Successfully reported this slideshow.
INTERNET COMUNICATION  MANAGEMENT
Obiettivo del corso <ul><li>Ci occuperemo di comunicazione commerciale sul web.  </li></ul><ul><li>Cercheremo di capire co...
1. PENSARE <ul><li>La prima cosa che dobbiamo fare è pensare qual'è il miglior modo di sfruttare il web per noi (azienda)....
1.a. IMMAGINE  E  INFORMAZIONE DI PRODOTTO <ul><li>Un buon business online si basa sulla capacità di veicolare un'immagine...
1.b.  GENERATORE DI RELAZIONI <ul><li>Un sito di immagine può essere raggiunto da chiunque nel mondo  </li></ul><ul><li>ab...
<ul><li>1.c. GENERATORE DI RICAVI </li></ul><ul><li>Il sito può essere anche una fonte di ricavi diretti. Il metodo più ov...
<ul><li>1.d. DIMINUZONE DI COSTI </li></ul><ul><li>Trasferendo alcune attività della filiera produttiva sull’online, si è ...
<ul><li>1.e. ASSISTENZA POST VENDITA </li></ul><ul><li>Per certi mercati o per certe tipologie di prodotti l'assistenza po...
<ul><li>1.a  Aprire un sito Web  è come aprire un nuovo canale, un secondo ufficio dove poter incontrare ed intrattenere i...
<ul><li>LA SCELTA  </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul><ul><li>A questo punto dobbiamo sciegliere che tipo di progetto i...
LA SCELTA  <ul><li>La scelta poi è dipendente  </li></ul><ul><li>Dalla conoscenza/diffusione del brand </li></ul><ul><li>d...
POSSIAMO PORCI QUINDI  QUESTE DOMANDE <ul><li>Cosa ti aspetti dal tuo nuovo sito? Quali sono gli obiettivi di massima? </l...
2. PIANIFICARE <ul><li>Dopo aver pensato e aver quindi individuato il modo migliore per sfruttare il web tenuto conto dell...
2.1 La multidisciplinarietà <ul><li>Per la realizzazione di un progetto web di grandi dimensioni sono  </li></ul><ul><li>c...
2.2 MAKE, BUY o WEB 2.0? <ul><li>Dalla lista delle figure coinvolte potremmo chiederci per prima cosa se serve quel genere...
3. PROGETTAZIONE <ul><li>Dopo aver riflettuto su che tipologia di sito realizzare, con quali  </li></ul><ul><li>funzionali...
3.1 PROGETTAZIONE <ul><li>In realtà un sito non è solo un software ma è anche un Media ed è anche  </li></ul><ul><li>uno m...
3.2 PROGETTARE PER I MOTORI <ul><li>I progetti che prescindono dai motori di ricerca sono pochi. </li></ul>
3.3 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>Alcuni principi fondamentali di design che si applicano alle interfacce  </li></ul><ul><li>...
3.4 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>CHUNKING </li></ul><ul><li>tecnica mediante la quale le informazioni vengono raggruppate in...
3.5 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>EFFETTO ESPOSIZIONE </li></ul><ul><li>la ripetuta esposizione a stimoli aumenta l'interesse...
3.6 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>RAPPRESENTAZIONE ICONICA </li></ul><ul><li>tecnica per facilitare il riconoscimento e poi i...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

internet comunication management

856 views

Published on

presentazione per il corso di internet comunication management http://alessandro-rocchi.blogspot.com

Published in: Business
  • Be the first to comment

internet comunication management

  1. 1. INTERNET COMUNICATION MANAGEMENT
  2. 2. Obiettivo del corso <ul><li>Ci occuperemo di comunicazione commerciale sul web. </li></ul><ul><li>Cercheremo di capire come sfruttare il web per le esigenze </li></ul><ul><li>di una piccola media azienda. </li></ul><ul><li>L'approccio che seguiremo per impostare la comunicazione online </li></ul><ul><li>della nostra azienda sarà articolato in 5 fasi: </li></ul><ul><li>pensare </li></ul><ul><li>pianificare </li></ul><ul><li>progettare </li></ul><ul><li>misurare </li></ul><ul><li>correggere </li></ul>
  3. 3. 1. PENSARE <ul><li>La prima cosa che dobbiamo fare è pensare qual'è il miglior modo di sfruttare il web per noi (azienda). </li></ul><ul><li>Tutte le cose che si possono fare su internet possono essere schematizzate in 5 gruppi: </li></ul><ul><li>IMMAGINE E INFORMAZIONE DI PRODOTTO </li></ul><ul><li>GENERAZIONE DI RELAZIONI </li></ul><ul><li>GENRATORE DI RICAVI </li></ul><ul><li>RIDUZIONE DI COSTI </li></ul><ul><li>ASSISTENZA POST VENDITA </li></ul>
  4. 4. 1.a. IMMAGINE E INFORMAZIONE DI PRODOTTO <ul><li>Un buon business online si basa sulla capacità di veicolare un'immagine </li></ul><ul><li>forte e coerente con il brand e/o con l' azienda. </li></ul><ul><li>Quindi la prima cosa che possiamo fare è consolidare l'immagine diffusa </li></ul><ul><li>attraverso altri canali o addirittura usare il web come canale principale per </li></ul><ul><li>definirla (es vodka Absolut http://www.absolut.com/ ) </li></ul><ul><li>Un sito può anche vivere solo di questo. </li></ul><ul><li>In genere si forniscono approfondimenti sull'azienda e sui prodotti/servizi: </li></ul><ul><li>la cosiddetta brochure online </li></ul><ul><li>Si possono anche fornire approfondimenti su offerte speciali e </li></ul><ul><li>promozioni. </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul>
  5. 5. 1.b. GENERATORE DI RELAZIONI <ul><li>Un sito di immagine può essere raggiunto da chiunque nel mondo </li></ul><ul><li>abbattendo le barriere geografiche. Internet è il mezzo di comunicazione a </li></ul><ul><li>maggior tasso di penetrazione nel mondo (circa 800 milioni di persone </li></ul><ul><li>connesse alla rete) Internet permette di entrare in contatto con una platea </li></ul><ul><li>sterminata. </li></ul><ul><li>Il passaggio di un utente sul nostro sito diventa una relazione stabile </li></ul><ul><li>solo se mettiamo a disposizione strumenti affinché questo sia </li></ul><ul><li>almeno possibile. Gli strumenti più comuni: newsletter, rss, download </li></ul><ul><li>catloghi, contenuti speciali, richiesta info, ecc). </li></ul><ul><li>Verso un cliente “registrato” possiamo invogliare il riacquisto o presentare </li></ul><ul><li>offerte promozionali con un costo di comunicazione tendente allo zero. </li></ul><ul><li>Le relazioni che si possono instaurare ed intrattenere sono anche </li></ul><ul><li>con collaboratori, attori della filiera (fornitori, distributori, dipendenti, </li></ul><ul><li>partner), altre aziende di un network Stabilire connessioni, relazioni per </li></ul><ul><li>gestire progetti o processi di acquisto, design, distribuzione con altre </li></ul><ul><li>aziende, consociate od altre sedi della tua stessa azienda </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul>
  6. 6. <ul><li>1.c. GENERATORE DI RICAVI </li></ul><ul><li>Il sito può essere anche una fonte di ricavi diretti. Il metodo più ovvio è </li></ul><ul><li>quello della predisposizione di un e-shop cioè un canale di vendita </li></ul><ul><li>parallelo a quelli tradizionali o unico. </li></ul><ul><li>Per le aziende che producono beni o servizi , un sito Web permette di </li></ul><ul><li>by-passare la catena di distribuzione a valle (grossisti, dettaglianti) </li></ul><ul><li>Nasce il problema della gestione dei rapporti con i dealer e distributori; </li></ul><ul><li>i Produttori non desiderano alienarsi la propria rete di distribuzione e di </li></ul><ul><li>vendita; si devono trovare le modalità adeguate per lavorare in sinergia </li></ul><ul><li>con la rete di vendita senza entrare in conflitto con essa. </li></ul><ul><li>Altre modalità per generare ricavi mediante un sito web: </li></ul><ul><li>– Ricavi da Pubblicità: significa concepire un sito con contenuti così interessanti o specifici da poter vendere pubblicità sulle pagine web; </li></ul><ul><li>– Ricavi da Programmi di affiliazione: segnalare tramite un link o un banner un altro sito Web a cui si è deciso di aderire al programma di Affiliazione; pochi siti web possono sopravvivere solo grazie a questa fonte di ricavo </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul>
  7. 7. <ul><li>1.d. DIMINUZONE DI COSTI </li></ul><ul><li>Trasferendo alcune attività della filiera produttiva sull’online, si è in grado di </li></ul><ul><li>ridurre i costi e quindi di incrementare il nostro profitto lavorando </li></ul><ul><li>sull’efficienza produttiva. </li></ul><ul><li>Costi che è possibile ridurre attraverso il web </li></ul><ul><li>sono principalmente legati alla distribuzione di materiale: </li></ul><ul><li>Cataloghi e brochure: occorrerà quindi impostare dei meccanismi che permettano di scaricarsi il catalogo Distribuzione di materiale di vendita: cataloghi online, meno costosi e più facilmente aggiornabili di un catalogo cartaceo; l’aggiornamento ed il mantenimento di un catalogo online è molto ridotto e meno costoso </li></ul><ul><li>File di lavoro (cad foto ad alta res) </li></ul><ul><li>Materiale per la stampa (comunicati, foto ad alta res) </li></ul><ul><li>Moduli di ordine: è molto più accurato e meno dispendioso ricevere un ordine online piuttosto che per telefono o inputare tutti i dati su un sistema gestionale </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul>
  8. 8. <ul><li>1.e. ASSISTENZA POST VENDITA </li></ul><ul><li>Per certi mercati o per certe tipologie di prodotti l'assistenza post vendita </li></ul><ul><li>assume un rilevanza strategica: strategica in quanto fornirla è inevitabile o </li></ul><ul><li>è portatrice di vantaggi rilevanti rispetto alla concorrenza. </li></ul><ul><li>E' possibile trasferire sul web il grosso di questa attività con maggior </li></ul><ul><li>efficacia e maggior efficienza. </li></ul><ul><li>DETTAGLIO INFORMATIVO FACILEMNTE CONSULTABILE </li></ul><ul><li>FAQ </li></ul><ul><li>FORUM </li></ul><ul><li>ASSIETENTE LIVE </li></ul><ul><li>pensate al costo di un centralino! </li></ul><ul><li>E' possibile inoltre realizzare questionari di customer satisfaction </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul>
  9. 9. <ul><li>1.a Aprire un sito Web è come aprire un nuovo canale, un secondo ufficio dove poter incontrare ed intrattenere i tuoi clienti..con la differenza che quest’ufficio è sempre aperto e raggiungibile virtualmente da chiunque. </li></ul><ul><li>Le persone, come in un ufficio, possono: </li></ul><ul><li>1.b comunicare con l’azienda, scrivere commenti ed osservazioni utilizzando form di contatto, motori di ricerca interni, richiesta Info </li></ul><ul><li>1.c fare acquisti direttamente (come se ci fossero dei distributori automatici dentro al locale) </li></ul><ul><li>1.d leggere le brochure sistemati lungo gli scaffali leggere Comunicati stampa, Articoli su Prodotti </li></ul><ul><li>1.e ricevere risposte ai loro quesiti o risolvere i loro problemi cercando tra le FAQ o le informazioni tecniche di dettaglio che trovano sul sito </li></ul><ul><li>Quanto costa avere un ufficio cosi? Anche poche decine di euro al mese, </li></ul><ul><li>dopo il set-up iniziale, niente di paragonabile ai costi di un Ufficio fisico. </li></ul><ul><li>1. CONCLUSIONI </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul>
  10. 10. <ul><li>LA SCELTA </li></ul><ul><li>1.PENSARE </li></ul><ul><li>A questo punto dobbiamo sciegliere che tipo di progetto impostare? </li></ul><ul><li>Dipende da vari elementi: l'attuale livello </li></ul><ul><li>Inizialmente si potrebbe scegliere di procedere per gradi decidendo di </li></ul><ul><li>arrivare almeno ad un sito di immagine e informativo (1.a.) </li></ul>
  11. 11. LA SCELTA <ul><li>La scelta poi è dipendente </li></ul><ul><li>Dalla conoscenza/diffusione del brand </li></ul><ul><li>dalle caratteristiche del prodotto che produciamo (deperibilità, dimensioni, peso, prezzo, originalità, innovazione) </li></ul><ul><li>Dal modello di business (vendita solo online, assistenza solo online) </li></ul><ul><li>dalle caratteristiche del mercato (livello della concorrenza, disponibilità di nicchie, bene di lusso o di largo consumo, status symbol, necessità di assistenza post vendita) </li></ul><ul><li>dal tipo di comportamento d'acquisto dei consumatori (prova prima dell'acquisto, acquisto a scatola chiusa ecc) </li></ul><ul><li>Dall'alfabetizzazione informatica del proprio target Internet ha un impatto maggiore su classi di consumatori benestanti, più istruiti, più innovativi Internet influenza maggiormente prodotti complessi, dove la conoscenza e l’approfondimento di dati e spiegazioni è necessario per convincere il prospect all’acquisto Può avere un impatto significativo in mercati in contrazione, dove i clienti hanno ridotto i consumi Gioca un ruolo cruciale nei processi di acquisto B2B </li></ul>
  12. 12. POSSIAMO PORCI QUINDI QUESTE DOMANDE <ul><li>Cosa ti aspetti dal tuo nuovo sito? Quali sono gli obiettivi di massima? </li></ul><ul><li>A chi si rivolge? </li></ul><ul><li>Quali sono i bisogni dei tuoi utenti, clienti, collaboratori, partner che intendi soddisfare? </li></ul><ul><li>Le varie funzioni aziendali quali aspettative hanno? </li></ul><ul><ul><li>Marketing </li></ul></ul><ul><ul><li>L'IT </li></ul></ul><ul><ul><li>La forza vendita </li></ul></ul><ul><ul><li>Il top management </li></ul></ul><ul><li>La concorrenza cosa offre? Come possiamo differenziarci? </li></ul><ul><li>Possiamo ottenere ricavi diretti dal sito? In che modo e e misura? </li></ul><ul><li>Da dove pensi che giungano i visitatori su tuo sito? </li></ul><ul><li>NB: Ma essere presenti e ben posizionati sui motori, non basta più; se si desidera entrare nella blogosfera ed abbracciare i principi autentici della rete non si puo' non considerare l'impatto che questi nuovi siti - o meglio piattaforme - possono avere sul successo della nostra inziativa online. Cosa stai facendo per questo: stai pensando di aprire un blog? di partecipare attivamente a Forum, di entrare anche tu nella rete della collaborazione e della condivisione..? </li></ul>
  13. 13. 2. PIANIFICARE <ul><li>Dopo aver pensato e aver quindi individuato il modo migliore per sfruttare il web tenuto conto delle caratteristiche: </li></ul><ul><ul><li>dell'azienda </li></ul></ul><ul><ul><li>dei prodotti / servizi </li></ul></ul><ul><ul><li>del target </li></ul></ul><ul><ul><li>dei competitor </li></ul></ul><ul><li>Abbiamo ottenuto le risposte che ci hanno permesso di scegliere che tipo di “sito” implementare: </li></ul><ul><ul><li>Sito di immagine/informativo </li></ul></ul><ul><ul><li>Sito per la generazione di relazioni </li></ul></ul><ul><ul><li>Sito per la riduzione di alcuni costi </li></ul></ul><ul><ul><li>Sito per la vendita diretta </li></ul></ul><ul><ul><li>Sito per l'assistenza post vendita </li></ul></ul><ul><li>Ora per la/le tipologia/e di sito che abbiamo scelto dobbiamo interrogarci cosa ci serve. </li></ul><ul><li>Quali strumenti > materiali > budget ci servono? </li></ul>
  14. 14. 2.1 La multidisciplinarietà <ul><li>Per la realizzazione di un progetto web di grandi dimensioni sono </li></ul><ul><li>coinvolti: </li></ul><ul><ul><li>un commerciale </li></ul></ul><ul><ul><li>un project leader </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>un project manager </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>un art director </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>un fotografo </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>un video maker </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>un grafico </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>un web architect </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>un esperto di usabilità </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>un htmlista css java </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>un technical leader </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>più programmatori ASP/PHP </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>programamtore FLASH </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>un content manager </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>redattori </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>data entry </li></ul></ul></ul></ul></ul>
  15. 15. 2.2 MAKE, BUY o WEB 2.0? <ul><li>Dalla lista delle figure coinvolte potremmo chiederci per prima cosa se serve quel genere di attività </li></ul><ul><li>poi ci chiediamo cosa serve oltre alle ore uomo per realizzarla </li></ul><ul><li>Nel caso servisse occorre chiedersi cosa serve oltre alle ore/uomo per realizzarla </li></ul><ul><li>infine chi la realizzerà </li></ul><ul><li>noi o nostri collaboratori </li></ul><ul><li>La acquistiamo da altri </li></ul><ul><li>usufruire di servizi on line (che chiamiamo servizi “web 2.0”) </li></ul>
  16. 16. 3. PROGETTAZIONE <ul><li>Dopo aver riflettuto su che tipologia di sito realizzare, con quali </li></ul><ul><li>funzionalità, con quale budget e dopo aver scelto per ogni features se </li></ul><ul><li>farla, comprarla o utilizzare una specifica applicazione web </li></ul><ul><li>possiamo iniziare la progettazione strutturale e grafica. </li></ul><ul><li>Un sito è una “interfaccia grafica”: le Interfacce grafiche hanno </li></ul><ul><li>fatto la loro comparsa con i primi macintosh. </li></ul><ul><li>Prima di allora non c'erano interfacce grafiche ma si interagiva con la </li></ul><ul><li>macchina attraverso un data input da farsi utilizzando uno specifico </li></ul><ul><li>complesso linguaggio per ogni diverso sistema. </li></ul><ul><li>Le interfacce grafiche quindi stanno tra il calcolatore e l'utente con lo </li></ul><ul><li>scopo di facilitare l'utilizzo di un software. </li></ul><ul><li>Il sito quindi è un software? </li></ul>
  17. 17. 3.1 PROGETTAZIONE <ul><li>In realtà un sito non è solo un software ma è anche un Media ed è anche </li></ul><ul><li>uno mezzo per comparire nelle liste dei risultati di ricerca dei </li></ul><ul><li>search engine. </li></ul><ul><li>Quindi non dobbiamo solo progettare una cosa facile da usare ma </li></ul><ul><li>probabilmente dovrà anche essere “comunicativa” e probabilmente dovrà </li></ul><ul><li>anche essere funzionale all'indicizzazione sui motori. </li></ul><ul><li>Nella fase 1 cioè quando abbiamo pensato, abbiamo anche scelto che </li></ul><ul><li>tipo di sito realizzare e quindi sappiamo già se il nostro sito: </li></ul><ul><li>Si avvicinerà ad un software in quanto l'interazione con l'utente è importante </li></ul><ul><li>Avrà anche una importante funzione di “brand awereness” (percezione, coscienza) </li></ul><ul><li>Se avrà una importante funzione di generatore di contatti attraverso i motori </li></ul>
  18. 18. 3.2 PROGETTARE PER I MOTORI <ul><li>I progetti che prescindono dai motori di ricerca sono pochi. </li></ul>
  19. 19. 3.3 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>Alcuni principi fondamentali di design che si applicano alle interfacce </li></ul><ul><li>grafiche </li></ul><ul><li>ACCESSIBILITA' </li></ul><ul><li>secondo questo principio gli oggetti dovrebbero essere progettati in modo </li></ul><ul><li>da risultare accessibili al maggior numero di individui </li></ul><ul><li>EFFETTO ESTETICA/USABILITA' </li></ul><ul><li>secondo questo principio un design con valenza estetica è percepito </li></ul><ul><li>come più semplice da utilizzare. Un design “bello” favorisce anche una </li></ul><ul><li>relazione positiva con gli utenti i quali mostrano una tolleranza maggiore </li></ul><ul><li>nei confronti dei problemi legati all'uso </li></ul><ul><li>ALLINEAMENTO </li></ul><ul><li>posizionamento degli elementi in modo che i bordi siano allineati a righe o </li></ul><ul><li>colonne </li></ul><ul><li>UTILIZZO DEL COLORE </li></ul><ul><li>il colore viene utilizzato in fase di progettazione per: </li></ul><ul><ul><li>attirare l'attenzione </li></ul></ul><ul><ul><li>raggruppare gli argomenti </li></ul></ul><ul><ul><li>veicolore un significato </li></ul></ul>
  20. 20. 3.4 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>CHUNKING </li></ul><ul><li>tecnica mediante la quale le informazioni vengono raggruppate in </li></ul><ul><li>unità autonome </li></ul><ul><li>RICHIESTA DI CONFERMA </li></ul><ul><li>tecnica che consente di evitare operazioni non intenzionali mediante una </li></ul><ul><li>richiesta di conferma dell'operazione prima che venga eseguita (per </li></ul><ul><li>operazioni cruciali o irreversibili) </li></ul><ul><li>COERENZA ESTETICA </li></ul><ul><li>l'usabilità di un sistema migliora quando parti simili vengono espresse </li></ul><ul><li>in modo simile e coerente. L'apprendimento in questo modo è facilitato. </li></ul><ul><li>VICINANZA </li></ul><ul><li>Oggetti vicini vengono percepiti come maggiromente correlati rispetto a quelli </li></ul><ul><li>distanti </li></ul><ul><li>PROFONDITA' DELL'ELABOAZIONE </li></ul><ul><li>principio secondo il quale le informazioni analizzate più </li></ul><ul><li>approfonditamente e con più supporti (testi, immagini, video, quiz) vengono </li></ul><ul><li>memorizzate meglio. </li></ul><ul><li>PUNTO D'INGRESSO </li></ul><ul><li>il punto di ingresso deve permettere la visione totale delle possibilità di </li></ul><ul><li>interazione e deve invogliare “l'interazione” </li></ul>
  21. 21. 3.5 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>EFFETTO ESPOSIZIONE </li></ul><ul><li>la ripetuta esposizione a stimoli aumenta l'interesse verso di essi </li></ul><ul><li>COMPROMESSO FLESSIBILITA'-USABILITA' </li></ul><ul><li>all'aumento della flessibilità di un sistema corrisponde una riduzione della sua usabilità </li></ul><ul><li>LEGGE DI HICK </li></ul><ul><li>il tempo necessario per prendere una decisione aumenta proporzionalmente </li></ul><ul><li>al numero di alternative </li></ul><ul><li>GERARCHIA </li></ul><ul><li>i sistemi complessi vanno rappresentati attraverso l'organizzazione </li></ul><ul><li>gerarchica (ad albero, cerchi concentrici, elenco puntato) </li></ul>
  22. 22. 3.6 PRINCIPI DI DESIGN <ul><li>RAPPRESENTAZIONE ICONICA </li></ul><ul><li>tecnica per facilitare il riconoscimento e poi il richiamo di funzioni e controlli </li></ul><ul><li>FORMA > FUNZIONE </li></ul><ul><li>SUPERIORITA' DELLE IMMAGINI </li></ul><ul><li>le immagini vengono ricordate meglio rispetto alle parole </li></ul><ul><li>MEMORIA DI RICONOSCIMENTO E MEMORIA DI RICHIAMO </li></ul><ul><li>la memoria necessaria al riconoscimento di un oggetto è inferiore a quella necessaria per richiamarlo alla mente (delete MSDOS vs cestino di macintosh) </li></ul><ul><li>SATISFICING </li></ul><ul><li>spesso è preferibile accontentarsi di una soluzione soddisfacente piuttosto che perseguire una soluzione ottimale (print vs web) </li></ul><ul><li>EFFETTI DELLA POSIZIONE SERIALE </li></ul><ul><li>fenomeno della memoria grazie al quale gli elementi all'inizio e alla fine di una lista vengono ricordati più facilemnte </li></ul>

×