Internet, comunità virtuali      e intelligenza collettiva1
Le metafore di internet Statico/dinamico Meccanico/organico Pierre Lévy/Derrick de Kerckhove Intelligenza collettiva/i...
Pierre LévyE’ uno dei più interessanti “mediaphilosopher” del momento ed è seguito inItalia nel mondo cyber e multimediale...
La metafora dell’impatto la tecnologia è forse un agente  autonomo, separato dalla società e  dalla cultura, che sarebber...
CyberspazioE’ Il nuovo ambiente di comunicazioneemergente dall’interconnessione mondialedei computer. Il termine non desig...
CyberculturaInsieme delle tecniche (materiali eintellettuali), delle pratiche, delle attitudini,delle modalità di pensiero...
Limiti del    cyberspazio/cybercultura Isolamento e superlavoro cognitivo Dipendenza Prevaricazione e controllo Sfrutt...
Pregi del    cyberspazio/cybercultura Virtualità Universalità Interconnessione, comunità virtuali e  intelligenza colle...
Virtuale Filosofia Senso comune Informatico (digitale )9
Mondo virtuale1.   Nel senso della calcolabilità     informatica2.   Nel senso del dispositivo informatico3.   Nel senso t...
Calcolabilità informatica 1     Universo di possibili calcolabile a     partire da un modello digitale e dagli     input f...
Calcolabilità informatica 2     Insieme dei messaggi che possono     essere trasmessi rispettivamente da:     programmi pe...
Dispositivo informativo 1     Il messaggio è uno spazio di     interazione per prossimità nel quale     l’esploratore può ...
Calcolabilità informatica 2 Giochi di ruolo in rete Videogiochi Simulatori di volo Realtà virtuali14
Senso tecnologico ristretto 1Illusione di interazione sensomotoria   con un modello informatico15
Senso tecnologico ristretto 2     Utilizzazione di occhiali stereoscopici,     di guanti o di tute per visitare     monume...
Universalità e totalità 1     I mass media – stampa, radio,     cinema, televisione – perlomeno nella     loro configurazi...
Universalità e totalità 2     Per definizione , i media     contemporanei, riducendosi al     richiamo emotivo e cognitivo...
Universalità e totalità 3     La vera rottura con la pragmatica     della comunicazione instaurata dalla     scrittura non...
Universalità e totalità 4     Il cyberspazio dissolve la pragmatica     della comunicazione che […] aveva     riunito insi...
Universalità e totalità 5intorno al cyberspazio si organizza una nuovaecologia dei media: più è universale (esteso,interco...
Interconnessione     La connessione è sempre preferibile     all’isolamento22
Comunità virtuale 1     Una comunità virtuale si costruisce su     affinità di interessi e conoscenze,     sulla condivisi...
Comunità virtuale 2     Lo sviluppo delle comunità virtuali si     accompagna a uno sviluppo generale     dei contatti e d...
Intelligenza collettiva 1     L’intelligenza collettiva costituisce più     un campo di problemi che una     soluzione. Ch...
Intelligenza collettiva 2 Ciascuno di noi diventa una sorta di  neurone di un megacervello planetario  oppure vogliamo co...
Intelligenza collettiva 3   Di fatto il punto di fuga ideale dell’informatica    non è l’intelligenza artificiale (render...
Intelligenza connettiva 1“Facevo riferimento, nelle mie riflessioni, ad unsistema di connessione aperta. Non si trattavadi...
Intelligenza connettiva 2“Considero l’intelligenza connettiva in quantouna delle forme dell’organizzazione all’internodell...
2. Le metafore di internet                                   collettivo             connettivoEvoluzione storica          ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Cybercultura

940 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
940
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cybercultura

  1. 1. Internet, comunità virtuali e intelligenza collettiva1
  2. 2. Le metafore di internet Statico/dinamico Meccanico/organico Pierre Lévy/Derrick de Kerckhove Intelligenza collettiva/intelligenza connettiva2
  3. 3. Pierre LévyE’ uno dei più interessanti “mediaphilosopher” del momento ed è seguito inItalia nel mondo cyber e multimediale fin dallapubblicazione del suo libro Le tecnologiedell’intelligenza. L’avvenire del pensieronell’era dell’informatica, Synergon, 1992 3
  4. 4. La metafora dell’impatto la tecnologia è forse un agente autonomo, separato dalla società e dalla cultura, che sarebbero entità passive colpite da un elemento esterno? La tecnologia è determinante o condizionante?4
  5. 5. CyberspazioE’ Il nuovo ambiente di comunicazioneemergente dall’interconnessione mondialedei computer. Il termine non designa soltantol’infrastruttura materiale della comunicazionedigitale, ma anche l’oceanico universo diinformazioni che ospita, insieme agli esseriumani che ci navigano e lo alimentano 5
  6. 6. CyberculturaInsieme delle tecniche (materiali eintellettuali), delle pratiche, delle attitudini,delle modalità di pensiero e dei valori che sisviluppano in concomitanza con la crescitadel cyberspazio 6
  7. 7. Limiti del cyberspazio/cybercultura Isolamento e superlavoro cognitivo Dipendenza Prevaricazione e controllo Sfruttamento Stupidità collettiva (chiacchiera, rumore, conformismo della rete e delle comunità virtuali, accumulazione di dati privi di contenuto informativo…)7
  8. 8. Pregi del cyberspazio/cybercultura Virtualità Universalità Interconnessione, comunità virtuali e intelligenza collettiva8
  9. 9. Virtuale Filosofia Senso comune Informatico (digitale )9
  10. 10. Mondo virtuale1. Nel senso della calcolabilità informatica2. Nel senso del dispositivo informatico3. Nel senso tecnologico ristretto10
  11. 11. Calcolabilità informatica 1 Universo di possibili calcolabile a partire da un modello digitale e dagli input forniti da un utente11
  12. 12. Calcolabilità informatica 2 Insieme dei messaggi che possono essere trasmessi rispettivamente da: programmi per la scrittura, il disegno o la musica; sistemi ipertestuali; data- base; sistemi esperti; simulazioni interattive12
  13. 13. Dispositivo informativo 1 Il messaggio è uno spazio di interazione per prossimità nel quale l’esploratore può controllare direttamente il suo rappresentante13
  14. 14. Calcolabilità informatica 2 Giochi di ruolo in rete Videogiochi Simulatori di volo Realtà virtuali14
  15. 15. Senso tecnologico ristretto 1Illusione di interazione sensomotoria con un modello informatico15
  16. 16. Senso tecnologico ristretto 2 Utilizzazione di occhiali stereoscopici, di guanti o di tute per visitare monumenti ricostruiti o per prepararsi ad effettuare operazioni chirurgiche16
  17. 17. Universalità e totalità 1 I mass media – stampa, radio, cinema, televisione – perlomeno nella loro configurazione classica, proseguono la linea culturale dell’universale totalizzante iniziato dalla scrittura17
  18. 18. Universalità e totalità 2 Per definizione , i media contemporanei, riducendosi al richiamo emotivo e cognitivo più “universale”, “totalizzano”. E’ anche il caso, intermini molto più violenti, della propaganda dei partiti unici nei totalitarismi del Ventesimo secolo: fascismo, nazismo e stalinismo18
  19. 19. Universalità e totalità 3 La vera rottura con la pragmatica della comunicazione instaurata dalla scrittura non può farsi strada con la radio o la televisione, perché questi strumenti di diffusione di massa non permettono né una vera reciprocità ne interazioni trasversali tra i partecipanti19
  20. 20. Universalità e totalità 4 Il cyberspazio dissolve la pragmatica della comunicazione che […] aveva riunito insieme l’universale e la totalità…Oggi, tecnicamente, grazie all’imminente messa in rete di tutte le macchine del pianeta, non ci sono più quasi messaggi “fuori contesto”, separati da una comunità attiva20
  21. 21. Universalità e totalità 5intorno al cyberspazio si organizza una nuovaecologia dei media: più è universale (esteso,interconnesso, interattivo), meno ètotalizzabile. Ogni connessionesupplementare aggiunge nuova eterogeneità,nuove fonti d’informazione, nuove linee difuga, cosicché il senso globale è sempremeno leggibile, sempre più difficile dadominare 21
  22. 22. Interconnessione La connessione è sempre preferibile all’isolamento22
  23. 23. Comunità virtuale 1 Una comunità virtuale si costruisce su affinità di interessi e conoscenze, sulla condivisione di progetti, in un processo di cooperazione e di scambio, e tutto ciò indipendentemente dalla prossimità geografica e dalle appartenenze istituzionali23
  24. 24. Comunità virtuale 2 Lo sviluppo delle comunità virtuali si accompagna a uno sviluppo generale dei contatti e delle interazioni di ogni ordine e grado. L’immagine dell’individuo “isolato davanti al suo schermo” ha molto più a che fare con un fantasma che con un’immagine sociologica24
  25. 25. Intelligenza collettiva 1 L’intelligenza collettiva costituisce più un campo di problemi che una soluzione. Chiunque riconosce che il miglior uso che si possa fare del cyberspazio è mettere in sinergia i saperi, le immaginazioni, le energie spirituali di chi si connette…25
  26. 26. Intelligenza collettiva 2 Ciascuno di noi diventa una sorta di neurone di un megacervello planetario oppure vogliamo costruire una moltitudine di comunità virtuali nelle quali cervelli nomadi si associno per produrre e condividere senso? Due valori essenziali. L’autonomia e l’apertura all’alterità26
  27. 27. Intelligenza collettiva 3 Di fatto il punto di fuga ideale dell’informatica non è l’intelligenza artificiale (rendere una macchina altrettanto intelligente dell’uomo) , ma l‘intelligenza collettiva, vale a dire la valorizzazione, l’utilizzazione ottimale e la messa in sinergia delle competenze , delle immaginazioni e delle energie intellettuali, qualunque sia la loro diversità qualitativa e ovunque si situi 27
  28. 28. Intelligenza connettiva 1“Facevo riferimento, nelle mie riflessioni, ad unsistema di connessione aperta. Non si trattavadi riferirsi ad un contenitore chiuso, ma ad unaconnessione da persona a persona all’internodi una rete molto specifica. Questaconnessione con la sua specificità …non stanel contenitore collettivo di un sapere” DerrickDe Kerckhove 28
  29. 29. Intelligenza connettiva 2“Considero l’intelligenza connettiva in quantouna delle forme dell’organizzazione all’internodell’intelligenza collettiva. Come Freud avevatrovato molto più interessante l’inconscioprivato mentre Jung si era indirizzato versol’inconscio collettivo, io mi trovo piùinteressato, per il mio lavoro, nell’esploraresul campo, con le persone, in tempo reale”Derrick De Kerckhove 29
  30. 30. 2. Le metafore di internet collettivo connettivoEvoluzione storica età premoderna (DK) età contemporanea (PL)Collettivo/Individuo primato del collettivo primato dell’individuoTeoria/Prassi primato della teoria primato della prassiRifiuto del totalitarismo sì sìApproccio organico sì sìRiferimento a… neoilluminismo teoria della comunicazione 30

×