Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Scheda progetto 2.11 - Centro Internazionale di Dialettologia

44 views

Published on

Scheda progetto 2.11 - Centro Internazionale di Dialettologia

Published in: Internet
  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

Scheda progetto 2.11 - Centro Internazionale di Dialettologia

  1. 1. Un progetto di Regione Basilicata e FEEM 2.11 Centro Internazionale di Dialettologia Responsabile Prof.ssa Patrizia DEL PUENTE (docente di Glottologia e Linguistica - Università degli Studi della Basilicata) Descrizione Il Centro Internazionale di Dialettologia vuole essere una struttura speciale, finanziata dalla Regione Basilicata e attivata in collaborazione con l’Università degli Studi della Basilicata, finalizzata alla ricerca, alla documentazione e alla formazione nel campo della dialettologia. Il Centro intende assumere una funzione propulsiva e coordinatrice di ricerche attinenti la dialettologia, prestando la massima attenzione alla specificità del territorio lucano che, con la sua ricchezza di tipi linguistici e culturali, costituisce un terreno privilegiato di analisi dialettali. Il Centro intende assumere una valenza internazionale, attesa la particolare ricchezza in termini linguistici del patrimonio lucano dialettologico, di rilevante interesse anche per studiosi stranieri Goals SDGs individuati Soggetto promotore Università degli Studi della Basilicata – CID (Centro Interuniversitario di ricerca in Dialettologia “Max Pfister”) Partner Università di Palermo, Università di Pisa, Università di Cambridge, Università di Oxford. Obiettivi e finalità Il progetto si propone di realizzare obiettivi di carattere culturale e obiettivi di carattere sociale e territoriale: Gli obiettivi culturali previsti sono: -assicurare una migliore conoscenza e una corretta valorizzazione dei dialetti lucani, anche in collaborazione con altre istituzioni pubbliche e private; -promuovere la cultura lucana e il lavoro di ricerca svolto, anche attraverso l’organizzazione di convegni internazionali; -raccogliere, attraverso la compilazione dell’Atlante Linguistico della Basilicata (A.L.Ba.) ed opere monografiche, documentazione relativa alle situazioni dialettologiche nei loro vari aspetti, ai fenomeni che ne conseguono e alle ricerche scientifiche su questi temi; -favorire, attraverso la realizzazione di seminari, lo scambio di esperienze tra studiosi che si occupano di dialettologia; -promuovere indagini scientifiche autonome sulla dialettologia e collaborare con istituzioni italiane e straniere a iniziative sullo stesso tema (A.L.Ba. ha già avviato a riguardo collaborazioni con l’Università di Palermo, Cambridge, Oxford e Pisa);
  2. 2. Un progetto di Regione Basilicata e FEEM I progetti sono stati realizzati con i fondi derivanti dall’Accordo di Programma siglato tra Eni e Regione Basilicata nel 2014 per l’erogazione delle annualità pregresse del Protocollo d’Intenti del 1998 -coinvolgere gli studenti sulla ricerca sui dialetti, anche attivando scuole estive di dialettologia. Gli obiettivi di natura socio-territoriale sono i seguenti: -fungere da punto di riferimento per gli Enti pubblici e privati e per le associazioni pubbliche e private per l’attuazione di programmi di formazione, iniziative e pubblicazioni dialettologiche; -costruire un fondo librario e audiovisivo che raccolga il più ampio numero possibile di elementi, tanto da diventare nel tempo la più fornita biblioteca di dialettologia italiana sul territorio; -individuare e definire metodologie didattiche che avvicinino il mondo della scuola, gli operatori culturali e in generale l’opinione pubblica alla dimensione dialettale per costruire una rete complessa di competenze attraverso la quale creare una vera e propria catena di salvaguardia dei dialetti, con il coinvolgimento del territorio; -far conoscere nelle forme più idonee i risultati delle proprie attività istituzionali per coinvolgere nella formazione dialettologica un numero sempre maggiore di giovani; -attrarre studiosi provenienti da tutte le parti del mondo, anche al fine di attivare una ricaduta economica a cascata; -creare opportunità formative per i giovani nel settore dialettologico e occasioni lavorative per le eccellenze. Destinatari Specialisti nel settore (Università, Enti di ricerca) Scuole Studenti universitari Associazioni culturali Cittadini Luogo Basilicata Budget Euro 230.000

×