Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

10 cose da sapere sui social media

723 views

Published on

In occasione dell’uscita del mio libro Social Media Journalism. Strategie e strumenti per creatori di contenuti e news (Apogeo) che raccoglie dieci anni di esperienza nella formazione digitale e social, le dieci cose (pratiche) da sapere, ricordare, fare per utilizzare le piattaforme social nel modo migliore; per informarsi e informare.
Presentazione svolta a #Glocal16, Varese

Published in: Social Media

10 cose da sapere sui social media

  1. 1. #smjourn
  2. 2. #smjourn
  3. 3. Dieci cose da sapere sui social media
  4. 4. 1. Imparare un metodo
  5. 5. Rogers, 1957
  6. 6. 2. Conoscere gli strumenti
  7. 7. Facebook ha la più alta permanenza: 12 ore e 20 minuti al mese per persona (escluso dal grafico). Snapchat utilizzato per circa 2 ore e mezza, seguito da Instagram. Twitter tiene legato l’utente medio per circa 1 ora al mese Pinterest 30 minuti Tumblr, Linkedin e Google+ circa 10 minuti Youtube: 2 ore circa
  8. 8. 3. Usare solo quelli che (ci) servono
  9. 9. Non serve essere ovunque Scegliete dove volete stare e siateci davvero, al meglio.
  10. 10. Se dite che i social network sono pieni di stupidaggini, state seguendo le persone sbagliate.
  11. 11. 4. Ricordare: siamo ciò che condividiamo
  12. 12. 5 Social media is social first, media second
  13. 13. barbara.sgarzi@gmail.com
  14. 14. 6. Programmare è fondamentale
  15. 15. Il Piano Editoriale risponde alle domande precedenti ed è la trasposizione su “carta” della nostra strategia social. La programmazione è fondamentale; la social media policy anche. • Chi siamo, da dove partiamo, dove vogliamo arrivare • Cosa dobbiamo fare ma anche cosa possiamo fare ( staff) • Come parliamo, cosa ci permettiamo, cosa tolleriamo e cosa invece no
  16. 16. Programmazione: su Twitter, con tweetdeck.twitter.com Serve: • Per programmare • Per gestire più account twitter contemporaneamente • Per tenere d’occhio cosa si dice in rete, creando apposite colonne di ricerca per monitorare parole chiave, account e hashtag
  17. 17. 7. Monitorare, anche
  18. 18. Twitter analytics analytics.twitter.com Monitoraggio sul mio account o su qualunque account del quale io abbia login e pwd
  19. 19. Twitonomy.com Monitoraggio su qualunque account Twitter – anche senza avere login e password
  20. 20. Scoprire l’influenza di un hashtag Tweetreach
  21. 21. Facebook Insights, per le pagine che gestisco/delle quali sono amministratore
  22. 22. 8. Fare content curation
  23. 23. Permette di scoprire le informazioni più rilevanti, interessanti, di impatto in ogni medium e collegarle ad altre informazioni in un network interconnesso di significato Una spinta a trovare l’interessante, il significativo e il rilevante nel vasto labirinto di informazione sovrabbondante, creando un contesto che spiega ciò che è importante nel mondo e perché lo è Maria Popova, Brain Pickings
  24. 24. In un mondo digitale, il nostro ricco archivio offre uno di vantaggi più evidenti sui nostri concorrenti. Mentre stampiamo questo report, abbiamo 14.723.933 articoli, che risalgono fino al 1851, e possono essere fatti riemergere e riutilizzati in molti modi. Ma pensiamo raramente a sfruttare i nostri archivi perché siamo così focalizzati sulle news e sugli altri pezzi. New York Times Innovation Report
  25. 25. 1. Ricerca, interna ed esterna 2. Verifica delle fonti 3. Creazione e distribuzione Content curation
  26. 26. 9. Fare fact-checking
  27. 27. Essere professionale - Cosa hai visto? Cosa sai? Quali le tue fonti? - Qual è il valore aggiunto che puoi condividere, oltre ai tuoi contenuti? Metterci un tocco umano - Mostrare la personalità coinvolge i lettori - La conversazione ti fa (ri)conoscere Rispettare gli altri - I loro contenuti, la loro esperienza, ciò che sanno (sì, anche i competitor) Essere affidabile - Condividere informazioni verificate, utili, al momento giusto, con il giusto tono di voce. - Ammettere/correggere gli errori - Essere avvicinabile  Sei parte di un network
  28. 28. Controlli incrociati •Cerca altri account (Fb, LinkedIN, etc) •Cerca immagini •Se hai un nome cognome, cerca su tool come: who.is , Spokeo, White Pages, Pipl.com, WebMii •Prova a contattarlo in DM, via mail, su Skype •Confronta Google Maps/WikiMapia •Usa Archive.org •Foto: TinEye, Google Images Search,Exif •Debunking: Attivissimo
  29. 29. Fonte: valigiablu.it
  30. 30. Fonte: valigiablu.it
  31. 31. http://www.amnestyusa.org/citizenevidence/
  32. 32. 10. Fare i giornalisti
  33. 33. Attenzione a chiedere che Facebook si occupi di fake news. Davvero vogliamo che Facebook e Google diventino i censori del mondo? Vogliamo che decidano loro ciò che è vero e ciò che è falso? Dobbiamo andare sulle piattaforme social, parlare il loro linguaggio, rispettare il loro contesto e usare gli strumenti che offrono – meme, video, foto, persino GIF danzanti, se è quello che serve – e portare valore giornalistico alle conversazioni che oggi avvengono senza di noi. Jeff Jarvis, https://medium.com/whither-news/fake-news-be-careful-what-you-wish- for-7246da863a40#.es7ew11bu
  34. 34. Grazie  barbara.sgarzi@gmail.com @barbarasgarzi

×