Ufficio Stampa

14,017 views

Published on

Ruolo strategico e compiti operativi di un ufficio stampa.

2 Comments
19 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
14,017
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
136
Actions
Shares
0
Downloads
485
Comments
2
Likes
19
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ufficio Stampa

  1. 1. L’ufficio stampa
  2. 2. La visibilità <ul><li>Per un’azienda, un ente pubblico </li></ul><ul><li>o qualsiasi organizzazione </li></ul><ul><li>essere visibile è fondamentale </li></ul><ul><li>ma la visibilità da sola non è </li></ul><ul><li>sufficiente. </li></ul><ul><li>Occorre che siano identificati </li></ul><ul><li>con le caratteristiche che desiderano </li></ul><ul><li>gli siano attribuite. </li></ul><ul><li>La visibilità va gestita </li></ul><ul><li>professionalmente. </li></ul>
  3. 3. Le relazioni con i media <ul><li>L’Ufficio Stampa </li></ul><ul><li>promuove </li></ul><ul><li>la comprensione </li></ul><ul><li>di un soggetto, economico </li></ul><ul><li>o istituzionale, </li></ul><ul><li>e dei suoi fini </li></ul><ul><li>da parte di </li></ul><ul><li>organi di informazione </li></ul><ul><li>opinion leader </li></ul><ul><li>e opinion makers. </li></ul>
  4. 4. <ul><li>Le parole sono fatte, prima che per essere dette, </li></ul><ul><li>per essere capite: </li></ul><ul><li>proprio per questo, diceva un filosofo, </li></ul><ul><li>gli dei ci hanno dato una bocca e due orecchie. </li></ul><ul><li>Chi non si fa capire viola la libertà di parola </li></ul><ul><li>dei suoi ascoltatori. </li></ul><ul><li>E’ un maleducato, se parla in privato e da privato. </li></ul><ul><li>E’ qualcosa di peggio se è un giornalista, un insegnante, </li></ul><ul><li>un dipendente pubblico, un eletto dal popolo. </li></ul><ul><li>Chi è al servizio di un pubblico </li></ul><ul><li>ha il dovere costituzionale di farsi capire. </li></ul><ul><li>Tullio De Mauro </li></ul>
  5. 5. Ruolo strategico dell’Ufficio Stampa <ul><li>L’ufficio stampa svolge </li></ul><ul><li>il ruolo di </li></ul><ul><li>CERNIERA </li></ul><ul><li>tra i fornitori di notizie </li></ul><ul><li>e i diffusori </li></ul><ul><li>di informazione </li></ul>SUPPORTA la visibilità dell’organizzazione che viene conosciuta dai pubblici di riferimento.
  6. 6. Gli obiettivi possibili <ul><li>Comunicare </li></ul><ul><li>Interagire </li></ul><ul><li>Rafforzare l’immagine </li></ul><ul><li>Diffondere valori </li></ul><ul><li>Fare corretta informazione </li></ul><ul><li>… </li></ul>
  7. 7. Compiti strategici di un Ufficio Stampa <ul><li>Garantire una comunicazione coerente </li></ul><ul><li>con gli obiettivi dell’ente. </li></ul><ul><li>Selezionare e filtrare il flusso </li></ul><ul><li>di informazioni da veicolare all’esterno. </li></ul><ul><li>Costruire un rapporto produttivo </li></ul><ul><li>con i giornalisti. </li></ul><ul><li>Definire ed elaborare </li></ul><ul><li>temi che possono essere associati </li></ul><ul><li>all’organizzazione. </li></ul>
  8. 8. Compiti operativi di un Ufficio Stampa <ul><li>Individuare gli avvenimenti </li></ul><ul><li>che possono fare notizia. </li></ul><ul><li>Stabilire il ciclo vitale di una notizia. </li></ul><ul><li>Tradurre la notizia in “informazione”. </li></ul><ul><li>Programmare la diffusione della notizia. </li></ul><ul><li>Stabilire e mantenere rapporti diretti </li></ul><ul><li>e continuativi con i giornalisti. </li></ul>
  9. 9. Principi etici di un buon Ufficio Stampa <ul><li>Essere fonte di informazione </li></ul><ul><li>AUTOREVOLE e CREDIBILE . </li></ul><ul><li>Agendo lealmente </li></ul><ul><li>Essendo disposti </li></ul><ul><li>a rendersi utili </li></ul><ul><li>Evitando </li></ul><ul><li>suppliche e critiche </li></ul><ul><li>Non chiedendo MAI </li></ul><ul><li>di sopprimere una notizia </li></ul>
  10. 10. Le attività di un Ufficio Stampa <ul><li>Pianificazione della comunicazione </li></ul><ul><li>Reperimento della documentazione </li></ul><ul><li>Gestione della redazione </li></ul><ul><li>Realizzazione dell’attività </li></ul><ul><li>Controllo del risultato </li></ul><ul><li>Ipotesi di piano successivo </li></ul>
  11. 11. Le competenze di un Ufficio Stampa <ul><li>Studiare e catalogare i diversi mezzi. </li></ul><ul><li>Conoscere le tecniche giornalistiche . </li></ul><ul><li>Individuare i centri di informazione </li></ul><ul><li>di maggior interesse. </li></ul><ul><li>Scegliere e selezionare </li></ul><ul><li>i media da contattare. </li></ul><ul><li>Conoscere il lavoro delle redazioni. </li></ul>
  12. 12. L’interlocutore: il giornalista <ul><li>E’ una figura di grande potere perché “maneggia” l’informazione. </li></ul>Affronta argomenti diversi di cui difficilmente ha conoscenza approfondita (non si può sapere tutto di tutto...). Ha poco tempo. Deve farsi raccontare dagli altri i fatti e di capirli velocemente. Qualità e precisione, auspicabili, spesso si scontrano con l’urgenza e talvolta prevale la semplificazione.
  13. 13. <ul><li>Questo giornale, e le centinaia di migliaia di parole che contiene, </li></ul><ul><li>sono stati prodotti in circa 15 ore da un gruppo di persone non </li></ul><ul><li>infallibili, che lavorano in uffici angusti e cercano di scoprire che è </li></ul><ul><li>successo nel mondo da persone che sono a volte riluttanti a </li></ul><ul><li>parlare, e altre volte oppongono un deciso ostruzionismo. </li></ul><ul><li>Il suo contenuto è stato determinato da una serie di giudizi </li></ul><ul><li>soggettivi dei cronisti e dei capiservizio, temperati da quelli che </li></ul><ul><li>sanno essere i pregiudizi del direttore, del proprietario e dei lettori </li></ul><ul><li>Alcune notizie appaiono avulse dal loro contesto essenziale perché </li></ul><ul><li>altrimenti risulterebbero meno sensazionali e coerenti e in alcuni </li></ul><ul><li>casi il linguaggio usato è stato deliberatamente scelto per il suo </li></ul><ul><li>impatto emotivo, piuttosto che per la sua precisione. Alcuni </li></ul><ul><li>articoli sono stati pubblicati solo per attirare gli inserzionisti. </li></ul><ul><li>David Randall , Il giornalista quasi perfetto </li></ul>Guardiamoci negli occhi…
  14. 14. <ul><li>1. La media list </li></ul><ul><li>2. La rassegna stampa </li></ul><ul><li>3. Il comunicato stampa </li></ul><ul><li>4. La conferenza stampa </li></ul><ul><li>5. La cartella stampa </li></ul><ul><li>6. L’intervista </li></ul><ul><li>7. Internet </li></ul><ul><li>8. Educational press tour </li></ul>Gli strumenti dell’Ufficio Stampa
  15. 15. <ul><li>E’ l’archivio delle testate, </li></ul><ul><li>dei giornalisti </li></ul><ul><li>e degli opinion leader </li></ul><ul><li>contenente i dati personali </li></ul><ul><li>e le informazioni </li></ul><ul><li>relative agli interessi </li></ul><ul><li>e alle redazioni di appartenenza. </li></ul><ul><li>Deve essere </li></ul><ul><li>costantemente aggiornata </li></ul><ul><li>nomi dei referenti </li></ul><ul><li>testate nuove </li></ul><ul><li>spostamenti </li></ul>La media list
  16. 16. <ul><li>La media list contiene: </li></ul><ul><li>Agenzie di stampa </li></ul><ul><li>Quotidiani </li></ul><ul><li>Radio </li></ul><ul><li>Tv </li></ul><ul><li>Settimanali </li></ul><ul><li>Mensili </li></ul><ul><li>Tenere sempre ben presente </li></ul><ul><li>che ognuno di loro </li></ul><ul><li>ha tempi e ritmi di lavoro diversi. </li></ul>La media list
  17. 17. <ul><li>monitoraggio quotidiano </li></ul><ul><li>delle testate </li></ul><ul><li>degli articoli </li></ul><ul><li>di ciò che scrivono </li></ul><ul><li>i nostri referenti </li></ul><ul><li>delle tematizzazioni rilevanti </li></ul><ul><li>raccolta e diffusione </li></ul><ul><li>entro le 8 del mattino </li></ul>La rassegna stampa
  18. 18. <ul><li>Serve per </li></ul><ul><li>trasmettere , </li></ul><ul><li>diffondere </li></ul><ul><li>e propagare </li></ul><ul><li>le informazioni ai giornalisti, </li></ul><ul><li>affinché giungano al grande pubblico. </li></ul>Il comunicato stampa
  19. 19. Scrivere un comunicato stampa <ul><li>Scrivere sui giornali non è come scrivere un romanzo o un </li></ul><ul><li>racconto, ma la differenza è meno grande di quanto si pensi. </li></ul>Tutti i tipi di buona prosa hanno alcuni elementi in comune: sono chiari facili da leggere, usano un linguaggio vivace, stimolano, intrattengono.
  20. 20. La conferenza stampa E’ un incontro di alcuni esponenti dell’organizzazione con un gruppo di giornalisti, finalizzato a Divulgare una notizia di una certa rilevanza. I destinatari Agenzie di stampa Giornalisti di stampa, Tv e radio Opinion leader
  21. 21. La conferenza stampa Quando è opportuna? Quando il contenuto dell’annuncio richiede spiegazioni dettagliate e approfondite , o può suscitare curiosità ed interesse tali da essere soddisfatti con una serie di domande e risposte. E' uno strumento molto delicato, da usare con estrema parsimonia e soltanto se strettamente indispensabile. I giornalisti non amano le conferenze stampa Quando possono preferiscono evitarle.
  22. 22. La conferenza stampa Steps organizzativi Gli inviti Invitare almeno 15 giorni prima Ricordare l’evento almeno 5 giorni prima Il materiale Preparare il kit stampa o cartella stampa Prevedere un gadget I relatori Raccomandare ai relatori puntualità, brevità e concisione Verificare la disponibilità ad intrattenersi con i giornalisti. I confort Organizzare una colazione o un coffee break
  23. 23. La cartella stampa e’ il materiale che viene distribuito ai giornalisti deve essere Completa Esauriente Stratificata Ufficiale
  24. 24. L’intervista permette di presentare la notizia in una forma significativa ed articolata per i lettori, gli ascoltatori o gli spettatori. Il modo migliore per farlo è quello di identificare i benefici e di chiarire i vantaggi che la notizia comprende.
  25. 25. L’intervista efficace <ul><li>Informarsi su chi è il giornalista e per quale testata </li></ul><ul><li>lavora </li></ul><ul><li>Prepararsi sull’argomento </li></ul><ul><li>Essere chiari e coincisi </li></ul><ul><li>Essere trasparenti </li></ul><ul><li>Guidare l’intervista: non aspettare sempre e solo le </li></ul><ul><li>domande del giornalista </li></ul>
  26. 26. Le 10 regole d’oro dell’Ufficio Stampa 1) paga essere onesti . non è sempre necessario dire tutta la verità...ma mai dire una bugia ; 2) dare sempre al giornalista un valore aggiunto; 3) non pregare mai il giornalista di pubblicare o non pubblicare e non fare mai pressioni sull'editore, il direttore o il capo della pubblicità della testata; 4) fare bene i 'compiti a casa' e mirare l'informazione a chi è davvero interessato a riceverla; 5) nell'argomentare un tema, partire sempre dall'interesse del giornalista, poi quello del lettore, mai da quello dell'organizzazione;
  27. 27. Le 10 regole d’oro dell’Ufficio Stampa 6) partire sempre con la notizia , mai lasciarla alla fine; 7) tenere conto delle specificità di ciascuna testata e dei 'tempi' diversi di produzione di ciascun media; 8) porsi sempre l'obiettivo di ottenere un articolo corretto , non 'favorevole'; 9) ricordarsi di essere solo una delle migliaia di fonti del giornalista e non quella privilegiata; 10) se non si desidera che una frase, un commento o una notizia sia pubblicata, non farne menzione, neppure “off the record” .

×