Corso PAS
Accademia Belle Arti di Macerta
Macerata
primo incontro
2
Accademia di belle Arti
Macerata
Corso PAS docenti di storia dell’arte
Didattica
12 marzo 2014
Filippo Bruni
3
Il contesto
La società della conoscenza
4
Mutazioni
accelerazione
globalizzazione
complessità
Saperi stabili
Saper gestire il
proprio sapere
come processo
5
Sostantivi…
• Società dell’informazione
• Società della conoscenza
• Società dell’apprendimento
• Società del rischio
• ...
6
Informazione e conoscenza
• Discreta
• Trasmessa
• Priva di contesto
• Chiara
• Riproduzione
• Reti
• Ricostruita
• Nel ...
7
Economia del sapere
Si va verso una “economia del sapere, nata
dalla presa di coscienza del ruolo del sapere e
della tec...
8
Conoscere ed apprendere 1
“un sistema produttivo
(un’impresa, un’organizzazione, una comunità
professionale, una comunit...
9
Conoscere ed apprendere 2
“un sistema produttivo sopravvive e si
sviluppa se la sua velocità di apprendimento è
maggiore...
10
Transizioni
Istruzione iniziale
Diploma/laurea
Formazione continua
Certificazione delle
competenze
Lavoro stabile Lavor...
11
Apprendimento
“L’apprendimento non è da identificarsi
semplicemente con il dispositivo istituzionale
dell’educazione e ...
12
Centralità della formazione?
• Apprendimento formale
• Apprendimento non formale
• Apprendimento informale
13
Apprendimento formale
Si svolge negli istituti
d’istruzione e di
formazione e porta
all’ottenimento di diplomi
e di qua...
14
Apprendimento non formale
Si svolge al di fuori delle principali
strutture d’istruzione e di
formazione e, di solito, n...
15
Apprendimento informale
E’ il corollario naturale della vita quotidiana.
*…+esso non è necessariamente intenzionale e
p...
16
Memorandum sull’istruzione e la
formazione permanente della
Commissione delle Comunità
europee
Bruxelles 30.10.2000
17
Competitività
“in Europa è in atto una rapida evoluzione
verso una società ed un’economia basate sulla
conoscenza. Oggi...
18
Cittadinanza attiva
“Gli europei di oggi vivono in un mondo
sociale e politico complesso. Oggi più che
mai, il singolo ...
19
1.Nuove competenze di base per tutti
“La carenza di personale qualificato e la carenza
di competenze non adeguate al pr...
20
2.Maggiori investimenti nelle risorse umane
“come utilizzare al meglio i Fondi strutturali
*…+ per instaurare centri lo...
21
3.Innovazioni nelle tecniche di
insegnamento e di apprendimento
“le tecniche di apprendimento basate sulle TIC
offrono ...
22
4.valutazione dei risultati dell’apprendimento
“la patente informatica europea (ECDL
European Computer Driving Licence)...
23
5.Ripensare l’orientamento
“le fonti di informazione e gli strumenti
diagnostici basati sulle TIC e su Internet
aprono ...
24
6.Un apprendimento vicino a casa
“Le TIC rappresentano un mezzo formidabile
per raggiungere popolazioni sparpagliate e
...
25
Il contesto
La terza fase
26
Da
Raffaele Simone,
La terza Fase, Laterza,
Roma-Bari 2000
27
La prima fase
“La Prima Fase coincise con l’invenzione della
scrittura, che permise di fissare con segni
scritti le inf...
28
La seconda e la terza fase
• L’invenzione della stampa
• “Gli ultimi quindici o venti anni del XX
secolo ci hanno *…+ t...
29
Fenomeno tecnico
Lo stilo
La stampa
Supporto digitale
30
Fenomeno Mentale
Oralità
Scrittura
Visione, ascolto, nuova oralità
31
La scrittura 1
“L’invenzione della scrittura non fu solo un
progresso tecnico, ma molto di più: costituì
una vera e pro...
32
La scrittura 2
• “Essa esaltò enormemente il vedere
rispetto all’udire”
• Visione alfabetica
• “sviluppò un’opposizione...
33
Intelligenza simultanea
“L’intelligenza simultanea è caratterizzata
dalla capacità di trattare nello stesso
tempo più i...
34
Intelligenza sequenziale
“L’intelligenza sequenziale si applica invece alla
lettura o alla scrittura: chi la opera deve...
35
Dalla seconda alla…
“Alla fine del XX secolo siamo gradualmente
passati da uno stato in cui la conoscenza
evoluta si ac...
36
Terza fase
“ stato in cui si acquista la conoscenza evoluta
anche – e per taluni soprattutto – attraverso
l’ascolto o l...
37
Lettura e visione
Visione Lettura
Autotrainato No Sì
Correggibile No Sì
Conviviale Sì No
Multisensorialità Sì No
Implic...
38
Un breve articolo di Raffaele
Simone dal titolo “Leggere o
guardare? L’homo videns
nell’epoca di Internet” è
disponibil...
39
Il contesto
Le nuove generazioni
40
Homo Zappiens at
Work
Listening his
favorite music
Phoning to his
friend
Surfing the Net
Doing his
home-work
41
Nativi ed immigrati digitali
• Twich speed
• Parallel processing
• Random access
• Graphics first
• Connected
• Payoff
...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Corso pas primo incontro

652 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
652
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Corso pas primo incontro

  1. 1. Corso PAS Accademia Belle Arti di Macerta Macerata primo incontro
  2. 2. 2 Accademia di belle Arti Macerata Corso PAS docenti di storia dell’arte Didattica 12 marzo 2014 Filippo Bruni
  3. 3. 3 Il contesto La società della conoscenza
  4. 4. 4 Mutazioni accelerazione globalizzazione complessità Saperi stabili Saper gestire il proprio sapere come processo
  5. 5. 5 Sostantivi… • Società dell’informazione • Società della conoscenza • Società dell’apprendimento • Società del rischio • Società della paura
  6. 6. 6 Informazione e conoscenza • Discreta • Trasmessa • Priva di contesto • Chiara • Riproduzione • Reti • Ricostruita • Nel contesto • Anche incerta • Nuove applicazioni
  7. 7. 7 Economia del sapere Si va verso una “economia del sapere, nata dalla presa di coscienza del ruolo del sapere e della tecnologia nella crescita economica” OCSE (Organizzazione di Cooperazione per lo Sviluppo Economico)
  8. 8. 8 Conoscere ed apprendere 1 “un sistema produttivo (un’impresa, un’organizzazione, una comunità professionale, una comunità locale…) sopravvive e si sviluppa se possiede un adeguato sistema di competenze che gli consentano di esercitare la competitività” Ruffino Bonci Mainetti
  9. 9. 9 Conoscere ed apprendere 2 “un sistema produttivo sopravvive e si sviluppa se la sua velocità di apprendimento è maggiore (o almeno uguale) alla velocità dei cambiamenti del suo ambiente esterno” Ruffino Bonci Mainetti
  10. 10. 10 Transizioni Istruzione iniziale Diploma/laurea Formazione continua Certificazione delle competenze Lavoro stabile Lavoro precario Alienazione Angoscia welfare Formazione/occupabilità
  11. 11. 11 Apprendimento “L’apprendimento non è da identificarsi semplicemente con il dispositivo istituzionale dell’educazione e della formazione, ma soprattutto con i processi di “learning by doing”, “learning by using”, “learning by interacting”, e cioè con un rapporto attivo tra individuo e contesto – tecnico, organizzativo e sociale – di messa in pratica e di produzione innovativa di conoscenze e competenze” Ruffino-Bonci
  12. 12. 12 Centralità della formazione? • Apprendimento formale • Apprendimento non formale • Apprendimento informale
  13. 13. 13 Apprendimento formale Si svolge negli istituti d’istruzione e di formazione e porta all’ottenimento di diplomi e di qualifiche riconosciute
  14. 14. 14 Apprendimento non formale Si svolge al di fuori delle principali strutture d’istruzione e di formazione e, di solito, non porta a certificati ufficiali. L’apprendimento non formale è dispensato sul luogo di lavoro o nel quadro di attività di organizzazioni o gruppi della società civile.
  15. 15. 15 Apprendimento informale E’ il corollario naturale della vita quotidiana. *…+esso non è necessariamente intenzionale e può pertanto non essere riconosciuto, a volte dallo stesso interessato, come apporto alle sue conoscenze e competenze
  16. 16. 16 Memorandum sull’istruzione e la formazione permanente della Commissione delle Comunità europee Bruxelles 30.10.2000
  17. 17. 17 Competitività “in Europa è in atto una rapida evoluzione verso una società ed un’economia basate sulla conoscenza. Oggi più che mai, l’accesso ad informazioni e conoscenze aggiornate *…+ costituiscono fattori cruciali per rafforzare la competitività dell’Europa e migliore le capacità d’ inserimento professionali e di adattamento della sua manodopera”
  18. 18. 18 Cittadinanza attiva “Gli europei di oggi vivono in un mondo sociale e politico complesso. Oggi più che mai, il singolo desidera essere artefice della propria vita, e mai come ora deve contribuire attivamente alla società e imparare ad accettare la diversità culturale, etnica e linguistica”
  19. 19. 19 1.Nuove competenze di base per tutti “La carenza di personale qualificato e la carenza di competenze non adeguate al profilo della domanda, in particolare nelle TIC, sono tra le principali ragioni del persistere di un elevato tasso di disoccupazione” “pervenire entro il 2003 ad una alfabetizzazione digitale di tutti gli studenti al termine degli studi”
  20. 20. 20 2.Maggiori investimenti nelle risorse umane “come utilizzare al meglio i Fondi strutturali *…+ per instaurare centri locali di acquisizione delle conoscenze e fornire loro un’attrezzatura moderna nel campo delle TIC?”
  21. 21. 21 3.Innovazioni nelle tecniche di insegnamento e di apprendimento “le tecniche di apprendimento basate sulle TIC offrono un grande potenziale d’innovazione per i metodi di insegnamento e di apprendimento *…+la maggior parte di quanto offerto dai nostri sistemi d’istruzione e formazione è tuttora organizzata ed erogata come se la pianificazione e l’organizzazione della nostra vita da cinquant’anni a questa parte fosse sempre la stessa”
  22. 22. 22 4.valutazione dei risultati dell’apprendimento “la patente informatica europea (ECDL European Computer Driving Licence) *…+ sarà istituito un diploma europeo che attesta l’acquisizione delle competenze di base nelle tecnologie dell’informazione”
  23. 23. 23 5.Ripensare l’orientamento “le fonti di informazione e gli strumenti diagnostici basati sulle TIC e su Internet aprono nuovi orizzonti, che migliorano la gamma e la qualità dei servizi di orientamento”
  24. 24. 24 6.Un apprendimento vicino a casa “Le TIC rappresentano un mezzo formidabile per raggiungere popolazioni sparpagliate e isolate a costi relativamente contenuti*…+Più in generale, un accesso permanente e mobile a servizi di apprendimento *…+ on-line consente a ciascuno di sfruttare il proprio tempo *…+ovunque si trovi”
  25. 25. 25 Il contesto La terza fase
  26. 26. 26 Da Raffaele Simone, La terza Fase, Laterza, Roma-Bari 2000
  27. 27. 27 La prima fase “La Prima Fase coincise con l’invenzione della scrittura, che permise di fissare con segni scritti le informazioni su supporto stabile” (p. VII)
  28. 28. 28 La seconda e la terza fase • L’invenzione della stampa • “Gli ultimi quindici o venti anni del XX secolo ci hanno *…+ traghettato in una Terza Fase” (p. XI)
  29. 29. 29 Fenomeno tecnico Lo stilo La stampa Supporto digitale
  30. 30. 30 Fenomeno Mentale Oralità Scrittura Visione, ascolto, nuova oralità
  31. 31. 31 La scrittura 1 “L’invenzione della scrittura non fu solo un progresso tecnico, ma molto di più: costituì una vera e propria svolta per la vita dell’intelligenza, che fu ricchissima di conseguenze…” (p. 15)
  32. 32. 32 La scrittura 2 • “Essa esaltò enormemente il vedere rispetto all’udire” • Visione alfabetica • “sviluppò un’opposizione tra due modi di lavorare dell’intelligenza: quella simultanea e quella sequenziale”
  33. 33. 33 Intelligenza simultanea “L’intelligenza simultanea è caratterizzata dalla capacità di trattare nello stesso tempo più informazioni, senza però che sia possibile stabilire tra di esse un ordine, una successione e quindi una gerarchia. La usiamo tipicamente quando guardiamo un quadro” (p. 73)
  34. 34. 34 Intelligenza sequenziale “L’intelligenza sequenziale si applica invece alla lettura o alla scrittura: chi la opera deve procedere un passo per volta, linearmente, seguendo il testo, che si svolge dinanzi ai suoi occhi (o alla sua mente) come un nastro” (p. 74)
  35. 35. 35 Dalla seconda alla… “Alla fine del XX secolo siamo gradualmente passati da uno stato in cui la conoscenza evoluta si acquisiva soprattutto attraverso il libro e la scrittura (cioè attraverso l’occhio e l visone alfabetica o, se preferiamo, attraverso l’intelligenza sequenziale) a uno…
  36. 36. 36 Terza fase “ stato in cui si acquista la conoscenza evoluta anche – e per taluni soprattutto – attraverso l’ascolto o la visione non alfabetica, cioè attraverso l’intelligenza simultanea. Perciò siamo passati da una modalità di conoscenza in cui prevaleva la linearità a una in cui prevale la simultaneità degli stimoli” (p. 73)
  37. 37. 37 Lettura e visione Visione Lettura Autotrainato No Sì Correggibile No Sì Conviviale Sì No Multisensorialità Sì No Implicazioni enciclopediche No Sì Citabilità Bassa Alta Livello di iconicità Alto Basso (p. 73)
  38. 38. 38 Un breve articolo di Raffaele Simone dal titolo “Leggere o guardare? L’homo videns nell’epoca di Internet” è disponibile nel sito dell’Enciclopedia multimediale delle scienze filosofiche: www.emsf.rai.it
  39. 39. 39 Il contesto Le nuove generazioni
  40. 40. 40 Homo Zappiens at Work Listening his favorite music Phoning to his friend Surfing the Net Doing his home-work
  41. 41. 41 Nativi ed immigrati digitali • Twich speed • Parallel processing • Random access • Graphics first • Connected • Payoff • Fantasy • Play • Technology as friend • Conventional speed • Linear processing • Linear thinking • Text first • Stand-alone • Patience • Reality • Work • Technology as foe

×