Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Didattica della Shoah
Istituto Comprensivo “R. Capriglione”
Liceo Scientifico
Santa Croce di Magliano
27 gennaio 2014
1.1 Una premessa: come e perché
ricordare?
• «È fondato il rischio di diventare professionisti
della memoria» Anna Foa
• «...
1.2 Perché la crudeltà?
•
•
•
•

42.500 tra ghetti e lager
Dai 15 ai 20 milioni di persone
Dai 7 agli 8 milioni di morti
«...
2.1 Un approccio didattico tra
discipline e ordini diversi
“essere riusciti a ricostruire il fenomeno
storico dell’Olocaus...
2.2 Ordini ed ambiti: la scuola
elementare
Lia Levi e Emanuela Orciari,
La portinaia Apollonia,
Orecchio Acerbo,
Roma 2005
2.3 Ordini ed ambiti: la scuola
elementare
Ruth Vander Zee e
Roberto Innocenti,
La storia di Erika,
La Margherita,
Trezzan...
2.4 Ordini ed ambiti: la scuola
elementare
• Per un elenco aggiornato e commentato di albi
illustrati sul tema della Shoah...
2.5 Ordini ed ambiti: la scuola
superiore
Percorsi letterari
• Prosa: Primo Levi, Elie Wiesel, Anna Frank….
• Poesia: Paul...
2.6 Celan
Nero latte dell’alba lo beviamo la sera
Lo beviamo a mezzogiorno e al mattino lo
beviamo la notte
Beviamo e bevi...
2.7 Jonas
Hans Jonas, Il concetto di Dio dopo
Auschwitz, Una voce ebraica, Il
Melangolo, Genova 1990
• Bontà assoluta, pot...
2.5 Ordini ed ambiti: la scuola
superiore
• Percorsi cinematografici:
Centro di documentazione ebraica
contemporanea
http:...
2.6 Auschwitz non è un museo
World Center for Holocaust Research in Israele

http://www.yadvashem.org/, http://www.yadvash...
2.7 Auschwitz non è un museo
Holocaust Memorial Museum negli Usa

http://www.ushmm.org/it
2.8 Auschwitz non è un museo
Museo ebraico di Berlino

http://www.jmberlin.de/main/Kurzinfo/italiano.php
2.9 Auschwitz non è un museo
Il campo di Mauthausen

http://www.mauthausen-memorial.at/int/it/
2.10 Auschwitz non è un museo
Il campo di Auschwitz

http://en.auschwitz.org/m/
2.11 Auschwitz non è un museo
Museo della risiera di San Sabba

http://www.turismofvg.it/Musei/Museo-Civico-della-risiera-...
2.11 Auschwitz non è un museo
«i luoghi hanno una loro forza
sconvolgente perché evocano ciò che è
accaduto. Se ascoltare ...
3.1 Ancora un approccio didattico
• 20 gennaio 1942 conferenza del Wannsee
• “otto delle quattordici personalità principal...
3.2 Empatia
azione con cui diventiamo consapevoli di altre persone
e della loro vita interiore

1. L’empatia è differente ...
3.3 Perché insegnare l’empatia?
«Le nazioni sono sempre più attratte dall’idea del
profitto; esse e i loro sistemi scolast...
3.4 Un impegno personale
«Gandhi *…+ comprese perfettamente che la
lotta politica per la libertà e l’uguaglianza deve
esse...
3.5 Una breve lista
• «Sviluppare la capacità degli studenti di vedere il
mondo dal punto di vista di altre persone»
• «In...
3.6 Come insegnare l’empatia?
•
•
•
•

Gioco
Lettura
Narrazione di storie
Arte
3.6 Empatia e professionalità
docente

«the operative requirement to
enhance student learning is for
teacher to see the le...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

0

Share

Download to read offline

Didattica della shoa

Download to read offline

Per l'incontro del 27 gennaio nella scuola di Santa Croce di Magliano (CB)

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to like this

Didattica della shoa

  1. 1. Didattica della Shoah Istituto Comprensivo “R. Capriglione” Liceo Scientifico Santa Croce di Magliano 27 gennaio 2014
  2. 2. 1.1 Una premessa: come e perché ricordare? • «È fondato il rischio di diventare professionisti della memoria» Anna Foa • «C’è *…+ bisogno di storia *…+ È c’è bisogno di storie: ricostruire le vite cancellate» Anna Foa • Razzismi e genocidi del Novecento • Tra eccezionalità e banalizzazione
  3. 3. 1.2 Perché la crudeltà? • • • • 42.500 tra ghetti e lager Dai 15 ai 20 milioni di persone Dai 7 agli 8 milioni di morti «esperimenti di immersione in acqua fredda», esperimenti chirurgici… • ma anche forme di crudeltà gratuite… (BaronCohen 2012)
  4. 4. 2.1 Un approccio didattico tra discipline e ordini diversi “essere riusciti a ricostruire il fenomeno storico dell’Olocausto non significa necessariamente averne compreso le dimensioni morali; esse possono essere colte in modo altrettanto efficace mediante l’esame di opere d’arte, di monumenti e di memorie personali” (Gardner 2000, p. 192)
  5. 5. 2.2 Ordini ed ambiti: la scuola elementare Lia Levi e Emanuela Orciari, La portinaia Apollonia, Orecchio Acerbo, Roma 2005
  6. 6. 2.3 Ordini ed ambiti: la scuola elementare Ruth Vander Zee e Roberto Innocenti, La storia di Erika, La Margherita, Trezzano sul naviglio 2003
  7. 7. 2.4 Ordini ed ambiti: la scuola elementare • Per un elenco aggiornato e commentato di albi illustrati sul tema della Shoah: http://principieprincipi.blogspot.it/2013/01/libriper-la-memoria.html • I disegni di Helga Weiss (Il diario di Helga. La testimonianza di una ragazza nei campi di Terezìn e Auschwitz, Einaudi 2014), http://www.iccalcinate.it/shoah.php?oper=h elga&n=1
  8. 8. 2.5 Ordini ed ambiti: la scuola superiore Percorsi letterari • Prosa: Primo Levi, Elie Wiesel, Anna Frank…. • Poesia: Paul Celan • Graphic novel: Art Spiegelman Percorsi filosofici • Jonas • Percorsi musicali: Francesco Guccini http://www.youtube.com/watch?v=2HItzNcSJCU
  9. 9. 2.6 Celan Nero latte dell’alba lo beviamo la sera Lo beviamo a mezzogiorno e al mattino lo beviamo la notte Beviamo e beviamo Scaviamo una tomba nell’aria là non si giace stretti
  10. 10. 2.7 Jonas Hans Jonas, Il concetto di Dio dopo Auschwitz, Una voce ebraica, Il Melangolo, Genova 1990 • Bontà assoluta, potenza assoluta, comprensibilità • “Dio taque. Ed ora aggiungo: non intervenne, non perché non volle, ma perché non fu in condizione di farlo” (p. 35)
  11. 11. 2.5 Ordini ed ambiti: la scuola superiore • Percorsi cinematografici: Centro di documentazione ebraica contemporanea http://www.cdec.it/home2_2.asp?idtesto=1165 &idtesto1=1165#joffo) • Voci della Shoah http://www.shoah.acs.beniculturali.it/index.php ?page=Home&lang=it)
  12. 12. 2.6 Auschwitz non è un museo World Center for Holocaust Research in Israele http://www.yadvashem.org/, http://www.yadvashem.org/yv/en/ education/languages/italian/
  13. 13. 2.7 Auschwitz non è un museo Holocaust Memorial Museum negli Usa http://www.ushmm.org/it
  14. 14. 2.8 Auschwitz non è un museo Museo ebraico di Berlino http://www.jmberlin.de/main/Kurzinfo/italiano.php
  15. 15. 2.9 Auschwitz non è un museo Il campo di Mauthausen http://www.mauthausen-memorial.at/int/it/
  16. 16. 2.10 Auschwitz non è un museo Il campo di Auschwitz http://en.auschwitz.org/m/
  17. 17. 2.11 Auschwitz non è un museo Museo della risiera di San Sabba http://www.turismofvg.it/Musei/Museo-Civico-della-risiera-di-SanSabba
  18. 18. 2.11 Auschwitz non è un museo «i luoghi hanno una loro forza sconvolgente perché evocano ciò che è accaduto. Se ascoltare questa storia non ti cambia niente dento, allora è inutile ascoltare» Anna Foa «Qui bisogna capire che si cammina sul più grande cimitero del mondo» Geoges Didi- Hberman
  19. 19. 3.1 Ancora un approccio didattico • 20 gennaio 1942 conferenza del Wannsee • “otto delle quattordici personalità principali presenti avevano conseguito la laurea in importanti università dell’europa centrale” (Gardner 2000, p. 192) • “Ciascuno di noi avrebbe potuto essere vittima o carnefice” (Gardner 2000, p. 193)
  20. 20. 3.2 Empatia azione con cui diventiamo consapevoli di altre persone e della loro vita interiore 1. L’empatia è differente dalla simpatia e dalla compassione 2. L’empatia non è il mistero della comunicazione tra due anime 3. L’empatia non è una intuizione 4. L’empatia ha come esito finale una riflessione sull’identità personale 5. L’empatia può essere appresa 6. L’empatia ha dei limiti
  21. 21. 3.3 Perché insegnare l’empatia? «Le nazioni sono sempre più attratte dall’idea del profitto; esse e i loro sistemi scolastici stanno accantonando, in maniera del tutto scriteriata, quei saperi che sono indispensabili a mantenere viva la democrazia. Se questa tendenza si protrarrà, i paesi di tutto il mondo ben presto produrranno generazioni di docili macchine anziché cittadini a pieno titolo, in grado di pensare da sé, criticare la tradizione e comprendere il significato delle sofferenze e delle esigenze delle altre persone» (Martha Nussbaum, Non per profitto , Il Mulino, Bologna 2011, pp. 21-22)
  22. 22. 3.4 Un impegno personale «Gandhi *…+ comprese perfettamente che la lotta politica per la libertà e l’uguaglianza deve essere anzitutto una lotta in seno a ciadcuna persona, dove compassione e rispetto si misurano contro paura, avidità e aggressione narcisitica» (Martha Nussbaum, Non per profitto , Il Mulino, Bologna 2011, p. 47)
  23. 23. 3.5 Una breve lista • «Sviluppare la capacità degli studenti di vedere il mondo dal punto di vista di altre persone» • «Insegnare a confrontarsi con le inadeguatezze e le fragilità umane» • «Sviluppare la capacità di un’autentica sensibilità verso gli altri, vicini e lontani» • «Incoraggiare la responsabilità» • «Promuovere con vigore il pensiero critico, la capacità e il coraggio richiesti per far sentire una voce dissenziente» (Martha Nussbaum, Non per profitto , Il Mulino, Bologna 2011, p. 61)
  24. 24. 3.6 Come insegnare l’empatia? • • • • Gioco Lettura Narrazione di storie Arte
  25. 25. 3.6 Empatia e professionalità docente «the operative requirement to enhance student learning is for teacher to see the learning through the eyes of the students» (Hattie 2012, p. 103)

Per l'incontro del 27 gennaio nella scuola di Santa Croce di Magliano (CB)

Views

Total views

1,106

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

1

Actions

Downloads

11

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×