensibilità al prezzo degli utenti:conviene sovvenzionare gli utenti meno disposti a pagare.<br />L’impatto delle network externalities sulla domanda degli utenti: va sovvenzionato il versante che contribuisce maggiormente alla crescita della domanda degli altri utenti.<br />La sensibilità alla qualità degli utenti: conviene far pagare il versante che deve fornire la qualità. <br />
  13. 13. MEDIA MODEL<br /> È una particolare variante del modello del mercato a due versanti, adottato dai mass media ma anche da .<br /> La loro attività caratteristica è fornire contenuti e servizi, ma attraverso la pubblicità, fungono anche da intermediari tra imprese e consumatori. Perciò:<br />Subsidy side sono i fruitori del servizio,<br />Money side sono gli inserzionisti.<br />
  14. 14. MEDIA MODEL: <br /> Le ricerche gratuite su Google sono sovvenzionate dai ricavi pubblicitari ottenuti attraverso AdWord e AdSense, che abbinano i risultati delle ricerche e i contenuti online alle inserzioni pubblicitarie.<br />Google offre una vasta di gamma di prodotti gratuiti per massimizzare l’audience online e quindi i ricavi pubblicitari.<br />GRATIS  ATTENZIONE  PUBBLICITA’  PROFITTI<br />
  15. 15. PER FARE PROFITTI ONLINE CON IL GRATIS “BASTA”: <br />Garantire la massima innovazione e qualità per attirare e mantenere l’attenzione dei clienti!<br />Adottare un modello di business efficace, capace di monetizzare l’attenzione dei clienti e generare ricavi indiretti dal gratis!<br />
  16. 16. Pao.gerli@gmail.com<br />A<br /> O<br />L<br />ecOnomia<br />manaGement<br />wEb Economy<br />fRee Economy<br />modelLi di business<br /> innovatIon<br />Pao.gerli<br />Paolo Gerli<br />

×